Archivi tag: palle

L';estetica del cazzo

Fin da piccola i miei genitori mi hanno trascinata per musei, pinacoteche e gallerie d’arte.

Che barba !!!

Loro affermavano che, anche se mi annoiavo, in realtà stavo accumulando cultura e conoscenza.

Vero, verissimo. Ma che barba !!!

Ricordo i miei piedi che si strascicavano a fatica lungo quei corridoi infiniti. Chilometri di quadri, statue, vasi e manufatti di ogni genere di cui non mi fregava assolutamente niente.

I figli sono troppo spesso vittime delle ambizioni dei genitori.

In età adolescenziale però, quando i primi pruriti fanno la loro comparsa, trovai nuovi stimoli e curiosità e, quello che fino ad allora non avevo notato, divenne l’obiettivo di ogni visita museale.

Il corpo nudo.

Il corpo nudo di uomini e di donne. Corpi strani, spesso deformi e tormentati, altre volte eroici ed algidi.

Ma sempre e comunque corpi nudi.

Tanto erano diversi dai corpi delle persone che mi circondavano da risultare artefatti, sintetici, irreali, sproporzionati.

Donne dai corpi opulenti con piccoli seni adolescenziali, uomini muscolosi, altissimi, con piselli a dir poco ridicoli al cospetto delle loro masse muscolari.

Di fronte all’estasi di mia madre ai piedi di un Ercole potentissimo, esternai la mia perplessità sulle proporzioni della figura dell’uomo. La risposta, anche se divertita, fu molto accademica e fredda e non mi chiarì affatto il dilemma che mi ponevo: ma gli uomini, anche quelli muscolosissimi, ce l’hanno davvero così piccolo?

Solo alcuni anni dopo potei chiarirmi, è proprio il caso di dire toccando con mano, il dilemma.

No, gli uomini, mediamente, non lo hanno piccolo come Ercole!!!

Che bello l’organo genitale maschile !!!

Ha mille nomi e mille forme diverse ed è sempre una sorpresa (non sempre positiva…ah ah ah…) quando il tuo partner te lo esibisce per la prima volta.

L’emozione di quando slacci la cintura, dopo aver pregustato palpandone la consistenza, l’impaccio di liberare l’oggetto del desiderio, l’ansia di poterlo vedere libero da costrizioni e ritrovarsi in ginocchio di fronte allo svettare della potenza della natura….

…ah…quanti ricordi !!!

No, questa non vuol essere un’ode al maschio (o ancor meno al suo membro!!!).

Semmai vorrebbe essere una sorta di catalogazione, seppur limitata, dei generi, delle specie e delle caratteristiche (negative e positive) delle mie esperienze.

Potrei iniziare tipo con…. mi ricordo di…. mi ricordo…

Mi ricordo di quando mi nascosi un pomeriggio intero in un canneto. Noiosissime vacanze in campagna in compagnia di soli maschi.

Loro giocavano sempre a calcio mentre io mi annoiavo a comporre ghirlande di fiori. L’unica volta che provai a giocar con loro a calcio fui severamente redarguita da mio padre. Non era cosa per ragazzine.

Altri tempi.

Li vedevo giocare, sudare, litigare. E io seduta silenziosa a bordo campo. Avevamo tutti intorno ai tredici, quattordici anni. Nessuno di noi (o meglio di loro…) pensava al sesso. Io ero già “diventata” donna e, a dirvi la verità, al sesso un po’ ci pensavo.

Più che al sesso, pensavo alla scoperta dell’altro sesso. Erano anni ormai che mi chiedevo come fosse il “pisello”.

Così, vista la loro strana abitudine di pisciare in compagnia al grido di “chi non piscia in compagnia o è un ladro o è una spia”, decisi di nascondermi dentro un canneto in posizione favorevole ad ammirare per la prima volta uno “spettacolo” riservato al genere maschile.

Quel giorno non ne volevano saper proprio di pisciare.

Sentivo le loro urla, il pallone rimbalzare, le imprecazioni per un goal sbagliato. Nel frattempo, le zanzare, mi stavano martirizzando.
E finalmente, dopo tanta attesa, gli arrivò l’agognato stimolo!!!

Arrivò prima il più piccolo del gruppo che, indifferente alla presenza dei compagni, si abbassò i calzoncino iniziando ad irrigare le piante sottostanti. Era circa cinque metri sopra di me e trattenendo il respiro, strizzai gli occhi per mettere a fuoco il suo pisellino.

Mi ricordo…mi ricordo ancora….

Mi ricordo del mio primo ragazzetto timido. Era spaventato più di me e quando si spogliò non mi dette neanche la possibilità di osservare ciò che mi stava per penetrare.

Fui io ad incoraggiarlo, curiosa.

Non mi parve paragonabile a quello di Ercole o David. Era molto peloso, storto sulla sinistra e il prepuzio non ricopriva il glande.

A quello ne sono seguiti molti altri: lunghi e lunghissimi, alcuni tanto corti da sparirti in mano (sigh!!!), tozzi come tappi di damigiana, superbi e presuntuosi, curvi in su, curvi in giù, dritti come un palo, a cono, alcuni con cappelle a punta, altri con cappelle simili ad albicocche, qualcuno sproporzionato rispetto alle palle, altri con palle sproporzionate rispetto al fusto…

Insomma, ogni volta che cali un paio di braghe ad un uomo, non sai mai cosa ti capita.

Un po’ come la shitola di cioccolatini di Forrest Gump.

schiava trav per sempre 2

“Fai davvero schifo! Capelli corti piedi e mani non curate ,non sei
truccata e non hai nemmeno i fori per gli orecchini. Ma cosa cazzo
credi di essere? Dovrò lavorare parecchio per trasformarti troia!”
La mia Padrona sogghignò e allo stesso tempo mi fece segno di sedermi
alla scrivania dove vi trovai dei fogli scritti a computer e una
penna,sembrava un contratto ed in effetti lo era,mi venne ordinato di
leggerlo ad alta voce e di firmarlo.

Se non avessi acconsentito ogni
cosa che mi riguardava foto video e quant’altro sarebbero stati
divulgati. Ansiosamente inizia a leggere:
“IO SOTTOSCRITTO GABRIELE ECC ECC NELLE MIE PIENE FACOLTA’ MENTALI E
FISICHE CON QUESTO CONTRATTO ACCONSENTO DI :
1. CONSEGNARE OGNI MIO AVERE AL MIO PADRONE ( nome e cognome)
2. RINUNCIARE AD OGNI DIRITTO E DECISIONE DALLA DATA ODIERNA
3. RINUNCIARE ALL’ IDENTITA’ MASCHILE ALLA VIRILITA’E ALLA SESSUALITA’
PRECEDENTE.
4. RINUNCIARE ALL’ORGOGLIO
5.

RINUNCIARE A QUALSIASI OGGETTO ABITO O ALTRO CHE POSSA RICONDURE
ALLA MIA VITA PRECEDENTE : QUINDI VESTITI FOTO OD OGGETTI PRETTAMENTE
MASCHILI VERRANNO GETTATI VIA O REGALATI
6. ASSUMERE CURA ORMONALE FEMMINILE E SOTTOPORMI A ORCHIECTOMIA E
PROCEDERE LEGALMENTE AL CAMBIO DI IDENTITA’ E CONSEGUENTEMENTE AL
CAMBIO TOTALE ANAGRAFICO PRESSO LE SEDI LEGALI.
7. RINUNCIARE TOTALMENTE ALLE DONNE E PROTENDERE LA PROPRIA
SESSUALITA’ VERSO L’UOMO ADORANDOLO CURANDOLO ED IMPARANDO CON VARI
PROCEDIMENTI DI APPRENDIMENTO AL SUO APPAGAMENTO SESSUALE.

8. ESSERE COMPLETAMENTE NELLE MANI DEL PROPRIO PADRONE E DI CHI LUI INDICHERA’
9. NON RIFIUTARE MAI GLI ORDINI DEL PADRONE
10. AVERE LA CONSAPEVOLEZZA CHE OGNI ERRORE SARA’ PUNITO ANCHE
SEVERAMENTE NELLA MODALITA’ DECISA AL MOMENTO DAL PADRONE
11. DA OGGI IN POI IL MIO NOME E’ FEDERICA GABRIELLA E TALE NOME MI
ACCOMPAGNERA’ PER IL RESTO DELLA MIA VITA.
12. OGNI PROCEDIMENTO SARA’ IRREVERSIBILE E QUINDI SARA’ IMPOSSIBILE
TORNARE ALLA VITA PRECEDENTE.

LETTO COMPRESO E SIGLATO DA:
GABRIELE ………. IN DATA ……………

Ma stavano davvero facendo sul serio???? Davvero pensavano che avessi
firmato? Nemmeno avesse compreso cosa stavo pensando colui che sarebbe
diventato il mio Padrone fece una cosa che mai mi sarei aspettata:
tirò fuori il suo cazzo e iniziò a strofinarmelo sul viso
“Dai che è questo che vuoi troia che aspetti a firmare? Dai che non
vedi l’ora….

se non è vero alzati e vattene altrimenti inizia a
leccarmi i coglioni e capirò la tua volontà…non una parola o ti alzi o
lecchi!”
Passarono alcuni minuti in cui guardai la maestosità del suo
membro…credo fosse almeno 25 cm e grosso non so quanto ma grosso…. le
palle pelose pure erano piuttosto grosse e la cappella umida mi
sbatteva sulle narici come a farsi annusare…oddio amavo il suo
odore…ero nata per quello…. presi in bocca le sue palle e leccai le
succhiai e annusai ,abbassai ulteriormente i pantaloni del mio Master
e lo supplicai di girarsi…non me ne fregava nulla che la Mistress mi
stesse filmando aprii le chiappe del mio Uomo e leccai il buco del
culo e le palle le chiappe le gambe pelose nuovamente i coglioni poi
la cappella e poi tutto il cazzo per intero…sbocchinai come la più
troia delle puttane la più infoiata delle checche la più vacca delle
cagne…..mentre mi sborrava in gola presi in mano la penna e firmai il
mio futuro…..
Max ( il mio Padrone ) aveva una villa enorme ,appena il taxy partì
non mi portò dentro di essa ma mi tirò per le braccia e mi spinse
dentro al garage …sul pavimento si trovava un vecchio tappeto una
ciotola con dell’acqua e un vaso di vetro di cui non capivo l’uso….

