Archivi tag: classe

Quasi amici

Racconto (in parte) immaginario

Quando tornai a casa, dopo l’incontro con il bidello, ero naturalmente spaesato, il mio stato d’animo era agitato, quasi sconvolto. Cosa avevo fatto??? Anni di educazione moralista mi facevano sentire in colpa a tal punto che nelle ore successive la frase che continuavo a ripetermi era; “Hai voluto provare un’esperienza nuova, l’hai fatto, ti sei tolto questo dubbio, ora basta non farlo più. ”

Nel frattempo erano passati giorni, forse una settimana ed ogni tanto il bidello dava segni della sua presenza con un sms, o una chiacchierata veloce nei corridoi.

Chiaramente cercava un approccio, cercava di capire il perché di tanta mia diffidenza. Io nel frattempo inventavo scuse: impegni familiari, i compiti, influenza, ma avevo vergogna a dirgli la verità, a confessargli che non me la sentivo di incontrarlo ancora. Da quella fatidica mattina tante cose erano cambiate in me, soprattutto vedevo le cose con altri occhi, sotto un’altra prospettiva, percependo cose che prima non avrei mai notato. Passai quindi attraverso diversi stati emotivi prima di tornare ad avere un discreto equilibrio, e catapultato in quella nuova dimensione dopo quella volta a casa sua …il gioco mi sfuggi un po’ di mano e cominciammo gradualmente ad incontrarci almeno una volta alla settimana, diventando ufficialmente la sua femminuccia personale!

Purtroppo nella mia scuola quello che facevo con il bidello aveva fatto il giro dell’istituto.

Alcuni bulli vociferavano che io ci stavo con tutti, altri che ero una troia, un ricchione, frocio di merda, ecc.. Ammetto che non è stato facilissimo all’inizio, anche perché tra una lezione e l’altra ero così preso dal dover fare pompini e prenderlo nel culo dal bidello che pure la mia pagella era quasi un disastro! (Continuando così non sarei arrivato al secondo anno.

)
Durante la ricreazione, cercavo sempre di rimanere lontano da Zio Franco, per evitare di alimentare i soliti sospetti su di me… ma cosi facendo Iniziai ad avvicinarmi “involontariamente” ad altri bidelli… Notando anche in loro certi atteggiamenti sempre più ambigui.
“Ormai lo capito da come mi guardano! Come provano il contatto!..” In apparenza sembravano persone tranquille, molto rispettose che salutano sempre gentilmente, però se mi vedevano da solo, lontano dai professori o qualche stupido compagno di classe, cercano in ogni modo il modo di toccarmi, e alcune volte venivano a sbattermi addosso di proposito! Facendomi sentire quei pacchi perennemente in tiro!!!!

Oltre gli sguardi a me rivolti, nel giro di pochissimo tempo, aggiungevano sempre qualche commento volgare! Hanno iniziato con: “Ciao belli capelli! Che belle gambe ” poi… “culo da favola, bocca da pompini, quanto prendi? Ecc..!” Arrivando quindi alla facile conclusione che Zio Franco aveva raccontato tutto ai suoi colleghi… E come una vera (ma ingenua) puttanella, per la prima volta venni anche rimproverata per il mio modo di camminare! “Sempre a sculettare in mezzo ai bidelli! Ma non ti vergogni ?” Mi disse l’anziana Prof di Matematica.

“Non c’è niente da capire! Non lo devi fare più, altrimenti ti gireranno intorno per tutta la vita! Capito?” Dal Io non capivo, limitandomi a dire che non ci vedevo nulla di male.

E’ il mio modo di camminare! Dal mio ingenuo punto di vista, non ancheggiavo! …cioè non lo facevo proprio apposta….

Poi fu la volta del vecchio prof. di Inglese: con la sua espressione arcigna mi fece un sacco di domande sulla mia famiglia, sulle mie abitudini extrascolastiche, su come mi vestivo quando non andavo a scuola, ecc. Facendomi capire che la sessualità fosse un argomento troppo importante, e naturalmente questo all’inizio un po’ mi spaventava. (Anche lui mi guardava sempre in modo strano, ma questa è un’altra storia…)

Ritornando a scuola; (un anonimo lunedì di inizio marzo).

Giornata calda e stranamente afosa rispetto alle giornate tipiche di quel periodo. Volevo essere in qualunque altro posto rispetto all’aula piccola in cui mi trovavo, con i muri scrostati e sbiaditi dal tempo. Si scoppiava dal caldo! Ora di matematica! Dio che noia! Sempre le stesse identiche cose, sempre le stesse lagne e prediche della vecchia professoressa che cerca di far capire ad un branco di idioti che: 1 + 1 fa 2 ..? Io invece, com’è mia abitudine, utilizzo questa inutile ora per andare in bagno, dove in genere ho la possibilità di staccare la spina e sgranchirmi un po’ le gambe…Alzai la mano, cercando di avere il mio visino più sofferente possibile, e chiedo alla Prof di poter andare al bagno…Lei! Se pur capendo la sceneggiata, da il via libera per il mio quarto d’ora di libertà! Ripetendomi:“Ragazzino, mi raccomando non stare troppo fuori! Come tuo solito però!”

Mentre sono li a fumarmi la sigaretta dopo nemmeno 5 minuti sentì bussare; Toc, Toc ..e aprì la porta… Pensavo si trattasse di un mio compagno di classe, (anche lui sfuggito a quelle ore di noia mortale).

Ma riconobbi subito quelle mani enormi e callose sulle mie spalle, che mi spinsero indietro con forza… facendomi quasi sedere sulla tazza del cesso!! Tra le novità di quel periodo, c’era la così detta “sveltina” nei bagni di scuola, con zio Franco… “Mah… Cosi si entra ?? Che vuole, ma è impazzito? Se ci vede qualcuno? Se ci sente qualcuno ?? ” Parlando sempre con un filo di voce! Guardandomi con disprezzo rispose; “Tranquillo non esagerare! Ormai lo sanno tutti che sei ricchione!!!” (Gli voglio bene! Però è fatto cosi.

Certe volte dall’eccitazione non sa nemmeno lui quello che dice. ) In quei momenti deliranti… In primis a scuola, avevo solo paura di essere vista dai tanti e anche troppi, ragazzi omofobi che giravano nell’istituto.

(La mia classe ne era piena)

Finita la sigaretta mi feci coraggio! Aprii la bocca e iniziai a ciucciare quel cazzone enorme, in modo veloce. Avevo voluto la bicicletta e ora dovevo pedalare. Certo, il fatto era che la bicicletta in questione era un grosso cazzo da soddisfare in cambio di una misera paghetta, (che non avrebbe mai colmato il vuoto che avevo dentro).

Dopo neanche 2 minuti di gioco, con quella mazza, (sperando invano che sborrasse subito), prendendomi per i capelli mi spinge violentemente faccia al muro! Cominciando a incularmi freneticamente senza pietà, quasi come un a****le! Ormai lo conosco, lo lascio fare. Sperando che finisca il prima possibile. Il mio buchino con un po’ di saliva cominciava ad accoglierlo molto bene, nonostante le grosse dimensioni. Ma all’inizio faceva sempre tanto male… e Lui a dire il vero se ne sempre fregato altamente del mio dolore iniziale, ma in quelle situazioni non lo biasimo troppo.

In bagno, e penso anche nel corridoio… si iniziava a sentire solo i miei gemiti sempre più acuti e il rumore del suo grosso corpo che picchia contro il mio culetto. Ma quella volta! Non contento dei miei mugolii, che assecondavano quelle spinte esagerate, pronta per accogliere la sua sborra ovunque e comunque, mi tolse completamente i pantaloni, e mi annuncia! “Aspetta Bimba, vediamo chi c’è fuori. ”

Chiusa in quel cesso, aspettando che ritornasse al più presto, guardavo tutte quelle scritte oscene sui muri del bagno, e ogni volta che ci entravo per fumare, la voglia di cazzo mi assale, suscitandomi desideri e pensieri indicibili…

Persa tra quelle scritte volgari e ignoranti, un po’ di piscio qua e là, e qualche mozzicone di sigarette dopo qualche minuto, vidi spalancare la porta, all’improvviso! Trovando dall’altra parte; Zio Franco con il resto dei Bidelli!!!
“Stai tranquilla, e fai la brava! Amici sono!!” La mia mente era confusa, in totale imbarazzo! Tranquilla? Amici? Fai la brava? Cosa voleva dire? E cosa volevano fare?
Ammetto che con Tony non mi sarebbe dispiaciuto, ma… Uno che non mi piaceva e mai pensavo ci sarei andata era Stefano, (anche lui bidello, addetto al terzo piano).

Il classico tamarro all’antica di circa 40 anni. Pieno di tatuaggi, anelli, e collane d’oro al collo!!
Inizialmente cercavo di sdrammatizzare presentandomi a loro con un tono di voce da femminuccia. E Tony (il bidello più vecchio del gruppo) con disprezzo spiegava ai colleghi.. “con molto sarcasmo” che faccio la troia solo perché non voglio faticare! “Ma tranquilla qualche giro ce lo facciamo lo stesso!” …rivolgendosi a me!
Che dovevo fa’? Bè…di fronte a quelle parole, non so cosa mi è successo realmente… Ricordo solo che Stefano si piazzò per primo dietro di me cominciando a incularmi lentamente fino a mettermelo tutto nel culo.

(Fortuna che ero già dilatata). Ma nonostante ero in paranoia perché dovevo rientrare in classe, cominciavo a godere, quasi come una pazza…
Devo premettere che pur essendo passivissimo per me la penetrazione anale è sempre dolorosa, soprattutto all’inizio, la causa è dovuta al fatto che il mio ano è stretto e si adatta molto lentamente a chi mi penetra e quella volta, più del solito l’inculata è stata Dolorosissima!!!

Cercai di divincolarmi per riprendermi un attimo, ma la giostra sembrava non si fermasse mai, e quando persero interesse verso il mio culo sfondato, (dopo un intenso quarto dora), si misero in piedi intorno a me, iniziando a sborrarmi in faccia… Tutti Insieme …In modo quasi sincronizzato.

NON avevo Mai provato una cosa così… ho pure due conati come di vomito, per il forte e acido odore di sperma che ho sul viso, nei capelli, ed anche i vestiti!… “E adesso…? Che figura ci faccio in classe?” Ho tutti i capelli fradici di Sborra! Cazzo! E dovevo pure correre immediatamente in classe! (A prescindere dalla sborra che avevo in testa, era passata un abbondante mezzora!!)

In fretta e furia.. iniziai con dei fazzolettini imbevuti, a pulirmi il viso, incazzata per il tempo che mi stava facendo perdere, e malgrado il mio nervosismo, Stefano con un tono malizioso se ne uscì sfottendomi pure; “Puttana, avevamo paura che restavi incinta” La risposta mi offese e mi fece incazzare, anche perché ridevano tutti, e con il mio buchetto che ancora mi bruciava e pulsava, gli dissi che avrebbero potuto venirmi in bocca o nel culo, in mille modi!! Ma non c’era certo bisogno di imbrattarmi i capelli in quel modo.

Quello che hanno fatto, vista la loro età, non me l’aspettavo proprio, e non aveva senso. Comunque ormai quello che era fatto era fatto e non c’era molto da aggiungere..
Dopo quell’orgia ero consapevole di aver firmato con i bidelli l’ennesima condanna per quei 5 anni. Il mio destino da liceale non era più solo quello di studiare, e vedermi ogni tanto con Zio Franco! Ma diventare la puttana della sua comitiva.

(I Bidelli)…

Tutto bene quello che finisce… a letto

Tutto bene quello che finisce… a letto

La prima volta che Tommaso vide Tim ne fu immediatamente attirato. Era stato introdotto in classe dal segretario del liceo alcuni giorni dopo l’inizio delle lezioni. Il professore evidentemente lo sapeva ed annunciò alla classe:
“Questo è Tim P. , si è appena trasferito qui e quindi comincia un po’ in ritardo. ” Cercò in giro per la classe un posto vuoto e Tommaso vide la nuca di Tim diventare di un rosso acceso mentre gli sguardi di tutta la classe erano incentrati su di lui.

Non aveva nulla di cui aver vergogna. Tim era ben messo, poteva vedere delle spalle larghe sotto il nuovo blazer del liceo. I capelli erano neri e lievemente lunghi dietro e si arricciavano sotto il colletto. La pelle era abbronzata e gli occhi del più chiaro grigio possibile.
L’insegnante indicò un posto vicino a Giorgia: “Per ora siediti là, Tim, finché non ti sarai ambientato e fatto degli amici. ”
Tim scappò al posto indicatogli e si sedette evidentemente desideroso di uscire il più presto possibile dalla ribalta.

Tommaso, che dieci minuti prima aveva chiesto a Kevin di sedersi vicino a lui, bestemmiò sotto voce. Ora si era accollato lo sgraziato Kevin e la sua acne incipiente quando avrebbe potuto avere quell’angelo seduto accanto a se. Guardò e vide che Tim aveva già cominciato a conversare con Giorgia che sembrava contenta di questo.

L’ora di lezione finì e la campanella annunciò la prima ora di matematica, Tommaso raggiunse Giorgia e Tim mentre uscivano dall’aula.

“Ciao” Disse: “Io sono Tommaso: Benvenuto alla Colonia Penale. Sai dov’è l’aula di matematica?”
Tim gli sorrise e Tommaso si sciolse ma Giorgia non mollava così facilmente. “Va bene, Tommaso” Disse: “Il signor Ughi mi ha chiesto di seguirlo oggi. Gli mostrerò l’aula di matematica. ”
“Ma è nel mio gruppo di matematica. ” Obiettò Tommaso: “Non è il caso che tu devii dal tuo percorso. Lo porterò al posto giusto, non lo rapirò.

” Io lo desidero, pensò tra di sé.
Giorgia tuttavia continuava a non mollare ma Tim disse ragionevolmente: “Se siamo nello stesso gruppo” Il cuore di Tommaso diede un grande sobbalzo ma poi Tim aggiunse rivolto alla ragazza: “Ci vediamo più tardi. ”
Giorgia se ne andò, Tim aspettò che fosse fuori della portata dell’udito e poi disse: “Grazie per avermi liberato dal vampiro!” Una cosa scortese ma non particolarmente impropria. Comunque fece ridere Tommaso anche se, ad essere sincero con se stesso, lei stava facendo ne più ne meno quello che lui stava tentando di fare.

Da quel momento cominciarono ad essere i migliori amici scoprendo le cose che avevano in comune e quelle a cui erano interessati individualmente ma l’interesse dell’altro divenne presto il loro.
Tommaso scoprì che la famiglia di Tim stava solo ad un paio di strade da casa sua e presto divenne un frequente visitatore di quella casa.
Quel settembre fu la fine di un’estate perfetta con giornate soleggiate, poco lavoro di scuola e necessità di stare all’aria aperta.

I genitori di Tim erano all’antica e pensavano che soldi vanno guadagnati, così Tim spesso aveva un lungo elenco di lavori da fare in casa per guadagnarsi la mancetta indispensabile, come sapevano i due ragazzi, per comprare le cose essenziali nella vita da teenager. I genitori Tommaso avevano un atteggiamento più lassista, dandogli soldi quando li chiedeva e così lui aiutava spesso l’amico nei suoi lavori. Naturalmente sarebbe andato fino alla fine del mondo se Tim gliel’avesse chiesto.

Un week-end dopo circa tre settimane da quando erano diventati amici, Tim gli disse che avrebbe dovuto pulire il tetto della casa dalle foglie e dal muschio che si era accumulato durante i mesi estivi e che, con l’autunno e la pioggia, l’acqua avrebbe avuto problemi ad evacuare scendendo lungo il muro rovinandolo.
Tommaso diede immediatamente la sua disponibilità, ammettendo tuttavia di non essere molto avvezzo all’altezza.
“Nessun problema” Disse Tim.

“Tutto quello che devi fare è tenere la scala mentre io salgo e mi prendo tutta la gloria. ”
Era un’altra brillante, calda giornata di fine estate e Tim, quando l’amico arrivò, indossava una maglietta grigia e dei pantaloncini molto corti, anche se non particolarmente stretti. Le sue lunghe gambe erano abbronzate per il sole dell’estate. Nelle scarpe da ginnastica non portava calze. Tommaso lo guardò dalla testa fino ai piedi con una familiare ed improvvisa vampata di lussuria, come se stesse facendo correre le mani su quei pantaloncini blu

“OK, comandante.

” Disse Tim: “Alziamo questa scala. ” Alzarono la scala di alluminio sul muro e l’appoggiarono alla grondaia. “Ora appoggia un piede sullo scalino più basso e non falla scivolare. ” Lui salì rapidamente e Tommaso mise obbediente il piede sul piolo più basso. Tim era già quasi in cima e Tommaso guardando in su si accorse che poteva vedere quelle magnifiche gambe. Avrebbe potuto giurare che Tim non indossava mutande e quello che riusciva a vedere sembrava essere la forma di un paio di palle nella gamba sinistra dei pantaloncini.

Ma erano un po’ in ombra, lui si sentiva quasi svenire e non era sicuro se fosse la febbre dell’immaginazione che gli stava dando una stimolazione così intensa, poi capì che gli stava diventando duro nei jeans.
Tim continuò a muoversi appoggiandosi ad una gamba ed all’altra mentre liberava la grondaia e lasciava cadere a terra, sotto di lui, le foglie alla base del muro. Tommaso continuò a tentare di migliorare la visione sbirciando prima in una gamba e poi nell’altra per cercare di vedere più chiaramente, ma Tim era sei metri sopra di lui che aveva il sole splendente negli occhi ed era sempre più frustrato.

Improvvisamente Tim lo chiamò: “Non riesco a lavorare con una sola mano. Pensi di riuscire a venire su e tenermi le gambe per permettermi di farlo con tutte e due le mani?”
La paura di Tommaso per l’altezza era notevole ma il suo desiderio lo era addirittura di più.
Ma non voleva mostrarsi troppo ansioso: “Tenterò” Disse.
“Non guardare giù” Disse Tim incoraggiandolo. “Continua a guardare in su” Gli consigliò, cosa di cui Tommaso non aveva bisogno.

Lentamente si avvicinò a quelle gambe, tenendo lo sguardo incollato all’apertura tra loro ed i pantaloncini. Ora ne era sicuro, Tim non indossava mutande. Poteva vedere la protuberanza del suo culo e, quando Tim si girò per guardarlo e si appoggiò sulla gamba destra, lui riuscì a vedere con chiarezza l’uccello che pendeva annidato nel cespuglio di peli pubici.
Tommaso deglutì, sentì come se la gola gli si fosse chiusa improvvisamente ed era sicuro che l’eccitazione che sentiva fosse chiara sulla sua faccia.

Ma Tim non sembrò notarlo.
“Ben fatto” Disse. “Stai facendo benissimo. ” Tommaso era arrivato a pochi gradini sotto l’amico. La sua faccia era al livello dei polpacci dell’altro ed avrebbe potuto appoggiare la guancia contro i suoi muscoli vellutati.
“OK” Disse Tim: “Ora afferrami la gamba. ” Tommaso gli prese la caviglia ma non andava bene. “No” Disse Tim: “Devi tenermi più in alto. Così non potresti trattenermi se perdessi l’equilibrio.


Tommaso salì un altro paio di gradini e, facendosi audace, mise una mano sulla coscia sinistra, sotto la protuberanza del suo culo ed appena dentro la gamba dei pantaloncini. Tim si irrigidì per un momento, ma poi si rilassò come se quello non fosse quello che aveva voluto dire, ma forse poi aveva deciso che sarebbe stato stupido cavillare su alcuni centimetri. Si rivolse di nuovo alla grondaia e con ambedue le mani tese cominciò a radunare i rifiuti.

Si spostava da una gamba all’altra e Tommaso sentì qualche cosa di molle strisciare sul dorso della mano.
Potevano solo essere le palle o l’uccello. Alzò leggermente le dita e le spostò delicatamente contro qualunque cosa fosse. Non ne era sicuro ma pensò che la protuberanza sul davanti dei pantaloncini si fosse piuttosto sviluppata. Quando Tim spostò di nuovo il peso sulla gamba sinistra, Tommaso alzò la mano di un paio di centimetri ed ora era pressoché nella fessura del culo di Tim, mentre le dita girarono sul davanti appoggiandosi sicuramente ad un paio di palle calde e lievemente sudate.

Ma Tim finì troppo presto di raccogliere la spazzatura ed afferrò la scala con le sue mani.
“Ok, amico. ” Disse: “Ora puoi lasciare andare amenoche tu stia attaccato per non precipitare. Andiamo a ripararci da questo sole. ” Tommaso poteva vedere goccioline di sudore sulla fronte e sui cespugli sotto le braccia. Sembrava aver caldo ed essere piuttosto agitato, non era sicuro fosse per il sole o per le sue attività.

La mamma di Tim era in soggiorno con dei libri sparsi di fronte a sè, studiava sociologia o qualche cosa di noioso a morte secondo Tim che gli disse: “Abbiamo finito con la grondaia, mamma. Ora andiamo di sopra. ”
“Grazie Tim. C’è un po’ di Coca cola nel frigor se vuoi qualche cosa da bere. Potresti approfittarne per mettere ordine nella tua stanza. ”
I ragazzi presero delle lattine ed andarono nella camera di Tim.

Una volta dentro, Tommaso si guardò intorno, non c’era mai stato prima. Il letto era fatto ma c’erano vestiti sul pavimento e libri e CD sparsi su tutte le superfici disponibili. Tommaso mise le lattine sul tavolino accanto al letto. Dal soffitto pendevano modelli di aeroplani, rifiniti a meraviglia e ben dipinti. Alcuni erano della Seconda Guerra Mondiale e Tim riconobbe uno Spitfire.
“Non sapevo che costruivi modelli” Disse Tommaso.
“Non lo faccio più, solo non li ho tirati giù.


“Sei un po’ disordinato!” Commentò l’amico guardando la confusione che c’era intorno.
Tim, invece di rispondere si tolse la maglietta e, prima che Tommaso si rendesse conto di quello che stava facendo, gli avvolse l’indumento sudato intorno alla testa. Aveva un profumo di giovane sudore fresco ma, invece di respingerlo, lo eccitò immediatamente. Respirò profondamente ma poi la cautela gli disse che quella non era proprio una reazione normale così finse di lottare contro la maglietta che l’avvolgeva.

Ma Tim la teneva fermamente intorno alla sua testa e non la lasciava andare.
“Scusati!” Ordinò. “Di ‘Tim, sei di solito molto ordinato ma le cose ti sono uscite di mano’. ”
Tommaso capiva da dove proveniva la sua voce anche se non riusciva a vederlo, fece un affondo improvviso nella sua direzione ed afferrò il suo corpo, sentendo la carne nuda del suo torace e della schiena. Tim lasciò cadere la maglietta e per un momento i due ragazzi lottarono.

Poi Tim, che era il più forte, gettò Tommaso sopra il letto e saltò su di lui.
Si sedette sul suo torace e gli tenne le braccia sopra la testa. Il suo inguine era a pochi centimetri dalla faccia dell’amico. A Tommaso sarebbe piaciuto restare così per sempre ma ancora una volta capì che non era un atteggiamento accettabile. Lottava ma i suoi occhi erano su quella protuberanza così vicina… e contemporaneamente così lontana.

“Dillo!” Disse Tim.
Tommaso non voleva cedere così facilmente. Se l’avesse fatto Tim si sarebbe tolto e lui stava godendo troppo.
Tentò di spingerlo via spingendo in alto il corpo, Tim perse l’equilibrio, precipitò in avanti cadendogli sulla faccia e lui riuscì a sentire l’odore sano, sudato dell’altro e la forma del suo uccello attraverso la stoffa dei pantaloncini. Allungò una mano, afferrò una delle lattine ghiacciate di Coca cola dal tavolino e la portò delicatamente ma sadicamente in mezzo alla schiena surriscaldata del ragazzo.

“Aaaaahhh!” Gridò l’altro ed il suo inguine gli si appoggiò sulla faccia tentando di allontanarsi dalla lattina ghiacciata. Tommaso sentì la verga contro la bocca, l’aprì e premette delicatamente sulla forma con i denti.
Per uno glorioso, meraviglioso momento Tim rimase sdraiato là, un momento prolungato che Tommaso avrebbe voluto durasse mille anni, poi l’amico si spinse rapidamente via e mormorò qualche cosa a proposito di affrettarsi a pulire perché sua madre sarebbe venuta presto a controllare.

Quella sera Tommaso fece la doccia e, mentre si asciugava i capelli, si guardò nello specchio che, di nascosto a suo padre, aveva installato in camera sua. Vide un ragazzo magro, con una faccia sottile ed un caschetto di capelli biondi diritti. Indossava solo un paio di boxer bianchi ed una camicia di denim. Il suo corpo era ancora informe ed angoloso ma almeno il suo stomaco era piatto e non aveva brufoli.

Si chiese se qualcuno poteva pensare che fosse attraente. Se solamente fosse una ragazza, pensò ma poi rabbrividì. Non voleva essere una ragazza.
Quei seni molli e quelle anche grasse! E niente uccello! Infilò una mano nelle mutande e lo toccò. Non avrebbe voluto perderlo. Se solo Tim l’avesse toccato come stava facendo lui, pensò. Avrebbero potuto fare cose ben più eccitanti insieme.
Pensando a quello che era accaduto, o almeno quasi accaduto quel pomeriggio, Tommaso sentì la sua verga indurirsi, la prese nelle sue mani e soddisfece la sua frustrazione nell’unico modo che conosceva.

Il giorno seguente era sabato ed i due ragazzi avevano pensato di salire sulla collina, portandosi dei panini e pensando di stare fuori tutto il giorno. Il sole sorse asciugando rapidamente la rugiada sull’erba e le allodole cantavano mentre loro salivano il ripido pendio che conduceva al tumulo neolitico situato sulla cresta della collina.
Erano felici della compagnia dell’amico e le loro braccia e spalle strusciavano contro quelle dell’altro mentre chiacchieravano sugli eventi importanti della loro vita e rimanevano silenziosi di tanto in tanto quando non era necessario parlare.

C’erano poche persone intorno, solo qualcuno che portava a spasso il cane e cominciarono ad avere caldo. Tim si tolse la camicia, se l’allacciò intorno alla vita e Tommaso ammirò la definizione del corpo del suo amico, nulla di eccessivo prodotto dall’allenarsi in una palestra, ma la naturale bella figura di un sano teenager. Tommaso si tenne la maglietta.

Giunsero in cima alla collina dove il vento soffiava. Tim si rimise la maglietta e si sedettero sul tumulo erboso a mangiare i loro panini.

Cumuli di nubi bianche e lanuginose attraversavano il brillante cielo blu. Era come essere in cima al mondo. Tommaso si sedette con la schiena contro una pietra su cui c’erano delle incisioni. Si chiese da quante migliaia di anni erano là e chi le aveva fatte. Tim si appoggiò sulla schiena vicino a lui e guardò il cielo.
Non parlarono ed ognuno tenne per sé i propri pensieri ma quando il sole cominciò a scaldare i suoi jeans, Tommaso sentì il calore avvolgere il suo corpo, sentendolo sensualmente giocare intimamente con la sua pelle attraverso i vestiti.

Si sdraiò sull’erba e mise le mani dietro la testa, allargando le gambe per offrirsi aperto e vulnerabile in sacrificio al sole. Sentendosi impacciato spostò le gambe e si coprì i lombi, che si stavano gonfiando, con le mani una sopra l’altra, proteggendo, nascondendo, quello che c’era sotto, stringendo delicatamente, scrollando in modo che la verga si stendesse senza impedimenti lungo la sua gamba.
Diede un’occhiata al suo amico che era sdraiato quieto accanto a lui ma ad occhi chiusi, forse era addirittura addormentato.

La maglietta gli si era un po’ alzata mostrando il suo stomaco piatto e le sue gambe erano larghe. Sembrava stravaccato ed indifeso, Tommaso conobbe un momento di completa felicità.
Cosa poteva esserci di meglio di quella pace ed appagamento? Beh, chiaramente lui sapeva quello che poteva esserci di meglio, se solamente Tim avesse potuto vedere la questione che ora aveva bisogno di attenzione ed incalzava nei suoi jeans. O se lui avesse potuto unire la sua mano a quella perenne eccitante protuberanza negli shorts di Tim e sapere che l’azione sarebbe stata ben accolto e reciproca.

Se solo! Sospirò piano, evidentemente non sufficientemente piano perché Tim si alzò a sedere.
“Cosa c’è?” Chiese.
Per un momento Tommaso pensò di dirgli qual’era il problema ma sapeva di non potere.
“Non è nulla. Se solo non dovessimo ritornare, se potessimo stare qui per sempre!”
“Saresti presto affamato, tu sei uno struzzo, giovane Tommaso. Appena il tuo stomaco comincia a brontolare, correresti come un fulmine giù per la collina a chiede una pizza alla mamma.

” E saltò in piedi di fronte a Tommaso.
“Non ti ho mai visto rifiutare il cibo. ” Replicò Tommaso: “Infatti ti sei già sbafato i panini che ci siamo portati. E chi ha mangiato l’altro pezzo di torta di mele che la mamma aveva messo nel sacchetto?”
“Se non la smetti diventerai un grassone” Aggiunse Tim beffandolo.
“Io… grasso!” Disse Tommaso alzandosi ed avanzando minacciosamente.
Fingendo terrore Tim si girò e corse giù per la collina inseguito da Tommaso.

Tim era atletico e sarebbe scappato facilmente se non fosse inciampato in una radice affiorante. Gridò, cadde e rotolò su un paio di volte, dopo di che rimase sdraiato sulla schiena ad occhi chiusi.
Tommaso arrivò un secondo più tardi e si gettò accanto a lui.
“Tutto bene, Tim?” Disse ma Tim non rispose.
“Tim” Ripeté e mise una mano sul suo torace, sentì il cuore battere. Poi si accorse che gli occhi dell’amico erano aperti e che stava sorridendo.

“Bastardo” Disse e si gettò a cavalcioni sul suo corpo. Tim lottò nel tentativo di cacciarlo via, poi improvvisamente rimase sdraiato.
Tim guardò Tommaso ad occhi spalancati: “Ieri… nella mia camera…”
Tommaso si mosse verso il basso trovandosi sull’inguine dell’altro ragazzo. Sentì una forma che stava diventando rapidamente dura. Sentì la sua erezione crescere e capì che stava spingendo contro i jeans.
Con notevole audacia si alzò un po’ e mise sotto una mano a sentire l’attrezzo dell’amico che si stava gonfiando.

I suoi occhi non gli lasciarono mai la faccia. Poi Tim chiuse gli occhi e non proferì parola.
Tommaso rapidamente si girò ed a cavalcioni sul torace di Tim chinò la faccia per essere a pochi centimetri dal suo inguine. La sua mano continuava a palpare l’uccello ora completamente esteso sotto la stoffa. Tremando raggiunse la zip e lentamente l’aprì. Quel giorno Tim indossava un paio di morbide mutande bianche che nascondevano quello che lui stava cercando.

Trovò l’apertura, si tuffò nel calore e sfoderò quell’uccello che aveva sempre sognato. Si alzò, orgoglioso ed eretto, la testa che già trasudava una goccia trasparente di eccitazione.
Lentamente e con grande attenzione, sporse la lingua, leccò via la goccia e poi prese il pene nella sua calda ed umida bocca. Dietro di lui sentì un sospiro.

Erano le otto quando Tommaso arrivò a casa di Tim la sera seguente.

L’amico gli aprì la porta e sembrò contento di vederlo ma una volta che furono seduti intorno al tavolo della cucina a bere una tazza di caffè istantaneo, sembrò piuttosto a disagio.
C’era silenzio.
“Dove sono andati i tuoi genitori?” Chiese Tommaso per rompere il ghiaccio.
“Eh… ad una mostra. ”
“Quando ritorneranno?”
“Oh, verso le undici… Guarda, Tommaso, per ieri…”
‘Ci siamo?’ Pensò Tommaso ma Tim guardava la tavola di fronte a lui e non diceva niente.

“Dovremmo parlarne. ” Disse Tommaso. “Dopo tutto è accaduto. ”
“Non avrebbe dovuto accadere. ” Disse Tim.
“Ti è piaciuto?”
Non ci fu risposta.
“Non è così?” Insistette.
“Era sbagliato. ”
“Io non penso che qualche cosa che non fa danno a qualcun altro possa essere così sbagliata. ”
Di nuovo Tim non disse niente.
“Ti è piaciuto quello che ti ho fatto?”
Ci fu una lunga pausa… poi: “Sì… e…”
“E…?”
“Ed avrei voluto farlo a te.


Fu la volta di Tommaso di non dire niente.
“Tommaso. ”
“Sì?”
“Ti ho detto che i miei genitori sono ad una mostra? Beh, non è vero. Sono via per il fine settimana. Mi hanno lasciato solo. Hanno detto che ero abbastanza vecchio per aver cura di me stesso. ”
Ci fu una pausa ancora più lunga mentre Tommaso assimilava quelle informazioni. Poi disse: “Non pensi che dovremmo metterci più comodi?”
Andarono nella camera di Tim, era una sera fredda e lui accese ambedue i caloriferi.

In breve l’ambiente fu caldo. Si sedettero sul letto, uno di fianco all’altro, così vicini che le loro cosce si toccavano.
Tommaso mise la mano sulla coscia di Tim e lentamente la spostò verso l’alto. Tim si sdraiò sulla schiena, l’amico raggiunse il suo inguine e lo strinse piano attraverso la stoffa dei jeans. Tim lo afferrò per le braccia e lo tirò su di sè. Le loro facce erano vicine e la bocca di Tommaso si allacciò a quella dell’amico.

Ci fu un momento di resistenza e poi Tim rispose aprendo la bocca e lasciando che la lingua si congiungesse con quella di Tommaso. Nello stesso tempo strinsero insieme i loro corpi, pelvi contro pelvi quasi tentando di entrare uno nell’altro.
Tim si staccò per respirare:”Togliamoci i vestiti. ” Disse.
Rapidamente si tolsero scarpe e calze, camicie, maglie, jeans e mutande finché non rimasero completamente nudi uno di fronte all’altro. Rabbrividirono per freddo ed eccitazione e salirono sul letto, tenendosi abbracciati, le lingue e le mani che esploravano il corpo dell’altro.

Tommaso si mosse lentamente in giù sul corpo dell’amico, baciando e leccando. Fece una pausa per succhiargli i capezzoli, poi scese e mise la lingua nell’ombelico. L’altro rise e si contorse e lui andò ancora più giù a sentire la lanugine di peli pubici intorno a quell’uccello che stava germogliando.
“Girati. ” Disse Tim a voce alta ed eccitata: “Così posso fare lo stesso a te. Tommaso non ebbe bisogno di una seconda esortazione e presto le facce di ambedue i ragazzi erano seppellite nell’inguine dell’altro.

Tommaso fece correre la lingua su e giù sull’asta eretta e poi leccò le giovani palle sode, ne prese a turno una in bocca delicatamente. Poi ritornò sull’uccello e lo prese in bocca il più profondamente possibile. Sentì che la sua erezione era stata presa nella calda bocca di Tim e conobbe l’estasi.
Mise un braccio sulle gambe dell’amico ed esplorò delicatamente il suo culo. Trovò il buco corrugato e vi inserì un dito.

Lo sentì ansare e poi lo sentì fare lo stesso. Spinse con più forza mentre continuava a succhiare e lo masturbava con la mano libera.
Tim ansò: “Sto venendo!” E poi strinse di nuovo la bocca sull’attrezzo dell’amico.
Ci fu un caldo e salato spruzzo nella bocca di Tommaso ma soprattutto sentì il suo inguine essere fonte di piacere, esplodendo e pulsando ancora ed ancora.

Dopo di quello rimasero sdraiati, appiccicosi e soddisfatti, felici di essere insieme, carezzandosi di quando in quando, scoprendo lentamente ed attentamente, le parti segrete dell’altro.

Poi Tommaso disse: “Ho fame. ” Si ricordò che non mangiava da mezzogiorno ed ora erano le nove di sera.
“Anch’io. ” Disse Tim: “Sono affamato. ”
Si alzarono e mentre andavano in cucina Tim disse: “Devi andare a casa stasera? Potresti restare qui… se vuoi. ”
Tommaso voleva. Mentre Tim preparava dei toast, lui chiamò casa sperando che non rispondesse suo padre, andò bene, sentì sua madre all’altro capo.
“È un po’ tardi.

” Lui disse: “Posso rimanere da Tim? Sua mamma non ha problemi e domani posso andare dirittamente a scuola da qui. ” Bene, pensò tra di sè, se lei non sa che non ci sono i genitori, non può avere problemi.
Avuta l’autorizzazione ufficiale a rimanere, pensarono alla cena ed a quello da fare poi.
“Vorrei fare una doccia” Disse Tim.
“Facciamola insieme. ” Suggerì Tommaso.
Si spinsero l’un l’altro nel box ridendo.

