Archivi tag: anziani

Avventura tra negozio e piscina

Sospensori leopardati? Qui? All’Olympus!? Beh, io non ero d’accordo,, ma a qualcuno potevano piacere… “Sospensori leopardati fluorescenti… Raccomandatati dai dottori. ” Perché i dottori avrebbero dovuto raccomandare sospensori fluorescenti? Oh bene… scelsi la mia taglia e li sganciai dalla sbarra… Mi guardai intorno nel negozio e vidi che c’erano solamente sei persone, un cliente (io) e cinque del personale… il mio sguardo si spostò sul ragazzo alla cassa verso cui stavo andando. Era alto quasi un metro e novanta, biondo e di circa vent’anni.

Misi il mio acquisto sul banco, lui lo prese, mi rivolse un piccolo sorriso e poi disse: “Le dispiace aspettare un momento, signore, devo andare a controllare una cosa per questo articolo. “
Scomparve in una stanza sul retro, così decisi di dare un’occhiata al resto del personale. Era giovedì pomeriggio e non avevano meglio da fare che chiacchierare tra di loro. Due ragazzi, due ragazze, tutti in tenuta sportiva (ma cosa ci si aspetta in un negozio sportivo?) E non erano molto interessanti, piuttosto tradizionali, niente di eccentrico!
Il biondo ritornò con un sorriso sfacciato sulla faccia, prese una borsa da dietro il banco e ci inserì la shitola, fece una breve pausa che portò la mia attenzione al pezzo di carta sulla shitola dove lessi “Urgente.

” Ero confuso mentre lo guardavo e lui disse “Sono sei e novantanove, per favore signore. ” Misi un biglietto da 10 sul banco: “Grazie, signore, ecco il resto. Ritorni presto. “
Finì con un altro sorriso e c’era dell’ironia alla sua voce. Presi la borsa, il mio resto ed uscii gettando uno sguardo al resto del personale che non sembrava aver notato la mia presenza. Guardai l’orologio. 13 e 15. Ora di pranzo!
McDonalds era il mio prossimo scalo.

Preso il cibo, mi misi a cercare un posto tranquillo (non era difficile, c’erano solo quattro altri clienti, ed uno di loro era un ubriacone che stava quasi per essere buttato fuori…) e l’angolo più privato del posto. Ora, questo era difficile, avete mai provato a trovare un angolo privato da McDonalds che non sia il bagno? Quei luoghi sono progettati per farti sentire vulnerabile mentre mangi, se sei completamente solo. Trovai un posto quasi ideale: al piano superiore, nascosto dietro una pianta di plastica.

A quel punto cedetti alla curiosità, appoggiai il vassoio e presi la shitola dalla borsa di Olympus, l’aprii e ne uscirono tre cose: sospensori nero e rosa; un bigliettino piegato con la scritta “Urgente” e un pacchetto in carta rosa e nero. Misi giù sospensori e pacchetto e aprii il biglietto. C’era scritto:
Ciao!
puoi ritenermi maleducato a mettere una comunicazione nel pacchetto dei tuoi sospensori, in tal caso non leggere questa lettera.

Mettila nel bidone più vicino.
(Io lessi…)
Allora hai deciso di continuare a leggere. Hai appena acquistato un articolo molto interessante e stavo chiedendomi se ti piacerebbe provarlo… presto… e magari con un aiuto.
OK, se non ti va per favore non portare il biglietto al mio direttore. Sto rischiando il mio lavoro nella speranza che tu voglia incontrarmi. Penso che tu l’abbia comprato per attirare l’attenzione e mostrare i sospensori. Quindi, ritorna al negozio e vai al banco accessori (dove sono tutti i sospensori ed i proteggi caviglie), ti incontrerò là così potremo sistemare qualche cosa.

Carlo.
Dannazione! Avevo comprato quei sospensori per attirare l’attenzione. Finii rapidamente il mio pasto, poi andai (leggi “feci una volata”!) da Olympus. Entrai nel negozio e vidi delle famiglie che stavano facendo acquisti per i loro bambini. Ora c’erano sei commessi, Carlo mi vide e si avviò verso il banco degli accessori. Andai a raggiungerlo e decisi di fare ‘la prima mossa. ‘ “Ciao! Ho trovato il tuo biglietto. “
“Sì, um, non hai pensato… “
“No, mi piacerebbe incontrarti.

Dove? “
La sua faccia si accese, e mi fece pensare… forse non era così vecchio. Ora avrei detto circa diciannove anni … quindi solo un anno più di me… e aveva anche un bell’accento. Rispose: “Beh, che ne diresti del centro divertimenti?”
“Sì, va vene. Quando?”
“Io stacco alle due. Posso incontrarti fuori dal centro alle due… e cinque”, e poi, quando uno dei bambini si avvicinò: “No, mi spiace signore, non ne abbiamo verdi fluorescente, solo rosa fluorescente, ma ce ne sono di altro tipo.

” Sorrise di nuovo ed andò ad aiutare il bambino. Mentre uscivo gettai uno sguardo al mio orologio, erano le 13 e 49, così attraversai lentamente la città ed arrivai al centro alle due.
Carlo arrivò in perfetto orario, indossava pantaloni della tuta neri ed una maglietta Olympus bianca, aveva anche una grande borsa “Head” blu. Toccava a lui di avviare la conversazione. “Ciao, vedo che ci sei”, sorrise indicando il centro. “Andiamo a nuotare?”
“Sì, perché no.

” Risposi entusiasta.
Poi lui sorrise e disse: “A proposito, non conosco il tuo nome!”
Risi e risposi: “Gianni per Giovanni. “
“OK, Gianni per Giovanni, entriamo. “
Salimmo la scalinata ed entrammo. La donna dei biglietti ci guardò appena. “Sì…?”
“Uh, due, per per favore per il nuoto. “
“Due euro e trenta. “
“OK, ecco qui, grazie. “
Carlo prese i biglietti e la chiave dell’armadietto, io lo seguii nello spogliatoio.

Come spogliatoio era piuttosto normale: piastrelle bianche, panche di legno, l’odore dolce di sudore, niente di insolito, a parte l’assenza di cabine private. C’erano altre tre persone oltre a Carlo e me, ascoltando le loro conversazioni, scoprii che si chiamavano Davide, Andy ed Igor.
Dovevano avere sui 18 anni e piuttosto ben piantati. Davide era alto un metro e settantacinque, piuttosto pallido e portava slip tradizionali bianchi. Aveva anche capelli bagnati. Capii che avevano già nuotato… quindi le mie speranze di vedere uno di loro nudo erano finite, pensai.

Andy comunque aveva ancora il costume da bagno, Speedo ‘Bikini’ bianchi, molto affascinanti.
In quel momento mi resi conto di non avere costume e asciugamano. Ne parlai a Carlo, lui tirò fuori un paio di Bikini neri ed un asciugamano. “Dunque”, disse sorridendo (che magnifico sorriso!i). “È probabile che tu abbia bisogno di questi!” Mi girai per riportare la mia attenzione su Andy, lo vidi lasciar cadere il costume e girarsi verso il muro.

Bel culo… Carlo mi disse: “Vado in bagno. ”
Poi Igor. Wow! Era alto più di un metro e ottanta, leggermente abbronzato, e molto ben fatto. Era entrato da poco dopo essere stato sotto la doccia, quindi chiaramente era nudo. Era piuttosto peloso, aveva un corpo molto muscoloso ed un grande pene intonso. Mi sorrise, raccolse il suo asciugamano, si voltò e cominciò ad asciugarsi.
Dov’era Carlo? Decisi di andare a cercarlo e mi avviai verso il bagno dove lo vidi che stava pisciando, si voltò e mi sorrise.

Sentii improvvisamente una spinta ad orinare. Quando finimmo ritornammo nello spogliatoio ed andammo al nostro angolo.
Non c’era nessun altro nella stanza ed io mi rivolsi a Carlo. Lui slacciò i bottoni della sua maglietta, se la sfilò dalla testa e la mise nella sua borsa. Si sedette e si tolse sneakers e calze (anch’io decisi a quel punto di togliermi scarpe e calze). Lui aveva uno splendido torace liscio, con braccia muscolose ed un ombelico peloso.

Mise i pollici tra il suo corpo ed i pantaloni e li portò ai fianchi. Li spinse giù, ne uscì e li mise nella sua borsa. Si girò verso di me, indossava sospensori leopardati… ed era enorme! Rimase a gambe aperte di fronte a me e disse: “Cosa ne pensi?”
Mi abbassai e piantai un bacio sul suo ombelico… poi indietreggiai. Le sue gambe erano muscolose come il resto del suo corpo, ed erano anche lievemente pelose.

Si girò, aveva un culo molto bello. Leggermente abbronzato e molto liscio, io gli baciai la schiena.
“Tocca a te” Disse girandosi verso di me, evidentemente eretto. Io mi slacciai i bottoni della camicia, poi me la tolsi e mi misi di fronte a lui, ora indossavo solo i miei Levi 501, senza mutande. Lui aspettò. Lentamente sbottonai la patta e spinsi giù i jeans, ne uscii e lo fissai negli occhi.
Lui si inginocchiò, continuando a guardarmi, e baciò lentamente il mio pene, spingendo la lingua nel mio prepuzio, poi si alzò e si tolse i sospensori.

Era enorme! Mi inginocchiai e lo baciai allo stesso modo. “Abbiamo tutto il tempo dopo che abbiamo nuotato” disse e prese il suo costume da bagno. Io mi misi quello nero che mi aveva dato lui e me lo sistemai, non che fosse troppo piccolo, ero io molto grosso, grazie a lui.
Andammo ai nostri armadietti, mettemmo via la nostra roba, poi uscimmo nella piscina. Lui fece un tuffo in corsa perfetto (gambe e braccia diritte) e nuotò velocemente verso l’altro lato della piscina.

Io, invece, ero più interessato ai corpi che ci circondavano! Contai solo dodici persone, non inclusi i bagnini e Carlo (ed io): sette femmine e cinque maschi. Le donne erano in gruppo, dovevano avere circa 14 anni, ridevano scioccamente e si guardavano intorno. I maschi? C’erano tre uomini più anziani e due ragazzi di circa 14 anni che sembravano conoscere le ragazze del gruppo.

Carlo ed io passammo l’ora seguente nuotando uno vicino all’altro.

Ad un tratto lui mi prese, mi tirò giù il costume e me lo strofinò leggermente, mi rimise il costume e poi ricominciò da capo… nessuno vide. Vedemmo andarsene tutti quando risalimmo e c’era solo un “congresso di donne” che passarono il loro tempo a guardarci guastandoci il divertimento. C’erano anche tre fustacci ma sembravano particolarmente etero.

Quando ritornammo nello spogliatoio, Carlo bisbigliò “Bene, qui è dove comincia il divertimento! Corriamo nelle docce.

” Io mi affrettai ma Carlo non mi seguì: andò al suo armadietto e prese qualche cosa.
I tre ragazzi erano nelle docce, come ho detto erano dei bei fusti e sbirciando oltre il muro della doccia, vidi che si stavano tutti masturbando. Una vista molto bella, ma appena girai l’angolo con un’erezione, scomparvero… evidentemente erano timidi.

Carlo venne dietro di me e mi baciò la nuca, poi cominciò a massaggiarmi l’ano con della gelatina lubrificante.

Proseguì massaggiandomi le palle, poi quando si inginocchiò di fronte a me, vidi che il suo pene, enorme tra le sue cosce, ora stava toccando il pavimento. Iniziò a succhiarmi con cura leccandomi delicatamente il prepuzio… e poi succhiando. Le mie mani andarono ai lati della sua testa a tirarlo lentamente avanti ed indietro lungo la mia asta.

Mi massaggiò ancora l’ano col lubrificante e sul pavimento vidi il tubo di lubrificante ed un involucro di preservativi, chiaramente! Io stavo avvicinandomi lentamente all’orgasmo, lui comprese e smise tutto quello che stava facendo, subito e completamente.

Io quasi venni, ma riuscii a calmarmi e mi ordinò di inginocchiarmi… era il suo turno.

Si mise in piedi di fronte a me e, quando fui inginocchiato, torreggiava sopra di me. Presi lentamente il suo pene nella mia bocca come lui aveva fatto col mio. Prese la mia testa… Io cominciai a leccare la punta del suo pene. Le sue mani cominciarono a fare forza tirandomi avanti ed indietro lentamente, mentre io gli leccavo il prepuzio il più profondamente possibile.

Aveva un sapore tanto buono quanto Carlo era bello. Lui cominciò a lamentarsi, io allungai una mano verso il pavimento, raccolsi il tubo di gelatina e cominciai lentamente a massaggiargli l’ano. Le sue mani fecero più forza…
Io mi fermai, presi il pacchetto dei preservativi e mi alzai. I nostri uccelli si toccarono. “Carlo, io voglio incularti. “
“Mmmmmm, per favore fallo. ” Rispose, e si voltò.

Dissigillai uno dei preservativi e lo srotolai sul mio pene.

Baciandogli un po’ la schiena, lo penetrai. Gemevamo ambedue molto rumorosamente e lui aprì le gambe il più possibile. Io cominciai a muovermi lentamente dentro di lui. Le sue mani mi tenevano le cosce ed io afferrai poi il suo pene, lentamente cominciai a masturbarlo e c’era ancora della gelatina sulla mia mano…

Il nostro grugnire e gemere non era passato inosservato e due ragazzi cominciarono a sbirciare dall’angolo. Io venni! Era l’orgasmo più sorprendente che avessi mai avuto.

I due ragazzi entrarono e cominciarono a masturbarsi mentre ci guardavano.

“Cosa state guardando? ” Disse Carlo (la sua voce era appena percettibile).
“Uh, nulla!”
“Venite qui. “
I ragazzi si avvicinarono. Io mi inginocchiai di fronte a quello col pene più grosso e lo presi in bocca. Mi venne in bocca trenta secondi più tardi, poco prima del suo amico che aveva avuto lo stesso trattamento da Carlo. Poi loro se ne andarono.

“Oh, bene, non erano eccezionali ma…” Dissi, ma fui interrotto da Carlo che mi aveva penetrato improvvisamente. Emisi un forte gemito e mi rilassai. Lui mi prese il cazzo e mi masturbò con forza… indietro ed avanti, mentre cominciava a lamentarsi. Anch’io lo feci e sborrammo insieme!

Appena finito ci facemmo una doccia e ci rilassammo. Io avevo appena avuto l’esperienza più formidabile della mia vita. Andammo a prendere i vestiti nei nostri armadietti e poi ritornammo vicini, avevamo ancora in bocca il sapore dello sperma dei ragazzi… Ci masturbammo… Poi ci asciugammo ed io mi misi i sospensori nuovi.

“Che ne diresti di una sauna ?” Disse Carlo.

Un sabato diverso.

………………………. i ragazzi continuano in cameretta con il pc.
Io ed Elisa ci accordiamo come fare domattina e domenica.

Anna, accompagna i ragazzi alle nove e mezza a casa loro, Elisa anche se Mattia
è in casa ha bisogno di potersi confidare con qualcuno che la stia ad ascoltare e possa darle
qualche consiglio.

Mentre aspetto, mi arriva un messaggio whattsapp: Enrica, mi scrive quando posso dedicarle una mezz’ora, concordo con lei alle undici. Aspettandola, lavo i piatti e mi faccio una doccia, poi divano, dopo una cinquantina di minuti arriva, Marco è fra le braccia di Morfeo.
Si siede affianco e racconta di Elisa, sono anche rimaste che una sera in settimana vanno a
mangiare una pizza sole. Andiamo nel letto ed hanno inizio le danze, si può immaginare il mio stato, una diciottenne che ha bisogno di cure, un sedere all’aria, Anna che prova l’intimo.

Il mio gigio basta sfiorarlo ed è subito in tiro, anche la gigietta non si fa mancare nulla è bastato toccarla che è bagnata come se fosse appena uscita dalla doccia. In silenzio ci coccoliamo per una buona ora, stanchi sfiniti ci addormentiamo nudi.
Mattino anche se è sabato sveglia presto, alle sette e quaranta prima di andare in Croce devo scendere a bucare Elisa, mi accompagna Anna che sveglia Mattia perché ha scuola.

Mi porto tutto il necessario, mentre si alza e va in bagno io preparo, aspiro il liquido delle fiale
nella siringa, preparo il cotone con il disinfettante, sono pronto. Elisa, abbassa prima i pantaloni rosa del pigiama poi la mutandina nera con i bordi pizzo. Anna si siede sulla sponda accanto tenendole la mano. [Decisamente il lettino singolo è molto più pratico di quello matrimoniale], massaggio bene pizzicotto, infilo l’ago nella morbida carne faccio l’iniezione, collabora, finisco
lo tolgo e mentre massaggio si gira e mi bacia sulla guancia, tirandomi a se, con le mutandine abbassate mi lascia vedere la phica di una ragazzina.

Anna, controlla che Mattia e li salutiamo.
Saluto Anna che mi chiede a che ora penso di arrivare,l’ideale sarebbe verso le tredici
ed io confermo. Con lo scooter rientro in casa per prendermi la maglietta, lo metto sul cavalletto.
Sul portone di casa incontro Enza, con la figlia più piccola Cristina che ritornano da una corsa in tuta da ginnastica e scarpette sudate, vedendomi mi ferma: “Ti ho cercato ieri tutto il giorno,
tua mamma per lasciarti un messaggio non era in casa.

Ho bisogno che mi controlli, come possiamo fare?”Io: “fino alle dieci e mezza sono in Croce, poi ho un altro appuntamento”, Enza:”Ok”. Entro in Croce tempo di prendere un caffè, si deve uscire un anziano caduto in casa
ha bisogno di essere ricoverato, si parte per il servizio. Al rientro due anziani che aspettano per
misurare la pressione. Finito, sistemo prima l’ambulatorio per prepararlo per le analisi di
lunedì, e sistemo lo studio medico, non sapendo cosa mi aspettava sulla sedia dietro il paravento
sistemo un paio di gambali verdi.

Dopo dieci minuti arriva Enza, da quando si era trasferita sotto di noi con la scusa di un ampio terrazzo ed io ragazzotto non perdeva l’occasione di prendere il sole in reggiseno o innaffiare i fiori con le maglie con un ampio decolté, tutta vestita di nero,(ama molto vestirsi di nero) giacca di pelle nera corta, vestito molto aderente sopra il ginocchio senza maniche
un paio di stivaletti neri con un leggero tacchetto.

[Molto provocante e vederla farebbe resuscitare
un morto, diciamo che non mi dispiacerebbe mastruzzarla un po]. Entra nello studio, ci sediamo
io alla scrivania, con vergogna mi espone il suo problema: “Facendosi la doccia giovedì sera, e giocando con le labbra su quella interna sx ha sentito come un cecio molliccio. Guardandosi allo specchio, una pallina giallastra”.
Chiedo; quando è stata dal gine, la pallina di sebo non esce nel giro di un’anno
almeno come quello che dice di grandezza,che l’ultima visita la fatta quando la figlia aspettava la nipotina, almeno son sei anni e dopo nulla più.

Era tra l’incudine ed il martello, era ancora in tempo ad andare via, però non si poteva tirare indietro la pallina la preoccupava, dal cassetto
prendo il foglio anamnesi per accompagnare il vetrino,le domande mettono in vergogna me a farle prima di Lei, scoprivo la sua vita nell’intimità, divento tutto rosso se ne accorge fa finta di nulla.
Nome: Enza Cogmone:…… Anni 55, Primo ciclo: 15 anni Aborti: nessuno Figli: 2
eccc:…… Ultimo rapporto sessuale: non ricordo (almeno tre anni) Inizio menopausa: 49 anni
Perdite: nessuna Caldane: Presenti.

eccc:…………Cure in atto: nessuna
Prelevo un vetrino e scrivo il suo nome.
Con molta discrezione [e calma interiore], ci alziamo: va dietro il paravento si spoglia,
metto i fermo alla porta (con il suo consenso), sulla sedia le dico”se vuole ci sono i gambali per
non appoggiare i piedi per terra” lei:”grazie li ho visti immaginavo” siamo ormai alla fine
dell’estate ed i vestiti sono pochi,sono pronto, mentre si spoglia:
Lei ”lavandomi sotto il seno destro facendo l’autopalpazione ho avuto la percezione di sentire un nodulo” Io:”ok, controllo” sono davanti lettino ha già tolto le mutandine nere di pizzo
messo i gambali, non riesce a slacciarsi il reggiseno nuovo l’aiuto.

Mentre aspetto, sostituisco
l’ago con un 26G alla siringa che mi servirà per aspirare il sebo. Arriva si siede sul lettino e si
massaggia la mammella, tremando eseguo per la prima la destra, effettivamente c’è qual cosina, palpo la sinistra sono dure come il marmo Enza si rilassa ed emetti dei lamenti, si siede alzo la
staffa poggia destra, il suo corpo profuma di pesca molto invitante, si posiziona ha una phica ben curata , parzialmente depilata coperta da una peluria castana metto le mie mani sotto il sedere la
porto sul bordo, mi avvicino lo sgabello indosso i guanti, dal cassetto sotto il lettino, e prendo
uno speculum medio apro le labbra con la sinistra ha la bava come le lumache (segno che durante
la visita al seno si è eccitata) lo infilo e; vedo la pallina che è come un fagiolo, infilo, ha un collo
dell’utero bello rosa, da far invidia ad una vergine, con la spatola faccio il prelievo, finito
striscio il campione prelevato sul vetrino, tolgo, disinfetto il labbro, con la sinistra tengo la pallina
e con la siringa preparata in precedenza buco come pungo con l’ago la rosa del sedere si
contrae, la guardo un’espressione di dolore che sparisce subito, ed aspiro il sebo in un attimo si
riempie, prima di toglierla faccio un secondo buco per permettere eventuali residui di uscire.

Tiro fuori l’ago e premo non esce più nulla. Chiede come fare: può lavarsi, deve medicarsi.
Dico:“se vuoi solo se ha voglia di farsi vedere lunedì o martedì per controllare un eventuale possibile arrossamento. Abbasso la staffa per scendere con la destra prendo il suo polpaccio
e l’aiuto. Una visione di una phica, che mi lascia senza respiro. (Vede la mia faccia e sospira)
Si riveste, sistemo il lettino e butto il materiale che mi è servito, tolgo il fermo dalla porta
le scrivo su un post stick il mio numero di telefono ed usciamo.

Porgo le chiave dello studio medico alla Libe, Enrica aspetta il mio rientro a casa.
Uno squillo di telefono per avvisarla, mentre salgo le scale l’ascensore si ferma al quarto piano, suppongo che sia Lei, lascio le mie chiave appese alla porta e preparo un asciugamano grande
sul mio lettino per non bagnare di acqua e sapone di Marsiglia Bio, (Enrica, è incinta da sette
mesi la gravidanza benissimo, unico problema di molte signore con l’aumentare del peso del
bimbo/a, l’intestino è diventato pigro) bisognava aiutarlo per evitare, le pomate sono state un
valido aiuto fino al settimo mese, regolarmente Enrica mi chiamava per l’applicazione.

Anche se più volte ci fosse presente Paolo, non ha mai voluto imparare, anche perché non
voleva, non aveva la mano leggera. Bussa ed apre la porta, toglie le chiavi e le poggia con le
sue ed il cellulare sul mobiletto dell’ingresso, viene in soggiorno e si siede, sto ancora
armeggiando con il sondino vaginale da avvitare (decisamente più comoda per permettere di far defluire il liquido); finisco e con il braccio destro mi blocca, sospira: “sono stanca, e devo ancora aspettare due mesi”.

Dai; il caldo sta per terminare. Aspettando che si raffreddi l’acqua passiamo un quarto d’ora di brillante conversazione, mi chiede:”dove lo facciamo”- io:”ho preparato in camera mia”, aiutandola a togliersi lo scamiciato la canotta viene,per velocizzare non ha indosso le mutande, reggiseno non lo porta perche stringe, ripasso la canotta vedo i seni turgidi, capezzoli
scuri pronti a dispensare il latte. Nuda dall’ombelico, il pelo della phica in bella evidenza. un sedere che farebbe resuscitare anche un morto; chiedo di distendersi sul fianco sinistro avendo
la sacca appesa, alla sinistra, con la mano allargo le chiappe per riuscire a mettere un po’ di
detergente sulla rosellina e con l’indice destro la penetro con delicatezza (sentendola sospirare)
togliendolo al suo posto metto la cannula, nonostante tutto ho dovuto faticare non poco per farle
assorbire tutta l’acqua saponata.

Lei con la mano si massaggiava la pancia anche perché il bimbo/a, che era dentro la pancia continuava a dare calci come un asinello. Mentre il liquido
entrava ed essendo soli, mi dice:”devo chiederti una cosa, devi promettermi che non ti metti a
ridere e che non lo dici a nessuno” – io”dimmi”- lei:”Vorrei dare il buchetto a Paolo, ho paura
che mi faccia male e che quando chiedo di smettere lo faccia”- io:”dopo questo lavaggio
potrebbe essere il momento giusto” nel mentre la sacca si svuota, chiudo la chiavetta.

E con la sonda dentro cerchiamo di stare ancora qualche minuto sul letto, non riuscendo
più a trattenerla andiamo in bagno come si siede sulla tazza la tolgo, e butta acqua e feci a
non finire, soddisfatta lei:”ci voleva proprio”. Con sacca e sonda vado nel secondo bagno e
lavo con cura il tutto. Mi chiama e mi chiede di lavarsi, le do il sapone intimo ed un asciugamano mi avvio in cucina, nel giro di qualche secondo arriva con a sola canotta, mi viene dietro mi
abbraccia all’orecchio mi sussurra:”me lo provi a mettere dietro?” Rimango a dir poco fulminato
ed io balbettante “sei sicura, sicura” lei”si, sono da parecchi giorni che voglio farlo” cerco in
bagno una crema per le mani quella usate da mamma, Enrica seduta in soggiorno su una sedia,
mi avvicino armeggia con la cintura dei miei pantaloni la molla, il suo telefono squilla
essendo in piedi per prenderlo mi cadono e rimango in slip, il gigio è in tiro, lo passo a lei
che con una mano risponde e con l’altra me li toglie, lei; risponde a Paolo che vuol sapere
come va, “tranquillo ha quasi finito di entrare,” e chiude.

Prende il mio gigio fa due
considerazioni con quello che ha in casa e con il tubetto della crema lo spalma bene, si alza
si appoggia al tavolo, lo stesso faccio io con il buco e lo appoggio, alla prima un piccolo segno
di lamento e poi essendo pulito è entrato, e così che Enrica in men che si dica a ricevuto due
clisteri al prezzo di uno. Va ancora una volta in bagno e le passo lo scamiciato che lo indossa
e mi saluta mettendomi la lingua in bocca, augurandomi un buon sabato e ringraziandomi.

.

Silvia

Io e la mia ex fidanzata, pur non stando piu’ insieme e vivendo due relazioni differenti ci vediamo e facciamo sesso regoralmente… anche se e’ una storia assurda , ci amiamo ancora molto e quella sintonia che si e’ creata tra noi intellettualmente e sessualmente ha qualcosa di immaginabile ,anche volendo non riusciamo a stare lontani ,ci abbiamo provato ,ma ancora ad oggi e’ passato molto tempo da quando ci siamo lasciati , questo ci viene impossibile!!!
lei e’ una ragazza minutina con un corpo magrolino dalle forme deliziose, si devo dirlo, ogni tanto quando non c’e’ e la vorrei ,mi devo masturbare pensando a come scoperei quel bellissimo suo corpo a pecora!!mi piace da impazzire fare sesso con lei, ama la lingerie tacchi ed essere provocante con me…e a volte ha quelle sue espressioni da porca cosa che a me eccita molto.

usiamo anche gaget quali vibratori e manette (una volta vestita con autoreggenti e tacchi indossava un vestitino che a malapena le copriva le chiappe , l’ho ammanettata e fasciato gli occhi con un autoreggente, che scopata!!! Quanto abbiamo goduto e quando e’ stato bello ) , fa dei gran bei pompini anche se, non ingoia mai, e non sa come mi farebbe godere..dice che prima o poi lo fara’, ed io le ho detto che fino a quel giorno che non berra’ il mio nettare io non la sposero’!!!!( pensateci bene, noi lecchiamo la figa della nostra amata senza farci problemi ingoiamo peli e assaporiamo i loro orgasmi , anche loro vengono in maniera inferiore a noi… ma vengono ,e noi deliziamo dei loro orgasmi e sapori , abbiamo la bocca impastata di figa e ne andiamo fieri,che c’e’ di meglio e che c’e’ di male !!!!!…)
e’ sessualmente attiva tanto che mi ha confessato di sentirsi un po’ bsx ,e che se pensa ad una ragazza leccarli la figa , si bagna di piacere… io che sono un uomo non potrei chiedere di meglio!!!
bene , una sera mi chiama Silvia e parliamo del piu’ e del meno , mi dice che vuole organizzare un paio di giorni tutti per noi (e quei giorni sono solo mangiare bere e fare l’amore ) organiziamo le date e salta fuori che una sua amica ha la casa libera perche’ fuori citta’ , meglio che stare in hotel dico io…
arrivata la data della partenza , ci vediamo ,bagagli in macchina e con la solita voglia sfrenata di stare insieme si parte in autostrada.. oggi e’ molto bella con un vestitino appena sopra le ginocchia molto aderente che le lascia libera la vista delle sue belle cosce e del suo bel collo ,scendendo aperto fino alle scapole , mostra il suo decolte’ in modo non volgare ma molto sensuale e incantevole ,i capelli lisci le scendono delicatamente sulle spalle ,calza un sandalo aperto con poco tacco color bianco che fa vedere il suo bel piedino numero 37 e le sue dita con smalto color rosso.

duante il viaggio la guida e’ sempre la stessa io non cambio piu’ marcia , e le accarezzo le gambe fino ai polpacci.. ho gia’ troppa voglia di lei …e lei lo ha capito …
salgo con le mani fino all’inguine , lei e’ molto rilassata e mi lascia fare … anche lei ha voglia !!! appena riesco a mettere le mani sulla sua figa mi accorgo che e’ gia’ umida… le chiedo di torgliersi gli slip perche’ sto guidando e lei mi accontenta.. wow quella bella fighetta e’ libera ora posso giocarci … inizio a girare le dita intorno al suo clitoride, le accarezzo le labbra della figa e piano piano entro con le dita , la sto sditalinando in macchina mentre guido , e il mio cazzo prende forma sempre piu’ …
Silvia mi dice che sta venendo, di non smettere , devo ralletare passare sulla corsia di destra e accontentarla .. sta godendo e si accarezza i seni mentre io mi occupo della sua figa….

adoro farla godere!!!
Bravo !!! mi dice lei ,sei stato davvero bravo…
la guardo e le sorrido ,ho il cazzo duro … continuo la guida e lei mi dice : fammi sentire il mio bel cazzo!!(ogni tanto le piace farmi pompini mentre guido ,anzi anni fa la sono andata a prendere da sua cugina ,appena entrati in autostrada avevo gia’ lei sul mio cazzo , mi son dovuto fermare subito nella piazzola , sono venuto in un lampo ,che bel ciao amore mio!!!)
mi passa la mano sopra massaggiando , apre i pantaloni slaccia la cintura e il mio cazzo e’ fuori dai pantaloni, lei me lo sega delicatamente e io non vedo l’ora che se lo prenda in bocca!!! nn faccio in tempo a pensarlo che lei sta gia’ assaporando il mio cazzo ormai bagnatissimo nella sua bella bocca… continuo a guidare e so che lei nn mi fara’ venire con la bocca (non le piace il sapore dello sperma in bocca dice ) sto quasi per venire..resisto , vedo una piazzola di sosta , mi accosto e le dico : parcheggio come quando devi fare pipi’.. in modo che la macchina copra la sua parte…
scendo dalla macchina ,apro la sua portiera la faccio scendere e la metto sul suo sedile a pecora con il suo culo rivolto verso l’esterno … io le alzo il vestitino l’afferro dai fianchi e le entro dentro la figa subito ,le mutandine le aveva gia’ tolte prima.