“Dormirai qui cagna e cerca di riposare che domani ti aspetterà una
giornata pesante !
“Si Padrone “ esclamai
Al mattino mi alzai tutta dolorante,il tappeto non era abbastanza
spesso per essere comodo e la notte umida e fredda mi ha indolenzito
ogni muscolo,avevo bisogno di fare la pipì ma non vedevo attorno a me
nessun bagno quindi capii a che serviva quel vaso di vetro e feci
quello di cui avevo la necessità senza valutare che poi avrei dovuto
disfarmene del mio liquido.

Dopo quella che presumo sia stata circa un’ora ( non avevo più ne
orologio ne anelli o collane ero stata privata di ogni avere ) Max
entrò,guardò con disappunto il vaso pieno della mia urina ma non fece
commenti,disse solo di seguirlo.
Entrammo nella villa mi consegnò una vestaglia di raso gialla
impreziosita di tulle ai polsi e al collo mi fece cenno di togliermi
il babydoll e mi accompagnò al bagno.

“ Ora ti fai una doccia dopodichè indossi la vestaglia e le ciabattine
e appena finito vieni in sala. Ci sono delle persone venute apposta
per te!”
Esegui ogni direttiva e tutta profumata scesi verso la sala dove
c’erano due ragazze e un uomo vestito da parrucchiere.
“Ora gabriella ti presento Mario ,Francesca e Marta loro si
prenderanno cura del tuo corpo cercando di renderlo femminile. Mario
si occuperà dei tuoi capelli anche se corti vedremo di darci una
parvenza di femminilità.

Marta e Francesca invece si occuperanno delle
tue unghie della foratura dei tuoi lobi e del trucco e della ceretta
…..per il momento ci serviremo di questa poi ho in mente altro per te
. Quando sarà finito tutto questo ritorni alla tua stanza sopra il
letto ci troverai degli abiti ,li indosserai ed uscirai con me
dobbiamo sistemare alcune cose. ”
Mi stava trasformando…..le orecchie mi vennero bucate ed impreziosite
con un paio di orecchini d’oro.

Il corpo completamente liscio le
unghie limate e smaltate di rosso e i miei capelli evevano adottato un
taglio simile a quello di Brigitte Nielsen su Rocky 4 e come lei
decolorati e platinati!un trucco pesante copriva i miei occhi dandoli
risalto e un rossetto vivace ingrossava le mie labbra e le rendeva
sensuali…adatte allo scopo a cui il mio Padrone le avrebbe destinate!
Salii nella stanza sopra un letto matrimoniale vi trovai un’abito nero
senza maniche con una profonda scollatura sulla schiena e una cerniera
che lo richiudeva fino alla base delle mie coscie,un paio di
brasiliane nere trasparenti un reggicalze della stessa tinta e un paio
di calze a rete con la riga dietro,per concludere un paio di scarpe
nere tacco presumo 12 una cavigliera d’argento un’orologio dello
stesso metallo un’anello con una O che penzolava da un secondo
anellino e una collana di cuoio nera con una specie di aggancio come
il collare dei cani…..
Andiamo Gabriella Federica……
Mi ritrovai in una specie di clinica dal nome piuttosto strano
“CLINICA ESTASIA” appena entrati al front office ci indirizzarono al
2° piano dal professor Bergamo.

Mentre salivo sentii il sudore colarmi
dalla schiena non tanto per il caldo ma per un’ansia
incontrollabile,una sorte di sesto senso…non capivo perchè ma
quell’ambiente mi metteva a disagio e mi impauriva.
“Benvenuto Max è questa la signorina che dovevi portarmi?” chiese la
persona di notevole stazza alto all’incirca 190 cm. per circa un
centinaio di kg spalle larghe camice bianco capelli bianchi e occhi
azzurri. Un bell’uomo ma in quel momento non era quello che mi
interessava.

“Si è lei ” rispose il mio Signore.
“bene piccola spogliati completamente e distenditi sul lettino”
“completamente nuda? ” balbettai
“Obbedisci cagna!” Esclamò il mio Padrone
Mi spogliai completamente e mi distesi non senza imbarazzo sul
lettino. Il medico proseguì nella visita prima una visita normalissima
come si eseguono in qualsiasi ambulatorio poi invece iniziò a palparmi
i testicoli fino a farmi quasi male…quando vide che la palpazione
stava eccitandomi si mise a ridere e disse qualcosa che mi raggellò il
sangue:ӏ calda la signorina eh? ma non importa sono gli ultimi fuochi
d’artificio”
Detto questo mi face girare e mettermi a 4 zampe sul lettino
,allargare le gambe e le natiche.

Mi infilò tutto d’un colpo un dito
dentro,ricordo che saltai come una rana seguita dalle loro
risate…..provai una vergogna tremenda quando in seguito alla
penetrazione il mio clito si indurì….
“Le piace proprio tutto eh alla tua schiava,soggetto interessante!
Bene alzati in piedi piccola che ora ti farò una punturina,sei
fortuanata sai è una puntura costosa il tuo Padrone non bada a spese!”
“Ma che puntura è ? Che iniezione mi sta facendo?”
Nessuna risposta….

mi fecero rivestire e ce ne andammo dopo i saluti
e la raccomandazione del medico di tornare dopo una quindicina di
giorni.
La notte non riuscii a dormire bene ,sudavo e avevo una nausea
terribile. Al mattino mi alzai mi feci una doccia e stranamente notai
che la ricrescita del pelo non era così veloce come al solito mentre i
capelli iniziarono già a crescere e mi doleva un pochino i capezzoli
ma non ci badai molto.

Soprà il tavolo della cucina notai un
biglietto: “Sono dovuto uscire molto presto,tu preparati per le 10 che
ti vengo a prendere. MAX
Stranamente non mi diede ordini sul come vestirmi e perciò decisi di
mia volontà cosa indossare…faceva piuttosto caldo e perciò optai per
una gonna nera lucida a pieghe molto leggera e una canotta rosa di
raso sotto indossai una minisottoveste e un paio di perizoma color
carne,un paio di sandali tacco 10 cavigliera orecchini anello e
collana….

non me la sentivo di mettermi le calze troppo caldo.
All’orario prestabilito il mio Signore arrivò mi squadrò dalla testa
ai piedi mi fece cenno di togliermi la collana ed indossare quella che
mi aveva portata lui,una collana di velluto rosa con un pendaglio a
forma di osso con su scritto da una parte “SISSY” e dall’altra :
PROPRIETA’ DI PADRONE MAX.
Una volta agganciata era impossibile toglierla visto che aveva una
chiusura di sicurezza numerica conosciuta solo dal mio Padrone.

“Ora andiamo piccola ci sono un paio di cose che dobbiamo fare e a cui
io tengo ma prima prendi questa pillola!”
Mi porse una pillola grande come certi antibiotici fortunatamente
divisibile in due ,la spezzai e inghiottii prima un pezzo poi
l’altro,sapevo che ra inutile chiedere che fosse non avrei avuto
risposta…ormai io non avevo possibilità di decisione….
Vidi la macchina fermarsi nelle vicinanze di quello che fu il mio
appartamento ,il mio Padrone mi diede delle precise indicazioni di
quello che dovevo fare…mi sentii sprofondare ma tremante mi
indirizzai verso la portineria del condominio.

” Buongiorno Pietro” esclamai ad occhi bassi
“Prego la conosco sign…..ma tu sei Gabriele? “
“Si Pietro sono io…ti prego non interrompere ciò che sto per dirti
altrimenti non troverei più la forza! Io ho donato il mio appartamento
al Signor Massimo Rossi e d’ora in poi qualsiasi lettera o altro che
mi riguardi lo devi mandare a questo indirizzo che ti ho scritto in
questo foglio. Ti ringrazio e ti saluto…non so se capiterò nuovamente
qui quindi ti auguro ogni bene….

ciao”
Me ne andai lasciando quello che spesso è stato un mio caro amico
inebetito e senza parole col foglietto in mano e gli occhi
sbarrati….
Appena in macchina scoppiai in un pianto continuo sapevo che questo
era solo l’inizio.
Seconda meta la banca qui mi aspettava un’altra mazzata.
Riuscii ad avere un colloquio col direttore mio vecchio amico,spiegai
la situazione dissi che ero in un periodo di cambiamento che
probabilmente includeva anche il mio sesso ed identità e che quindi
prima che ciò accadesse avrei spostato completamente il mio conto a
favore di Massimo Rossi …fornii l’iban del mio Padrone e prosciugai
così ogni mio avere
Ero ridotta a non avere più una casa mia e i miei 145.