Tim aprì l’acqua in modo da scaldare l’ambiente e si insaponarono l’un l’altro. Quando arrivarono all’inguine dell’altro, erano eccitati, la schiuma scivolava sugli uccelli eretti e sulle palle.
“Girati!” Disse Tim
Tommaso lo fece e sentì le mani insaponate sfregare la fessura del suo culo. Rilassò i muscoli ed un dito fu inserito, poi due. Lui si curvò per permettere un accesso migliore.
Improvvisamente Tim disse: “Posso metterci dentro il mio uccello?”
Tommaso lo voleva, voleva sentire Tim dentro di lui, essere parte di lui.

“Sì” Disse, poi sentì la punta del pene che premeva contro il buco e poi spingeva. Tentò di rilassarsi ma ansò quando il cazzo di Tim violò il suo sfintere. Ma poi era dentro. Lo sentiva dentro di sé ed il pensiero che era Tim lo faceva eccitare ancora di più.
Lo circondò con le sue mani, gli prese l’uccello e lo strofinò con la schiuma facendole scivolare deliziosamente su e giù.

Spinse indietro per farsi penetrare ulteriormente e Tim cominciò a muoversi dentro e fuori, sempre più rapidamente mentre si avvicinava all’orgasmo.
Poi Tim gli mormorò in un orecchio: “Oh Tom, ti amo, ti amo” e Tommaso lo sentì spruzzare dentro di lui mentre anche lui contemporaneamente veniva sparando fiotti sul pavimento.

Tornarono in soggiorno e rimasero seduti a guardare film sino a tarda notte alla tv, accoccolati sul divano. Più tardi condivisero lo stesso letto e passarono la loro prima notte insieme.

.

Io e la mia (ex) prof

La storia che sto per raccontarvi risale a circa 2 anni fa quando avevo appena 18 anni e stavo frequentando l’ultimo anno di superiori con annesso “esame di maturità”.
Con la maturità andò abbastanza bene ma ciò che conta è che iniziai una relazione con una “matura”, trattasi della mia professoressa di economia. Lei 51 anni, una donna in carne, capelli scuri lunghi e un abbondante seno sulla quale una volta mi ero sparato una sega.

Negli ultimi mesi scolastici, il mio andamento non era buono, soprattutto nella sua materia e così mi propose di andare a ripassare di pomeriggio a casa sua (eh no, quel pomeriggio non successe un bel nulla) così seppur inizialmente esitante decisi di andarci senza alcun secondo interesse.

Arrivato a casa sua mi ospita e aveva preparato dei biscotti, così iniziò a farmi da ripetizione dopodichè scambiammo due chiacchiere e mi raccontò della sua passione per il ballo.

Si fece e tardi e vedendo che non tornavano nè il marito nè i figli gli chiesi se facessero sempre così tardi e scoprii che in realtà era divorziata e il figlio viveva con il padre.

Nei giorni successivi continuai ad andare a prendere ripetizioni e man mano si ampliavano le conoscenze reciproche dell’uno e dell’altra. Quella prof che tanto mi sembrava antipatica e rigida in classe si stava rivelando una signora gentilissima, socievole e divertente.

Si avvicinava sempre più l’esame e passavo sempre più ore a ripetere.

In quella casa notai una cosa però, la signora seppur benestante con una casa veramente spaziosa con annesso giardino e piscina all’esterno era sola. Una casa enorme per una signora sola. Così parlando del più e del meno mi disse che sarebbe voluta andare a prendersi un caffè sopra Posillipo io per scherzo dissi: “anch’io” e mi chiese se mi sarebbe fatto piacere farla compagnia.

Infatti il pomeriggio seguente non facemmo ripetizione e andammo a prenderci un caffè lì, la situazione ci metteva entrambi a disagio ma passammo un bel pomeriggio. I giorni successivi proseguimmo le ripetizioni e lei volle “sdebitarsi” il caffè a tutti i costri offrendomi un pranzo al nominato ristorante “La reginella”. Pranzammo e lei mi chiese se dopo l’esame non sarei scomparso perchè si era affezionata tantissimo a me.

In realtà io volevo attendere fino all’esame e poi vaporizzarmi ma la svolta avvenne proprio durante quella settimana.

Fino ad allora l’avevo sempre trovata composta con abiti che nascondevano completamente le forme ma a 4 giorni dall’esame con un caldo torrido mi ospitò con una canottiera molto scollata e pantaloncini scusandosi che era in quelle condizioni per il caldo ma io scherzando dissi magari facciamo anche un bagno in piscina. Lei era molto timida e “signora” e aveva vergogna a farsi vedere in costume ma dopo tanto insistenza accettò mentre io avrei dovuto farmi il bagno in slip.

Ma non avevo considerato che vedendola in costume mi sarebbe venuta un’erezione esagerata quasi volevo scappare ma lei diceva: “dai ora ti vergogni tu? hai gli slip non preoccuparti vieni in acqua” ma appena tolsi pantaloncino si vedeva in modo netto il cazzo gonfio sopratutto quando entrai in acqua lo slip divenne quasi trasparente ed era come se fossi col cazzo di fuori. Lei si fece rossa rossa ma molto imbarazzata fece finta di nulla dopodichè nel giro di 10 minuti si andò a rivestire e mi portò uno slip pulito che gli era rimasto del figlio.

Quando tornai a casa iniziai a segarmi su quelle tettone e iniziò a diventare il mio chiodo fisso. Il giorno seguente ritornai da lei (sarebbe dovuto essere l’ultimo giorno di ripetizione) e lei mi fece trovare due costumi che mi aveva comprato come regalo e una bella cenetta come buon auspicio per l’esame.

La serata terminò dopo aver guardato un pò la tv e tornai a casa, dopodichè la rividi direttamente dopo l’esame per rifesteggiare con un’altra cenetta.

Quella sera venne un temporale fortissimo con il quale non si poteva uscire e lei disse se vuoi puoi dormire qui tanto ho delle camere in più, così avvisai i miei genitori dicendo che ero da un amico e decisi di dormire lì.
Quando si fece orario di andare a letto lei si andò a cambiare in bagno e mi misi a spiare dal occhiello le sue abbondanti linee per poi segarmi e sborrare nel suo stesso letto.

Infatti dormimmo nello stesso letto ma seppur non successe nulla mi segai mentre dormiva sborrando nelle lenzuola e rimanendo col cazzo all’aria. La mattina dopo quando se ne accorse rimase sconvolta e gli spiegai tutta la situazione, AVEVO PERSO LA TESTA PER LEI. Così mi piombai e provai a baciarla e come risposta ricevetti le sue labbra e la sua lingua che non si opposero subito provai a spogliarla per scoparmela ma lei non volle finchè non si decise di concedermi soltanto una semplice sega.

Mi misi disteso sul letto e lei con le sue mani con tanta esperienza mi fece una sega eccezionale, me lo maneggiava con calma e con passione fino a che non la sborrai in 5 minuti tra le sue mani.

Di lì iniziò una vera e propria storia tra noi, mi riempiva di regali, vacanze, crociere ecc.. ma del sesso non se ne parlava al limite mi concedeva qualche sega una quantum dovetti aspettare diverso tempo per la prima scopata (infatti ve la racconterò in una storia separatamente).

Da allora fino ad oggi siamo stati insieme, ormai abbiamo una vita insieme e stiamo progettando di fare un figlio in modo che i miei siano costretti ad accettare la situazione. Mi fa fare il signore insieme a lei senza farmi mancare nulla è quasi come se pensasse lei alla casa però ci sono stati comunque dei problemi nel nostro percorso.

In seguito vi racconterò della nostra prima scopata, dell’incontro con i miei ecc…

Seguite!.

Irreversibile

Questo non è solo un “racconto” ma quasi una confessione di come sono stato abusato da un vero Porco! Già da piccolo adoro mettere i vestiti di mia madre, nei pomeriggi solo in casa… cosi come mi piace provare i suoi trucchi, mettere l’ombretto, il rossetto ed anche un po’ di cipria …e osservarmi con il volto femminile.

Il mio è sempre stato un corpo molto esile, poco maschile: spalle strette, capelli lisciatissimi lunghi con un taglio più femminile che maschile. Sono nata a Palermo, in una famiglia umile ma felice, mio padre muratore, un vero è onesto lavoratore, e mia madre, la classica casalinga di carattere allegra e maniaca delle pulizie.
Il passaggio dalle medie al liceo è stato traumatico sotto tantissimi punti di vista, anche perché; L’intero istituto era composto per lo più da ragazzi, con cui non avevo un grandissimo rapporto,(quasi tutti).

All’epoca frequentavo il mio primo anno di liceo…e stavo lentamente e confusamente, scoprendo la mia personalità piena di complessi, desideri contraddittori, pulsioni contrastanti e voglie a cui non sapevo se dar sfogo o reprimere.
Un giorno una mia compagna di classe (Alessia) mi chiese se volessi andare con lei travestito da femmina ad una festa di carnevale organizzata dal nostro istituto. Dicendo: “ E normale travestirsi, lo stiamo facendo tutti! Dai ti prego!! Io voglio travestirmi da Jessica Rabbit! e tu? ..Se vuoi, puoi usare se vuoi le mie cose o di mie sorella!!” Ovviamente mi piaceva travestirmi… ma segretamente, sempre e solo in privato…E quale miglior e unica occasione per farlo in pubblico? Il presto era ideale…
Aldilà di tutto si trattava solo di una festicciola scolastica, come tutte le altre…
La mattina seguente, verso le 8 , la raggiunsi puntuale a casa sua… Penso di aver cambiato mille colori per il misto di voglia, eccitazione e vergogna che provavo mentre Alessia e le sorella mi preparavano, facendomi indossare un po’ di tutto! “Dai non fare il difficile, hai pure i capelli lunghi, sarai uno spettacolo, prova questo, metti questo ecc..” Indossando tutte quelle cose attillate la mia eccitazione era anche alle stelle, avevo una voglia incredibile di indossare nuovamente abiti femminili e di uscire finalmente in pubblico, che nessuno poteva immaginare.. Ma anche tanta paura… Per la reazione dei miei “amici”…
Avendo un guardaroba stracolmo di vestitini da far invidia a qualsiasi sex shop.

Come mi aspettavo.. Il lavoro delle mie nuove amichette è stato più che soddisfacente!! Indossavo: una mini nera di pelle lucida, calze di seta nere con la riga dietro ed un paio di scarpe rosse col tacco a spillo! Sopra avevo un corpetto anch’esso nero a tono con la mini gonna e per finire, trucco molto pesante!! Naturalmente, mi vergognavo un po’, avevo paura delle conseguenze, anche perché; Più che una donna.. Sembravo una vera puttana!! Loro erano divertite e con un sorriso complice mi rassicurarono con un: “Fidati di noi Farai un successone!” Di sicuro quella scelta è stata anche la mia e come tante altre volte, alcune scelte si scontano per tutta la vita!
Verso le 8:30, il papà di Alessia, un po’ indispettito per il nostro travestimento eccessivo, specialmente il mio! Ci accompagnò in auto a scuola, dicendo però: che dovevamo trovarci un passaggio per il ritorno.

In macchina ricordo che mi guardava moltissimo per come ero conciata… A disagio in quel momento pensavo mille cose!!! (Se si è un ragazzo e ci si è travestiti da donna per divertimento magari la cosa non suona più tanto giusta). Ma ero troppo eccitata conciata in quel modo , , e dei suoi sguardi indispettiti e del passaggio per il ritorno non ci volevo pensare assolutamente… al momento.
La festa….. si svolgeva in una palestra molto piccola! Il campo di pallavolo adibito a sala da ballo era illuminato solo con luci basse e colorate, e chi non ballava stava seduto ai lati di quello spazio quasi immerso nella totale oscurità.

Conciato in quel modo, notai subito una serie di sguardi e battutine su di me. Inutile dire che tutto ciò mi imbarazzava parecchio, avevo anche previsto tutto questo, però mi sono sentito solo ed abbandonato. Alcuni ragazzi (che non conoscevo), di qualche anno più grandi di me, iniziarono perfino ad urlarmi qualsiasi oscenità in dialetto stretto davanti hai professori, che guardavano divertiti la scena.. Oggi si direbbe bullismo? Allora era semplicemente uno scherzo… e ovviamente più andava avanti la festa più si beveva, e più i ragazzi diventavano fastidiosi.

Fino a quando…
Cominciai a notare anche lo sguardo sempre più insistente del bidello!! “ per tutti Zio Franco”. Un omone di mezz’età. La mascolinità fatta persona con quella testa rasata, alto sul metro e novanta, robusto, scapolo e di moralità molto chiacchierata. Lo guardai sorpresa tutto il tempo, ma lui continuava a fissarmi….
(Faccio una premessa: non avevo mai capito che a zio Franco piacessero i ragazzini, era un po’ grezzo ma molto gentile con noi, ci sorrideva sempre, era sempre molto disponibile insomma un gigante buono).

La situazione è stata imbarazzante fin da subito, con i miei compagni di classe, ero sempre meno a mio agio, ma nonostante tutto sbirciavo quel suo pacco, che sembrava scoppiare all’interno dei jeans, e quando mi sorprendeva a fissarlo mi sorrideva, abbassava lo sguardo e faceva correre le dita su quella Mazza!
Avendo tutta la mattinata per stare insieme a me senza interferenze con troppi professori, subito è diventato Mio amico, e tra una chicchera e l’altra mi ritrovai poco dopo, seduto sulle sue ginocchia a guardare gli altri che ballano… In braccio mi raccontava storie delle sue avventure, in breve: Cercava di farmi capire che la vita sarebbe stata divertente e piacevole solo che io mi fossi conformata ai suoi consigli.. Mi soffiava nelle orecchie e mi dava piccole leccatine e bacetti molto dolci.. Inoltre sotto il mio culetto avvertivo una cosa grossa e calda che cercava di farsi posto fra le mie natiche!…Devo dire che tutto ciò mi piaceva, è stato quasi Romantico.

Ma nel posto e nel momento sbagliato! Quando avvertì che mi stava piacendo molto cominciò a toccarmi senza esitazione le cosce e mi spiegò, Blaterando assurde logiche confusionali, che se volevo avere le tette come quelle delle mie compagne di liceo dovevo farmi scopare da lui!!!!
A disagio dopo quella Teoria assurda, un po’ per la musica alta e qualche drink di troppo… Decisi di allontanarmi da lui un attimo, sentivo troppo caldo, dovevo rilassarmi e corsi in bagno.

Entrando chiusi la porta, semi distrutta… Accendo una sigaretta, tiro le prime boccata e comincio tranquillizzarmi… Finalmente, ci voleva proprio ..un po’ di silenzio…
Poco dopo però, sentì dei passi pesanti e veloci dall’altra parte della porta, il fumo è rimasto denso intorno a me, e quando si aprì la porta entrò Lui.. zio Franco! (il bidello). “Ehi signorina ha sbagliato questo è il bagno degli uomini..” disse sorridendo. Io Diventai come un peperone e subito mi alzai dalla tazza, cercando di spegnere la sigaretta.

“Rilassati scema, lo sai già non lo dico a nessuno!” .. Mentre fumavo parlava continuando a massaggiarsi il cazzo, che notai si stava ingrossando sempre di più. Tempestandomi con mille e inutili complimenti… sapevo benissimo dove voleva arrivare!
“Stai benissimo vestito cosi, E dimmi: Non ho ancora capito bene! Di cosa ti sei travestita? Da puttana he?” Mentre ricominciava l’ennesimo e ambiguo scambio di parole, sentì la sua grossa mano alzarmi la mini.. (Premetto che: Non mi era mai successo niente del genere con nessun’uomo, figuratevi con un tipo di quell’età!) Scioccata, rimasi bloccata tra il terrore e lo stupore di ciò che stava facendo….

E non so come, ma con molta naturalezza, di colpo si aprì pure la patta per farmelo vedere… e lo tirò fuori!! (Ha Un Cazzone Enorme!! Grossissimo!! Sembra una lattina di coca-cola, un po’ più più lunga!)
In un attimo facendo finta di nulla, lo aggirai di shitto, maldestramente.. Volevo uscire dal bagno.

Per me era l prima volta che vedevo un cazzone cosi grosso dal vivo, e malgrado il mio disagio, senza un briciolo di vergogna si avvicino dietro di me e iniziò pure a strusciarsi pesantemente.
Pietrificata dalla vergogna nel sentirmi puntare da quel grosso e viscido affare, sentivo una sensazione mai provata fino ad allora, e mentre Il suo respiro aumentava insieme alla mia voglia, sottovoce mi disse: “…Minchia che culo! Te lo voglio fottere! Sai? Tanto Lo so che ti piace!” Tentò sia con le buone che con le cattive di aprirmi le gambe, rassicurandomi che solo all’inizio avrei potuto provare fastidio.

Ma le gambe le tenevo strette, nell’imbarazzo più assoluto. che mai avevo provato prima!
Aveva grande esperienza nel toccarmi, e pensavo a quanti culetti di ragazzine e ragazzini avrà deflorato, aperto.

In una parola sola, sfondato! Nel silenzio più assoluto, continuando a toccarmi, non contento prese la mia mano e la mise sul suo uccello che evidentemente era in erezione da quasi tutta la mattinata.
E stato il primo per me! Non ne avevo mai toccato uno in vita mia e quando la mia mano lo toccò, sentii un brivido pazzesco, ma nello stesso tempo non sapevo dove iniziare!!!! Come un maestro e la sua allieva, mise la sua mano sulla mia e cominciò a farmela muovere sul suo coso.

Io quasi in maniera automatica, per pochi secondi continuai da sola quel gesto per me assolutamente nuovo, senza sapere bene cosa stessi facendo.
Sapevo che Stavo rischiando troppo, e sopraffatta dalle paure, e dal timore che qualcuno scoprisse le mie più intime voglie inconfessabili, Scappai come un fulmine da quel bagno in piena paranoia. Lasciandolo li, ancora con il suo cazzo sudicio in mano! (Temevo tantissimo di essere classificato a scuola come un “frocetto”)
In palestra la festa era quasi finita, e non ho capito quanto tempo ho perso in bagno! ..La mia amica Ale? l’avevo vista appartarsi con il suo fidanzato, bidonandomi li, e non sapendo che fare, rimasi un paio di minuti da solo in cortile a pensare a tutto ciò che mi era capitato.

Quella sorta di trauma dentro i cessi con il bidello, aveva sfondato una porta già aperta nel mio inconscio!!!!! Lo vissuta quasi come una definitiva rivelazione..
A piedi e lontanissimo da casa, decisi a malincuore di incamminarmi dondolando sui i tacchi, con non poche difficoltà.

( mi piace molto indossare tacchi altissimi, però non sono indicate per le lunghe camminate).
Completamente da sola! Vestita in quel modo (con il ricordo di quel cazzone che avevo toccato in bagno che mi perseguitava), iniziai subito a percorrere strade e stradine secondarie e meno trafficate per raggiungere casa. Inutile dirvi che Avevo una Fifa pazzesca! Del giudizio degli altri, In primis!! La mia famiglia.. ma anche gli amici, che ho sempre snobbato fin dalle scuole medie, sentendomi fuori posto in loro presenza ma di cui adesso temo il giudizio,( è tutto assurdo, io sono assurda).

Dondolando in modo maldestro e incerto, con quelle scomode scarpe, i piedi ed i polpacci mi si erano indolenziti, non ero abituata a camminare cosi tanto sui tacchi alti! Osservavo con on molta attenzione alcune macchine che procedevano lentamente, quasi stupiti dalla mia presenza, alcuni facendo anche più di un giro per osservarmi attentamente. Come una prostituta, mi sono sentita! …Un oggetto. Avanzando veloce, ma in modo maldestro ( maledette scarpe!) dentro di me avvertivo un grande senso di impotenza.

Pensando che mi sarebbe potuto succedere di tutto e di più! La mia ansia e angoscia aumentava ad ogni macchina che passava pensavo si trattasse di mia madre o peggio…( mio padre), e tra le tante auto che passarono quel giorno.. Ne notai una in particolare. Mi seguiva da lontano, lentamente…
Nel giro di pochi minuti, (ad un centinaio di metri da casa mia), si fermo davanti a me, e lentamente il finestrino si abbassò.

Mentre mi avvicinai mi accorsi che sempre Lui.. il bidello era tornato alla carica!! ”Ciao piccola.

Sei ancora offesa con me?? Scusami se ti ho fatto paura in bagno…Dai non fare la bambina!” “Gioia mia! Vivo in aperta campagna qua vicino, e sono desideroso di invitarti a casa mia!”
Quella sue parole, la sua voce sicura, da vero Uomo, accompagnata dal mio pensiero di essere finalmente trattata come una donna, mi fece offuscare la vista.

Diciamo che Persi la ragione! Ma Al di là del sesso, c’era l’aspetto di essere veramente apprezzata per la mia femminilità, e tramite Lui, avrei potuto scoprire ogni mia fantasia con tranquillità.
“Dai non ti vergognare, lo capito che ti piace la minchia!!! Fidati..daii. Dimmi quanti soldi vuoi per venire con me ??”
Il panico mi attacco lo stomaco, ed il cuore mi balzò in gola, quasi impedendomi di parlare, mentre quelle sue parole attraversavano la mia mente.. Paura, voglia di scappare, di scopare, ecc….. Quando, ad un tratto sentii la mia voce uscire di sua spontanea volontà, totalmente incontrollata, chiedendogli ” 30 Euro”!!! (Per uno studente come me sarebbe un ottimo extra per potermi permettere alcune piccole spese inutili che sogno da tempo…)
Quello ti apre! Vattene di corsa!!! Urlava parte della mia coscienza!
Colto all’improvviso da quella mia assurda richiesta inaspettata, apri lo sportellone felice come un bambino e mi disse in fretta e furia; “Va bene.

Dai Sali, Andiamo…”
Era impossibile tornare indietro, ma provate ad immaginate voi le mie sensazioni! Ero confusa spaventata, curiosa ma anche eccitata. Vicino a Lui Non ero più io, Il solo pensiero che un uomo cosi maschio, della sua stazza, che mi aveva corteggiato tutto quel tempo e offerto anche dei soldi, mi faceva sentire speciale…
Zio Franco è un uomo deciso molto autoritario, non mi chiede mai il permesso per nulla!, Fa e basta! Seduto in macchina sentii subito, la sua mano posarsi sulla mia coscia sinistra, stringerla un poco e poi accarezzarla.

La cosa mi colse di sorpresa all’inizio, soprattutto nel bel mezzo del traffico l’imbarazzo m’impediva quasi di respirare. Lui Raccontava alcune delle sue esperienze avute con tanti ragazzini. Come se nulla fosse! Tutto questo: continuando ad accarezzarmi e stringermi le cosce!
In quei momenti lo ascoltavo in silenzio, non sapevo più che altro cosa dire o fare!… Io avevo ben poco da raccontare se non storielle poco soddisfacenti, considerata la mia verginità, e totale inesperienza, con il sesso.

Strada facendo lontani dal traffico. Poco dopo lo guardai armeggiare freneticamente con i pantaloni. All’inizio sembrava avesse un forte bisogno! Di quelli urgenti! Ma poi… sentii la sua mano sulla mia nuca……Spingendomi la testa verso il basso….
“Hai preso i soldi? Ora tocca a te …giusto?… Dai piccola ciuccialo un po’ mentre guido!”
Naturalmente era la prima volta che incontro un uomo, non era più solo una fantasia; “Ho paura!”.

Scioccato dai suoi modi grezzi, mi abbassai verso le sue gambe, infilai la mia mano e lo sentii Durissimo! Tenendo vicino quel cazzone riuscivo a sentire quanto fosse forte quell’odore pungente.. Tremolante dal piacere misto alla paura, e con la mia coscienza che urlava “ Basta!Basta! Fermati!Stop!” Inizio ad accompagnare il suo palo , dentro la mia bocca!! ( ero eccitato un po, lo ammetto), ma quel cazzone viscido la prima volta mi faceva un po’ schifo sul mio volto ingenuo, da liceale tutto casa e chiesa!
Cercando di essere gentile e servizievole, credevo di gestire quella folle situazione, ma in realtà non voleva sborrare adesso, preannunciandomi che dovevo essere ancora penetrata a dovere!!!.

Il suo stile esplicito da maniaco mettono sicuramente paura, però allo stesso tempo mi lusingava l’aspetto di essere considerata quasi come una donna…
(In quell’auto , si può dire ho vissuto i miei primi 15 minuti più intensi della mia vita, con quel seppur veloce, mio primo pompino!)
Appena arrivammo a casa sua!!! Il casolare, somiglia ad una casa strega, perennemente avvolta da una fitta nebbia. L’abitazione è isolata nella campagna a ridosso della zona industriale, con un breve e malmesso vialetto d’accesso.. Appena entrati c’è una sorta di vecchio salottino con divano, TV e un angoletto per cucinare …tutto molto lugubre… Come il bagno (pessimo), ed una sola camera con un lettone vecchio.

Ancora con la mandibola indolenzita e la bocca impastata dal mio primo pompino, con una scusa gli chiesi, se potevo sistemarmi velocemente il trucco ed i capelli in bagno…. Avvisandomi; “NON perdiamo TROPPO tempo però!!”
In quei secondi chiusa in bagno ero agiatissima! (Adesso che faccio?) Avevo troppa paura…Cosa mi sarebbe successo al culo?? Perché ero stata così incosciente? Si può essere più pazzi di cosi? …non avevo scelta
Poco dopo entrai in camera un po’ impaurita ma convinta… Lui era disteso sul letto! In totale silenzio! Sicuramente Non avevo mai visto un uomo di quell’età comportarsi cosi ” Sembrava un pazzo furioso.

” Nudo, pieno di peli, e agitatissimo con quella mazza sempre dritta tra le mani come un depravato mi squadrava dalla testa ai piedi..
Appena mi fece cenno, per avvicinarmi a lui.. mi tirò subito a se’ come una bambola, e gli finii proprio sopra.

Tra le sue grosse e pelose braccia, sentivo il suo cazzo umido e appiccicoso strusciarmi tra le mie gambe… Poi mi fece leccare per bene il suo dito medio e infilò la sua mano nelle mutandine.

Ebbi immediatamente un sussulto, quando senti il suo dito calloso nel culo. “ Ti piace adesso? “ mi chiese. Ero frastornata, lo guardai con occhi tristi e dissi; “Però brucia!“
“ Tranquilla TROIA, quando te lo sfondo quel culo poi vedrai che ti abitui e ti passa subito!”
Lo avevo sognato una vita al pensiero di stare con un ragazzo,( Ma non immaginavo cosi !! ) Ma perché insultarmi cosi? Ci siamo conosciuti questa mattina in modo civile, e adesso a casa sua mi chiamava puttana! Se vi chiedete la motivazione che mi spingeva a restare li, (oltre i soldi che sono solo un ottimo pretesto), devo ammettere che il suo modo grezzo, Maschio, egoista e opportunista, aveva fatto shittare nella mia testolina qualcosa che mi spingeva a sottomettermi…
Ho solo cercato di mettere dei paletti “a parole”, volevo precisare alcuni limiti, ad esempio il preservativo.. Ma lui quella volta neanche mi ascoltò, e quando si decise che era arrivata l’ora di impalarmi si alzo di shitto, mi prese per un braccio (facendomi male) bloccandomi a pancia in giù sul letto.

Per la paura… vista anche la sua stazza, ma anche per l’eccitazione non opposi più alcuna resistenza, mentre sentivo il suo petto pesante, sudato e peloso schiacciarmi la mia schiena. il mio sederino pieno di saliva, iniziava a dilatarsi piano piano e con molto dolore e fatica, accolsi quel primo cazzo nel Culo!!!!
In quei momenti provavo un mix di dolore e piacere mentre il suo cazzo mi scivolava lentamente in profondità, potevo quasi sentire le sue palle pelose pungermi le chiappe … e quando pensai che il peggio fosse passato… Il Porco iniziò a scoparmi sempre più forte, talmente forte che mi stava letteralmente aprendo! “ Zio Basta!! Mi fai male!! Fermati!!” gli ripetevo, urlavo e mi dimenavo come se mi stesse violentando, ma al tempo stesso .. era quello che avevo sempre sognato!!
Adesso c’era la realtà, non si trattava più di fantasia, ma uomini, Uomini Veri.. Quel giorno ogni briciolo di mascolinità residuo in me, svani per SEMPRE mentre vengo sodomizzata con forza e senza sosta… Dopo un bel quarto d’ora… stravolta con quel palo tra le chiappe gli ripetevo, piangendo, se il mio buchetto sarebbe ritornato come prima! “Ora Sta t’zitt che voglio sborrarti in gola! Succhia sta minchia Dai”.

…il culo mi brucia da morire…
Farsi imbrattare la bocca quella volta è stato un atto di sottomissione Lui ….

soprattutto d’umiliazione per me.. Confusa ed in preda a mille sensi di colpa (sono fatta cosi), lo presi in bocca e iniziai a sentirlo pulsare, pensavo che la saliva fosse d’improvviso troppa!! Caldissima, ma con un sapore.. era stano!! ma pochi secondi dopo, In pratica stavo annegando con la sua sborra!! E ovviamente non ce la feci a bere tutto quel suo orgasmo gelatinoso, perché mi faceva troppo schifo, più che latte sa di piscio!! .. di sapore salato direi…
Quando lo tolse dalla mia bocca, la sua sborra caldissima, mi fini anche sui vestiti, in viso, tra i capelli….

E’ appiccicosissima! Non l’avrei mai immaginata cosi abbondante! E mentre immagino, come spiegare ad Alessia tutte quelle macchie sulla sua minigonna, le scarpe, calze ecc.. Una miriade di altri schizzi roventi e violenti, continuano a piovere sulla mia faccia. Quasi come un battesimo!
In macchina verso casa con grande sicurezza ed esperienza parlava solo lui, e non ricordo bene di cosa ma alla fine, parlandomi come una vera prostituta; mi chiese se e quando avremmo potuto rivedermi… Io non gli promisi mai nulla, anche perché; faceva tutto lui.

E non vi nascondo che in auto con quell’ uomo, avevo il terrore che mio padre, mi trovasse in auto con lui, piena di sborra e travestita come una zoccola.
Quella mattina provai gioie così smodate che mi stravolsero tutta la vita in maniera irreversibile. Inconsapevole allora di quello che sarei diventata, pensai che: prendendo nel culo un cazzo del genere, più troia di così non sarei mai potuta essere! …Anche se.. In futuro mi sarei smentito/a.

La rivincita

Mio marito mi tradiva. Da tempo. La prova scioccante la ebbi quando accettai di ospitare la sua segretaria a casa. La stronzetta veniva dalla Russia dove mio marito aveva diversi affari legati all’import export. Per ragioni di lingua ( ma pensa tu…. ) aveva assunto una specie di interprete/segretaria per aiutarlo a comunicare meglio. Quando la vidi capii subito l’andazzo, perchè lei, in effetti, l’italiano lo parlava anche benino, ma l’aria che aveva e il fisico lasciavano intendere anche tante altre cose.

Ma andiamo al sodo.
Fu terribile svegliarmi nel cuore della notte e non trovarlo di fianco a me. Scesi le scale per andare al piano di sotto e appena arrivata dietro la porta che separa la scala dal corridoio cominciai a sentire gemiti e grida. Andai avanti, dovevo andare avanti. Le grida della zoccola erano il canto della mia sconfitta. Dietro quella porta c’era mio marito, l’uomo cui avevo dedicato una vita e due figli, che stava sfondando letteralmente un’altra, più fortunata o, evidentemente, più bella e più brava di me.

Rimasi lì non so quanto tempo, ricordo solo che lei godeva continuamente, sentivo i suoi colpi forti, rapidi, affamati…. li conoscevo, ma quasi me li ero scordati, non mi scopava così da tempo, da troppo ora mai.
Tornai su e piansi.

Noi donne siamo forti e abbiamo la grande dote di risorgere sempre da ogni sconfitta, noi che doniamo la vita, possiamo donarne sempre una nuova anche a noi stesse. Così pensai quella mattina.

Ne parlai con Veronica, una delle mie migliori amiche, già separata, molto disinibita con gli uomini. Lei mi disse letteralmente di riprendermi la vita, che ero ancora bella e che potevo pendermi tutte le rivincite che volevo. E così fu.
Sono una bella donna tutt’ora, lo ero anche tre anni fa. Decisi di farmi avanti, con charme e classe, con tutti e tre i colleghi di mio marito. Tutti e tre. Sì, mi sarei fatta scopare da tutti e tre.

Uno di loro, mi piaceva anche parecchio e spesso mi ero sentita guardare da lui con un certo interesse. Con lui bastò un sms. Un semplice: ciao F, ti devo parlare. Ci incontrammo per un caffé. Da lì una eccitante travolgente discesa che ci portò dopo venti minuti ad avere la sua lingua tra le mie cosce sul divano di casa mia. Gli piacevo, gli piacevo eccome, mi riempì di complimenti, impazziva per le mie bocce ancora belle e turgide, piene di desiderio.

Leccava da Dio, e fremetti sorprendentemente in preda ad un orgasmo inondandogli il viso. Poi lo divorai, ingoiai tutto il suo bastone fino a leccargli le palle. Poi mi impalai su quel ben di Dio sbattendogli le mie pere infuocate in faccia. Poi mi prese da dietro sculacciandomi tenendomi per i capelli, sussultai altre tre volte, allagai quel divano, non godevo così da anni, da troppo…. quegli orgasmi ripetuti e crescenti spalancarono una porta su una nuova dimensione di me stessa, libera, disinibita, vogliosa e caparbiamente desiderosa di orgasmi!
Mentre mi spaccava a pecora, senza pietà, con la prepotenza che deve avere un uomo, gli chiesi di farmi delle foto, volevo le prove….

le prove da mostrare allo stronzo che io, forse più di lui, ero ancora molto desiderabile. Poi glielo presi in bocca lo appoggiai alla mia lingua e lo segai, mi spruzzò tutto quello che aveva e documentò tutta quella meraviglia con una serie di foto. La mia bocca piena di sborra, questo volevo che mio marito vedesse, forse non gli importava nulla, ma forse sì, in ogni caso era parte della mia rivincita.
Continuai a vedermi con F.

Era troppo piacevole e lui era molto bravo. Mio marito era in Russia e quindi ero libera di muovermi bene quando i bimbi erano a scuola. Con un amante si instaura spesso anche un rapporto di complicità che va al di là del sesso, si crea una certa confidenza che permette di spogliarsi di tanti cliché oltre che dei vestiti. Così lui mi raccontò che sia lui che gli altri due colleghi ce l’avevano a morte con mio marito perché la faccenda della Russia aveva preso una piega negativa per l’azienda.

In pratica quello stronzo si era accaparrato il portafoglio clienti per mettersi in proprio. Agli altri tre soci non era rimasto niente. Lui aveva già fatto sapere loro che a fine anno se ne sarebbe andato. Al che colsi la palla al balzo informandolo che il mio piano di rivincita prevedeva di farmi sbattere da tutti e tre. E F. , da grande maiale quale era, rilanciò la posta: fatti scopare da tutti e tre alla volta, ci vuole poco a convincerli, credimi, sai quante volte abbiamo parlato tra noi di te, di quanto sei bona? Basta che vieni un giorno durante la pausa, l’ufficio è chiuso dalle 13 alle 15, in due ore facciamo tutto.

L’idea mi sconvolse, i miei ormoni cominciarono a pensare a quell’evento e così gli proposi per l’indomani. La risposta fu scontata. Appena entrai nell’ufficio ci fu chiaramente un po’ di imbarazzo, ma F. ruppe il ghiaccio togliendomi la gonna, mi fece svaccare sulla scrivania e scostate le mutandine incominciò a masturbarmi. Non ebbi il tempo di realizzare che la mia prima gangbang era cominciata che avevo gli altri due cazzi che mi sbattevano in faccia cercando di entrarmi in bocca.

L’appellativo più gentile fu puttana. F. cominciò a spaccarmi la fregna sulla scrivania mentre gli altri due mi scopavano a turno la gola. Poi mi spostai sul divano mi impalai su uno, F. mi entrò nel culo senza ritegno, con forza, come si sfonda una vera vacca da monta, il terzo mi infilò l’uccello in bocca e prendendomi a schiaffetti affondò sempre di più fino a farmi sentire le palle che sbattevano sul mento.

I miei orgasmi furono diversi, non so quanti. Alla fine mi misero in ginocchio e fecero il video da mandare al cornuto traditore: io a bocca aperta e loro tre a turno a schizzarmi in gola. Alla fine ce l’avevo piena zeppa di crema bianca, mi chiesero di dire qualcosa a mio marito ma faticavo a parlare, non volevo che tutto quel ben di Dio uscisse dalla bocca. Ci giocai un po’, prima di ingoiare tutto.

La vendetta era compiuta per intero. Io ero soddisfatta, avevo anche rotto un tabù: quello di essere presa contemporaneamente da più uomini. Avevo goduto fino allo stremo: l’avrei fatto ancora e ancora e ancora……

Il ragazzo dagli occhi marroni

Il ragazzo dagli occhi marroni
“Per favore, Tom, fa male” Disse il biondo il cui sedere stavo fottendo. Lui era sulle ginocchia di fronte a me, la testa girata lateralmente sul cuscino e guardava indietro verso di me con una faccia contratta per il dolore.
Riuscii ad ansare: “Un altro minuto. Puoi resisterei. ” Stavo per venire e non volevo quel frocetto mi rovinasse tutto.
“Affrettati”, lui disse, o meglio piagnucolò. Pappamolla!
Cominciai a sentire i segnali, così scavai con le unghie nelle sue anche e spinsi in lui con tutta la forza che potevo.