Inizio a scoparmela e lei apprezza molto quel gesto ,e’ impaurita solo dal fatto che ci possa vedere qualcuno, ma siamo tutti e due troppo eccitati e lei ama prendere il mio cazzo a pecora tanto che in men che non si dica Silvia ha dinuovo un altro orgasmo e il suo immediatamente provoca il mio, il mio cazzo scoppia in una copiosa sborrata nella sua figa caldissima !!! non ne potevo piu’.. che goduria!!!!!!
ci risistemiamo e dicendoci due dolci parole , mi se mancato ,ti amo ect ect ect.. ripartiamo…
arrivati a destinazione , ci accorgiamo che ormai e’ tardi ..scarichiamo la macchina e entriamo in casa , sistemiamo i bagagli ,facciamo una doccia veloce ed usciamo a mangiare una pizza e poi a casa a dormire…
il giorno dopo decidiamo di andar a far un po’ di spesa , dovendo stare qualche giorno ,volevamo aver almeno due cosette da stuzzicare e mangiare nonche’ qualche buona bottiglia di vino..
al supermercato Silvia si sente chiamare , e’ una sua vecchia amica, Giorgia una ragazza non grassa ma piu’ in carne di lei capelli castani alta poco piu’ del metro e 65, simpatica a prima vista ( lei dopo mi confida che una volta erano molto amiche e che facevano spesso le stupide in discoteca ,tipo quando dei ragazzi ci provavano dicevano di essere lesbiche e si baciavano con la lingua per toglierseli dalle palle )
parlano del piu’ e del meno circa 20 minuti, e Silvia decide di invitarla a cena da noi , visto che e’ qualche anno che non la vede perche’ non passare una serata insieme e raccontarsi un po’ di cose ..io annuisco e le dico di si,( non molto contento ,di solito con le sue amiche e’ difficile che mi diverta , be’ capitava si certo, ma nn spesso!! ) ok , ci salutiamo e appuntamento per le 19:00 da noi per aperitivo…
arrivati a casa passiamo il pomeriggio in giardino sdraiati su due lettini , a prendere un po di sole, Silvia e’ sdraiata su un fianco in reggiseno e con una mutandina brasiliana che mi mostra il suo bel sedere e si suoi deliziosi fianchi in primo piano… sono gia’ arrapato da pazzi!!! quanto mi piace quella visione… faccio per metterle una mano addosso e Silvia si sveglia chiedendomi che ora era… erano le 17:30 !!!!
Su muoviamoci alle 19:00 arriva Giorgia e non siamo ancora pronti ! dice lei , alche’ tutte le mie fantasie si smontano in un istante…
facciamo doccia e ci cambiamo , io essendo in casa decido per un paio di short e una camicia mezza manica un po’ aperta … fa caldo!!! Silvia mette un bel vestitino che le calza a pennello color nero aperto sulle spalle molto fresco e la fa sentire libera per cui non usa senza reggiseno , in casa non lo usa mai!!
-menu’ della serata, io mi occupo della cucina e non ho voglia di strafare.. mi voglio passare la serata anche io…
decido di fare due tartine per aperitivo , e qualche salatino al forno, tutte cose veloci e stuzzichevoli…
come piatto principale , una bella tagliata , con contorno di patate al forno e una bella bottiglia di rosso..
dessert fragole con gelato e panna a seconda delle richieste..
Suona il campanello , e’ Giorgia , Silvia le apre entra in casa.. anche lei vestiva come Silvia , con un vestitino corto , capelli raccolti , e anche lei e’ senza reggiseno ,scorgo i suoi grossi capezzoli spingere sul vestito e la forma del suo seno e’ appena piu’ grossa si quella di Silvia..
inizia l’aperitivo e io preparo lo spritz , facciamo il cin e iniziamo a parlare ridere scherzare , Silvia e’ contenta e quando lo e’ cosi’ mi fa molto piacere..mi fa felice !!!
si raccontano un po’ di loro vecchie storie , scuola lavoro ect… e nel frattempo un altro spritz.

finito aperitivo io mi dedico alla carne le chiedo come la gradiscono , Silvia e’ gia’ su di giri , e da mia vera provocatrice si avvicina a me, mi infila la lingua in bocca ,una mano sul pacco e mi dice: lo sai come la voglio io , chiedi a Giorgia..
Giorgia si fa una sana risatina e dice : io la carne al sangue grazie !!! e guarda Silvia con aria divertita ….

ed io mi sento preso in giro ma le lascio fare!
Apro una bottiglia di rosso toscano appena servita la carne a tavola.. servo le mie ospiti e dopo il cin mi avvicino a Silvia dando le spalle a Giorgia, e le sussuro che avevo voglia di lei e che mi stavo eccitando , e non vedevo l’ora che Giorgia sparisse per stare con lei, le prendo la sua mano e le faccio toccare il pacco..( era dal pomeriggio in giardino che la volevo, la mia voglia saliva ) dopo di che mi scuso con Giorgia per le spalle mi siedo e buon appetito!!
mangiamo e ormai siamo un po’ tutti brilli.. finita la carne e’ il momento delle fragole , mi chiedono un po’ di musica di sottofondo che io metto subito , ma non essendo a casa nostra non sapevo che mettere, trovo un buddha bar che come sottofondo mi sembrava ottimo…
Giorgia e Silvia ridono e scherzano ,tanto che tirano fuori le loro avventure in discoteca.. si alzano e iniziano a ballare sulle musiche delicate e armoniose del Buddha bar..
io tiro fuori dal frigo le fragole tagliate in precedenza, il gelato e la panna e le posiziono sul tavolo…
Silvia dice di aver caldo e in un lampo si toglie il vestitino , rimane in tanga e la visione dei sui seni liberi e il suo bel culo avvolto da quel pezzo di stoffa che accarezzava cosi’ bene le sue forme , accende in me un eccitazione travolgente, volevo prenderla e sbatterla come gia’ fatto in passato , attaccata alla cucina in piedi da dietro!!!( quella volta mi aspettava a casa ,vestita con una magliettina un paio di jeans aderenti e stivali ben truccata , travolgente!!!, quando si prepara cosi’ per me, mi eccito da morire ,lei lo sa e me lo fa apposta, peccato solo quando ne ha voglia …la presi subito da dietro la appoggiai alla credenza le abbassai i jeans sotto aveva gli autoreggenti e una bella mutandina che faceva vedere le sue chiappe in modo molto gradevole.. la mia eccitazione saliva a dismisura , la baciai e palpai per benino ,e dal momento che era messa in piedi con il culo rivolto verso di me e mi occupai subito della sua figa leccandola a grandi slinguate , io ero in ginocchio con in bocca quel bel frutto delle sue chiappe… che bello!!!!!ero molto in tiro ,dopo poco affondai il mio bel pisello dentro di lei!!!!anche quella e’ stata una delle ns memorabili scopate …
la cosa che mi ha stupito e che Giorgia rideva dicendo : che fai Silvia!!! ma si ,perche’ no!! disse… e a sua volta si tolse il vestitino anche lei..
erano tutte e due in tanga con i seni di fuori che ballavano davanti a me… io risi , guardavo Giorgia… non era molto eccitante non quanto lo era Silvia per me!!!ma la situazione era molto bella e simpatica… quindi andai avanti con le mie cose , presi piattini ,cucchiaini , e apparecchiai per le fragole……
Silvia disse a Giorgia , facciamoli vedere cosa facevamo in disco… mentre ballano si avvicinano e si baciano con la lingua compiaciute di averlo fatto davanti a me…
rimango a bocca aperta ,quella visione mi incantava… ballavano vicine baciandosi , mentre i loro seni si strusciavano l’uno sul l’altro e vedevo vistosamente i loro capezzoli crescere… le vedevo ridere , ma c’era di piu’ che la solita cosa di farlo solo vedere, si piacevano e c’era dell’intesa tra loro si notava…
mi sedetti e prendendo il bicchiere di rosso sul tavolo ammiravo loro due ballare, poi si avvicinano a me… una da un lato una dall’altro , Silvia prende luna fragola , apre la panna e ne spruzzo un bel po’ su un piatto…inzuppandola di panna me la mette in bocca guardandomi fisso negli occhi, ed io conosco quello sguardo provocatorio,sembrava dirmi ho voglia del tuo cazzo….

mi sto eccitando!!!
prende una fragola con lo stesso fare la mette in bocca a Giorgia la quale lascia un po’ di panna fuoriuscire dal labbro.. e io rido pensando ad una fuoriuscita di sperma a pompino finito, che porco che sono!!!
siamo brilli dico, e’ normale… Divertiamoci !!
Giorgia prende una manata di panna la spalma sui seni di Silvia ed inizia a baciarla in bocca , poi sul collo poi sui seni.. a quel punto mi alzo e Silvia fa per prendermi la mano,mi blocca.. fa scendere una mano sul mio cazzo durissimo ormai…apre i pantaloncini che cadono a terra… mette una mano nei boxer e me lo tocca per tutta la sua lunghezza ,che bello dico!! mentre Giorgia le succhia i capezzoli.. lei mi spinge indietro e mi fa risedere..non oppongo resistenza….

in quel momento Silvia si stacca da Giorgia , prende la panna mi abbassa i boxer e ne spruzza un po’ sul mio cazzo per tutta la sua lunghezza.. si inginocchia e inizia a prenderlo in bocca!!!lo lecca dalle palle alla cappella fin quando non la vedo sparire nella sua bocca!!!non credevo si andasse oltre ,e mi piaceva…. cazzo se mi piaceva!! Giorgia rimane un po’ sulle sue sorridendo , poi vedo che si avvicina si inginocchia anche lei, guarda Silvia negli occhi , e in quel momento si baciano dinuovo con la lingua… poi dividono il mio cazzo tra loro slinguate e slinguate al mio enorme cazzo bagnato , non ce la faccio piu’!!!!devo sborrare…
ad un certo punto loro , si alzano e mi lasciano li impalato seduto con il cazzo enorme , continuano a ballare baciarsi e toccarsi ora i seni ora i fianchi.. ora le loro mani scendono dai fianchi e prendono la via delle loro fighe…che visione!!!
io sono di pietra e con il cazzo in mano , prendo nuovamente il vino e bevo.. loro si spostano in sala ,non le vedo piu’… mi alzo per andare a vedere dove sono..
( in sala la luce e’ spenta si vede penombra per la luce che arriva della cucina… )
sono distese sul divano si baciano ,i loro corpi si strusciano , stanno ansimando .. ed io sto impazzendo .. Giorgia alza e fa sedere Silvia.. le toglie gli slip e inizia a toccarla , Silvia si sdraia e Giorgia avvicina la sua bocca ai seni , i fianchi e arriva alla figa di Silvia ,la sta leccando e Silvia sta godendo..( quella situazione l’aveva immaginata, ora la stava provando ) mi avvicino a Silvia e le sbatto il mio cazzo in bocca.. ma devo stare attendo potrei sborrare da un momento all’altro e non voglio ancora ,sono troppo eccitato!!!
passati forse 5 minuti Giorgia leva Silvia dal mio cazzo e se la porta in posizione 69 con Silvia sopra e Giorgia sotto, vuole farsela leccare anche lei…e Silvia accetta l’offerta di contraccambiare la sua prima venuta dovuta a lei… le loro mani afferrano le cosce di entrambe e le loro bocche iniziano ad assaporare la labbra e i clitoridi l’un dell’altra , si muovono ,il loro corpi continuano a strusciarsi e i loro seni pelle su pelle , le loro carni ormai sono al massimo dell’eccitazione..sono una lago di orgasmi entrambe…
quell ‘ennesima situazione mi ha sextenato un mio pensiero che si stava esaudendo, metterle il cazzo nel culo della mia Silvia mentre se la faceva leccare!!! nn persi tempo e tra i loro rumori di piacere mi avvicinai al culo di Silvia e iniziai a leccarlo….. le allargai le chiappe e mi avvicinai a quel piccolo ano…
come godeva lei!!!
Giorgia le leccava la Figa ed io il suo buchetto… iniziai a spingere un po’ con la lingua , e mentre Giorgia si occupava del clitoride io davo una assaporata alla sua figa , poi risalendo al mio punto di lavoro , il suo ano lavorandolo per bene di lingua e sentendola compiaciuta delle mie attenzioni ..la inumidii per bene e una volta abbastanza bagnata e pronta mi alzai e posizionai la mia ormai incandescente enorme cappella all’entrata del suo delizioso culo!!
pian piano entrai senza far fatica ( analmente lo facciamo ma non spesso, quindi ogni occasione per me , e’ da sfruttare, e lei era molto eccitata il suo culo si apriva da solo senza opporre resistenza ) sento il mio cazzo farsi strada dentro di lei.. lei si dimena perche’ sta godendo come poche…Giorgia le sta lavorando la figa di lingua da vera maestra e Silvia nn puo’ che godere…
sono dentro fino alle palle ormai , inizio a faglielo andare su e giu’ per il culo , Silvia non sa piu’ come e dove sta godendo se nella figa se analmente se tutte e due….

si stacca dalla figa di Giorgia e grida si , cosi’ non vi fermate , oddio come godo , ancora si , sbattimi il culo tu e non fermarti ,( e chi si ferma , pensavo io … quando le sono dentro il suo culo, il mio cazzo diventa sempre piu’ duro e grosso , mi eccita sbatterla cosi’ a pecora ,mi eccitano i suoi fianchi e la visione di quelle chiappe dalle curve cosi’ perfette )
vengo ahahh ohhoho sto venendo ..ohoho sihh sihhh , ahaahha ooohohhhohh come godo sihhhhhh….

un urlo liberatorio le sextena l’orgasmo..e a quel punto anche io godo… l’afferro ancor piu’ forte dai fianchi e mentre le do un paio di sculacciate vengo nel suo culo inondandola di sborra, quel bellissimo culo era ormai cosi’ dilatato che avrei potuto navigarci su e giu’ dentro un altra oretta.. ma la mia eccitazione era cosi’ forse che non resistetti molto…..!!!
sospiri… io mi accarezzo Silvia ancora su Giorgia..loro rimangono li…. e’ arrivato il silenzio ……..
10 min dopo ci trovammo tutti e tre nudi sul divano a ridere dell’accaduto e fumare una sigaretta..e soprattutto dando la colpa all’alcool ,per quella ns performance.

ma forse tutti e tre l’abbiamo cercato e voluto… e’ stata una bella esperienza , io ora non so , forse Giorgia avrebbe voluto assaporare il mio cazzo non solo spompinandomelo… ma io ero solo per Silvia, quello che volevo era lei, ed una mia fantasia si era avverata…
e non mi interessava scopare anche lei… lei si e’ scopata Silvia e Silvia lei…anzi l’unica che si e’ scopata tutti e due , e’ stata proprio Silvia… quindi andava bene cosi’!!!!!
finiti i nostri giorni.. si torna a casa, e non vedo l’ora di tornare con Silvia via qualche giorno….

forse un giorno sara’ per sempre , c’e’ qualcosa che ci lega in modo particolare , si chiama sintonia , si chiama amore si chiama filo invisibile , ma non possiamo star lontani , siamo fatti l’uno per l’altra.

Krissy ed i suoi sogni

Aveva sempre avuto un unico, secondo lei, bellissimo sogno; quello di sgambettare in televisione. Quello di mostrare il culo alle telecamere, di farsi vedere abbracciata al calciatore, al ricco imprenditore o al manager di successo.

Non aveva studiato, non è che fosse particolarmente vispa né intelligente. Era ambiziosa, questo glielo riconosco. Un’oca giuliva fuori e una ragazzina piena di debolezze, frustrazioni e dubbi dentro. Questa era Cristina, quando la conobbi. A sapere che sarebbe finita così male sarei stato meno gentile con lei. Ma lasciatemi raccontare di come andarono le cose.
Atto I: una maialina sulle scale
Piangeva. La prima volta che la vidi piangeva. Era seduta sulla gradinata del palazzo in cui lavoravo ed era vestita come…come…si può essere schietti e sinceri, vero? Mica vi scandalizzate? Ecco, allora, era vestita come una buona mignotta.

Minigonna, calze a rete, giacchino strizzato in vita come un tubetto di dentifricio quasi finito, capelli pettinati all’ultima moda (ultima, penultima o terzultima per me fa lo stesso…non seguo le mode) e trucco gradevole ma tutt’altro che leggero. Lì per lì ho pensato di avere a che fare con una troietta come tante. Beh, a conti fatti la prima impressione era quella giusta. Ma non a tutte le troiette mi affeziono, sapete? Per questo ripensare a quel momento mi fa un po’ male.

“Ciao. Qualcosa non va?” le chiesi, pensando fra me e me a quanto dovesse sembrare stupida quella domanda. Se uno piange, per forza c’è qualcosa che non va. O no?
“No” mi fa lei “Tutto a posto”
“Perché piangi, allora?”
“Ma nulla…mi hanno solo scartata”
“Ah” esclamai. In quel palazzo si tenevano le prove per un programma televisivo che sarebbe andato in onda da lì a due mesi. Lo sapevo da qualche giorno.

Il genere del programma ve lo potete immaginare. Quando si fanno le selezioni per scegliere una quarantina di volenterose ragazzine con poco cervellino e gambe lunghe, c’è un unico genere di programma che si può mettere in piedi. Un programma da cerebrolesi.
“Ti è andata male, eh?” chiesi.
“Sì, come sempre”
“Beh, avrai la tua occasione”
“Sul serio?”
“Sì, sei una bella ragazza”
“Sì, sono una bella ragazza di ventiquattro anni!”
Disse quel numero come se confessasse un crimine dei più atroci.

Ventiquattro anni. Io ne ho trentuno e mi sento ancora un ragazzino, lei ne aveva quasi dieci meno di me e si comportava come se la sua vita dovesse terminare entro l’anno. In effetti quante veline, letterine e stupidine varie vi sono, di più di ventiquattro anni? A quell’età sei già una pera marcia pronta a cadere dall’albero. Così ti fa credere il dorato mondo della TV. E chi siamo noi, comuni mortali, per obbiettare di fronte a ciò che ci viene proposto dalla Dea TV? Cristina, a ventiquattro anni, si sentiva vecchia e pronta ad essere messa in disparte.

“Dai, ti offro un caffè” le ho detto.
“No, devo andare” mi ha risposto con un po’ di arroganza. Sembrava non vedesse l’ora di togliersi dai piedi questo coglione invadente. Comprensibile, le uniche persone con cui valga la pena mostrare un briciolo di gentilezza sono quelle che ti possono portare in alto. Ma lei non mi conosceva.
“Insisto. Ci sediamo al tavolo di un bar e mi racconti tutta la storia.

Magari ti posso aiutare a realizzare il tuo sogno”
Cristina mi guarda in obliquo.
“Davvero?”
“Sì”
“Chi sei?”
Le dico il mio nome (a voi no, accontentatevi di Tom).
“Lavori in televisione?”
“Beh, in un certo senso è così. Sono uno scrittore. Di recente mi hanno chiesto di fare il consulente per una serie di documentari in prima serata. Forse ne avrai sentito parlare”
Cristina s’illumina. Per un attimo resto stupito anch’io.

E’ bellissima. Come avranno fatto quei froci del casting a scartarla?
Indago e vengo subito a capo della questione.
“Senti, tu conosci qualcuno nell’ambiente?” domando.
“No, nessuno”
“Capisco” le dico “In questo caso è naturale che non ti abbiano presa in considerazione”
“Davvero?”
“Tutte le ragazze che vanno in televisione hanno…diciamo, qualche aiutino da dietro” Raccomandazione. Una brutta parola.
Raggiungiamo il più vicino bar e ci prendiamo qualcosa da bene.
Cristina passa subito alle domande che contano.

“Tu puoi aiutarmi a farmi conoscere?”
“Può darsi. Come ti ho detto conosco parecchia gente”
“E…. ”
“Sì, è gente assai influente”
Sorride.
“Parlami di te. Chi sei, da dove vieni” chiedo.
“Mi chiamo Cristina. Vengo da Napoli”
“Tutto qui?”
“Tutto qui”
“Sei diplomata?”
“No”
“Ah”
“E’ un male?”
“No…no…”
“A che serve il diploma, sul palco?”
“Certo, certo…a che serve?” “Lavori?”
“Qualche volta. Ho fatto la hostess. Ma così, una volta e via…lavori fissi non se ne trovano”
“E che lavoro cerchi?”
“E’ ovvio! Lavorare in televisione!”
“Un lavoro…che so, da impiegata…qualcosa di normale?”
Non vi dico che faccia fa Cristina a queste parole.

Sembra che le abbia proposto di scopare un vecchio bavoso con l’HIV. No, il lavoro normale non le piace proprio. A che serve, il lavoro normale, quando si hanno delle belle cosce lunghe e disponibilità d’alloggio per una fava o due lì nel mezzo?
E d’improvviso sento nascere una cordiale antipatia per questa ragazzetta pretenziosa e senza qualità. Andate via le lacrime resta solo una gran voglia di arrivare alla vetta senza faticare. Senza quel suo visino disfatto dal pianto che ispira tenerezza, Cristina appare per quel che è; una piccola mignottella annebbiata dalle facili promesse del successo.

A questo punto, però, ho promesso di aiutarla e lo farò. Non è nelle mie abitudini, disattendere una promessa. Però la ricompensa è un altro discorso.
“Senti, Cristina…e se io ti aiutassi ad arrivare dove vuoi tu che cosa saresti disposta a fare, per me? Sei bella. Mi piacerebbe conoscerti…diciamo, più approfonditamente”
La ragazza non si scompone più di tanto. Non è granché intelligente, ma sa che in questo mondo, per arrivare, qualche letto lo devi conoscere.

“Io divido l’appartamento con un’altra ragazza” risponde subito.
“Non c’è problema. Verrai da me. Ma ti avverto che io ho gusti un po’ particolari. Mi piace sottomettere le mie amanti”
Cristina alza le spalle.
“Va bene”
Come sarebbe a dire “va bene”? Che gran troia ho trovata!
“E mi piace anche veder sottomessa una ragazza da un’altra ragazza”
“Certo. Io quale sarei? Quella che sottomette o che viene sottomessa?”
“Quella che viene sottomessa” rispondo bruscamente.

“In che modo, dovrei essere sottomessa? Corde, falli di gomma…”
“No, più semplice. Lingua. La tua. Sul corpo del padrone e della padrona. Dappertutto”
“Hummm…beh, come si dice…non si fa niente per niente. Vogliamo andare?”
Ci resto un po’ male. Non ha fatto una piega di fronte ad una proposta che altri giudicherebbero indecente. Mi domando quante, fra le aspiranti telemignotte televisive, siano disposte a tutto come questa qui. Poi non ho il tempo di fare altri ragionamenti.

“Allora” mi fa Cristina “Vogliamo andare?”
“Sì, piccola. Arrivo subito”
Il conto del bar è sulle cinque euro. Ne lascio cadere dieci sul tavolo e me ne vado. Oggi ho idea che prenderò un giorno di riposo.
Atto II: com’è bello pisciare in gola a Cristina…
L’aspirante valletta fa onore ai propri propositi. Pompa che è una favola e lecca con una lingua che non ha paragoni di sorta. Posso affermare di non aver mai conosciuta una schiava, prima di Cristina.

E schiava lo è davvero, perché questa, al contrario di tante pseudo-serve da inserzione su internet, non ama ricevere ed obbedire agli ordini. Non vuole un padrone. Le fa ribrezzo prendermelo in bocca, farsi trapanare fino alle tonsille, sentire la cappella che s’insinua nell’esofago in cerca di un giaciglio tiepido dove vomitare tutta la sbroda che ha in corpo…non le piace neppure farsi dare gli schiaffoni in faccia, farsi sputare in bocca o farsi schizzare la sborra in un occhio neppure fosse collirio.

Oppure quello che le sto facendo adesso, lei a quattro zampe e io che la cavalco come una bestia senza cervello a furia di manate sul culo e colpi di tallone delle cosce.
Mi obbedisce, ma solo perché si ritiene in trappola. Nei goffi sforzi che compie per accontentarmi e nell’avvilita repulsione che dimostra nei confronti dei miei ordini, ricorda un po’ una schiava d’altri tempi, di quelle che venivano fatte prigioniere da qualche esercito straniero in un paese sottosviluppato e venduta per due soldi ad un ricco proprietario terriero o ad una nobile signora di altolocato lignaggio.

Un tempo le costrizioni delle schiave si chiamavano catene, oggi sono l’ambizione.
E l’ambizione è una catena potente. Me ne rendo conto mentre ordino alla vacca di mettersi in ginocchio e di spalancare…
“…quel cesso di bocca che ti ritrovi. a****le, apri di più che sennò sbaglio mira!” Aspetto che Cristina obbedisca, quindi mi volto e le piazzo il culo in faccia. La prendo per i capelli e le spingo la testa nel solco fra le natiche, pigiandocela finché non sento i lobi delle sue orecchie che sbattono contro le mie chiappe.

Cristina geme ma mantiene la bocca aperta. Ed io le scurreggio in bocca. Il bello sta nell’eco portentosa che si sviluppa quando il geyser d’aria mefitica sciaborda fra le pareti della bocca della ragazza. Da un prep…poco convinto si trasforma in un pramm!! con tanto di due punti esclamativi. Cristina indietreggia lontano dal mio sedere incurante del fatto che per farlo deve strapparsi i capelli ben stretti fra le mie mani.
Mi volto.

“Cagna! Che fai? Ti allontani senza permesso?”
E le assesto un ceffone che la faccio girare tutta come una trottola.
“Ma questo fa schifo!” protesta lei.
Non ci vedo più.
“Maiala! Tu fai schifo! Ti sei venduta per un posto in televisione dove ti chiederanno di mostrarti ancora più troia di quanto non sei con me!” grido mentre le schiaccio la testa sul pavimento con un piede.
Cristina emette un suono dalla bocca che è un misto fra un miagolio ed un bambino che ciangotta.

“Ora alzati, che mi scappa da pisciare!”
“Ma…”
“Sì, hai capito bene” le rispondo “Ti piscio nella gola, fogna umana che non sei altro. E poi mi faccio fare un altro pompino, che vedo ci sei tagliata, per questo. Chi ti ha insegnato a prenderlo in bocca, eh? Non dirmi che è la prima volta che lo fai! Hai già lavorato in televisione, non è vero?” “N…no…. ” “No? Allora dove hai imparato a succhiare la cappella degli uomini a questa maniera?” domando ad una Cristina frignante ai miei piedi “Vuoi dirmi che ci riesci di natura? Allora sei una vera troia, altro che volenterosa ragazza.

Sei biologicamente una maiala ciucciacazzi!” “Basta…”
“Ma non penserai mica che io ti lasci a secco, vero?”
“Basta, non…”
“Ti darò tanto di quel cazzo che ti basterà per tutta la vita. Te lo infilerò in tutti i buchi del tuo corpo, anche in quelli dove solitamente non è concepito d’inserire alcunché…e sborrerò in ogni cavità corporea che ti ha dato madre natura. Che tanto, a parte prendere cazzi, non sei buona far nulla”
“No…”
“Sei una buona a nulla! Non hai studiato! Cagna ignorante! Non sai fare di conto, non sai scrivere, non conosci la storia e la geografia! Che cosa vuoi fare nella vita se non prenderlo in bocca e bere sbroda da tutti? Eh? EH?? Rispondi, puttanaccia! Quanto credi di valere rispetto ad una ragazza che studia e s’impegna? Te lo dico io! Vali meno di zero! Dovresti leccare le suole fangose alle ragazze che si applicano ogni giorno della loro vita per raggiungere un traguardo.

Ma tu sei di un’altra pasta, lurida mignotta in calore. Pensi che allargando le cosce si aprano tutte le porte, invece…puttana! Ribadisco, sei una puttana!”
“Basta! Smettila! Non è vero! Non sono una puttana! Io…io sogno di…”
Come pronuncia la parola sogno mi fermo. Eh già. Il sogno. Il maledetto sogno che i media istigano nelle menti deboli e che le menti deboli perseverano come una missione di vita.
Così mi rendo conto di essere andato forse un po’ oltre.

Di aver esagerato. Non meritava di essere offesa così. Cristina è una ragazza illusa. Non è cattiva. Ma a parte questo ho iniziato facendo il dominatore e non mi posso sottrarre da ciò che sono. Non posso certo accucciarmi accanto a lei, adesso e consolarla come un affettuoso fratello maggiore. No, posso solo smorzare i toni e sperare che questo basti a farla calmare.
“Dai, Cristina. Ricomponiti” le dico.
Sembra fare effetto.

Forse udire il suo nome sulle mie labbra le ha fatto supporre che la considero ancora un essere umano.
“Asciugati quelle lacrime”
Si passa due dita sotto gli occhi e si asciuga le lacrime, per quanto possibile.
Un po’ di quella porcheria che le donne si mettono sulle guance per sembrare più belle le scivola via con le lacrime. Sembra moccio spalmato ben bene sulla pelle. Forse sui politici fa più figura, ma su una ragazza giovane e carina sembra in qualche modo innaturale.

Quasi una maschera di falsità, più che una maschera di bellezza. Le ragazze sono belle così come sono.
Ma se anche questo è uno degli insegnamenti del tubo catodico va bene così. Trucco a più non posso!
Mi rimetto i pantaloni e le scarpe, ma lascio aperta la patta. Il nobile pirata è sempre pronto per tornare all’arrembaggio. Non appena Cristina riassume una parvenza di normalità lo sento spronarmi allo speronamento delle dolci labbra della vacchetta.

“Vabbè, dai…non farla lunga che non ti ho fatto ancora nulla” dico.
Cristina mi rivolge uno sguardo duro.
“Sono cose che nell’eccitamento si possono dire. Fa parte del gioco”
“Mi hai fatto male”
“E’ per una buona causa”
“Una buona causa?”
“Certo. Credi che l’ingresso in questo mondo che ti piace tanto sia gratuito?”
“No, ma…”
“Allora coraggio, stai al gioco e fa la tua parte”
“La mia parte?”
“La sottomessa”
“Già, certo…”
“Ma cerca di farla come si deve”
“Come intendi?”
“Beh, prima mi hai guardato come se fossi l’orco cattivo.

E’ solo un giochino. Come adesso che ti chiederò di aprire la bocca per pisciarci dentro”
“Vuoi pisciarmi in bocca?!”
“E tu la dovrai bere tutta”
“Ma è schifosissimo!”
“No, te l’ho detto. E’ un gioco. E tu devi stare al gioco. Ricordi per quale motivo sei venuta qui?”
“Sì”
“Ne sei ancora convinta?”
“…”
“Altrimenti te ne torni a piangere sulla scalinata dell’ufficio casting. Pensa, ti passeranno accanto le ragazze che avranno scelto per il programma.

Quelle che andranno a mostrare le cosce in televisione. Quelle sì, che sono fortunate! Ti passeranno accanto, ti guarderanno dall’alto in basso e immagineranno che tu sia una di quelle che non ce l’hanno fatta. Avranno ragione”
“Va bene. Che devo fare?”
“Nulla d’impegnativo” ho detto “Apri la bocca. Il resto lo fa il cazzo. Un’unica raccomandazione. Quando senti il piscio che ti scorre in gola, cerca di non apprezzarne il sapore, sennò mi vomiti sui pantaloni nuovi”
Atto III: convivenza con la scrofa
Il curioso rapporto che aveva unito me e Cristina si protrasse per qualche tempo.

Avevo naturalmente parlato di lei al produttore, un maiale perverso col cervello di un pisello e la cultura di un sasso. Il porco aveva detto che per lui, una troia o l’altra era uguale. Tanto le ragazze scelte non avrebbero dovuto fare altro che mostrare il culo e le tette e starsene belle zitte. Il solito repertorio, insomma. Forse qualche stacchetto di ballo. Pochi passi e molto semplici. E anche quelli, se fossero venuti male…beh, nessuno se ne sarebbe preoccupato troppo.

Fra stacchi e inquadrature si sarebbe visto solo qualche rotondità.
Il patto era stretto, ma con Cristina continuavo a tirare la corda, tenendola sulle spine, promettendole sviluppi futuri e facendole promesse. Fino a quel punto mi ero comportato onestamente, con lei. Ma poi, ammorbidito dalla prestanza fisica della maialetta, ero venuto a patti col mio animo onesto e nobile. Insomma, la chiamavo a casa mia un giorno sì e l’altro pure (io vivo solo) e lì ne approfittavo per sbatterla come un tappeto persiano.

Di solito la mia mossa preferita era quella del pompino profondo; l’uccello volava nel nido e ci vomitava dopo essersi spupazzato la laringe per bene. E che uccello! Cristina aveva imparato ad adorarlo come un’estimatrice. Lo accarezzava, lo puliva, lo leccava, lo baciava, ci faceva l’amore e lo consolava quando la cappella era un po’ arrossata. Un’ornitologa.
Avevo anche insegnato alla ragazza a farsi scurreggiare in gola a bocca spalancata. Dopo le prime volte sembrò che la pratica le riuscisse talmente bene da farle quasi piacere.

Dovetti inventarmi qualcosa di ancora più impegnativo. Non mi va che le mie studentesse si adagino sugli allori. Debbono sempre migliorare le loro prestazioni. Andare sul sessuale era troppo facile; Cristina, come tutte le ragazzine inutili ma consce della loro bellezza, non la dava mai a nessuno. Avrà fatto sesso sì e no un paio di volte, prima di fare la mia conoscenza. Le insegnai che le ragazzine che credono di averla d’oro, sotto sotto, sono ancora più cagnotte delle altre.

La presi in tutte le posizioni. Riscrissi il kamasutra e lo aggiornai al ventunesimo secolo. Il bello era fottere quella sgualdrina in qualche posizione umiliante e lasciarla poi agonizzante sul pavimento. Da sopra, prendevo la fava fra le mani, la indirizzavo verso la sua faccia e facevo scaricare l’intrepido falcone direttamente su di lei. Le andava sui capelli, in faccia, negli occhi, nelle orecchie…
Il suo lamento preferito era “Nooo…negli occhi mi brucia!”
E io allora mi mettevo a ridere.