000 euro che
avevo in conto corrente passarono di mano…non avevo più nulla
nemmeno me stessa perchè ero diventata una schiava…una sissy!
Completamente svuotata seguii il mio Padrone in un ambulatorio
veterinario non riuscendo a capacitarmi che ci facessi…magari il mio
Padrone voleva adottare un cucciolo…magari…. ma non avevo fatto i
conti con la sua mente contorta…ero io il cucciolo e dovevano
inserirmi il microchip sottocutaneo……. il veterinario chiese al mio
Padrone quale fosse il mio nome per farmi il libretto …perfino
registrata come un cane…..lui rispose che mi chiamavo gabriella
federica ma che il mio nome di a****le era lola e indicò la mia coscia
sinistra come posto idoneo per inserire il chip…..
E non era finita..ora veniva la parte legale….

mi portò da un
fotografo e mi fece shittare alcune fototessera e con esse andammo
negli uffici del comune e più precisamente da un amico suo
responsabile all’anagrafe.
“Ciao carissimo Andrea ,il mio Padrone disse stringendoli la mano
“Ho qui con me un’amica a cui devo far cambiare le generalità e tu sai
benissimo perchè ,queste sono le sue foto il suo nome nuovo
l’indirizzo di residenza ecc sono tutti scritti sul foglio che ti
allego ,nello stesso troverai la sua identità originale che deve
sparire completamente dalla faccia della terra come se non fosse mai
esistita quindi questo vale anche per l’atto di nascita e qualsiasi
altro documento precedente ….

puoi farlo? “
“Certo che si ma tu sai che queste cose hanno un costo elevato!”
“Non preoccuparti di questo pagheremo quello che serve e alla fine
anche Gabriella ti ringrazierà a modo suo…vero gabri?”
Risero e Andrea mi palpò il culo per sentirne la consistenza…..
“Niente male…. è ancora vergine? ” chiese
“Non completamente ma bella stretta”
Risate a non finire per loro una somma tristezza per me. Si misero
daccordo per il ritiro della documentazione e per il pagamento e ci
avviamo verso diosolosa dove….

.

LA CUGINA ASSETATA

LA CUGINA ASSETATA

Ciao a tutti, i protagonisti sono veri, ma i loro nomi non importano perciò li inventerò e ai fini della storia mi chiamerò Tito.
D’aspetto appaio un po’ di sovrappeso, cioè non sono magro ma neanche una palla sproporzionata, sono alto 1. 78 per 95 Kg non molto allenato.
Questa storia si svolge in un giorno molto caldo, ero andato a trovare mia cugina Ramona, ora devo dire che lei è sempre stata stupenda, ha un fisico atletico corredato da due tette 2° misura di forma perfetta e un culo rotondo e ora che è una milf ha un valore aggiunto.

Ora quando arrivai a casa sua non sapevo cosa aspettarmi, questa volta ero carico di mio perché scoparmela era desiderio di lunga data, tanto che per tre giorni non mi ero masturbato per avere le palle abbastanza piene, di contro Ramona ha famiglia e avrei potuto dover passare tutta la visita con anche il resto della sua famiglia, fui fortunato.
Quando lei apri la porta fu una apparizione, aveva un vestito leggero di colore bianco e tutto era come me lo ricordavo, tranne che per i capelli che ora erano rosa confetto.

Mi fece accomodare, la villa era nel silenzio, allora chiesi dove erano gli altri, lei rispose “mio marito è in viaggio, Martina e Olmo sono al parco acquatico con gli amici”, dentro di me stavo già sentendo crescere un tumulto mentre tenevo gli occhi sul suo sedere mentre mi conduceva verso il giardino sul retro dove aveva due sedie, un tavolo, un divanetto, una sdraio e una doccia fa esterno (tanto di vicini non ne ha)
Io mi buttai sul divanetto, Ramona si sedette su una delle sedie accavallando le gambe dandomi la possibilità di vedere sotto la gonna su per tutta la coscia sinistra fino ad un pezzetto di mutandine bianche.

Mentre parlavamo faticavo a non fissare la sotto, tanto che lei doveva essersene accorta visto che inizio a provocarmi.
Prima iniziò “involontariamente” a farsi aria con la gonna per poi ad un certo punto balzare in piedi esclamando “Tito, ti disturba se mi metto a prendere il sole?”, io risposi balbettando per non sbavare “certo che non disturbi, sei a casa tua” sentite le mie parole prontamente si sfilò l’abito e rimase con un 2 pezzi bianco (forse era già nei suoi piani?) il cuoi reggiseno erra composto da due triangoli di stoffa e i cordoncini per sostegno e chiusura.

Si stese prima sul dorso lasciandomi rimirare il suo corpo lucido di crema mentre mi parlava ad occhi chiusi, a questo punto non potevo evitare un’erezione, poi si girò pancia sotto e mi chiese “Tito mi spalmi la crema?” “non riesco ad arrivarci”, io non me lo feci ripetere e mentre spalmavo le feci sentire il mio uccello duro contro il braccio, quando passai alle gambe ebbi la conferma che si stava eccitando anche lei perché le mutandine iniziavano a mostrare l’alone da passera grondante e la sentivo tremare mentre passavo sull’interno cosce.

Oramai era una guerra a chi avesse per far fare all’altro il passo oltre la linea, lei ebbe l’idea di provare a farsi una doccia per far calmare i suoi bollenti spiriti e mimetizzare la chiazza che le bagnava gli slip.
Fu un errore da parte sua, beati i tessuti scadenti, non appena si bagnò tutte le parti del costume diventarono trasparenti, aderenti e per giunta gli si erano induriti i capezzoli, mi sentivo come un cavallo con le briglie tirate, mi trattenevo a stento, lei era diventata rossa appena resasi conto di cosa era successo e ancora di più quando si accorse che i miei pantaloni gonfi da paura.

Gli occhi le luccicavano e si mordeva il labbro, accidenti era inutile andare avanti a giocare, ruppi gli indugi, andai da lei e le presi la mano, la posai sul mio pacco ed esclamai “Ramona questo è merito tuo” e le infilai la lingua in bocca, dopo un leggera titubanza lei iniziò a ricambiare.
Era ora di fare un passo oltre, mentre con una mano ero saldamente ancorato al sedere con l’altra slaccia il laccio attorno al collo e quello sulla schiena facendo cadere il reggiseno a terra, lei nel frattempo continuava a palpare senza sfoderarmelo, dovetti tirarlo fuori e piantarglielo in mano e mentre io ero passato a succhiare quelle tette ancora sode lei iniziò un sega lenta.

Ad un certo punto lei esclamò “Ho sete, non faccio un pompino da quando mi sono sposata, ha mio marito non piacciono”, per me era musica e la feci inginocchiare al volo.
Mai avrei immaginato fosse così esperta e affamata, prima gli diede una leccata dalla radice alla cappella, poi turbinò tutto intorno alla cappella per poi ingoiarlo in un sol colpo e via che lo succhiava avidamente.
Era il paradiso, ma avevamo giocato troppo prima e non resistetti più riempiendole la bocca, lei si staccò un attimo, alzò lo sguardo, inghiottì e con un rivolo di sperma al lato della bocca mi disse “Tito, di già sei venuto?” io le risposi “Ramona, questa è solo la prima ondata, è un po’ che non mi masturbo e ne ho ancora molti di colpi nel caricatore”, lei sorridendo raccolse con il dito il rivolo che le era sfuggito, se lo lecco e poi ripulì fino all’ultima goccia il mio uccello.

A questo punto avevo bisogno un momento per potermi riprendere e avere un’altra erezione, l’idea per passare il tempo non tardò ad arrivare, lei esclamò “Tito, guarda che sorpresa che ho” e si sfilò le mutandine mostrando orgogliosa la sua passera con il pelo scolpito a triangolo tinto di verde prato e riprese “doveva essere una sorpresa per mio marito, ma penso che tu l’apprezzerai di più cugino”, detto questo mi buttò sul divano e lei prese a fare uno spettacolo di danza sexy, accidenti se era brava ed eccitante, non tardai a sentire il serpente che si stava riprendendo, non aspettai che fosse completamente sveglio, volevo brucare quel praticello.

Quindi presi Ramona la buttai sul lettino e affondai la faccia tra le sue cosce, le spalancai la passera, la leccai e succhiai da ogni goccia dei suoi umori, la masturbai anche, fino a che non mi esplose in faccia con un urlo
fortissimo.
Quando riprese respiro sorridendo maliziosamente esclamò “Ora che hai brucato il mio praticello hai anche di intenzione di ararmelo e annaffiarmelo?” “Sai mi sento l’utero inaridito”.
Che avreste fatto voi?
Io ingranai la marcia e dentro, ma lei mi fermò e chiese “Tito, che ne dici se ti cavalco io?” “La missionaria la faccio con mio marito e sono stufa”.

Mi hanno sempre detto di ubbidire a chi ha più anni di me, anche se non si riferissero a questo caso Hahaha.
Una volta sotto lei si impalò lentamente, accidenti era bollente a tal punto che temevo potesse scottarmi, una volta dentro tutto iniziò a dimenarsi come una pornostar e cavalcarmi, io tenevo saldamente le mani sulle sue tette strizzandole di tanto in tanto facendole fare qualche urlo alternato.
Volevo fare ancora una cosa prima di venire, allora gli dissi “Girati che ti voglio mungere come una vacca”.

La cosa le piacque tanto che rispose “sono una vacca da latte, desidero che tu mi munga” e detto questo si sfilò per girarsi e riprendere a cavalcarmi, ma a questo punto avevo le labbra saldamente su i suoi capezzoli, accidenti se erano dolci, quando fui prossimo a venire per la seconda volta le dissi “sto per venire, voi farti un’altra bevuta?” e lei velocemente mi rispose, “ti ho detto che voglio che mi inondi l’utero, ne ho tanto bisogno”.

Allora strinsi il suo pube contro il mio e con un bel colpo gli spinsi lo schizzo quanto più in profondità che potevo, lei urlò “cazzo, sei proprio un fiume in piena”, la trattenni su di me fino all’ultimo schizzo.
Quando mollai la presa lei si sfilò e su mise a sedere sulla sedia a gambe aperte e disse “Ahh, per ora mi sono saziata, ma ho ancora un po’ di fantasie, non sparire, voglio che mi aiuti a realizzarle”.