Lui gridò il suo dolore al ritmo delle mie spinte. Poi venni. Tutto il mio corpo si irrigidì e gridai qualche cosa in una lingua sconosciuta. Quando ebbi finito crollai sulla sua schiena.
“Oh, sì” Respirai: “È stato grande. Sei stato bravo. ” Mi tirai indietro facendo correre la mia mano sulla sua schiena e sul suo sedere liscio.
Feci scivolare il cazzo fuori da lui e mi sedetti appoggiandomi al muro.

Lui allungò lentamente le gambe e si sdraiò piatto sul letto, poi cominciò a piangere piano. Dannazione, era un piagnucolone. Dopo mi avrebbe chiesto se lo tenevo con me o stronzate del genere. “Ok, cosa c’è che non va?” Dissi con tono un po’ esasperato.
“Non so, credo che non sia stato quello che pensavo sarebbe stato. ” Mi guardò con occhi tristi ed impauriti: “Mi terrai con te?” Cosa vi avevo detto?

Mi chiamo Tom, ed il biondo represso che avevo tra le braccia era Michele.

O Marco. O qualche cosa del genere. Il suo nome non è tanto importante, perché mi ero limitato a farlo con lui. Avevo trovato quello che volevo da lui ed era ora che me ne andassi.

Ho avuto il mio primo uomo a quindici anni. Era uno studente universitario e l’avevo incontrato in una sala giochi. Lui pensava di avermi sedotto ma non avrebbe mai fatto la prima mossa se io non avessi avviato le cose.

Mi feci inculare sul sedile posteriore della sua macchina. Io ora ho diciannove anni e ho avuto più uomini di Madonna. Ne ho avuti di vecchi e giovani, gay ed etero, colorati o bianchi. Il più vecchio fu il mio quarantacinquenne insegnante di matematica, il più giovane fu il quindicenne fratello del capitano della mia squadra di pallacanestro.

Sesso. È la mia vita. È quello che faccio.

“Ehi Tom!”
Mi guardai intorno per vedere chi fosse.

Tiziano. Me l’ero fatto tre settimane prima. Avevo pensato che con lui sarebbe stato più di una sfida. Lui era il mio equivalente nel mondo etero. Si era fatto ogni ragazza della scuola che valesse la pena, ed anche alcune che non ne valeva. Lo invitai a venire a vedere un film con noi e lui mi fece una sega là nel cinema. Più tardi quella sera, tornando a casa mia, mi inculò. La prima volta insieme e subito una penetrazione completa.

“Ehi, Tiziano, come va?” Io misi via i miei libri e chiusi il mio armadietto. Lui mi si mise di fianco e ci avviammo verso l’ingresso della scuola.
“Hai programmi per questo fine-settimana?” Mi chiese.
“Perché me lo chiedi?”
“Stavo pensando che se non avevi niente da fare, potevamo, sai, fare qualche cosa. ” E mise un po’ più di enfasi sulla parola ‘fare’.
“Ah. Io ho qualche progetto. ”
“Oh.

” Sembrò un po’ deluso. Non affranto, solo deluso. “Hai messo gli occhi su qualcuno?”
“Forse. ”
“Chi?”
Io accennai col capo alla mia sinistra mentre passavamo accanto al ragazzo in oggetto. Tiziano seguì il mio cenno.
“Chi? Lisa?”
“Lisa?” Dissi: “Sii realista. Anche se mi faccio delle tipe, non lo farei con Lisa. Il ragazzo vicino a lei. ”
Lui guardò di nuovo. “Oh. Il ragazzo nuovo. Dovrebbe essere nella mia classe.

Come si chiama?”
“Savino, o qualche cosa di strano del genere. ” Savino aveva cominciato a venire alla nostra scuola circa due settimane prima. Era un tranquillo. Molto tranquillo. Nessuno, ed intendo nessuno, lo conosceva molto. Il suo posto era in fondo alla classe e prendeva sempre appunti. Aveva fatto i compiti ed aveva preso 6. Non aveva mai parlato con qualcuno; ma, ad essere sincero, nessuno gli aveva mai parlato. Era un mistero, un mistero carino.

Non era molto alto, circa un metro e settanta, magro, con corti capelli castani ed occhi marroni veramente belli. La pelle era piuttosto pallida. Portava degli occhiali veramente fighi, rotondi come quelli di John Lennon ma con vetri chiari.
“Savino? I suoi genitori dovevano aver perso una scommessa per dargli un nome del genere?”
“Sai quanti anni ha?”
“Mi spiace, no. Quindi il fine-settimana è out?”
“Te lo dirò se vuoi veramente fare qualche cosa.

” E misi la stessa enfasi su ‘fare’: “Perché non viene a casa mia venerdì sera. ”
“Venerdì che è domani. Verso le sette?”
“Sette, ok. ”
“Bene. Ci vediamo. ” E se ne andò.
Io mi fermai alla fontanella a bere mentre davo un’occhiata in giro. Savino si stava avviando alla biblioteca. Aspettai alcuni minuti, poi lo seguii. Non mi ero mai sentito a mio agio nella biblioteca. Troppi libri. Era raccapricciante, tutta quella storia infagottata ed immagazzinata sulle mensole.

Savino era al catalogo ed aveva aperto il cassetto della D.
Dopo un momento scrisse qualche cosa su un biglietto ed andò verso il fondo della biblioteca. Lo guardai di sottecchi e lo vidi andare ad un tavolo con un libro. Dopo un minuto mi avvicinai al tavolo, tirai fuori una sedia e mi sedetti.
“Ciao” Dissi io allungando una mano. “Io sono Tom. ”
Lui mi guardò confuso. “Uh, ciao. ” E mi diede la mano.

“Sei nuovo?”
“Uh, sì. Tu sei Tom Verdi, vero?”
“Sì. Hai sentito parlare di me?”
“Sì. ”
“Cose buone, spero. ”
“Beh, no. ”
Io sorrisi. “Però, ho una così cattiva reputazione?”
“Sì. Vuoi qualche cosa?”
“No, volevo solo salutarti, benvenuto, qualsiasi cosa tu abbia bisogno, chiedimelo. ”
“Ok, grazie. Ho bisogno…” Prese il suo libro: “… ho bisogno di leggere. ”
“Beccato!” Presi la sua penna e scrissi il mio numero di telefono sul suo quaderno: “Se hai bisogno di qualche cosa, fammi una chiamata.

Anche se vuoi solo parlare, ok?” Vidi il suo nome stampato sul suo quaderno, Savino Ratti.
“Uh, sì, sicuro. ”
Mentre mi alzavo gli feci l’occhiolino: “Ci vediamo, Savino. ” Ed uscii dalla biblioteca senza guardarmi indietro.

Era venerdì sera. Ero sdraiato sul mio letto a leggere un fumetto. Tiziano era appena arrivato ed era seduto su una sedia di fianco al mio letto. Stava blaterando di qualche cosa mentre si slacciava le scarpe.

Quando fece una pausa, io feci un verso e lui proseguì. Si sfilò la camicia dalla testa e smise di parlare. Io lo guardai.
“Quindi” Disse: “Non ti spogli?”
“Sì, un minuto. Ho quasi finito. ”
“Bello?”
“Non lo so ancora. Non ho ancora capito. ”
“Dovrebbe essere buono. ” Lui si tolse jeans e boxer e cominciò a masturbarsi pigramente mentre mi aspettava. Io finii l’ultima pagina e misi da parte il libro.

“Ehi, aspettami” Dissi e cominciai a togliermi i vestiti. Tiziano era piuttosto attraente per essere un ragazzo apparentemente etero. Aveva la mia età, capelli biondi ed occhi verdi. Era piuttosto ben fatto: “Allora cosa facciamo?” Dissi togliendomi le mutande.
“Stavo pensando che potresti farmi un pompino. È una settimana che non me ne fanno uno buono. ”
“Ok, prima ti succhio e poi ti inculo. ”
“Va bene. ” Disse anche se non sembrava troppo entusiasta.

Odiava ammettere che anche a lui piaceva che gli fottessero il culo.
“Sai che ti piace!” Dissi inginocchiandomi tra le sue gambe.

Dopo che Tiziano se ne fu andato rimasi solo nella mia stanza. Le luci erano spente, la finestra era aperta e la brezza fresca faceva rabbrividire il mio corpo nudo. Amavo la sensazione. Stavo sdraiato sul mio letto su di un fianco. Il letto era ancora caldo dove Tiziano era stato sdraiato sulla schiena.

Desideravo che qualche volta mi permettesse di baciarlo. C’era qualche cosa in Tiziano che era diverso da tutti gli altri. Lui era l’unico con cui avevo fatto qualche cosa più di una volta. Di solito, una volta che mi ero fatto qualcuno, non mi interessava più. Il brivido è nella caccia, sapete?
Tiziano, invece… Tiziano era un trionfo particolare. Lui era un simbolo, un’icona di come dovevano essere le cose. Lui era quello a cui tutti i ragazzi etero guardavano, anche se non l’avrebbero mai ammesso.

Era quello che mi piaceva fottere. Quando il mio cazzo era nel suo sedere, io non stavo solo inculando lui, io stavo inculando tutta la società. Ma se avessi potuto baciarlo… se avessi potuto baciarlo la mia vittoria sarebbe stata completa.
Lui però non me lo lasciava fare. Diceva che era “troppo gay”. Sì, perché farsi inculare da me non lo era!

Comunque Tiziano era andato via ed io ero sdraiato nudo sul mio letto con l’aria serale che mi dava la pelle d’oca.

Cominciai a pensare a Savino. Lo volevo. L’avrei avuto. Il solo pensiero di fissarlo in quei begli occhi marroni mentre sparavo la mia sborra nel suo culo, me lo stava facendo diventare duro.
Guardai l’orologio dal mio letto. Non ancora le otto. Il tempo per una veloce sega.

Lunedì mattina, a metà lezione di biologia mi resi conto improvvisamente che non avevo sentito una parola di quello che aveva detto l’insegnante.

Normalmente non era una anormale, ma lui mi aveva fatto una domanda, ed io non avevo idea della risposta. La domanda era stata qualche cosa come “Chi postulò per primo l’idea di riproduzione asessuata?” Stavamo parlando delle cellule delle piante e cazzate del genere. Probabilmente ci aveva detto a chi era venuta l’idea alcuni minuti prima, ma io non l’avevo sentito per niente.
“Sua moglie?” Dissi. Ci fu un improvviso silenzio e poi una risata sbalordita scoppiò nella stanza.

L’insegnante mi fissò freddamente: “Perché non vieni a farmi visita dopo la scuola. ” Disse. Talvolta lasciavo che una risata avesse priorità sul mio buon senso.

Mentre stavo prendendo il libro di storia dal mio armadietto, vidi Tiziano. Quando fu un po’ più vicino lo salutai agitando la mano e lui accennò col capo. Si allontanò dalla ragazza con cui stava camminando, probabilmente la sua prossima vittima, e mi si avvicinò.

“Sì?” Disse.
“Puoi farmi un favore?”
“Cosa?”
“Savino avrà scienze con te questo pomeriggio, vero?”
“Sì. ”
“Potresti litigare con lui?”
“Cosa? Perché?”
“Mi hanno messo in punizione oggi. Vorrei che ci sia anche Savino. ”
Tiziano sorrise: “Ahh. Sei un vero bastardo, sai?”
Io sorrisi: “In quello hai torto. I miei genitori sono sposati. Lo farai?”
“E a me cosa ne verrà?”
“Non so. Che ne dici che io sia il tuo schiavo per una notte?”
“Affare fatto.

Qualche idea per evitare che sia punito anch’io?”
“Te ne verrà qualcuna. ”
“Cavoli, grazie!”
“Tu sei intelligente. ”
Mi guardò per un momento: “Hai notato che le uniche volte che mi dici quache cosa di bello è quando vuoi qualche cosa da me?”
“Ehi, non arrabbiarti. Non è solo così. ”
“Sì, come questo aiuto. Savino sarà là con te. E poi tu sarai mio per una notte. ”
“Fico. Sei un amico.

” Ma lui non lo era, non veramente. Lui era un concorrente a dire il vero. Non concorrevamo per lo stesso territorio, ma era un concorrente per la mia fama. Inoltre lui era l’unico con cui potevo vantarmi, il solo che capiva il brivido della caccia.

Poco dopo la campanella della fine delle lezioni arrivai nel laboratorio di scienze. Il professore stava leggendo delle carte alla sua scrivania e Savino, con aspetto imbronciato, era seduto in fondo alla stanza.

Il professore alzò lo sguardo dalle carte: “Ah, signor Verdi. Perché non si trova un posto e rimane tranquillo per prossimi 30 minuti. ”
“Sì signore” Dissi tentando di non sembrare troppo felice. Mi misi al banco vicino a Savino. Lui mi lanciò un’occhiata strana. Io gli sorrisi.
Dopo alcuni minuti il professore prese la sua tazza di caffè e la portò alle labbra. Poi si appoggiò indietro e ci guardò aggrottando le sopracciglia.

Si alzò e lasciò la stanza.
“Ehi” Disse Savino: “Ho sentito del tuo scherzo. Non era male. ”
“Sì, lo era, non è vero? Comunque non è mio. È da un film. Wargames. Non l’hai mai visto?”
“No, ma le cose che sento di te… sono vere?”
“Probabilmente. Cosa hai sentito?”
“Beh, che tu… voglio dire… ho sentito che tu… um…”
“Gay?”
“Sì. ” Lui sorrise nervosamente.
“Oh. ” Non stavo facendoglielo sembrare facile.

“Beh, um, lo sei?”
“Gay? “
“Sì. ”
“Sì. E tu?”
“No”
“Peccato!”
“Um, sì, um…è vero di quanti ragazzi tu hai… uh…”
“Inculato?”
Di nuovo il suo sorriso: “Sì. È vero?”
“Probabilmente. Mi sono fatto alcuni ragazzi. ”
“Si dice… uh… che li usi e poi li abbandoni. È vero?”
“Generalmente. Io non ho mai costretto nessuno a fare qualche cosa. Sono solo molto persuasivo. ”
Ora lui sembrava un po’ più nervoso.

“E, che io… uh… io sono…”
“Il prossimo?”
Lui sorrise nervosamente: “Sì. Sono il prossimo?”
“Lo spero. ”
“Sei piuttosto diretto. ”
“Non sempre. L’anno scorso ho sedotto uno dei miei insegnanti. In classe. E solo lui ed io sapevamo che stava accadendo. ”
“Come hai potuto… um… sai… farlo in classe senza qualcuno se ne accorgesse?”
“No, non l’abbiamo fatto in classe, lì ho solo organizzato la cosa. Ci siamo incontrati dopo la scuola e l’abbiamo fatto.

Quel trimestre mi sono preso un bel nove. ”
Mi guardò per un momento, come sbalordito. “È così strano. ”
“Cosa?”
“Tu. Sto pensando. Voglio dire, sembra che tu non abbia rimorso. Ti stai vantando di questo, di questa cosa terribile, e mi hai detto che vuoi fottermi ed abbandonarmi. ”
“Io voglio fotterti ed abbandonarti. ”
“Vedi? È come un gioco, per te mandare a monte la mia vita è un divertimento. ”
“Io non voglio mandare a monte la tua vita.

Io voglio solo allargare il tuo buco. ”
Lui rise: “Oh, Dio, capisci cosa voglio dire? E sai qual è la parte peggiore? Lo sai?”
“No”
“La parte peggiore è che non so perché ma tu mi piaci. ”
“A sì?”
“Sì. Voglio dire che tu mi piaci. E questo è tutto. Nulla più. C’è una parte di me malata e contorta che ti trova divertente. ”
“Fico. A quella parte malata e contorta di te piacerebbe andare da McDonald’s quando usciamo di qui?”
“Per l’inferno.

” Disse. “Mangeremo e parleremo, ma nulla di più, ok?”
“Come vuoi. ”

Dopo aver lasciato il laboratorio andammo in bicicletta da McDonald’s. Io presi una bibita e lui una patata al forno. I suoi occhi brillavano mentre parlava e mi accorsi che il mio sguardo era attratto continuamente da loro. Non ricordavo niente di quello che aveva detto. Dannazione non ricordavo neanche quello che avevo detto. Ero distratto. Ce l’avevo duro come l’acciaio.

Io lo volevo.
“Stai ascoltandomi?” Pausa. “Tom?”
Feci sbattere palpebre. “Cosa?” Dissi
“Stai ascoltandomi?”
“Uh, sì. Cos’hai detto?”
“Dove siamo?”
“Non saprei. ”
“Simpatico! Ma…” Lui si leccò le labbra. “Voglio chiederti qualche cosa. ”
“Vai avanti. ”
Si guardò intorno: “Perché io?”
“Cosa intendi?”
“Voglio dire, perché hai deciso che io dovrei essere il prossimo?”
“Oh… Per come mi guardi. ”
“Ma perché? Voglio dire, non sono particolarmente bello, sono magro, porto gli occhiali…”
“Ti sei guardato ultimamente in uno specchio?”
“Sì.


“La prossima volta guarda meglio. Guarda quelle leggere lentiggini che hai sul naso, nota che uno dei tuoi denti inferiori è un po’ piegato, il modo in cui cammini, come sei totalmente inconscio di te stesso, tu sei il classico teenager. Ma la cosa più grande sono i tuoi occhi. I tuoi occhi prendono la luce e la riflettono in tutta la stanza. Non sono esattamente dello stesso colore, lo sai?”
“Non lo sono?”
“No, non è una cosa che tu potresti notare.

” Mi chinai attraverso la tavola e lo guardai profondamente negli occhi. “Il tuo occhio destro è un po’ più chiaro del sinistro. Ma ambedue hanno qualche cosa di scintillante. Penso di non aver mai visto occhi così belli. ” Tornai a sedermi sulla mia sedia. Lui stava arrossendo. “Questa è la risposta alla tua domanda?”
Lui sorrise timidamente e disse: “Sì, credo. Realmente lo pensi o stai solo tentando di portarmi a letto?”
“Tutte e due le cose.


“Um, io non dormirò con te. È un no, ok?”
“Vedremo. ”
“L’unica ragione per cui sono qui, non so, perché non stai tentando di nasconderlo. Ti stai avvicinando a me ad armi spianate. Sai quello che voglio dire? Tu non sei subdolo. È solo questo che mi interessa. ”
“È evidente. E questo ti piace. ”
“Sì, credo di sì. Um, senti, stavo pensando di andare a vedere un film venerdì, forse Godzilla, ma non ho nessuno con cui andare.

Verr…?”
“Ci sarò. A che ore?”
“Direi alle sette, ci vediamo là?”
“Ci sarà la fila. Sarà meglio incontrarci alle sei e trenta?”
“Sì, probabilmente è una buona idea. ”
“Bene. ” Gli sorrisi: “Il nostro primo appuntamento. ”
Lui mi guardò: “O potremmo dimenticare tutto. ”
“Sei così paranoico. ”

Quella sera, più tardi ero a casa, seduto sul divano col telefono incollato all’orecchio. Suonò tre volte, poi qualcuno rispose.
“Pronto.


“Salve. ” Risposi: “C’è Tiziano?”
“Oh, Tom” Era il padre di Tiziano: “Solo un minuto. ” E appoggiò il telefono.
Un momento più tardi il telefono fu raccolto e Tiziano disse: “Ciao, Tom. ”
“Ehi. Come va?” “
“Non so. Cosa c’è?”
“Bene, non so cosa hai fatto, ma ha funzionato. ”
“Bene. Tu mi devi qualche cosa. ”
“Lo so. Sarò il tuo schiavo per una notte. ” Mia madre mi diede un’occhiata triste dall’altra parte della stanza.

Era da molto che la scioccavo.
“Qualsiasi cosa io voglia, ok?”
“Sì, qualsiasi cosa tu voglia. ”
“Allora, dimmi di lui. ”
“Ok. Dopo che abbiamo lasciato la scuola, siamo andati da McDonald’s. Fra patatine e coca abbiamo parlato. Lui è piuttosto intelligente. Comunque all’uscita sono riuscito a dare una bella palpata al suo culo. ” Mia madre si alzò ed uscì dalla stanza.
“E cosa ha detto?”
“Mi ha detto di smetterla.


“Tutto qui?”
“Questo è tutto. Andiamo a vedere Godzilla venerdì sera”.
“Non male. ”
“Mi aspetto di non guardare molto del film. ”
“Pensi che un film serva?”
“Con te è servito. ”
“Um, sì…ma quello ero io. Savino sembra un po’… sai… um… inesperto. ”
“Come lo sai?”
“Beh, ho sentito che è vergine. ”
“E anche se lo è? Da qualche parte dovrà cominciare. ”
“Sì, devo andare. La cena è pronta.


“Ok, a più tardi. ”
“Sì, a più tardi. ” E appese.

Era giovedì sera; ero a casa, in soggiorno, sdraiato sul divano a guardare la TV. Non saprei dire cosa stava accadendo sullo schermo, ero mezzo addormentato e mezzo perso nei miei pensieri. Un colpetto nervoso sulla mia spalla mi svegliò. Mia madre stava inginocchiata sul pouf con in mano il telefono cordless.
“È per te. ” Non l’avevo sentito suonare.

Presi il telefono, gli sorrisi e lei se ne andò. “Pronto?”
“Tom?”
“Sì. Ciao, Savino, cosa c’è?”
“Sono annoiato. Vuoi guardare un film?”
“Sicuro. Quale?”
“Non so. Potremmo vederci da Blockbustere ne affitteremo uno. ”
“Mi va. Ci sarò in 20 minuti. ”
Quindici minuti più tardi stavo spulciando sulle scaffalature di Blockbuster. Non mi è mai piaciuta particolarmente la loro selezione. Sicuro, c’erano dozzine di copie di tutti i titoli nuovi e popolari, ma se avessi voluto qualsiasi cosa un po’ fuori della normalità non l’avrei trovato.

Alcuni minuti più tardi entrò Savino. Si guardò intorno, mi vide, mi sorrise e si avvicinò.
“Trovato qualche cosa?”
Avevo in mano due contenitori: “Dovrei decidere fra ‘Il club delle babysitter’ e ‘Angus’. ”
Mi guardò per un momento.
“Sto scherzando! Cazzo, un po’ di senso dell’umorismo!”
Lui sorrise: “Non capisco mai quando stai scherzando. Non so cosa realmente aspettarmi da te. ”
“Bene. Diamoci un bacio. ”
“Assolutamente no. Scegli un film.


“Bene. Che ne dici di ‘L’armata delle tenebre?’”
“Cos’è?”
“Non l’hai mai visto?”
“No”
“Oh, allora prendiamolo. Fidati di me, ti piacerà. ”
“Va bene. ” Ma non sembrava molto convinto.
Un paio d’ore più tardi eravamo a casa sua, a metà film.
Sul suo viso c’era un’espressione del tipo ‘cosa diavolo è questo?’ Stava ridendo, ma non penso che fosse sicuro di doverlo fare. A quel punto il padre di Savino entrò nella stanza.

“Puoi abbassare, Savino? Tua madre ed io stiamo andando a letto. Non stare alzato fino a tardi. ”
“Sicuro papà. Lo faremo non appena finisce il film. ”
“Ok. Buona notte, ragazzi. ” Ed uscì dalla stanza.
Io mi chinai all’orecchio di Savino dissi: “Sai, se la genetica funziona, quando sarai più vecchio sarai eccitante come lui. ”
Lui mi guardò scioccato e disse: “Taci!. È una cosa sporca. ”
“Cosa?”
“Tu vuoi mio papà!”
“No, io voglio te.

Però è bello sapere che se ci vorranno 20 anni, tu ne varrai ancora la pena. ”
“Gesù, Tom, lui ha quarantacinque anni!”
“E quindi? Conosci il signor Radi?”
“Intendi l’insegnante di matematica?”
“Sì. ”
“Sì. E allora?”
“Lui ha quarantacinque anni. ”
“E quindi? Cosa…. Oh, non esiste! Tu ed il signor Radi?”
“Sì. E non era niente male anche. ”
Savino cominciò a ridere. Quando si calmò disse: “Sei incredibile sai?”
“È quello che mi è stato detto.


“No, voglio dire che non hai idea di che buco di culo tu sia. ”
“Il problema è che non ho idea di che buco del culo tu abbia. ”
Lui rise di nuovo: “Non ho mai conosciuto uno come te. ”
“Se sono un tale stronzo, perché mi frequenti?”
“Beh, tu fai delle buone cose per la mia immagine. ”
“Um, cosa vuol dire?”
“Prima nessuno si interessava a me, ma ora la gente lo fa e mi parla.


Io risi: “E questa è una buona cosa?”
“Sì. Sanno che niente… capisci…nulla è accaduto tra noi, perché noi continuiamo a vederci. Sanno tutti che appena tu… um… sai… ti fai qualcuno, poi lo metti da parte. Quindi se usciamo ancora vuol dire che non ho fatto sesso con te. ”
“Ah. Logico. Comunque stai prendendo troppo sul serio gli altri. ”
“Forse. Comunque anche se pensassero che tu… um…” Sorrise: “Mi hai fottuto, non me ne preoccuperei.

Almeno finalmente mi considerano. ”
“Oggi stavo guardando su MTV. ”
“Tu… cosa?”
“Stavo guardando su MTV. ”
“Oh, un nuovo programma?”
“Sì. ”
“Quindi stavi guardando MTV. E…?”
“Hai visto il ragazzo nuovo? Jesse qualche cosa?”
“Sì. Il ragazzo con quella voce…”
“Lui. Non pensi che sia eccitante?”
“Io penso che sia irritante. ”
“Beh, anche. ”
“Voglio dire, come può aver trovato quel lavoro con quella voce?”
“Penso che sia stato per la sua faccia.


“Forse. ”
“Posso baciarti?”
“Aspetta… uh…no. Ferma!”
“Ferma cosa?”
“Cambia soggetto. ”
“Andiamo! Solo un bacio. Solo questo per stasera. Lo prometto. ” Andai più vicino a lui e gli misi una mano sulla coscia.
“Tom…”
Mi chinai vicino alla sua faccia.
“Tom, per favore non farlo. ”
“Un bacio. ”
Lui guardò verso la scala: “Potrebbero sentire. ”
“Sì? C’è solo un modo per chiudermi la bocca. ”
“Perché non vai a casa.


Sorrisi: “Va bene. ” Dissi piuttosto forte: “Se tu non vuoi…”
“Taci!” Bisbigliò disperatamente.
“Cosa succederà?”
Mi guardò per un minuto, rabbia e divertimento sulla sua faccia.
Alla fine disse: “Niente lingua. ”
“Niente lingua. ” Mi chinai verso di lui, le mie labbra si mossero verso le sue. Lui cominciò a muoversi per incontrarmi, le nostre facce erano ad un centimetro ed io mi tirai indietro. Lui mi seguì per qualche centimetro ma non ci fu bacio.

Mi alzai: “Buona notte, Savino. Grazie per il film. ”
“Aspetta, ma…”
“Ci vediamo domani a scuola. ”
“Uh, sì. Buona notte. ” Sembrava confuso. Io andai via.

Erano le sei e trenta ed ero davanti al cinema. La fila non era così lunga come mi ero aspettato. Savino non si era visto. Mi aveva evitato per tutto il giorno a scuola, come se non esistessi. Mi ero spinto troppo in là? Alle sei e quarantacinque finalmente lo vidi arrivare in bicicletta.

La legò e venne verso di me.
“Mi stavo chiedendo se non saresti venuto. ” Dissi.
“Mi spiace. Ho avuto una telefonata. ”
“Ah. ”
Prendemmo biglietti e trovammo dei posti. Il cinema era mezzo vuoto. Parlammo di cose futili finché le luci non si spensero.
Mentre proiettavano i trailer si chinò e mi bisbigliò in un orecchio: “Perché ti sei fermato?”
Io mi chinai al suo orecchio e dissi: “Perché tu non volevi.


“No, ma lo stavo per fare. ”
“Perché?”
Fece una pausa, poi disse: “Era solo perché tu lo volevi molto, ed era solo un bacio, non era… sai… qualcosa di peggio. ”
“Mi è stato detto che sono un amante piuttosto bravo. ”
“Non è questo che voglio dire. ”
“Quindi, ora mi baci?”
“Cosa, qui? Assolutamente no. Ci sono persone. ”
“Allora dopo. ”
“Vedremo. ”
Io risi piano.
Dopo il film andammo per un hamburger.

C’erano dei tavolini fuori, prendemmo gli hamburger ci sedemmo e parlammo. Dapprima parlammo del film, ma mentre il tempo passava cominciò a chiedermi un po’ dei miei innamorati precedenti (Le vittime li chiamava. ) di quello che avevamo fatto, come li avevo convinti. Mi sembrava che tutto andasse per il meglio. Alla fine ci dirigemmo verso casa sua. Io rimasi sulla mia bicicletta e ci demmo la buona notte. Lui si avviò ed io feci per ripartire.

Lui si fermò.
“Tom. ”
Io lo guardai di nuovo. Lui si guardò intorno e poi cominciò a muoversi verso l’oscurità sul fianco della sua casa: “Vieni qui. ”
Io appoggiai la bicicletta e lo seguii.
Era fermo nell’ombra e disse: “Niente lingua. ” La sua voce era scossa.
“Niente lingua!” Dissi e mi avviai verso l’ombra.

La settimana dopo passò. Dopo quel primo bacio divenne più riservato ma alcuni giorni dopo tutto ritornò normale.

Lui non mi permise di baciarlo ancora, Era frustrante ma, in un certo qual modo, anche divertente.
Domenica mattina stavo leggendo nella mia stanza quando il telefono suonò. Io ero da solo in casa, così andai a rispondere.
“Ciao?”
“Ehi, schiavo, cosa fai questa sera?”
“Ehi, Tiziano. Non so. ”
“I miei genitori sono fuori di città e stavo pensando…” La sua voce si abbassò.
“Stavi pensando di cuccare, ho ragione?”
“Sì.

Che ne dici?”
“Dannazione. Sto trascurando…. Sarà meglio riprendere l’esercizio. ”
“Grande. Dopo le sei, ok?”
“Ok, ci sarò. ” E riagganciai.

Ero esaurito. Tiziano aveva messo alla prova la sua immaginazione. Forse non avrei dovuto promettergli che avrei fatto qualsiasi cosa lui volesse. Ero sdraiato sul suo letto, le gambe sulle sue spalle. Giudicando dalla sua faccia, era vicino al suo terzo orgasmo di quella sera. Non l’avrei mai ammesso ma ero impressionato.

I suoi occhi erano allargati, la sua bocca aperta e faceva quello strano forte rumore che faceva quando veniva. Spinse dentro di me un altro paio di volte, poi crollò pesantemente su di me. Io allungai le gambe e lui rotolò di fianco respirando pesantemente.
“Questo è tutto?” Chiesi.
“Sì” Ansò: “Questo è tutto quello che posso fare. Sei ok?”
“Penso di sì. Ma domani mattina mi farà piuttosto male. ”
Lui rise: “Grazie, sei troppo gentile.


“Affatto. Una cosa tuttavia. Ho notato che sei venuto tre volte ed io non sono venuto neppure una volta. ”
“E quindi?”
“Vorrei qualche cosa prima di andarmene. ”
“Quindi cosa vuoi che faccia?”
“Potresti farmi una sega. ”
“Perché non te la fai?”
Io guardai sopra la mia testa. “Beh, per una cosa, mi hai legato i polsi alla testata del letto. ”
Lui rise: “Oh, sì. Me ne ero dimenticato. Ok.

” Lui cominciò a masturbarmi. Non ci volle troppo dopo di che eravamo sdraiati uno di fianco all’altro sul suo letto.
“Va meglio?”
“Sì. Grazie. ”
“Nessun problema. Allora come stanno andando le cose con Savino?”
“Lentamente. Senti, potresti slegarmi? Sono un po’ scomodo. ”
Lo fece e cominciai a strofinarmi le mani per riportarle in vita.
“Cosa intendi per lentamente?”
“Solo quello che ho detto. Non ha ancora ceduto. ”
“Sono passate due settimane.


“E quindi. ”
“Quindi penso che tu stia perdendo il tuo tocco. Prima non avevi mai avuto bisogno di due settimane. ”
“Savino è diverso. Lui è più tosto degli altri. Mi piace. ”
Tiziano mi guardò, sulla faccia aveva un’espressione divertita: “Diverso?”
“Sì, diverso. Mi piace parlargli, è intelligente. Lui sa quello che sono ma continua ad uscire con me. ”
“Lui è diverso. Lui è intelligente. Ti piace parlargli. Sai cosa penso?”
“Cosa?”
“Penso che sei innamorato.


Mi alzai a sedere rapidamente e guardai la sua faccia che sorrideva furbescamente. “Cosa? Assolutamente no. ”
“Sì caro. È così completamente ovvio. ”
“Hai torto. I ragazzi si innamorano di me. Io non mi innamoro di loro. ”
Lui cominciò a ridere forte.
“Cosa c’è?” Chiesi.
Lui continuò a ridere, gli scendevano lacrime sul viso. Quando finalmente riuscì a riprendere il controllo disse: “Ci sei dentro. E non lo sai.

Sei così patetico quando tenti di negarlo. Sai cosa vuol dire questo?”
“Cosa intendi?”
“Vuol dire che ho indovinato. ”
“Tu sei pazzo. ” Dissi. “Devo andare. Ci parleremo a scuola, se avrai ripreso il senno. ” Mi misi rapidamente i vestiti sopra il corpo sudato ed andai a casa. Arrivato ignorai le proteste impotenti di mia madre. Lei aveva perso da più di un anno il suo potere su di me. Feci una rapida doccia e poi gettai il corpo nudo sul letto.

Tirai su di me le lenzuola e spensi la lampada.

Un’ora più tardi ero ancora sveglio. Non potevo smettere di pensare a quello che aveva detto Tiziano. Quando tentai di costringermi a pensare a qualche cosa d’altro, finii per pensare a Savino, il che mi fece ritornare a Tiziano. Poteva avere ragione? Poteva essere che fossi inn…
Pensai al tempo che avevo passato con Savino nelle ultime due settimane. Avevo tentato di portarmelo a letto.

L’avevo spinto e lui mi aveva respinto. Non era interessato. Questo è tutto. Avevo tentato continuamente di logorarlo e lui continuava a resistere. Non era amore, io cercavo solo di incularlo.
Chi stavo prendendo in giro? Io non avevo tentato veramente. Dopo il bacio mi ero limitato a godere della sua compagnia. Sì, avevo fatto alcuni sforzi, ma erano deboli sforzi. Se avessi veramente tenuto a lui, ora l’avrei avuto e l’avrei messo da parte.

Messo da parte. Nell’istante che ci ho pensato, si aprì come un buco dentro di me. Non volevo metterlo da parte.
Cazzo! Ero innamorato!
Rimasi sdraiato per non so quanto tempo, sentendomi indifeso. Ma sapete una cosa? Più ci pensavo, meno mi sentivo cattivo. Quando il sole sorse, mi sentivo abbastanza buono. Ero innamorato. E mi piaceva. Cantai sotto la doccia. A colazione parlai a mia madre. Fui gentile con lei. E la spaventai a morte.

Quando arrivai a scuola presi i libri per la prima ora e poi aspettai presso l’armadietto di Savino. Un po’ prima dell’inizio della prima ora, lui arrivò barcollando, sembrava stanco morto.
“Savino” Dissi.
Lui mi guardò intontito, poi sorrise. Aveva un sorriso meraviglioso.
“Ciao. ”
“Mi sembri abbattuto. ”
“Sì, ero in ritardo. Compiti da fare. ”
Mi avvicinai e mi chinai verso il suo viso. Lui sorrise nervosamente e disse: “Cosa stai facendo?”
“Ho bisogno di parlarti” Dissi piano.

“Ok, vai avanti. ”
“No, privatamente. Bigia la scuola oggi. ”
“Cosa? Sei matto?”
“Sì, penso che probabile lo sono. ”
“Cosa intendi?”
“Fallo. ”
“No, non posso non andare a scuola. ”
“Per favore, è importante. Solo questa volta. ”
“Perché?” Ho capito dalla sua che stavo avendo effetto.
“Forza! Non ti chiederò di farlo un’altra volta. Ho bisogno veramente di parlarti e se devo aspettare tutto il giorno esploderò. ”
Lui sospirò: “Ok.

Dove andiamo?”
“Um, che ne dici a casa mia?”
“Va bene, da qualsiasi parte. ”
Uscimmo dell’edificio sentendoci un po’ impacciati. Dopo un breve percorso in bicicletta, arrivammo a casa mia. Andammo in cucina dove gli offrii una bibita e poi ci sedemmo a tavola.
“Bene. ” Disse appoggiando la sua coca cola: “Cosa c’era di così importante. ”
“È questo. La notte scorsa non sono riuscito a dormire. Avevo compreso qualche cosa.