Perché mi faceva ridere per davvero, questo esserino rantolante che si sorbiva tutta la pisciazza sulla faccia per non scomodare il suo procacciatore di lavoro.
“Cristina, ma porca di quella…lo sai che la devi bere! Ora non te lo dico più! Forza, mi hai fatto sporcare tutto per terra col piscio. Tira fuori la lingua e leccaci”
“Ma mi fa effetto!”
“Oh, poverina! Non se ne giova, lei!”
La presi per i capelli dietro la nuca e la ribaltai sul materasso.

Era nuda, come me. Glielo infilai nel culo a velocità supersonica, tanto che lo spostamento d’aria gli tornò a gola e per poco non vomitò. La sfondai come una maiala di strada, con l’unica differenza che Cristina era gratis, e le sborrai nel culo.
Lei si mise a piangere.
“Dai, non fare così. Non ricordi? E’ un giochino”
“Ma mi fai male!”
“E’ così che deve essere. Fa parte del piacere”
Sì, il mio.

“Via, Cristina, allarga le gambe che te lo metto dentro”
“Ma come…così, senza preservativo?”
“E cosa vuoi che sia?”
“E se rimango incinta?”
“Ma no! Vedi come sono tranquillo io? Non ho mica paura di rimanere incinto! Dai, l’uccello ha bisogno del suo becchime”
“Ma sei violento, tu!”
“E che cazzo! Quando ti faccio male, quando sono violento, hai paura di restare incinta…ma lo sai che sei piena di complessi?! Ma come pensi di andare avanti, in questo delicato mondo dello spettacolo, se ti fai tutti questi problemi? Via, più disinibita, devi essere!”
Più disinibita di così si muore.

“E poi sempre a piangere per nulla!”
“Ma me l’hai buttato nel culo!”
E io giù uno schiaffone.
“Volgare! Non si dice culo. Si dice sedere. Hai capito, brutta puttanona di merda cacata a forza? Ora girati che te lo sbatto nella sorca, maiala!”
E, insomma, non ve la faccio troppo lunga e particolareggiata. Sappiate che la mignottella acconsentì a farsela trapanare come la galleria del monte Bianco e che andò dal ginecologo a farsi dare la pillola anticoncezionale.

In questa maniera avvenivano gli incontri fra me e Cristina. A volte si lamentava di meno e a volte le dovevo dare qualche sonoro ceffone per farla stare buona e calma. A volte tentava di sottrarsi a qualche nuova mossa sessual-marziale e a volte perdeva un po’ di piscia dalle labbra andandomi a sporcare il pavimento (atto per il quale era subito, severamente redarguita a suon di cinghiate finché non aveva pulito tutto a lingua).

Una volta le infilai un vibratore nella canala e le ordinai di contare quanti orgasmi avrebbe avuto. Era uno di quegli aggeggi di nuova concezione, che puoi comandare col telecomando aumentando o diminuendo a piacimento la velocità della vibrazione. Mi piaceva vederla durante i cambiamenti di ritmo. Credevo che una volta o l’altra le sarebbe preso un colpetto. Nel frattempo, mentre gli orgasmi si succedevano senza sosta, Cristina era accucciata a quattro zampe davanti al divano e mi faceva da poggiapiedi.

Ogni tanto le rifilavo un calcio in testa per vedere se era ancora sveglia e le chiedevo “Godi?”
“Sì”
“Tanto?”
“Sì”
“Ma tanto quanto?”
“Sono arrivata a otto”
“Beh, sei una maiala col pedigree. Via, facciamo altri due e conto pari, poi t’inculo”
Un’altra volta le ho insegnato a mangiare direttamente dal pavimento. Mi sono sprecato; Cristina è abituata a leccare il piscio, dal pavimento, sai che cosa può farle magiare qualche biscotto e qualche penna al pomodoro da sotto le mie scarpe?
Le torture ed i giochini si susseguivano giorno dopo giorno fra una trovata e l’altra.

Ma le novità iniziavano a scarseggiare. Farsi leccare il culo diventava monotono. L’uccello non rispondeva più al mio controllo. Quando vedeva la bocca di Cristina volava in ampi cerchi, planando sulla preda come un’aquila sazia di cibarsi sempre della stessa carne.
Avevo pensato di lasciare Cristina al suo destino. La parte l’aveva avuta. Il programma sarebbe iniziato da lì a qualche settimana. L’avevano già chiamata per le prove.
Invece, inaspettato come tutti gli eventi che rendono interessante la vita, fu l’arrivo di Claudia.

Atto IV: Claudia fa la conoscenza di Cristina
Claudia era una mia amica di corso all’Università. Non si sarebbe detto. Era bella di viso e ben fatta di corpo. Dimostrava assai meno dei suoi trent’anni. Capelli castani lunghi fino alle spalle, vestiti sempre molto curati, non costosi ma abbastanza eleganti. La sua forza era un delizioso mix di cultura scientifica ed umanistica che la rendeva un’adorabile conversatrice e una fine parlatrice. Come quando le presentai Cristina.

Claudia era venuta a trovarmi a casa per portarmi alcuni ricercati testi che avrei dovuto leggere in previsione del mio lavoro da consulente. Le mostrai quella maiala insaziabile di Cristina e le spiegai come mai avevo una ragazza seminuda che mi seguiva per casa a quattro zampe chiamandomi “Mio signore e Padrone”.
Claudia si dimostrò molto comprensiva, nei confronti della troietta, forse per un fatto di solidarietà femminile. Infatti, quando la invitai a servirsi della derelitta, ella disse “Lurida leccapiedi, vieni immediatamente qui e leccami le scarpe!”
Calzava dei delicati sandali aperti in punta che lasciavano scoperte le dita dei piedi perfettamente smaltate di un rosso acceso.

Cristina si prostrò al suo cospetto e baciò le calzature. “Fallo per bene, zoccolaccia!” ho detto “Le scarpe della mia amica Claudia valgono più di te”
La mia amica, sensibile ai bisogni di un’altra donna come una sorella, ha sollevato un piede e l’ha calato con forza sulla testa di Cristina, intimando alla schiava “Hai sentito quel che ha detto il padrone? Lecca bene. Lecca, che da questo momento in poi, di padroni ne avrai due”
Cristina era lieta della notizia.

Tanto era contenta che non la smetteva più di piangere. Mugugnava cose come “Oh, no. Anche questo no, per favore”
Io e Claudia ci mettemmo a ridere.
Cristina leccava le scarpe della mia amica come una troia esperta. Passò la lingua anche sulla suola sporca di terra e succhiò i tacchi affilati. Poi Claudia si tolse i sandali sbattendoli in faccia a Cristina.
“E ora i piedi. Oh, sono un po’ sudati…ma a te non dispiace mica, vero?”
“Macchè, Cristina è lieta di poter dare sollievo alle tue estremità.

Su, serva di merda, vuoi che il sudore si asciughi sulla delicata pelle di Claudia? Eh? Che non è neppure igienico”
“No, lecco…lecco…” disse Cristina.
“Mamma mia, quanto entusiasmo!” esclamò Claudia, facendomi rimanere male. La schiava stava dando una pessima prova di se stessa.
“Dai, puttana. Sorridi. Hai l’onore di leccare i piedi di una Dea che vale infinite volte più di te” “Cagna bastarda. Hai sentito? Valgo più di te, quindi è naturale che tu mi lecchi i piedi”
Cristina ci si mise d’impegno.

Glielo riconosco. Leccò via il sudore dalle delicate piante di Claudia con quella maestria che aveva appreso spompinandomi l’uccello infinite volte nei giorni precedenti. Passò la lingua fra dito e dito e asportò ogni traccia di polvere e sporcizia anche dal tallone e dal dorso dei piedi della mia bella amica. Claudia poi si fece leccare le gambe, comodamente distese sul divano, fino ad arrivare alla zona bacino, che denudò dalla gonna corta e dalle mutandine di pizzo.

“Puttana, leccami la sorca” disse la mia colta ex compagna di corso “E ringrazia che non ti caco in bocca, brutta latrina di quarta categoria…cagna, lecca per bene la fregna della tua padrona. Sono la tua Dea, sono il tuo universo…sgualdrina, vedi cosa fa il potere dell’aver studiato all’università? Che io sono una persona fine e gradevole e te sei una merda pestata sul marciapiede…. lecca, zoccolaccia schifosa, lecca come se dovesse essere l’ultima volta che lecchi qualcosa”
Di fronte al dialogo intellettualmente stimolante e grammaticalmente corretto di Claudia, mi sono eccitato, mi sono calato le braghe e l’ho messo nel culo a Cristina.

Lei lì per lì non se l’aspettava. Ha mugugnato qualcosa mentre la sua lingua era dentro le grandi labbra di Claudia, che le spingeva verso di sé la testa con una mano.
“Che fai?” ho chiesto “Ti sottrai al tuo sacro dovere?”
“See…ora si scansa! Gli piace il cazzo, a questa qui” ha detto Claudia.
Quando entrambi abbiamo goduto, lei nella bocca di Cristina ed io nel culo della medesima, Claudia si è alzata e si è spogliata quasi del tutto.

Restava il reggipetto, che a stento conteneva tutto il ben di Dio che la natura aveva fornito alla mia amica.
“Cagna, stenditi sul pavimento” ha ordinato Claudia.
“Che cosa intendi farle?” ho chiesto, mentre Cristina si disponeva ai piedi della padrona.
“La pesto come l’uva”
“Grandioso”
“No…”
“Hai squittito qualcosa, lurida mignotta?” si è informata la dolce ospite. Cristina, con le lacrime agli occhi, ha negato ogni cosa.
“Meglio per te” ha detto la padrona, ribadendo il concetto con due schiaffoni a piene mani.

Ha sputato in bocca a Cristina “A questo ti serve la bocca. Non per parlare. Per ingoiare i nostri sputi e leccare i nostri piedi”
Volevo dire che le serviva anche per leccarmi la fava, ma poi ho desistito.
Claudia è letteralmente saltata sul torace di Cristina comprimendo i seni di quest’ultima fino al punto di rottura. Ad un certo punto ho temuto che sotto i piedi della dominatrice le tette della schiava esplodessero come due palloncini.

Invece non è successo nulla. Incredibile cosa può sopportare un corpo umano! La lezione di calpestamento è andata avanti per qualche decina di minuti. Era molto eccitante. Claudia camminava sul corpo della sottomessa come su una tavola da surf, ondeggiando e bilanciando le proprie gambe con perfetto dinamismo. Cristina soffriva molto, gemeva e piangeva anche quando Claudia le piantava un piede sulla faccia ordinandole di leccarlo dalla sua dolorosa posizione sdraiata.
A metà del trattamento ho anche preso il cellulare ed ho shittato qualche foto.

Non contento, dopo le foto, ho anche realizzato qualche filmatino. Durano sui due minuti ciascuno e sono venuti molto bene, credo. Li tengo nella mia collezione privata, nella mia villa di montagna.
Claudia ha proseguito poi con una galoppata sul dorso della serva che si è conclusa dove era partita, cioè in salotto. Cristina era sfinita, dolorante e piangente.
La mandammo nell’altra stanza a rimettersi in sesto per quanto possibile. Da parte mia cercai anche di incoraggiarla “Fai ribrezzo.

Copriti quella faccia da maiala disfatta che ti ritrovi col trucco. Che tanto vai sempre a giro con un maschera di cerone sul viso”
“Ora dimmi te se una puttana che non vale un cazzo può starsene in televisione a prendersi le lodi di tutti ed io, che mi sono fatta un mazzo tanto all’università, sbarco il lunario con novecento euro al mese!” ha protestato Claudia.
“Stai tranquilla, Claudietta” ho mormorato alla padrona, non udito da Cristina “Di solito queste maiale stanno a galla qualche anno, poi scompaiono.

Sfortunatamente ve ne sono molte altre pronte a prendere il loro posto. Questa qui non durerà a lungo. Ha già ventiquattro anni. Ai produttori piace la carne fresca, la giovincella appena maggiorenne, non quelle in età da marito”
“Cagna!” ha esclamato Claudia “Disprezzo lei e tutte quelle come lei”
“Su, cara, non fare così”
“Se potessi la calpesterei fino a ridurla in briciole!”
“Puoi farlo un’altra volta. Domani ha le prove in studio e deve essere presentabile, ma quando non avranno più bisogno di lei…”
“Bastarda!”
“Puoi pisciarle in bocca, se ti può far stare meglio”
“Pisciarle in gola?”
“Sì, io lo faccio sempre”
“Anche cagarle in bocca?”
“No, quello non l’ho mai fatto”
“Lo farò io, allora”
“Ora?”
“Domani.

Stasera vado a cena da Gigi il loioso e mi faccio servire la fagiolata. Vedrai domani!” “Buon appetito, in questo caso. E a presto!”
Atto V: Claudia fa la cacca in bocca a Cristina
Claudia tornò il giorno dopo. Non si era dimenticata della promessa che aveva fatto a me e a Cristina e non avrebbe potuto, visto che se non avesse accennato alla simpatica tortura che mise in atto quel giorno lo avrei fatto io.

Aveva con sé uno di quei cessi da viaggio in plastica, lo portò in casa mia e lo appoggiò sul pavimento. Alla base del cesso era stato praticato un foro semicircolare grande quanto un mezzo melone maturo e le pareti del wc erano trasparenti.
“Lo facciamo qui, che dici?” chiese la padrona.
“Mah, non so. Si farà sudicio in giro?” ho domandato.
“Eh, probabilmente sì. Che vuoi…è merda. Di esseri superiori, ma pur sempre merda”
“Già, vedo.

Allora no, guarda, si fa in cantina, che lì tanto non ci vado mai. Dopo la faccio ripulire dalla zoccolaccia (lì presente ed in ginocchio ad ascoltare ogni nostra parola) e ci faccio dare un po’ d’aria”
“Come preferisci”
Andammo in cantina.
Cristina portò per noi il cesso da viaggio e lo depose accanto alla parete.
Claudia le disse di mettere la testa sotto il cesso e di rivolgere lo sguardo verso tutto ciò che le sarebbe precipitato in faccia dal momento dell’inizio della tortura.

“Vediamo che sensazione dà cacare in bocca ad una star dello spettacolo” disse Claudia con odio. Lei odiava Cristina e ciò non faceva che aumentare il mio godimento. Davvero non avrebbe risparmiato nulla alla maialetta di cui sopra.
Si sedette sul cesso e disse “Cagna, guarda che splendido culo che hai sopra di te. Non ti andrebbe di baciarlo?”
Cristina non rispose.
Claudia, allora, per tutta replica le piantò un tacco fra le costole ruotando il piede fino quasi a bucarle la pelle.

Portava dei sandali neri col tacco alto che lasciavano scoperto quasi tutto il piede. Erano molto sensuali.
“Cagna, la padrona ha fatto una domanda!” ha detto Claudia.
“Sì, padrona. Lei ha un culo meraviglioso”
“Culo? CULO? Niente volgarità in presenza della tua Dea!Miserabile. La padrona non ha il culo! Ha il sedere! Il culo ce l’hanno le merdone figlie di troia come te!”
E giù un altro affondo di tacco nello stomaco della derelitta.

Pensavo che questa volta Cristina ne sarebbe uscita con una costola o due rotte. E la cosa, a dire il vero, mi creava una certa eccitazione al pacco mutanda. Per quella volta decisi che avrei fatto da semplice spettatore.
Claudia si tolse la gonna, facendosela scendere lungo le bellissime gambe fasciate in calze nere e sensualissime. Si sedette sul pratico wc portatile e sganciò una di quelle bombarde da serata post-fagiolata da Gigi il loioso che echeggiò per tutta la cantina.

Vidi le braccia e le gambe di Cristina che si tendevano. Claudia appoggiò i piedi, questa volta scalzi, sulla pancia e sul petto della schifosa usando quest’ultima come pratico poggiapiedi.
“Adesso farò la cacca” annunciò Claudia “Ti gusta l’idea?”
“Sei una grande, Claudia” ho detto.
“Guarda che non dicevo mica a te”
“A no?”
“No, parlavo col il cesso per avvertirlo di tenersi pronto”
“Ah, ho capito”
“E’ un cesso particolare, questo” spiegò Claudia “In quelli tradizionali gli escrementi ristagnano sul sacchettino sul fondo e questo va svuotato, prima o poi, sennò il cesso scoppia.

Sai che bella, la bomba merda? Invece questo no. Ci puoi pisciare e cacare tutte le volte che vuoi, tanto si pulisce da solo”
“Ma va’?”
“E’ sì. Il merito è del pratico sacchettino “Cristina”, che messo al posto di quello tradizionale, ingurgita e ricicla ogni sorta di rifiuto corporeo solido o liquido”
“Non ci credo!” ho detto “Dimostrazione. Ci vuole una bella dimostrazione”
Detto fatto, Claudia ha fatto partire un bel fiotto di piscia sulla faccia della stronza che si è ritrovata con la sua lurida bocca aperta pronta a ricevere la pioggia dorata.

Io non so per quale motivo la chiamino pioggia. La pioggia sono tante goccioline messe assieme. La pisciata di Claudia somigliava più al flusso della sistola con cui annaffio il giardino. Una getto unico, a pressione e tanto, tanto abbonante. Cristina, da brava star della televisione, ha bevuto tutto senza esitare. Si è anche leccata le labbra. Incredibile cosa potevo vedere attraverso le pareti di plastica trasparente del wc portatile.
“Claudia, tesoro…pare che al nostro cesso la tua urina non sia particolarmente gradita” ho detto.

“Sul serio?”
“No, dovresti vedere che faccia che ha fatto”
“Cagna!” ha gridato Claudia rifilando un bel pestone a due piedi sull’addome della zoccoletta da avanspettacolo.
“Lo sapevo che non eri in grado di apprezzare l’onore che ti facevo donandoti la mia pipì. Ma dovevo aspettarmelo da una come lei. Non ha studiato. Lei ci deve obbedire e adorare come è nel suo status biologico fare! Come osa mostrare disgusto per i nostri sacri escrementi?”
“Forse un buon pasto saporito le insegnerà cosa vuol dire essere al cospetto di un essere superiore” ho suggerito.

“Ottima idea” ha detto Claudia. Prima ancora che terminasse di parlare due scorreggioni da portuale hanno centrato Cristina fieramente a bocca spalancata. L’aria dell’intestino di Claudia è entrata nell’esofago dell’inferiore ed è scesa nello stomaco fino a prendere posto in un nuovo intestino. Poi è partita la cacchina profumata della padrona.
Da prima uno stronzetto marroncino ha fatto capolino dal buchino dei miei sogni, infine, con un gemito da parte della padrona ed una lacrimuccia da parte della schiava, il cilindretto è precipitato sulla faccia di Cristina.

“Oh, bella! Merda grossa a pezzettoni!” ho esclamato.
“Sììììì! Ingoia, lurida cagna! Mangiala tutta! Non ne deve restare neppure una briciola!” ha ringhiato la mia dolce amica.
Cristina si è ritrovata con un salsicciotto di merda fra le labbra senza neppure capire da che parte fosse venuto fuori. Un altro le è caduto sull’occhio destro coprendoglielo completamente. Ha tentato di sputare ed il primo stronzoletto le si è spezzato fra i denti, rimanendo metà in bocca e metà sulla faccia.

“Che fa? Sputa?” ho detto.
“Sputa? Bastarda ingrata!” ha urlato Claudia “Questo è per i suoi spettacolini tutti cosce e culi che non spiegano una sega!”
Le ha dato un calcio col tallone sullo stomaco, spezzandole il fiato, poi ha iniziato a tempestare di pestoni il petto e la pancia di Cristina. Lo faceva con rabbia, con violenza esasperata. Vedevo la testa della schiava che andava su e giù a ritmo con il martellamento della padrona e ad un certo punto ho fermato le gambe (bellissime) di Claudia, per evitare che la maialetta subisse danni permanenti.

“Se poi ci rimane qualche livido magari faranno un’indagine e verranno da noi”
“Hai ragione” ha detto la dominatrice “E’ meglio fermarsi qui. E poi mi diverto abbastanza a vederla affogare nella mia merda”
“Se ti piace questo allora posso contribuire anch’io, per quanto possibile” ho detto.
“Lo faresti?”
“Per te questo ed altro”
Claudia si è alzata dal cesso, ha preso il rotolo di carta igienica che avevo fatto portare previdentemente dalla serva giù in cantina e si è pulita.

Nel frattempo io, il padrone, mi sono tirato fuori il possente rapace dalla patta dei pantaloni e ho pisciato nel wc portatile.
Non prendetemi per crudele, non era mia intenzione far soffrire o umiliare ancor di più la maiala stretta in fondo al cesso. Infatti, come ho spiegato dopo la fase di sgrollo della cappella… “…così la cacchina della padrona si ammorbidisce un po’ e la puoi ingoiare più facilmente. La sciolta è meglio, perché non c’è bisogno di masticare”
“A te non scappa?” ha chiesto Claudia.

“No, l’ho fatta stamani”
“Peccato” ha replicato lei, gettando con un incuranza lo strappo di carta igienica nel fondo della buca e sulla faccia di Cristina. La serva piangeva (come sempre, sembra Lucia dei Promessi Sposi) e noi ci gustavamo la sua disperazione.
“Non fare così, Cristina” ho detto “Ricorda che non ti faremo uscire fino a che non avrai spazzolato ogni traccia di merda e piscio dal fondo della latrina”
“Bene, diglielo, a quella cagna!” ha esclamato Claudia.

Ha infilato di nuovo il tacco di uno dei suoi pericolosi sandali nella carne di Cristina, dicendo “E se affoghi, tanto peggio per te”
“Affogare negli escrementi?” ho chiesto “Sarebbe una fine di merda!”
E noi due giù a ridere. Anche le situazioni più insolite sono foriere di momenti di sana ironia.
Atto VI: che goduria farsi fare un pompino da una valletta
Il primo giorno di riprese fu molto impegnativo, per la sguattera.

Finalmente era arrivata a destinazione, atterrata in quel deserto di sentimenti e valori che è il mondo dello spettacolo. Ma lei si sentiva bene, circondata di lustrini e sguardi falsi. Era quello che voleva e quello che aveva infine ottenuto. Nessuno sapeva quanto le era costato quel traguardo. O meglio, tutti sapevano che ero stato io a raccomandarla e che a me aveva pagato il tributo per essere salita su quel podio ambito da milioni di ragazzine sceme.

Ma nessuno sapeva come mi ero fatto pagare, benché molti, conoscendomi, ne avessero un’idea abbastanza precisa.
Quella sera stessa, al termine delle riprese del programma, lo staff fu invitato al completo ad un banchetto negli uffici della emittente. Tutto molto bello, la musica, il buffet, donne eleganti, uomini sorridenti…scrofe, maiali…
Ad un certo punto incontro Cristina. E’ molto bella, nel suo abito da sera nero. Ha una gonna lunga che le arriva fino alle caviglie ed una vistosa scollatura davanti.

“Ciao, piccola” dico “Come va?”
Lei abbassa lo sguardo.
“Ti piace lavorare in televisione?”
“Sì”
Maiala.
“Come ti sei trovata?”
“Bene”
“Ne sono lieto. Hai da fare?”
“No…io…”
“Perfetto. Ti rubo solo un momento. Vieni con me nell’altra stanza”
La prendo per mano e l’accompagno in una stanzina buia, distaccata rispetto alla sala della festa. Da lì giungono i rumori del party, ma siamo abbastanza in disparte da poter parlare senza che nessuno ci senta.

“Inginocchiati” le dico.
“Ma…”
“Niente ma. Il patto è ancora valido. Io sono sempre il tuo padrone. O pensavi che una volta accese le telecamere tu mi potessi dire tanti saluti e arrivederci? Lo sai quante vallette puttenelle vengono sostituite a metà di una trasmissione? E quante non vengono riconfermate?”
“…. ”
“Ora prendimelo in bocca”
Lo tiro fuori e la proboscide si srotola fin quasi al pavimento. Ragazzi, ho una fava da recordman! La mignotta se la infila in bocca e comincia a degustare la pietanza.

Erano due giorni che non glielo sbattevo in gola, e anche Cristina, suppongo, iniziava a sentirne la mancanza.
“Pompa, pompa, mignottaccia…questo i ragazzini che da domani sbaveranno per te non lo sapranno mai, ci pensi?”
“…”
Cristina non rispose.
“E muovi quella lingua, maiala! Su e giù, su e giù come ti ho insegnato! Lecca tutta l’asta fino alle palle. Ecco, ciucciami i coglioni. Poverini, guarda come sono gonfi. Non me li hai munti per due giorni e ora sono pieni di sborra.

Ma ora ci pensi tu, non è vero? Me li svuoti nella tua bocca. Che tanto spumantini e analcolici non fanno per te, scrofa. A te piace la sbroda del padrone e la pisciazza caldina della padrona”
Cristina mugola qualcosa e continua a pompare la mia stecca dura come l’acciaio. Devo dire che fa tutto un altro effetto farsi fare una pompa da una ragazza truccata come una star televisiva e vestita da stilisti importanti.

Cristina sembra un’altra persona, rispetto a quella che mi serviva fino a due giorni prima.
“E ricordati, quando mi avrai svuotato i serbatoi del cazzo dovrai rimetterti il rossetto. Me lo stai spalmando tutto sull’asta, fra un po’ non te ne rimarrà punto sulle labbra”
“Sì, padrone”
Le vengo in gola come mio solito, spingendo la cappella nella sua cavità orale fino all’attaccatura coi coglioni e fottendomene dei suoi singulti strozzati. Devo riconoscere che vederla sottomessa con quell’abbigliamento dà ancora più significato al pompino.

Vorrei ve ne fossero altri mille così. “Bevi maiala, bevi”
“…”
Cristina stasera è stranamente silenziosa.
All’improvviso sento aprirsi la porta alle nostre spalle. L’istinto è quello di allontanarmi dalla zoccola e rimettere il cazzo nell’astuccio delle mutande, poi mi accorgo che si tratta di Monica, un’altra maiala che per diventare valletta ha ingoiato tanti cazzi quanti quelli di Cristina.
“Oh, sei tu, Monica” saluto.
“Ah, signore!” la sua voce è calma e tranquilla.

Ma non appena i suoi occhi scendono alle mie gambe la sua faccia si contorce in una smorfia.
“Ah, quella nuova…” dice.
“Già. L’ho proposta io. Che volevi, che non accettassi qualche regalino?”
“No, certo. Qui si fa così…”
“Diglielo, Monica cara. Anche tu, ai tuoi tempi…”
“Anche io, quando non ero nessuno…quanti coglioni che ho svuotato!”
Cristina sta per rimettersi di nuovo a piangere.
“Vieni, piccola. Ti serviranno i consigli di qualcuna più esperta di te, per muoverti in questo mondo” dice Monica.

“Consigli?” chiede Cristina.
“Sì. Pulisciti le labbra dalla sborra e datti il rossetto, ti porto in un posto e ti presento delle persone” Cristina annuisce.
“Che persone?” chiedo, rimettendo il fiero falcone nella gabbia al termine del suo volo maestoso.
“Amici” risponde Monica “E amici di amici”
La cosa mi puzza. Mi puzza molto più della merda della mia amata Claudia.
“Non sarà roba di droga, vero?” domando.
“Te non ti preoccupare.

Cristina, cara, ti aspetto alla festa” risponde Monica, ed esce.
Aspetto di essere solo con la maialetta. Provo quasi tenerezza per lei. Tenerezza e comprensione. E’ una ragazza ingenua. Ignorante ed illusa, ma non cattiva.
Non si merita di finire in un gorgo che la distrugga. Insomma, dai miei cosiddetti soprusi si riprende alla grande non appena i giochi si concludono, ma la droga…la prostituzione…quella è un altro affare.
“Piccola, forse è meglio che non vai” dico.

“Perché?”
“Non mi piace, quella lì. Qualche anno fa è rimasta coinvolta in un brutto giro. Non vorrei che volesse sfrutt..”
Sfruttarti? Ma in fondo non è la stessa cosa che ho fatto io? Sì, ma i miei erano solo giochino innocenti, come ho detto. Non droga.
Eppure le labbra si fermano prima di terminare il discorso.
“Stai attenta. Promettimi solo che starai alla larga da polverine bianche e porcherie varie” le dico.

Cristina annuisce e si aggiusta.
“Io vado a casa” dico “Mi chiami domani?”
“Sì”
“Bene. Ci conto. E mi raccomando, ricorda quel che ti ho detto”
“Sì”
Esco. Mentre me ne vado non rivedo né Monica né il maiale schifoso che dirige il programma per il quale Cristina mostra il culo.
Vado a casa, faccio l’amore con Claudia e aspetto la telefonata.
Epilogo: Cristina ottiene quel che vuole.
Non mi chiamò.

Né il girono dopo, e neppure quello dopo ancora. Non la sentii se non dopo sei mesi dopo la fine del programma. Programma che, per inciso, venne chiuso con la seconda puntata. Strano, di solito sono i programmi peggiori a fare audience. Quella volta, un caso su un milione, il buon gusto trionfò ed il programma fu interrotto a beneficio di una serie di documentari sull’alterazione climatica dovuta all’industrializzazione.
Cristina scomparve. Due articoli su qualche rotocalco, un servizio su un giornaletto scandalistico, poi il silenzio.

Mesi e mesi di silenzio.
La rividi quando ormai non ci speravo più. Fu Claudia ad avvertirmi.
“Te la ricordi quella cagna che beveva il nostro piscio qualche tempo fa?”
“Chi? Cristina?”
“Già, proprio lei. Dice che è stata ricoverata in clinica”
“Quale clinica?”
“Una per tossicodipendenti. E’ in città”
“Tossicodipendenti?”
“Dice sia finita in un brutto affare. Cocaina, puttane. Hanno fatto una retata e c’era anche lei nel mezzo. Lei e una nostra vecchia conoscenza”
“Fammi indovinare”
“Sentiamo”
“Monica”
“Proprio lei”
“Carogna” ho mormorato.

“Che hai?”
“Nulla…nulla”
“Ti spiace per quella mignotta che mangiava la mia merda?”
Sì, un po’. Ma non posso dirlo.
“Ma che vai a pensare. Quelle lì esistono giusto nutrirsi dei tuoi escrementi, tesoro”
“Dici bene. Ci vediamo stasera, allora?”
“No, stasera no. Ho un impegno in ufficio”
“Capisco. Ci risentiamo”
“Certo. Stammi bene”
Non sono mai andato in quella clinica. Che cosa avrei potuto fare, in fondo? Il mio errore era stato quello di spingere una ragazza in un mondo di menzogne e illusioni, non quello di averle fatto mangiare merda.

Lo sbaglio lo avevo commesso offrendole quel caffè, quando la incontrai piangente sulla scalinata. Non facendomi svuotare i coglioni un giorno sì e l’altro pure.
Ormai quel che potevo fare era fatto. Basta. Non avrei più cercato di rivedere Cristina.
La vita, in fin dei conti, va avanti.

“Sfida a mezzanotte”

Quella sera soffiava un vento gelido che spingeva i pochi paesani riluttanti verso le proprie abitazioni alla ricerca di un ambiente caldo, dove consumare con i familiari una cena riparatrice del fuggevole pasto di mezzogiorno e dei disagi imputabili ad un inverno che proprio quell’anno si era particolarmente accanito con acqua, bufere di neve, temperature gelide e tramontana, sul tranquillo paesino dell’Italia centrale.

Raramente al paese avevano avuto inverni così duri.
Quello “mitico” del ‘29 era materia inesauribile dei racconti degli anziani al bar che facevano a gara per aumentare i metri di neve caduta in quell’anno.
Lo pensava proprio quella sera Aldo, il gestore del “Bar Commercio”, che nonostante l’ora canonica del pasto serale sostava ancora nel locale, bestemmiando per il ritardo della moglie con la quale si davano i “cambi”.
Proprio un tempaccio.

La cosa non gli dispiaceva, il suo locale era adeguatamente riscaldato e attirava più gente degli altri bar. Oltre che dotato di una bella stufa e rilevanti canalizzazioni che mantenevano costante la temperatura, c’era il modo singolare del barista di gestire il rapporto con i clienti.
Del resto non era un caso se anche d’estate poteva vantare il maggior numero d’ombrelloni aperti sulla piazza principale, a far da cappello a giocatori di carte, calciofili, filosofi dell’ovvio, giovani perditempo dai discorsi monotematici sulle ragazze.

Da “quelli” della politica che si miscelavano con “quelli” del calcio che a loro volta intrecciavano discussioni con “quelli del ciclismo”, tutti insieme a spettegolare di corna altrui con molti presenti, più o meno inconsapevoli, soggetti delle storie narrate.
Al solito tavolo il temuto e rispettato Giovanni, “gigante” irsuto delle granaglie, che unico si permetteva gli ordini “alla voce” tuonando l’inconfondibile: “Aldo!!!!!……un Chivas”, intendendo la marca più costosa di whisky. A fargli compagnia, mal sopportato, ma come tutti i ruffiani, indispensabile per tessere la rete boccaccesca che poi il nostro possente Casanova avrebbe raccolto con la preda dentro, il barbiere Belindo.