Prossimamente vi parlerò delle altre fantasie di Ramona, per ora un saluto e commentate.

Quella vacanza in grecia

Il sole, quanto lo avevo sognato in quelle cupe giornate di Milano, e il mare che ora si stendeva davanti a me finalmente erano dei segni tangibili di libertà.
La barca era li ormeggiata davanti a me e aspettava solo di sciogliere le vele al vento per portarmi via tra le isole dell’ Egeo. Mentre finivo di caricare le ultime cose sulla banchina arrivava il traghetto da Kos, riversando il solito fiume di turisti accaldati e vocianti.

Io li osservavo un po’ distratto quando la vidi, bionda miele nascondeva i suoi riccioli sotto uno di quei cappelli di paglia larghi e due occhialoni alla Hepburn il vestito leggero come un soffio lasciava trasparire un seno quasi acerbo che rivelava una abbronzatura topless, mentre trascinava un trolley passò davanti a me e allora vidi che piangeva, il trucco colava e leggermente rigava le guance di rimmel. Dissi tra me “una vacanza e un amore finito! O peggio.

” In quella una sgommata e il suv frena prepotente sulla banchina, ne scende un buzzurro da film vanzina che la affronta e la strattona per farla salire in macchina colpendola di insulti, sta per alzare una mano per colpirla, non so come sono già sceso al volo e lo agguanto, molle come un polpo mi sguscia via e urla “tieniti quella Troia ! É tutta tua!” E via col macchinone falciando le stente aiuole del Marina.

Un gran bastardo borbotto tra me mentre mi volto, lei è lì quasi stenta a parlare, è scivolata a terra e si è sbucciato un ginocchio, sembra un fiore calpestato. “Posso aiutarla ? Mi scusi forse non dovevo intromettermi ma davvero non ho resistito, pe favore venga la porto da un dottore le medicherà il ginocchio…..”. Mi guardò attraverso gli occhiali scosse la testa e senza dir nulla cominció a raccogliere gli occhiali rotti e il cappello calpestato, meccanicamente fece per afferrare il trolley ma la maniglia le restò in mano, la fissò per un attimo e scoppiò a piangere silenziosamente mentre scivolava ancora a terra.

La strinsi in braccio per impedirle di cadere e restammo così sotto il sole abbracciati come due adolescenti lei disperata e io stupito. Poi la portai in barca la feci coricare in una cuccetta fresca e le diedi acqua e asciugamani, poi la lasciai riposare. Andai sul ponte e riordinai tutto poi mentre mi facevo la doccia sentii il suo sguardo su di me, mi voltai e mi scrutava dal portello di ingresso della barca.

Le chiesi come si sentiva, le vidi quegli occhi verdi brillare nella penombra della cabina poi arretrò sparendo all’interno. La seguii come affascinato e appena dentro lei mi abbracciò completamente nuda, il corpo era totalmente abbronzato da nudista, agile e vellutato, non un pelo sul corpo, mi strinse con delicatezza ma decisa, io ancora bagnato reagii subito con una erezione totale scorsi i fianchi le natiche e quel seno da ragazza capezzoli duri e prepotenti ci baciammo con foga non sapevo neanche il suo nome ma la volevo e sentivo la stessa urgenza in lei, succhiavo i seni e frugavo quel ventre liscio che mi allagava la mano, mente lei aveva preso possesso del mio cazzo e lo accarezzava e segava dolcemente.

La girai e la feci appoggiare sul tavolo del saloncino le alzai una gamba e la baciai leccandola fino ad arrivare alla fica, piccola rosea e odorosa di muschio, colava il suo umore e mi ci abbeverai la coprii di baci immersi in quel liquido poi usai la lingua come un cazzo e le esplorai la vagina fino a sentirla tremare gemere ed esplodermi in bocca. Mi alzai e la baciai afferrando quei riccioli ribelli, poi sollevandola come un velo la avvicinai al cazzo e lentamente godendo ogni centimetro della sua fica glielo piantai dentro, quegli occhi verdi divennero enormi il suo seno sussultava mentre continuavo a scoparla in piedi alternando profonde affondate a ritmi accelerati finché le misi la mano destra tra i glutei spinsi il dito medio nel suo ano e la vidi godere scuotendosi come percorsa dalla corrente elettrica.

Non avevo ancora goduto, la guardai abbandonata sul grande tavolo lucida di sudore e delle sue godute, io il cazzo teso come una sbarra pulsante di vene rigonfie la baciai in bocca sui seni nel ventre poi la rovesciai puntai il suo culetto abbronzato e infilai la punta del cazzo, dento fuori dentro fuori, ancora e ancora sempre più giù fino che le mie palle sbattevano sulle chiappe lisce di lei. Durai ancora poco poi stappai il culo e le misi tutto il cazzo in gola e la feci bere un lago di sborra che mi gogogliò dalle palle.

Rimanemmo insieme tutta l’estate e fu un orgasmo di sole vento sesso e sesso sesso.

Un piccolo aiuto

Non era tutti i giorni vacanza, di tanto in tanto come buoni samaritani aiutavamo i vari parenti.
Uno degli zii ormai pensionato stava per rientrare al paesello natale dalla Svizzera, la sua casa era rimasta inattiva per diversi anni.
In avanscoperta erano arrivati i figli due gemelli più o meno della nostra età, il loro compito era
di iniziare i lavori di ripulitura con eliminazione del vecchio e ormai consunto mobilio.

La squadra lavori era formata da me; Marco; e i due Gemelli per il trasporto c’era un carretto trainato da un vecchio trattore.
Un viaggio dopo l’altro arrivò mezzogiorno e finalmente il pranzo, chiaro che durante le ore di lavoro ci eravamo scambiati varie opinioni, commenti e scherzi.
Come da copione era una giornata caldissima e prima di pranzo ci stava una bella doccia, da farsi con il tubo dell’acqua del giardino e un pezzo di sapone sole.

Io fui l’ultimo mi asciugai e sorpresa, i miei vestiti e le mie scarpe erano sparite.
Dovevo aspettarmelo sapevo che i lontani cugini svizzeri o Marco mi avrebbero fatto qualche tiro, in fondo io non ero da meno e ragazzi miei in gruppo o ci stai o te ne vai.
dal piano superiore sentii:“Marco ci ha detto che ti piacciono le scarpe, ti abbiamo portato un regalo”
M lanciarono dal alto un paio di sandaletti da donna della mia taglia, rimasi stupito perchè erano nuove e pure carine.

Va bene alla guerra come alla guerra dicono i francesi, volete mettermi alla prova, misi le scarpe sgattaiolai fino alla moto e dai borsoni ritirai gonna e la camicia.
Feci la mia apparizione al piano superiore, i gemelli prima rimasero un po’ basiti poi scoppiarono in prima in una risata e insieme a Marco in un applauso.
Mi restituirono i miei vestiti ma io imperterrito rimasi in abiti femminili essere in quella situazione mi faceva sentire un tremolio eccitante nella pancia.

Pranzato ci sedemmo a riposare su un vecchio materasso buttato a terra, mi posizionai in mezzo ai gemelli per chiacchierare, Marco si era assopito sul vecchio sofà ormai semi distrutto.
Intorno la campagna silente guardai verso i pantaloncini dei gemelli e fissavo i sandaletti che mi avevano regalato, perché non tentare.
Accarezzai sopra i pantaloncini, nessuna reazione negativa anzi una lieve erezione, infilai piano piano le mani nei pantaloncini prima dell’uno poi dell’altro, capii che i gemelli gradivano il massaggio.

Entrambi lentamente abbassarono e poi si tolsero i pantaloncini.
Notai che lo avevano discretamente grosso le palle belle gonfie, insomma non ci volle gran che a convincerli ad accettare le attenzioni.
La sega piaceva a entrambi lo si capiva dai mugolio, quindi perché non andare oltre, dovevo come sempre stupire e colpire nel segno:”Allora vi piacerebbe mettermelo in culo ?”.
Si guardarono serrando le labbra, scambiandosi uno sguardo di furbo consenso e annuendo con la testa, ma non ebbero il coraggio di iniziare, risolsi la situazione a modo mio, misi le labbra sulla cappella di uno gli presi le mani e gli indicai cosa fare, poi sdraiato a pancia in giù allargai le chiappe con le mani.

Finalmente mentre il primo si faceva spompinare conducendo la mia testa il secondo avvistato il bersaglio puntò e pian piano fece entrare la sua grossa cappella fino ad arivare in fondo.
Ritmo regolare e costante niente fretta, da buoni gemelli lavoravano in sincrono, sentivo l’eccitazione aumentare, il piacere di quei cazzi che salivano e scendevano mi portarono al punto che per la prima volta venni senza toccarmi.
Continuammo a gustare i relativi piaceri, finché un colpo di clacson e il rumore di un motore ci distolse.

Marco da buon complice corse dabbasso e caricò alcune masserizie, non voleva perdere tempo o interrompere l’idillio, salutò lo zio con: “Gli altri stanno lavorando nel retro” , già sul mio retro e lo disse sicuramente ridendo tra i baffi.
Pericolo scampato, però quella situazione come nella prima esperienza mi fece contrarre e obbligò il gemello che mi stava inculando a spingermelo dentro fortissimo per non uscire, contemporaneamente preso da un fremito di ulteriore piacere dato dal pericolo aumentai la velocità e la profondità di spompinamento del altro.