Dapprima mi sono dannatamente spaventato, ma più ci pensavo e più la cosa mi sembrava buona. ”
“Di cosa stai parlando?”
“Prometti che non ti spaventerai?”
“Sì. ”
“Prometti!”
“Ok, prometto. ”
“Va bene. ” Mi leccai nervosamente le labbra. “La notte scorsa ho compreso che ti amo. ”
Lui tacque.
“Mi hai sentito?” Chiesi.
“Um, sì. ” Sorrise. “Mi ami?”
Sembrava quasi pieno di speranza mentre lo diceva.
“Sì. Hai capito?”
“Dillo di nuovo.


“Io ti amo. ”
“Wow. Tom Verdi, il terrore del liceo, mi ama. Dimmi, hai mai amato qualcun’altro?”
“No, loro erano nessuno per me. ”
“Ed io non lo sono?”
“Beh lo sei stato dapprima, ma poi ti ho conosciuto. Allora sei diventato qualcuno. Non so come sia successo. Io non ho voluto che accadesse, ma ora che è successo, mi fa piacere. ”
Lui fece un grande sorriso, un grande sorriso a trentadue denti: “Sai cosa vuol dire questo?”
“Uh, no.

Cosa?”
“Vuol dire che ti ho battuto al tuo stesso gioco. ”
Fu la mia volta di fare una pausa: “Cosa?”
“Io ho giocato il tuo gioco contro di te e ho vinto. ”
“Io non…”
“Game over. Ho vinto. ”
Non lo stavo seguendo: “Cosa stai dicendo?”
“Sto dicendo, Tom, che tutto è finito. ” Lui si alzò ed allungò una mano. Io gliela strinsi automaticamente: “È stata una bella partita. ”
“Savino…”
“Fermati, Tom, ti stai imbarazzando.

Affronta il fatto, ti ho battuto. Ho fatto con te quello che tu hai fatto a non so quanti ragazzi. Ti ho fottuto e ti ho messo da parte, ed ora ti sto lasciando. Tu sei con la schiena a terra, questo è tutto. ” Si girò ed uscì dalla casa.
Rimasi a lungo seduto a fissare il nulla. Ero incazzato. Stavo male. Mi sentivo vuoto. Non sentivo niente. Girai per la casa pieno di autocommiserazione e confusione.

Precisamente alle 14 e 33 avevo avuto una rivelazione che aveva provocato una lacerazione dentro di me.

Doveva essere quello che le mie ‘vittime’ avevano sentito. Io l’avevo fatto ma non sapevo quante persone si sentissero così. L’autocommiserazione porta all’odio per se stesso. Avrei voluto vomitare. Ero andato al di là dello specchio e non riuscivo a guardarmi. Prima di allora avevo sempre pensato di me come di una persona splendida, ma non lo ero.

Io ero orribile. Facevo inorridire. Lasciai la casa, presi la bicicletta e pedalai come un pazzo. Non avevo idea di dove stavo andando, volevo solo andarmene. Ma per quanto andassi veloce, non potevo allontanarmi da me stesso.

Finii al centro studentesco dell’università. Entrai e presi una coca alla caffetteria. Rimasi seduto ad una tavola per un’ora, poi lasciai la coca cola intatta. Andai alla sala giochi e misi una moneta in Street Fighter e per la prima volta vinsi contro il computer.

Quando fui stanco di giocare mi girai per andarmene. Vicino alla porta notai un biondo familiare.
“Michele!” Chiamai. Non ci fu reazione. Mi guardai intorno per vedere se qualcuno l’avesse notato, poi chiamai: “Marco!”
Lui si guardò intorno sorridendo, ma quando mi vide il sorriso svanì. Mi guardò per un momento, poi si girò e se ne andò. Io gli corsi dietro.
“Marco, per favore!” Lo presi per un braccio e lo fermai.

“Lasciami in pace. ”
“Posso parlarmi?”
“No”
“Per favore?”
“Perché? Ce l’hai duro o qualche cosa del genere?” Non mi aveva ancora guardato.
“No, le cose sono… le cose sono cambiate. ”
Lui continuò a camminare.
“Mi spiace!”
Lui si girò verso di me con espressione irritata: “Ti spiace? Sei fottutamente dispiaciuto?” Mi afferrò per la camicia e mi spinse contro il muro: “Hai idea di quello che mi hai fatto? Ce l’hai?”
“Sì, ce l’ho!” Dissi piano.

Lui rise con una risata adirata. “Come puoi? Come puoi sapere cosa vuol dire? Io pensavo di piacerti. Io pensavo finalmente di aver trovato qualcuno con cui stare. Qualcuno che capisse quanto mi stava succedendo. E tu volevi solo un culo da usare. ”
“Hai ragione. Ero uno stronzo completo. Mi spiace. Mi spiace veramente. ”
La rabbia sulla sua faccia diminuì, solo un po’. Scosse la testa come per cercare di scuotere via la confusione: “Cosa stai cercando di fare?”
“Sto tentando di scusarmi.


“Perché? Perché dovrei crederti?”
“Hai ragione. Non c’è ragione per cui dovresti fidarti di me. ”
“E non lo faccio. Dimmi perché dovrei crederti. ”
“Perché è accaduto a me. ”
“Cosa ti è accaduto?”
“Quello che ho fatto a te. Ho incontrato un ragazzo, mi sono innamorato e lui mi usato e poi mi ha scaricato. Io non avevo idea di quello che tu hai provato, ma ora lo so e, veramente, mi spiace.


Lui lasciò andare la mia camicia: “Veramente? Ti ha scaricato?”
“Sì. Lui non mi ha mai voluto bene. Lui sapeva quello che facevo e lo ha fatto a me. ”
“Wow. Mi spiace. ”
Io sbattei le palpebre: “Ti spiace?”
“Sì. Io so come ci si sente e nessuno dovrebbe provarlo. ”
Io scossi la testa: “Non capisco. Io ti ho fatto sentire così di merda e quando qualcuno mi fa sentire così, a te dispiace.


“Sì. Io non cerco vendetta. Tu mi hai fatto qualche cosa di terribile, ma forse ora che sai come ci si sente, non lo farai a nessun altro. ”
“No, non lo farò. Lo giuro. ”
Mi guardò per un momento, un’occhiata di valutazione, poi disse: “Che ne diresti di andare a prendere qualche cosa da bere?”
“Cosa dici?”
“Sì. Forse possiamo tentare di nuovo. Ricominciare, sai? Col piede giusto questa volta. ”
“Dici sul serio?”
“Sì.

C’era evidentemente qualche cosa di te che mi piaceva. Altrimenti non saremmo in questa situazione. Forse potremmo essere amici. Sono accadute cose strane. ”
“Sì” Dissi lottando contro le lacrime. “Mi piacerebbe qualche cosa da bere. ”
Il giorno seguente a scuola ero felice. Marco ed io avevamo parlato per alcune ore. Se non mi avesse infastidito parlargli prima, avrei capito quanto era figo. Aveva anche i più begli occhi marroni che avessi mai visto.

Eravamo amici.
Tra la terza e la quarta ora vidi Tiziano al suo armadietto. Stava parlando con una bella ragazza. Aspettai che se ne andasse poi mi avvicinai.
“Ciao, Tiziano. ” Dissi allegramente.
“Ehi. ”
“Tu e lei…?”
“Sembra di sì. ”
“Stai diventando pigro? Pensavo che tu cercassi sempre nuove sfide. ”
“Ehi, si prende quello che si trova. ”
Gli allungai il mio libro: “Per favore tieni questo. ” Lui lo prese.

Mentre aveva le mani occupate, gli afferrai la faccia, pigiai le mie labbra sulle sue e misi la lingua nella sua bocca. Ci volle qualche secondo prima che reagisse e mi spingesse via.
“Cosa cazzo stai facendo?” Chiese.
Io gli sorrisi: “Hai perso!”.

Racconti immorali

La dolce cuginetta Daniela

Mi ero svegliato per l’odore del caffè che arrivava in camera mia, mi alzai dal letto e, dopo aver indossato un paio di pantaloncini, mi recai in cucina, lì trovai mia cugina.
Indossava una camicia semitrasparente che arrivava appena a coprirle le natiche e per metà sbottonata. Mi avvicinai da dietro e l’abbracciai, le detti un bacio sul collo e le presi le tette fra le mani, subito i capezzoli le si eressero mentre lei cominciò a muovere il culetto strusciandolo sul mio cazzo che subito alzò la testa, lo tirai fuori dai pantaloni e glielo infilai fra le gambe,iniziai a muovermi sfregandoglielo sulla passera.

“Ma come sei già a cazzo ritto di primo mattino?”
“Come faccio a non averlo ritto, arrivo in cucina e trovo una fica come te, mezza nuda che mi si struscia addosso. ”
“Ora, però, fermati che facciamo colazione. A proposito ha telefonato Liliana,ha detto che nel pomeriggio viene a trovarci perché vuole farci una sorpresa. ”
Liliana era una ragazza che avevo conosciuto in quei giorni, aveva la stessa età di mia cugina ed era una sua intima amica, aveva un fisico eccezionale, alta, slanciata, due gambe perfette, natiche rotonde e ben pronunciate, due tette ben fatte e piuttosto grosse, dimostrava più anni di quelli che aveva.

Era conscia di essere una bella ragazza e non perdeva occasione per dimostrarlo, in genere indossava magliette attillate che valorizzavano il seno e pantaloncini aderenti o minigonne ridotte al minimo per evidenziare le cosce e il culetto; con lei mi ero trovato subito bene e ora aspettavo con ansia il pomeriggio per vedere cosa ci aveva preparato. Per il momento avevo un altro problema che dovevo risolvere con urgenza:la mia erezione. Infatti la dolce Danielina si era seduta vicino a me, di traverso, e aveva poggiato i piedi sulla stecca della mia sedia e, per tutto il tempo della colazione, stava aprendo e chiudendo le gambe mostrandomi in continuazione la sua deliziosa gattina.

Resistetti fino al termine della colazione, poi afferrai mia cugina e la feci sedere sul bordo del tavolo, le sfilai la camicetta e, dopo averle allargato le gambe, misi la testa sotto cominciando a baciarle l’interno delle cosce, risalendo verso l’alto passavo la lingua lungo le labbra della sua nocciolina, gliele aprii aiutandomi con le dita, e infilai la lingua leccando avidamente la sua ciliegina.
Le presi il clitoride fra le labbra,lo succhiai,lo mordicchiai con i denti.

Nel frattempo mia cugina si strapazzava le tette strizzandosi e tirandosi i capezzoli: “Basta, non resisto più, voglio il cazzo, ti prego mettimelo dentro, chiavami subito. ”
Sentendo quella richiesta mi staccai da lei, mi tolsi i pantaloni e dopo averla distesa sul tavolo avvicinai l’uccello alla sua fichetta. La sua carnagione bianchissima a malapena tollerava il sole dell’abbronzatura, i suoi seni proporzionati ed i suoi capelli biondi la rendevano quasi diafana e, con la luce che entrava in cucina dal balcone aperto, cominciai a sfregarle la cappella lungo il suo sesso, divertendomi a tormentarla:
“Non ho capito bene, cosa vuoi?”
“Voglio il cazzo!”
“E come lo vuoi il cazzo?”
“Lo voglio nella fica, nel culo, in bocca, mi devi chiavare,inculare,riempire la fica, il culo e la bocca di sborra, la mia passera è diventata di fuoco !”
Le alzai le gambe appoggiandole sulle mie spalle e, in piedi come ero le riempii la passera, rimasi fermo dentro di lei per alcuni istanti, poi cominciai a scoparla; bastarono pochi colpi per fare avere un orgasmo a Dany; sentii i suoi abbondanti succhi bagnarmi il cazzo.

“Fermati ora, mettimelo nel culo!”
Il suo modo di parlare era autoritario, avevo sempre saputo che le donne, quando decidono di lasciarsi andare sono loro a condurre il gioco. Ma quelli erano veri e propri ordini. Una dominatrice che chiedeva al suo servitore di ubbidire al suo volere. Non volli opporre nulla al suo tono improvvisamente autoritario. Uscii dalla sua fichetta, le appoggiai la cappella sul buchetto e lentamente infilai tutto il mio Willy nel suo culetto.

Mentre l’inculavo lei si masturbava stuzzicandosi il clitoride. “Dany, sto per venire!” “No aspetta, lo voglio in bocca, voglio bere la tua sborra. ”
A quel punto mi venne l’idea di prendere la marmellata di mirtilli che era sul tavolo per la nostra colazione e me la spalmai sul Willy. Di sicuro, non mi avrebbe creato un c*** glicemico ma volli fare questo regalo a Danielina che ancora non aveva fatto colazione e, pensai, fosse il caso di vezzeggiarla un po’ fornendole degli zuccheri.

Mi osservò con aria sorpresa e divertita, notando il mio Willy cosparso di marmellata, ancora in erezione. La mia principessina era stata servita. Rimasi in piedi mentre lei, in ginocchio davanti a me, osservandomi con i suoi occhi azzurri e sorridendo, ogni tanto, per quella strana colazione, dopo averlo gustato, in tutta la sua lunghezza, mi prese il cazzo in bocca succhiandolo; nello stesso momento con una mano continuava a sditalinarsi; iniziai a venire riempendole la bocca di brodaglia che lei diligentemente inghiottiva mentre mi ripuliva la cappella, leccando ogni traccia del mio seme.

Dopo aver fatto una doccia ed esserci vestiti siamo andati a spasso. Rientrati a casa, per preparare il pranzo, abbiamo indossato degli abiti da casa, io dei pantaloni corti e Dany la solita canottiera senza nulla sotto; finito di pranzare la zia dovette uscire subito perché aveva da fare in negozio, dopo poco arrivò Liana. Era uno schianto, indossava una camicetta annodata sotto il seno, la scollatura lasciava le tette scoperte fino quasi ai capezzoli; completava l’abbigliamento una gonna scampanata che partiva un palmo sotto l’ombelico e le copriva a malapena le natiche:
“Sei fantastica Liliana!”
“Trovi?”
Così dicendo fece un giro su se stessa, il movimento fece sollevare la mini scoprendo un minislip che davanti copriva a malapena la fica, dietro si trasformava in un filo che spariva fra le natiche lasciandole il culo completamente scoperto.

“Allora…. – disse Dany – qual è la sorpresa che ci hai preparato?”
“Ho trovato un film porno lo vogliamo vedere?”
Andammo in sala e, dopo aver preparato il videoregistratore, ci sedemmo sul divano, io mi misi al centro tra le due ragazze; il film iniziò con due splendide donne, che dopo essersi spogliate iniziarono a carezzarsi,baciarsi fino a che si sdraiarono sul letto cominciando uno splendido sessantanove,la telecamera mostrava degli splendidi primi piani delle lingue che si introducevano dentro le passere, che stuzzicavano i clitoridi.

La visione di quelle immagini produsse in noi una certa eccitazione, io mi ritrovai con un bozzo nei pantaloni che inutilmente cercavo di dissimulare muovendomi sul divano, i miei movimenti attirarono l’attenzione di Liana che si accorse della mia eccitazione.
“Guarda Dany che effetto che fa a tuo cugino la visione di questo film. ”
Nel dire questo mise la mano sul mio cazzo, stringendolo così da evidenziare ancora di più l’erezione: “Non vale, ve ne approfittate perché la mia eccitazione è evidente, ma scommetto che anche voi siete eccitate, anzi voglio proprio vedere.


Così dicendo allungai una mano verso mia cugina, le carezzai i seni sopra la conottiera sentendo i capezzoli ritti, scesi lungo il ventre, arrivai alla fica e mentre lei allargava le gambe le infilai un dito dentro. “Questa è un lago, sentiamo l’altra. ”Mi girai verso Liliana, che continuava a stringermi l’uccello, le misi la mano sopra una coscia dove terminava la mini, iniziai a risalire portando in alto l’orlo della gonna fino a che non le scoprii le mutandine.

Vi poggiai la mano sopra massaggiandole il monte di Venere, lei emise un lieve mugolio mentre allargava le cosce permettendo ad un mio dito di insinuarsi nel cavallo degli slip e di venire a contatto con la sua nocciolina.
Feci scorrere il dito lungo le grandi labbra, glielo infilai dentro trovando anche lei piena di umori, estrassi la mano dalle mutandine e mostrando il dito umido dissi:
“Volete sempre negare di essere eccitate?” Risposero quasi contemporaneamente: “Per dire la verità sentiamo un certo vuoto nelle nostre topine e speriamo che tu possa rimediare.


Mentre mia cugina mi apriva i pantaloni impossessandosi del mio cazzo e iniziando a leccarlo Liana si mise in piedi di fronte a me, dopo aver sciolto il nodo della camicetta se la tolse mostrandoci le sue splendide tette, si prese entrambe le mammelle con le mani carezzandole, prese i capezzoli tra le dita tirandoli e facendoli sporgere più che mai, scese con le mani lungo il ventre fino alla gonna che fece scendere lungo le gambe sfilandola dai piedi.

Quando si girò, facendoci vedere le sue natiche lasciate completamente scoperte, afferrò il bordo delle mutandine abbassandole.
Accompagnò quei pochi centimetri quadrati di stoffa fino ai piedi piegandosi in avanti e facendoci deliziare alla vista del suo culo. Dopo essersi tolta le mutandine si girò verso di noi facendoci vedere il suo bel fichino.
Era splendido, un artista non avrebbe saputo ritarlo con più grazia e delicatezza. La sua conchiglia era circondata da pochissimi peli biondi quasi invisibili, sembrava quella di una bambina.

Quanti atti di devozione in quella mattina d’estate. Mi sentivo un sacerdote laico che accettava atti di devozione da parte delle sue catechiste in adorazione del dio Priapo. Liana si inginocchiò fra le mie gambe e aiutò Dany a leccarmi l’uccello, si alternavano, una mi leccava il tronco, l’altra pensava alla cappella fino a che Liana, imboccato tutto il cazzo cominciò a succhiarmelo avidamente. Mia cugina si tolse la canottiera rimanendo anche lei nuda,avvicinò il suo volto al mio, tirò fuori la lingua passandomela sulle labbra e ci baciammo con amore intrecciando le nostre lingue.

La mia Danielina prese la mia mano portandosela sulla fringuella ed iniziai a carezzargliela, riuscii a penetrarla con due dita per un ditalino. Il lavoro della bocca stava per farmi godere, ma non volevo venirle in bocca, volevo entrare in quella fragolina quasi implume:
“Ferma Liliana, ora voglio scoparti per bene. ”
Lei si alzò in piedi e, mentre mi spostavo sul bordo del divano, lei si
mise sulle mie gambe, mi prese l’uccello in mano e avvicinando la fica si
fece penetrare, prese a muoversi lentamente sul mio cazzo scandendo il ritmo della scopata, allungai le mani sulle sue tette carezzandole, poi avvicinai la mia bocca, tirata fuori la lingua, le leccai i capezzoli, li presi in bocca succhiandoli, stringendoli tra i denti.

Dany, per non restare inoperosa, si inginocchiò tra le mie gambe e tirata fuori la lingua prese a leccare il culetto di Liana, dopo averlo lubrificato ci infilò un dito, mentre l’inculava scese con la lingua sulle mie palle le prese in bocca una per volta succhiandole, risalì con la
lingua e prese a leccare sia la fica di Liana che il mio uccello.
Dopo un poco arrivammo all’orgasmo, Liana si abbandonò sul mio corpo mentre sprizzavo riempendola.

La mia adorata cuginetta si impossessò del mio Willy e succhiò le ultime gocce di seme,poi fece sdraiare Liana vicino a me, si inginocchiò tra le sue cosce spalancate e, tirata fuori la lingua, prese a leccarle la fica ripulendola dai suoi umori e dalla mia brodaglia.
Vedevo la sua lingua penetrare tra le grandi labbra, estrarre tutti i succhi che venivano inghiottiti avidamente. Contemporaneamente con le dita stuzzicava il clitoride provocando nuove ondate di piacere in Liana;quella visione mi provocò una nuova erezione, mi alzai dal divano, andai dietro Dany e dopo averle allargato le natiche con le mani presi a stuzzicarla con il cazzo passandolo dal culetto alla fica,interrompendo per un attimo il suo lavoro mi disse:“Chiavami, la mia topina ha fame, vuole essere riempita dal tuo uccello.

” Entrai lentamente dentro di lei gustando il calore della sua passera, poi presi a scoparla mentre prendevo in mano le sue tette carezzandole;sentivo il mio piacere aumentare, ma non volevo venire nella sua fica,perciò uscii da lei e avvicinai il cazzo al suo culo, appoggiai la cappella al buchino e lentamente la feci entrare, attesi un poco per farla rilassare poi le infilai tutto l’uccello nel culo; presi ad incularla lentamente mentre con le mani le facevo un ditalino.

Dopo poco arrivai all’orgasmo le riempii il culo con lunghi spruzzi disperma, mentre anche lei veniva inondandomi le mani con i suoi succhi,come ci staccammo Liliana si precipitò su di noi ripulendoci con la sua lingua avida. Ci mettemmo di nuovo a sedere sul divano scambiandoci dei baci,intrecciavamo le nostre tre lingue insieme, passando le braccia dietro le loro spalle presi i seni in mano carezzandoli e stuzzicando i capezzoli, loro due, con le mani, si occupavano del mio cazzo, lo carezzavano, lo scappellavano; riuscirono a farmi avere una nuova erezione, a quel puntosi chinarono sul mio uccello iniziarono a farmi un pompino, una mi leccava il tronco, l’altra mi succhiava la cappella fino a che ebbi un altro orgasmo, sborrai riempiendo i loro volti di sperma che subito si ripulirono vicendevolmente.

Facemmo appena in tempo a rivestirci e a sistemare la casa prima del ritorno di mia zia, ma ci ripromettemmo di ripetere l’esperienza alla prima occasione.

La loro prima volta….. in tre

Dopo l’ennesima discussione su whatsapp col mio “compare di marachelle” avevo deciso che era giunto il momento di rimpiazzarlo, di cercarne uno più “stabile”, allora il giorno dopo, recuperato un vecchio profilo su un sito di incontri, caricate nuove foto non troppo esplicite ma accattivanti ho iniziato a valutare alcuni tra i mille profili di ragazzi arrapati che mi scrivevano, risposi ad uno in particolare, ora nn ricordo cosa mi aveva attratta di quel profilo, forse le foto ke sembravano reali, iniziato a chattare, gli confesso la mia bisessualità e il mio gusto x le donne, lui coglie al volo l’occasione e mi dice di avere un’amica con la quale da tempo cercano una bisex….

In un weekend combiniamo l’appuntamento, lei vive da sola, quindi saremo suoi ospiti, iniziamo a chattare in gruppo, ma anche io e lei da sole, fino al lunedì pomeriggio. Come tutti i lunedì sera, anche quel lunedì sono andata in piscina, a fine lezione, stavolta, ho fatto una megadoccia, mi sono rilassata, poi ho indossato un bel reggiseno di pizzo nero, una culotte di raso grigio fumo con i merletti neri, ho asciugato bene i capelli, mi sono truccata leggermente gli occhi, vestita normalmente mi sono messa in macchina e 25 km dopo ero a casa di lei.

la vedevo per la prima volta (oltre alle pochissime foto che ci eravamo scambiate su whatsapp) , mi appare sulla porta una ragazza molto in carne, un viso bello tondo, un faccione che ispira dolcezza, occhi, labbra, naso tutti piccoli, indossa un paio di jeans ed un maglione nero lungo, si intuisce solo che è un po (più di un po 😛 ) in sovrappeso(ma dopotutto, anche io nn sono da meno).
Mi fa accomodare, ci salutiamo con un abbraccio, ovviamente siamo impacciatissime, ma ci sta, ci sediamo in sala da pranzo, mi offre un thè freddo alla pesca (su mio precedente suggerimento 😉 ) e iniziamo a chiacchierare un po, poco dopo mi fa fare il giro della casa: una stanza “funzionale” che diventerà una cameretta – mi dice lei – mi fa vedere il bagno, non grandissimo ma molto pratico, con un tocco di stile, per finire la camera da letto, ha stile anche qui, mi fa vedere che sia sull’armadio che dietro/sotto il letto ci sono dei faretti che accesi singolarmente danno alla camera una bella atmosfera intima, data dalla soffusa luce blu, decidiamo di lasciare acceso solo il faretto dietro il letto, allora mi avvicino a lei che è tesissima, la abbraccio e le accarezzo il viso, le braccia, i fianchi….. senza forzare troppo cerco di baciarla, lei è tesa, decide di spogliarsi da sola, io faccio lo stesso, x entrambe via scarpe, calzini, pantaloni, maglioni….. ci trovimo: io in reggiseno e coulotte, lei in perizoma, reggiseno e una canottiera che ha tenuto su tutto il tempo (credo perché si vede “cicciona”), ci siamo messe sul letto, per lei era la prima volta con una donna, allora il gioco è tutto in mano mia, inizio ad accarezzarla, baciarla tutta, prima da sopra i pochi vestiti che ci sono rimasti, lei imbarazzata cerca di imitarmi, inizia a sciogliersi, ci accarezziamo a vicenda, ci concentriamo un po l’una sui seni dell’altra, lei accarezza i mie, ancora fermi nel reggiseno, io delicatamente scosto il suo cercando e trovando uno splendido capezzolo, lo bacio, lo lecco, lo succhio, ogni tanto lo intrappolo tra i denti e la lingua, lei geme, si sta eccitando, mi accarezza come può, torno su, la bacio, la vezzeggio, mi giro sotto sopra, le accarezzo i piedi (è il debole di entrambe 😀 ) mi avvicino col viso, le faccio sentire il mio respiro, poi dolcissime le mie labbra li baciano, prima chiuse, poi le schiudo x farle sentire un lieve umido, freme mi chiama, mi cerca con le mani, allora lascio delle lievi scie di lingua a mio piacimento su quei piedi (sul dorso dei piedi), inizio a risalire, la mordicchio leggera vicino alla caviglia, avrebbe schizzato se avesse potuto….. mi giro ancora e torno a baciarla, nei suoi occhi c’è tanta lussuria, vorrebbe che fossi un uomo così da potersi far penetrare all’istante, ma non lo sono, allora decide di volerci provare lei, mi toglie il reggiseno e mi accarezza i seni, cerca i miei capezzoli, inizia a leccare il primo, ma a quel punto suona il campanello, lei si alza, si sistema un attimo e va ad aprire la porta, è arrivato il suo amico, il fortunato di turno….. io aspetto lì, sul letto, con addosso solo quella specie di slip….

rientra in camera, lui la segue dopo pochi secondi, ma lei è già tornata sul letto con me, abbiamo ricominciato ad accarezzarci, la presenza di lui la rende più sfacciata, si scioglie di più, il nostro comune obbiettivo è godere e farlo impazzire, mi cerca le labbra, mi bacia, ci accarezziamo, lui si avvicina, la sola idea di avere due porcelle così lo eccita all’inverosimile ed il suo pene è già duro, si spoglia velocemente, io faccio stendere lei, lui le da subito il suo attrezzo in bocca, i convenevoli sono stati saltati, io le prendo ancora un capezzolo in bocca, l’altro tra le dita, lo stringo appena, freme di nuovo, ora è eccitata, si farebbe prendere, usare e abusare da chiunque ora, ma ci sono – solo – io che mi sistemo tra le sue gambe, e inizio a baciarle le cosce cicciotte, l’attacco dell’inguine, ha ancora addosso il perizoma, è tiratissimo, inizio a leccare le grandi labbra, con la lingua scavo sotto il tessuto del piccolo perizoma cercando le piccole labbra, sente la mia lingua che la brama, smette di succhiare per regalarmi una forte serie di gemiti, ma vuole di più, lascia in sospeso l’amico e si sfila il perizoma, aprendomi le cosce più che può, non posso resistere a quella visione, allora la mia lingua si attacca a quella fichetta, è glabra, i pochi peli si percepiscono appena, mi concentro sulle piccole labbra e sul clitoride, purtroppo ha il ciclo e non posso andare oltre, l’assorbente interno la protegge, allora solo usando la lingua la stimolo fino a che sento che ormai è in orbita, la lecco come mai ho leccato una fica prima d’ora, lei cerca di succhiare l’uccello del suo amico tra i gemiti che continua quasi senza sosta a regalarmi, si ferma solo per dire al suo amico che la lecco da sballo….

cosa che non fa altro che compiacermi e spronarmi a farla impazzire ancora di più, il fortunello a quel punto decide che vuole giocare con me, mi si mette dietro, mi abbassa la coulotte e mi scopa senza convenevoli, non è grosso, nemmeno lungo, x la verità al di sotto della media a cui sono abituata, ma è durissimo, scopa discretamente, e io sono già un lago, lo sarebbe anche la mia lussuriosa amica, sotto la mia lingua, se nn fosse “tappata”, lui mi scopa e io lecco con ancora più foga, lei lo incita, lui sbatte forte, veloce, poi si stende, per ricevere le attenzioni delle bocche di entrambe per il suo gioiello, ci scambiano il suo pene come fosse il microfono del karaoke, un affondo in gola a testa, a turno, lo sentiamo impazzire, geme forte…..lei gli monta su, lui le allarga le natiche, non resisto, mi posiziono dietro il suo sedere e inizio a leccarle il buchino, lui le chiede: cosa sta facendo la troia?… lei: mi sta infilando la lingua in culo….

è bellissimo!!!…. le ho bagnato per bene la rosellina anale, ho afferrato l’uccello di lui, e leccavo sia lui che il buchino anale di lei per agevolarli, ma lui non era soddisfatto, la fa mettere a 90° e cerca di incularla violento, lei gli diceva di fare piano, voleva il lubrificante, avendo il ciclo era molto sensibile, allora l’ho spinto sul letto e mi sono messa a succhiargli l’uccello, così lei è potuta andare a prendere il lubrificante, al suo ritorno mi sono spostata io, sono tornata in cucina a dalla tasca del mio giubbotto ho preso due guanti in lattice (usa e getta), tornata in camera ne ho posato uno e infilato l’altro alla mano destra, ho preso il gel e ne ho messo un po sulla mano guantata, le ho unto l’ano, infilando pochissimo un dito, a questo punto ci siamo posizionate entrambe a pecora, io col mio ingombrante sederone rivolto al lato del letto, lei alla mia destra col suo culetto puntato verso di me e la faccia alla testiera del letto, lui si alzato, è venuto dietro di me, e appena ha iniziato a scoparmi, mi incitava anche a penetrare il culo di lei con la mano, io mi godevo quel cazzo ke mi esplorava la fica, ma quello ke mi eccitava di più era il culetto di lei, proprio a portata di mano, accoglieva con dolci gemiti prima un dito, poi due, con due dita le scopavo il culo, lei gemeva, godeva del mio tocco, delicato e dilatatore, infilavo ed estraevo le mie dita dal suo culo, le infilavo ancora e quando erano dentro, le muovevo, premendo sulle pareti del suo ano, che si ammorbidivano e cedevamo facendola gemere sempre di più….

sentendola godere in quel modo, il fortunello non ha resistito, le ha ordinato di girarsi col culo verso di lui, ora ci guardavamo in faccia io e lei, lei col cazzo che le occupava e le esplorava, violento, il culo ormai aperto, le si leggeva in faccia la il godimento e la lussuria di quell’assalto, mi sono distesa quasi accanto a lei ma in modo da infilarmi in parte sotto di lei, così potevo baciarla, accarezzarla, sentire i suoi seni poco più piccoli dei miei, sbattere contro i miei, a piacimento baciavo lei e poi i suoi seni, poi ne ho afferrato uno e l’ho succhiato forte, più forte che potevo, sentivo i suoi fremiti, li ha avvertiti anche il fortunello, che x divertirsi di più ha mollato il suo culo, e si è rintanato nella mia fica che era rimasta in attesa… mentre io continuavo a succhiare il seno di lei, ora lei era libera di muoversi, allora decide di ricambiarmi un po il favore, girandosi sempre a pecora sul letto, stavolta il suo culetto era fuori dalla portata di entrambi i possibili assalti, ma per divertirci entrambe mi mette in faccia i suoi meravigliosi seni e si attacca ai miei, mentre lui continua a scoparmi, a chiamarci troie, lesbiche, puttane, il turpiloquio lo eccitava, ed eccitava anche noi….

dopo un po, si stende e vuole le nostre attenzioni, ma da brave stronze puttanelle, davanti ai suoi occhi, ci scambiamo uno sguardo d’intesa, lasciamo lui su un angolo del letto e ricominciamo ad accarezzarci, a stuzzicarci, baciarci e leccarci tra di noi, intanto lui anche se messo da parte, era talmente eccitato dallo spettacolino che aveva sognato per anni (eravamo il suo fil porno in diretta) che non resisteva all’impulso di menarselo, proprio come se stesse guardando un porno (durante le riprese)….

io ogni tanto davo un’occhiata al fortunello, vedevo la sua eccitazione, allora ho detto a lei: dai, torniamo da lui, guarda come si sente solo ;)…allora ci siamo messe una da un lato e una dall’altro, a turno lo prendevamo in mano, e lo mettevamo in bocca all’altra, lei usava spesso sia le mani che la bocca, io lasciavo che la sua mano lo guidasse nella mia bocca, poi erano le mie labbra a segarlo, mentre la mia lingua gli massaggiava la cappella….

lui volle farsi leccare il buco del culo, non potevo chiedere di meglio, lo feci, e appena la mia lingua accarezzò la sua rosellina, lo sentì gemere, e la rosa si aprì al mio tocco, gli dissi che era una puttanella anche lui, lo dissi a lei: guarda come si sta aprendo per me, per noi :)… ebbe un momento di timore, e disse che non gli piaceva quel gioco, scherzando gli ho sollevato e piegato le gambe col mio stesso corpo a fare da fermo, lasciando il suo buchetto ancora vergine, esposto al “pericolo”….

con la mano guantata ho accarezzato quel buchino che sembrava pronto ad aprirsi, lo abbiamo leccato a turno, io, poi lei, poi ancora io….. era così bagnato e lui gemeva e godeva delle nostre lingue, il cazzo gli pulsava, allora ho lasciato andare le sue gambe, concedendogli una posizione più comoda e piacevole, a gambe distese, io mi sono messa al suo lato, per prendergli il cazzo in bocca comodamente, lei, la sua amante da una vita, tra le sue gambe,la sua mano era più piccola della mia, lei desiderava fargli provare la sensazione di avere il culo occupato da sempre, così, è stato il suo piacere, mentre io gli segavo il cazzo con le labbra, dando una succhiatina qui e la, infilarle dolcemente un dito nel culo, lento e dolce, ma tutto il dito, poi due, e iniziare a stuzzicargli, sotto mie indicazioni, la prostata, con la l’altra mano gli accarezzava le palle e ogni tanto quello che lasciavo del suo cazzo, i suoi gemiti erano forti, intensi, profondi, e sempre più veloci, più vicini, sentivo le pulsazioni del suo cazzo sulle labbra, allora chiudendole intorno al cazzo ho iniziato a succhiare più forte che mai, finché lui, con due dita nel culo, una mano a reggergli e stuzzicargli le palle, e la mia bocca ad aspirargli il cazzo, ci si è svuotato dentro, ho continuato a succhiare fino a quando non si è ritirato e ammosciato, stando molto attenta a non deglutire mai, quando ho mollato, lui era sfinito quasi abbandonato sul letto, lei mi guardava quasi ammirata, il suo cazzo non aveva più un briciolo di energia, allora mi sono sollevata, avvicinata a lei, le ho accarezzato il viso, poi afferrata per il collo l’ho attirata a me, per baciarla, e condividere il frutto delle nostre fatiche, sotto gli occhi increduli ed esterrefatti di lui abbiamo continuato per diversi secondi a scambiarci quel lungo bacio sborroso, sporcandoci e pulendoci a vicenda il viso con le nostre lingue, fino ad ingoiare tutto….

Con un mio ex compagno di classe

Che cose strane capitano nella vita… per anni siedi accanto ad un tuo compagno di classe,passi assieme cinque anni della tua vita e mai immagineresti che un giorno ci avresti fatto del sesso.
Beh a me è capitato la scorsa estate ed è stata una cosa davvero sorprendente ed eccitante.

Con Franco non ci vedevamo dai tempi delle secondarie; le avevamo fatte insieme dal secondo anno, in quanto lui è ripetente, un anno più di me. Simpatico, un pò sbruffone, scansafatiche, ma grande atleta, giocava a calcio nella squadra del mio paese ed ogni tanto capitava anche di giocare assieme in qualche partitella che si faceva tra amici.
Io, già allora, provavo strani sentimenti nei confronti del mio stesso sesso, ma non avevo ancora iniziato a travestirmi.

Certo che l’uccello di Franco si faceva notare sotto la doccia, tutti lo prendevano in giro per quella verga di circa 24 cm di cazzo ed anche io fingendo.
Ma,a volte, quando mi masturbavo nel bagno di casa indossando i collant di mia zia, immaginavo di avere il suo cazzone tra le mani.
Da allora sono passati quasi 27 anni, oggi alla bella età di 53 anni e con quasi 21 di travestimento alle spalle, e una grande quantittà di cazzi presi, la scorsa estate, in occasione di una delle solite cene di classe, ci siamo rivisti.