L’ingresso del bar era sulla piazza, ma c’era una porticina nella sala biliardo che, oltre a comunicare con i vicoli retrostanti, era utilizzata come via di fuga per avventori in incognito nel caso di visite inaspettate o inopportune.
Il signor Aldo era un uomo tarchiato, di forma a “barilote”, coi pochi capelli sempre spettinati a formare due teorici “cornetti” luciferini e l’immancabile “sinalone” legato in vita alla maniera dei croupier, ma con l’aggiunta di alcune macchie leopardate multicolori di varia estrazione e provenienza.

Il “Bar Commercio”, era punto di riferimento e ritrovo dei paesani, anche se il carattere del proprietario non era dei migliori, ma proprio le sue sfuriate, i litigi, il suo partecipare attivamente a tutte le chiacchiere anche quando il suo “ruolo” ne avrebbe sconsigliato l’intervento, rendeva il luogo “unico” e irrinunciabile.
D’altra parte dove potevano passare il tempo i giovani e gli anziani delle famiglie del paese? Certamente non al paludato bar del “Circolo Culturale”.

Maggior concorrente del sor Aldo e con vista a fronte il Circolo che situato in cima alla via che portava in piazza, godeva di maggior altezza, nel senso della struttura dello stabile e del “censo” sociale dei suoi iscritti.
Nelle ampie e ben arredate sale si pavoneggiavano i figli, i padri e gli zii, con rispettive signore, di quella borghesia di paese, umoristicamente eccessiva e pomposamente fuori del tempo.
Il presidente era il signor Battista, un gemello del Vittorio de Sica gloria del cinema nazionale, al quale somigliava in maniera impressionante.

Sempre elegante, con la “farfalla” a pois e l’incedere aristocratico, con unico neo lo scricchiolare delle scarpe ad ogni passo; il suo passato era abbastanza misterioso, ma con un’elezione tutta da raccontare.
Quella sera nella sala centrale del circolo la lotta, all’ultimo voto, era fra il Generale in pensione e il Presidente della locale squadra di calcio.
Nella sala, percorsa in modo febbrile dai supporter dell’uno o dell’altro aspirante, l’unico quieto era un personaggio fin allora sconosciuto: un signore di grand’eleganza e distinzione, compostamente seduto, silente ed attento all’ennesima, inutile operazione di scrutinio dei voti.

La presenza del quale fu notata da uno dei tanti “infiltrati” del Bar Commercio, presenti in sala per seminare zizzania. Il ragazzo, Alberto il suo nome, non era nuovo a burle e scherzi poi assurti all’onore delle cronache paesane.
L’idea che gli balenò nel cervello fu la seguente: come nel calcio paesano, un giocatore proveniente “da fuori”, al di là delle qualità, otteneva immediatamente il posto da titolare in squadra, così lo “straniero” in sala, col suo fascino misterioso, poteva influenzare quel branco di pecoroni costituenti l’Assemblea e fungere da terzo incomodo nella lotta, determinando una situazione inattesa con esito imprevedibile.

Il passa parola e soprattutto il passa bigliettini di voto, ottennero un risultato clamoroso, non solo si creò “casino”, che era lo scopo reale dell’operazione, ma addirittura il sig. Battista, sconosciuto a tutti, stravinse alla grande al primo ballottaggio, e fu eletto nuovo Presidente del Circolo Culturale con grande scorno per i titolati pretendenti e tutte le conseguenze festose al Bar Commercio, nel quale si fece l’alba per il ridere ed il bere che un raggiante sor Aldo erogò con abbondanza.

Basterebbe soltanto quest’aneddoto per comprendere, senza alcuno sforzo, che l’inimicizia era nella pelle. Nulla accomunava i due ritrovi e i suoi frequentatori, se non una: la passione per il gioco del biliardo.
Un tappeto verde univa il popolo del paese: quello del calcio domenicale.
Un tappeto verde lo divideva: quello della “stecca”.
Nei due luoghi antagonisti ci si preparava tutto l’anno per le due sfide, una da giocare in casa, l’altra in trasferta, in giugno e in gennaio, al meglio delle tre partite a “48” punti.

Con la fronte imperlata di sudore o con le dita intorpidite dal freddo, i due campioni designati dalle rispettive “colonie”, si sfidavano all’ultimo birillo.
Nei mesi successivi era sollazzo e prese in giro da parte dei vincenti, fino alla successiva sfida dove i perdenti cercavano di rivalersi sull’avversario.
La partita era vissuta in modo diverso dai due ambienti.
Al Circolo della Cultura, la maggior parte dei signori non più giovani riponeva l’interesse in cose più “nobili”, come giocare il cospicuo pokerino notturno, causa di tante fortune dilapidate e brillanti carriere bruscamente stroncate.

Al Bar del Commercio, oltre la briscola ed il tressette “da consumazione” non si andava e tutti seguivano la preparazione al biliardo.
Meno uno.
Il sor Giovanni, commerciante in granaglie in Italia e udite, udite, anche all’estero!
Questo particolare cliente, quando gli impegni di lavoro non lo portavano nell’Est Europa, era presente tutti i giorni ai tavoli del bar, per raccontare con l’immancabile bicchiere di Chivas in mano, avvolto dal fumo dell’eterna sigaretta, circondato da ammiratori in silenziosa adorazione, le sue avventure amorose con le belle straniere e le spionistiche avventure oltre cortina.

Per lui, oltre il lavoro, le donne e il Chivas non s’andava; del biliardo e del Circolo, non gliene poteva fregare di meno.
Quella sera, della quale narravamo in inizio di racconto, il barista Aldo aspettava con impazienza il “cambio” da parte della moglie, per ritornare rapidamente, dopo aver consumato una cena frugale, al bar Commercio ed organizzare la sala per la riunione che avrebbe avuto come ”ordine del giorno” la disfida di sabato 23 gennaio.

Soltanto tre giorni per sapere…
A giugno, purtroppo, il campione dei “peones” era stato battuto “in casa” dall’avversario, soprattutto per un incidente verificatosi durante lo svolgimento della gara nella quale era in vantaggio.
Era successo in un’uggiosa serata di giugno.
La sala, nel seminterrato del Bar Commercio, era gravida di popolo tifoso grondante sudore, avvelenato dalla spessa cortina fumosa, che seguiva in silenzio le carambole delle palle sul panno verde nel folle balletto dei piroli.

Bisogna premettere che all’ingresso della sala, sulla destra, era posta una panca per quattro/cinque persone, solitamente usata per lo scherzo dello “straniero” che consisteva nel lasciare libero il primo posto ed occupati gli altri. Quando un nuovo frequentatore si sedeva sull’unico posto libero, gli altri quattro si levavano contemporaneamente in piedi facendo volare per forza d’inerzia il malcapitato in aria, accompagnato dai sollazzi dei frequentatori abituali.
Orbene, nel momento in cui il campione del Circolo Broccolino tentava un tiro “di calcio” a palla coperta, difficoltà massima e l’attenzione nella sala era lancinante, il campione di casa, il sor Penni, decideva improvvidamente di sedersi sul posto dell’impiccato; quelli della panca, fosse la tensione o la disattenzione, abituati a quel movimento, meccanicamente s’erano alzati, determinando l’immancabile capitombolo del “nostro”.

Le conseguenze furono pesanti.
A partita iniziata le sostituzioni non erano ammesse e il sor Penni pur continuando con orgoglio ed abnegazione per la causa, perdette in malo modo.
La sconfitta angosciò il sor Aldo che, dato il carattere nervoso, si rifece coi quattro panchinari duramente malmenati e cacciati a tempo indeterminato dal bar.
Tutta l’estate fu un tormento, non fosse altro per il modo nel quale era maturata la sconfitta.

Dal terrazzo del Circolo, lassù in alto, gli scherni e i sollazzi erano quotidiani e non bastavano certo le mani alzate a mo’ di corna, per sollevare dubbi sull’onorabilità delle Signore, a chetare i vincitori, cornuti ma contenti.
S’attendeva il “ritorno” da giocare fuori casa, ma da vincere con tutti i mezzi: leciti ed anche, perché no, illeciti.
Nella riunione della serata bisognava decidere il sostituto del signor Penni.
S’era fatto di tutto per rimetterlo in sesto e lui stesso aveva provato e riprovato, ma lo spostamento di due costole abbisognava di ben altri tempi per recuperare e a malincuore avevano dovuto alzare bandiera bianca.

Il sor Penni era un giocatore sopraffino, della scuola sudamericana, dalla quale aveva mutuato lo stile perfetto col quale interpretava il tango “figurato” nei veglioni di carnevale.
Longilineo, coi capelli tirati a brillantina e divisi lateralmente da una riga geometrica, eleganza all’inglese mai vistosa fatte salve le scarpe bicolori, foulard al collo e sigaretta montata su bocchino d’ambra: era il cuore delle donne che lo mangiavano con gli occhi, ma i suoi interessi erano altri.

Se un ipotetico forgiatore d’uomini avesse dovuto costruire un modello opposto al suddetto, non poteva far di meglio che aver creato il signor Broccolino, l’avversario di sempre.
Questi era un commerciante di pellami che dell’olezzo relativo non riusciva mai a liberarsi.
Nonostante ciò era considerato un gran cacciatore di donne o almeno per tale si accreditava, con qualche perplessità degli auditori soprattutto perché considerato di “bocca buona” contentandosi di qualunque soggetto respirasse.

Il suo era un non stile: uomo grossolano, gran lavoratore, si era arricchito e negli affari andava per le spicce adoperando spesso le maniere forti, avendo in gioventù tirato di boxe.
Al biliardo però era un satanasso, non aveva certo lo stile del Penni, ma era concreto ed efficace.
Avversario mai domo e duro da battere per chiunque, non disdegnava trucchetti che mai avrebbe adottato l’avversario.
Ora per sfidare questo maglio si doveva trovare, rapidamente, un fuoriclasse all’altezza del compito e soprattutto con la certezza che lo battesse.

Dopo tre ore di dibattito litigioso, dove si era rischiata la rissa quando il Bellini per l’ennesima offesa rivoltagli di eccedere nel bere, era uscito, rientrando dopo pochi minuti mulinando la pala da muratore bloccata dal pronto intervento del sor Aldo, si arrivò all’ovvia ed unica conclusione: al paese il “campione” non c’era.
Dovendo comunque designare l’uomo della “sfida di mezzanotte”, si procedette per votazioni successive arrivando più volte allo scontro fisico, con lancio di cestini, cappotti, berretti ed anche dell’ultima “pasta” rimasta sul bancone che guarda caso è chiamata “bomba”.

Fu la goccia che fece traboccare il vaso: il sor Aldo con passo svelto aprì la porta principale del bar e in un baleno spalancò quella secondaria.
La forza della natura che premeva da giorni per entrare nel locale e n’era stata respinta, si prese la sua rivincita. Un turbine di vento gelido fece volare tutto quanto riuscì a sollevare: cappelli, giornali, ombrelli, un vecchio quadro raffigurante figura di donna discinta ed il telo verde del biliardo che provetto aquilone veleggiò sulle teste degli astanti.

Tutti cercarono di difendersi come potevano e in questo sforzo sbollirono i loro spiriti.
Qualcuno tentò vane proteste che il ghigno del gestore scoraggiarono dal proseguire.
In poco tempo si stabilì che, per quanto ancora giovane, Giorgio Mondroni era il più dotato ed avrebbe rappresentato un’indubbia sorpresa nel campo nemico: fu votato all’unanimità, complice la solita “truffa Alberto” suo intimo amico.
Mentre si ultimavano le ultime operazioni di conta, Aldo, seppur soddisfatto per la sua opera unificatrice, non lo era affatto per la scelta, seppur inevitabile.

Qualcun altro, all’esterno, sorrideva soddisfatto, ma per le ragioni opposte a quelle del barista.
All’angolo della casa dei Rossi, il “colonnello”, appoggiato al suo scopone, il corpo deforme ed inerte, simile al monumento che in mezzo alla piazza celebrava l’eroina del paese, aveva spiato per il Circolo e questo nessuno poteva immaginarlo.
Il povero ragazzo, nato gobbo e per questo oltremodo dileggiato dagli assidui clienti del Bar Commercio, era figlio d’una famiglia umile.

Il soprannome di “colonnello” gli derivava da quest’episodio: gettatosi dal secondo piano della povera abitazione ed essendo atterrato senza gravi conseguenze, ai primi soccorritori che chiedevano increduli come si fosse salvato, il ragazzo farfugliò con voce nasale: “coll’ombello!”, ed, in effetti, lì nei pressi un povero ombrello giaceva, fiero del salvataggio.
Da quel “coll’ombello” a “Colonnello” ci volle poco, in quel paese dove anche le mosche avevano il soprannome.
Il “colonnello” era per la sua povera natura fatto bersaglio d’ogni genere di scherzi volgari e pesanti e per reazione alle umiliazioni quotidiane era diventato la perfida “quinta colonna” del signor Maurizio, suo capo al dipartimento della nettezza urbana e soprattutto facente funzioni di consigliere al Circolo della Cultura.

Quando il nostro Giuda, con passo sbilenco, entrò sogghignante nel salone al primo piano del Circolo, trovò Maurizio al tavolo del poker; bastò uno sguardo e i due s’appartarono nella saletta della segreteria.
Maurizio teneva giustamente nascosto il loro vero rapporto, altrimenti il suo informatore sarebbe stato bruciato in tutti e due i sensi: metaforico e reale.
Gli iscritti del Circolo, vedendoli insieme, pensavano che il capo dipartimento stesse comandando il lavoro per il giorno dopo.

Quando la notizia passò dalle labbra del “colonnello” all’orecchio di Maurizio, la certezza e la gioia di festeggiare un carnevale “brasilero” pervase il consigliere che, liquidato il suo “agente” lasciandogli per l’indomani giornata libera, radunò con discrezione il gran consiglio.
Erano presenti, il presidente signor Battista, il vicepresidente dr. Pecchio, il segretario Mario Cingoletti, uno dei probiviri il maresciallo Chieti, il Broccolino, il miglior esperto di biliardo e suo compagno di allenamento il Sor Cesare e Maurizio che comunicò loro la notizia.

Sorrisetti mal celati, toccatine benauguranti, richiami alla discrezione ed al silenzio e soprattutto: “calma e gessetto”.
Furono messi a punto gli ultimi particolari per l’organizzazione della serata che avrebbe visto l’arrivo degli odiati rivali; fu incaricato il Cingoletti dell’approvvigionamento di una partita di bottiglie di “schiumante” di marca per i festeggiamenti.
Ormai la domenica era vicina, il tempo stringeva, soprattutto per gli avversari.
Al Bar Commercio, nei due giorni successivi fu come alla vigilia dei grandi match di pugilato, tutti intorno al biliardo, silenzio in sala e allenamento continuo del giovane Mondrioni sotto gli occhi esperti del Penni.

Questi, seduto dolente sul ballatoio, impartiva direttive come l’ammiraglio Nelson dalla tolda del suo “Victory” a Trafalgar prima della vittoria, con l’unica differenza che neanche il più inguaribile degli ottimisti avrebbe scommesso una lira su quel pivello.
Era talmente alta la tensione per gli allenamenti, che il popolino del Bar trascurava i maneggi giornalieri della bella pizzicagnola che solitamente faceva girare le teste, secondo i suoi spostamenti all’interno del negozio, alternativamente a destra e sinistra, come avviene nelle partite di tennis.

Ciò provocava la felicità di Alfonsino, un rosso dai piedi piatti di mezz’età, che mentre aiutava nei lavori della salumeria, gustava in esclusiva, ogni mossa, della Venere, pur consapevole che quel bocconcino e quelle forme, erano destinate al “tocco” del Sor Giovanni Tettavalle.
Il ruvido dongiovanni, dall’interno del poderoso Mercedes parcheggiato di fronte al negozio, inviava l’ambasciatore Belindo a perfezionare gli ultimi particolari per l’incandescente serata.
Al mattino della domenica il vento di tramontana, che aveva imperversato per giorni interi, era all’improvviso caduto, lasciando il campo al silenzio inquietante che precede la tempesta, ma al momento il cielo era terso e la giornata festiva stupenda per colori e nitidezza di paesaggio.

Alle undici ci fu il rituale della chiacchiera in piazza, l’uscita della messa, lo “struscio” dei ragazzi con le ragazze, il pranzo, il derby calcistico del pomeriggio col paese vicino. Le scazzottate con gli avversari e il classico inseguimento dell’arbitro, reo di aver concesso un rigore inesistente che aveva determinato la sconfitta dei “nostri”.
Fin li tutti i paesani, signori e plebei, s’unirono nei rituali suddetti.
Ma a partire dalle sei del pomeriggio il gelo scese sul proscenio della sfida serale.

La bomba esplose, inattesa, alle 11 di quella sera, all’arrivo della delegazione del Bar Commercio nella sala da biliardo del Circolo della Cultura, gremita di tifosi assetati di sangue per la sfida di mezzanotte.
Da detonatore fece l’arrivo inatteso, nella mattinata, di Aurelio, nipote del Sor Quintino, macellaio del paese e padre del giovane Alberto.
Aurelio era il figlio di sua sorella Elvira residente a Lecco.
Ora, cosa c’entri tutto questo con le vicende fin qui narrate sarebbe difficile da spiegare, se non per un particolare per nulla trascurabile: Aurelio era campione regionale di biliardo della Lombardia, ma nessuno ne sapeva nulla.

Lo scoprì per caso, parlando con lui a tavola, Alberto che da quel momento non riuscì ad ingoiare nemmeno un bicchier d’acqua.
Il suo pensiero, lungi dal farsi corrompere da altri ragionamenti, correva alla partita di biliardo, alla più che probabile sconfitta ed al miracolo manifestatosi coll’apparizione di suo cugino Aurelio che, cinta l’aureola, avrebbe guidato alla vittoria il suo bar.
Come il Sor Quintino si assentò per imprescindibili necessità fisiologiche, Alberto mise in atto una rapida fuga da casa che, pur non essendo una novità assoluta, (per solito avveniva per i tetti, essendogli preclusa la porta dalla figura minacciosa del babbo), lasciò i commensali di stucco.

Col cuore in gola, risalì ansimante il vicolo, entrò nel Bar dalla porta sul retro, scese le scalette che immettevano nella sala del biliardo e crollò sulla brandina che era usata dal sor Aldo per il notturno.
Nella saletta era presente il team al gran completo: Giorgio Mondrioni alla stecca con il sor Penni alla “consolle”, il sor Aldo dall’alto del vano bar con cipiglio imbronciato all’indirizzo degli avventori che avessero tentato l’ordinazione.

Gli altri silenti e preoccupati seguivano le evoluzioni delle palle e dei piroli che, in realtà erano involuzioni in quanto il Giorgio, emozionandosi per l’avvicinarsi dell’ora fatidica, peggiorava le proprie prestazioni.
Quando i presenti videro Alberto in quelle condizioni, pensarono che a differenza di altre volte, fosse stato raggiunto dal sor Quintino e giustiziato. Con l’aiuto di un cognacchino decifrarono da quelle frasi sconnesse la grandiosità del messaggio e nella sala calò un silenzio irreale.

Il sor Aldo, come sempre, ebbe la reazione più rapida: cacciò in malo modo i pensionati già nel mirino per il nulla consumare, corse ad abbassare la serranda di accesso al bar collocandoci la scritta “chiuso per la partita di calcio”.
La discussione iniziò non appena Alberto si fu ripreso e vertette non tanto sul tentativo d’ingaggio immediato e segreto del campionissimo, ma su come affrontare la cosa col sor Quintino.
Qualcuno sorriderà, ma per l’incoscienza o la non conoscenza del soggetto che andiamo a trattare.

Il sor Quintino, uomo dal cuore d’oro che sfamava gratuitamente tutte le famiglie bisognose dei vicoli, era però un iroso “bastian contrario”, allergico ad ogni forma di autorità, nemico giurato del potere in qual si voglia sua forma si configurasse: sindaco, prete, farmacista, direttore della locale banca e via dicendo.
Il tutto non per un motivo specifico ma solo perché agli occhi dei compaesani rappresentavano qualcosa d’importante e lui l’importanza la riconosceva soltanto alla bella carne, alla “coppa”, alle salsicce e soprattutto alla caccia, sua unica passione assoluta e totale.

Al minimo sgarbo su queste materie shittava la terribile reazione.
Il figlio Alberto ne sapeva qualcosa, le rincorse sui tetti da parte del babbo, erano ormai proverbiali.
Ora affrontare in una siesta domenicale il sor Quintino, con in casa quattro o cinque fucili carichi a portata di mano, non era cosa da ridere.
L’idea vincente non poteva venire da altri che non fosse il figliol prodigo, che suggerì il coinvolgimento del compare Zerbino, grande amico di famiglia, compagno di cacciate appassionanti del nostro macellaio.

Sulla “millecinque” Fiat, messa a disposizione e guidata da Terzilio il noleggiatore, presero posto con gran difficoltà: Alberto, il barbiere Piedipiatti, Rossi (famoso antiquario di mobili antichi religiosi, di dubbia provenienza), Bruno Fretti, supertifoso della Juventus e Ginetto il fruttarolo.
Il sor Aldo col Penni continuarono l’allenamento del Mondrioni, nel caso in cui il tuonare del fucile avesse messo fine al bel sogno finora soltanto accarezzato.
La banda fece tappa al macello del sor Quintino dove, con la doppia chiave, Alberto trafugò vari “tagli” di prima scelta da usare come viatico col compare.

La regalia e la promessa dell’uso della bicicletta da corsa nuova fiammante di Alberto fecero breccia nel buon cuore di Zerbino che, comunque aveva già deciso autonomamente, ma si guardò bene dal dirlo, di andare a trovare il compare per proporre una battuta di caccia per quella nottata.
Così ci guadagnarono tutti, meno Quintino che alla riapertura del negozio, scoperto l’ammanco, avrebbe cercato di saldare i conti con chi sapete voi, naturalmente senza riuscirvi, come sempre.

Il compar Zerbino salì le scale di casa, con Alberto ben allineato e coperto dietro di lui e trovò la Sora Lella che giocava a briscola col nipote Aurelio e sul comodo divano l’organo a settantacinque canne di Quintino in piena funzione, talmente impegnato in quel roboante concerto che soltanto l’uso dei richiami da caccia riuscì nell’opra di risvegliarlo.
Non appena l’ingannevole squittire del tordo giunse all’orecchio del sor Quintino, l’aprire gli occhi e imbracciare la doppietta in posizione di sparo fu un tutt’uno e soltanto la visione del compare, a braccia in alto, in segno di resa, non fece shittare i due cani del fucile.

Tutto sommato non fu così difficile ottenere il benestare all’utilizzo del nipote, bastò scambiarlo con la promessa di un nugolo di storni e beccacce, avvistati nella campagna e pronti per finire sul bancone della macelleria: per il primato cittadino del Sor Quintino, miglior cacciatore al cospetto dei tanti invidiosi pretendenti.
Aurelio, accettò con entusiasmo, felice di sfuggire alle grinfie dell’invadente zia e alla briscola, in favore di un sicuro divertimento ai danni di quei poveri provinciali.

L’affare era fatto.
La brigata s’incamminò festante per il vicolo con destinazione Bar Commercio, pregustando una serata da non dimenticare.
Il Sor Quintino e il compare Zerbino, pregustando un cannoneggiamento nella campagna di Ospedaletto.
Alle 11 precise, la delegazione del Bar Commercio fece il suo ingresso solenne nella sala da biliardo del Circolo della Cultura gremita di tifosi starnazzanti per…… la sfida di mezzanotte.
Quando l’Aurelio, accompagnato dal Sor Penni, dopo aver salutato il pubblico con un aristocratico inchino, si diresse alla rastrelliera delle “stecche” per la scelta dello “strumento”, dal proscenio si levò un “ooohhhh!” di stupore.

Broccolino, che si stava scaldando da oltre mezz’ora, provando stecca personale e tiro sul campo di gara, quando si vide porgere la mano dall’emerito sconosciuto e capì che sarebbe stato il suo sfidante, cercò con lo sguardo, in mezzo al pubblico, il sor Cesare.
Ma il sor Cesare, già all’ingresso della delegazione in campo, vedendo quel volto non conosciuto ed avendo frequentato le più titolate sale da biliardo della Capitale, aveva avvertito un disagio crescente, intuendo che qualcosa non andava, e mentre lo sguardo del Broccolino monitorava la sala alla sua ricerca, egli era già arrivato, col suo incedere sincopato alla porta della Presidenza, aveva bussato ed era entrato, carico di dubbi e foschi presagi.

All’interno trovò un Signor Battista piuttosto agitato, intento a riempire una valigetta con documenti ed effetti personali. Messo al corrente della situazione imprevista, non mostrò grande interesse.
La cosa non sorprese il sor Cesare, che aveva già notato altre volte la stranezza del personaggio e la poca partecipazione alle vicende del Circolo, ma in quella circostanza la cosa lo preoccupò particolarmente e con maniere energiche e parole spicce lo convinse a recarsi nella sala del biliardo.

Quando entrarono nell’arena strepitante, i due contendenti stavano “arrotando” le stecche col “gessetto”, le due palle parallele, pronte per l’accostaggio che avrebbe determinato il diritto al primo tiro.
Il presidente del Circolo Culturale, riavutosi dal suo torpore, afferrò energico il microfono e col suo stile forbito richiese ed ottenne il silenzio assoluto ed attaccò:
“Questa straordinaria disfida è stata sempre disputata da concorrenti locali, poiché mi sembra di capire che il signor…?”
Qualcuno dal pubblico mormorò: “Aurelio” ed il sor Battista, “che il signor Aurelio, non fa parte del consesso paesano, senza alcun’offesa per lei, evero, ritengo che soltanto il benestare del nostro caro Broccolino possa autorizzare l’avvio di questa nobile tenzone.

Diversamente ci vedremmo costretti ad annullare la gara. ”
Il suo parlare magniloquente e la velata minaccia di una serata tanto bramata mandata in fumo, colpì la platea che, insolitamente silenziosa, rivolse la sua attenzione al campione del Circolo.
Il Broccolino non conosceva la paura anche se le viscere consigliavano, col loro sommovimento pericoloso, una certa cautela.
Guardò il tavolo della giuria e finalmente incrociò gli occhi del sor Cesare che inviò il messaggio tramite lo scuotimento orizzontale della testa: “NOOO!”.

L’allievo, nel silenzio più assoluto, vide in quell’interminabile attimo sfumare la possibilità di passare alla storia delle sfide cittadine come colui che aveva respinto l’assalto straniero alle mura del suo “Circolo”. Così, forte della propria sbruffoneria, tuonò il fatidico: “SI !!”.
La sala scoppiò in un irrefrenabile giubilo, alimentato soprattutto dai “nostri” conosciuti furbacchioni che unici in quel consesso si potevano leccare i baffi, davanti ad un bel Broccolino cucinato arrosto con patate.

Ad un imperioso gesto del temuto probiviro Chieti la sala zittì.
Il sor Cesare inquieto fumava nervosamente l’ennesima “muratti”.
Col classico scorrimento delle stecche sul pollice e l’indice della mano sinistra formanti una forcina, il tocco impercettibile del puntale sulla palla, s’iniziò il match.
Era l’accostaggio per stabilire chi, dei due contendenti, dovesse tirare per primo.
Il dolce ruotare delle sfere verso la sponda di partenza. Il silenzio. Gli ultimi impercettibili giri delle palle.

Quella del Broccolino ferma ad un centimetro dalla verde proda, l’altra a baciare.
Un vulcano eruttò nella sala, scaricando tutta la tensione accumulatasi nelle ultime giornate, ore, minuti e furono rombi, lava, cenere e lapilli.
Finalmente si giocava.
Al primo tiro, del primo “quarantotto”, Aurelio mandò con tocco perfetto la palla avversaria sui piroli che crollarono tutti sul panno e poi come telecomandata terminò la corsa nelle fauci della buca.

“Due.. quattro.. sei.. otto…e quattro fanno dodici, più due della buca: quattordici!!!” compitò il “Barone” Armando addetto alle “palline” colorate che segnavano i punti dei due contendenti.
I supporter del Bar esultarono a lungo, il Broccolino guardò sconcertato verso il posto occupato in precedenza dal sor Cesare, ma lo trovò vuoto come il suo stomaco secernente acidi gastrici letali.
Il presidente col Cesare ed il segretario Cingoletti erano chiusi nel salottino attiguo.

Dopo un breve parlottare decisero che il Cingoletti Mario, centralinista del Posto Telefonico pubblico, avrebbe raggiunto la sua postazione giornaliera e preso contatto coll’Associazione nazionale biliardo per scoprire qualche cosa sul conto del misterioso straniero.
Già al primo colpo il Sor Cesare aveva capito con chi avevano a che fare.
Al “Commercio”, Aldo sostava dietro la vetrina del suo bar vuoto e si godeva in pace l’ennesima “esportazione” senza filtro, guardando, in lontananza, le finestre illuminate del Circolo e prestando orecchio ai rimbombi che da esso giungevano.

Era certo del risultato finale della gara e comunque mai era andato in campo avverso, i suoi piedi si sarebbero rifiutati di varcare l’odiata soglia.
Nella piazza vuota, illuminata fiocamente dai lampioni, comparve all’improvviso, strisciando rasente i muri, una figura sghemba, con le lunghe gambe magre che aravano rapidamente l’asfalto.
Quando fu di fronte alle vetrate del Bar Commercio, istintivamente gettò uno sguardo sfuggente all’interno, ma fosse per i pensieri che gli correvano in testa o per la miopia cronica, non vide nemmeno lo sgradito spettatore di quella sua cavalcata notturna e proseguì “stortignaccolo” verso il posto telefonico pubblico, laggiù in fondo alla piazza.

Il sor Aldo invece lo aveva riconosciuto subito e cominciò a preoccuparsi: “Il Cingoletti, durante la gara che va al lavoro? Non può essere…a meno che…”.
Nella sala fumosa, la partita si stava trasformando da tragedia in farsa.
All’inizio il pubblico seguiva con partecipazione rumorosa la sfida ed era attento e nervoso, ma coll’andare delle carambole, dei colpi più spettacolari dell’Aurelio e di contro coll’affannarsi di Broccolino che oltre a non raccogliere un punto, non riusciva nemmeno a colpire la palla avversaria, cominciò a rumoreggiare all’unisono.

In aria già volavano cartocci di vecchi giornali e la situazione rischiava di degenerare.
Alla caserma dei carabinieri il maresciallo Casella si apprestava a salire sulla camionetta con due militi, il suo volto inespressivo nascondeva un gran turbamento, la destinazione era il Circolo Culturale.
Il centralinista Cingoletti dopo aver armeggiato nervosamente con gli spinotti, ottenne la comunicazione desiderata. Dopo le prime risposte alle sue domande, il suo volto scheletrico da cinereo divenne nero di rabbia, le spesse lenti da miope volarono in aria.

Lasciata la comunicazione aperta e il posto incustodito, si precipitò di gran carriera, per quanto consentitogli da quella struttura dinoccolata, nella direzione del Circolo.
Il sor Aldo che non s’era spostato d’un centimetro dal primo passaggio, assistette al secondo con turbamento misto a disperazione: era del tutto evidente che la “partita” si metteva male ed allora spense le luci, serrate le porte, prese cappello e data la buonanotte ai “suonatori”, si recò da Venanzia, eterna consolatrice delle anime in pena.

Mentre la camionetta dei carabinieri parcheggiava davanti al cinema, locale attiguo al Circolo, ed il segretario Cingoletti imboccava di gran carriera la rampa delle scale del medesimo, una lussuosa Lancia “Ardea” arrivava da Perugia con all’interno tre signori di gran classe, vestiti con abiti scuri e garofano all’occhiello, accompagnati da altrettante signore emananti grande charme.
Nella sala biliardo del Circolo la partita era giunta all’ultimo atto.
Dopo il primo “48” a zero punti, anche il secondo stava terminando nella stessa maniera.

Il Cingoletti irruppe concitato in sala, si precipitò al tavolo del presidente e, dopo un breve conciliabolo col sor Cesare, afferrò il microfono, accese l’amplificatore e chiese con voce tremolante il silenzio.
L’Aurelio, con la stecca in mano, non riuscì a tirare un “rinquarto” finale che avrebbe sancito la fine delle ostilità.
Il signor Battista, presidente del Circolo della Cultura, prese la parola con aria solenne:
“l’incontro ha da considerarsi nullo, lo sfidante sig.

Aurelio Fanti è un professionista, campione della Lombardia, pertanto la vittoria va a tavolino al signor Broccolino, campione del nostro Circolo, ora ci attendiamo pubblicamente le scuse da parte dei rappresentanti del bar Commercio. ”
Dopo pochi attimi di sbalordito silenzio, la sala esplose in un boato di proteste, accuse, invettive e contraccuse.
I più facinorosi dei campi avversi cercarono di passare alle vie di fatto, ma non vi riuscirono perché irruppe nella sala, con tutta l’autorità conferitagli dalla divisa e dal categorico cipiglio, il maresciallo Casella coi due carabinieri: le parole che pronunciò dal microfono fecero il resto.