Fecero decisamente fatica a non mugolare in quel momento topico, poi ripartito il trattore e con la certezza di essere isolati finalmente chi era dietro accelerò e con un ululato mi riempì di sborra calda.
Passò dietro il secondo e ripartì, nel frattempo era risalito Marco che, naturalmente ci guardava e ci aveva osservati nei minuti precedenti masturbandosi alla grande, me lo cacciò in bocca mentre il suo bacino oscillava fuori controllo, quindi tenendomi ferma la testa per bene fece in modo che la sua cappella non uscisse dalla mia bocca mentre con un grido veniva, a quel segnale anche il secondo gemello eccitatissimo mi martellò con tutta la sua forza e scaricò una discreta quantità di liquido in me.

Eravamo esausti ma data la giovane età il recupero fu rapido.
Pensate sia finita, macché Marco recuperò il pomello di una porta in porcellana con attaccata una catena, prima che potessi alzarmi, me la infilo lasciando penzolante la catena.
Di tanto in tanto mi alzavano la gonna per controllare la catena penzolante.
I controlli li aizzavano passate circa circa due ore uno dei gemelli non resistette mi alzò la gonna e gli venne duro all’istante.

Tolta il pomello mi fece mettere a pecora e con mi inculò con il suo bel cazzone, per togliergli ogni ritegno feci in modo che mi sborrasse in faccia.
Inutile dire che non appena gli altri videro si lanciarono, mi Incularono di nuovo e pure a loro chiesi la classica sborrata in faccia.
Al tramonto mi rivestii e finalmente rincasammo tutti soddisfatti.
Per i tre giorni successivi, ormai fatta quella approfondita conoscenza, fecero quello che a me piaceva, senza remore o inutili inibizioni.

Appena erano belli carichi, i gemelli senza preavviso mi prendevano, mi abbassavano i pantaloncini e mi inculavano; erano talmente bravi a farlo che non ne avevo mai abbastanza, come non potevo fare a meno die Marco che riusciva a farmi fare quei meravigliosi pompini e a venirmi in bocca, muovendo meravigliosamente il bacino, bloccandomi la testa senza darmi la possibilità di spostarmi.
Lo zio che coordinava il lavoro ci ringraziò con una bella mancia e dichiarando che non aveva mai visto dei lavoratori tanto volenterosi.

.

UN INVITO A CENA, IL LUNEDÌ

La sveglia squilla alle sette puntuale. Di solito la lascio suonare almeno un paio di volte. Questa mattina invece mi alzo di shitto, e subito mi prende un nodo allo stomaco. Ripenso a quello che mi è successo sabato sera, e il solo pensiero di incontrarmi faccia a faccia col mio dipendente mi spaventa e imbarazza. È inevitabile vederci al lavoro. Lui è il mio autista e magazziniere. Ogni cosa che fa deve prima essere decisa e confermata da me.

Di certo non posso comportarmi in maniera diversa, in ufficio c’è anche mia sorella, e di certo non posso dirgli che avevo passato tutta la domenica a masturbarmi pensando a lui e al suo cazzo.
Tra l’altro è il suo primo giorno di lavoro dopo una settimana di ferie, ogni mia reazione strana sembrerebbe ingiustificata. Quindi con una spada di Damocle sopra la testa, mi vesto , e come non fosse mai accaduto nulla , esco e vado al lavoro, aspettandomi qualunque cosa.

Appena arrivo in ufficio, teso come una corda di violino, chiedo a mia sorella se avesse visto Ioan. Lei mi risponde di no.
“Figurati, conoscendolo sarà ancora in Romania quello, vedrai che torna domani!!” Mi dice mia sorella. Non potevo dirle che invece era già in Italia da sabato.
” Si hai ragione fa sempre così !!!” Rispondo. E inizio a lavorare. Neanche passano dieci minuti che dalla finestra vedo Ioan a bordo del muletto venire verso gli uffici.

Mi si ferma il cuore. Parcheggia, scende e entra in ufficio.
” Buongiorno a tutti!!! Sono tornato stanotte. Come vi avevo detto!!” Esclama lui, allargando le braccia. Cazzo come e’ bono!!!! Ma è sempre stato così???
” Oh caro, dammi due baci e raccontami come sono andate le ferie!!!” Gli dice mia sorella alzandosi e andando a salutarlo. Mentre si abbracciano lui mi guarda, mi sorride e mi fa l’occhiolino. Bastardo!!!!
” Guerrino, tu non mi saluti, non sei contento che sono tornato???” E rimane a braccia aperte aspettandomi.

Mi alzo, lo abbraccio, usanze stupide che non servono a nulla, e mentre mi da due baci mi sussurra all’orecchio ” Ciao troia mia!!!”. Mi stacco immediatamente, in maniera brusca.
” Che brutta mattina che hai Guerrino!” Dice mia sorella.
” Si ho le palle girate!!” Rispondo
” Ma se la prima cosa che mi hai chiesto appena entrato è stata se avevo visto Ioan!!!” Bastarda di sorella!!!
” Ah davvero? Così ha detto? Mi voleva salutare forse, dopo una settimana che non ci vediamo” afferma lui.

Falso!!!
” In realtà volevo farti vedere una cosa in magazzino urgente!!! Se vieni con me ti faccio vedere. ” non sapevo cosa dire, e poi via il dente via il dolore.
” Dai fammi vedere questa cosa.. poi torno e ti racconto della mia bellissima settimana di ferie ,ok ?” Rivolgendosi a mia sorella. Ed esce dall’ufficio dopo avermi detto che mi aspetta fuori e intanto si fuma una sigaretta.
” Beh? Che cosa hai? Sei strano.

E poi quale problema c’è in magazzino che non ne so nulla???” Mi chiede mia sorella.
” Un problema che devo sistemare subito, poi ti racconto. Tu stai attenta che per nessun motivo , dico davvero, nessuno deve entrare in magazzino. Neanche papà. Bloccalo, inventati qualcosa, ma fino a che non mi vedi tornare io e Ioan non ci siamo. ” il mio tono è così serioso che lei annuisce senza chiedere altre spiegazioni.

Esco, faccio cenno a Ioan di salire sul muletto e ci avviamo , attraversando il piazzale , ai magazzini.
” C’è davvero un problema o ti sei inventata tutto solo per farmi un pompino ???? Mmm che pompini che fai troia mia!!” Mi chiede con un mezzo sorriso da porco e un tono di voce da maniaco sessuale.
” Intanto smettila di chiamarmi troia!!! Non sono la tua troia!!! ” gli ordino infastidito.

” Beh non sarai la mia troia, ma sei comunque una gran troia!!!” E ride. Non rispondo. Entro nel magazzino numero tre.
” Forza, scendi e chiudi bene il portone, che dobbiamo parlare io e te!!” Detto e fatto. Il numero tre non lo usiamo quasi mai, quindi è praticamente vuoto.
” Mettiamo subito le cose in chiaro…” ma lui mi interrompe e mi chiede ” Posso fumare ? O ti da fastidio? Non mi sembrava ti desse fastidio sabato sera mentre ti scopavo con la sigaretta in bocca!!! Mamma quanto sei troia!!!!mmmmmm” mi lascia di sasso, per qualche secondo.

” Ma si fumati sta cazzo di sigaretta, e ti ho detto di non chiamarmi troia !!!!” Gli intimo io. Lui prende una sigaretta, se l’accende, e appoggia una gamba sulla ruota del muletto. Zio can, quanto bono è questo???? Gli guardo in mezzo alle gambe, in quella posizione, e noto il suo pacco sotto i pantaloni verdi da lavoro.
” Allora? Ti sei bloccata? Hai visto qualcosa che ti ha tolto le parole dalla bocca? Dimmi la verità, troia!!” Mi dice grattandosi le palle.

” Smettila di chiamarmi troia!!! ” urlo isterico.
” Ok, ok calmati!!!! Sto solo scherzando, non ti chiamerò più troia , giuro. Dimmi tu come vuoi essere chiamata!!” E mentre dice questo, si apre la patta dei pantaloni, tira fuori cazzo e palle e si gira verso un angolo del muro, ma ben in vista.
” Allora? Mi dici o no come ti devo chiamare? E se posso pisciare qua o no, e se no dove la posso fare?” Porco, maiale, diavolo tentatore.

Maschio, sei tu il più maschio di tutti!!!
” Chiamami pure troia, basta che mi pisci in bocca!!!” E mi inginocchio, per prendere il suo uccello in bocca. Me lo infila in gola e inizia a pisciare e mentre mi sta pisciando in bocca mi chiede ” Chi è la più troia di tutte????” E io senza smettere di bere, a bocca piena rispondo “IO”. E finisco di bere.
” Ok, lo ammetto, hai vinto tu!!! Sono una troia.

E allora? Cosa hai ottenuto ora? Che intenzioni hai???” Chiedo sottomesso.
” Intanto ti ho fatto ammettere di essere una troia. Pian piano ti farò dire che sei la MIA troia!!!” Risponde rimettendosi a posto. Apre il portone, usciamo dal magazzino, mi riporta in ufficio e racconta a mia sorella le sue ferie. Non ascolto una parola, penso solo che dentro di me, in fondo in fondo, sono già la sua troia!!!! Ma questo lui l’ha già capito.

……….

LETTERA AD UN POTENZIALE AMICO

Caro Lorenzo,
io sono Gianni,noi non ci conosciamo, almeno per ora,tu hai risposto ad una mia inserzione su FERMOPOSTA, di cui ti invio una fotocopia.
Nella tua lettera dici che probabilmente abbiamo gli stessi gusti, credo che tu abbia perfettamente ragione, infatti mi sembra di capire che,anche a te,faccia piacere mettere in mostra la tua signora provocando eccitazione negli uomini che l’ammirano ricavando da tale situazione un intimo godimento.
Io ritengo di essere ad oggi, più fortunato di te in quanto mia moglie ha accettato,non solo di mostrare, ma anche di concedere le sue grazie ad altri uomini,che l’hanno scopata con gusto, facendomi letteralmente impazzire di goduria quando l’ho sentita gridare in preda alla libidine più sfrenata ed ho visto gli uomini abbattersi sfiniti sul suo corpo dopo averle inondato di sborra la fica,il culo,la bocca ed il viso.