A dire il vero lui se le è sempre fatte tutte, le cene, io invece che sono allergica a questo tipo di iniziative non vi ho mai partecipato; ma la scorsa estate quando mi è arrivato l’ennesimo invito ero sola, la mia famiglia era in vacanza e perciò decisi di parteciparvi.
La cena era stata organizzata in un ristorante verso Fabriano. Vi andai, ovviamente normale, ma visto che ero sola e la serata era di quelle calde programmai per il dopo cena, una trasformazione per diventare Lucrezia e andare a cercarmi un bel cazzo che mi scopasse.

Il pomeriggio come mio solito mi preparai con bagno, pulizia accurata del mio culetto e uso abbondante di creme. Prima di uscire preparai una borsa con tutto il necessario per il travestimento e partii alla volta del ristorante.
Arrivai verso le 20,30, e trovai quasi tutti, compreso Franco, ci salutammo calorosamente, 27 anni incominciavano a notarsi.
Lo trovai più invecchiato di quanto immaginassi, un pò di pancia, ma lo spirito era sempre quello.

A cena sedemmo vicini e parlammo molto, mi raccontò la sua vita, un matrimonio alle spalle, 2 figli oramai grandi e sposati anche essi. La sua vita che si divideva tra il lavoro con un impresa edile e la campagna, dove viveva da solo in un posto tranquillo e isolato, perchè, come diceva lui, non voleva rotture di coglioni. Mentre parlavamo mi ritornava alla mente sempre quel suo cazzone e mi immaginavo ora a 54 anni come potesse essere.

Verso la fine della cena, eravamo tutti un pò alticci, e mentre alcuni iniziavano ad andare via, noi continuavamo a parlare delle nostre vite ed io provai a stuzzicarlo con l’argomento sesso, donne ecc..
Franco fu abbastanza schietto e mi disse che dopo il divorzio, non ne aveva voluto più sapere di legami, anzi mi confessò ad un certo punto che da qualche tempo aveva scoperto il mondo delle trans. A quella parola rimasi di sasso sgranando gli occhi, lui ridendo e dandomi una pacca sulla coscia, mi dissi, – si hai capito bene, lo dico a te perchè ti ho sempre ritenuto una persona discreta, i trans sono molto più maiali delle donne, gli puoi fare di tutto e loro adorano farselo fare.

Ero allibita e immaginate quanto la cosa potesse essere stata rivelatrice per me; di colpo sentii salire dentro di me un gran fremito di eccitazione. -Franco tu mi stai dicendo che ti scopi dei trans?-,
-sì oramai sono circa quattro anni che scopo con loro e se capita anche qualche bel travestito, ce ne sono alcuni che sono mille volte meglio di una donna e sapessi che bello quando affondo il mio cazzo nel loro culo, le faccio urlare di piacere e qualcuna urla anche per il dolore-.

-Immagino…con quel cazzo che ti ritrovi, ma ancora ti diventa duro ? mi ricordo che avevi una bestia, ti prendavamo anche in giro, ricordi?- Lui facendo una gran risata si mise una manno sul pacco muovendoselo e mi disse, – caro mio, funziona ancora perfettamente e quando lo vedono strabuzzano gli occhi, ma quando lo prendono urlano di piacere-.
Ero tutta eccitata avrei voluto prendergli il cazzo tra le mani e succhiarlo, ma come fare.

Era oramai quasi mezzanotte, ed eravamo rimasti solo noi, eravamo decisamente ubriachi e il problema era di tornare a casa. Franco mi propose di ospitarmi per la notte da lui, le camere non gli mancavano e la casa era a 5 km dal ristorante, colsi al volo l’invito, ero talmente infoiata e senza più nessun freno che ero pronta a provarci.
Arrivammo a casa sua, un casolare effettivamente isolato in cima ad una collina, era una notte di luna piena e si poteva ammirare il panorama fantastico che si vedeva da lì.

Franco entrò a casa e mi fece vedere la mia camera e mi indicò il bagno, dopo di che mi disse che si andava a sdraiare sul prato per godersi le stelle: lì shittò la mia follia, mi dissi -adesso o mai più, o la va o la spacca.
Mi travesto da troia, mi trucco e vado da lui e vediamo che succede-. Andai al bagno con la borsa, mi misi un bel perizoma di pizzo nero, mi unsi tutto il corpo d’olio profumato, mi infilai un minibito aderente e scollatissimo, calzai dei sandali con tacco a spillo 12cm, poi mi truccai sapientemente, ed infine indossai la mia parrucca mora riccia, mi specchiai ero una gran bella troiona.

Con il cuore che batteva a duemila, uscii dal bagno e andai verso la porta d’ingresso, sbirciai fuori e lo vidi seduto su una sdraio, si era tolto la camicia ed era rimasto con le mutande, perfetto.
Da dentro casa lo chiamai, -Franco, quasi quasi vengo a prendere una boccata d’aria anche io- e mentre dicevo così uscii, lui si voltò e rimasse per un attimo bloccato. – Ma…. che cazzo….. ma Roberto, sei tu?-, – si Franco, a dire il vero ora sono Lucrezia-, ero ferma sulla porta, lui si mise a ridere, – ahahahaha, ma dai non mi dire, tu un travestito, non è possibile ed io che credevo….

– -che credevi? sono 27 anni che sogno di prendere in mano quel tuo cazzone-, dicendo così iniziai ad avvicinarmi a lui. Franco si alzò, e mi guradava mentre andavo verso di lui, -cazzo Rob, scusa Lucrezia ma lo sai che sei una gran vaccona e che bel culone che hai, non lo avrei mai immaginato-. Oramai ero davanti a lui, il suo pacco era diventato duro e la punta del suo glande oramai era fuori, ci guardammo negli occhi ed io gli afferrai il cazzo in mano, un fremito mi scosse il corpo a quel contatto, dopo 27 anni finalmente avevo tra le mie mani quel cazzo che mi aveva fatto sognare..
Eravamo uno di fronte all’altra, io che ghermivo il suo cazzo duro e venoso e lui che mi aveva messo una mano tra le natiche e giocava con il mio ano.

Fummo presi da una frenesia sessuale accentuata anche dai fumi dell’alcol, in men che no si dica le nostre lingue si intreccivano spasmodicamente, lui mi spinse addosso al tronco di un albero mentre con le sue mani ruvide, passava dal palpare il mio culo ai miei seni, in un vortice di passione sfrenata, io segavo il suo cazzone sempre più duro, l’odore del suo sesso mi mandava fuori di testa.
Ad un certo punto scivolai in ginocchio e mi ritrovai il suo cazzo in bocca, non riuscivo a prenderlo tutto era troppo grosso, lui me lo spingeva dentro e quasi mi soffocò.

Me lo staccai un attimo per prendere fiato, ma lo ripresi subito in bocca, leccandolo avidamente e bagnandolo con tutta la saliva che avevo, ogni tanto lo tiravo fuori e me lo strusciavo, così viscido, tra i seni e lui – che vacca che sei Robè, si vede che ti piace proprio il cazzo, hai una bocca calda come una figa, me lo farei spompinare le ore, ma voglio anche assaggiare il tuo culo-.

-Sentirai quanto è caldo anche lui-, gli risposi, mentre lui prendeva con le mani quella verga e me la sbatteva in faccia. L’aria era carica di elettricità e di odore di sesso, le mia piccola pisella si era indurita e lui se ne accorse, mi fece tirare su mi girò e si sdraiò sotto di me ed inizio a succhiarla, – mmmmm che pisellina che hai senti come è dura sembra un clitoride, certo che non potevi che fare la travesta co sta cosina-; – è già- gli risposi,- dal momento che le donne non mi interessano più da tanto tempo ora è solo a disposizione dei maschi porcelloni come te-.

Me la succhiava con maestria mentre con la mano mi tirava i testicoli mosci. Poi cambiammo ancora posizione e ci mettemmo a fare un bel sessantanove, io sopra di lui che ripresi a sugargli il cazzone e lui che mi leccava la pisella ma che soprattutto con le dita iniziava a scoparmi il culo, prima con uno e poi via via fino a infilarne tre, lubrificandomi il culo con della saliva. Questa azione mi fece quasi godere, ma riuscii a stento a trattenermi.

Visto l’alto tasso erotico che avevamo raggiunto era il momento di passare a qualcosa di più intenso, mi rialzai e andai a prendere nella borsetta il mio gel lubrificante, che mi misi sull’anno e che spalmai un pò anche sul cazzo di Franco. -Allora tesoro hai deciso lo vuoi prendere tutto ed io non vedo l’ora di dartelo, farò piano all’inizio ma vedrai ti farò uralre di godimento, tanto qui non ci sente nessuno-.

Mi piegai a pecora appoggiandomi sulla sdraia e lui si mise dietro di me e mi punto il cazzo sul mio ano ed iniziò lentamente a farlo entrare, iniziai a sentrlo insinuarsi dentro di me e riempirmi, lo feci fermare un attimo per far allargare bene il mio culo e poi gli dissi di continuare a infilarlo tutto fino alla fine. Ah, che goduria quando entro tutto dentro mi sentivo il culo pieno e lui che mi disse – mamma mia Lucrezia che culo bollente che hai è fantastico come il burro- dicendo così inizio a lentamente a scoparmi, io ero talmente eccitata che il mio clito che si era smosciato di nuovo comunque gocciolava di piacere: – Dio Franco che cazzo che hai mi fai morire, scopami, scopami- gli urlai, e lui non se lo fece ripetere ed inizio a scoparmi con più decisione, il suo cazzo era talemnte grosso che ad ogni affondo mi massagiava la prostata e mi provocava intensi spasmi di godimento, – che gran vacca che sei, devi diventare la mia troia fissa, cazzo, Lucrezia devi essere la mia femmina, ti voglio sfondare per bene- e mentre diceva così mi assestava dei colpi poderosi che facevano sbattere la mia pisella moscia sulla pancia.

Oramai il mio culo era diventatto una vera figa, il suo cazzo entrava ed usciva senza problemi e mentre mi scopava in questo modo godei come una vacca, sbrodolando tutta, ma rimasi eccitata, e con ancora più voglia del suo cazzo che non si stancava di affondare nel mio culo.
Dopo un pò che mi scopava a pecora decidemmo di cambiare posizione, lui si sdraio sull’erba e ed io mi sedetti sul suo palo di carne che scivolo dentro di me, e cos’ continuammo lui che mi sbattave con colpi sempre più forti ed io che mugolavo di piacere, fino a quando sentii che iniziava a muoversi con un ritmo sempre più frenetico fino a quando uralndo mi disse – ecco troia prendi tutta la mia sborraaaaaaaa- e mi venne dentro inondandomi tutta.

Con i nostri corpi che fremevano per l’eccitazione, mi sfilai il cazzo dal culo, e menre mi rialzavo sentii colare tra le gambe il suo sperma misto con i miei umori, mi inginocchiai sul suo cazzo ancora duro e iniziai a leccarlo per pulirlo per bene.
Lo leccai fino a quando non si smosciò, allora mi abbandonai sul prato assieme a lui per riposarmi.
-Cazzo Lucrezia sei una bomba del sesso, ti voglio, rimani da me stanotte ho anora voglia del tuo culo e anche domani, voglio fare tante porcate assieme a te, adesso che ho scoperto questo lato nascosto del mio caro compagno di classe, voglio che diventi la mia femmina, che ne dici?-.

Lo guardai, mentre la mia mano accarezzava il suo palo che iniziava a indurirsi di nuovo e gli dissi, – caro Franco, ora che ti ho provato e chi ti lascia più, voglio il tuo cazzo, lo voglio, lo voglio e lo voglio ancora, stanotte, domani e dopodomani-.
E da allora appena posso corro da dal mio compagno di classe per passare giorni di sesso sfrenato, con lui ma anche con piacevoli varianti, ma questa è un’altra storia.

Il giardiniere

A volte succede che i miei genitori che abitino in una villa appena fuori paese abbastanza isolata e con un ampio giardino mi chiedano di andare a dormire la qualche giorno perché loro vanno in viaggio. Io e il mio compagno ci andiamo sempre volentieri perché oltre ad essere molto grande, è ben imboshita e possiamo fare tutto il rumore che vogliamo.

Per rumore intendo guardare film porno ad alto volume , girare nudi per casa e finalmente godere tra di noi a voce alta!!! Credetemi poter urlare in certi momenti è catartico!! Raddoppia il piacere!! Era estate e i miei sono andati una settimana in crociera. Vacanza per loro ma vacanza anche per noi in piena libertà immersi nel verde e nella natura. Relax totale!!!! Ci trasferiamo qualche giorno da loro. Muniti di una valigia contenente tutti i nostri giocattoli sessuali , e giuro una valigia non basta, pieni di Buoni Propositi!! Ah che meraviglia girare nudi in giardino e farsi coccolare le parti intime dalla fresca brezza di campagna!! Ci ubriachiamo quasi subito e ci deliziamo alla vista dei nostri corpi nudi e i nostri gioielli penzolanti sotto l’ombra degli alberi di acacia ridendo e stuzzicando il nostro appetito sessuale!! Per rendere tutto perfetto a me viene la bellissima idea di fare uno spettacolino al mio amore.

Entro in casa e pesco dalla valigia di Mary Poppins il dildo più grosso che abbiamo , la mia non è stata una scelta casuale capiamoci, volevo proprio quello!!! La riproduzione minuziosa in lattice di un attore porno gay del quale non conosco il nome ma conosco a perfezione la misura del suo uccello!! Dio lo benedica, anzi lo ha già benedetto ma chi se ne frega , era il cazzo di gomma più grosso e ben fatto che avevo nella mia collezione.

Scelto e approvato!!! Mi ungo il buco del culo di lubrificante e ritorno baldanzoso in giardino pronto a stupire il mio compagno con effetti speciali!!! E cosi faccio per la prossima mezz’ora sotto il suo sguardo compiaciuto!! Credo di aver infilato il mio amante artificiale in ogni posizione e ben in vista tutto dentro il mio culo tante di quelle volte da scorgere in Gianni qualche momento di incredulità che durava un attimo visto che lui conosce bene le mie potenzialità!! Il punto massimo lo raggiungo quando lui con un piede mi spinge dentro e fuori il dildo e io godo come una cagna!! Il mio compagno sa che con una sigaretta in bocca e qualche parola porca può farmi quello che vuole!! Così mi fa mettere steso sulla sdraio a pancia in su e gambe all’aria e col mio buco in avanti e ormai bello dilatato si accende una sigaretta e da libero sfogo alla sua voglia di stuprarmi il culo con il grosso giocattolo che avevo scelto per quel meraviglioso pomeriggio.

E cazzo lui da buon figlio di buona donna com’è lo usa con una virilità tale che sembra un arma nelle sue possenti mani. Io godo!!! Godo così tanto da far finta di non sentire quante volte mi dice troia o zoccola. Ma si in fondo in quel momento lo ero. Per lui. Ad un certo punto uno dei miei sensi , l’unico forse che era in grado di ragionare in quel momento,mi dice che c’è qualcosa di strano.

Non capisco bene cosa ma assolutamente qualcosa c’era!!! Senza interrompere Gianni mi guardo un po attorno e come se avessi visto un fantasma sconcertato mi accorgo che nascosto dietro un angolo della casa c’era una figura umana che osservava tutta la scena mio dio chissà da quanto. Non voglio spaventare Gianni e guardo meglio chi si celava nell’ombra e riconosco quasi subito il giardiniere dei miei!!! Rimango di sasso e fermo Gianni e rivolgendomi al nostro guardone gli chiedo” che cazzo ci fai qua?” Lui esce allo scoperto e alla sua vista il mio compagno quasi sviene! Guido, così si chiama , avanza un po verso di noi e subito noto che ha la patta aperta e il cazzo duro dentro le mutande.

Il guardone probabilmente si era toccato o forse segato chi lo sa. Spiega subito le sue ragioni e dice che era venuto per cambiare l’orario di partenza delle pompe di irrigazione. Gianni gli dice scocciato se lo aveva fatto e perché non se n’era andato subito. Lui risponde che avendo visto la mia macchina voleva venirmi a salutare solo che non si aspettava di trovarsi davanti una scena del genere. E incuriosito ammette di essere rimasto a guardare, ma solo per poco.

Tutta la situazione era abbastanza surreale, tra l’imbarazzo e la consapevolezza di aver dato uno spettacolo al limite della decenza o dell’indecenza, questo ancora non lo sapevamo. Ma lo scoprimmo da lì a poco. Noi eravamo ancora completamente nudi. E a parte quell’imprevisto ancora molto eccitati. Senza aspettare altro tempo chiedo a Guido “che cosa esattamente ti ha incuriosito a tal punto da rimanere a guardare?” E lui risponde con un aria quasi di innocenza che era stupefatto da come io riuscissi a prendere in culo una cosa così grossa!!!! Gianni si fa una grassa risata e io mi sento quasi preso in giro!! Mi alzo in piedi e mi avvicino al giardiniere e gli dico che se si fosse spogliato anche lui gli avrei fatto esaminare il mio buco da vicino e con le dita.

Guido non è uno di quei maschi che se vedi per strada ti giri a guardare chiariamo bene. È un ometto normale, sposato, con un figlio gay ma lui non lo sa e una figlia bellissima che è una mia amica. Fisicamente non ha nulla che possa attrarre particolare interesse. E’ magro, non è alto, viso pulito, niente baffi o barba, poco pelo. Non proprio il mio tipo. Ma ormai era la e nel bene o nel male era coinvolto.

E io lo volevo coinvolgere del tutto. O vedere fin dove si sarebbe spinto. Fatto sta che senza esitare si spoglia davanti a me e quando si cala anche le mutande finalmente avevo trovato in lui qualcosa di mooooolto interessante!!!! Quanto carogna sa essere a volte la natura. Dotare di un cazzo da toro un agnellino!!! Non ci avrei mai messo la mano nel fuoco. Neanche un centesimo avrei puntato su di lui. Guido , il giardiniere , chi lo avrebbe mai detto?? Guido, il giardiniere che gran pezzo di tronco aveva tra le gambe!! E due palle penzolanti che dondolavano nel mezzo delle sue cosce a rendere giustizia a due gambette magre e storte.

Tanto da far partire spontaneamente da Gianni un appero’ !!!! Come gli avevo promesso mi giro e mi metto a pecora e gli dico ” esamina pure come tu credi meglio il mio ano”. Lui subito si precipita con una mano sul mio culo e inizia a esplorare con le dita il mio buco. Due poi tre dita e gia mi sente godere. Ti piace, mi chiede , e io si molto. Gianni gli dice di schiaffeggiarmi il culo e lui inizia a darmi di quelle sberle a mano aperta che penso, cazzo ci sa fare molto meglio di tanti altri!!! Gianni gli propone di infilarmi il dildo e lui accetta.

Mi giro a gambe all’aria e mentre Gianni lubrifica il giocattolo lui mi dice” ti piace di più se fumo una sigaretta mentre ti infilo il cazzo di gomma vero?” Caro Guido giardiniere avevi studiato bene la parte mentre ci spiavi! Comunque annuisco e lui prende una sigaretta e la accende, io sono in calore totale!!! Gianni gli passa il dildo e lui me lo punta sul buco del culo. Spinge piano , capisco che ha paura di farmi male, tenero lui! Gli dico spingi forte senza paura un colpo secco!! Con un po di aiuto da parte mia lo fa entrare e leggo nel suo volto sia incredulità che eccitamento!! Ora gioca come vuoi tu, sfoga le tue voglie!!! Lui lo fa ed è bravo.

Capisce subito come muoversi e come darmi massimo piacere!! Ci prende gusto tanto da usare anche un po di violenza. Gianni gli accarezza le palle da dietro , le prende in mano, Guido gli ordina di stringerle e tirarle , più forte!! Mi guarda e mi dice” se prendi un dildo così grosso il mio cazzo non lo sentirai nemmeno” e io gli spiego super velocemente che un cazzo di carne è ben diverso da un pezzo di gomma.

Vuoi provare a infilarlo?? Lui dice di sì e senza altri indugi mette da parte il dildo e mi infila il suo membro. Guido, il giardiniere, voleva provare a scopare un uomo, e lo stava facendo e con grande piacere da parte di entrambi mi stava sbattendo alla grande!!! Gianni si divertiva con le sue palle , le tirava, le ciucciava!!!
Guido mi guarda il mio cazzo duro e grosso e mentre mi sta fottendo me lo prende in mano e inizia a segarmi.

Sono il primo a schizzare!! Un po addosso a me e un po addosso a lui! Poco dopo Gianni gli sborra sulle palle e nel sentire il caldo seme del mio compagno sullo scroto sborra anche lui e mi riempie il ventre di calda sborra tirando un urlo che aveva qualcosa di a****lesco. E bravo Guido… il giardiniere.
Ha piantato i suoi semi e ora aspetta solo che la pianta germogli. E noi la faremo crescere questa nuova pianta ? Chissà.

Le tettone di mia moglie

Alcuni anni fa mia moglie e io abbiamo deciso di passare il fine anno in montagna e abbiamo prenotato l’albergo compresa la festa di fine anno.
Mentre la vacanza procede tranquilla incontriamouna giovane coppia, anche loro nello stesso albergo, due giovani gradevoli e simpatici: lui un giovane sui trent’anni, alto e atletico, lei sui venticinque, mora, molto attraente.

Con loro passiamo alcune mattinate incontrandoci spesso per la colazione.
Fin da subito noto che mia moglie incontrava il loro interesse, molto spesso la guardavano e poi si bisbigliavano qualcosa all’orecchio; la cosa un po’ mi diverte e un po’ mi sembra strana; di certo la compagnia di Sonia a Elena fa bene, la rende meno rigida, più alerta e disponibile.
Il suo atteggiamento e il suo abbigliamento, grazie a Sonia cambiano, rendendola più sicura di sé e del proprio corpo, il suo grosso seno non sembra più essere un problema (spesso Elena diceva che era troppo grosso e volgare); alcune volte sento Sonia dirle “Il tuo seno é così bello, non dovresti nasconderlo ma esibirlo con scollature ampie e profonde” quasi che Sonia provi una certa attrazione per Elena o, quanto meno, per il suo seno prosperoso, visto che spesso le sue mani lo sfiorano e, in almeno un paio di occasioni, é netta l’impressione di una palpata di tette da parte di Sonia alle quali Elena reagisce con risate sonore senza sottrarvisi.

Sandro, dal canto suo, spesso mi chiede dettagli di Elena e non perde occasione, soprattutto dopo che aver bevuto un po’, di accennare alla prosperosità di Elena con frasi del tipo: “certo che con tutto quel ben di Dio te la spasserai un sacco”, oppure, “lì in mezzo ti ci divertirai un sacco”.
Insomma, in me si va formando l’idea che in Sandro e Sonia ci sia una certa debolezza per la prosperosità di Elena e le sue tettone.

L’ultimo dell’anno Elena e Sonia passano tutto il pomeriggio insieme a fare shopping e la sera mi diventa evidente il motivo: le due hanno passato un sacco di tempo assieme per prepararsi.
Quando Elena mi si presenta davanti resto senza fiato, il suo abituale abbigliamento castigato ha lasciato il posto a qualcosa di estremamente sexy e provocante: indossa un paio di pantaloni di velluto stirato rosso che disegnano le forme del suo sedere, e un top molto corto e attillato che lascia scoperto l’ombelico e mette in evidenza il grosso seno, la scollatura è così larga, profonda e schiaccia assieme e verso l’alto le tettone che sembrava ti vogliano saltare addosso; insomma dà l’idea di una di quelle starlette che fanno di tutto per farsi strada a colpi di tette; devo dire la verità: la cosa, oltre a sorprendermi, mi eccita molto e non posso non pensare a tutti quegli sguardi vogliosi che si sarebbero soffermati con libidine nella sua scollatura senza sentire il desiderio di vedere le sue tettone toccate, palpate e usate in tutti i modi per il sesso
Devo ammetterlo: quando ci sono di mezzo le tette di Elena divento un vero porco, del resto non ho certo limiti nell’usarle e, per fortuna, Elena non si tira indietro.

Con l’inizio della festa mi é subito evidente che Sandro e Sonia hanno qualcosa in mente: Sonia continua a riempire il bicchiere di Elena, mentre Sandro le guarda le tette senza ritegno.
Il bere comincia a fare effetto su Elena, riducendo le sue inibizioni e così si dimena ballando incurante del fatto che le sue pesanti tette molto spesso rischiano di saltare fuori dalla scollatura; questo fà si che in molti si presentano per ballare con lei per strusciarsi contro il suo seno pesante, in modo più o meno evidente, senza che Elena se ne abbia a male.

Poco prima di mezzanotte Sandro chiede di ballare un lento con Elena, mentre stanno ballando vedo le mani di lui soffermarsi sui suoi fianchi per poi spostarsi ai lati del seno schiaccinadolo a volte con dolcezza e a volte con vigore, strappando a Elena dei gridolini divertiti; la scena mi provoca uan certa eccitazione che non riesco a nascondere; in fianco a me Sonia inizia a parlarmi: “certo che sei fortunato, Elena ha davvero delle belle tette” io riesco solo ad annuire e lei: “hai mai pensato di condividerle con qualcuno?”
La domanda mi coglie di sorpresa e mi scopro a risponderle: “Si molte volte, ma vorrei condividere solo il suo seno e non altro e non credo che questa limitazione sarebbe accettata, in più Elena non ne vuole sapere”.

Le mi sorride e: “beh si tratta di trovare le persone giuste, che sia interessate solo al suo seno e non ad altro, magari una coppia, entrambe attratti dal suo seno, nella quale lei limiti il suo lui, che te ne pare dell’idea?”
Io sorrido: “una coppia un po’ come voi due?”
Lei ricambia il sorriso: “direi di si, le sue tette piacciono molto a tutti e due, anzi, a tutti e tre.


Io: “Resta il problema che lei non vorrà. “
Lei: “Diciamo che se fosse ‘fuori combattimento’ non potrebbe avere nulla da obiettare. “
Io: “tipo farla bere a sufficienza?”
Lei: “e magari qualcosa per farla dormire un po’. “
Io: “giusto, mi domando cosa le fareste. “
Lei: “dimmi cosa le fai tu alle tette e noi ci limiteremo, ovviamente ci sarai anche tu a verificare, credo di avere capito che ti piacerebbe molto assistere.


Io: “si assolutamente, mi diverto molto con le sue tette, con ben poche limitazioni, per fortuna non ha mai grosse obiezioni, soprattutto quando é eccitata. “
Lei: “gliele maltratti anche un po’?”
Io mi accorgo che anche lei si sta eccitando e il suo respiro si fa più veloce: “si certo, é una bellezza schiaffeggiargliele e strizzarle. “
Lei, un po’ titubante: ” ….. legarle…..?”
Io: “si, certo, aggiunge qualcosa di estremo alla spagnola.


Lei emette un sospiro di sollievo: “mmmmm bene. “
In quel momento arrivano Elena e Sandro, Sonia fa un cenno di assenso a Sandro mentre io mi rivolgo ad Elena: “Rimettiti a posto, i due monumenti sono quasi usciti. ” in effetti le pesanti tette quasi traboccano dalla scollatura e un’areola fa capolino.
La festa continua tranquilla; dopo la mezzanotte, dopo aver bevuto un altro bicchiere di vino, dove Sonia deve aver messo qualcosa, Elena crolla addormentata; io la prendo in braccio e Sonia con Sandro si offrono di aiutarmi.

Appena arrivati in camera stendo Elena sul letto e subito i due giovani si mettono ai suoi lati, ognuno estrae un seno dal top.
Sonia si rivolge a me: “goditi lo spettacolo!”
Con le mani, Sandro e Sonia, fanno ondeggiare le tette di Elena e subito Sandro: “che meraviglia, e averle tutte per noi!”
Sonia: “dì che sei già duro e gocciolante. “
Detto questo Sonia si tuffa con la testa sul seno che sta maneggiando, subito imitata da Sandro che inizia a succhiare voracemente l’altra tetta.

Nella stanza si sentono i rumori del loro succhiare con frequenti schiocchi dovuti ai succhiotti che stanno facendo alle tettone di Elena.
Io gli dico: “attenti a non consumargliele con tutto quel succhiare. “
Sandro si solleva un attimo per togliersi la camicia: “Io succhierei fino a fargliele gonfiare di latte, altroché. “
Sonia si solleva per togliersi il top, guarda sorpresa il seno che stava succhiando: “cazzo guarda che roba! Il capezzolo le é diventato lungo quasi come quello di una mucca” e Sandro “E noi siamo dei mungitori.


I due giovani si rituffano a succhiarle le tettone e subito Elena comincia a gemere, io mi rivolgo ai due giovani “Siete stati bravi, é già eccitata. ” e Sandro “Forse lo era un po’ già da prima, quando stavamo ballando gliele ho schiacciate un po’ contro il mio cazzo ed ho sentito subito i suoi capezzoli indurirsi. ” e Sonia, scherzando “Porco!!” subito Sandro ricambia “Parli tu! Ho visto come gliele pastrugnavi stasera quando vi preparavate.

” tutti e due scoppiano a ridere e si rituffano a succhiare strappando a Elena mugolii di piacere.
Dopo un poco Sandro “Cazzo non ce la faccio più, mi scoppia. ” io “Ma se vieni di già poi ti rovini la continuazione. ” Sonia “Chi lui? Per due teftone come quelle di Elena é capace di venire sei o sette volte in una nottata, fidati, avvicinati e vieni a vedere. “
Poi Sonia si rivolge a Sandro “Come vuoi che facciamo?” e Sandro “Usa tu le sue tette per farmi sborrare, so che ti piace.


Io mi avvicino e Sonia rivolgendosi a me “É vero, mi piace farlo sborrare maneggiando delle belle tette grosse, in questo modo viene come un cavallo. “
Sandro si mette a ca alcioni del ventre di Elena e lascia scivolare in mezzl alle sue tette il proprio membro; a me sfugge un’esclamazione sorpresa “Cazzo!! Hai proprio un bell’affarone. ” e lui “Per le tette di tua moglie ci vorrebbe quello di un cavallo.

” e io “Non so bene come prenderla questa frase, la considererò un complimento. ” e Sandro “Lo é, fidati. “
Sonia prende con le due mani i capezzoli di Elena e solleva le grosse tette che vengono a contatto del cazzo di Sandro che ha un brivido “Cazzo che bello!! Sono bollenti e morbidissime. ”
Sonia inizia a muoverle avanti e indietro; la scena di Sonia che usa le tettone di mia moglie per segare suo marito é davvero eccitante.

Sandro mugola come un cane mentre anche Elena emette dei gemiti di piacere; il membro di Sandro si ingrossa sempre più con la testa che diventa paonazza per lo sfregamento contro le tette di mia moglie.
Sonia mi dice di avvicinarmi, prende i due capezzoli con una mano sola sballottando le tettone di Elena e senza preavviso infila una mano nei miei pantaloni tirandomi fuori il cazzo e io “Ma Sonia! Cosa ne pensa tuo marito di questo?” Sandro scoppia a ridere “Mi sto scopando le tette di tua moglie, non é certo un problema se la mia ti fà una sega.


Sonia continua a strattonare a spingere con violenza le tette di Elena mentre mi masturba, ben presto i gemiti di Sandro si tramutano in grugniti, il suo cazzo é durissimo e gocciola come un rubinetto, Sonia si appoggia alle tette di Elena deformandole tutte e schiacciandole contro il cazzo di Sandro che grugnisce più forte, io vedo che, tra le tette di Elena zampilla la sborra di Sandro formanro una pozza di liquido appiccicoso biancastro; la scena é così erotica che sto per venire anche io, Sonia dirige il mio membro verso le tette di Elena e ben presto la mia sborra va ad aggiungersi a quella di Sandro che sembra piuttosto soddisfatto “Cazzo che sborrate che abbiamo fatto.

” Sonia lo riprende subito “Adesso però é il mio turno, sai cosa devi fare. “
Sandro prende alla base le tettone sborrate di Elena e le stringe forte e Sonia ci si siede sopra strappando a Elena un breve lamento.
Sonia inizia a poi a moversi avanti e indietro sulle tettone di Elena strofinando la fica e il clitoride contro i capzzoli duri di Elena; il movimento di Sonia diventa più violento schiacciando con forza il seno di Elena mentre entrambe le donne mugolano di piacere con Sonia che dice fasi scurrili “Adesso le tue tettone sono mie vacca che non sei altro, te le massacro a shon di scolartele.


Dopo alcuni minuti anche Sonia viene inondando Elena con il suo orgasmo.
Sandro mi guarda e mi dice “Guarda adesso, lo spettacolo non é ancora finito. ” Sonia mi guarda con aria di sfida “Guarda cosa ci faccio adesso alle tette di tua moglie. ” si sente il tipico suono e sul seno di Elena, sempre schiacciato dal peso di Sonia, si vede scorerre un piccolo fiume di pp che va a lavare i residui di sborra che si trovavano tra le tette mentre Sonia quasi urla “Questo é quello che si meritano le tettone di tua moglie: essere trattati come giocattoli per il sesso e come sborratoi !

Un ex collega di lavoro

“No, vengo io da te in ufficio, dopo il lavoro” così gli rispondo.

Non ce lo voglio oggi in casa mia, nel mio letto, non lo voglio il suo ricordo, il suo odore sui cuscini, le lenzuola che profumano prima di lui e poi umide del suo sudore e del suo sperma. Ex collega del mio ex. Sono io a voler andare nel suo ufficio, sono io che lo spingerò a farlo sulla scrivania e non una qualunque. Io quell’ufficio lo conosco, io su quella scrivania ci ho già fatto l’amore, col mio ex, nei tempi in cui facevo “l’amore”…
Ma oggi non era organizzata la cosa.

E’ lui che mi scrive: “Oggi alle 13. 30?” e io rispondo ok. Non sono particolarmente in tiro con l’abbigliamento né con l’intimo. Sì, ma poi alla fine sono sempre io che mi faccio queste seghementali, con lui poi… che mi chiede spesso di farmi trovare già nuda a toccarmi…

Al lavoro, prima di andare da lui, vado in bagno. Mi ha chiesto una mia foto nell’attesa. Ok, ubbidisco, anche se mi ha sempre dato fastidio eseguire gli ordini, ma a volte lo faccio.

Ho portato con me una penna rossa per aggiungere il mio tocco personale. Mi sollevo la maglia, tiro giù soltanto una spallina del reggiseno e scopro un seno soltanto, su cui scrivo in rosso: “Mordilo”. Io a certe cose ci tengo… shitto la foto e gliela invio. Per il momento si può accontentare. Mi guardo allo specchio per l’ultima volta, mi vedo carina, lui come mi vedrà? In mente sorrido, credo che apprezzerà più che altro doti non visibili di me.

Ok, sono pronta, piuttosto eccitata ma tranquilla, mi rendo conto di quello che sto facendo, sono consapevole.
Mi metto in macchina, mentre guido mi invia un messaggio. E’ la foto del suocazzo… “Vieni a prendertelo” mi scrive. E sto arrivando, dammi un attimo! E lo sa che non riesco a scrivere messaggi e guidare contemporaneamente, quindi non gli rispondo. Raggiungo il suo ufficio, parcheggio, attraverso la strada, è a piano terra, la porta è aperta, entro, lui esce da un’altra stanza e mi viene incontro.

“Ti sei fatta attendere” dice. Niente ciao, viva la sintesi, e va bene così. Diosanto ma lui mi piace da morire, ma non poteva essere meno attraente, così non avrei capitolato? Dieci anni più di me, fisico… da paura, tatuaggi… il mio debole, simpatico, ci sa fare alla grande e no, non gli manca niente, non ci andrei a cena fuori, ma no, non gli si può proprio dire di no.
Mi viene incontro e mi bacia.

Anzi no, lui non bacia, lui divora, lui mangia, lui assapora la mia bocca, la mia lingua, le mie labbra. Ci si fionda contro, dentro, e ne è padrone, rubandomi il fiato. Mi infila una mano sotto la maglia e fa esattamente ciò che ho fatto io in bagno prima, abbassa una coppa del reggiseno e mi stringe il capezzolo tra le dita. Un brivido… dolore, piacere… dolore, piacere… sono corrente alternata…
Mi spinge verso la scrivania che è all’entrata ma io gli dico: “Andiamo nella stanza dietro, così non ci vedono dalla strada” e così mi ritrovo nella stessa stanza di dieci anni fa… cazzosepassa il tempo, ma la scrivania è la stessa, lo ricordo bene.

Lui mi ci fa sedere sopra, mi spinge facendomi allungare, stendere, e mi spoglia, i jeans, gli slip, mentre io mi tiro su la maglia senza toglierla, solo per scoprire i seni, su cui campeggia ancora la scritta. La vedo, sorrido e gli dico: “Ricordati quello che devi fare…” e infatti si abbassa con la bocca su di me e inizia a mordermi i capezzoli mentre la mano strizza l’altro seno.
“Intanto toccati” mi ordina.

Io lo adoro… Lo adoro per questo… Perché è stato il primo a chiedermi di farlo, chissà perché poi, è un gesto così splendido, toccarsi mentre si è osservata da un uomo. E lui lo chiede sempre, vuole che lo faccia in ogni momento, anche mentre glielo prendo in bocca, in ogni posizione, vuole vedermi così. E allora appoggio i piedi su due sedie, così da tenere aperte le gambe e la mano scivola giù…
Ma ci sarà un giorno in cui smetterò di stupirmi di me stessa, del mio corpo, del lago che divento quanto sono così eccitata? No, non credo, neppure adesso.