“Signor Battista, la prego di seguirci in caserma: la dichiaro in arresto per falsa identità, truffa aggravata, appropriazione indebita, falso in bilancio, peculato ed abbandono del tetto coniugale. ”
A questa terribile sentenza il falso signor Battista divenne paonazzo e svenne.
Soltanto in seguito si seppe che don Ciccillo Chiuccio, noto truffatore di Aversa, discendente da una nobile famiglia del posto, aveva sin da giovane dissipato la sua esistenza con ogni sorta di mal comportamenti, girovagando per l’Italia, inseguito da mandati di cattura fino ad allora andati a vuoto ed approdato per l’ennesimo raggiro al paese che ben conosciamo.

Ma torniamo sulla scena del “delitto”.
Nell’accumularsi di tutti quegli avvenimenti, nessuno aveva notato l’arrivo in sala dei tre signori in redingote e delle signore in abito lungo, ma dopo che il Chiuccio ripresosi dal malore era stato trasferito nella locale galera, lo sbalordimento di tutte e due le compagini lasciò il campo alla curiosità per quell’insolita compagnia.
E come nella vita ogni dolore è mitigato dalla ricerca di una consolazione che aiuti a tirare avanti così in quell’amara circostanza il dottor Pecchio, facente funzione di Presidente pro-tempore, presentò con il microfono i fratelli Angeletti: il cavalier Virgilio e il professor Gianni, con le rispettive consorti, benemeriti del paese e ben introdotti nei migliori circoli del capoluogo.

Essi stessi presentarono il terzo Signore: il Campione del Mondo in carica Pablo Suarez, a Perugia per un’esibizione al famoso Circolo dei Filandoni e grazie a loro qui in sala per una pubblica dimostrazione individuale.
A questo stupefacente annuncio fece seguito un uragano di applausi, urla, grida e fischi alla pecorara (Alberto, Mondrioni e soci).
Altrettanta gioia non poteva provare il povero Ciccillo Chiuccio che dalle sbarre della piccola cella, privato delle stringhe delle scarpe e del suo papillon, meditava amaramente sulla sua vita scellerata e contemplando il cielo stellato ricordava le parole di suo padre: “Attento Franciè, le palle male adoperate giocano sempre brutti scherzi!”.

Sotto quello stesso cielo, ma in tutt’altra posizione, nella campagna silenziosa, una macchina di grossa cilindrata col motore spento era comunque scossa da convulsi fremiti.
All’interno, Giovanni Tettavalle stava raggiungendo l’estasi per merito dei pregevoli servigi orali dell’avvenente salumaia.
Al chiarore della luna, qualche chilometro più in là, il Sor Quintino ed il compar Zerbino, fregandosene di tutte quelle stronzate paesane, attendevano fiduciosi l’arrivo di uno stormo di pasciute beccacce.

Le mie storie (60) (seconda parte)

… Ho aperto gli occhi e l’orologio impietoso indicava le 8:30; avrò dormito non più di 4 ore, ma mi sentivo come nuova. Mi sono girata, e la sua mano era ancora “a cucchiaino”, mentre lui era immerso nel mondo dei sogni. Silenziosamente sono scivolata via per andare nel bagno dove mi sono fatta 1 doccia calda. Dopo essermi velocemente vestita (faceva piuttosto freddino) sono scesa a fare colazione, e non vi dico il ben di Dio che ho trovato sulla tavola.

Mentre ero ordinatamente in fila, mi si è avvicinato 1 ragazzo che voleva palesemente attaccare bottone. Io come al solito sono stata educata, salvo poi scuotere il capo alla vista della sua ragazza o moglie che appena arrivata nella sala, lo ha redarguito con 1 sguardo per poi riprenderlo 1 volta arrivati al loro tavolino. Ma si sa gli uomini sono tutti uguali. Io guardavo la scena da lontano mentre sorseggiava il mio caffè con il cornetto.

Quando poi mi sono passati davanti per tornare in stanza, lui mi ha sorriso di nuovo come per far vedere che non era successo nulla. Io intanto avevo preso 1 caffè ed 1 brioche da portare a Davide in camera. Quando sono tornata lui dormiva ancora placidamente, così sono rimasta un po’ a pensare come doverlo risvegliare; poi dopo essermi sfilata di dosso il vestito ed essere rimasta in mutandine ed autoreggenti, sono sparita sotto il piumone fino ad arrivare al suo uccello che con la lingua ho cominciato a stuzzicare.

Piano piano l’ho messo in bocca e poi con le labbra l’ho fatto scivolare fino in gola. Si stava svegliando, ad ogni movimento cresceva sempre di più e diventava sempre più duro; fino a quando ho sentito dirgli “buongiorno” e con 1 mano che mi accarezzava i capelli spingeva la mia faccia contro il suo uccello. Dopo un po’ mi è venuto in bocca ed io, dopo essere risalita fino a guardarlo negli occhi, ho buttato giù tutto, per dargli ulteriore dimostrazione di quanto sia bene con lui.

Dopo 1 lavaggio veloce, si è vestito ed è andato a fare colazione, mentre io mi sono messa il costume e sopra l’accappatoio per poi scendere giù nel centro benessere. Prima tappa una piscina riscaldata all’interno di una grotta… mi sono immersa ed ho chiuso gli occhi rilassata. Insieme a me c’erano non più di cinque persone, ognuna a debita distanza l’una dall’altra, dopo una decina di minuti è arrivato anche Davide che dopo avermi chiesto come fosse l’acqua, si è calato giusto di fianco a me.

Io non so se fosse l’ambiente, che avendo una luce soffusa (in parte naturale in parte artificiale) alimentasse certe situazioni, ma tra le persone presenti in acqua, ognuna pensava al proprio partner. Le voci si percepivano appena, così come i corpi che con delicatezza ed educazione magari si accarezzavano. Dal lato opposto al nostro c’erano due stranieri un po’ avanti con l’età, (dall’aspetto immaginavo fossero tedeschi) il cui uomo, posto dietro le spalle della donna, la massaggiava delicatamente in un quadretto molto romantico.

Al contrario il mio partner, con un braccio era appoggiato al bordo mentre l’altro si era insinuato tra le mie cosce accarezzandomi la micia da sopra al costume. Il suo dito strisciava su e giù contro il cotone elastico, ed ogni tanto premeva verso l’interno come a voler entrare; io inizialmente avevo soltanto 1 senso di totale relax, ma piano piano ho cominciato a sentire i brividi e la micia che non era bagnata più soltanto di acqua.

Così gli ho spostato la mano dentro e lui mi ha affondato subito 2 dita, provocando 1 fremito che lo ha fatto molto eccitare. Ha cominciato a guardarmi mentre sott’acqua sapientemente faceva il suo dovere, io con gli occhi chiusi godevo come 1 matta, poi quando stavo per venire li ho aperti ed ho visto il suo sguardo che, molto eccitato, si affannava a compiere la sua missione aiutato dalla mano. Dopo la piscina, ci siamo spostati nell’area massaggi, dove ho scoperto di avere muscoli fino ad allora inesistenti.

Poi dopo il massaggio, lui ha deciso di non farsi imbalsamare dalla creta, al contrario della sottoscritta. Quindi è uscito a farsi 1 passeggiata mentre 1 ragazza sapientemente mi copriva di fango il tutto accompagnato dal solito massaggio miracoloso. Poi mi ha detto che sarei dovuta rimanere in quella situazione per 1 mezz’oretta, ed io ho provato a prendere sonno di nuovo, aiutata anche da 1 musica in sottofondo che nella mia mente avrebbe dovuto conciliare il tutto.

Invece dopo qualche minuto, dalla porta d’ingresso ha fatto capolino Davide che dopo essersi fatto una immensa risata le mie condizioni si è avvicinato minaccioso al mio lettino e sapendo che io dovevo stare ferma, ha cominciato a stuzzicarmi la micia, pizzicandomela e giocandoci con le dita. Mi sono eccitata ma non sono venuta anche perché dopo poco è rientrata la massaggiatrice. Praticamente restaurata, siamo andati a pranzo al ristorante, e dopo esserci mangiati di tutto di più, accompagnato con un buon vino, ci siamo avviati in stanza.

Un po’ la testa che mi girava, un po’ il relax del massaggio, appena ho toccato con la schiena il letto, me lo sono ritrovato sopra che cominciava a spogliarmi e baciarmi dappertutto. La pelle più liscia che mai sentiva le sue mani forti che con vigore toccavano i punti giusti, le cosce allargate, il suo boxer che non appena scoperto mostrava il suo grosso uccello duro, e stavamo di nuovo facendo sesso. Ad ogni suo colpo, la mia schiena si inarcava, la mia micia si bagnava ed io ero sempre più eccitata.

Poi quasi a volermi sfondare, un’ultima spinta e mi sono sentita piena di lui e del suo seme dentro di me. La pennichella pomeridiana era d’obbligo dopo quell’ultimo sforzo così con il televisore che trasmetteva non ricordo neanche più cosa, mi sono addormentata con le mutandine ed una maglietta sua. Un paio d’ore dopo ho sentito qualcosa sfiorarmi le labbra, poi le guance. Istintivamente con una mano mi sono grattata il viso e mi sono girata dall’altro lato, ma dopo qualche secondo di nuovo ho sentito qualcosa toccarmi il mento e salire più su.

Il tempo di capire cosa fosse e mi sono resa conto di avere la sua cappella morbida appoggiata alla mia bocca. Con gli occhi semichiusi ho leggermente aperto le labbra e piano piano l’ho messo dentro. Ho cominciato a succhiarlo e man mano che salivo e scendevo il suo uccello diventava sempre più grossi ed io mi svegliavo di più. Tornata in me, ho guardato Davide che era completamente sopra il mio torace e mentre godeva mi sorrideva.

Poi ha deciso di metterlo un po’ fra le tettone mentre io con le mie mani le stringevo fino a farglielo sparire in mezzo. Mi è venuto letteralmente in faccia, ed è così che è cominciato il pomeriggio. Una sciacquata veloce, il costume e di nuovo giù a farci un bel bagno caldo nelle vasche enormi. Un altro massaggio e si era fatta ora di cena. Davide avrebbe voluto mangiare in camera, ma io mi ero portata due vestiti e quindi da buona femmina, dovevo indossarli entrambi.

Così per dargli un contentino gli ho fatto scegliere che intimo dovessi indossare. Sono scesa con un vestito nero elasticizzato che arrivava alle ginocchia, scoperto sulle spalle e senza reggiseno. Le autoreggenti ed un tanga (l’unico che ho) completavano il mio abbigliamento insieme ad una scarpa con il tacco (non eccessivo). La sala era piena, noi eravamo leggermente defilati e nell’attesa della cena, ci siamo messi a guardare le altre coppie presenti. C’era una fauna piuttosto varia, dagli anziani tedeschi innamorati che già avevo notato la mattina, alla coppia in cui lui mi aveva fatto il filo e che mi guardava palesemente; poi c’erano un paio di coppie anonime ed alcune famiglie i cui bambini per fortuna rendevano vivo l’ambiente.

Lui aveva dannatamente fretta di tornare in camera, dopotutto sarebbe stata l’ultima notte, io ero già rilassata e contenta per come è andata fino ad allora, visto che comunque venivo da un periodo di lavoro piuttosto pesante. Ma, non potevo certo deluderlo per cui dopo avere mangiato velocemente il dolce, ed avergli fatto notare che non erano neanche le undici, uno schiaffo sul culo mi ha fatto capire come sarebbe proseguita la serata/nottata.

Nell’ascensore mi ha sollevato il vestito cercando di aprirsi il pantalone per scoparmi durante il tragitto, ma essendo al primo piano, non ha fatto neanche in tempo ad abbassarsi la cerniera; in compenso al suono del campanello che anticipava l’apertura delle porte, io avevo messo culo di fuori, ed all’ingresso c’erano due signori anziani che mi hanno squadrata per bene. Con la faccia color porpora sono uscita e spinta dalle sue mani siamo arrivati in stanza.

Era irrefrenabile, mi ha abbassato il vestito per far uscire i seni, mentre li succhiava in modo alternato, mi ha alzato la parte di sotto, mi ha appoggiata alla porta del bagno e dopo aver spostato il tanga, lo ha messo dentro con forza tanto da farmi anche un po’ male. Mentre si muoveva dentro di me, gli dicevo di fare più piano, dopotutto la fica era la mia, ma neanche il tempo di cominciare ad eccitarmi per bene che è venuto.

A quel punto però sono stata io a dirgli che era il mio turno di godere e doveva continuare a spingere, lui ridendo mi ha ascoltata, poi senza toglierlo da dentro mi ha portata sopra al letto e dopo avermici poggiata, ha preso uno dei suoi giochini ed ha continuato a metterlo dentro mischiandolo al suo sperma fin quando non sono venuta anche io. La sua irruenza certe volte mi mette a disagio, perché non riesco più a gestirla come avrei potuto fare tanti anni fa, ma alla fine però rimango sempre contenta.

Dopo essermi spogliata completamente ed aver lasciato su, su sua richiesta, soltanto Le autoreggenti, sono andata in bagno a sciacquarmi e lavarmi i denti, mentre lui con i fazzolettini era dedito a pulire il suo uccello insieme al dildo (così ho scoperto che si chiama quell’affare morbido, dopo averlo letto sulla shitola). Poi l’ho visto rivestirsi e quando gli ho chiesto come mai, mi ha risposto che doveva scendere 1 attimo giù per 1 caffè che lo tenesse sveglio.

Sono rimasta sola e il mio sguardo è finito (e non era la prima volta che succedeva) sull’ultimo dei giochini che si era portato dietro il mio giovane amico: quelle palline legate da 1 corda. Così, dopo averle studiate un po’ (non avevano nessun involucro), ho capito che andavano inserite dentro, e piano piano 1 dopo l’altra ne ho messe alcune nella fica, per poi tirarle via delicatamente e sentire quel brivido che avevo immaginato dovesse arrivare.

Mentre giocavo, ho sentito bussare alla porta, era lui che tornando ne aveva approfittato per portare su un po’ di roba da mangiare (marmellate, biscotti eccetera). Quando ha visto sul letto le palline, mi ha chiesto se le avessi provate, alla mia risposta affermativa, un po’ arrabbiato mi ha chiesto di rifarlo davanti a lui. Io per l’ennesima volta gli ho detto di stare tranquillo che la notte era ancora giovane. Il tempo di posare il vassoio sul mobile di fronte al letto che ero alle sue spalle abbracciata a modi zainetto e con le labbra gli baciavo il collo e i lobi delle orecchie.

Lui per un po’ mi ha lasciata fare, poi mi ha girata di fronte ed abbiamo continuato a baciarci. Con le mani gli ho sbottonato il pantalone, ed eccolo di nuovo li, il suo uccello pronto a soddisfare ogni mia voglia per l’ennesima volta. Mi sono seduta su di lui ed ho cominciato letteralmente a cavalcare quel manzo che mi teneva su di sé. Più spingeva più godevo ed ancora 1 volta dalla sua cappella ho visto uscire fiumi di sperma che hanno sporcato il lenzuolo.

Sarà stata dopo mezzanotte quando a lui è venuta l’idea più bizzarra dei 2 giorni. Mi ha detto di indossare l’accappatoio, e dopo averlo fatto anche lui siamo scesi nella zona piscine. Avevamo letto che erano aperte 24 ore su 24 ma non credevamo si potessero utilizzare. Invece con nostra somma sorpresa, la prima che abbiamo “visitato” era occupata da 1 coppia che placidamente nuotava come se fosse giorno. Allora mi sono ricordata che girando ne avevo vista 1 piccolina, poco più grande di 1 idromassaggio ma molto caratteristica per le luci e le pareti in pietra.

All’ingresso abbiamo visto che era vuota ma le porte di vetro non si aprivano; ho messo messo dentro la carta d’ingresso della nostra stanza e come per incanto si sono spalancate permettendoci di entrare. Eravamo tutti e 2 completamente nudi, siamo entrati dentro ed abbiamo cominciato a fare sesso, io con le spalle a bordo e le gambe aggrappate al suo torace e lui che piano piano entrava ed usciva da me. Naturalmente gli ho fatto mettere il profilattico per non sporcare l’acqua della piscina; è stata 1 cosa meravigliosa, i movimenti erano più leggeri, l’acqua calda faceva aumentare la mia eccitazione ed anche quando mi ha sussurrato nell’orecchio che voleva il mio culo, quasi con naturalezza mi sono girata concedendoglielo.

Dopo aver goduto entrambi, così com’eravamo arrivati in maniera silenziosa, siamo tornati in stanza per fortuna senza incontrare nessuno. Sarà stata l’adrenalina dell’uscita notturna, sarà stato il rilassamento, ma entrambi eravamo quanto mai svegli nonostante fosse notte inoltrata. Abbiamo acceso il televisore e mentre io lo benedicevo per aver portato in stanza quella serie di dolciumi che stavano placando la mia fame, lui ancora 1 volta mi ha mostrato le palline. Al contrario io avevo 1 altra idea in mente, così sono sparita sotto il piumone munita di Nutella e dopo essermi aperta 1 spiraglio di luce sul fondo del letto, ho cominciato a spalmargli la cioccolata sul uccello.

Vi confesso che non era la prima volta che lo facevo, visto che è 1 delle mie debolezze sessuali. Con Davide era già successo di fargli e farmi questo giochino orale, così quando ha sentito cosa stessi facendo, è stato ben felice di lasciarmelo fare. Piano piano però mi sono messa più comoda sino ad essere a cavalcioni al contrario, insomma il classico 69. Inizialmente il suo uccello tutto marrone non era particolarmente bello da vedere, ma vi assicuro che 1 volta in bocca, sentirlo indurirsi mentre si assapora la Nutella, è qualcosa di eccezionale.

(1 giorno vi racconterò come ho scoperto questo giochino). Non avevo fatto i conti però con il fatto che lui si trovava di faccia il mio grosso culone nonché la mia micia. Ed ecco che mentre assaporavo il mio dolce uccello, ho sentito qual cosa premere all’ingresso della fica: aveva preso l’iniziativa di mettermi dentro le palline. Una, due e 3, con l’aiuto delle sue sapienti dita, le aveva messe dentro, e piano piano le ha tirate fuori provocandomi quel gemito che già avevo assaporato ma che insieme all’eccitazione per la pompa che stavo facendo mi ha fatto andare alle stelle.

1 volta tolte le palline ho sentito dentro le sue dita cominciare a spingere ed a bagnarsi. Mi sono tolta la coperta di dosso e lui dopo avermi messa a pecorina ha iniziato a scoparmi per l’ennesima volta, fino a farmi sentire la schiena bagnata dal suo sperma. Dopo essermi ripresa da non so più quale orgasmo (avevo cominciato a contarli ma invano), mi sono messa a pelle di leone e gli ho chiesto di pulirmi visto non avevo la forza per 1 doccia.

Dopo aver preso la sua maglietta, mi sono girata su 1 fianco e sono letteralmente crollata. Alle 8 la sveglia ci ha drammaticamente riportato alla realtà. Il pomeriggio avrei dovuto lavorare, così dopo essermi fatta l’ennesima doccia, questa volta da sola (lui dormiva ancora), ho preparato la valigia e sono scesa a fare colazione. Così come il giorno prima,, mi sono imbattuta nel mio estimatore, che tanto per cambiare ha cercato di fare il fenomeno, ma questa volta, un po’ devo dire ci è riuscito visto che, non so come, ma mi sono ritrovata il suo biglietto da visita vicino al posto dove avevo deciso di mangiare.

Intanto Davide aveva fatto il suo ingresso nella sala, ho aspettato che finisse, poi siamo tornati sopra abbiamo salutato la nostra meravigliosa suite ed in 3 ore ero di nuovo a Napoli, pronta a ricominciare la solita routine.
Mentre ho scritto, ho ripensato a quel weekend in maniera sempre più minuzioso nonché con 1 velo di tristezza, per cercare di essere precisa ma anche perché, oggi 10 maggio diciamo che i rapporti con Davide non sono proprio dei migliori.

Ma questa è 1 altra storia.

Una Spagnola Nelle Tettone Della Zia

Da piccolo passavo parecchio tempo a casa dei miei zii in quanto avevano una bella casa in campagna con tanto spazio per giocare all’aperto.
I miei zii erano persone molto normali e mia zia in particolare era una bella donna con forme generose.
Quando ero un po’ più grandicello avevo anche fantasticato su mia zia…
Lei era non tanto alta ma abbastanza in carne , un sedere non piccolo ed un seno che si faceva notare.

Credo di essermi chiuso qualche volta in bagno con delle sue mutande prese dalla biancheria sporca ed essermi masturbato pensando alle sue tettone.
Ma questo faceva parte del passato.
In età più adulta c’erano stati alcuni screzi familiari che mi avevano portato all’allontanamento dai parenti, compresi questi zii.
Venne però il giorno in cui la loro figlia, mia cugina, decise di sposarsi ; fu così che mi vidi recapitare l’invito per le nozze.

Sentendomi leggermente a disagio decisi di chiamare mia zia prima del giorno del matrimonio ; volevo chiarire alcune cose onde evitare che si creassero situazioni imbarazzanti proprio in quel giorno.
La chiamai una sera dopo il lavoro ; mi rispose gentilmente e mi disse che era passato talmente tanto tempo che non ricordava neanche più i motivi del nostro distacco ; lo intesi come un modo per riappacificarsi.
Anzi , mi disse di passare da lei una sera qualche giorno prima del matrimonio , così , tanto per rivedersi dopo tanti anni.

Decidemmo la sera e finito il lavoro passai da lei.
Mi aprì il cancello e mentre percorrevo il vialetto la vidi uscire di casa ; era rimasta più o meno uguale ed essendo non molto magra già molti anni prima, non si denotava un particolare invecchiamento.
Era d’estate ed indossava una canotta nera con un reggiseno nero che conteneva a stento quell’enorme decolletè ; sotto aveva una gonna scura ed il fondo schiena forse era un po’ lievitato.

Mi diede un caloroso abbraccio e due baci sulla guancia e mi fece entrare in casa ; tutto era rimasto più o meno uguale. Lo zio non era in casa ma sarebbe arrivato più tardi.
Mi fece accomodare e mi preparò un caffè ; parlammo del matrimonio imminente e del più e del meno.
Fu allora che decise di sedersi vicino a me sul divano ed iniziò a dirmi che mi ero un po’ irrobustito e che avevo un po’ di pancetta…ma che a lei quella pancetta piaceva molto.

Scherzammo molto su storie riguardanti la mia infanzia e su quando mi aveva sorpreso semi nudo (ma ancora piccolo) che correvo dietro a mia cugina !!
“Vorrei vedertelo fare ora” disse e poi si mise a ridere.
“Beh son vestito leggero e faccio in fretta a spogliarmi e correre” ribattei io mettendomi a mia volta a ridere.
Lei però mi fece notare che mia cugina non c’era ed io risposi che avrei rincorso lei ; la risposta fu “altro che correre , mi prenderesti subito!!”.

Gli attimi che seguirono furono ambigui ; da una parte avrei voluto dirle “dai proviamo lo stesso!” ma dall’altra pensavo che come al solito ero solo io ad avere pensieri strani e rischiavo di farmi una figuraccia.
Proprio in quei momenti sentimmo aprire la porta di casa ed una attimo dopo entrò mio zio.
Era un uomo basso di statura e mingherlino ; mi salutò e parlammo ancora per una decina di minuti del più e del meno.

Venne quindi l’ora di congedarmi e mio zio mi salutò e sparì a farsi una doccia.
Rimasi nuovamente solo con mia zia davanti alla porta ; mi saluto con un caloroso abbraccio e due baci stampati sulle guance e mi diede appuntamento al matrimonio.
Qualche giorno dopo , partecipai alla cerimonia ; rividi molte persone ed ebbi l’occasione di salutare parenti ed amici che non vedevo da molto tempo.
Il rinfresco fu organizzato nel parco di una villa del posto ; la giornata di sole e l’atmosfera di allegria rendeva il tutto piacevole.

Mia zia si dava molto da fare nell’intrattenere gli ospiti , nel curare mia cugina e … nel curare me ; per tutto il giorno ebbi la netta sensazione che mia zia mi gironzolasse attorno.
Verso la fine della cerimonia mi ero accomodato su una panchina leggermente distante dai festeggiamenti ; mi godevo un po’ di fresco tipico del sopraggiungere della sera e mi guardavo il gonfiore della pancia piena di ciò che avevo mangiato al banchetto nuziale.

D’un tratto dal vialetto spuntò mia zia che si avvicinò e si sedette accanto a me.
“Non ti vedevo più e allora son venuta a cercarti” mi disse sorridendomi e dandomi un buffetto sulla pancia.
“Ti è piaciuta la cerimonia?” risposi di si e lei mi elencò brevemente tutte le cose che aveva dovuto organizzare per far funzionare al meglio quella giornata ; lei parlava ed io non riuscivo a staccare gli occhi dal quel seno prorompente che si muoveva davanti a me.

Aveva un vestito color pesca abbastanza classico , lungo con spalline e scollatura ; sulle spalle poi si era messo un velo.
Era molto abbronzata e questo faceva risaltare ancora di più la sua pelle e… la sua carne.
Quella carne che riempiva il suo seno sodo e le sue cosce e che iniziavano a farmi sudare leggermente.
Lei come tutte le donne se ne accorse e ebbi l’impressione che giocasse su questa cosa ; accavallò le gambe ed inevitabilmente il vestito salì su scoprendo ancor di più quelle fantastiche gambe.

Lei concluse il suo discorso dicendo che era veramente contenta che io fossi lì e che mi trovava proprio un bell’uomo , capace di far girare la testa alle donne ,
“Se fosse così come dici tu cara zia, avrei una donna qua con me ed invece sono single” ribattei io.
“Le giovani donne di oggi capiscono poco in fatto di maschi” disse ; ai miei tempi , uno come te non me lo sarei fatto scappare”.

“Beh io sona qua” dissi mettendomi a ridere e sperando di non aver calcato troppo la mano.
“Hai ragione” rispose lei mettendosi a sua volta a ridere ed appoggiandomi una mano sulla mia coscia.
Nel far la risata si abbassò in avanti ed il suo seno fu completamente sotto i miei occhi … mi stava venendo una voglia pazzesca di scoparmi mia zia .. lì .. in quel preciso istante.
In un attimo mi feci un film mentale su cosa avrebbe potuto accadere nel caso avessi forzato la mano.

Ma non ebbi tempo di terminare il mio pensiero perché lei con una voce calma e bassa mi sussurrò “caro nipote tua zia ad un giovanotto come te , potrebbe far del male…”.
In quel momento comparvero mia cugina ed il suo neo marito che ci invitarono ad iniziare il saluto dei parenti in quanto i festeggiamenti volgevano al temine.
Ci alzammo ed io lanciai un’occhiata a mia zia ; lei mi guardò per un instante e socchiuse le labbra ; ero in totale confusione.

Mi avviai anche io a salutare un po’ tutti e alla fine feci per andarmene ; mia zia però mi chiamò.
Aveva necessità di un passaggio in auto in quanto mio zio era andato a portare a casa i suoi genitori che essendo molto anziani non guidavano più da molto tempo.
Dissi che per me andava bene ma che doveva scarpinare un po’ perché avevo lasciato l’auto al fondo del viale , dopo il parcheggio della villa ; lei disse che non c’era problema.

Ci avviammo facendo un po’ di attenzione perché ormai era buio ; al fondo del viale alberato si vedeva la mia auto solitaria , al confine con il parco della residenza.
Lei mi parlò nuovamente del matrimonio ed io capii che era ora di abbandonare l’idea di un seguito hot con lei…
Salimmo in auto e qua accadde l’imprevedibile.
Così come fino ad un istante prima stava elogiando la bellezza del matrimonio appena concluso , mi fissò negli occhi e mi disse “è tutto il giorno che me lo guardi…vuoi vedere com’è dal vivo ?”
E senza lasciarmi il tempo di dire qualcosa , si abbassò leggermente il vestito da una parte con la sua mano ; l’altra mano la mise sotto il seno sinistro e ne tirò fuori una tetta bella grossa.

Con la stessa mano la schiacciò e me la protese in avanti , mentre con la mano prima posata sul vestito , mi prese per la nuca e mi abbassò sul suo capezzolo gonfio.
Mi trovai con la sua tettona in bocca e lei che mi spingeva contro , quasi con violenza … “forza tesoro succhiamela tutta perché si vede che muori dalla voglia di farlo…succhiala bene..”
Nel pieno dell’eccitazione obbedii … avevo quella grossa quantità di carne nella mia bocca…succhiai e leccai avidamente e dalle sue parole si capiva che stava godendo.

Ad un certo punto pensai che era rischioso stare lì , qualcuno poteva vederci ; lei annuì e si ricordò che abitavo da solo ; “portami da te” disse. E così feci.
La villa si trovava non lontana da casa mia e quindi presi la strada.
Lei si risistemò il vestito ma ancora prima che io potessi dire qualcosa , lei mi sbottonò i pantaloni ed iniziò a toccarmi il cazzo che ormai era gonfio.

“Zia ma…”, “taci e guida “ mi disse.
Lei si chinò su di me ed iniziò a leccarmelo ; sentivo il calore della sua bocca e della sua mano.
Era pazzesco , stavo guidando mentre mia zia mi spompinava. stavo quasi per venire ma la fermai “evitiamo incidenti stradali” le dissi.
Lei mi sorrise e mi chiese quanto mancava per arrivare a casa mia ; “arrivati ora” risposi.
Parcheggiai l’auto e scendemmo ; in un attimo fummo in casa.

Mi chiedette che intenzioni avevo ; “te lo rimetto in bocca e tu mi pompi come hai fatto fino ad un minuto fa “
Mi guardò con aria furbetta “no, cambiamo … io apro le gambe e tu mi lecchi la figa …mi devi far bagnare ancora più di adesso… e quando sarò abbastanza bagnata , mi scoperai con il tuo bel muscolo di carne” era molto autoritaria.
Si allungò sul divano , si sfilò le mutandine ed apri le cosce ; per la prima volta visi la sua spacca , leggermente pelosa con delle labbra molto gonfie.

Andai avanti a leccarla e tutto ciò la faceva godere molto.
Ad un certo puntò mi spostò la testa “ora tesoro sei pronto a scopare la tua zia “.
Mi alzai e con un colpo di reni la penetrai violentemente ; lei gridò , un misto dolore e godimento.
“Sai che non ti facevo così porca zia?” e dicendole le tirai fuori le tettone dal vestito.
Lei annui ma da come aveva riversato indietro la testa mi parve di capire che stesse godendo molto.

Andai avanti per un buon quarto d’ora a pomparla con foga fino a quando le dissi che era meglio cambiar posizione. ”E perché mai” disse lei, “perché voglio godere di te in ogni posizione” risposi io.
La risposta la soddisfò , mi spostò indietro e seduta davanti a me inizio nuovamente a succhiarmi il cazzo.
Era brava , molto brava … usava poco le mani ma con la bocca si muoveva dalla base fino alla cappella … quel suo roteare la lingua intorno al mio muscolo di carne , mi faceva morire!
Le avvolsi la testa nelle mie mani e spinsi la spinsi contro il mio cazzo duro , lei non batteva ciglio e continuava a succhiare.

Esplosi in un violento fiotto di sborra che in parte venne ingoiato d in parte produsse un rivolo che colava giù dalle sue labbra.
Lei continuò a leccarmi in maniera più dolce e poi mi fece sedere ; mi baciò in bocca e mi passò parte del mio sperma.
Esausti ci guardammo un po’ senza proferire parola poi attaccò lei “beh magari questa cosa ce la teniamo per noi” , io ovviamente annuii sperando che quella fosse solo una prima volta seguita da altre.

Guardammo l’ora e mia zia disse che mio zio sarebbe quasi stato di ritorno…capii che dovevo riaccompagnarla.
Ma mi sbagliai ; lei mi guardò con aria furba e poi ricominciò ad accarezzarmi la verga.
“Abbiamo qualche minuto , non sprechiamolo” e detto questo salì sopra di me in quanto il mio cazzo era nuovamente di marmo.
Iniziò con un movimento lento mentre mi baciava e mi strofinava le tettone contro di me ; andava su e giù molto lentamente godendosi ogni centimetro del mio bastone di carne.

Io intanto godevo di quello spettacolo di seno ; era lì davanti a me che si muoveva lentamente su e giù , i capezzoli durissimi e gonfi.
Ogni tanto le mettevo una mano sotto per “soppesare” quel ben di Dio , poi lo tiravo a me e lo succhiavo.
Scoprii che le piaceva farsi strizzare i capezzoli … più li strizzavo più lei aumentava l’intensità della cavalcata!
Io ero in estasi e faticavo a non venire ; poi lei cacciò un urlo soffocato e venne , bagnandomi completamente il cazzo.