Ti allego alcune fotocopie, non ben riuscite a dire il vero, che potremo ammirare insieme in originale se il nostro rapporto,che pare parta nel modo giusto,abbia un seguito.
In esse si vede mia moglie,da me fotografata, mentre si fa sbattere,inculare o fa pompini sia a ragazzi bianchi che a negri.
Essendo state shittate in stagioni differenti potrai notare che, in quelle circostanze,la mia signora indossa la sola pelle, o calze tenute su da un reggicalze oppure una guepiere, queste
ultime preferibilmente di colore nero non disdegnando il bianco.

Mia moglie é solita esordire con un pompino accompagnato da un sapiente massaggio alle palle,fino a quando quelli che inizialmente lei definisce UCCELLI non si trasformano, per la sua maestria, in MAZZE DURE, a quel punto é solita aprire le gambe e farsi stantuffare in fica il più a lungo possibile.

Il più delle volte,però, preferisce estrarre il cazzo dalla fica e portarselo sul buco del culo facendosi così inculare nel modo che più le piace, cioè in modo selvaggio e violento, con suo sommo godimento qualunque sia la dimensione di quelli che lei definisce anche PESCIONI.

Infatti, l’ho vista farsi sfondare il culo da negri megadotati, ai quali non sembrava vero di poter rompere il culo ad una donna bianca e che quindi ti lascio immaginare con quanto veemenza e forse anche con una punta di sadismo sprofondavano le loro mazze nel burroso culo di mia moglie.
Sempre,quando ho potuto,ho ripreso queste scene, esse sono motivo di sempre nuova eccitazione,ogni qualvolta io e mia moglie le rivediamo, rivivendo quelle bellissime esperienze che hanno, contrariamente a quanto si può credere, cementato la nostra unione tanto che ci adoriamo e siamo una coppia felicissima.

Ma bando alle mie memorie, passiamo a te ed alla tua signora.
Sono perfettamente disponibile a commentare una cassetta della tua signora usando il linguaggio appropriato alle scene, comunque voglio anticiparti che,vedendo le foto che mi hai inviato, ho fatto delle considerazioni ed ho così fantasticato.
Innanzitutto devo dirti che tua moglie ha due meravigliosi seni tra cui vedrei adagiato uno di quei PROBOSCIDONI che hanno tra le gambe i negri, ed ho immaginato tua moglie che,strofinandolo con le sue mammelle,lo induriva e scapocchiava leccando, appena le raggiungeva le labbra,la grossa capocchia dell’arrapatissimo negro, fino a farselo scoppiare sul viso,infilandosi in bocca quanto più possibile la mazza e bevendo golosa la sborra che sgorgava copiosissima, è uno dei giochini preferiti da mia moglie.

Inoltre, penso che un uomo impazzirebbe a leccarle lo stupendo corpo, dandole,ora a succhiare, ora a farselo menare l’uccello per vederselo trasformare in duro cazzo degno di una tale femmina,per poi cominciare ad affondarlo, nella bocca che mi sembra non aspetti altro, in quella sicuramente sugosissima fica, in quell’arrapante e certamente sfondato culo.
Adesso termino qui un commento che richiederebbe una vita,in quanto credo che tua moglie sia un perfetto a****le da letto.

Nella tua risposta,ti prego di esprimere un tuo parere sul tono della mia lettera,(commenti scarsi, giusti o pesanti); mi regolerò di conseguenza per il futuro.
Se ti fará piacere sentirmi telefonicamente, puoi inviarmi un tuo recapito con gli orari più idonei a questo tipo di conversazioni.
Se mi permetti di darti un consiglio, prova ancora a convincere tua moglie ad accettare degli incontri multipli per due motivi, i primo perché impazzirai di gioia a vedere tua moglie godere, PERCHE’GODRA’, alle prese con più uomini infoiati che le tappano tutti i buchi facendole una doccia di sperma, ed in secondo luogo perché é da egoisti voler tenere solo per sé un PUCCHIACCONE come la tua signora,la quale, pur avendo io una moglie parimenti chiavabile, mi ha fatto arrapare ammirandola in foto,tanto da farmi sparare una sega bestiale.

Inoltre, guardandola e riguardandola sono convinto che sia in grado di soddisfare contemporaneamente due uomini con le mani, uno o due con la bocca mentre uno la pompa in fica ed un’altro le spacca il culo.
In tale evenienza,la logica conclusione é quella che spesso adotto con mia moglie. Alla vista di situazioni del genere, mi avvicino a lei per quanto molto indaffarata e le porgo il mio cazzo in bocca, lei lo avviluppa con tutta la tenerezza possibile ed ingoia tutta la mia libidine e completiamo il tutto con un profondo bacio d’amore.

Auguri, ed a presto.

Impossibile resistere

Era l’età nella quale in cui, un gioco divertente e sopra le righe ripeti più e più volte aspettando con ansia la prossima partita. Insomma era scoccata un intesa e una complicità davvero speciale, a me piaceva trovarmi all’improvviso in una situazione strana e ai miei cugini piaceva prendermi.
A volte non era possibile utilizzare il pomeriggio, specialmente quel del sabato o della domenica, già quei pomeriggi li passavamo in gruppo, e allora perché non approfittare dei dopocena.

si quelle lunghe e noiose serate in cui i parenti si riunivano in una sola abitazione per giocare a carte, parlare di malattie e morti o guardare vecchi film alla TV.
In uno di quei sabati era la mia casa quella libera, il primo ad arrivare fu Francesco. Gli offrii una gazzosa fresca, lui non era un assaltatore, aveva bisogno della carica di lancio.
“Mi dai dieci minuti devo fare la doccia e torno, intanto guarda la TV”, era la scusa per andare in bagno e preparami, feci una doccia veloce e tutti i preparativi necessari, tra cui allargare la sfintere, per un giochino che mi era venuto in mente.

Uscii pronto alla battaglia con solo l’asciugamano in vita, che naturalmente feci cadere subito, aveva voglia di fare qualcosa ma era indeciso, il mio culo era ben lubrificato e pronto, lui guardava me e la bottiglietta, Feci la mia mossa: “Allora prendi la bottiglia e cacciamela qui” allargai il buco, la prese e cominciò a spingere, gli feci vedere che doveva usare un movimento oscillante e rotatorio. Piano piano la bottiglia saliva, eccola ora spingeva nel punto più resistente, feci un sospiro e passato il punto salì tutta all’improvviso lasciando fuori solo il collo, da li cominciò a tirarla fuori e a rimetterla, vedere il mio culo che si allargava e si richiudeva lo caricò, lui prese coraggio e si tolse i pantaloni prese il suo uccello in mano, gli era diventato di marmo.

Mi buttai sul tappeto, con un cuscino sotto la pancia, e finalmente me lo infilò facendomelo sentire tutto, avanti e indietro dentro e fuori, sempre più forte quasi al culmine iniziò con: “Troia me lo hai fatto indurire, adesso ti sfondo, stringi quel culo puttana, fammi godere troia”.
Con quelle parole mi eccitava, sapevo di essere una troia ormai, e di contro io rispondevo: “Dai tutto dentro, dai spingi, me lo devi rompere il culo”.

Così aumentava la forza delle spinte, sentivo il rumore delle sue palle che sbattevano forte. Meno male che la casa era isolata e avremmo visto da lontano l’arrivo di qualcuno.
“Stò per venire troia” Venne tirandomi forte per le spalle, e finì dicendomi “Dio mio che inculata favolosa, neanche con la morosa mi viene così duro” e senza accorgersene mi dette un bacio sulla schiena.

Da lontano sentimmo il rombo della moto di Marco che stava imboccando la stradina sterrata, l’unica luce era quella della TV, il resto era buio, solo le stelle e una falce di luna, ne approfittai scesi le scale esterne della casetta e gli andai in contro nel prato antistante, chiaramente ero nudo.

Vedeva la mia siluette perché il sole cocente mi aveva abbronzato e reso simile allo sfondo scuro, rimaneva in evidenza solo il segno del costume, feci lo spiritoso “Ma lo sai che Francesco mi ha messo in culo la bottiglia della gazzosa” mi girai mostrando le chiappe allargate cercando di evidenziare il buco, sapevo che avrebbe reagito bene era un a****le da monta, si calò i pantaloncini, prese in mano l’uccello già abbastanza duro,e senza troppi complimenti me lo infilò fino in fondo con un solo colpo ( diciamo che ormai la strada era fatta) e li in giardino in piedi iniziò a farmi gustare i suoi 24 centimetri, solo che le zanzare erano un tormento, meglio tornare in casa.

Mentre Francesco guardava Marco mi inculava con calma, guardando meglio nella penombra mi resi conto che Francesco non solo guardava, ma ancora eccitato e si stava masturbando, alla grande, poverino perché lasciarlo solo, mi posizionai e avvicinai le labbra alla cappella, prima una passata con la lingua poi la cappella in bocca e vai di pompino. Giocammo cosi e dopo una ventina di minuti Marco venne, come suo solito riempiendomi il culo con una discreta quantità di sborra caldissima, neanche il tempo di toglierlo, che Francesco me lo sbattè nuovamente dentro, questa volta ormai addestrato ripeteva :”Troia, Puttana, ti allago il culo, te lo faccio sentire fino nella gola, guarda come gode,”.