Sono liquida tra le gambe… sono desiderio liquido… carne non più solida ma sciolta… talmente pulsante e sensibile da divenire quasi dolorosa al contatto con le dita.
Lui mi osserva stesa, è in piedi, é nudo anche lui dalla vita in giù, i pantaloni e boxer a terra, si sta toccando. E io chiudo gli occhi… so che lui c’è, che mi osserva, sento la sua voce, che mi ripete spesso in questi momenti: “Sei uno spettacolo…” Effettivamente vorrei vedermi, vorrei uno specchio sul soffitto.

Mi vedrei persa, completamente, perché, quando mi tocco così, ci sono solo io… io e il mio corpo… e mi piace godere di ogni singola sensazione, seguendo le dita che entrano dentro, ne escono umide, le lascio scivolare più giù per stimolarmi tra le due aperture e poi raggiungere anche l’altra più stretta… e che lui conosce bene.
Sento le sue mani sulle mie gambe, mi interrompe, sposta le due sedie, lascia che le mie gambe scendano giù e lui si posiziona in mezzo.

Mi prende per i fianchi e mi fa scivolare verso il bordo della scrivania… lo affonda in me… senza toccarmi prima, l’avevo già fatto io… esce e rientra… un paio di volte… completamente… La sua forza, le mani che mi stringono e mi attirano a sé, le spinte sempre più profonde, una dietro l’altra… io tutto questo lo desidero, mi piace, mi fa godere…
Mi fa godere la forza che usa su di me, l’idea che lui mi consideri solo un corpo.

Non posso credere a quello che ho scritto… Godere dell’essere usata? Ma sì. Perché io sto facendo esattamente lo stesso con lui, per aumentare la distanza dal passato e sbiadire i ricordi, e proprio qui, su questa scrivania… E lo so che per questo motivo lui si porterà via per sempre un pezzetto di me perché ci sta riuscendo, perché provo finalmente piacere con un altro uomo. A occhi chiusi non mi torna in mente il mio ex ma sento solo il suocazzo che entra ed esce da me… ed è una sensazione che mi dà i brividi…
Mi dice di guardarlo, mi sollevo sui gomiti e la visione è sempre esaltante perchè lui è bellissimo da vedere, e osservare quel suo tratto di carne dura che ci lega, per questi attimi, che scorre facile in me, lo esalta, egocentrico che non è altro, anzi cazzocentrico… come si direbbe, ma aumenta anche la mia di eccitazione anche se so che in quella posizione non raggiungerò l’orgasmo.

Ma io godo anche solo nel far godere, così come gli avevo risposto quando mi aveva chiesto cosa volessi vedere in foto, prima di incontrarlo. “Voglio solo vederti godere…” e così fa… E mi viene dentro… e no, non glielo ho mai chiesto di venirmi addosso, sul seno, come mi piace, non so, si è preso tutto di me però questo non so, decido che non se lo merita ancora.
Ci salutiamo sulla porta, si avvicina e mi deposita un bacio sulle labbra.

Lo guardo stranita e me ne vado. E no, il bacio veloce in bocca sulla porta, come un marito che esce di casa devoto al lavoro, non lo voglio…
Tornerò a lavorare nel pomeriggio stravolta e euforica, come le altre volte in pausa pranzo, con un sorriso sulle labbra che faticherò a trattenere e la mia collega si domanderà: “Ma come mai questa non ride mai e ogni tanto il pomeriggio se ne arriva tutta euforica? Secondo me si fa di qualcosa…” Sì, effettivamente mi sono “fatta”, ma qualcuno…
Quando fai una cosa è perché ne hai voglia, perché ti sembra che in quel momento sia quella più giusta.

Ma poi, guardandola con gli occhi di poi… forse mi chiederò “Ma che cazzo ho fatto?” Ancora non ci credo di essere finita con lui. E sì, dai, anche se non lo ammetterò mai, anche un po’ per vendicarmi del passato, non solo per soddisfare una pura voglia. E un pensiero che mi viene in mente è ogni volta quello di inviare un sms al mio ex: “Mi sto scopando il tuo ex collega.

Viva gli ex!” ma è solo un pensiero passeggero, non scrivo nulla, trattengo ogni istinto autolesionista, ho già dato, per oggi.
Mi metto in macchina e torno a casa, avrei voglia di bere, fino a farmi girare la testa, o semplicemente vagare, con la mente, in auto, senza meta. Intanto mi sballo alzando al massimo il volume della radio e premendo a fondo l’acceleratore… chissà perché io per stare bene, per stare meglio, devo sempre prima farmi un po’ male, devo prima sentirmi un po’ male… E poi non ho voglia di pensare, nè sentire in bocca l’eventuale sapore amaro della vendetta o dei probabili rimorsi o sensi di colpa futuri.

E ogni volta che mi passerà per la testa che la Vendetta è solo l’altra faccia della Giustizia, beh… dovrò ricordarmi di ripetermi che è soltanto una grande sciocchezza.

La passione di Julie

La vidi per la prima volta ad un matrimonio, ricordo che mi passò vicino mentre chiacchieravo tra gli invitati, era vestita con un abito corto blu con drappi azzurri e al collo portava una sciarpa di seta dagli stessi colori.

Era la tipica ragazza mediterranea dal fisico piacevolmente formoso, fluenti capelli mori a boccoli, la pelle abbronzata e occhi scuri, profondissimi.
Rimasi colpito dalla sua bellezza, dalla femminilità, dal portamento, dall’eleganza con cui teneva la pochette tra le mani, dalla spontanea sensualità che trasmetteva nonostante la sua evidente giovane età.
Con una scusa assieme ad altri riuscii ad approcciarla al buffet e tra una battuta e un drink shittammo alcune foto insieme.

Da vicino era ancora più bella, il suo profumo mi inebriava, era proprio una ragazza fantastica, ma forse troppo giovane per me, un mediocre trentenne difficilmente in grado di soddisfare le aspettative di una ragazza bella e giovane come lei.
Decisi di conservare quelle foto nel pc, guardandole di tanto in tanto e fantasticandoci sopra. Fortunatamente questa passione non degenerò mai in ossessione e rimasi col sogno che un giorno avrebbe potuto diventare mia.

Passarono gli anni, riuscii ad avere la sua amicizia su Facebook e potetti così seguire la sua vita, le sue passioni, i suoi amori. Nel frattempo cercavo educatamente di farle sempre complimenti e di incoraggiarla nelle sue attività, sperando di tenermi così vivo nei suoi pensieri. Avevo infatti l’impressione che i complimenti e la mia corte le fossero graditi, così cercai di non farglieli mai mancare!
Non vedendola quasi mai in giro, le mie fantasie erano legate soprattutto a ciò che vedevo dalle poche foto che metteva sul suo profilo Facebook, immaginavo come poteva essere fare sesso con lei, le varie posizioni, come avrebbero potuto essere le sue espressioni mentre mi spompinava o me lo segava, alle cose che poteva dirmi mentre era eccitata…non poche volte mi sono masturbato pensandola.

Un giorno, dal nulla e dopo diverso tempo che non ci sentivamo, ricevo un suo messaggio in cui mi chiede strane informazioni lavorative, forse una scusa per parlarmi, penso io.
Rispondo alla sua domanda e intanto ne approfitto per chiederle come sta e se gradisce un’uscita per un aperitivo.
Con mio estremo piacere accetta e ci vediamo così in un locale.
Parlando mi racconta di essersi lasciata col suo ex dopo una storia abbastanza lunga, mi parla un po’ del suo lavoro ecc.

Le chiedo se vuole vedere la mia nuova attività, avendo da poco aperto un piccolo locale e lei con mia enorme gioia accetta.
Dopo averle mostrato il locale la faccio accomodare nel retro.
Il cuore mi batte a mille, la stanza è piena del suo profumo, io non vedo e non penso che a lei in quel momento.
Gli anni sono passati e Julie è ora più matura, più donna, più in grado di apprezzare i piaceri della vita…
Capisco che è il mio momento, mentre mi trovo dietro di lei mi faccio coraggio e le appoggio le mani sui fianchi, accarezzandoglieli…
Lei si gira con aria sorpresa quindi io la prendo e spingendola contro al muro inizio a baciarla intensamente sul collo e sulla bocca, tenendole le mani strette sul culo cercando di sollevarle il vestito.

Sento il suo respiro affannato, vorrebbe dire qualcosa, non so, io continuo a limonarla e a tenerla stretta…le infilo una mano nelle mutandine, fradicie di umori…
Non voglio staccare la bocca dalla sua e continuando a baciarla mi slaccio i pantaloni e li abbasso lasciandole il membro a portata di mano.
Le prendo una mano, gliela guido sul cazzo e sento con piacere il suo delicato tocco che mi scappella l’asta ormai durissima.

Non ci diciamo una parola, ora è solo il piacere che ci guida, in un attimo sbaragliando gli oggetti sulla scrivania la faccio sdraiare senza nemmeno finire di spogliarla.
Dopo averla baciata, leccata e accarezzata sul seno e sulle gambe tornite e lisce scendo verso il basso e spostandole le mutandine inizio una sapiente leccata su clitoride, piccole e grandi labbra.
Mentre la lecco cerco il suo sguardo, la vedo godere, gemere, respirare affannosamente, mordersi le labbra, sento che è mia…più che mai.

Mi alzo e mi avvicino al suo viso portandole il cazzo alla bocca.
Immediatamente lo accoglie tra le sue labbra carnose, succhiandolo avidamente, mentre io con la mano le sditalino la figa.
“Scopami” mi dice dopo avermelo spompinato per un po’.
Torno dall’altro lato della scrivania, la sistemo a mio piacere tirandola verso di me, prendo le sue gambe, me le metto sulle spalle, appoggio la cappella sulle labbra della sua figa ormai allagata e la faccio entrare lentamente…sento i suoi sospiri, tutta la sua voglia, le scappa un “ahh che bel cazzo hai” e questo non fa altro che arraparmi ulteriormente.

Inizio a sbatterla con forza, stando attento a non venire subito perché la voglio far godere come si deve, glielo spingo dentro fino alle palle, mentre con le mani le accarezzo un po’ le gambe, un po’ il seno che balla su e giù ad ogni colpo…osservo il suo viso, ascolto i suoi gemiti, ci guardiamo, non diciamo nulla, ci fissiamo, sento che non posso sopportare ancora a lungo l’accoglienza della sua figa e i suoi occhi nei miei, ma lei continua a fissarmi, è bellissima, mi fa godere, sempre di più…sei la mia puttana, la mia troia, sto per godere, i miei occhi sono fissi nei suoi….

vengo, vengo, vengooooooooo…. arrivo in un orgasmo violentissimo, dentro di lei, sento che anche lei viene, si inarca per godere meglio, la sente tutta, sente tutta la sborra che schizza dentro, le pulsazioni del cazzo, le sue contrazioni, siamo un corpo unico che gode con intensità incredibile, ho brividi dappertutto, poi caldo, poi ancora brividi, sono in estasi…ci baciamo mentre glielo tengo ancora dentro, non voglio toglierlo, voglio che resti ancora un po’ dentro di lei, nel suo corpo, nella sua femminilità che dopo tanto tempo sono riuscito finalmente a possedere, nel più bello e fantastico dei modi.

Ti amo Julie….

Chiara

Chiara ha appena compiuto vent’anni anni e frequenta l’università. A scuola è bravissima, il suo comportamento è assolutamente inappuntabile. Molte sue compagne la invidiano per la sua bellezza acqua e sapone. I compagni di classe, mormorano che Chiara, sappia sin troppo bene di essere molto bella e che, per questo motive, lei snobbi i ragazzi che la vogliono corteggiare. Lei è sognatrice e romantica, ed è sempre in attesa del suo Principe Azzurro. La ragazza ha adocchiato da un po’ di tempo un suo compagno.

Lui si chiama Luca ed è un ragazzo bellissimo ma molto timido. Lei ha notato che lui, durante le ore di studio in classe, la guarda con insistenza, ma poi non riesce mai a farsi avanti. Chiara pensa che sarà lei a dover prendere l’iniziativa, facendogli capire che è perdutamente innamorata di lui. La famiglia di Chiara è formata dal padre, uno stimato avvocato, molto in vista. Un uomo all’antica, maschilista ed autoritario, inflessibile e inamovibile nelle sue decisioni.

Egli impone una disciplina rigidissima, alla figlia femmina, mentre per il maschio, è di manica larga, concedendogli tutti i comportamenti tirannici e a volte crudeli, che il fratello usa mettere in atto, normalmente con la sorella. Poi c’è la mamma di Chiara che è la classica casalinga, sicuramente una bella donna, bionda , con un corpo minuto, dal quale sporge il seno abbondante e prepotente. Non si trucca mai, perché il marito non vuole, e lei di questo marito ne è certamente succube.

In casa comanda lui, ed è sempre lui che, ritenendo la moglie incapace a svolgere le normali attività casalinghe, assume domestiche e colf delle più disparate etnie. Le scelte del padre, “stranamente” si indirizzano sempre su donne giovani e carine e con forme fisiche statuarie, anche molto disponibili, ad esempio a servirgli il caffè, indossando gonne corte e camicette scollate. Chiara pensa che suo padre scelga queste donne solo per il proprio divertimento sessuale e che la mamma ne sia certamente consapevole.

Lei, per non perdere l’agiatezza che il marito le offre, si adatta e chiude un occhio, anzi, indubbiamente li chiude tutti e due. Per l’educazione dei figli la mamma, si limita a qualche sporadico e generico discorsetto sulle insidie del mondo moderno e sulle
depravazioni dei giovani d’oggi. L’ultimo componente della famiglia è il fratello di Chiara. Un ragazzo diciottenne che lei mal sopporta. Lui, è un ragazzo educato male, spocchioso, arrogante, a volte prepotente e violento.

Chiara è la vittima sacrificale, colei che deve sopportare, suo malgrado, questi comportamenti da parte del fratello.
Chiara si sottrae al getto d’acqua calda della doccia ed esce dalla cabina, ella, si sofferma davanti allo specchio ad ammirare il suo acerbo e giovane corpo.
Esamina con attenzione ogni parte di sé. E’ orgogliosa del suo seno bello sodo, con quei capezzoli eternamente eretti, anche se, a dire la verità, lei desidererebbe qualcosa in più della seconda misura di reggiseno, che porta.

Il suo visino dolce è incorniciato da capelli biondi, pettinati a caschetto, con la frangetta sbarazzina che gli cala sulla fronte, evidenziando i suoi occhi, color verde chiaro, profondi come le acque limpide di un ruscello di montagna. Mentre si ammira eccitata, quasi inconsapevolmente, la sua mano destra, accarezzando il suo corpo, scende lungo il ventre piatto e le sue dita affusolate si infilano dentro al serico boschetto del pube e scivolano dolcemente fra le labbra della sua fighetta vogliosa.

Concentrata con gli occhi chiusi, sulle piacevoli sensazioni che le sue dita le procurano, si fa cogliere di sorpresa dal violento bussare, contro l’uscio del bagno. E’ suo fratello Mirko, che con il solito stile, da bulletto maleducato.

“Ehi, fighetta sei ancora lì? Porca troia muoviti!!! Mi serve il bagno. !! Che cazzo stai facendo?”

“Arrivo stai calmo…. tra due minuti esco!”
Ora i colpi alla porta sono più forti, e, in qualche modo, più autorevoli.

E’ papà………
“Sei sorda? Apri la porta! Sei in bagno da due ore” “Un attimo papà, arrivo. “

Gira la chiave ed apre la porta. Davanti c’è suo padre e dietro Mirko che si infila subito dentro il bagno. Chiara, ancora nuda, raccoglie l’asciugamani e se lo avvolge a vita coprendosi l’inguine. E’ imbarazzata, i capelli ancora bagnati, il seno scoperto ed esposto agli sguardi di suo padre e di quel delinquente e maiale di suo fratello.

Il padre si lamenta ancora con lei.
“Stai sempre ore in bagno, che cavolo ci fai sempre qui dentro ?”
Lo sguardo del padre la mette sempre a disagio, i suoi occhi, mentre parla, sono fissi ad indugiare sulle sue tettine nude, sembra quasi che gliele voglia accarezzare con lo sguardo. Poi, lui distoglie lo sguardo e si avvicina alla tazza e girandogli le spalle abbassa l’elastico del pigiama, estrae il cazzo mezzo duro e libera il getto dell’urina a lungo trattenuta.

Chiara, sente lo scroscio che il getto potente procura e si asciuga velocemente i capelli con il phon. Intanto Mirko, che deve farsi una doccia, dietro di lei si sfila la maglietta e tranquillamente si abbassa i pantaloni del pigiama rimanendo in mutande. Chiara, lo vede parzialmente nudo, riflesso nello specchio, e ammira la ben distribuita muscolatura di suo fratello. Quando lui si abbassa gli slip lei lo guarda ancora e vede il pene di Mirko a riposo, lui è certamente un cafone maleducato, ma possiede un cazzo di tutto rispetto.

E’ incappucciato, largo e soprattutto molto lungo. Lui si mette al suo fianco per guardarsi allo specchio e mentre fa questo con la mano destra se lo impugna tirandoselo verso il basso ripetutamente. Quando lo lascia libero il membro è semirigido e si è ulteriormente allungato e ingrossato. Chiara è talmente ammirata da tanta abbondanza che non si accorge che suo fratello la sta guardando. Poi lui si sposta, e Chiara, guardando nello specchio, vede suo padre ancora girato di spalle che muove energicamente il braccio destro e comprende che lui se lo sta scrollando.

Difatti da li a pochi secondi si gira ed esce dal bagno. Chiara termina di asciugarsi i capelli e si gira per raccogliere le sue mutandine che aveva abbandonato in terra poco prima. Mirko ha i suoi piedi proprio sul perizoma di sua sorella.
“Scusa, potresti darmi le mie mutande? Ci sei sopra con i piedi !” “E lasci sempre tutto in giro tu…. “
Poi, lui si china, raccoglie le piccole mutandine di Chiara e guardandola negli occhi con aria insolente e si porta le mutandine al viso per annusarle:
“Cosa hai da guardare puttanella? Che buon profumo che ha la tua figa ! Ora mi ci pulisco il cazzo.

Lo hai mai visto un cazzone come il mio ? Troietta, ti piacerebbe, eh?” Poi appallottola il perizoma, è eccitato ed eretto, lo annusa ancora una volta, se lo porta sulla cappella asciugandosi il liquido colante che ne fuoriesce e quindi con aria di disprezzo gli tira sul viso le mutandine bagnate. Chiara avvampa di vergogna e di rabbia, si gira di shitto ed esce sbattendo la porta. Corre in camera sua, vorrebbe gridare di rabbia per la cattiveria del fratello e per quel suo gesto scandaloso con le sue mutandine, ma si morde la lingua, in studio c’è papà e se sente qualcosa arriva subito e naturalmente prende le difese del figlio maschio.

Ad aiutare Chiara a dimenticare questa arrabbiatura il giorno successivo arriva una splendida notizia. Luca, finalmente si è fatto coraggio e lui, il più bello ed ambito fusto dell’università, vuole conoscerla; per questo la invita, attraverso un’amica comune, ad una festa di compleanno. In condizioni normali, l’idea stessa di andare ad una festa con un ragazzo sarebbe stata improponibile, ma la fortuna vuole che i suoi genitori quel fine settimana vadano al mare con degli amici.

Quindi Chiara sarebbe stata sola a casa, con il fratello.
E’ il destino, pensa Chiara, potrò andare alla festa con Luca. L’unico ostacolo rimane Mirko. Il papà infatti non la lascia mai sola a casa, se non c’è almeno il fratello a custodirla. Lui, naturalmente, essendo maschio, la sera, può uscire quando vuole, mentre Chiara essendo femmina, praticamente mai.. E’ giovedì sera, l’indomani mattina, presto, i genitori partiranno e Chiara parlerà con suo fratello.

Poi presa dalla smania, decide che andrà la sera stessa a parlarci, in modo di risolvere subito il problema.. Suo padre a cena aveva ordinato all’altro maschio della famiglia……..
“Mirko vedi di tenere d’occhio tua sorella quando siamo via, controlla che non vada troppo in giro e che si dedichi allo studio”
E rivolto a Chiara: ”Che non ti venga in mente di uscire la sera, mi raccomando. “
L’umiliazione per Chiara è fortissima il solito maschilismo del padre che mette il potere nelle mani del fratello minore.

Come se non bastasse ci si mette pure la mamma…………
“La domestica non viene, quindi devi tenere in ordine tu, capito?”
Visti i presupposti la faccenda si presenta ancora più complicata. Chiara deve armarsi di molto coraggio per chiedere la solidarietà del fratello. Dopo cena, si fa coraggio e dopo aver bussato, alla porta della camera di suo fratello, entra. Lui è disteso sul letto, nudo, la sua mano destra si sta adoperando ad accarezzarsi il cazzo semirigido, sta guardando un film in televisione.

Il mega televisore che lui ha in camera era stato regalato, a Natale, ad entrambi, da alcuni parenti. Naturalmente Mirko aveva provveduto ad appropriarsene e a metterlo in camera sua. Senza scomporsi, Mirko continua a massaggiarsi il pene e con voce incazzata:”Che cazzo ci fai qui ?”
L’esordio non è dei migliori, ma Chiara si fa coraggio e si siede sul bordo del letto del fratello. Prende il lenzuolo e gli copre l’inguine.

Lei è vestita con il pigiama perché gli crea comunque imbarazzo farsi vedere nuda dal fratello. Forse per lo sguardo libidinoso che Mirko usa con lei.
“Niente, ho bisogno di un piccolo favore da te”
Il fratello come se non avesse nemmeno sentito, rivolge lo sguardo verso di lei e le domanda: “Ma tu, con questo caldo, vai a letto con il pigiama?”
“No, non dormo con il pigiama, ma me lo sono messo per venire da te” “Ah quindi dormi tutta nuda, porcellina ? Ti fai i ditalini sotto le coperte?”
Chiara finge di non aver sentito e prosegue nel discorso avviato in precedenza.

“Ho bisogno di un favore da te, sabato sera devo uscire con un’amica, ma non voglio dire niente a mamma e papà, tu dovresti coprirmi. “
“E perché dovrei farlo? Cosa me ne viene in tasca a me? Mi fai un bel pompino?”
“Dai smettila, ti prego fai il serio. una volta tanto. Tu sai che non ti chiedo mai nulla e soprattutto ti sopporto alla grande. “
Lui, con indifferenza la liquida.

“Ci penserò, ora vai fuori dalle palle che mi hai fatto perdere mezzo film”. Ma Chiara capisce che non deve lasciarlo riflettere troppo.

Sarebbe perfino capace di parlare subito ai genitori di questo tentativo di corruzione. Quindi insiste……
“E quando deciderai ?”
“Dai, togliti dai coglioni, fammi finire di vedere ‘sto cazzo di film, poi decido, adesso vai a dormire e fatti tanti bei ditalini !”
Il tono è arrogante e perentorio, se non fosse che lei ha così bisogno di questo rompishitole insolente saprebbe bene cosa rispondergli, ma si deve limitare ad augurargli la buona notte, con tono speranzoso.

E’ mezzanotte, Chiara dorme profondamente e non si accorge che Mirko è entrato in camera sua. Sente una mano posarsi sulla bocca e si sveglia di soprassalto, lo vede e si divincola, ma lui gli fa segno di tacere. Chiara si alza a sedere sul letto, e le lenzuola scivolano giù lasciandola nuda fino alla cintola. Anche lui è ancora nudo, la guarda con il solito sguardo da maiale e poi si siede sul bordo del letto.

“Sognavi un bel cazzo ? Sembravi rapita in estasi. ”
Lui le alza il lenzuolo scoprendola fino ai piedi. Lei, adesso,è totalmente nuda e vede che il cazzo di suo fratello si è drizzato aderendogli al ventre. Chiara tende le braccia verso il basso e si riporta il lenzuolo fino al collo, poi bisbigliando per non svegliare i genitori.
“Cosa vuoi adesso? Non potevi lasciarmi dormire”
“Ci ho pensato e potrei anche coprirti per sabato, ma tu cosa mi dai in cambio?”
“Facciamo che avanzi un favore?”
Chiara prova ad evitare il nocciolo della questione, ma si rende conto che il fratello non si accontenterà di così poco.

“No, troppo comodo: facciamo che per due giorni tu sei ai miei ordini farai tutto quello che dirò io. “
Chiara si ricorda dei giochi che facevano da bambini, e decide di sottostare a questo capriccio di Mirko………
“Ok, io faccio tutto quello che vuoi tu, tanto ci sono pure abituata. Tra te e papà a dare ordini ! Però poi tu, mantieni la parola e non fai il bastardo! Ok?” “Mi sa che non ti vedi con un’amica, se ti interessa così tanto uscire sabato, comunque sono cazzi tuoi.

Ok affare fatto! Da domani mattina sei la mia serva, come quando eravamo piccoli, ti ricordi ?” Chiara si rincuora, effettivamente Mirko ha solo in mente un gioco da bambini, è assurdo pensare male. Lo sopporterà tutto il giorno come quando da piccini nei loro giochi lui era il Re e a lei toccava sempre il ruolo della schiava conquistata in terra d’Africa. Rincuorata e pregustando l’uscita con Luca, Chiara, si rilassa e sorridente, si mette seduta e lo bacia sulla fronte, poi si lascia nuovamente cadere con la testa fra i cuscini.

Lui per tutta risposta……. “Ruffiana ! Ora me ne torno in camera mia. Voi femmine siete tutte troie, fareste qualsiasi cosa per ottenere i vostri scopi.. “
Poi Mirko si alza dal letto di Chiara, si china su di lei e sottovoce la lascia con un inquietante:
“Buonanotte, riposati, ne avrai bisogno per domani. “
L’indomani mattina la sveglia suona alle sei per i genitori che poi svegliano anche Chiara. E’ la madre ad entrare in camera.

“Alzati noi stiamo partendo, tra mezz’ora sveglia tuo fratello e preparagli la colazione e poi andate a scuola. In frigo c’é tutto il mangiare pronto, vi basterà per due giorni. ”
La ragazza si alza e prepara la colazione mentre i genitori escono di casa suggerendo le ultime raccomandazioni.
Appena li vede allontanarsi in macchina Chiara ne approfitta subito per mettersi una gonna corta che il padre non le permette mai di indossare.

Si infila poi una maglietta aderente che mette in risalto il suo seno e soprattutto i suoi capezzoli. Quando la colazione è pronta entra in camera del fratello per svegliarlo. Dorme supino, profondamente, è completamente scoperto e il cazzo duro per l’erezione mattutina si erge quasi parallelo al ventre. La cappella gonfia, parzialmente coperta dal prepuzio, sembra invitare Chiara a toccarla e a baciarla. Dopo averlo osservato per alcuni attimi, turbata ed eccitata, lo copre con il lenzuolo e apre le imposte chiamandolo per svegliarlo.

“Dai Mirko, sono già le sette, la colazione è pronta, devi andare a scuola. “
Intanto corre in cucina per togliere dal fuoco il latte quando sente dalla camera da letto Mirko con un tono molto duro.
“Ehi, schiava, portami la colazione a letto e richiudi le imposte, cretina. Io oggi non ho nessuna intenzione di andare a scuola. ” Ci vuole una forte dose di autocontrollo da parte di Chiara per non mettersi a gridare, ma, memore del patto della notte precedente, fa buon viso a cattivo gioco e sfoderando il migliore dei sorrisi porta la colazione a letto al fratello.

“Scusami, non sapevo che non volessi andare a scuola, speriamo che mamma e papà non si accorgano di nulla”
Intanto chiude nuovamente le imposte e appoggia il vassoio con la colazione sul comodino.
“Io vado a scuola, tu che fai?”
“Mi faccio i cazzi miei. Ora vai via, ci vediamo per pranzo e torna a casa immediatamente dopo scuola, non ti perdere in chiacchiere come al tuo solito, devi prepararmi il pranzo”
Poi, gettandole una occhiata distratta alle gambe:
“Ma come ti sei conciata, sembri una troia ! Guarda che se cerchi cazzi in giro io ce l’ho qui bello e pronto per te! “
Chiara mordendosi la lingua e trattenendo a stento le lacrime per l’atteggiamento volutamente aggressivo ed umiliante del fratello esce e si prepara per andare a scuola.

La mattinata a scuola si volge tranquillamente. Dalla sua amica riceve la conferma dell’appuntamento con Luca per la sera successiva. “Devo solo sopportare Mirko fino a domani sera…” pensa.
Quando suona la campanella che segna la fine delle lezioni esce subito, prende l’autobus ed arriva a casa. Il fratello è allungato sul divano e gioca con dei video giochi, non si gira nemmeno per salutarla. “Ma quanto cazzo ci impieghi per venire a casa.

Ho fame, dai schiavetta, muovi le chiappe !”
Chiara, che ormai ha capito l’antifona, rassegnata, risponde dalla cucina.
“Dieci minuti, il tempo di preparare qualcosa”
“No cocca, vieni qui a chiedermi cosa voglio mangiare prima”.
Chiara entra in soggiorno e chiede al fratello cosa vorrebbe mangiare. Il fratello la guarda dall’alto in basso e sorridendo le dice:
“i patti erano chiari, dovrai essere la mia serva come quando giocavamo da bambini, non mi sembra che tu stia rispettando i patti.


“Scusa, Mirko, dimmi cosa devo fare. ” “Ad esempio da bambini quando io ero il Re, ti inginocchiavi per aspettare gli ordini. E cerca di usare un tono più sottomesso quando parli con me”
Chiara si inginocchia e frugando nella sua memoria cerca le parole adatte tra la voglia di ridere di quella scenetta, cui la costringe il fratello, ed un sentimento di inquietudine per quel non so che di perverso che c’è nell’atteggiamento di Mirko.

“Cosa desideri mangiare Mirko?”
Il fratello ordina una pasta alla carbonara. La sorella prima di alzarsi chiede: “Vuoi mangiare qui o a tavola?”
Il fratello le risponde che mangerà a tavola, di sbrigarsi e, intanto di portargli una Coca.
Chiara si alza, gli porta la Coca e prepara da mangiare. Appena è tutto pronto, chiama il fratello a tavola. Versa la pasta nei due piatti e, per dimostrarsi abbastanza servizievole aspetta che il fratello si sieda per accomodarsi a sua volta.

Poi gli domanda con il tono più umile possibile: “Va bene così?”
Ma la dolce Chiara non aveva la più pallida idea di quanto Mirko volesse forzare le cose, in questo gioco, e, indicando il piatto della sorella, risponde con tono deciso:”No, non va bene. Chi ti ha detto che tu puoi mangiare seduta a tavola con me? Tu mangi dopo, in piedi, come le cameriere. “
Chiara rimane sconvolta dalla studiata perfidia del fratello ed a malincuore, guardando il suo piatto fumante di pasta, si alza e ripone il suo piatto sulla credenza.

“Accendimi il televisore e prendimi il telecomando, poi rimani qui in piedi, come fanno le cameriere. “
Il fratello mangia con calma, con gli occhi fissi sulla televisione, mentre Chiara deve rimanere in piedi al suo fianco. gli riempie il bicchiere ed aspetta.
La ragazza è molto combattuta. ormai ha accettato il gioco ed ha deciso di bere fino in fondo l’amaro calice, ma c’è qualcosa di strano nella situazione: si sente le guance rosse ed una strana sensazione inspiegabile di dolce stordimento.

Quella stessa sensazione che provava da bambina quando giocava con il fratello. Alla fine del pranzo,con molta calma, Mirko si alza e prima di crollare sul divano lascia le ultime disposizioni:
“Adesso sparecchia, poi puoi mangiare, ma non ti azzardare a sederti. Io vado in salotto, quando hai mangiato preparami il caffè e poi vai a mettere in ordine la mia camera. “
Chiara come un automa risponde meccanicamente: “va bene. ” Sparecchia la tavola, poi, anche se si sente un po’ stupida, malgrado il fratello non la possa comunque vedere, mangia in piedi qualche boccone della pasta ormai fredda e prepara il caffè per il fratello.

Glielo porta in salotto e, senza nemmeno che lui debba dire nulla, prima di porgerglielo si inginocchia. Il fratello sorride divertito ed accarezzandole la testa le sussurra: “Vedo che ti ricordi, brava, ma vedrai come ti metterò alla prova. Ora vai a sistemarmi la camera. ” Lei era colpita dal suo stesso atteggiamento remissivo e dal morboso atteggiamento del fratello. Viveva con leggerezza quel gioco, quasi contenta di essere tornata bambina. Ma c’era comunque qualcosa che non capiva.

Non riusciva a mettere a fuoco una strana sensazione che provava, derivante dalle parole e dai gesti del fratello. Si alza, riprende la tazzina vuota dalle mani del fratello e la riporta in cucina. Poi prima di andare a sistemare la camera entra in bagno. Si chiude la porta a chiave alle spalle, il cuore ha accelerato il battito, si sente strana. Deve verificare una cosa. Allunga una mano sotto la corta gonna e si sfiora le mutandine.

E’ come sospettava, scosta l’elastico e con l’indice, si fa strada tra la peluria trovando immediatamente le grandi labbra completamente bagnate.
Incredibile, si è eccitata. La bambina di qualche anno prima non sa cosa pensare e cerca di giustificarsi: “Forse non centra nulla quel rompishitole di Mirko. Sarà un caso. “
Indugia un po’, accarezzandosi. Il respiro si fa affannoso. Sente caldo. Poi si ferma chiedendosi cosa diavolo stesse facendo. Si sciacqua il viso con acqua fresca ed esce dal bagno.

Entra nella camera da letto del fratello cercando di scacciare il pensiero di quei momenti ed inizia a risistemare quel disastro che Mirko ha lasciato. Porta via i resti della colazione, sistema il letto, poi si abbassa e a fianco del comodino trova una rivista pornografica. La prende in mano, sotto si trovano i boxer di Mirko. La rivista è piena di donne nelle posizioni più sconce, ma a Chiara queste cose fanno solo tristezza.

La richiude scuotendo la testa e sta per portare i boxer del fratello in lavanderia quando si accorge di sentire tra le dita una sensazione di umidità. Infatti, guardando con più attenzione, Chiara nota una larga chiazza umida nei boxer che avvicina ala viso per annusare. Ancora quella strana sensazione, ancora le guance si infiammano.
E’ sperma, la ragazza non ha una grossa esperienza a riguardo, solo qualche affannoso petting con un coetaneo al mare.

Così entra nella stanza lavanderia chiudendo la porta alle spalle, annusa ancora e prova con i polpastrelli a verificarne la viscosità e la consistenza. Al disgusto si unisce la curiosità: non aveva mai pensato al fratello sotto quel punto di vista. Certamente anche lei qualche volta ha indugiato nel letto con una mano tra le cosce, pensando a qualche scena ardita vista in tv. Spesso si è masturbata, ma non hai mai guardato al fratello come ad un ragazzo, ormai grande, con le sue voglie e i suoi segreti.

Getta nel cesto della biancheria sporca i boxer di Mirko e si lava le mani accuratamente. Poi, per la seconda volta nel giro di poche decine di minuti, allunga una mano per assaporare l’umidità fra le labbra della sua gnoccolina.
“E’ meglio che mi calmi, altrimenti rischio di saltare addosso a Luca quando uscirò con lui, domani sera. ” Pensando a queste cose, torna in camera del fratello per finire di riordinarla.

Mirko,intanto,è assorto a guardare i suoi videoclip alla televisione e Chiara si rifugia in camera sua per studiare.
La quiete purtroppo dura poco, dopo nemmeno mezz’ora il fratello entra in camera blaterando: “Ah sei qui. E’ così che rispetti i patti? Non dovresti essere al mio servizio?”
Chiara si era sforzata di dimenticare per qualche ora il tirannico e capriccioso ricattatore e cerca di calmarlo:
“Scusa ma non mi avevi dato altri ordini, devo anche studiare.

Io,a differenza tua, ci vado a scuola. “
E’ un attimo, Chiara non ha nemmeno il tempo di capire cosa sta succedendo, il fratello ha già fatto partire uno schiaffo di man rovescio che lascia un segno rosso vivo sulla guancia destra della ragazza.
“E’ così che si risponde, stronza?”
Gli occhi azzurri di Chiara si riempiono di lacrime mentre si alza in piedi, stringendo i pugni: “Ora bas…..”
Non fa a tempo a finire la frase che Mirko ha già alzato il braccio e la colpisce di nuovo al volto e subito con un tono che non ammette repliche.

“Inginocchiati e chiedi scusa. “
Per Chiara è come una scossa elettrica; è furibonda, ma al tempo stesso confusa e, senza rendersi nemmeno conto di quello che sta facendo, e soprattutto del perché, lentamente si inginocchia mentre si asciuga le lacrime. Il fratello non ha il volto adirato, anzi, si direbbe quasi divertito mentre la sorella con un ultimo singhiozzo e massaggiandosi la guancia arrossata è in ginocchio e mormora uno: “Scusami. “
Mirko si siede ai bordi del letto, di fronte alla sorella inginocchiata.