Scese da me e si rimise seduta sul divano ; poi mi volle nuovamente un piedi davanti a lei.
Mi prese il cazzo in bocca e lo succhiò per un paio di minuti ; poi se lo infilò in mezzo alle tettone ed iniziò una spagnola folgorante.
Sentivo il cazzo stretto in quella morsa di carne calda mentre la punta della mia cappella veniva solleticata dalla sua lingua.
Come previsto , non resistetti molto ; la sborra le inondò il seno e lei mi sbattè il cazzo contro i suoi capezzoli.

Poi me lo leccò ancora per qualche minuto e quando lo ebbe ripulito per bene disse “dai ricomponiamoci che mi devi portare a casa” ; io annui e mi preparai.
Prima di uscire da casa m feci coraggio e le dissi “zia tutto questo avrà un seguito?”. Lei si avvicino ed ancor un po’ eccitata mi diede un bacio passionale , caldo e lunghissimo “conosci una ragione per non continuare? E poi io di buchetto non è ho mica uno solo”.

A quelle parole il cazzo mi torno duro ma ovviamente non avevamo più tempo.
Durante la discesa in garage ci fermammo a baciarci ancora , incuranti dei rischi.
La riaccompagnai ed una volta sotto casa ed approfittando del buio , la baciai e le diedi una vigorosa palata alle tettone morbide. “così ti voglio!” disse lei “ e ricordati del mio buchetto che attende un tuo massaggio carnale”. Scese dall’auto e la guardai entrare nel portone di casa.

Girai l’auto e tornai indietro ; dopo poco ricevetti un messaggio da lei.
“Tuo zio dorme dai genitori…se non sei troppo stanco potremmo…”.
Corsi da lei e ….

Figa d';acciaio

Lo specchietto retrovisore alzava il sipario su una calda mattina di inizio Ottobre. Un mese che annuncia l’inverno in molti posti, ma non a Roma. Qui gli ultimi squarci d’estate regalano giornate di sole e temperature elevate. Valentina osservò le macchine dietro di lei, riflesse nello specchietto. Poggiò le mani affusolate e ben curate e lo spostò di pochi centimetri per potersi guardare. I suoi occhi verdi raccontavano bugie, le labbra carnose peccaminosi segreti.

I lunghi capelli neri cadevano copiosi sulle spalle. Il viso sembrava uscito da un fotoromanzo osé. Valentina sorrise e scese dalla macchina. Nel voltarsi per chiudere lo sportello due operai, a pochi metri da lei, rimasero come incantati davanti alla sua silhouette. Era impossibile non guardarla. Valentina era bellissima e il suo abbigliamento era il frutto più proibito: una poliziotta della stradale. Non una semplice vigilessa, ma la ex recluta più alta come punteggio al C.

A. P. S. Il suo lavoro consisteva nel pattugliare la Cassia e la Flaminia, due arterie nevralgiche del nord della capitale. Valentina si allontanò dalla macchina e superò i due operai. Lei notò come la guardavano, e anche se era lo stesso sguardo di libidine che la “seguiva” sin dai tempi del liceo, lei non poté che provare una ventata di piacere. Essere guardate e desiderate è uno dei pochi piaceri che una donna non baratterebbe mai.

Specialmente Valentina.

“Che culo da dea” – disse uno dei due uomini. Come dargli torto. Due cupole di carne tonda e soda che gli allenamenti in palestra, e l’originale tocco di Dio, tonificavano ogni giorno. A 26 anni Valentina era nel fiore della bellezza e della sensualità. Gli stretti pantaloni neri della divisa, e la camicia abbottonata poco facevano per nascondere le sue gambe sinuose e la sua terza piena. 1. 70 cm di proibito peccato.

Valentina era consapevole della sua bellezza, come ogni mantide sapeva tessere ragnatele di sguardi e provocazioni. Il carattere deciso e maniacale nel lavoro, l’ambizione e la prorompente sensualità non potevano certo passare inosservati. I colleghi più giovani facevano a gara nell’invitarla ad uscire dopo il lavoro, i più anziani parlottavano tra loro come marinai in licenza. “Figa d’acciaio”, questo era il soprannome che le avevano dato. Ai tempi della scuola uno dei ragazzi dell’ultimo anno scrisse sul muro dei bagni: “Valentina P.

se te lo fa venire duro, tu sbattila al muro”. A ben vedere le espressioni erano cambiate, ma la protagonista restava lei.
Valentina entrò in un bar e ordinò un caffè. I tagli di budget e personale fecero sì che da circa un mese, lei pattugliasse in solitaria. La cosa non le dispiaceva affatto. Poteva godersi il piacere di multare un uomo spericolato, senza irritare il collega. Lui la detestava quando si faceva prendere la mano, ma era così divertente vedere gli occhi di rabbia di certi uomini mentre lei staccava il blocchetto delle multe.

Quelli stessi guidatori che vivevano nello stereotipo che “la donna non sa guidare”, erano costretti ad abbassare i toni e svuotare di 100-150 euro il portafogli.

Valentina uscì dal bar e una grossa moto balzò sul marciapiede a pochi metri da lei. Era un Harley Davidson con una lunga processione di stemmi militari sulla fiancata. A guidarla un uomo di circa 35 anni, capelli neri corti e occhiali da sole, il casco dimenticato in chissà quale garage.

Sembrava uscito da un film alla Easy Rider, ma il suo aspetto non aveva nulla dell’hippie sognatore dell’autostrada americana. I tratti marcati e i muscoli scolpiti sotto la nera t-shirt attillata, ricordavano un biker di provincia, cresciuto ad addominali, film d’azione e spacconate.
“Ma come diavolo guida! Scenda subito dal marciapiede!” – intimò Valentina, tutto d’un fiato con la sua voce calda ma decisa.
“Non ti scaldare dolcezza, vado a comprare le sigarette e torno” – rispose l’uomo con malcurata indifferenza.

Nel farlo scese dalla moto e si tolse gli occhiali. Il suo viso era duro, ma attraente. Non era certo il tipo di uomo che una donna vorrebbe come marito della propria figlia, ma aveva il fascino rude e virile di chi ti dice con gli occhi: “Bella te la faccio fare io una vera scopata”. E probabilmente ci riusciva senza troppo sudare.
“Ma dove credi di andare? Arrivi qui tutto gas, senza casco e piazzi la tua moto bella e fresca sul marciapiede” – continuò Valentina.

“Ma chiudi un occhio cowgirl. Ci metto un minuto” – rispose l’uomo incamminandosi verso il bar-tabacchi. Valentina bruciò di rabbia. Di certo non era abituata ad essere trattata come la donna invisibile. Quell’uomo non si era curato della sua autorità, non aveva fatto una piega. La poliziotta tirò fuori il blocchetto e cominciò a scrivere.
“Ora vediamo chi ride stronzetto” – pensò mentre aggiungeva un’infrazione dietro l’altra. Staccò il foglio ed incastrò la multa tra una fessura posta accanto allo specchietto.

Poi se ne andò.

Il motociclista tornò dopo oltre dieci minuti, la sigaretta in bocca e l’andatura spavalda.
“Puttana troia ma che cazzo…Quella stronza mi ha lasciato il regalino” – l’uomo sputò fuori le parole ad alta voce.
“Hey Diego. Sei stato marchiato anche tu da Figa d’Acciaio?”
“Che cosa?” – Diego si voltò e dietro di lui sopraggiunse Renato, il meccanico dello sfasciacarrozze lì vicino. Capelli brizzolati e pancia gonfia di birra.

“Certo, Figa d’Acciaio. Quel gran tocco di troia travestita da poliziotta. Oramai ci ha purgati tutti in zona” – L’uomo si avvicinò a Diego con passo pesante.
“180 euro ma a questa troia dà di volta il cervello…”
“Beh dai, meglio essere multati da una principessina del genere che da un vecchio stronzo con il distintivo”.
“Sarà anche bella, ma è una stronza…perché Figa d’Acciaio?” – chiese Diego, per la prima volta interessato alla conversazione.

“Ma hai visto che personalino? ‘Na modella prestata all’Arma. Un culo da far risvegliare i morti, cristo. E poi dovrebbe fare la testa di cuoio, o qualcosa del genere. Quella tipa ha grinta da vendere. Penso che da quando è arrivata, al centro operativo servano i pompieri per spengere i calori!”
“Immagino di sì” – la risposta di Diego fu concisa, la sua mente già si perdeva in labirinti indicibili.
“Beh ti saluto Diego, ti lascio ai tuoi pagamenti” – sogghignò Riccardo nel voltarsi.

“Fottiti bello mio. Ciao”
Diego montò in moto, ma ci vollero un paio di minuti prima che si decidesse di muoversi. I suoi pensieri presero forma come gli stessi modi sbrigativi con cui trattava le puttanelle che si scopava. In breve pianificò il modo per domare quella spavalda e bellissima poliziotta. Il giorno seguente il motociclista avrebbe avuto la sua vendetta.

La sezione del centro operativo sulla Cassia era tutto, tranne che una fortezza inespugnabile.

Un piano d’uffici, gli spogliatoi, la sala computer e video-sorveglianza. In fondo svolgeva compiti di collegamento, burocrazia interna e cambio di vetture. Di conseguenza capitava spesso che un agente restasse solo durante la pausa pranzo. Era più che sufficiente. Valentina lo sapeva, perciò non aveva problemi a “sorvegliare” la sezione, quando toccava a lei il turno. Mancanze di gestione dall’alto, ed eccessiva fiducia che, quel giorno, gettarono Valentina faccia a faccia con le sue paure, le sue fantasie, e i suoi inconfessabili desideri.

Diego entrò in sezione alle 13. 08. Si incamminò verso gli uffici e si trovò davanti Valentina.
“Buongiorno cowgirl” – esordì l’uomo.
“Salve…” – rispose Valentina con un pizzico di sorpresa. I suoi occhi furbi squadrarono l’uomo. Era vestito come il giorno prima. Ma questa volta Valentina notò meglio l’aspetto dell’uomo. Le braccia muscolose e i jeans stretti rendevano quell’uomo di una bellezza ruvida, i suoi profondi occhi neri poco inclini ai compromessi.

In un altro momento Valentina l’avrebbe trovato anche attraente, sicuramente incontrandolo in un night si sarebbe divertita a provocarlo. Ma questo non era quel momento. Nonostante il caldo non era certo la stagione per indossare i sandali. Eppure Diego calzava delle infradito marroni. Dettaglio che Valentina immagazzinò con disappunto, vista la sua idiosincrasia per i grossi piedi maschili.
“Vedo che è sola. Meglio, cosi possiamo parlare con calma della mia multa. Non crede di aver esagerato?” – il tono pacato nascondeva solo in parte la profonda aggressività dei suoi modi.

“Mi segua nel mio ufficio”.
Valentina precedeva di un metro il motociclista. Dietro di lei gli occhi di Diego sapevano come ingannare il tempo della breve passeggiata. Il sedere di Valentina si muoveva come la musica orientale sul corpo di una danzatrice. Impossibile reprimere il ritmo. Lei non aveva nemmeno bisogno di sculettare per esaltare la bellezza del suo fondoschiena. Era perfetto. Fuori programma arrivò un forte schiaffetto di Diego. La sua mano colpì potente il culo di Valentina, per poi ritrarsi come un serpente.

“Ma cosa cazzoooo faiiii?” – Valentina si voltò di shitto, strillando. Alzo il braccio per mollare uno schiaffo di orgogliosa riposta, ma Diego fu lesto nel fermarlo con una presa decisa.
“Hey bella non è colpa mia se il tuo culo parla e chiede attenzioni. Non vorrai farne una tragedia…” Valentina lo guardò con occhi rabbiosi e di sfida. Eppure la sicurezza con cui l’uomo teneva stretto il suo braccio, rimanendo impassibile a fissarla, la turbava e la stordiva.

“Avanti entra e siediti deficiente” – rispose nervosa.

Il motociclista sprofondò sulla sedia. A gambe larghe lasciò che la forma del suo cazzo, in crescente erezione, fosse ben visibile agli occhi di Valentina.
“Beh questo non è il luogo per pagare la multa quindi credo che…”:
“Ma io non sono qui per pagare. Anzi per farmi una chiacchierata con te dolcezza. Cosa cazzo mi rappresentano 180 euro. Su andiamo! – Diego la interruppe bruscamente.

“Innanzitutto modera il linguaggio. E poi andiamo lo dico io. Forse non ti è chiaro il codice di comportamento, figuriamoci quello stradale, allora…. ” – Valentina iniziò l’elenco delle sue infrazioni, e del suo comportamento così irrispettoso verso un pubblico ufficiale. Le sue parole si susseguirono con la naturale sicurezza di sempre. Tuttavia i suoi occhi, come un muscolo involontario, si soffermarono più volte sull’evidente gonfiore sotto la patta di Diego. L’uomo se ne accorse, fece finta di niente pregustandosi il seguito.

Valentina continuò a parlare, scacciando ogni pensiero indecente. Non era proprio il momento di rispondere a provocazione con provocazione. E lei era una maestra in ogni forma di seduzione. Inoltre la rudezza del motociclista la spaventava quanto il cazzo duro sotto i jeans attraevano i suoi occhi, inevitabilmente e senza controllo.
“E questo è tutto, non credo ci sia altro da aggiungere” – Valentina si alzò e si diresse verso la porta. Determinata nel chiudere in fretta la conversazione e salutare l’uomo.

“A mai più rivederci” – pensò. L’ultimo pensiero formulato con raziocinio prima dell’oblio.

Il motociclista la prese per i fianchi e la trascinò sulla sedia. Una mossa rapita e violenta. In pochi istanti Valentina si ritrovò sopra le gambe di Diego. La presa era fortissima, i suoi fianchi armoniosi erano diventati di dominio dell’uomo. Iniziò a risalire con la mano sinistra palpandole il seno, con la destra scese e strinse le sue cosce.

Mosse decise, di una rude voracità a****le.
“Nooo! Che fai? Lasciami subito, subito ti ho detto” – Valentina urlò. E per la prima volta nella sua vita non furono urla spavalde. Il tono era spaventato ed incerto. Cercò di dimenarsi, di sfuggire alla presa, ma fu una lotta inutile e fallita in partenza. Diego aveva trenta centimetri in altezza, una cinquantina di muscoli di peso e un’indecifrabile foga di vantaggio su di lei.

“Lasciamiiiii, lasciamiiiii” – parole inascoltate. La mano di Diego scivolò sotto i bottoni della divisa e raggiunse le tette di Valentina. Le dita scansarono il reggiseno e come regalo ebbero i suoi capezzoli, induriti dall’adrenalina ed indifesi.
“Nooo fermoo. Aaahhhhh” – Valentina sentì i suoi capezzoli stretti in una morsa brutale. Quanto possono far male delle dita quando sono ben guidate.
“Sei già eccitata e ancora non lo sai. Vero cagna?” – Diego sapeva di quale essenza profumava l’atteggiamento e il corpo della poliziotta.

Sapeva che appena lei avrebbe superato lo shock e l’umiliazione di essere sottomessa, sia la sua mente che il suo corpo risponderà sì. Era solo questione di tempo e ogni barriera sarebbe stata sbriciolata in mille pezzi. Lui ne era convito, e l’ora successiva non fece che avvalorare le sue certezze.

Ma questo Valentina ancora non poteva prevederlo. Tutto ciò che provava in quei terribili istanti era paura ed impotenza. Capiva che quei violenti palpeggiamenti erano solo la prefazione di un libro già scritto: lo stupro e l’umiliazione di ogni centimetro della sua bellezza.

Diego si alzò di shitto e la spinse a terra, in ginocchio. Con una mano strinse forte i suoi capelli e tirò. Un urlo si perse tra i locali della sezione.
“Stammi a sentire bella mia. Io non pago un bel cazzo. Sei tu che paghi me per il tempo che mi hai fatto perdere. E la pagherai con la tua bocca…tanto per cominciare”.
Diego si slacciò i pantaloni e tirò fuori un cazzo maestoso.

La grossa vena in mezzo aveva il colore di una palude, il glande puzzava d’alcolismo, la lunghezza superava quella di ogni ragazzo o scappatella avuta in passato. Valentina se ne accorse con un solo sguardo pieno di terrore.
“Ti ho detto di lascarmiiii. Sono una poliziotta per Dio, tu sei pazzo!” – urlò mossa da orgogliosa rabbia, prima di ricevere uno schiaffo che quasi la sbatté a terra.
“Guarda il mio cazzo puttana! Hai visto come l’hai ridotto a forza di muovere il culo mentre ti ribellavi? E guarda che coglioni gonfi mi hai fato con tutte le tue contravvenzioni di merda.

E guarda puttana. Guardaaaaa” – Diego le urlava tenendola inginocchiata, la camicetta slacciata e una tetta quasi fuori dal reggiseno. Valentina guardò quel cazzo duro a pochi centimetri dalla sua bocca. In un attimo pensò a tutti i sacrifici fatti per vincere concorsi e salire di grado. Al contrario avrebbe potuto “accomodarsi” e mettere in copertina il suo bel viso su tutte le riviste patinate in edicola. E poi lo sapeva, in cuor suo lo sapeva che sarebbe successo.

Il suo culo e i suoi modi provocatori erano un invito allo stupro sin del liceo, e quanto è dura la vita di una bella donna poliziotto in un mondo pazzo come il nostro. Era solo questione di tempo e sarebbe successo. Un gruppo di alcolizzati il sabato notte, un immigrato, uno stalker, persino un collega respinto. Era come scritto nel destino che ora si presentava per il conto, sotto forma di un motociclista dai muscoli gonfi di cattive intenzioni.

“Cominciamo a divertirci troia” – Diego le ficcò il cazzo duro in bocca e iniziò a scoparsela. Si perché più che un pompino fu uno scempio orale. Il cazzo le sprofondava in gola fino a soffocarla, pompava cinque o sei volte, poi usciva e la schiaffeggiava sulle labbra.. Valentina non era mai stata usata così. Lei era una maestra di pompini, i suoi occhi verdi raccontavano bugie ma anche verità, ed una di queste era che nessuno rimaneva insoddisfatto al contatto delle sue labbra carnose.

I suoi ragazzi si abbandonavano a lei, ma il motociclista non aveva questa intenzione. La scopò in bocca con foga a****lesca per oltre dieci minuti, poi rallentò il ritmo e lasciò a Valentina il modo di proseguire.
“Succhia puttana, succhia più che puoi, siii” – Valentina iniziò quel pompino forzato. Nonostante la situazione riuscì a dare piacere con poche pennellate di lingua. Quando il cazzo le invadeva la gola chiudeva gli occhi. Poi gli apriva mentre faceva scivolare la lingua sul glande e su tutto il cazzo.

Guardava il motociclista con occhi sottomessi. Era la sua cagna. Ogni tanto Diego le tirava forte i capelli, come a ricordarle chi era il padrone. Gemiti di piacere e urletti di dolore si sommavano in una sinfonia.
“Dai che ti piace succhiare, dai puttana, continua, siii” – Alcune gocce di sperma iniziarono a scivolare nella sua bocca. Un sapore amaro che lei conosceva bene. Schizzi che anticipavano un orgasmo ancora lontano da venire.

Diego si piegò leggermente con il busto e iniziò a palparle le tette. Finì di sbottonare la camicia e strappò il reggiseno. Mentre Valentina continuava quel violento pompino, lui faceva ciò che voleva della sua terza così soda.

“Siii sei una brava cagna. Ora andiamo nello spogliatoio e iniziamo a galoppare” – Diego la scostò e la fece alzare, abbracciandola come un trofeo. Valentina fu trascinata fuori dall’ufficio e condotta verso gli spogliatoi.

Diego sapeva come muoversi là dentro.
“AAAHHHH lasciami, ora bastaaa” – La bella poliziotta scalciò e urlò. Ma la leonessa era in gabbia. Diego la gettò sulla panca tra le due file di armadietti. La guardò voglioso, toccandosi il cazzo. Poi si sfilò la maglietta mostrando pettorali scolpiti ed una “tartaruga” invidiabile. Si tolse i jeans, e i sandali, e si avvento sul corpo della ragazza.
“Nooooo non lo fare, smettilaaa” – Valentina cercò un appiglio, una via di fuga.

Provò a graffiare la schiena del suo aggressore, ma lui quasi non se ne accorse. La baciò sul collo e divorò in bocca i suoi capezzoli dritti. Immobilizzata sotto il suo peso, Valentina non poté fare più nulla. Si dimenava, ma Diego le sfilò i pantaloni con una facilità irrisoria.
“Mutandine di pizzo nere, Wow! Ora vediamo cosa nascondi sotto Figa d’Acciaio” – A quelle parole Valentina provo un brivido per tutto il corpo.

Allora anche lui era a conoscenza di quel nomignolo. Il suo potere sugli uomini e suoi colleghi si sbriciolò nell’istante che l’uomo le ficco 25 cm di cazzo in fica. Senza preavvisi. Senza ditalini di prefazione o baci di benvenuto. Tutto dentro in un solo spaventoso colpo.
“AAAAHHHH NOOOOO” – Valentina fu violata e le sue proteste furono come carta straccia. Inutili. Diego la scopava continuando a baciarla ovunque, sul corpo e sul collo.

Con le braccia la teneva ferma. Poi, improvvisamente, la baciò in bocca. Una frustata al suo orgoglio. La lingua dell’uomo si fece strada dietro le sue labbra. Un bacio violento, ma passionale. Valentina veniva scopata e baciata. Ogni colpo di cazzo era come un atto d’accusa a tutti gli ammiccamenti fatti negli anni. Quel lungo bacio rubato fermò il tempo del dominio e della spavalderia. Ora era solo una troia, sottomessa ed impotente. Sentiva il cazzo farsi strada dentro di lei, e brividi di paura scendere per tutto il corpo.

Le sue tette si muovevano all’unisono con le spinte di reni dell’uomo. La sua bocca era impastata di saliva e sperma. I pettorali dell’uomo odoravano di garage. Sentiva i suoi muscoli sfregarsi sulla pelle morbida e profumata. Contrasti e divergenze. Diego la scopava sempre più deciso e rabbioso. I muscoli dei glutei si contraevano, i bicipiti sull’attenti per prevenire gesti di ribellione di Valentina, ma lei si era arresa. I suoi occhi erano gonfi di rabbia e luccicanti di lacrime in arrivo.

No. Non sarebbe successo. Lui la stava violentando, ma non poteva dargli questa soddisfazione. Valentina trattenne le lacrime e cercò di pensare ad altro. Ma ogni colpo la riportava lì, in quello spogliatoio. Dopo un infinito numero di gemiti, Diego si fermò. Il cazzo uscì da lei, gonfio e con qualche goccia di sperma sulla punta. Una pausa prima del nuovo giro di giostra.

Il motociclista la prese per i fianchi e la sollevò dalla panca.

Con una mossa decisa la spinse contro uno degli armadietti, la faccia premuta contro la fredda plastica dello sportelletto. Vista da dietro era come una Venere moderna: i fianchi sottili confluivano in un sedere prosperoso come quello di una ballerina brasiliana, ma con la pelle color mattino.
“Da sballo qua dietro. Eh puttana!” – Diego iniziò a palpare il sue culo perfetto e la sculacciò due o tre volte. Colpi violenti che morivano in una stretta che faceva affondare i polpastrelli tra la carne.

Valentina gemette di dolore, ma le braccia chiuse a x dietro la sua schiena non potevano accennare nessuna difesa. Diego riprese a scoparla da dietro. Con foga anche maggiore. Il cazzo prendeva possesso delle sue pareti vaginali, bagnate di umori. Scivolava dentro di lei violentando il suo corpo, ma inebriando i suoi sensi. Valentina lo capì quando Diego lo tirò fuori per sbatterlo con prepotenza sulle sue chiappe. Negli istanti che intercorsero tra quei “massaggi” e una nuova penetrazione, Valentina desiderò solamente di ricevere un’altra poderosa spinta da quel cazzo marmoreo.

La sua “Figa d’Acciaio” era un lago in cui confluivano tutti i desideri proibiti, tutte le oscure fantasie. Cos’era successo? Forse era il freddo della plastica sul suo volto che si scontrava con il calore tra le gambe. Forse era la vista dei vestiti stracciati a terra, mischiati a quelli di Diego in un abbraccio mortale mentre chi li indossava affondava, attimo dopo attimo, in acque torbide e meravigliose. Forse era l’energia a****lesca di quell’uomo.

I muscoli sudati addosso a lei, quel cazzo che non accennava un cedimento. Diego la stava scopando, la stava trattando come l’ultima puttana della notte. Ed era bellissimo.
“Ti stai bagnando. Vero troia? – le sussurrò Diego.
“Si..” – rispose ad occhi chiuse. Sottomessa.
“Beh goditela puttana. Goditela! – L’eccitazione di Valentina non spostò di un millimetro i modi del motociclista. Non fece nessuna concezione alla gentilezza. I suoi baci sul collo e sulle braccia nude erano succhiotti profondi, i colpi di cazzo mitragliate sulla sua intimità.

Nessun uomo aveva mai osato trattarla così. Come carne per il sesso, da usare e sottomettere. Quando Valentina sentì le fitte di un orgasmo imminente si senti come morire. Per rinascere. La bella e irraggiungibile “Figa d’Acciaio” non esisteva più, ora c’era solo una donna che voleva godere e venire nell’umiliazione. E così fece. La sua vagina fu inondata di sangue e umori. Diego continuò a scoparla con maggior vigore, esaltato dallo scettro di potere su Valentina.

Dopo pochi istanti la poliziotta venne ancora; il primo orgasmo multiplo della sua vita. Una sensazione indescrivibile. Diego raggiunse l’orgasmo in contemporanea con il terzo di Valentina. Le due intimità si incontrarono e vennero insieme. Getti copiosi di sperma inondarono la rossa fica, il glande affogava trionfante in quel fiume di lussuria.

Il cazzo di Diego usci da lei. L’uomo la voltò e la guardo. Il volto di Valentina era dolcemente sconvolto.

I suoi occhi erano spalancati sul nuovo mondo appena scoperto. Le labbra chiedevano baci prepotenti, i capelli spettinati e senza regole. Diego la schiaffeggiò per due volte. Non furono percosse bastarde per farle del male. Fu piuttosto un avvertimento: “Ora godi, ma ricordati che sei sotto il mio dominio”. Le labbra dei due si incontrarono. Valentina si lasciò baciare. Attimi di parità presto disintegrati. Diego la gettò violentemente a terra. Le mise un piede sullo stomaco, poi lo fece risalire su per il corpo fino alla faccia.

A pochi centimetri dal su meraviglioso viso.
“Lecca puttana”. – parole secche. Senza appello.
“Ma sei impazzito? Io…”
“Ti ho detto di leccare. Subitolo” – Diego le poggiò forte il piede sulle labbra e iniziò a muoverlo. Valentina sentì spezzarsi dentro di lei, l’ultimo muro di fiero orgoglio. Quell’uomo aveva abusato di lei, ora voleva umiliarla del tutto. Se c’era una cose che lei odiava erano grandi piedi maschili. E quelli di Diego avevano una pianta larga e lunga; e maleodorante.

Ora si trovava con il viso schiacciato sotto quello schifo. Sottomessa e senza fuga. La sua lingua toccò la pelle del tallone un attimo prima che la mente ordinò di farlo. Fu per spirito di conservazione, paura di una reazione davvero violenta, o fu perché ormai i ruoli erano definiti? Diego comandava e lei doveva solo obbedire. A qualsiasi richiesta.
“Cosi brava cagnetta, lavora!” – Diego si gustò leccate e baci di Valentina al suo piede masturbandosi.

Dai suoi occhi un quadro magnifico e irriverente: “Figa d’Acciaio” nuda e sottomessa e costretta ad un feticismo forzato. Cinque minuti passarono, ma furono lunghi un secolo. Un conato di vomito per quella malsana costrizione, venne ricacciato dalle risate e dalle urla di Diego. I suoi piedi puzzavano di anfibi e sudici calzini. Poi il volto di Valentina riapparve, bellissimo e sperduto.

“Coraggio cagna, finiamo la corsa in bellezza” – Diego la prese e la mise in ginocchio accanto alla panca.

Le piegò il busto in avanti, lasciando il suo maestoso culo in esposizione. Prese le manette dai pantaloni della divisa e l’ammanettò con i polsi dietro la schiena. Il motivo era evidente. Valentina lo capì e urlò:
“Nooo ti prego questo nooooo” – la sua voce tremava di un panico mai provato. Valentina era vergine. Il suo buchetto era inviolato. L’ultimo e inaccessibile portone, oltrepassato quello solo l’Inferno e il Paradiso.
“Ohh sìì, questo sì puttana!” – Diego sputò sul buchetto chiuso, una lubrificazione posticcia ed inutile.

Perché Valentina avrebbe urlato e sofferto in ogni caso.
“Noooo aiutoooooo”
“Ferma e godi culo di marmo!” – Diego soffocò le sue urla con la mano e appoggiò il cazzo tra le chiappe.
“Mmmmpf” – La bocca di Valentina intonò urla silenziose, i suoi occhi spalancati dalla paura di un dolore che arrivò come una fucilata di un plotone d’esecuzione. La sua ultima verginità venne così abbattuta. Il cazzo lacerò le pareti ed entrò.

Scavò in lei e la inculò con a****lesca prepotenza. Ogni colpo era accolto da gemiti e scosse di paura. E il pianto non poté esser più ricacciato via. Le lacrime le rigarono il volto, taglienti come frecce. Valentina sentì come divedersi in due. Diego lacerò carne e orgoglio alla stessa maniera.
“Mmmmpf” – Il dolore arrivò alle tempie di Valentina, così come il piacere nel profondo di lei. Negli anfratti più nascosti della sua lussuria.

I modi violenti e quell’abuso continuo la eccitarono nuovamente. Continuò a piangere, ma questo non fermò le ondate e i fremiti su tutta la sua pelle. I capezzoli dritti cercavano appigli nel vuoto, il calore la fasciava ovunque. Il dolore ballava con il piacere a ritmi vertiginosi. La sodomia continuò fin quasi allo svenimento. Poi Diego si staccò da lei e la spinse per i capelli a terra accanto agli armadietti. Si lasciò andare ad un osceno ed ultimo orgasmo.

Le schizzò in faccia, mischiando così sperma alle lacrime. Si avvicinò e con la mano la cosparse di liquido seminale dal viso fin sulle tette.

“Sei stata una scopata fantastica. Credo proprio che ci rivedremo…” – Con quelle parole Diego si rivestì e se ne andò. Erano quasi le 15 e Valentina fu lasciata nuda, ammanettata ed umiliata nello spogliatoio della sezione. Smise di piangere, rimanendo immobile. Come stordita e alla ricerca di ricordi e perché.

Quelle ultime due ore l’avevano fatta morire e rinascere. Un rumore la svegliò dai pensieri. Era la porta che si apriva.
“Oh Cristo! Cosa ti hanno fatto???” – La sua collega Micaela la raggiunse sconvolta. Le tolse le manette e la guardò impietrita. Il volto di Valentina era uno straccio di sperma e lacrime, ma i suoi occhi fiorivano d’eccitazione perversa. Valentina si toccò tra le gambe e si infilò un dito nella vagina.

Poi li tirò fuori e lo leccò con una lunga e rallentata succhiata. Guardò la sua collega e disse:
“È stato bellissimo…”.

Sfida di Mezzanotte

Orgasmi familiari

Stravaccato beatamente nel salotto di casa mia, alle nove di sera, ragionavo su come la situazione in cui mi trovavo stesse diventando piacevolmente abituale per me, quasi di routine. Mi stavo aprendo la patta dei pantaloni e prendendo in mano un cazzo già duro: di fronte a me infatti due donne stavano limonando tra loro in piedi e nude dalla vita in su. Se la cosa può risultare sorprendente, lo è ancor più sottolineare come le due, non solo avessero due età piuttosto differenti, una 24 e l’altra 41 anni, ma si somigliassero notevolmente trattandosi infatti di mamma e figlia.

Porca puttana! Stavano pomiciando come due liceali e spogliandosi con foga da amanti allupate. A questo punto aggiunge solo un po’ più di pepe alla faccenda notare che la più giovane, Luciana, fosse mia moglie da circa un anno e quindi la sua perversa mammina fosse la mia giovane suocera. Le due ansimavano e slinguavano toccandosi e palpandosi soprattutto le belle tette. Entrambe portavano jeans a vita bassa. Mia moglie aveva scarpe da ginnastica, mia suocera stivali da cavallerizza con i pantaloni infilati dentro.

In quanto a seno sembravano gemelle. Enrica infatti, la mamma, se lo era “gonfiato “ un po’, recentemente, ringiovanendolo di una decina d’anni almeno. Continuarono pomiciare a lungo e a leccarsi le tette, tanto che avevo il cazzo così duro da farmi male.
Mi viene da pensare che non avrebbero smesso più se non le avessi brevemente richiamate con un “Venite qua!”. Si voltarono entrambe a guardarmi: accidenti che belle! Sembravano due gemelle, i volti quasi identici, con le guance paffute tendenti al rossore, il naso un po’ largo ma corto, i capelli biondo chiaro, che mia moglie aveva lisci e lunghi fin quasi al sedere, raccolti in un’unica coda e mia suocera a caschetto, rasati sulla nuca, con ciocche più lunghe davanti.