Aveva finalmente imparato e spingeva spingeva, finalmente con colpi forti e profondi mi inondò con la sua seconda scarica di sborra, era decisamente sfinito e le palle gli si erano ridotte di parecchio. Non passò neanche un minuto che sentii l’uccello di Marco ancora dietro, il guaio è che stavo venendo e purtroppo venni, ma Marco non mollava anzi venendo il mio culo si era ristretto e lui godeva ancora di più, di buono c’era che ero pieno del loro liquido scivoloso, mi rilassai e ripresi a sentire piacere, favoloso quando Marco riesplose.

Mi Guardarono se ne avessero avuto la forza ne avrebbero fatto una terza, e io non avrei rifiutato ma propio non gli si raddrizzava.
Ora ero io che volevo venire ma non ci riuscivo mi serviva qualcosa di grosso dietro, indicai la bottiglietta, Francesco, che ormai conosceva il trucco me la ricacciò con metodo in culo e finalmente di fronte a loro ebbi la mia seconda favolosa venuta. Quindi una bella doccia e buonanotte, in attesa di un nuovo giorno.

.

Serata movimentata

Quel pomeriggio faceva un caldo bestiale. Mi fiondai in un cinema più che altro per usufruire del fresco dell’aria condizionata. Non ricordo nemmeno che tipo di film dessero ma stare così in questa penombra e con il fresco mi ridava un po’ di tono.
Dopo un po’ entrò un uomo, si fermò un attimo per abituare gli occhi all’oscurità e poi venne a sedersi di fianco a me. È una cosa che a me da molto fastidio e poi se, addirittura, c’è la sala vuota mi agito di più.

Passato un po’ di tempo mi sentii sfiorare la coscia in maniera molto leggera, quasi si fosse trattato di qualcosa fatto inavvertitamente. Non ci feci molto caso ma di lì a poco sentii il tocco nuovamente. Ora ero quasi certo che il mio vicino lo stava facendo intenzionalmente.
Il terzo “attacco” fu un po’ più deciso e sentii la mano che, oltre a premere più arditamente, cambiava leggermente facendosi strada per raggiungere l’interno coscia e avvicinarsi sempre più verso il mio basso ventre.

Ero in una fase di attesa, cioè da un lato avrei voluto dirgliene quattro ma dall’altro ero molto incuriosito di sapere dove sarebbe finita la storia. O meglio dove sarebbe finita la mano!
Sentivo la pressione farsi sempre più forte e ormai sentivo il suo pollice sfiorare il rigonfiamento sotto il quale si celava il mio tesorino.
Ormai pieno di coraggio portò le sue mani ai miei pantaloni, abbassò la cerniera, sciolse la cintura e sbottonò quello che ormai era rimasto l’ultimo impedimento.

La sua destra si infilò leggera sotto i miei slip per poi riemergere stringendo il trofeo della sua vittoria.
Cominciò a masturbarmi, dapprima molto molto lentamente e poi sempre più freneticamente. Io cercai di resistere ma dopo un poco di tempo sentii gli schizzi di sborra uscire violentemente per finire chissà dove nel buio. Il piacere mi aveva imbambolato, non avevo provato un godimento così intenso come era successo qualche attimo prima.
“Andiamo” disse, “ho la macchina qui all’angolo, raggiungimi che andiamo a casa mia!”.

Detto ciò si alzò e andò verso l’uscita. Io stetti ancora lì un po’, mi sentivo piacevolmente svuotato.
Mi alzai e raggiunsi la biglietteria. Francamente non avevo alcuna voglia di andare con quel tipo. Vedendo che vi era una doppia uscita presi quella opposta a quella che mi aveva indicato l’amico e uscii nel crepuscolo che stava scendendo.
Fatti pochi metri mi sentii chiamare. Mi girai e vidi poco distante l’amico di prima che con un’aria un poco intimidatoria mi indicava la macchina.

“Come” dissi “non dovevi essere sull’angolo vicino all’altra uscita?”.
“Sì” disse “ma ho immaginato che saresti stato scorretto e avresti tentato di svignartela…”.
“No” dissi goffamente “ho sbagliato uscita, ecco tutto. ”.
“Bene allora visto che ci siamo riuniti andiamo. ”.
Arrivammo a casa sua, una villetta piuttosto isolata dal resto del rione. Mi fece scendere e mi fece strada fino all’interno della sua casa. Mi offri qualcosa da bere e poi si offrì di farmi vedere la casa.

Dopo aver visto tutto scendemmo verso quelle che pensai erano le cantine. Passammo una porta, il buio mi impediva di vedere alcunché.
Accese la luce e appena ebbi la possibilità di vedere mi resi conto di che posto fosse. Alle pareti erano appese fruste e frustini di ogni tipo, manette e corde. Al centro vi era un gran tavolaccio in legno con, ai quattro angoli, gli appositi strumenti per bloccare chiunque vi fosse stato adagiato.

“Si è fatto tardi” dissi “è ora che io vada, magari ci si vede una di queste sere. ”.
“Mi spiace, ma sei stato cattivo e devi essere punito. Lo sai bene pure tu!”.
“Io non ho fatto nulla” dissi.
“Beh! Ti sei lasciato fare una sega e poi, quando avresti dovuto ripagare il favore hai tentato di sottrarti. ”.
“Ma a me non piacciono gli uomini. ”.
“Quando hai goduto però ti piaceva.

Ora dovrai soddisfare me. ”.
“Che vuoi che faccia?”.
“Per prima cosa devi spogliarti completamente nudo. ”.
Aderii alla cosa piuttosto malvolentieri. “E ora?”.
“Ora devi metterti in ginocchio, ho una gran voglia di farmi spompinare da te. ”.
“Ma neanche per sogno!”.
Mi si avvicinò e all’improvviso avvertii un forte bruciore sulla natica, la prima sculacciata era partita. Preso di sorpresa non riuscii a contrastare la seconda mossa: si era seduto su una sedia e mi aveva attirato giù sulle sue ginocchia cominciando a sculacciarmi di santa ragione.

Sentivo le mie chiappe in fiamme mentre lui mi spiegava tutto ciò che avrei dovuto fare.
Fu interrotto dallo squillo del cellulare. “Resta qui, brutta troia! Non ho ancora finito con le tue chiappe. ”.
Rispose al telefono mentre io mi massaggiavo le natiche in fiamme. “Ciao Q. , non posso venire questa sera ho per le mani un bel porco a cui sto insegnando ad essere corretto e da cui voglio trarre il massimo del mio piacere.

”. Stette in attesa di udire ciò che diceva il suo amico e poi aggiunse: “Perché non vieni tu a casa mia, ce la godiamo assieme questa troia. Magari strada facendo passa a prendere J. , ha un cazzo talmente considerevole che glielo farà arrivare fino allo stomaco a questa bagascia. ”.
Ricevuta conferma dal suo interlocutore chiuse la conversazione e ritornò verso di me riprendendo a sculacciarmi meno violentemente di prima ma con metodo e continuativamente.

Avevo la sensazione che volesse mantenere il mio culo caldo e scarlatto. Smise quando suonarono alla porta e lui dovette andare ad aprire.
Tempo di andare e ritornare entrarono tre uomini. I due che non conoscevo si fregarono le mani vedendomi. “Ma che bravo sei stato lo hai tenuto in caldo per noi?”.
“Certamente, ma nel frattempo si è un po’ raffreddato, io direi di riscaldarlo un altro po’. ”.
Si spogliarono completamente nudi e io riconobbi, anche se non lo conoscevo affatto, J.

Aveva un cazzo che già da moscio era enorme. “Quando vedo un bel culo arrossato mi prende l’eccitazione!”.
“Tranquillo, tu Q. dammi una mano che mettiamo questa baldracca sul tavolaccio. ”.
I due mi sollevarono e mi misero sul tavolaccio a pancia in giù. “Io ora mi metterò a cavalcioni della schiena di questa zoccola e mentre continuo a sculacciare le sue natiche tu Q. mi farai una sega che anch’io ho voglia di essere soddisfatto.

J. ha dotazione adatta e sa come la deve usare. ”.
Sentivo le palle dell’amico strusciare sulla mia schiena prima che, assieme al cazzo, fossero abbrancate dalle abili mani di Q. Riprese la raffica di schiaffi ai miei poveri glutei che non potevo vedere ma che immaginavo ormai paonazzi.
Mentre pensavo al mio culo sentii un paio di mani forti afferrarmi la testa. Era J. che mi stava mettendo in posizione per potermi ficcare in bocca il suo enorme arnese.

“Tranquillo” disse “prima te lo sbatto in bocca spingendotelo fino alle palle e poi, dopo avertela scopata per benino, ti nutro copiosamente. Fai conto di venire allattato da un’enorme capezzolo! Un bel biberon stracolmo di caldo succo tonificante!!! Ah, ah, ah. ”.
Vedevo questo enorme fallo danzare ancora non del tutto duro davanti alla mia faccia. Prima di avvicinarlo alla mia bocca J. se lo prese in mano e usandolo a mo’ di manganello cominciò a colpirmi sulle gote, sulle labbra, sul naso e un po’ dove gli capitava.

Mi fece penetrare due dita in bocca in modo da aprirmela al massimo per poi imboccarmi con il suo grosso poppatoio.
Gli altri due intanto continuavano ad eccitarsi sempre di più: uno segando l’altro e l’altro prendendo a schiaffi il mio povero culetto.
Sentivo il cazzo di J. in gola e vedevo danzare le sue palle davanti agli occhi. Ad ogni colpo di fianchi cercava di entrare sempre più a fondo nella mia bocca.

Era sempre più irruente e avvertivo molto distintamente il suo indurimento dentro la mia bocca. Ad un tratto, fu veramente cosa di un millesimo di secondo, percepii che stava godendo e mi ritrovai con gola e bocca stracolma del caldo sperma di J.
Se possibile cercò di ficcare ancora più a fondo il suo uccello e tenendomi fermo in questa posizione, in maniera che lo sperma, anziché essere sputato scivolasse all’interno della mia gola.