Chiara tra la rabbia e la vergogna per aver di nuovo obbedito al fratellino tiene lo sguardo basso. Il fratello le accarezza una guancia e con un tono quasi consolatorio le dice:
“Devi imparare ad essere più sottomessa, altrimenti i nostri patti vanno a monte. “
In un attimo, mentre Chiara pensa a quanto sia strano quello che da due giorni le stia succedendo e a come stranamente non sia in realtà veramente arrabbiata con il fratello, la mano di Mirko scende lungo il collo e scivola verso il seno.

La maglietta sottile disegna alla perfezione i capezzoli di Chiara, sorprendentemente sensibili. Chiara non ha il tempo di rendersi conto di nulla anche se il respiro si fa affannoso e il fratello ha due dita sul suo capezzolo destro e stringe. Chiara, sempre con lo sguardo basso, sente improvvisamente caldo mentre il fratello stringe con forza il capezzolo, riesce a mormorare un: “No, cosa fai”
Ma è un lamento quasi impercettibile, biascicato, il fratello subito le dice…”stai zitta, fai quello che ti dico e taci, chiarooo …..?”
Poi si abbassa verso il suo orecchio e le mormora:

“Quando ti dico di inginocchiarti devi aprire le gambe, tenerle allargate, capito? Non siamo mica in chiesa.

” Chiara non è più in grado di fare nessuna domanda riesce solo a dire:
“Sì, subito”
Con le mani si alza un po’ la gonna stretta e corta ed allarga le ginocchia, poi meccanicamente mette le mani dietro la schiena. Il fratello, mentre si china a parlarle all’orecchio tende il braccio destro e lo infila fra le cosce divaricate di Chiara. Le dita si intrufolano nella deliziosa nocciolina umida di Chiaretta e si spostano sul grilletto, masturbandola lentamente…
“Ti piace troietta…? La smetterai di fare la ribelle o devo iniziare a pensare a cosa raccontare a papà ? Hai la figa bagnata fradicia, ti piace fare la schiava vero?”
“Dai fermati, ti prego, non va bene siamo fratelli..”
Lui per tutta risposta toglie la mano dalla passerina e, sollevandole la maglietta, le afferra nuovamente un capezzolo e lo torce con forza.

“Aagghhh, scusami, scusami Mirko, sono stata una stupida, non ti farò più arrabbiare, prometto. “
Il fratello molla la presa si alza di shitto e le dice in modo perentorio.
“Ora vai a lavarmi il motorino che devo uscire. “
Prima di andarsene sottolinea la frase con uno schiaffo dietro la nuca. Non è forte ma fa perdere l’equilibrio a Chiara che cade sul letto su cui prima era seduto Mirko.
Mirko esce e Chiaretta rimane ferma, in ginocchio, le cosce spalancate, il viso sprofondato nel letto, gli occhi bagnati di lacrime e non può fare a meno di allungare un mano in mezzo alle gambe ed avere la conferma: le mutandine sono tutte bagnate.

La ragazza è molto arrabbiata con sé stessa ma non può fare a meno di indugiare nel boschetto ad accarezzarsi pensando alla dolce umiliazione che le recenti prove di sottomissione le hanno procurato. Solo un minuto con il respiro affannoso poi si alza, si cambia ed esce per lavare il motorino al fratello.
Mirko esce in giardino con una birra in mano e si accomoda su di uno sdraio all’ombra ad osservare la sorella che, obbediente, sta lavando lo scooter.

Chiara cerca di non incrociare lo sguardo per la vergogna,

ma anche perché non vuole rischiare di subire nuove umiliazioni e punizioni.
Con la pompa ed una spugna si dedica con attenzione alla pulizia del motorino. Per lei non é una novità, anche il padre le ordina spesso di lavarle l’auto. Le poche volte che lei si è lamentata chiedendo a suo padre il motivo per cui non faceva fare questo lavoro al figlio maschio, il genitore maschilista ha sempre risposto di non rompere e di lasciare in pace “l’altro uomo di casa !”.

Lei subiva tutte queste umiliazioni, al solo scopo di poter uscire con Luca, oppure, in fondo al suo animo, l’essere in qualche modo schiava di suo fratello, le procurava uno strano piacere?
Mentre, con la mente era occupata da questi pensieri, proseguiva nell’opera di pulitura del motorino di Mirko, lui comparve sulla soglia della porta, che dava nel cortile e si avvicinò a controllare, il lavoro che la sorella stava svolgendo. Chiara meccanicamente si scostò, con le mani dietro la schiena e lo sguardo basso, ad attendere il giudizio del fratello.

Esattamente come faceva suo padre, lui diede una rapida occhiata e con il solito tono strafottente, indicando le ruote.
“Pulisci bene anche le ruote, cretina! Devono sembrare nuove, e sbrigati !”
La ragazza, ormai assuefatta ai modi ostili del fratello si limitò a mormorare: “scusa..”
La ragazza si adopera subito a pulire per bene le ruote della moto, mentre Mirko rientra, soddisfatto, in casa. Mirko, dopo qualche minuto, si presenta per uscire, esamina accuratamente il motorino e poi ci sale su, guarda la sorella, con il solito sorriso strafottente e mettendo in moto.

“Io esco, hai qualche ora di libertà, ma non muoverti da casa. Poi ti chiamo. “
Mentre il fratello se ne va, Chiara rientra in casa tirando un sospiro di sollievo, finalmente un po’ di pace. Cercando di scacciare il pensiero di quello che è successo in quella giornata si rimette a studiare perché ormai sono già le diciassette e l’indomani, sarà un sabato impegnativo. Ci sarà prima l’università e poi, la sera, l’appuntamento con Luca.

Alle diciannove in punto sente suonare il telefono, è Mirko che con estrema insolenza…………
“Senti schiava, vengo a casa con degli amici, prepara qualcosa per cena. “
Il tono era di quelli che non ammettevano repliche, ma Chiara si permise comunque, con il tono più rispettoso possibile di obiettare…………
“Mirko, lo sai che papà non vuole che invitiamo gente a casa…. “
Ma non riesce a finire il discorso perché il fratello con un tono molto duro la interrompe:
“Non ti azzardare a contraddirmi, stupida, io faccio quello che voglio.


Chiara rimane zitta per un attimo e capisce che é meglio non contraddirlo:
“Va bene, dimmi cosa devo fare”
“Niente di particolare, apparecchia la tavola per quattro persone in sala da pranzo, vengono dei miei amici, guardiamo un film e mangiamo una pasta. Tu vedi di comportarti come ti ho insegnato oggi. Capito?” Chiara percepisce il pericolo di essere messa in ridicolo davanti a dei ragazzini amici del fratello ed inizia ad essere veramente a disagio.

“Ma Mirko, i tuoi amici non fanno parte del nostro accordo …mi vergogno. Non vorrai trattarmi come mi hai trattato oggi davanti a loro?”
“Chiara non rompere i coglioni! Tu comportati bene, sii obbediente e sottomessa, può darsi che loro nemmeno se ne accorgano. Del resto tu sei solo una donna “
“Comunque anche se se ne accorgono nemmeno ti conoscono e poi tu fai quello che ti dico io o ti metti in un mare di guai… chiaro?” “Ok capito, è tutto chiaro, preparo e vi aspetto”
Apparecchia la tavola, mette l’acqua per la pasta sul fuoco, ci aggiunge il sale e aspetta che bolla.

Poi va in bagno a mettersi in ordine, per essere presentabile agli amici del fratello. Mentre è ancora in bagno, sente la porta di casa aprirsi e dei ragazzi che ridono e parlano fra di loro. Poi la voce di Mirko che la chiama e subito dopo sente bussare con violenza contro la porta del bagno. “Che cazzo ci fai sempre in bagno ? Esci di lì che i miei amici devono andare a pisciare !”
Mirko parla volutamente ad alta voce, per far sentire anche ai suoi amici, come lui tratta sua sorella maggiore.

Quando Chiara esce dal bagno lui, sempre ad alta voce……
“Vai in camera tua e aspettami. “
Intanto i ragazzi sono entrati in bagno e senza nemmeno chiudere la porta, a turno tirano fuori il cazzo dalla patta dei jeans e iniziano a pisciare rumorosamente. Chiara si allontana e se ne va in camera sua, si toglie la gonna corta e si infila i pantaloni della tutina rosa. Dopo pochi secondi Mirko entra e la guarda fissa negli occhi.

“E’ meglio che ci chiariamo subito, mettiti in ginocchio!”
Chiara si inginocchia immediatamente, apre le ginocchia come piace al fratello, poi abbassa la testa e mette le mani dietro la schiena. “Brava così mi piace. Non userò giri di parole, ora farai quello che ti dico e guai a te se sbagli anche solo la più piccola cosa. Ti farò fare letteralmente la serva per me ed i miei amici questa sera, voglio che li lasci a bocca aperta.


Poi volge lo sguardo verso il letto e nota la minigonna che Chiara si era appena tolta.
“Perché ti sei cambiata? Non vuoi far vedere le gambe ai miei amici? Non hai capito un cazzo ! Rimettiti quella…. anzi mettiti quella bianca che non metti mai. “
Chiara arrossisce immediatamente, quella gonna é ancora più corta e, soprattutto, é plissettata e larga. Non la mette mai perché qualsiasi movimento rischia di mostrare le mutandine.

la ragazza rimane anche meravigliata del fatto che il fratello se la ricordasse. Chiara azzarda una resistenza. “Quella non la metto mai…”
Anche questa volta non riesce a finire la frase perché un sonoro ceffone la colpisce su una guancia.
Chiara si massaggia la parte colpita poi si scusa con suo fratello. Lui, seccato per l’insubordinazione della sorella, la prende per i capelli e…. “Mettiti la gonna bianca e visto che fai la furba ti togli pure le mutande ! Muoviti, e poi vieni di là a servire a tavola !”
La ragazza si alza in piedi e si avvicina al cassetto dove tiene le gonne, prende quella bianca e sfilando i pantaloni della tuta si infila la gonna.

Mirko è lì che la osserva con attenzione e attende che lei obbedisca ai suoi ordini….
“Togliti le mutande, muoviti…..”
Chiara si solleva lentamente la gonna e, altrettanto lentamente, infila i pollici nell’elastico del perizoma. Lei spera che lui se ne vada, in modo da non privarsi dell’indumento che le copre la sua intimità.
Mirko non si muove e aspetta di assisterere al suo spogliarello integrale.
“Ma sei stupida o lo fai apposta? Fai veloce,sfila queste di mutande!” “Ti prego Mirko, mi vergogno troppo, la gonna è trasparente ed appena mi muovo mi si vede tutto.

Ti prego, questo no. “
In quel momento Mirko fa una cosa che sorprende di nuovo Chiara. Senza andare tanto per il sottile si avvicina alla sorella le alza la gonna e con uno strattone le strappa le mutande di dosso. La ragazza ormai è psicologicamente turbata, controllata da un despota che gode nell’infliggerle ogni sorta di umiliazione.
Infatti non ha più alcun istinto di ribellione, si limita a coprirsi il sesso con una mano.

La testa diviene sempre più bassa ed il viso sempre più rosso dalla vergogna. Poi muove le gambe per far scivolare a terra le mutandine strappate. Mirko le raccoglie e se le avvicina al viso annusandole. L’afrore che l’umido indumento emana è la chiara ammissione che il fare la schiava sia una attività, che la eccita moltissimo. Così Mirko si rivolge a lei con voce più dolce…
“Vedo e sento che ti piace essere la mia schiava …! Ora vieni di là che ti presento i miei amici, vedi di essere gentile con tutti e cerca di farci divertire.


Il fratello si mette in tasca le mutandine strappate di Chiara, apre la porta e con finta galanteria la fa passare per prima. Giusto per assestarle una manata sul culo. Mentre percorrono il corridoio che porta alla cucina lui ne approfitta e le palpa il culo facendole scivolare le dita nella sua profumata piccola albicocca bagnata. Lei non si lamenta e nemmeno cerca di sottrarsi al palpeggiamento insistito.
Chiara è combattuta tra il piacere fisico che sente in quei brevi attimi e quello cerebrale, altrettanto intenso.

Lei cammina a piccoli passi tenendo le mani sul davanti, temendo che si possa vedere quello che sta succedendo lì sotto.
Giunti in salotto Mirko sfila la mano da sotto la gonna di Chiara e la presenta ai suoi giovani amici già abbandonati sulle poltrone.
“Questa è mia sorella Chiara, loro sono i miei amici Nicola, Enrico e Mattia. “
Poi Mirko si siede sull’unica poltrona ancora disponibile lasciando sua sorella in piedi in mezzo a loro.

I ragazzi la squadrano da capo a piedi e la salutano con un sorrisino ironico.
La ragazza mantiene lo sguardo basso e mormora a sua volta un saluto. I tre sono dei ragazzi tutti diciottenni, sono molto diversi fisicamente tra di loro. Nicola è grassottello con i capelli rossi e le lentiggini sul viso. Enrico è invece magrissimo, carino di viso, con capelli e occhi scurissimi mentre Mattia è piccolino di statura, capelli biondi, ricciolini, fisicamente magro, quasi scheletrico.

Indossano tutti i jeans e delle normali t-shirt di vari colori con delle scritte sopra.
Mirko prende per primo la parola per riprendere il suo ruolo di fratello padrone….
“Cosa fai lì impalata, vacci a prendere qualcosa da bere. “
Lei legge gli sguardi sorpresi, e forse anche imbarazzati, dei tre ragazzi; si volta per andare in cucina ed è perfettamente cosciente che la gonna con il movimento si è sollevata scoprendole abbondantemente il sedere, nudo.

Prende un vassoio e ci mette su varie bibite assortite con relativi bicchieri, infine raggiunge i ragazzi e si china per posare il vassoio sul tavolo basso, situato fra le poltrone. Con malizia estrema, nel compiere questa operazione si posiziona in modo da volgere il suo bel culetto dalla parte degli amici di Mirko.
“Ehi sorellina, ci devi servire, versaci da bere!” “Cosa volete bere?”
Chiara si mise a mescere loro le bibite prescelte e si preoccupò ancora di eccitare i giovani ragazzi, mostrando il più possibile delle sue parti intime.

Poi Mirko esordisce: “vai in camera tua, ti chiamo quando mi servi. “
Il modo di dare ordini di Mirko, era certamente studiato per umiliare in ogni modo la sorella, ma lei, da quel momento in poi, capì di non dover subire più passivamente il comportamento del fratello.
Lei all’improvviso aveva percepito la potenzialità che aveva la situazione che si stava creando. Così decise di stare al gioco e ricavare quello che fosse possibile ottenere, almeno a livello cerebrale.

La ragazza aveva iniziato il suo gioco, si era seduta al posto del banco e stava preparando le sue mosse. Soprattutto aveva capito che la situazione era eccitante e che, in fondo, in fondo nel suo DNA esisteva, forse da sempre, il desiderio di essere una vera schiava.
La donna a disposizione di tutti per soddisfare i desideri e le voglie più recondite di tutti quelli che avrebbero voluto abusare della sua femminilità e della sua.

ancora adolescenziale, sessualità. Era pronta ad offrire a tutti i suoi servigi.
Quando la voce di suo fratello, arrivò alle sue orecchie, lei obbedì di buon grado e raggiunse in salotto lui e i suoi amici, pronta a questo nuovo tipo di “sacrificio”.
“Inginocchiati qui, davanti a me e fai vedere ai miei amici cosa sai fare !”
Lei finse di essere titubante, abbassò lo sguardo e fece segno di no con il capo.

Mirko si alzò dalla poltrona e la schiaffeggiò ancora, lei sentì il piacere salirle dal ventre, percepì l’umore che stava riempiendo la sua vagina. Si piegò volontariamente all’ordine di suo fratello e si inginocchiò fra le sue gambe divaricate. Volutamente con malcelata inesperienza, abbassò la zip dei jeans di Mirko, poi aprì la fibbia della cintura di cuoio e fece uscire il bottone metallico dall’asola. Allargò i lembi dei pantaloni e, prendendoli lateralmente, li tirò delicatamente verso il basso.

Mirko, aiutò sua sorella, in questa operazione, agevolandone il compito e sollevando il bacino. Rimase in slip bianchi elasticizzati,essi si avvolgevano attorno al grosso cilindro duro, formato dal cazzo di suo fratello.
La cappella fuoriusciva dall’elastico e lei la sfiorò con le dita, non prima di essersele inumidite con la saliva.
Ancora una volta Mirko sollevò il bacino e lei provvide a sfilargli gli slip. Il grosso cazzo si proiettò fuori come una molla, vibrò e rimase fermo, rigido.

Lei si alzò in piedi e poi si chinò tenendo le gambe divaricate e tese, imboccò il pene di Mirko e inizio ritmicamente a pompare. Lo spettacolo, per i ragazzi seduti dietro di lei era molto eccitante. Tutti e tre, quasi simultaneamente, si liberarono dei jeans, seguiti a ruota dalle mutande e dalla maglietta. Vedevano il magnifico culo e la nocciolina depilata di Chiara e fra le gambe divaricate di lei, potevano ammirare altresì, la bocca della ragazza che scorreva abile sul cazzo del loro amico.

Mirko a questo punto prese per i capelli sua sorella e la allontanò dal cazzo.
“Ehi troia, ora succhia anche loro ! Muoviti, succhiali, nella stessa posizione di prima !”
Chiara, si asciugò con il dorso della mano destra la bocca bagnata poi si girò verso i tre ragazzi e li vide nudi con le loro nerchie dure.
Quello che lasciò a bocca aperta Chiara, fu il pene di Mattia.
Visto nudo, il ragazzo, era veramente scheletrico e anche le gambe erano sottilissime e mingherline.

Era pure piccolino di statura e l’unica cosa di veramente esagerato era il cazzo. In mezzo a tanta desolazione pareva di trovare un oasi nel deserto. Il cazzo era duro, larghissimo dalla base fin sotto la cappella, era lievemente incurvato verso destra. Il glande usciva a fungo da questo grosso tronco e vi sporgeva in modo esagerato. Lei lo osservò a lungo poi si rimise in posizione di vera troia e aprendo la bocca al massimo di quanto gli era consentito, lo circondò con le labbra riuscendo ad ingoiarne un pezzo.

Lei iniziò il pompino, ma, il giovane resistette solo pochi secondi, forse perché molto eccitato dallo spettacolo precedente.
La “Fontana di Trevi” si riversò nella sua bocca. Ingolfata, cercò di ingoiare quanto più seme fosse possibile, poi volle tirarsi indietro per respirare.
Lui la prese per i capelli e la obbligò a ingoiare tutto il cazzo. Quando lui ebbe terminato, Chiara riuscì a prendere il sopravvento e approfittando dell’estasi profonda che aveva provvisoriamente intontito Mattia, riuscì a liberare il suo cavo orale dalla ingombrante presenza del grosso cazzo del giovane.

Lei riprese fiato, respirando affannosamente, la bocca mostrava, ai lati, delle colature di sborra, che scendevano giù verso il mento e rimanevano appese, tremule ed elastiche, per poi cadere sulla maglietta della ragazza.
Quando riaprì gli occhi, fu colpita dalla scena che si svolgeva sulla poltrona di fianco a quella di Mattia.
Suo fratello Mirko, il super macho, stava succhiando il cazzo del “rosso” ovvero di Nicola.

Lei si abbandonò sulla poltrona lasciata libera da suo fratello e assistette eccitata alla scena.

Quando poi vide Enrico alzarsi in piedi e prendere Mirko per i fianchi, sollevarlo in modo da portare il culo del ragazzo a portata di cazzo, lei lasciò che la sua mano destra si insinuasse fra le cosce spalancate e iniziò a sditalinarsi furiosamente. Mattia, con il cazzo ancora gocciolante la raggiunse inserendo la sua bocca fra le sue cosce di lei, le aprì la figa con le dita e iniziò a leccarla sapientemente.

Chiara, gode come una matta, mentre il ragazzo la lecca, vede Enrico che incula suo fratello Mirko che a sua volta succhia il cazzo a Nicola. Sta quasi per arrivare all’orgasmo, quando vede Mattia sollevare il viso dalle sue cosce e avvicinare il cazzo, tornato miracolosamente duro, alla sua figa fradicia.
Lo sente entrare, il mostro si fa largo dentro la sua vagina scivolosa. La penetrazione è inizialmente faticosa ma poi le pareti della figa di Chiara si allargano e si adattano alle dimensioni mostruose del grosso membro, così il gigantesco pitone gli penetra fino alla radice.

Pochi colpi e lei viene, gode con un orgasmo infinito, intenso, appagante al massimo.
Mentre si gode ad occhi chiusi il suo piacere, sente il cazzo sfilarsi repentinamente da lei e simultaneamente sente sul viso e sul corpo lo sperma bollente che la colpisce con getti violenti e densi. Mattia esausto si accascia su di lei e la bacia sul collo e sul viso, le stringe convulsamente le tette con le mani e poi si abbandona, quasi esanime, sopra Chiara.

Mentre questo succede anche il trio “gay” sta raggiungendo il culmine del piacere e in successione, prima Enrico, che sborra nel culo di Mirko, poi Mirko che segandosi eiacula sul corpo di Nicola, e poi quest’ultimo che si libera del suo seme inondando la bocca di Mirko. La sera, lei telefonò a Luca, e gli spiegò che un improvviso mal di testa, l’aveva bloccata e che sarebbe andata a letto.
L’appuntamento per il momento era annullato.

.

Jotaro, il mio amore giapponese – Capitolo 7

Capitolo Sette: “1981”

Era il gennaio. 1981. Eravamo insieme di nuovo ed eravamo felici.
Ritornammo a scuola dopo la fine delle vacanze natalizie e ritornammo ai libri di scuola. Avevamo deciso di dedicarci insieme al campo dei computer.
Riuscimmo a stare insieme più spesso che potevamo e godevamo della nostra vicinanza. Qualche volta riuscivamo a fare l’amore, qualche volta no. Non era importante il farlo, lo era lo stare vicini.

Continuammo ad aiutarci l’un l’altro nei compiti in classe ed i miei voti migliorarono. I miei genitori ne erano felici e sembrava pensassero che la mia amicizia con Jotaro fosse una cosa positiva per me. Se avessero saputo davvero che eravamo innamorati, non mi avrebbero permesso di frequentarlo. Oggi mi chiedo se non avessero mai saputo di noi.

Alcuni eventi notevoli si verificarono nel 1981. Una delle mie sorelle stava con un ragazzo che mi piaceva molto.

Io pensavo che fosse così carino! Annunciarono che si sarebbero sposati in estate. La mia famiglia era contenta della notizia ed anch’io lo ero. Voleva dire che avrei avuto una camera tutta per me fra non molto e questo voleva dire più privacy con Jotaro. Fino a quel momento avevo condiviso una stanza con il mio fratello minore, Roby, che era una vera rottura, non lasciava mai che io e Jotaro stessimo un po’ da soli quando lui veniva da noi.

Io non avevo mai privacy quando volevo stare da solo e farmi una sega sognando Jotaro.
Vivere con Roby era estremamente stressante. La mia famiglia era costantemente sull’orlo della crisi e mia mamma era quella più colpita. Il fatto che stesse per tornare a casa dal collegio per l’estate non la rendeva affatto felice. Quando i miei parenti, che stavano dall’altra parte del paese, appresero la notizia del matrimonio, furono molto contenti. Conoscevano la situazione con Roby, ed uno dei miei zii, un orso di uomo, si offrì di venire da noi, dopo che la scuola fosse finita, per aiutare.

Quello che realmente voleva era che Roby si prendesse le sue responsabilità e mamma non dovesse preoccuparsi di lui mentre noi facevamo quadrare le cose per il matrimonio. Mamma sembrò molto felice quando chiuse la comunicazione con lo zio.

Nei mesi che portarono al matrimonio la mamma fu molto occupata dalle infinite cose necessarie. Naturalmente Roby continuava a fare lo stronzo mettendosi nei guai più che mai nei fine settimana. Una semplice visita alla biblioteca divenne una situazione preoccupante, Roby aveva aperto una macchina e preso dei soldi dal cruscotto.

Ricordo che mio papà era furioso. Dopo che lui e Roby ebbero discusso, mio fratello riuscì a sedersi per un paio di giorni. Jotaro capì che ero stressato e fece di tutto per essermi d’aiuto.

Scuola e lavoro in casa mi tennero occupato, ma non troppo da evitare di incontrare Jotaro. La sua famiglia era sempre contenta di vedermi ed io mi sentivo sempre il benvenuto in quella casa. Era anche un rifugio per me, dove potevo scappare quando a casa le cose peggioravano.

C’era molto stress e mi dispiaceva per i miei genitori che dovevano sopportare le cazzate che Roby combinava a scuola. Io facevo quello che potevo per cercare di ridurre la tensione anche se loro non riconoscevano i miei sforzi, di solito lo facevano più tardi.
“Ti senti bene?” Mi chiese Jotaro un pomeriggio di maggio dopo avermi fatto un massaggio intenso.
“Decisamente!” Sospirai: “Dovresti farlo ai miei genitori. ”
“Questa è un’idea, ma non potrei spingermi così in là come faccio con te, amore.

Comunque sono sicuro che l’apprezzerebbero. Ti mostrerò come massaggiare il collo e trovare sulle spalle le aree giuste per rilassarli. ”
Quella notte mi insegnò ed io lo feci a mio papà. Lo rilassai tanto che riuscì a dormire davvero per la prima volta dopo secoli. Gli piacque e quindi lo feci alla mamma. Non dovettero chiederlo una seconda volta, lo facevo automaticamente quando loro erano sulle loro sedie favorite a guardare la tv.

So che li aiutai moltissimo.

Il sesso tra me e Jotaro rallentò per un po’, lui sapeva perché e non si preoccupava. Le poche volte che lo facevamo era come essere in paradiso. Amavo baciarlo e toccarlo, lui amava stringermi e leccare ogni parte di me. Io amavo succhiargli i capezzoli, i rilievi così duri ed eretti, lui amava leccarmi e succhiarmi le palle. Amavamo il 69 e succhiare il cazzo duro dell’altro.

Lui diventava molto focoso mentre mi inculava, io amavo sentire il suo cazzo rigido muoversi dentro di me. Anch’io diventavo focoso con l’uccello profondamente dentro di lui. Era una profonda, gioiosa comunione che ambedue amavamo condividere. Ci faceva sentire bene essere uno con l’altro. Feci tesoro di quei momenti ed ancora ne faccio.

“Come ti va, amore?” Bisbigliò Jotaro nel buio della sua stanza.
“Questa notte è meravigliosa, essere qui da solo con te ed essere amato da te.

” Bisbigliai.
Sentii le sue labbra premere sul lato del mio collo, spedendo brividi su e giù lungo la mia spina dorsale.
“Tu mi fai sentire completamente innamorato. ” Lui bisbigliò, le sue dita solleticarono sotto le mie palle.
“Oh, baby, che…. che bello!” Mi lamentai.
Rotolammo insieme, le nostre labbra si incontrarono e danzarono insieme. Sentii il tocco della sua lingua nella mia bocca e le sensazioni erano meravigliose.

Dimenticai chi ero e mi sentii fuso in lui. Era come se fossimo diventati una cosa unica, il nostro amore ci portava in quel luogo e tempo, un luogo dove il tempo si fermava perché gli innamorati godessero dell’altro. (Non posso fare a meno di piangere un po’ alle emozioni che sto sentendo. ) Jotaro sapeva, capiva quello che sentivo e lo stava anche sperimentando. Non importava quante volte facevamo l’amore, ogni volta che lo facevamo era come la prima volta.

Mio zio Gianni arrivò la seconda settimana di giugno. Io l’avevo incontrato solo una volta ed ero estremamente felice di vederlo; anche lui lo era. Quando Roby capì quello che stava su succedendo, si sextenò. Ma finì molto presto, ricordo che ebbe una discussione con lo zio e Roby filò dritto per il resto dell’estate. Quando lo zio Gianni incontrò Jotaro, capì immediatamente che noi due eravamo innamorati. Avevamo paura che lo raccontasse.

Lui ci disse più tardi che aveva degli amici gay.
Lo zio era etero e non approvava, ma rispettava la nostra decisione di stare insieme. Approvò Jotaro e questo mi fece felice. Se fosse stato un altro tipo di ragazzo, penso che mi avrebbe detto di lasciar perdere rapidamente. Non avevo idea di cosa avesse visto in Jotaro, ma apparentemente gli piaceva molto e ne ero contento.

Fummo davvero occupati dopo l’arrivo di zio Gianni.

Tra lui, io, Roby e Jotaro (lui ci aiutava quando poteva), e la casa, il giardino ed il cortile tornarono rapidamente in forma. Jotaro ed io riuscimmo a fare qualche sveltina qua e là, io che gli succhiavo il cazzo nel capanno degli attrezzi, lui che succhiava il mio nel camper, io che gli davo il sedere in bagno e lui che me lo dava in camera da letto. Quelli erano momenti eccitanti, la possibilità di essere sorpresi era alta, ma era quello che rendeva la cosa più eccitante.

C’è da chiedersi come mai non fummo scoperti.
La settimana del matrimonio arrivò il resto dei parenti. Io ero felice di vederli e presentai loro Jotaro. Mio nonno Enrico (il padre di mio papà), ci prese da parte e ci diede la sua approvazione. Anche zio Luciano indovinò, ma tenne per sé i suoi pensieri.
La casa stava diventando piuttosto piena, così Jotaro offrì di farmi stare da lui in modo che gli altri potessero usare la camera da letto che mio fratello ed io dividevamo.

Era già stato deciso che alcuni di loro sarebbero stati in albergo.
Io avevo una sensazione molto forte dentro di me che qualche cosa stava per accadere a Jotaro e me. Sentivo qualche cosa profondamente dentro di me e finalmente mi resi conto di cosa era. Era il bisogno ed il desiderio di rendere speciale il legame tra di noi. Andai a cercare e trovai un anello d’oro, naturalmente solo uno, nulla di veramente elegante, e lo comprai.

Vi feci mettere le nostre iniziali. Lo tenni in tasca la mattina del matrimonio. Dovevamo andare in chiesa per le ultime cose tre ore prima. Dopo aver finito ci mettemmo ad ammirare la facciata della chiesa. I raggi del sole mattutino attraverso i vetri colorati creavano un effetto arcobaleno. Allora feci la mia mossa.
“Jotaro, ti devo chiedere una cosa. ” Dissi nervosamente.
“Cosa, amore?” Chiese.
Presi la sua mano e lo condussi sui gradini guardandomi intorno per vedere se c’era qualcuno.

Presi l’anello dalla tasca.
“Jotaro, io ti amo tanto. Tu sei tutto per me. Tu mi completi. Tu mi hai fatto felice. Tu mi hai insegnato tanto. Vuoi essere…mio?” Bisbigliai mentre facevo scivolare l’anello sul suo dito.
Lui mi guardò con le lacrime agli occhi: “Sì. ”
E anche lui fece scivolare un anello sul mio dito: “Io prometto di amarti ed occuparmi di te per sempre. ”
Ci baciammo, il tempo si arrestò e diventammo una cosa sola.

Il resto della giornata passò rapidamente. Ad essere sinceri non ricordo bene quello che successe dopo, ma fu grande. Tutto andò per il meglio. Quello era decisamente un giorno speciale per noi. Rimasi da Jotaro quella notte. Facemmo l’amore nella maniera più bella ed appassionata di quanto l’avessimo mai fatto. Eravamo così felici, non penso che avremmo mai potuto sentire qualche cosa del genere. Lo dicemmo ai suoi genitori e loro ci offrirono una bottiglia di champange per celebrare.

Sapevamo che io non potevo dirlo ai miei genitori per paura di quello che poteva accadere, ma vorrei e spero che un giorno loro capiranno. Io non avevo mai immaginato che essere innamorato potesse essere così magnifico, così grande, ma lo è. Non c’è niente di più grande. Eravamo la coppia più felice del mondo. Pensavamo che nulla avrebbe mai potuto farci smettere di stare insieme. La vita andava alla grande per noi.

Conclusione

Avevo deciso di terminare qui la nostra storia.

Ci amammo sia nei tempi duri che nei tempi buoni. La mia vita cambiò notevolmente dopo di ciò. La mia famiglia scoprì di noi e quello che videro in noi, li cambiò. La nostra relazione cambiò molte cose in tutte e due le famiglie.

Poi Jotaro scoprì che dopo il suo ventesimo compleanno sarebbero tornati in Giappone. Passammo insieme ogni momento possibile. Sapere che dopo due anni ci saremmo separati ci provocò molto dolore.

Non c’era nulla che potevamo fare.
Facemmo tesoro di ogni momento possibile. La notte dell’annuncio non facemmo nulla se non tenerci stretti l’uno all’altro sperando che fosse un cattivo sogno. Non lo era ed il suo ventesimo compleanno giunse troppo presto.
L’ultima notte facemmo l’amore nel modo più appassionato e completo. Lui mi tenne a lungo dentro di sé dopo che ero venuto ed io lo tenni in me a lungo dopo che mi ebbe penetrato.

Non avrei mai pensato che potesse esserci tanta tristezza come quando se ne andò.

La tragedia colpì la sua famiglia un anno dopo il loro ritorno. Tutti, eccetto Jotaro rimasero uccisi in un incidente stradale. Noi ci tenemmo in contatto ed io avrei voluto essere là per dargli il mio appoggio. Mi chiamò e passammo quattro ore al telefono. Continuammo a scambiarci lettere fino a ventisei anni.
I nostri compleanni erano nello stesso giorno.

Quel giorno lui era andato nella fabbrica dove lavorava come direttore della produzione. Un dannato incidente prese la sua vita quel giorno.
Nello stesso momento ebbi una visione di lui che entrava nella mia stanza e si sedeva sul mio letto. Lo riconobbi e parlammo. Lui mi baciò e mi disse che sarei stato di nuovo felice. Si girò e se ne andò attraverso il muro. Allora compresi che gli era successo qualche cosa.

Un settimana più tardi due giapponesi bussarono alla mia porta. Mi diedero una shitola. Dentro c’era un chimono di cotone nero. Mi dissero quello che era accaduto. Piansi per ore. Fui inconsolabile per mesi.

Ci sono dei momenti in cui mi sento triste o depresso, allora sento le sue braccia intorno a me e lui che mi parla a bassa voce: “Sono qui, Davide. Voglio sempre essere qui.

Io ti amerò sempre anche se ho dovuto andarmene. Io ti amerò, per come ci siamo amati e perché io ti ho amato tanto. Il mio essere è profondamente dentro di te e nulla potrà rimuoverlo. ”

Si dice che se si ama qualcuno profondamente e l’amato muore, il suo spirito rimane con te per il resto della tua vita. Io ci credo con tutto il mio cuore, perché è accaduto a me ed è verissimo.

Non c’è nessun potere più grande in questo universo dell’amore.

Lui avrebbe voluto che andassi in Giappone per presentarmi ai suoi parenti. Un giorno o l’altro ci andrò per trovare anche la sua tomba e piangere. Poi andrò a visitare i luoghi che avevamo progettato di vedere insieme. So che lui ne sarà felice.

Una chiusura triste, ma la vita riserva gioie e dolori, l’importante è godere delle gioie ed utilizzarle per superare i dolori.

Se vi è piaciuto il racconto fatemelo sapere, come sempre i vostri commenti sono molto importanti per me.

Letizia, sottomessa e schiavizzata

Alle sette in punto Chiara si svegliò. Avvertì un piacevole solletico alle piante dei piedi, una carezza gentile su ogni dito ed un bacio appena accennato sul tallone. Mosse i piedi ed il dorso della sue estremità destra colpì la guancia di Letizia, che in ginocchio in fondo al letto e con la bocca appoggiata ai piedi di Chiara sospirava paziente.
-“Aaahhh!”- sbadigliò la padroncina, distendendo le braccia e le gambe e girandosi con la schiena in giù sul morbido materasso.

“Buon giorno, mia povera schiavetta”-
Letizia scostò un poco la testa, si voltò verso il viso di Chiara e poi tornò a chinarsi con la fronte fin quasi a sfiorare il pavimento. Vedere quella persona adorante al suo servizio compiacque moltissimo la signorina, che scese una gamba oltre il bordo del letto andando a premere un piede sulla nuca di Letizia. La serva rimase immobile e Chiara aumentò la pressione della sua gamba schiacciandole la testa sulle mattonelle.

La padroncina rise.
-“Eh eh…sei puntuale. ”- disse –“Brava”-
-“Grazie, padroncina”-
-“Tu hai dormito bene?”-
-“Certo”- rispose Letizia –“Grazie, signorina”-
In realtà Letizia aveva dormito sotto al letto di Chiara, adagiata su di una sottile coperta di lana ed un minuscolo cuscino ruvido. Chiara aveva disposto da qualche tempo che la serva dormisse così, alla sua portata, poiché essa doveva essere sempre presente e a disposizione per quando ne avesse avuto bisogno.

Ogni tanto, nel cuore della notte, Chiara si svegliava con la voglia di farsi leccare i piedi o di urinare; allora allungava una mano sotto al materasso, afferrava la serva per i capelli e la costringeva a venire fuori dal letto, talvolta incitandola con schiaffi e strattoni. La poverina si svegliava di soprassalto e nel dormiveglia, ancora mezza tramortita, era costretta ad obbedire alla bella aguzzina e a bere la sua calda urina. Poi Chiara la congedava e ritornava a dormire.