Le labbra carnose senza eccessi e del tutto naturali, mi facevano pregustare il pompino di coppia che stavo per chiedere loro. Se i visi si somigliavano, i fisici erano praticamente identici, alte 1. 75 e solide senza ciccia inutile, Enrica solo più muscolosa della figlia, dato che per mantenere il fisico giovane si sfiniva quotidianamente in palestra. E i risultati c’erano, se, appena passati gli “anta” e con un tipo di fisico col rischio di ingrasso, si manteneva asciutta e praticamente senza cellulite.

Tutte e due erano molto curate nell’aspetto: niente peli superflui, dalle ascelle alle sopracciglia e ovunque trattate entrambe con depilazione definitiva, una leggera abbronzatura integrale da lampada, unghie curatissime per delle mani belle ed eccitanti, se le si immagina a segare il cazzo mentre succhiano la cappella. Due vere cavalle da monta, fu il pensiero che mi venne in quel momento, e stavo per formularlo se non mi avesse interrotto mia moglie:

“Non vuoi che continuiamo con dei giochino più spinti? Ho una gran voglia di farmela leccare…”, mi chiese.

“Dopo”, le risposi “voglio prima un pompino ‘svuota-coglioni’, che è da stamattina che é duro, da quando mi hai svegliato nel letto salutandolo con la bocca. Non ho avuto modo di usare Antonietta (la mia segretaria, ma questa è un’altra storia), con tutto il lavoro che abbiamo ed ho le palle che mi fanno male. Sai che spreco venirmi in mano mentre vi guardo!”.

Entrambe per mano attraversarono i tre metri di sala che ci separavano e si inginocchiarono davanti al divano, tra le mie gambe.

Erano esperte ed estremamente affiatate da decine e decine di pompini a due bocche fatti nella loro vita.
Aldo, mio suocero e patrigno di Luciana, non le aveva mai risparmiate né con sé, né con gli amici.
Enrica affondò subito giù fino alle palle, strappandomi un gemito di sorpresa, con una facilità a cui non riuscivo ad abituarmi. Non sono un superdotato, ma a 19cm ci arrivo. Eppure lo ingoiava come una caramella, senza esitazione, senza un conato, premendomi piacevolmente la cappella sulla parete del suo esofago (ho sempre pensato che la punta arrivasse ben oltre la sua faringe…).

Nel frattempo la mia dolce mogliettina non era inoperosa, ma leccava con voglia i miei testicoli e più giù la pelle fino al buco del culo. Dopo cinque o sei potenti affondi di mia suocera, si scambiarono ruolo. Luciana si dette a succhiare la cappella brevemente e poi anche lei andò giù per l’ingoio. Non era ai livelli della mamma, ma non per questo il mio cazzo ne godeva meno e non resistetti alla tentazione di tenerla premuta per la nuca.

Solo un poco, per farle guadagnare qualche millimetro nella gola. Qualche colpo di tosse, un mezzo conato, una lacrima, ma lei prosegui su e giù a succhiare senza protestare. Del resto spesso l’ho trattata peggio, scopandola in bocca fino a farla vomitare. Enrica si dava da fare leccando anche lei palle e culo, succhiava la bava che colava dalla figlia, condivideva il leccaggio ed il pompaggio, finendo per limonare con lei con la mia cappella nel mezzo.

Cominciava ad essere infoiata, era sempre così nei pompini, la eccitano da morire. Quando se lo riprese in gola fino ad affondare il naso nel mio pube – depilato come i testicoli – cominciavo ad essere al limite dell’orgasmo. Invece che rallentare i ritmi per durare di più, lasciai fare mia suocera ed il suo arrapamento, per svuotarmi presto i coglioni, certo che la serata mi avrebbe concesso almeno un’altra erezione. Anzi la presi decisamente per la nuca con entrambe le mani sollevandomi quasi dal divano nella foga e la scopai in gola con lo stesso vigore che se fosse stata la sua fica.

Enrica aiutava i miei movimenti andando incontro al cazzo il più possibile, senza un rantolo, una lacrima, una forza di stomaco. Solo le usciva di bocca un rivolo di bava collosa incontrollato, incapace com’era di deglutire.
Pompai fino a venire e quando è la prima schizzata di giornata, significa che sono almeno sette od otto getti piuttosto corposi, a volte densi e lenti, più spesso liquidi e poderosi. Non ebbi modo di vederli perché, anche se mi ero fermato e le avevo lasciato la nuca, mia suocera si teneva la punta del cazzo tra le labbra per non perdersi neanche uno schizzo.

Come ebbi finito mi sentii di colpo esausto e mi lascia i sprofondare sul divano, intuendo lo spettacolo che mi stavano per offrire.
Enrica infatti si era tenuto tutto lo sperma in bocca ed, in ginocchio ma dritta, aspettò che Luciana le si facesse sotto ed aprisse la bocca e poi le rovesciò dentro tutto. Mia moglie sembrò indecisa se ingoiare o no, poi si sollevò sui talloni per essere all’altezza della mamma e le riversò di nuovo tutto in bocca.

E così per tre o quattro volte, sputandosi letteralmente lo sperma di bocca in bocca fino a concludere con una limonata appassionata sul pavimento. Alla fine non ne avevano persa neanche una goccia.
Le mie donne non si fermarono qui ed Enrica, la più eccitata delle due, mantenne l’iniziativa. Sbottonò i jeans della figlia e glieli sfilò lasciandola in perizoma. La fece mettere carponi sul tappeto davanti al divano e le abbassò anche l’elastico dello striminzito indumento.

In quella posizione il culo di mia moglie esprime il meglio di sé, solo e polposo, così rotondo che sembra fatto col compasso. Enrica non perse tempo e le si mise sotto, fra le cosce ed i glutei leccandola e succhiandola con foga, la fica, il clito, il culo. Ci metteva passione, col viso affondato nel sesso della figlia, fin quasi togliersi il respiro. Passava e ripassava la lingua affondandola dentro, entrandoci pure col naso.

Con le mani le strizzava forte le chiappe aprendogliele e tirandogliele, affondandoci le unghie perfette, dandole violente pacche sul culo, per farla fremere e mugghiare. Luciana rispondeva bene al trattamento, eccitata, e roteava il sedere strofinandosi sulla faccia di sua madre e tenendosi con le mani aperte le chiappe, faccia a terra, per mostrarmi i suoi buchi depilati. La mamma le aveva già affondato prima un dito, poi due, nel culo, così, a secco, facendola urlare, ma, per contro, arrapandola di più, tanto che ora grugniva come una scrofa.

Non le ci volle molto a venire con la lingua nella fica e le dita in culo. Rantolò e sussultò a lungo nell’orgasmo, per terminare a terra sfiancata, inebetita dal piacere.

Enrica le si sfilò da sotto e mi guardò, con espressione soddisfatta e di trionfo, consapevole che stava educando la figlia a godere sempre meglio, con più frequenza e più violenza, rendendola schiava del proprio orgasmo, così come lo era lei.

Le feci cenno di sedersi sul divano accanto a me, mentre Luciana ancora guaiva, rannicchiata a terra, con una mano tra le cosce. La baciai con passione, come per ringraziarla di ciò che aveva fatto, proprio con la sua bocca golosa di sessi, sia maschili che femminili. Con la mia lingua nella sua gola, non rinunciai a palparle le tette, sode e dure, strizzandole un po’ e soffermandomi sui capezzoli duri e puntuti che schiacciai tra l’indice ed il pollice con una certa forza.

Strillò immediatamente, segno che erano molto delicati, anche se si dice che chi si rifà il seno perde di sensibilità tattile sulla parte. Il bello di mia suocera è che anche quando la faccio soffrire non si ritrae, anzi, pur non considerandola una vera masochista, lei va incontro al dolore, forse non lo cerca e ne ha addirittura paura, ma non si rifiuta mai di soffrire e immancabilmente si eccita.

“Spogliati”, le dissi, come mi staccai dalla sua bocca e dal suo seno e lei senza batter ciglio si tolse stivali e calze, si alzò in piedi e si sfilò gli aderentissimi jeans.

Poi mi voltò le spalle e piegandosi il più possibile col busto in avanti, mi offrì lo splendido spettacolo delle sua chiappe nude. Non portava mutandine, neanche il più piccolo dei perizomi, e questo lo sapevo. Diceva che le piaceva il ruvido dei jeans che le sfregava la passera glabra ed in più era anche, di solito, il volere di mio suocero.

Poi, senza aspettare che le ordinassi nulla, salì in piedi sul divano, sempre dandomi le spalle e quindi rifilandomi davanti al viso il suo culone.

Si piegò di nuovo in avanti, finché la sua bocca non fu all’altezza del mio cazzo moscio. Finimmo così in un sessantanove volante, con lei che, in precario equilibrio, aveva cominciato a succhiarmi, strofinandomi il solco delle sue chiappe sulla faccia.
Intanto mia moglie si era un po’ ripresa e, appoggiata su un gomito, ci osservava fare.
Enrica era eccitatissima, la leccavo e sditalinavo al meglio che sapessi fare e lei rispondeva con grugniti e muggiti sempre più alti, sbavando sul cazzo e colando umori copiosi dalla fica.

Mi davo da fare e ce la feci a farla venire con due dita di una mano nella sua fica fradicia e il pollice dell’altra direttamente in culo. Certo fu un orgasmino; guaì per un po’ senza scomporsi troppo, mentre io conoscevo i suoi veri orgasmi che erano dirompenti e la lasciavano devastata. Sapevamo entrambi che era però soltanto l’inizio della serata e, nel frattempo, il mio cazzo nella sua bocca aveva riacquistato una certa consistenza.

Enrica si sedette accanto a me sul divano e mia moglie, alzandosi da terra, prese posto dall’altro lato. Mentre mia suocera, sudata e un po’ stordita, si stava riprendendo, passandosi le mani tra i capelli, io mi alzai con Luciana e iniziammo a limonare in piedi. Era già eccitata e si strusciava la fica sulla mia coscia, mentre con una mano mi segava. Enrica però non si concesse riposi ed, inginocchiandosi, si abboccò subito al cazzo.

Che bocca ingorda! Succhiare e ingoiare sembrano per lei una vocazione; è una missionaria del pompino, una consacrata della fellatio e del cunnilingus. Se lo sprofondò in gola, di nuovo fino alla radice, e non potei fare a meno, con la lingua in bocca a mia moglie e una mano sul suo culo, di assecondare il golino, tenendo mia suocera per la nuca e scopandola di nuovo in bocca. Ormai era di nuovo duro ed, anzi, mi tirava da far male, come succede quando si ha la seconda erezione senza un minimo di riposo.

“Ti prego scopami…” mi chiese a quel punto mia moglie, “Ho voglia del tuo cazzo!”.

Fosse per me, sarei venuto di nuovo nella bocca di Enrica, ma non mi feci ripetere l’invito due volte: il dovere coniugale prima di tutto.

“Ti sbatterò fino a farti urlare”, dissi a Luciana nell’orecchio e senza complimenti spinsi col piede mia suocera rovesciandola all’indietro. Cazzo! Con due donne come quelle mi sembra il minimo essere brutali!

Afferrai mia moglie per le cosce e la sollevai inforcandola in piedi.

Gridò di sorpresa e goduria, ma subito si mise a cavalcarmi ed io a spingere. Scopavamo come a****li, con Luciana che mi stava avvinghiata al collo ed io che la tenevo da sotto le chiappe. Ci davo dentro più che potevo e mi sentivo vigoroso come un leone e la insultavo forse banalmente, ma così mi arrapavo di più.

“Dai troia, ti piace il cazzo? Impalati zoccola… zoccola… Che troione di moglie!”.

Lei per tutta risposta urlava ogni volta che la facevo ricadere pesantemente sul mio cazzo teso, del resto glielo avevo promesso, che l’avrei fatta sgolare come una maiala al macello.

Andammo avanti per dieci minuti e cominciavo a sentire male alle gambe, dato che non è un fuscello con i suoi 58 chili. Per fortuna all’improvviso la sentii partire: le arrivò un orgasmo dirompente. Dalla bocca singultava suoni disarticolati e sembrò soffocare, tremando tutta, mentre con più foga la facevo saltare sul cazzo.

Quando l’orgasmo le cominciò a scemare ero esausto dal mal di muscoli e la gettai letteralmente sul divano. Ruggii di eccitazione e mi sentivo così arrapato da essere inferocito. Mentre Luciana ancora gemeva, gli occhi fuori dalle orbite, le assestai due sonori ceffoni che la lasciarono senza fiato, ma che incassò senza alcuna ribellione. A quel punto Enrica, che era rimasta in disparte sditalinandosi a tutto spiano, si fece avanti perché mi dedicassi a lei e fu un bene, perché forse non mi sarei fermato e mia moglie l’avrei picchiata ben bene.

Mi afferrò il cazzo di spalle, premendomi il seno sulla schiena e sussurrandomi:

“Inculami ti prego… Sbattimi il cazzo in culo. ” Non ci vidi più. La sollevai di peso portandola dietro il divano. Si sistemò a pecora, in piedi, appoggiata alla schienale, spingendo indietro il culo. Le sfondai l’ano con un colpo secco, del resto lei se lo tiene sempre pulito e lubrificato, pronto all’uso. Emise solo un lungo gemito, che curiosamente sembrava di sollievo, come quando uno ti inizia un massaggio.

Le ero entrato fino ai coglioni e sentivo il suo intestino fasciarmi il cazzo, stretto. Lo sarebbe stato per poco, perché, tenendola energicamente per i fianchi con entrambe le mani, cominciai a sbatterla violentemente. “Stoc, stoc” era il rumore del mio bacino che schioccava sulla sue natiche piene. Lei stava in punta dei piedi per arrivare meglio col suo buco all’altezza della mia verga, ma nonostante questo, affondando nelle sue viscere, la sollevavo appesa con l’ano al mio cazzo, facendola guaire come una cagna.

Infoiato com’ero, non trattenei la mia tendenza a diventare violento e le davo sonori schiaffoni sulla parte alta delle chiappe. Luciana strillava e mi incitava: “Dai, dai… mandami a fuoco, sbattimi il culo, sbattimi il culo!”. Era fantastico come si muoveva venendo incontro al mio cazzo ad ogni affondo, implorando di essere sfondata. Uscivo fino a intravedere la cappella per poi spingerlo dentro fluidamente ed energicamente. Luciana era con le mani aggrappate al divano, che spesso mordeva per l’arrapamento.

Io ero vicino all’orgasmo e non potevo trattenermi oltre: ero stanco ed i coglioni mi dolevano. Anche lei stava per venire di nuovo e lo implorava: “Vengo col culo… Fammi venire, vengo col culo…”. Godette come un’indemoniata: ruggiva e mulinava il culo. Quando si sollevò dal divano per incollarsi con la sua schiena al mio petto, mentre continuava a roteare le chiappe sfondate dal mio cazzo, non resistetti più. Il suo anello anale si era fatto così stretto che c’ero incastrato dentro fino alla radice.

Venni così, con una sborrata lunga e quasi dolorosa, da prosciugamento totale, visto che era la seconda in una serata sola. La spinsi di nuovo con la faccia sul divano e tenendola per i fianchi finii di godere nel suo intestino sfregando la cappella con delicatezza sulle pareti del suo retto. Luciana non si era persa la scena e si era subito fatta sotto quando ci aveva sentito venire. Come uscii dal culo di mia suocera, lei era pronta a ripulirmi la verga, con un risucchio che mi fece quasi urlare, data la sensibilità della cappella dopo una sborrata.

Poi si dedicò alla mamma che, sfinita, era letteralmente riversa sullo schienale del divano. Si riprese un po’ quando sentì la figlia che le allargava le chiappe e l’aiutò a farlo. Luciana le leccava il buco del culo da cui colava sperma e la madre le facilitò l’operazione cominciando a spingere come se dovesse defecare. La rosa dell’ano era ancora spaventosamente dilatata e lo sperma usciva copioso ad ogni spinta e sbucava fuori anche la carne enfiata e rosa acceso dell’interno dell’ano.

Mia moglie non si perse neanche una stilla del succo delle mie palle ed in breve il culo di Enrica fu ripulito della mia sborrata. Eravamo tutti e tre sudati e sfiniti. Le donne si sdraiarono pesantemente sul divano carezzandosi i capelli e dandosi bacetti. Come erano dolci!

“Come godo con voi due non mi succede con nessuno…” disse Enrica tenendo il volto della figlia tra le mani, “neanche con Aldo o col negro più cazzuto… sarà per via della perversione dell’i****to.

” “Mamma! Che troia che sei! Come faresti senza il sesso? Vivi solo per godere…” le rispose mia moglie. “E’ vero… ma anche tu non scherzi e tuo marito è un gran scopatore” aggiunse Enrica sorridendomi, “e poi mi piace quando diventa violento… mi sento cagna…schiava…”.

“Già. E stasera eri in vena, vero amore?” mi chiese Luciana girandosi verso di me. “Cazzo! M’avete fatto godere due volte, tanto che ora mi gira la testa!” risposi, “con due come voi sarò sempre in vena e poi mi sembra che non ti dispiacciano gli schiaffoni…”.

“Certo…mi farei sculacciare anche ora, anche se sono venuta fino allo sfinimento…lo sai che sono tua e il mio corpo è cosa tua…”.

Misi fine a questi discorsi masochisti andando a prendere da bere. Un bel drink forte era quello che ci voleva, poi tutti a letto, ognuno a casa sua. Enrica che abitava a cinquecento metri da noi, nella stessa tenuta di campagna, rincasò nuda.

“Sfida a mezzanotte”

Quella sera soffiava un vento gelido che spingeva i pochi paesani riluttanti verso le proprie abitazioni alla ricerca di un ambiente caldo, dove consumare con i familiari una cena riparatrice del fuggevole pasto di mezzogiorno e dei disagi imputabili ad un inverno che proprio quell’anno si era particolarmente accanito con acqua, bufere di neve, temperature gelide e tramontana, sul tranquillo paesino dell’Italia centrale.

Raramente al paese avevano avuto inverni così duri.
Quello “mitico” del ‘29 era materia inesauribile dei racconti degli anziani al bar che facevano a gara per aumentare i metri di neve caduta in quell’anno.
Lo pensava proprio quella sera Aldo, il gestore del “Bar Commercio”, che nonostante l’ora canonica del pasto serale sostava ancora nel locale, bestemmiando per il ritardo della moglie con la quale si davano i “cambi”.
Proprio un tempaccio.

La cosa non gli dispiaceva, il suo locale era adeguatamente riscaldato e attirava più gente degli altri bar. Oltre che dotato di una bella stufa e rilevanti canalizzazioni che mantenevano costante la temperatura, c’era il modo singolare del barista di gestire il rapporto con i clienti.
Del resto non era un caso se anche d’estate poteva vantare il maggior numero d’ombrelloni aperti sulla piazza principale, a far da cappello a giocatori di carte, calciofili, filosofi dell’ovvio, giovani perditempo dai discorsi monotematici sulle ragazze.

Da “quelli” della politica che si miscelavano con “quelli” del calcio che a loro volta intrecciavano discussioni con “quelli del ciclismo”, tutti insieme a spettegolare di corna altrui con molti presenti, più o meno inconsapevoli, soggetti delle storie narrate.
Al solito tavolo il temuto e rispettato Giovanni, “gigante” irsuto delle granaglie, che unico si permetteva gli ordini “alla voce” tuonando l’inconfondibile: “Aldo!!!!!……un Chivas”, intendendo la marca più costosa di whisky. A fargli compagnia, mal sopportato, ma come tutti i ruffiani, indispensabile per tessere la rete boccaccesca che poi il nostro possente Casanova avrebbe raccolto con la preda dentro, il barbiere Belindo.

L’ingresso del bar era sulla piazza, ma c’era una porticina nella sala biliardo che, oltre a comunicare con i vicoli retrostanti, era utilizzata come via di fuga per avventori in incognito nel caso di visite inaspettate o inopportune.
Il signor Aldo era un uomo tarchiato, di forma a “barilote”, coi pochi capelli sempre spettinati a formare due teorici “cornetti” luciferini e l’immancabile “sinalone” legato in vita alla maniera dei croupier, ma con l’aggiunta di alcune macchie leopardate multicolori di varia estrazione e provenienza.

Il “Bar Commercio”, era punto di riferimento e ritrovo dei paesani, anche se il carattere del proprietario non era dei migliori, ma proprio le sue sfuriate, i litigi, il suo partecipare attivamente a tutte le chiacchiere anche quando il suo “ruolo” ne avrebbe sconsigliato l’intervento, rendeva il luogo “unico” e irrinunciabile.
D’altra parte dove potevano passare il tempo i giovani e gli anziani delle famiglie del paese? Certamente non al paludato bar del “Circolo Culturale”.

Maggior concorrente del sor Aldo e con vista a fronte il Circolo che situato in cima alla via che portava in piazza, godeva di maggior altezza, nel senso della struttura dello stabile e del “censo” sociale dei suoi iscritti.
Nelle ampie e ben arredate sale si pavoneggiavano i figli, i padri e gli zii, con rispettive signore, di quella borghesia di paese, umoristicamente eccessiva e pomposamente fuori del tempo.
Il presidente era il signor Battista, un gemello del Vittorio de Sica gloria del cinema nazionale, al quale somigliava in maniera impressionante.

Sempre elegante, con la “farfalla” a pois e l’incedere aristocratico, con unico neo lo scricchiolare delle scarpe ad ogni passo; il suo passato era abbastanza misterioso, ma con un’elezione tutta da raccontare.
Quella sera nella sala centrale del circolo la lotta, all’ultimo voto, era fra il Generale in pensione e il Presidente della locale squadra di calcio.
Nella sala, percorsa in modo febbrile dai supporter dell’uno o dell’altro aspirante, l’unico quieto era un personaggio fin allora sconosciuto: un signore di grand’eleganza e distinzione, compostamente seduto, silente ed attento all’ennesima, inutile operazione di scrutinio dei voti.

La presenza del quale fu notata da uno dei tanti “infiltrati” del Bar Commercio, presenti in sala per seminare zizzania. Il ragazzo, Alberto il suo nome, non era nuovo a burle e scherzi poi assurti all’onore delle cronache paesane.
L’idea che gli balenò nel cervello fu la seguente: come nel calcio paesano, un giocatore proveniente “da fuori”, al di là delle qualità, otteneva immediatamente il posto da titolare in squadra, così lo “straniero” in sala, col suo fascino misterioso, poteva influenzare quel branco di pecoroni costituenti l’Assemblea e fungere da terzo incomodo nella lotta, determinando una situazione inattesa con esito imprevedibile.

Il passa parola e soprattutto il passa bigliettini di voto, ottennero un risultato clamoroso, non solo si creò “casino”, che era lo scopo reale dell’operazione, ma addirittura il sig. Battista, sconosciuto a tutti, stravinse alla grande al primo ballottaggio, e fu eletto nuovo Presidente del Circolo Culturale con grande scorno per i titolati pretendenti e tutte le conseguenze festose al Bar Commercio, nel quale si fece l’alba per il ridere ed il bere che un raggiante sor Aldo erogò con abbondanza.

Basterebbe soltanto quest’aneddoto per comprendere, senza alcuno sforzo, che l’inimicizia era nella pelle. Nulla accomunava i due ritrovi e i suoi frequentatori, se non una: la passione per il gioco del biliardo.
Un tappeto verde univa il popolo del paese: quello del calcio domenicale.
Un tappeto verde lo divideva: quello della “stecca”.
Nei due luoghi antagonisti ci si preparava tutto l’anno per le due sfide, una da giocare in casa, l’altra in trasferta, in giugno e in gennaio, al meglio delle tre partite a “48” punti.

Con la fronte imperlata di sudore o con le dita intorpidite dal freddo, i due campioni designati dalle rispettive “colonie”, si sfidavano all’ultimo birillo.
Nei mesi successivi era sollazzo e prese in giro da parte dei vincenti, fino alla successiva sfida dove i perdenti cercavano di rivalersi sull’avversario.
La partita era vissuta in modo diverso dai due ambienti.
Al Circolo della Cultura, la maggior parte dei signori non più giovani riponeva l’interesse in cose più “nobili”, come giocare il cospicuo pokerino notturno, causa di tante fortune dilapidate e brillanti carriere bruscamente stroncate.

Al Bar del Commercio, oltre la briscola ed il tressette “da consumazione” non si andava e tutti seguivano la preparazione al biliardo.
Meno uno.
Il sor Giovanni, commerciante in granaglie in Italia e udite, udite, anche all’estero!
Questo particolare cliente, quando gli impegni di lavoro non lo portavano nell’Est Europa, era presente tutti i giorni ai tavoli del bar, per raccontare con l’immancabile bicchiere di Chivas in mano, avvolto dal fumo dell’eterna sigaretta, circondato da ammiratori in silenziosa adorazione, le sue avventure amorose con le belle straniere e le spionistiche avventure oltre cortina.

Per lui, oltre il lavoro, le donne e il Chivas non s’andava; del biliardo e del Circolo, non gliene poteva fregare di meno.
Quella sera, della quale narravamo in inizio di racconto, il barista Aldo aspettava con impazienza il “cambio” da parte della moglie, per ritornare rapidamente, dopo aver consumato una cena frugale, al bar Commercio ed organizzare la sala per la riunione che avrebbe avuto come ”ordine del giorno” la disfida di sabato 23 gennaio.

Soltanto tre giorni per sapere…
A giugno, purtroppo, il campione dei “peones” era stato battuto “in casa” dall’avversario, soprattutto per un incidente verificatosi durante lo svolgimento della gara nella quale era in vantaggio.
Era successo in un’uggiosa serata di giugno.
La sala, nel seminterrato del Bar Commercio, era gravida di popolo tifoso grondante sudore, avvelenato dalla spessa cortina fumosa, che seguiva in silenzio le carambole delle palle sul panno verde nel folle balletto dei piroli.

Bisogna premettere che all’ingresso della sala, sulla destra, era posta una panca per quattro/cinque persone, solitamente usata per lo scherzo dello “straniero” che consisteva nel lasciare libero il primo posto ed occupati gli altri. Quando un nuovo frequentatore si sedeva sull’unico posto libero, gli altri quattro si levavano contemporaneamente in piedi facendo volare per forza d’inerzia il malcapitato in aria, accompagnato dai sollazzi dei frequentatori abituali.
Orbene, nel momento in cui il campione del Circolo Broccolino tentava un tiro “di calcio” a palla coperta, difficoltà massima e l’attenzione nella sala era lancinante, il campione di casa, il sor Penni, decideva improvvidamente di sedersi sul posto dell’impiccato; quelli della panca, fosse la tensione o la disattenzione, abituati a quel movimento, meccanicamente s’erano alzati, determinando l’immancabile capitombolo del “nostro”.

Le conseguenze furono pesanti.
A partita iniziata le sostituzioni non erano ammesse e il sor Penni pur continuando con orgoglio ed abnegazione per la causa, perdette in malo modo.
La sconfitta angosciò il sor Aldo che, dato il carattere nervoso, si rifece coi quattro panchinari duramente malmenati e cacciati a tempo indeterminato dal bar.
Tutta l’estate fu un tormento, non fosse altro per il modo nel quale era maturata la sconfitta.

Dal terrazzo del Circolo, lassù in alto, gli scherni e i sollazzi erano quotidiani e non bastavano certo le mani alzate a mo’ di corna, per sollevare dubbi sull’onorabilità delle Signore, a chetare i vincitori, cornuti ma contenti.
S’attendeva il “ritorno” da giocare fuori casa, ma da vincere con tutti i mezzi: leciti ed anche, perché no, illeciti.
Nella riunione della serata bisognava decidere il sostituto del signor Penni.
S’era fatto di tutto per rimetterlo in sesto e lui stesso aveva provato e riprovato, ma lo spostamento di due costole abbisognava di ben altri tempi per recuperare e a malincuore avevano dovuto alzare bandiera bianca.

Il sor Penni era un giocatore sopraffino, della scuola sudamericana, dalla quale aveva mutuato lo stile perfetto col quale interpretava il tango “figurato” nei veglioni di carnevale.
Longilineo, coi capelli tirati a brillantina e divisi lateralmente da una riga geometrica, eleganza all’inglese mai vistosa fatte salve le scarpe bicolori, foulard al collo e sigaretta montata su bocchino d’ambra: era il cuore delle donne che lo mangiavano con gli occhi, ma i suoi interessi erano altri.

Se un ipotetico forgiatore d’uomini avesse dovuto costruire un modello opposto al suddetto, non poteva far di meglio che aver creato il signor Broccolino, l’avversario di sempre.
Questi era un commerciante di pellami che dell’olezzo relativo non riusciva mai a liberarsi.
Nonostante ciò era considerato un gran cacciatore di donne o almeno per tale si accreditava, con qualche perplessità degli auditori soprattutto perché considerato di “bocca buona” contentandosi di qualunque soggetto respirasse.

Il suo era un non stile: uomo grossolano, gran lavoratore, si era arricchito e negli affari andava per le spicce adoperando spesso le maniere forti, avendo in gioventù tirato di boxe.
Al biliardo però era un satanasso, non aveva certo lo stile del Penni, ma era concreto ed efficace.
Avversario mai domo e duro da battere per chiunque, non disdegnava trucchetti che mai avrebbe adottato l’avversario.
Ora per sfidare questo maglio si doveva trovare, rapidamente, un fuoriclasse all’altezza del compito e soprattutto con la certezza che lo battesse.

Dopo tre ore di dibattito litigioso, dove si era rischiata la rissa quando il Bellini per l’ennesima offesa rivoltagli di eccedere nel bere, era uscito, rientrando dopo pochi minuti mulinando la pala da muratore bloccata dal pronto intervento del sor Aldo, si arrivò all’ovvia ed unica conclusione: al paese il “campione” non c’era.
Dovendo comunque designare l’uomo della “sfida di mezzanotte”, si procedette per votazioni successive arrivando più volte allo scontro fisico, con lancio di cestini, cappotti, berretti ed anche dell’ultima “pasta” rimasta sul bancone che guarda caso è chiamata “bomba”.

Fu la goccia che fece traboccare il vaso: il sor Aldo con passo svelto aprì la porta principale del bar e in un baleno spalancò quella secondaria.
La forza della natura che premeva da giorni per entrare nel locale e n’era stata respinta, si prese la sua rivincita. Un turbine di vento gelido fece volare tutto quanto riuscì a sollevare: cappelli, giornali, ombrelli, un vecchio quadro raffigurante figura di donna discinta ed il telo verde del biliardo che provetto aquilone veleggiò sulle teste degli astanti.

Tutti cercarono di difendersi come potevano e in questo sforzo sbollirono i loro spiriti.
Qualcuno tentò vane proteste che il ghigno del gestore scoraggiarono dal proseguire.
In poco tempo si stabilì che, per quanto ancora giovane, Giorgio Mondroni era il più dotato ed avrebbe rappresentato un’indubbia sorpresa nel campo nemico: fu votato all’unanimità, complice la solita “truffa Alberto” suo intimo amico.
Mentre si ultimavano le ultime operazioni di conta, Aldo, seppur soddisfatto per la sua opera unificatrice, non lo era affatto per la scelta, seppur inevitabile.

Qualcun altro, all’esterno, sorrideva soddisfatto, ma per le ragioni opposte a quelle del barista.
All’angolo della casa dei Rossi, il “colonnello”, appoggiato al suo scopone, il corpo deforme ed inerte, simile al monumento che in mezzo alla piazza celebrava l’eroina del paese, aveva spiato per il Circolo e questo nessuno poteva immaginarlo.
Il povero ragazzo, nato gobbo e per questo oltremodo dileggiato dagli assidui clienti del Bar Commercio, era figlio d’una famiglia umile.

Il soprannome di “colonnello” gli derivava da quest’episodio: gettatosi dal secondo piano della povera abitazione ed essendo atterrato senza gravi conseguenze, ai primi soccorritori che chiedevano increduli come si fosse salvato, il ragazzo farfugliò con voce nasale: “coll’ombello!”, ed, in effetti, lì nei pressi un povero ombrello giaceva, fiero del salvataggio.
Da quel “coll’ombello” a “Colonnello” ci volle poco, in quel paese dove anche le mosche avevano il soprannome.
Il “colonnello” era per la sua povera natura fatto bersaglio d’ogni genere di scherzi volgari e pesanti e per reazione alle umiliazioni quotidiane era diventato la perfida “quinta colonna” del signor Maurizio, suo capo al dipartimento della nettezza urbana e soprattutto facente funzioni di consigliere al Circolo della Cultura.

Quando il nostro Giuda, con passo sbilenco, entrò sogghignante nel salone al primo piano del Circolo, trovò Maurizio al tavolo del poker; bastò uno sguardo e i due s’appartarono nella saletta della segreteria.
Maurizio teneva giustamente nascosto il loro vero rapporto, altrimenti il suo informatore sarebbe stato bruciato in tutti e due i sensi: metaforico e reale.
Gli iscritti del Circolo, vedendoli insieme, pensavano che il capo dipartimento stesse comandando il lavoro per il giorno dopo.