“ Te l’ho detto che volevo sfamarti in notevole quantità. Se ingoi tutto fino all’ultima goccia ti faccio un regalo”.
Anche se avessi voluto non avrei potuto fare diversamente. Trangugiai tutto lo sperma che avevo ancora in bocca. Lui uscì piano piano dalla mia bocca. “E ora il tuo premio, te lo sei proprio meritato!!!”.
Sentii qualcosa di caldo sulla schiena, lo sculacciatore aveva goduto su di me. “Ora però ci diamo il cambio però!”.

Stava dicendo Q. Si dettero il cambio.
J. intanto si era girato e dopo essersi preso i glutei con le mani si avvicinò retrocedendo, li allargò il più possibile e mi si porse dicendo “Baldracca devi leccarmelo parecchio e bene perché è una cosa che mi piace assai. ”.
Sentii un nuovo calore alla schiena che mi fece capire che anche Q. aveva sborrato. Scese dalla mia schiena e tutti e due si avvicinarono a J.

“Guarda come lecca bene il porco. ”. E si misero a ridere a crepapelle.
Riuniti tutti e tre mi presero e mi girarono “ Caspita guarda lì come gli è venuto duro”.
“Gli ho fatto un segone al cinema che non avete idea. ”.
“Mi è venuta un’idea! Datemi una mano!”.
Mi presero e mi legarono sul tavolaccio a gambe e braccia aperte, mi bloccarono con una cinghia alla vita e con altre cinghie alle cosce.

Poi uno estrasse da un comodino un flacone di liquido. Io non capivo ciò che stava succedendo ma loro si erano capiti perché tutti e tre ridacchiavano.
Scoprii che il flacone conteneva olio. Uno me ne verso un poco sul glande e cominciò a massaggiarmelo col palmo della mano. Gli altri due mi si misero a fianco e presero a divertirsi con i miei capezzoli.
Io mi eccitavo sempre di più ma quel depravato che mi stava frizionando il glande svolgeva in modo tremendamente lento la sua incombenza.

Avevo un cazzo talmente duro che quasi scoppiava ed era diventato quasi di colore violaceo. “Banda di debosciati smettetela e fatemi sborrare. ”
“J. vedi di farlo star zitto che ci sta annoiando. ”. L’uomo non se lo fece ripetere due volte salì sopra di me e di nuovo mi infilò in bocca il cazzo enorme, che nel frattempo gli era tornato in tiro dopo essersi a profusione sollazzato a torcere, titillare, mordicchiare i miei capezzoli.

Questo atto ebbe la capacità di eccitarmi ancora di più e schizzai fuori quello che a me sembravano ettolitri di sborra.
Quel depravato lascivo invece di fermarsi continuò a manovrare con ostinazione il mio cazzo e la cosa mi diventava sempre più fastidiosa.
“Sublime” disse J. “continua, continua a segarlo in questa maniera che quando sussulta la puttana succhia meglio. ”.
Dopo avermi riempito di carne mi riempì di nuovo di sperma che dovetti di nuovo ingoiare.

Poco dopo ebbi una nuova eiaculazione.

Afose giornate Mantovane

Con un alias diverso negli episodi “Cugini” ho descritto l’esperienza estiva, quella in cui passai dalle esperienze private a quella pubblica di troietta dei miei cuginetti.
Gli ingredienti del pasticcio sono, un minuscolo paese agricolo della piana mantovana, dove tutti sanno di tutti, un gruppo di ragazzi con età oscillante fra i teenager e la maggiore età, pertanto le ragazze erano frequentabili solo sotto lo sguardo attento di parenti o vicini, ecc le scappatelle erano rare, contingentate come tempi e a forte rischio di sganassone.

Insomma maschi e femmine sempre ben separati.
Noi maschietti potevamo scorrazzare per i campi o andare a fare il bagno al fiume.
Le abitudini erano ferree, nelle ore più cade del pomeriggio, quando il sole picchiava duro, cessavano tutte le attività, il paese intero cadeva nelle braccia di morfeo.
Che palle, per noi pieni di ormoni e di vita, ma era propio in quelle ore che noi attuavamo le nostre strategie.

Ormai dopo quella festa in casa, fra me e i cuginetti erano cessati gli imbarazzi, anzi andavo io da loro sperando in qualche nuova trovata.
Nelle borse della moto portavo sempre il necessario, asciugamano e costume da bagno, la gonna che avevamo abilmente sequestrato alla cugina, le scarpe con zeppa, e l’immancabile Leocrema, tanto utile per tutti gli usi, per evitare troppe manovre mettevo i pantaloncini senza le mutande e una maglietta.
Erano circa le due del pomeriggio decisi di fare una sorpresa a Marco, i suoi lavoravano in fabbrica a Mantova e fino a sera non sarebbero rientrati, sapevo che era sempre eccitato e pronto.

Capitai dalui mentre stava riparando la moto in garage.
Entrai e gli chiesi qualcosa di fresco da bere, tempo di andare a prendere nel frigorifero la classica acqua e tamarindo rapidissimo mi denudai misi le scarpe, la gonna e una dose di crema sullo sfintere. Appena mi vide il suo costume da bagno non fu più in grado di contenere i 24 centimetri di cui era dotato, mentre sulla sua faccia si era disegnato un sorriso idiota di felice sorpresa.

Bando alle ciance partii all’arrembaggio :“Marco ti andrebbe di mettermelo in culo” , contemporaneamente appoggiai una gamba sul vecchio divano e allargai le chiappe con la mano mettendo in evidenza il buco, non fece un fiato appoggiò la cappella spinse forte e me lo infilò tutto in un colpo solo, che volete a me piace farmelo infilare così.
Arrivato in fondo si fermò qualche secondo, e poi iniziò il magico gioco del su e giù dentro e fuori.

Lo incitavo con “Dai inculami , siii cosi tutto in culo”, anzi dirglielo eccitava anche me, mi gustavo le spinte profonde. Purtroppo fu breve era talmente eccitato che gli bastarono dieci minuti per allagarmi il culo, ma che volete non tutti i giorni è festa ma il pomeriggio era ancora lungo.
Vuoi per la prestazione vuoi che non c’era un filo di vento ma il caldo era opprimente, la soluzione: andare al canale a fare il bagno.

Passammo a prendere anche Francesco, il terzo complice e via tra i campi di granoturco fino al canale.
Qualche tuffo una nuotata poi Marco vista la solitudine del posto si tolse il costume, con le braccia appoggiate al bordo del canale mi chiese sottovoce:“Hai mai fatto un pompino ?”.
Effettivamente non ne avevo mai fatti come non mi ero mai fatto inculare fino a quella festa, ero un po’ titubante, ma perché non provarci, ormai puttana ero e puttana rimanevo.

L’acqua del canale arrivava giusta alle mie spalle, con poca fatica gli alzai le gambe mettendolo a galleggiare in orizzontale, avvicinai la bocca alla sua cappella e leccai, il sapore era quello dell’acqua, per cui fui incoraggiato a infilarmelo in bocca, e cominciai ad appoggiare le labbra, lo feci entrare in bocca e sentii il un sospiro di soddisfazione, incoraggiato cominciai a succhiare e ad ogni movimento della mia testa sentivo una vibrazione dalle sue gambe unito a un gemito di piacere, non riuscivo però a farglielo indurire, era l’effetto dell’acqua fredda, purtroppo o per fortuna, la cosa mi piaceva volevo continuare quel gioco.

Uscimmo dall’acqua ci sdraiammo sul prato, sotto il sole caldo le cose migliorarono, mentre mi impegnavo con il pompino sentii salire l’eccitazione, e in quel mentre avvenne quello che speravo succedesse, due mani mi allargarono le chiappe, era Francesco, mi puntò la cappella, bagnata a tal punto che non dovetti nemmeno usare la crema, aspetti il momento della spinta, lo incoraggiai con :“ dai dai adesso mi incula siiii, dai sfonda il culo alla troia” ,spinse la cappella risalì veloce e forte, un calore piacevole si impadronì della mia pancia, entrò fino in fondo e un brivido di piacere profondo piacere mi corse fino al cervello.

Un cazzo in culo e uno in bocca, mai provato, ero eccitatissimo, passammo una mezzora favolosa
i due si alternavano, il piacere era talmente alienante che non riuscii a capire chi dei due me lo stesse sbattendo in culo e chi in bocca bocca, capii che quello dietro veniva quando mi afferrò forte le spalle spingendolo e bloccandolo bene in fondo, ebbi solo una reazione quando il liquido caldo mi schizzò in bocca mentre due mani mi bloccavano la testa, lasciai che la sborra calda colasse e poi ripresi a succhiaire di gusto quella cappella.

Quando tornai sulla terra dalle emozioni capii che fu Marco a godere del pompino con quasi ingoio.
Francesco nonostante mi avesse già allagato il culo non mi toglieva quel palo dal culo, gli si afflosciò un attimo ma poi rispingendolo con due colpetti, se lo fece venire duro di nuovo e senza toglierlo riprese, fu stupendo perché mi riinculò con una calma e una profondità meravigliosa, me lo faceva sentire tutto, mentre Marco si gustava lo spettacolo da vicino di quel cazzo che andava avanti e indietro, anzi si divertiva a dare ordini :”Dai tutto in un colpo, Veloce adesso, dai forte fammi sentire le palle che sbattono”, io igemevo di piacere, mi stavo davvero divertendo e soprattutto stavo godendomi la quarta inculata di quel giorno.

Quando sentii i colpi farsi più decisi e veloci capii che l’apoteosi era vicina appena mi disse “Stingi quel culo puttana che ti vengo dentro” mi masturbai e venimmo quasi in contemporanea. Fu davvero un pomeriggio da favola come altri che seguirono.