Spesso la serva era esiliata sotto al letto con l’ausilio di calci e schiaffi.
Quella sera la padroncina aveva bevuto molto ed aveva avuto bisogno di scaricarsi per ben due volte. Letizia aveva bevuto tutto con solerzia.
Andava avanti così da un mese o poco più, da quando la padrona aveva deciso che una schiava part-time durante le due ore di scuola non era più sufficiente. Gliene serviva una a tempo pieno e dato che Letizia veniva da una famiglia allo sbando, nella quale nessuno si sarebbe accorto della sua mancanza, la scelta ricadde su di lei.

Chiara permetteva generosamente alla schiava di ritornare a casa tre o quattro volte la settimana al fine di cambiarsi d’abito e prendere la roba che le occorreva. Letizia aveva sistemato la faccenda con i genitori dicendo che per l’anno scolastico corrente si era trovata una camera in affitto a poco prezzo e che vi sarebbe rimasta a lungo, almeno fino alla pagella di giugno.
Il problema maggiore per la convivenza di Letizia e Chiara nella casa di quest’ultima era però rappresentato dalla madre della giovane padroncina.

La signora Elisabetta era una donna di classe e bellezza inconsuete. Aveva poco più di quarant’anni ed una linea da modella, capelli bruni e lisci, labbra carnose e occhi neri e profondi. Era una donna abituata a comandare, grande manager di un’altolocata società d’azioni e personalità molto forte. Chiara l’aveva vista comandare ed umiliare molti dipendenti sul posto di lavoro, sia uomini che donne. La cosa interessante era che la madre andava particolarmente fiera di queste dimostrazioni di superiorità davanti alla figlia.

Era come se volesse insegnarle a dominare gli altri Chiara aveva appreso fin troppo bene quelle prime lezioni ed aveva fatto pratica sulle sue compagne di scuola. I ragazzi non le davano altrettanta soddisfazione, purtroppo, erano troppo rozzi.
Un paio d’anni prima la signora Elisabetta aveva assunto una segretaria appena laureata e quest’ultima aveva cominciato a lavorare a casa di lei. Chiara ricordava quel periodo in modo speciale, gran parte dei rudimenti della sua vita da padrona li aveva appresi allora.

In principio la segretaria svolgeva compiti di routine, sistemava scartoffie, riordinava moduli, sbrigava pratiche. Poi il legame fra lei e la sua bella datrice di lavoro si fece più stretto, velocemente e morbosamente più stretto. Chiara prese a spiare l’ufficio della madre dove lei e la giovane praticante lavoravano una volta vide…
Elisabetta lavorava alla scrivania, seduta su di un’ingombrante ma comoda poltrona in pelle e con le gambe abbandonate sul bracciolo di destra.

La segretaria se ne stava di fronte a lei, in ginocchio, ingobbita e sottomessa, praticando un rilassante massaggio ai piedi della manager. La donna sorrideva ed osservava con aria annoiata e un po’ snob la serva. Ogni tanto sfilava un piede dalla stretta carezzevole delle sue mani e glielo strofinava in faccia, sulle labbra, forzando la sua bocca con le dita e giocherellando con il suo mento, il naso ed i capelli. Di solito era Elisabetta a parlare, quando dalla stanza si udivano delle voci.

La servetta parlava poco e se lo faceva era con una voce flebile e timida. Probabilmente la padrona le aveva dato l’ordine di parlare solo in determinate occasioni. Non è che le due donne trascorressero tutto il giorno in una stanza a non far nulla, naturalmente. A volte Chiara andava a spiarle e le trovava entrambe immerse nel lavoro. Di solito le ore migliori per osservare le strane pratiche a cui Elisabetta sottoponeva la serva erano quelle precedenti alla cena, quando cominciava a far buio ed ormai il grosso del lavoro della giornata era stato sbrigato.

Una volta Chiara vide la segretaria che lucidava le deliziose scarpe nere con il tacco alto di sua madre. La donna aveva messo prima l’uno poi l’altro piede su di uno sgabellino alto trenta centimetri e la ragazza era inginocchiata davanti a lei, indaffarata con spazzola e lucido da scarpe per toglierle l’ultima traccia di polvere dal tacco. La madre di Chiara la guardava dall’alto in basso, dominandola in altezza come una montagna domina un verme che striscia a valle.

Con un’ ultima dimostrazione di superiorità Elisabetta aveva abbassato il piede sul pavimento e, facendo finta di nulla, era andata a posare la suola della scarpa sulla mano della servetta. Questa non aveva replicato nulla, si era limitata ad emettere gemiti soffocati ed ad attendere che la dominatrice sollevasse il suo bellissimo piede.
In un’altra occasione Chiara vide la segretaria che dava lo smalto alle unghie di Elisabetta e rimase ben sorpresa nell’osservare quanta cura la giovane ponesse nel mettere quella rossa tintura brillante sulla punta delle dita della madre.

Un’altra volta ancora la donna era seduta sul piano della scrivania, le sue lunghe gambe accavallate penzolavano in aria sospese ad un palmo da terra. Indossava scarpe col tacco e bellissime calze nere. Le segretaria doveva aver commesso qualcosa di molto grave perché era inginocchiata davanti a lei, col capo chino e le mani dietro la schiena. La donna la guardava, dominandola con uno sguardo freddo come il ghiaccio ed i suoi occhi erano colmi di collera e disprezzo.

Poco prima Chiara aveva udito due voci levarsi dalla stanza ed aveva riconosciuto anche quella della ragazza; ciò era molto strano perché la segretaria era solita parlare sempre a bassa voce.
Come se niente fosse la madre di Chiara avvicinò un piede alla faccia della serva. La punta della preziosa decolté dal tacco a punta le indicava la radice del naso come un dito inquisitore.
La giovane sollevò impercettibilmente lo sguardo, esitò alcuni istanti e la donna mormorò una parola breve.

Infine la segretaria le prese piede e scarpa fra le mani e baciò. Iniziò dalla suola, polverosa e sudicia che fosse, andò al tacco, la sua lingua mulinò sulla pelle nera e brillante, poi passò al piede, sfilò la calzatura e leccò le dita e la pianta del piede. Elisabetta trovò piacere nella dimostrazione di sottomissione della sua serva, le affondò nella bocca prima un piede, poi l’altro, infine tutti e due assieme, lasciò che un altro essere umano si mortificasse al livello di un verme in ginocchio al suo cospetto.

Per tutto il tempo lo sguardo di Elisabetta rimase tuttavia freddo ed ostile. Dai movimenti frenetici delle sue mani e del suo collo si vedeva chiaramente che lo spettacolo offertole dalla ragazza che si stava umiliando prostrata sotto la scrivania le era molto gradito. Quando i suoi piedi furono evidentemente sazi di attenzioni Elisabetta passò all’umiliazione successiva. Si fece togliere le calze dalla giovane ed essa obbedì silenziosamente ed efficientemente, raccolse l’indumento dalle mani della succube, ne fece una palla e la infilò nella bocca della segretaria, naturalmente dopo avergliele strofinate sotto al naso per alcuni istanti.

Infine Elisabetta scese dalla scrivania, posando i piedi sulle mani della serva e si infilò nuovamente le scarpe. Prese la ragazza per i lunghi capelli mori e la strattonò violentemente perché essa la guardasse negli occhi. La segretaria aveva ancora le calze della datrice di lavoro in bocca.
In quel momento Chiara udì un rumore per le scale, s’accorse che era tornato suo padre e s’allontanò dalla porta. La segretaria uscì dalla stanza pochi minuti dopo, era scarmigliata e rossa in viso.

Apparentemente se ne stava tornando a casa come tutti i giorni, ma Chiara la spiò sulla porta d’ingresso mentre si infilava il cappotto.
-“Arrivederci”- disse alla dipendente della madre.
La giovane non osò replicare al suo saluto, non dischiuse neppure le labbra.
Aveva ancora le preziose calze di Elisabetta custodite della sua tiepida e sicura bocca.
Continuò a tornare per qualche tempo, un paio di settimane o tre, infine Elisabetta la licenziò in tronco per chissà quale altra disobbedienza.

Dopo quella esperienza Chiara capì non solo di essere la figlia di una affascinante amazzone, ma di possedere essa stessa il carattere di una dominatrice. Perciò, quando Letizia divenne schiava a tutti gli effetti di Chiara, la giovane padroncina si premurò ben presto di portarla a casa propria. Voleva farla conoscere a sua madre, mostrarle che anche lei era benissimo in grado di dominare qualcun altro. Voleva condividere il gusto della supremazia su di un essere umano con uno spirito affine.

Era sicura che Elisabetta avrebbe approvato il talento della figlia, che l’avrebbe incitata e soprattutto che avrebbe usufruito ella stessa della faccia e della lingua di Letizia. Ma le cose non andarono esattamente così.
Fu durante un giorno autunnale uggioso e grigio che la padroncina Chiara condusse Letizia per la prima volta a casa propria. C’era anche Elisabetta. La donna si stava preparando ad uscire perché doveva presenziare ad un importante riunione di lavoro.

Era in bagno a rifarsi il trucco quando le due ragazzine entrarono in casa.
Chiara portò Letizia in salotto e si sdraiò comodamente sul divano, stendendo le gambe snelle ed allenate sui morbidi cuscini di seta. Aveva ancora le scarpe. Indicò con l’indice un punto sul tappeto.
-“A terra”- disse rivolta alla schiava.
Letizia s’inginocchiò.
-“Toglimi le scarpe”-
-“Si, Chiara”- lo fece.
-“Ora rinfrescami un po’ i piedini. Sono stanchi e sudati”- disse, strofinando le piante sulla faccia della schiava.

Era vero, i calzini di spugna bianca erano madidi di sudore. Letizia fece per toglierli ma Chiara la calciò lontana con i talloni, colpendola al mento e strappandole un gridolino roco di dolore e stupore.
-“Ti ho detto di togliere i calzini?”-
-“No, Chiara. Mi dispiace”-
-“Lecca, che aspetti?”- ordinò Chiara con voce alterata. Era magnifica e terribile al contempo nella sua comoda posizione di dominatrice. Altezzosa ed irraggiungibile come una piccola dea ma sensuale e maliziosa come una principessina viziata.

La povera Letizia leccò come meglio poteva le calze della padrona mentre quella si godeva lo spettacolo beatamente adagiata sul divano. Chiara ridacchiava ogni volta che la lingua della serva le solleticava gli spazi fra le dita; la colpa era del tessuto ruvido dei calzini che quando si strofinava sulle piante le dava un poco di prurito. Allora la giovane muoveva i piedini, li sfilava e li riavvicinava alle labbra di Letizia, le graffiava la faccia con le unghie degli alluci, le premeva le punte negli occhi e sul naso.

Dopo qualche minuto si fece levare i calzini.
-“Poggiali pure sulle scarpe”-
Letizia obbedì.
-“Ora ricomincia da capo. Mi raccomando, bene fra le dita. Succhia fino all’ultima goccia di sudore. Voglio che tu me li lecchi così bene da non avere più bisogno di lavarli, d’accordo?”- In quel momento s’udì un rumore proveniente dal bagno. Elisabetta aveva quasi terminato di prepararsi e stava uscendo.
-“La prego…sua madre sta per arrivare qui e se ci vedesse…”- balbettò Letizia –“Potrebbe…”- -“Mia madre è affar mio, lecchina.

I miei piedi e la loro igiene il tuo. Bada ai fatti tuoi e non seccarmi”-
-“Ma..”-
Chiara sollevò un piede e lo puntò contro il viso implorante di Letizia.
-“Lecca, troia!”-
-“Si, subito”- rispose mestamente Letizia.
La ragazzina aveva sempre avuto un rispetto al limite dell’adorazione per la madre di Chiara. Elisabetta era la madre premurosa e buona che non aveva mai conosciuta, provenendo da una famiglia di disadattati. Teneva molto all’opinione della donna e le poche volte che l’aveva vista a scuola s’era sempre prodigata in inchini e complimenti, cose a cui Elisabetta aveva replicato con sorrisi cordiali ed affettuose carezze sul capo.

Ma in quella occasione non poté fare altro che obbedire alla padroncina. Si chinò un po’ di più e tirò fuori la lingua come aveva fatto altre centinaia di volte prima d’allora. Leccò ogni millimetro della vellutata pelle dei piedi di Chiara, che dal canto suo la lasciava fare con assoluta noncuranza.
Elisabetta terminò di truccarsi ed uscì dal bagno in quel momento. Si andò a mettere le scarpe e poi si avviò verso la porta.

Per farlo dovette passare dal salotto. Giunse sulla soglia e ciò che vide la stupì non poco. Sua figlia era adagiata sul divano e teneva le gambe stese sui cuscini ad un angolo del morbido sedile. Inginocchiata davanti a lei una ragazzina della stessa età le stava leccando con ardore i piedi. Chiara la guardava tranquillamente, ogni poco muoveva i piedini, forse per farsi leccare più a fondo le estremità o forse solo per infastidirla maggiormente.

Fatto sta che Elisabetta sulle prime rimase un po’ sbalordita. Ma la sorpresa fu di breve durata.
-“Che succede, Chiara?”- chiese.
La figlia s’accorse della madre e la salutò; Letizia divenne di colpo rossa in viso e s’irrigidì come un bastone di legno. Chiara la colpì in faccia con un calcetto.
-“Continua, tu”- ordinò con un tono che non ammetteva repliche. Letizia riprese, si sentiva avvampare di vergogna e disprezzo verso se stessa.

Qualche lacrima premette per uscire dai suoi occhi.
-“Ciao, mamma”-
-“Chi è lei?”- chiese la donna.
-“Tutto a posto. E’ quella mia compagna di classe che conosci anche tu”-
-“Ah!”-
-“Letizia”-
-“Bene, ma cosa sta facendo? E’ un nuovo gioco?”-
Chiara spinse indietro la testa e rise. Anche la donna sorrise. Ogni traccia di sorpresa se ne era andata dal suo splendido volto.
-“No…no, Letizia è la mia schiava, hai presente?”-
-“La tua schiava, eh?”- chiese divertita la donna.

Si avvicinò al divano. Letizia affondò ancor più la testa fra i piedi della giovane Chiara, sperando che ciò fosse sufficiente a nascondere il proprio volto dallo sguardo della signora Elisabetta.
-“Ah!”- rise Chiara –“Guarda come si nasconde il topo pur di non farsi vedere da te! Si vergogna, sai?”-
-“Poverina”- disse la madre. Era in piedi ad un metro di distanza dalla schiava. -“Gli sto insegnando ad essere fedele”-
-“A si?”-
-“Si, apprende con lentezza.

E’ stupida”-
-“Chiara…!”- esclamò la donna con tono di bonario rimprovero.
-“No, sul serio. Avrebbe bisogno, secondo me, di un’altra padrona. Sai, per cambiare un po’ mano…o piede”- rise –“A volte è utile”-
-“E allora?”-
-“Potresti insegnarle qualcosa tu”-
-“Io?”-
“Perché no?”-
-“Chiara, ha la tua stessa età. Ha diciotto anni! Potrebbe essere mia figlia!”-
-“Ah ah…ma non lo è! E’ solo la nostra schiava. La tua e la mia! E poi di anni ne ha diciannove”- Tirò indietro i piedi, allontanandoli dalla schiava.

Letizia, come vedendo nei magnifici piedini di Chiara l’ultima barriera fra se e lo sguardo di Elisabetta, si spinse in avanti per quanto le fosse possibile, cercandoli, bramandoli. Ma Chiara glielo proibì. La serva non aveva più difese, era allo scoperto.
Pianse, si sgomentò silenziosamente. Alcune lacrime solcarono le sue guance.
-“Serva, saluta padron Elisabetta come si conviene ad una schiava come te”- disse Chiara, che ora sedeva sul divano con le gambe raccolte contro i guanciali di seta.

Letizia si inchinò davanti alla donna sfiorando il tappeto con la fronte, strisciò fino alla punta delle sue scarpe pulite e gliele baciò. Due baci per ogni scarpa. Poi sollevò il tiro e le sue labbra andarono a posarsi sul dorso del piede di Elisabetta.
La donna la lasciò fare per un poco, poi indietreggiò.
-“Basta, basta…brava sch…piccola”- disse
-“Ma mamma! Non ti piace, forse?”-
-“Eh, Chiara! E’ una ragazzina!”-
-“Ma quello che vuoi che sia! Non lo va mica a raccontare in giro! E poi è molto fedele, una vera schiava, fa tutto ciò che le dico di fare…”-
Elisabetta rimase in silenzio.

Letizia era ancora genuflessa sul pavimento di fronte a lei.
-“E poi può tornare utile per tante faccende. Per esempio, le tue scarpe, vedi? Devi andare via di fretta e non sono perfettamente lucide come dovrebbero essere…”- disse Chiara.
-“Letizia!”- esclamò la giovane padrona.
-“Si, padroncina”- rispose la sottomessa ed il tono abbattuto con cui lo disse fece scappare un sorriso divertito alla madre.
-“Le scarpe di mamma”-
-“Si, padroncina”-
Letizia si avvicinò ancora una volta ai piedi della donna e prese a leccarle le scarpe.

Partì dalla punta, andò fino in fondo al piede poi tornò indietro. Ingoiò la polvere e ripartì.
Elisabetta questa volta non si scostò di un millimetro. Lasciò lavorare la piccola caricatura di essere umano che le stava davanti come Chiara le aveva brillantemente suggerito. Durante tutto il tempo i suoi occhi rimasero fissi sulla testa di Letizia, osservò la cura che la ragazzina metteva nella pulizia delle sue pregiate decolté nere e non riuscì a trattenere un risolino.

La lingua ed il servilismo di Letizia l’avevano contagiata ed ora non aveva alcuna remora ad impiegarla come uno strumento di piacere.
Chiara guardava un po’ la madre ed un po’ la compagna di classe. Rideva e faceva commenti sul modo di inchinarsi di Letizia al cospetto della signora Elisabetta, sulla scia di saliva che la lingua tracciava a più riprese sulla pelle nera.
-“Mamma, non staresti più comoda seduta?”-
-“Si, hai ragione”- rispose Elisabetta.

Si sedette sul divano ed accavallò le gambe. Letizia si vide spostare i piedi da sotto il naso e rimase un attimo incerta sul da farsi.
-“Continua pure, cara”- disse languidamente Elisabetta.
Letizia continuò. Andò a togliere lo sporco fin sotto le suole delle sue scarpe.
-“Quand’è che dovresti andar via per quella riunione?”- chiese Chiara.
Elisabetta si era completamente rilassata sui morbidi cuscini del divano, aveva disteso le membra ed aveva abbandonato le gambe alle cure della serva.

-“Cosa?”-
-“La riunione, mamma. Avevi un impegno, oggi!”-
-“A si?”- fece la donna, sorridendo diabolicamente. –“Beh, la riunione era per oggi ma i colleghi mi aspetteranno. E poi non posso certamente presentarmi a lavoro con le scarpe sporche, ti pare?”-
Chiara sorrise.
Elisabetta lasciò che Letizia terminasse la sua opera e dopo dieci minuti buoni di leccaggio le scarpe erano lucide come specchi.
-“Posso andare, ora”- disse, togliendo da sotto la bocca della ragazzina i propri piedi.

Letizia si sporse in avanti per continuare ma la donna la fermò con un elegante gesto del piede. I suoi tacchi erano terribili, un solo colpo ben piazzato avrebbe potuto strappare un occhio alla serva. -“Ho detto basta, ragazzina. Sei sorda?”-
-“Scema! Chiedi scusa!”- sibilò Chiara.
-“Scusi, signora Elisabetta…padrona…”-
Elisabetta rise, si alzò dal divano e passando di fronte ad una Letizia prona e col capo chino si diresse verso la porta.

-“Tornerò sul tardi, Chiara”-
-“Certo, mamma”-
-“Tu studia”-
-“Si, mamma. Non ti preoccupare. Vuoi che faccia preparare un bagno caldo dalla schiava per il tuo ritorno? Basta che tu mi dia un colpo di telefono con qualche minuto d’anticipo…”-
-“Mmm…no, guarda. Anzi, mandala a casa sua, tra un po’. Dovrà sbrigare dei compiti per la scuola pure lei, immagino”-
-“Ma no! Lei è la mia schiava, lo studio è secondario per lei. Anche se boccia non ha importanza in fondo.

La sua prima preoccupazione deve essere quella di obbedirmi e di accudire la mia persona…cioè le nostre persone”-
E così dicendo pose un piede sopra la testa di Letizia e le schiacciò la faccia sul tappeto. Letizia non protestò. Lasciò che la padroncina facesse ciò che più desiderava.
-“Chiara…beh, dopo ne parliamo. Intanto mandala a casa”-
-“Va bene, mamma”-
-“Ciao”-
-“Ciao”-
Si salutarono, Chiara ed Letizia rimasero sole in casa per qualche ora.

Chiara cavalcò la sua serva neanche fosse un pony. Le si sedette sul dorso oppure sul collo. La usò anche come sgabello e le salì sulla schiena con il bel sedere tondo e con i piedi. Si fece leccare ancora un po’ le estremità e pretese che Letizia curasse anche le natiche, questa volta. Poi si diresse a riflettere nel suo studio, usando Letizia come poggiapiedi. La schiava reagiva bene all’addestramento e presto sarebbe divenuta una schiava a tutti gli effetti.

Chiara avrebbe voluto anche insegnarle a bere la propria urina e poi, magari fra qualche mese, l’avrebbe convinta a fare cose ancora più degradanti. Le stuzzicava molto l’idea di farsi leccare il culetto dopo aver defecato oppure quella di sputarle in bocca.
Si, avrebbe cominciato di lì a qualche giorno, si ripromise.
Udì il rumore di un’automobile nel piazzale della grande casa. Era sua madre.
-“Accidenti!”- pensò –“La mamma aveva detto di mandare via ‘sta stronza prima del suo ritorno”-
Balzò in piedi, saltando letteralmente con tutto il suo peso sulla schiena di Letizia che fino ad allora, a quattro zampe, le aveva sorretto le gambe.

-“Scema, alzati! E’ ora di andarsene!”-
-“Si, padroncina”- rispose la schiava, tutta dolorante.
-“Se la mamma ti trova mi sgrida. Calati dalla finestra, vattene dal giardino”-
-“Ma…padrona, siamo molto in alto qui!-
-“Stupida!”- disse Chiara. Si lanciò verso la schiava e le afferrò i capelli gettandola in ginocchio –“Disobbedisci, cagna? Disobbedisci a me?”-
Le sputò in faccia.
-“Se mamma si arrabbia è peggio per te!”-
-“Va bene, padrona. Obbedisco. …obbedisco”-
Letizia si calò lungo il cornicione e la siepe d’edera che correva lungo le mura di casa cercando di non far rumore.

Saltò giù da un’altezza non più così elevata come era la finestra della camera di Chiara, ma cadde ugualmente sulla ghiaia e si sbucciò una gamba ed un fianco. Chiara la vide rimettersi in piedi a stento dopo aver compiuto un volo di poco meno di due metri.
-“Corri”- le disse dalla finestra di camera.
-“Si, padroncina”-
Letizia fuggì via zoppicante.
Chiara, quella sera stessa, dichiarò alla madre la sua ferma intenzione di adottare la serva, ma la risposta di Elisabetta non fu favorevole alla giovane aguzzina.

-“Chiara”-
-“Si, mamma”-
-“E’ andata via la tua amica?”-
-“La mia amica?”- chiese Chiara facendo finta di non capire –“Ah, la schiava. Si, si. L’ho mandata a casa sua dopo una mezz’ora che tu te ne eri andata”-
-“Bene, perché non voglio più vedermela in casa!”-
-“Come? E perché?”-
-“Chiara! E’ una tua compagna di classe!”-
-“E allora che c’è di male?”-
-“E io ho due volte i suoi anni”-
-“E con questo?”-
-“Non lo capisci da sola?”-
-“No, non lo capisco.

Oggi te le sei fatte leccare le scarpe, no? Non mi dirai che non ti è piaciuto? Ti sei divertita quanto me!”-
-“Oggi è stato solo un momento! Si, mi sono divertita. La tua amica è brava e paziente, ma a parte che non è giusto sottomettere ed umiliare una persona come hai, anzi abbiamo, fatto noi oggi, che cosa penserebbe la gente se venisse a sapere che in casa teniamo una ragazzina appena maggiorenne per farci lucidare le scarpe con la lingua? Io sono una donna d’affari.

Non posso compromettere la mia immagine con la clientela! Ed anche tu…il prossimo anno andrai all’Università. Non sarebbe ora di accantonare queste tue manie da mistress “frusta e tacchi a spillo”?”-
Chiara era scocciata. Niente schiava in casa. Maledizione. E la mamma non sembrava essere disposta a tornare sulle sue decisioni. La sua carriera di donna manager…c’era troppo in ballo. Messa alle strette la giovane decise di giocare la sua ultima carta.
-“Ma, mamma, allora la segretaria?”-
Elisabetta corrugò le sopracciglia appena un poco.

-“La segretaria?”-
-“Si, quella ragazza che ha lavorato qua fino a qualche anno fa”-
Elisabetta comprese che i piccoli momenti di relax che si era concessi con la ragazza erano stati scoperti.
-“Ci hai spiate, eh?”-
-“Ebbene si, lo ammetto. Per via dei rumori che ogni tanto venivano dal tuo studio e che non erano proprio consueti. Ho visto con quanto piacere ti facevi massaggiare i piedi. E come ti divertivi a umiliare quella ragazza tormentandole la faccia con i tacchi a spillo.

E poi ti facevi dare lo smalto alle unghie e ti facevi lucidare le scarpe”-
-“Non con la lingua, però”-
-“Ma con quella ti facevi leccare i piedi. E una volta le hai messe le tue calze in bocca e l’hai fatta andare via così”-
Elisabetta rise.
-“Hai visto anche quello? Si, le mie calze in bocca. Ma mica una volta gliele ho fatte succhiare!”- -“Sei terribile. Più di me. E ora dici che io non posso tenere una schiava in casa?”-
-“Te l’ho detto.

Come professionista non mi posso compromettere E poi con quella ragazza era diverso, c’era un accordo fra noi. Se lei avesse raccontato in giro qualcosa l’avrei rovinata mentre se mi avesse obbedito con fedeltà le avrei affidato un buon posto in ufficio. Quella volta che mi hai vista mentre le mettevo le calze sudate in bocca ero arrabbiata con lei perché non si era dimostrata all’altezza della mia fiducia. Sbagliò a compilare una pratica.

Così la cacciai dopo essermi divertita ad umiliarla un’ultima volta. Non ha mai denunziato la cosa perché altrimenti oggi sarebbe ancora disoccupata. So che ha trovato un impiego in un altro studio legale. Ora fa i pompini ad un noto avvocato in centro. Con te e la tua amica è diverso. Ti potrai divertire con quella ragazzina a scuola, ma qui non ce la voglio. Va bene?”-
-“Come vuoi tu, mamma”-
-“E anche a scuola, stai attenta! Non è affatto normale che una studentessa del liceo obblighi una sua compagna a leccarle le scarpe.

Potrebbe essere giudicato qualcosa che va ben oltre il semplice gioco. Perciò, in tutta sincerità, ti dico che preferirei che tu la piantassi con questa storia. Tuttavia ti conosco, sei testarda. Quindi se sei proprio decisa a continuare per questa strada devi promettermi di farlo perlomeno con un po’ di prudenza e buon senso. Comprendi ciò che intendo dire?”-
-“Certo”-
-“Allora?”-
-“Letizia sarà la mia schiava solo a scuola. E questo resterà un nostro segreto.

Nessun’altro sarà coinvolto nei nostri giochi, nemmeno tu se non lo vorrai”-
-“Così va meglio”- disse Elisabetta.
Si lasciarono con questa promessa ma Chiara era ben intenzionata a non obbedire alla madre. -“Lasciare la schiava dopo la scuola? Sciocchezze! Letizia è la mia serva!”- pensava –“Ventiquattrore su ventiquattro e sette giorni su sette. Anche quando dorme, anzi, quando io le consento di dormire! Farò a modo mio”-
Iniziò a portare Letizia in camera sua nel primo pomeriggio, facendola passare dal giardino in modo che nessuno potesse vederla entrare; la teneva sotto il letto durante la notte, obbligandola a non far rumore, se ne serviva come cesso, sveglia e scendiletto, come lustrascarpe e sguattera.

Letizia poteva andare in bagno solo quando la madre di Chiara non la poteva vedere o nelle ore di lavoro. Talvolta rimaneva nascosta nella camera della padroncina per pomeriggi interi e mangiava solo ciò che Chiara le portava. Erano gli avanzi della cena che venivano consumati freddi e mescolati tutti assieme. Inutile dire che sotto ai bellissimi piedi della padrona la vita di Letizia divenne ben presto un vero inferno.
Come già detto era un mese o più che le cose andavano avanti così.

Quella mattina Chiara volle fare un nuovo esperimento. Controllò l’ora alla sveglia, erano le sette in punto. Ciò voleva dire che sua madre non sarebbe venuta a svegliarla prima della prossima mezz’ora. Mezz’ora di tempo da trascorrere con la serva. Letizia, in un mese di convivenza forzata trascorsa sotto al materasso della padrona, aveva compiuto grandi progressi: riusciva a bere perfettamente l’orina della dominatrice, sia calda che fredda. La sua lingua si era abituata a leccare per ore intere le superfici più luride e ruvide, come le suole delle scarpe.

Aveva appreso come sopportare il dolore inferto dai tacchi di Chiara quando questa si divertiva a ballarle sulla schiena o sulle spalle.
La padroncina aveva meditato durante la notte su di un’ennesima tortura a cui sottoporre la schiava. Era seduta sul letto con le gambe stese sul materasso ed i piedi sospesi nel vuoto ad un palmo di distanza dal freddo pavimento. Letizia se ne stava in ginocchio con la fronte a pochi centimetri dai talloni della sua padrona, guardava per terra con aria triste e sconsolata.

Odiava il momento del risveglio perché di lì a poco si sarebbe dovuta calare dalla finestra della camera della padrona per scendere in giardino, volatilizzandosi dalla tenuta dei genitori di Chiara. La sua aguzzina le avrebbe lanciato lo zainetto da scuola e poi lei sarebbe andata a piedi fino all’istituto. Chiara vi si sarebbe recata in auto. A volte la padrona le toglieva per dispetto un quaderno o un libro dallo zaino prima di lanciarglielo e poi, a scuola, se la rideva dei rimproveri subiti da Letizia da parte dei professori.

-“Ora vado al bagno e quando torno tu mi pulirai”- disse la sadica sovrana.
Letizia era perplessa. Di solito Chiara faceva pipì nella sua bocca e poi si faceva pulire dalla sua lingua.
-“Non vuol farla nella mia bocca, padroncina?”- si offrì gentilmente lei.
-“Eh eh!”- rise Chiara –“Non ancora, stupidella, per far questo ti occorre ancora un po’ di allenamento”-
-“Come?”-
-“Non hai capito, scema che non sei altro? Mica vado ad orinare!”-
-“Ah, capisco, signorina”-
-“Oggi comincerà il tirocinio per imparare a mangiare la mia bella cacchina.

Non sei emozionata?”- sollevò un piede e glielo pose sulla nuca.
Letizia non rispose. Al solo pensiero di dover mangiare merda si sentì prossima al pianto. E sarebbe stato inutile supplicare Chiara di ritornare sui suoi propositi. Sapeva che la sua crudele principessa non avrebbe desistito dal suo intento.
Chiara si alzò.
-“Mettimi le pantofoline, serva”-
Letizia eseguì con tanto di doveroso bacio sulla punta dei piedi della padrona. Le pantofole erano bianche con appena un accenno di tacco e lasciano scoperte le dita.

-“Brava la mia stupidella, sei fedele alla tua padroncina, vero?”-
Andò in bagno. Era senza mutandine ed indossava solo la lunga camicia da notte di seta. Tornò in camera dopo qualche minuto, con un bel sorriso raggiante ed uno sguardo maligno. Si andò ad accostare al letto, sollevò la camicia da notte e si piegò in avanti, gambe dritte e mani appoggiate sul materasso. Gli orli della vestaglia ricadevano sui fianchi snelli ed il culetto era allo scoperto.

-“Che c’è? Non ti muovi? Guarda che fra un po’ la mamma mi viene a chiamare ed io devo essere già pronta!”-
Letizia le si avvicinò da dietro, lentamente. Giunta con il viso a dieci centimetri dal solco fra le natiche della padroncina le sue narici furono investite dall’acre odore della cacca di Chiara. Allora s’irrigidì e non avanzò oltre. Rimase per qualche secondo con la faccia contro il bel sedere della sua signora ed annusare, combattuta fra il naturale ribrezzo che la costringeva indietro e la sua vocazione di schiava che la trainava in avanti.

Chiara presto si spazientì.
-“Dico a te, leccapiedi. Ti dai da fare o no? Coraggio non vorrai che alla tua padroncina dopo pizzichi il popò, vero?”- e mentre lo diceva rinculò leggermente e strofinò la curva delle natiche sul viso di Letizia. Avvertì anche qualcosa di umido che le bagnava i glutei ma non si trattava della lingua della serva. Si voltò indietro e vide il volto di Letizia in lacrime.
Rise divertita e si voltò nuovamente verso il letto, porgendo il culetto alle cure della schiava.

-“Adesso non te lo dico più, cagna! Avanti, leccami il culo!”-
Letizia si fece avanti, inserì la lingua nel solco e leccò. Lente e lunghe lappate; sentì il sapore repellente ed ostile della cacca che le irritava le papille gustative.
-“Ingoia!”- ordinò Chiara.
Letizia era al limite. Ingoiò.
-“Ancora, lecca ancora. Deve essere perfettamente pulito”- sghignazzò Chiara.
Altre lappate fino in fondo all’ano, spinse la sua lingua più in profondità che poteva e deglutì ancora.

Rimosse ogni stilla di feci dal bellissimo sederino della padroncina.
-“Aaaaahhh…. !”- esclamò Chiara, quando finalmente la schiava ebbe terminato –“Così può bastare”-
Letizia allontanò il viso dal fondoschiena dell’altra. Le veniva ancora voglia di vomitare –“Si, padroncina”-
-“Ma la prossima volta dovrai essere più rapida”-
-“Certo”-
-“E soprattutto la tua lingua dopo un po’ s’incrosta e non pulisce più bene come dovrebbe, lo sai?”- -“Faccio del mio meglio, padroncina”- piagnucolò Letizia –“Cerco di ingoiare”-
-“Si, si, zitta stupida.

La prossima volta dicevo, devi preparare una ciotola con dell’acqua fresca. Dopo ogni dieci leccate ti darai una sciacquata alla bocca, così avrai sempre la lingua pulita e nuova come una spugnetta appena strizzata”-
-“Si, mia padrona”-
Chiara si cambiò d’abito.
-“Preparati ad andare”- disse Letizia –“E ricomponiti. Non lo vedi che faccia hai? Va bene che sei solo una schifosa leccaculo slurpapiscio ma queste cose vanno lasciate fra noi, come ha detto mamma!”-
-“Si, Chiara…”- mugolò Letizia.

Si sistemò capelli e viso come poté e si calò lungo la siepe. Dopo un mese di pratica le riusciva così bene che adesso poteva arrivare in giardino senza neppure cadere col sedere a terra.
Chiara fece colazione con calma. Fette biscottate con marmellata e burro, caffellatte ben zuccherato. Scese in garage e salì in auto, come ogni giorno sarebbe arrivata a scuola prima di Letizia. Il solco fra le sue natiche era stato pulito proprio bene, non pizzicava per nulla.

Meglio così, l’addestramento per insegnare alla schiava a leccarle il culo sarebbe stato più breve del previsto. Poi, forse, sarebbe stata la volta del mangiare direttamente i suoi escrementi. Con il tempo Letizia avrebbe imparato a sopravvivere bevendo solo la pipì e mangiando solo la cacchina della sua padrona, pensò Chiara. Nient’altro da bere o da mangiare. Si, sarebbe stato proprio divertente, e poi in questo modo non avrebbe più avuto bisogno di portare gli avanzi del pranzo e della cena in camera, col rischio di essere scoperta.

E sua madre avrebbe voluto che si disfacesse di quella piccola nullità di nome Letizia! Che sciocchezza!
Pensare che se non l’avesse rifiutata anche Elisabetta avrebbe potuto orinare nella bocca della stupida…Sarebbe stato un vantaggio pure per Letizia, in fondo. In due avrebbero provveduto a sfamarla e dissetarla. Anzi, forse le avrebbero causato addirittura un’indigestione! Che roba, pensò Chiara, mentre a bordo dell’auto procedeva lungo la strada che l’avrebbe condotta a scuola. Un’indigestione di cacca.

Senza motivo guardò in basso, fra i suoi piedi. Sperò che Letizia non ritardasse troppo. Aveva le scarpe sporche e prima dell’inizio della lezione sarebbe stato opportuna farsele lucidare dalla schiava.