Quando la notizia passò dalle labbra del “colonnello” all’orecchio di Maurizio, la certezza e la gioia di festeggiare un carnevale “brasilero” pervase il consigliere che, liquidato il suo “agente” lasciandogli per l’indomani giornata libera, radunò con discrezione il gran consiglio.
Erano presenti, il presidente signor Battista, il vicepresidente dr. Pecchio, il segretario Mario Cingoletti, uno dei probiviri il maresciallo Chieti, il Broccolino, il miglior esperto di biliardo e suo compagno di allenamento il Sor Cesare e Maurizio che comunicò loro la notizia.

Sorrisetti mal celati, toccatine benauguranti, richiami alla discrezione ed al silenzio e soprattutto: “calma e gessetto”.
Furono messi a punto gli ultimi particolari per l’organizzazione della serata che avrebbe visto l’arrivo degli odiati rivali; fu incaricato il Cingoletti dell’approvvigionamento di una partita di bottiglie di “schiumante” di marca per i festeggiamenti.
Ormai la domenica era vicina, il tempo stringeva, soprattutto per gli avversari.
Al Bar Commercio, nei due giorni successivi fu come alla vigilia dei grandi match di pugilato, tutti intorno al biliardo, silenzio in sala e allenamento continuo del giovane Mondrioni sotto gli occhi esperti del Penni.

Questi, seduto dolente sul ballatoio, impartiva direttive come l’ammiraglio Nelson dalla tolda del suo “Victory” a Trafalgar prima della vittoria, con l’unica differenza che neanche il più inguaribile degli ottimisti avrebbe scommesso una lira su quel pivello.
Era talmente alta la tensione per gli allenamenti, che il popolino del Bar trascurava i maneggi giornalieri della bella pizzicagnola che solitamente faceva girare le teste, secondo i suoi spostamenti all’interno del negozio, alternativamente a destra e sinistra, come avviene nelle partite di tennis.

Ciò provocava la felicità di Alfonsino, un rosso dai piedi piatti di mezz’età, che mentre aiutava nei lavori della salumeria, gustava in esclusiva, ogni mossa, della Venere, pur consapevole che quel bocconcino e quelle forme, erano destinate al “tocco” del Sor Giovanni Tettavalle.
Il ruvido dongiovanni, dall’interno del poderoso Mercedes parcheggiato di fronte al negozio, inviava l’ambasciatore Belindo a perfezionare gli ultimi particolari per l’incandescente serata.
Al mattino della domenica il vento di tramontana, che aveva imperversato per giorni interi, era all’improvviso caduto, lasciando il campo al silenzio inquietante che precede la tempesta, ma al momento il cielo era terso e la giornata festiva stupenda per colori e nitidezza di paesaggio.

Alle undici ci fu il rituale della chiacchiera in piazza, l’uscita della messa, lo “struscio” dei ragazzi con le ragazze, il pranzo, il derby calcistico del pomeriggio col paese vicino. Le scazzottate con gli avversari e il classico inseguimento dell’arbitro, reo di aver concesso un rigore inesistente che aveva determinato la sconfitta dei “nostri”.
Fin li tutti i paesani, signori e plebei, s’unirono nei rituali suddetti.
Ma a partire dalle sei del pomeriggio il gelo scese sul proscenio della sfida serale.

La bomba esplose, inattesa, alle 11 di quella sera, all’arrivo della delegazione del Bar Commercio nella sala da biliardo del Circolo della Cultura, gremita di tifosi assetati di sangue per la sfida di mezzanotte.
Da detonatore fece l’arrivo inatteso, nella mattinata, di Aurelio, nipote del Sor Quintino, macellaio del paese e padre del giovane Alberto.
Aurelio era il figlio di sua sorella Elvira residente a Lecco.
Ora, cosa c’entri tutto questo con le vicende fin qui narrate sarebbe difficile da spiegare, se non per un particolare per nulla trascurabile: Aurelio era campione regionale di biliardo della Lombardia, ma nessuno ne sapeva nulla.

Lo scoprì per caso, parlando con lui a tavola, Alberto che da quel momento non riuscì ad ingoiare nemmeno un bicchier d’acqua.
Il suo pensiero, lungi dal farsi corrompere da altri ragionamenti, correva alla partita di biliardo, alla più che probabile sconfitta ed al miracolo manifestatosi coll’apparizione di suo cugino Aurelio che, cinta l’aureola, avrebbe guidato alla vittoria il suo bar.
Come il Sor Quintino si assentò per imprescindibili necessità fisiologiche, Alberto mise in atto una rapida fuga da casa che, pur non essendo una novità assoluta, (per solito avveniva per i tetti, essendogli preclusa la porta dalla figura minacciosa del babbo), lasciò i commensali di stucco.

Col cuore in gola, risalì ansimante il vicolo, entrò nel Bar dalla porta sul retro, scese le scalette che immettevano nella sala del biliardo e crollò sulla brandina che era usata dal sor Aldo per il notturno.
Nella saletta era presente il team al gran completo: Giorgio Mondrioni alla stecca con il sor Penni alla “consolle”, il sor Aldo dall’alto del vano bar con cipiglio imbronciato all’indirizzo degli avventori che avessero tentato l’ordinazione.

Gli altri silenti e preoccupati seguivano le evoluzioni delle palle e dei piroli che, in realtà erano involuzioni in quanto il Giorgio, emozionandosi per l’avvicinarsi dell’ora fatidica, peggiorava le proprie prestazioni.
Quando i presenti videro Alberto in quelle condizioni, pensarono che a differenza di altre volte, fosse stato raggiunto dal sor Quintino e giustiziato. Con l’aiuto di un cognacchino decifrarono da quelle frasi sconnesse la grandiosità del messaggio e nella sala calò un silenzio irreale.

Il sor Aldo, come sempre, ebbe la reazione più rapida: cacciò in malo modo i pensionati già nel mirino per il nulla consumare, corse ad abbassare la serranda di accesso al bar collocandoci la scritta “chiuso per la partita di calcio”.
La discussione iniziò non appena Alberto si fu ripreso e vertette non tanto sul tentativo d’ingaggio immediato e segreto del campionissimo, ma su come affrontare la cosa col sor Quintino.
Qualcuno sorriderà, ma per l’incoscienza o la non conoscenza del soggetto che andiamo a trattare.

Il sor Quintino, uomo dal cuore d’oro che sfamava gratuitamente tutte le famiglie bisognose dei vicoli, era però un iroso “bastian contrario”, allergico ad ogni forma di autorità, nemico giurato del potere in qual si voglia sua forma si configurasse: sindaco, prete, farmacista, direttore della locale banca e via dicendo.
Il tutto non per un motivo specifico ma solo perché agli occhi dei compaesani rappresentavano qualcosa d’importante e lui l’importanza la riconosceva soltanto alla bella carne, alla “coppa”, alle salsicce e soprattutto alla caccia, sua unica passione assoluta e totale.

Al minimo sgarbo su queste materie shittava la terribile reazione.
Il figlio Alberto ne sapeva qualcosa, le rincorse sui tetti da parte del babbo, erano ormai proverbiali.
Ora affrontare in una siesta domenicale il sor Quintino, con in casa quattro o cinque fucili carichi a portata di mano, non era cosa da ridere.
L’idea vincente non poteva venire da altri che non fosse il figliol prodigo, che suggerì il coinvolgimento del compare Zerbino, grande amico di famiglia, compagno di cacciate appassionanti del nostro macellaio.

Sulla “millecinque” Fiat, messa a disposizione e guidata da Terzilio il noleggiatore, presero posto con gran difficoltà: Alberto, il barbiere Piedipiatti, Rossi (famoso antiquario di mobili antichi religiosi, di dubbia provenienza), Bruno Fretti, supertifoso della Juventus e Ginetto il fruttarolo.
Il sor Aldo col Penni continuarono l’allenamento del Mondrioni, nel caso in cui il tuonare del fucile avesse messo fine al bel sogno finora soltanto accarezzato.
La banda fece tappa al macello del sor Quintino dove, con la doppia chiave, Alberto trafugò vari “tagli” di prima scelta da usare come viatico col compare.

La regalia e la promessa dell’uso della bicicletta da corsa nuova fiammante di Alberto fecero breccia nel buon cuore di Zerbino che, comunque aveva già deciso autonomamente, ma si guardò bene dal dirlo, di andare a trovare il compare per proporre una battuta di caccia per quella nottata.
Così ci guadagnarono tutti, meno Quintino che alla riapertura del negozio, scoperto l’ammanco, avrebbe cercato di saldare i conti con chi sapete voi, naturalmente senza riuscirvi, come sempre.

Il compar Zerbino salì le scale di casa, con Alberto ben allineato e coperto dietro di lui e trovò la Sora Lella che giocava a briscola col nipote Aurelio e sul comodo divano l’organo a settantacinque canne di Quintino in piena funzione, talmente impegnato in quel roboante concerto che soltanto l’uso dei richiami da caccia riuscì nell’opra di risvegliarlo.
Non appena l’ingannevole squittire del tordo giunse all’orecchio del sor Quintino, l’aprire gli occhi e imbracciare la doppietta in posizione di sparo fu un tutt’uno e soltanto la visione del compare, a braccia in alto, in segno di resa, non fece shittare i due cani del fucile.

Tutto sommato non fu così difficile ottenere il benestare all’utilizzo del nipote, bastò scambiarlo con la promessa di un nugolo di storni e beccacce, avvistati nella campagna e pronti per finire sul bancone della macelleria: per il primato cittadino del Sor Quintino, miglior cacciatore al cospetto dei tanti invidiosi pretendenti.
Aurelio, accettò con entusiasmo, felice di sfuggire alle grinfie dell’invadente zia e alla briscola, in favore di un sicuro divertimento ai danni di quei poveri provinciali.

L’affare era fatto.
La brigata s’incamminò festante per il vicolo con destinazione Bar Commercio, pregustando una serata da non dimenticare.
Il Sor Quintino e il compare Zerbino, pregustando un cannoneggiamento nella campagna di Ospedaletto.
Alle 11 precise, la delegazione del Bar Commercio fece il suo ingresso solenne nella sala da biliardo del Circolo della Cultura gremita di tifosi starnazzanti per…… la sfida di mezzanotte.
Quando l’Aurelio, accompagnato dal Sor Penni, dopo aver salutato il pubblico con un aristocratico inchino, si diresse alla rastrelliera delle “stecche” per la scelta dello “strumento”, dal proscenio si levò un “ooohhhh!” di stupore.

Broccolino, che si stava scaldando da oltre mezz’ora, provando stecca personale e tiro sul campo di gara, quando si vide porgere la mano dall’emerito sconosciuto e capì che sarebbe stato il suo sfidante, cercò con lo sguardo, in mezzo al pubblico, il sor Cesare.
Ma il sor Cesare, già all’ingresso della delegazione in campo, vedendo quel volto non conosciuto ed avendo frequentato le più titolate sale da biliardo della Capitale, aveva avvertito un disagio crescente, intuendo che qualcosa non andava, e mentre lo sguardo del Broccolino monitorava la sala alla sua ricerca, egli era già arrivato, col suo incedere sincopato alla porta della Presidenza, aveva bussato ed era entrato, carico di dubbi e foschi presagi.

All’interno trovò un Signor Battista piuttosto agitato, intento a riempire una valigetta con documenti ed effetti personali. Messo al corrente della situazione imprevista, non mostrò grande interesse.
La cosa non sorprese il sor Cesare, che aveva già notato altre volte la stranezza del personaggio e la poca partecipazione alle vicende del Circolo, ma in quella circostanza la cosa lo preoccupò particolarmente e con maniere energiche e parole spicce lo convinse a recarsi nella sala del biliardo.

Quando entrarono nell’arena strepitante, i due contendenti stavano “arrotando” le stecche col “gessetto”, le due palle parallele, pronte per l’accostaggio che avrebbe determinato il diritto al primo tiro.
Il presidente del Circolo Culturale, riavutosi dal suo torpore, afferrò energico il microfono e col suo stile forbito richiese ed ottenne il silenzio assoluto ed attaccò:
“Questa straordinaria disfida è stata sempre disputata da concorrenti locali, poiché mi sembra di capire che il signor…?”
Qualcuno dal pubblico mormorò: “Aurelio” ed il sor Battista, “che il signor Aurelio, non fa parte del consesso paesano, senza alcun’offesa per lei, evero, ritengo che soltanto il benestare del nostro caro Broccolino possa autorizzare l’avvio di questa nobile tenzone.

Diversamente ci vedremmo costretti ad annullare la gara. ”
Il suo parlare magniloquente e la velata minaccia di una serata tanto bramata mandata in fumo, colpì la platea che, insolitamente silenziosa, rivolse la sua attenzione al campione del Circolo.
Il Broccolino non conosceva la paura anche se le viscere consigliavano, col loro sommovimento pericoloso, una certa cautela.
Guardò il tavolo della giuria e finalmente incrociò gli occhi del sor Cesare che inviò il messaggio tramite lo scuotimento orizzontale della testa: “NOOO!”.

L’allievo, nel silenzio più assoluto, vide in quell’interminabile attimo sfumare la possibilità di passare alla storia delle sfide cittadine come colui che aveva respinto l’assalto straniero alle mura del suo “Circolo”. Così, forte della propria sbruffoneria, tuonò il fatidico: “SI !!”.
La sala scoppiò in un irrefrenabile giubilo, alimentato soprattutto dai “nostri” conosciuti furbacchioni che unici in quel consesso si potevano leccare i baffi, davanti ad un bel Broccolino cucinato arrosto con patate.

Ad un imperioso gesto del temuto probiviro Chieti la sala zittì.
Il sor Cesare inquieto fumava nervosamente l’ennesima “muratti”.
Col classico scorrimento delle stecche sul pollice e l’indice della mano sinistra formanti una forcina, il tocco impercettibile del puntale sulla palla, s’iniziò il match.
Era l’accostaggio per stabilire chi, dei due contendenti, dovesse tirare per primo.
Il dolce ruotare delle sfere verso la sponda di partenza. Il silenzio. Gli ultimi impercettibili giri delle palle.

Quella del Broccolino ferma ad un centimetro dalla verde proda, l’altra a baciare.
Un vulcano eruttò nella sala, scaricando tutta la tensione accumulatasi nelle ultime giornate, ore, minuti e furono rombi, lava, cenere e lapilli.
Finalmente si giocava.
Al primo tiro, del primo “quarantotto”, Aurelio mandò con tocco perfetto la palla avversaria sui piroli che crollarono tutti sul panno e poi come telecomandata terminò la corsa nelle fauci della buca.

“Due.. quattro.. sei.. otto…e quattro fanno dodici, più due della buca: quattordici!!!” compitò il “Barone” Armando addetto alle “palline” colorate che segnavano i punti dei due contendenti.
I supporter del Bar esultarono a lungo, il Broccolino guardò sconcertato verso il posto occupato in precedenza dal sor Cesare, ma lo trovò vuoto come il suo stomaco secernente acidi gastrici letali.
Il presidente col Cesare ed il segretario Cingoletti erano chiusi nel salottino attiguo.

Dopo un breve parlottare decisero che il Cingoletti Mario, centralinista del Posto Telefonico pubblico, avrebbe raggiunto la sua postazione giornaliera e preso contatto coll’Associazione nazionale biliardo per scoprire qualche cosa sul conto del misterioso straniero.
Già al primo colpo il Sor Cesare aveva capito con chi avevano a che fare.
Al “Commercio”, Aldo sostava dietro la vetrina del suo bar vuoto e si godeva in pace l’ennesima “esportazione” senza filtro, guardando, in lontananza, le finestre illuminate del Circolo e prestando orecchio ai rimbombi che da esso giungevano.

Era certo del risultato finale della gara e comunque mai era andato in campo avverso, i suoi piedi si sarebbero rifiutati di varcare l’odiata soglia.
Nella piazza vuota, illuminata fiocamente dai lampioni, comparve all’improvviso, strisciando rasente i muri, una figura sghemba, con le lunghe gambe magre che aravano rapidamente l’asfalto.
Quando fu di fronte alle vetrate del Bar Commercio, istintivamente gettò uno sguardo sfuggente all’interno, ma fosse per i pensieri che gli correvano in testa o per la miopia cronica, non vide nemmeno lo sgradito spettatore di quella sua cavalcata notturna e proseguì “stortignaccolo” verso il posto telefonico pubblico, laggiù in fondo alla piazza.

Il sor Aldo invece lo aveva riconosciuto subito e cominciò a preoccuparsi: “Il Cingoletti, durante la gara che va al lavoro? Non può essere…a meno che…”.
Nella sala fumosa, la partita si stava trasformando da tragedia in farsa.
All’inizio il pubblico seguiva con partecipazione rumorosa la sfida ed era attento e nervoso, ma coll’andare delle carambole, dei colpi più spettacolari dell’Aurelio e di contro coll’affannarsi di Broccolino che oltre a non raccogliere un punto, non riusciva nemmeno a colpire la palla avversaria, cominciò a rumoreggiare all’unisono.

In aria già volavano cartocci di vecchi giornali e la situazione rischiava di degenerare.
Alla caserma dei carabinieri il maresciallo Casella si apprestava a salire sulla camionetta con due militi, il suo volto inespressivo nascondeva un gran turbamento, la destinazione era il Circolo Culturale.
Il centralinista Cingoletti dopo aver armeggiato nervosamente con gli spinotti, ottenne la comunicazione desiderata. Dopo le prime risposte alle sue domande, il suo volto scheletrico da cinereo divenne nero di rabbia, le spesse lenti da miope volarono in aria.

Lasciata la comunicazione aperta e il posto incustodito, si precipitò di gran carriera, per quanto consentitogli da quella struttura dinoccolata, nella direzione del Circolo.
Il sor Aldo che non s’era spostato d’un centimetro dal primo passaggio, assistette al secondo con turbamento misto a disperazione: era del tutto evidente che la “partita” si metteva male ed allora spense le luci, serrate le porte, prese cappello e data la buonanotte ai “suonatori”, si recò da Venanzia, eterna consolatrice delle anime in pena.

Mentre la camionetta dei carabinieri parcheggiava davanti al cinema, locale attiguo al Circolo, ed il segretario Cingoletti imboccava di gran carriera la rampa delle scale del medesimo, una lussuosa Lancia “Ardea” arrivava da Perugia con all’interno tre signori di gran classe, vestiti con abiti scuri e garofano all’occhiello, accompagnati da altrettante signore emananti grande charme.
Nella sala biliardo del Circolo la partita era giunta all’ultimo atto.
Dopo il primo “48” a zero punti, anche il secondo stava terminando nella stessa maniera.

Il Cingoletti irruppe concitato in sala, si precipitò al tavolo del presidente e, dopo un breve conciliabolo col sor Cesare, afferrò il microfono, accese l’amplificatore e chiese con voce tremolante il silenzio.
L’Aurelio, con la stecca in mano, non riuscì a tirare un “rinquarto” finale che avrebbe sancito la fine delle ostilità.
Il signor Battista, presidente del Circolo della Cultura, prese la parola con aria solenne:
“l’incontro ha da considerarsi nullo, lo sfidante sig.

Aurelio Fanti è un professionista, campione della Lombardia, pertanto la vittoria va a tavolino al signor Broccolino, campione del nostro Circolo, ora ci attendiamo pubblicamente le scuse da parte dei rappresentanti del bar Commercio. ”
Dopo pochi attimi di sbalordito silenzio, la sala esplose in un boato di proteste, accuse, invettive e contraccuse.
I più facinorosi dei campi avversi cercarono di passare alle vie di fatto, ma non vi riuscirono perché irruppe nella sala, con tutta l’autorità conferitagli dalla divisa e dal categorico cipiglio, il maresciallo Casella coi due carabinieri: le parole che pronunciò dal microfono fecero il resto.

“Signor Battista, la prego di seguirci in caserma: la dichiaro in arresto per falsa identità, truffa aggravata, appropriazione indebita, falso in bilancio, peculato ed abbandono del tetto coniugale. ”
A questa terribile sentenza il falso signor Battista divenne paonazzo e svenne.
Soltanto in seguito si seppe che don Ciccillo Chiuccio, noto truffatore di Aversa, discendente da una nobile famiglia del posto, aveva sin da giovane dissipato la sua esistenza con ogni sorta di mal comportamenti, girovagando per l’Italia, inseguito da mandati di cattura fino ad allora andati a vuoto ed approdato per l’ennesimo raggiro al paese che ben conosciamo.

Ma torniamo sulla scena del “delitto”.
Nell’accumularsi di tutti quegli avvenimenti, nessuno aveva notato l’arrivo in sala dei tre signori in redingote e delle signore in abito lungo, ma dopo che il Chiuccio ripresosi dal malore era stato trasferito nella locale galera, lo sbalordimento di tutte e due le compagini lasciò il campo alla curiosità per quell’insolita compagnia.
E come nella vita ogni dolore è mitigato dalla ricerca di una consolazione che aiuti a tirare avanti così in quell’amara circostanza il dottor Pecchio, facente funzione di Presidente pro-tempore, presentò con il microfono i fratelli Angeletti: il cavalier Virgilio e il professor Gianni, con le rispettive consorti, benemeriti del paese e ben introdotti nei migliori circoli del capoluogo.

Essi stessi presentarono il terzo Signore: il Campione del Mondo in carica Pablo Suarez, a Perugia per un’esibizione al famoso Circolo dei Filandoni e grazie a loro qui in sala per una pubblica dimostrazione individuale.
A questo stupefacente annuncio fece seguito un uragano di applausi, urla, grida e fischi alla pecorara (Alberto, Mondrioni e soci).
Altrettanta gioia non poteva provare il povero Ciccillo Chiuccio che dalle sbarre della piccola cella, privato delle stringhe delle scarpe e del suo papillon, meditava amaramente sulla sua vita scellerata e contemplando il cielo stellato ricordava le parole di suo padre: “Attento Franciè, le palle male adoperate giocano sempre brutti scherzi!”.

Sotto quello stesso cielo, ma in tutt’altra posizione, nella campagna silenziosa, una macchina di grossa cilindrata col motore spento era comunque scossa da convulsi fremiti.
All’interno, Giovanni Tettavalle stava raggiungendo l’estasi per merito dei pregevoli servigi orali dell’avvenente salumaia.
Al chiarore della luna, qualche chilometro più in là, il Sor Quintino ed il compar Zerbino, fregandosene di tutte quelle stronzate paesane, attendevano fiduciosi l’arrivo di uno stormo di pasciute beccacce.

Il mio primo gloryhole

Alexandra: e le altre
di antonio andrea fusco

Il mio primo gloryhole

Sono stato sempre un eterosessuale, mi sono sempre piaciute le belle ragazze, ma vi voglio raccontare come ho scoperto la mia bisessualità.
Cinque anni fa, navigavo in Internet, visitavo alcuni siti porno e mi sono imbattuto in uno che trattava il “Gloryhole”, il famoso buco nel muro. Ero molto eccitato, mentre guardavo i filmati mi venne un erezione terrificante e iniziai a masturbarmi.

All’improvviso senza che me ne ero accorto era entrata mia moglie, e mi vergognai un po’ per quello che stavo facendo. Mia moglie mi venne accanto e mi disse “Perché lo fai da solo, potevi chiamarmi …” , si avvicinò e prese il mio pene in mano e iniziò un movimento che mi faceva impazzire, intanto il video del Gloryhole proseguiva sullo schermo e mia moglie guardava interessata ma incredula. Si abbassò e prese la cappella con le labbra e iniziò a succhiare, con l’altra mano mi accarezzava i testicoli.

Muoveva la testa su e giù e iniziai a gemere. Non durai molto, mi fece venire in un mare di sborra, ma lei come al solito non volle raccogliere con la bocca.
Passò una settimana, il video mi aveva tanto eccitato che volevo provare anch’io l’esperienza del pompino di una donna sconosciuta attraverso il muro, quindi iniziai a cercare in Germania, ancora abitavamo lì, qualche privè dove ci fosse il Gloryhole. La fortuna volle che a circa 30 Km da casa c’era un locale dove si praticava tutto ciò.

Avevo un dubbio, se andavo solo e mia moglie se ne sarebbe accorta sarebbe successo il finimondo, allora gli feci una proposta indecente: se mi accompagnava lei. Si arrabbiò un pochino, ma forse il video che aveva visto e la situazione eccitante aveva turbato anche lei, accettò.
Il sabato sera andammo in questo locale, eravamo in macchina e già eravamo eccitatissimi, infatti le nostre mani non stavano ferme, ci accarezzavamo da tutte le parti.

Arrivati, parcheggiammo la macchina, entrammo nel locale e prendemmo da bere al bar interno. Chiesi dove fossero i camerini e mi fu indicato il piano superiore. Aperta la porta di uno di questi ci trovammo in un camerino stretto e lungo tappezzato in velluto rosso e dietro una tenda su un lato lungo c’era il famoso buco.
Ci spogliammo e iniziammo a stringerci tutti eccitati, non dovemmo aspettare tanto che sentimmo dei passi nel camerino accanto.

Aprii la tenda e vidi una luce dal buco.
Mia moglie era ormai rassegnata a vedere un’altra donna che mi succhiava e fece finta di niente e inizio a masturbarsi. Dal buco vidi comparire due labbra meravigliose. Ero eccitatissimo come non mai tenendo mia moglie per mano mi avvicinai e misi il mio cazzo all’altezza delle labbra, queste si aprirono e presero metà del mio pene al loro interno. Era una cosa bellissima, succhiava con delicatezza e iniziò il movimento di avanti e indietro, leccandomi a volte tutta l’asta.

Ero in estasi, mia moglie mi leccava il lobo dell’orecchio, con una mano si masturbava e l’altra mi accarezzava il culo. All’improvviso ebbe un ripensamento e disse: “E no … questo è mio e non voglio dividerlo con nessuno !!!!!!!”, mi strattonò, mi fece staccare da quel succhio che mi aspirava il cervello, si mise in ginocchio e lo prese in bocca iniziando un pompino selvaggio. Io ero di schiena al buco e sentii la mano della ragazza dall’altro camerino che mi accarezzava l’ano.

Mi avvicinai alla parete tanto da incollare le mie natiche al buco, questa da dietro inizio a leccarmi il culo. Io ero in mezzo a due fuochi, mia moglie davanti che succhiava da togliere il fiato, e l’altra da dietro che leccava il mio ano. Mi abbassai in avanti e aprii con le mani le mie chiappe per permettere alla lingua di fare i movimenti giusti. Ero in estasi, mia moglie non sapeva quello che stava succedendo alle mie spalle.

La lingua della ragazza penetrava ormai nel mio ano leccandomi e bagnandomi tutto intorno. Dopo alcune spinte della lingua insalivata che entrarono per alcuni centimetri nel culo si ritirò con mia disapprovazione ma non potevo sapere quello che stava per accadere. Sentii qualcosa di grosso, caldo e umido appoggiarsi al mio ano e iniziare a spingere, capii immediatamente che un cazzo cercava di penetrarmi; cercai si spostarmi ma mia moglie credendo che volevo toglierlo dalla sua bocca mi morse delicatamente il pene facendomi capire che non era disposta a fermarsi e di non muovermi.

La lingua della ragazza mi aveva preparato a dovere lubrificandomi; infatti la cappella dello sconosciuto non ebbe molta resistenza ed entro dentro di me senza provocarmi dolore, iniziò a muoversi e a ogni affondo entrava di più, mia moglie succhiava non sapendo quello che stava avvenendo alle mie spalle e io non potevo muovermi. Ormai era quasi tutto dentro di me, sentivo che scivolava tranquillamente e profondamente nel mio retto. Sentivo il mio culo pieno di una presenza calda che mi apriva.

Era la prima volta che mi inculavano e a me piaceva sempre di più. Il vai e vieni durò circa 10 minuti e ormai sentivo che stavo per venire, mia moglie se ne accorse e con mia meraviglia (mai fatto prima) prese di più il mio cazzo per non farlo uscire e venni tumultuosamente riempiendo di sborra la bocca di mia moglie che dopo averlo raccolta tutta la mandò giù. Un attimo prima del mio orgasmo sentii il cazzo che era nel mio culo spingere ed entrare tutto e avvertii una sensazione calda: mi venne dentro contemporaneamente al mio orgasmo.

Otto getti di sborra caldi nel mio retto, fu qualcosa di meraviglioso venire insieme, lui nel mio culo e io in bocca a mia moglie. Si staccò da dietro, lo sentivo tutto viscido quando uscì da me. Mia moglie non era ancora sazia e succhiava dal mio cazzo le ultime gocce di sperma.
Improvvisamente la lingua di prima si fece avanti un altra volta e inizio a leccare il mio ano ancora dilatato dall’inculata; leccava intorno e all’interno intanto sentivo lo sperma che avevo nel culo che iniziava a colare fuori e veniva raccolto dalla lingua della ragazza, che lo leccava con avidità.

Furono delle sensazioni meravigliose sentire la la lingua della ragazza raccogliere lo sperma dal mio culo tanto che venni una seconda volta nella bocca di mia moglie che non si era ancora staccata.
Mia moglie rimase meravigliata della seconda sborrata e succhiò avidamente anche lei.
Ero distrutto, non mi sarei mai aspettato tanto in poco tempo.
Quando raccontai dell’inculata a mia moglie non voleva credermi perché non si era accorta di nulla.

Gli dissi che avevo goduto come un matto nell’essere inculato e che la ragazza aveva succhiato lo sperma dal mio ano. Vedevo che si era eccitata, mi disse che anche a lei era piaciuto l’esperienza che avremmo riprovato.
Tornai altre volte in quel locale all’insaputa di mia moglie per riprovare l’inculata, e ogni volta è stata qualcosa di diverso ma sempre ho goduto profondamente e non posso più farne a meno.
Alcuni mesi dopo, una sera tornando a casa trovai mia moglie molto arrabbiata.

Mi disse che mi vide nei pressi del locale e mi aveva seguito. Io non sapevo cosa dire, allora lei mi mise davanti a una scelta: la rottura del nostro rapporto o … la proposta indecente di … voleva provare l’inculata dallo sconosciuto !

Silvia

Io e la mia ex fidanzata, pur non stando piu’ insieme e vivendo due relazioni differenti ci vediamo e facciamo sesso regoralmente… anche se e’ una storia assurda , ci amiamo ancora molto e quella sintonia che si e’ creata tra noi intellettualmente e sessualmente ha qualcosa di immaginabile ,anche volendo non riusciamo a stare lontani ,ci abbiamo provato ,ma ancora ad oggi e’ passato molto tempo da quando ci siamo lasciati , questo ci viene impossibile!!!
lei e’ una ragazza minutina con un corpo magrolino dalle forme deliziose, si devo dirlo, ogni tanto quando non c’e’ e la vorrei ,mi devo masturbare pensando a come scoperei quel bellissimo suo corpo a pecora!!mi piace da impazzire fare sesso con lei, ama la lingerie tacchi ed essere provocante con me…e a volte ha quelle sue espressioni da porca cosa che a me eccita molto.

usiamo anche gaget quali vibratori e manette (una volta vestita con autoreggenti e tacchi indossava un vestitino che a malapena le copriva le chiappe , l’ho ammanettata e fasciato gli occhi con un autoreggente, che scopata!!! Quanto abbiamo goduto e quando e’ stato bello ) , fa dei gran bei pompini anche se, non ingoia mai, e non sa come mi farebbe godere..dice che prima o poi lo fara’, ed io le ho detto che fino a quel giorno che non berra’ il mio nettare io non la sposero’!!!!( pensateci bene, noi lecchiamo la figa della nostra amata senza farci problemi ingoiamo peli e assaporiamo i loro orgasmi , anche loro vengono in maniera inferiore a noi… ma vengono ,e noi deliziamo dei loro orgasmi e sapori , abbiamo la bocca impastata di figa e ne andiamo fieri,che c’e’ di meglio e che c’e’ di male !!!!!…)
e’ sessualmente attiva tanto che mi ha confessato di sentirsi un po’ bsx ,e che se pensa ad una ragazza leccarli la figa , si bagna di piacere… io che sono un uomo non potrei chiedere di meglio!!!
bene , una sera mi chiama Silvia e parliamo del piu’ e del meno , mi dice che vuole organizzare un paio di giorni tutti per noi (e quei giorni sono solo mangiare bere e fare l’amore ) organiziamo le date e salta fuori che una sua amica ha la casa libera perche’ fuori citta’ , meglio che stare in hotel dico io…
arrivata la data della partenza , ci vediamo ,bagagli in macchina e con la solita voglia sfrenata di stare insieme si parte in autostrada.. oggi e’ molto bella con un vestitino appena sopra le ginocchia molto aderente che le lascia libera la vista delle sue belle cosce e del suo bel collo ,scendendo aperto fino alle scapole , mostra il suo decolte’ in modo non volgare ma molto sensuale e incantevole ,i capelli lisci le scendono delicatamente sulle spalle ,calza un sandalo aperto con poco tacco color bianco che fa vedere il suo bel piedino numero 37 e le sue dita con smalto color rosso.

duante il viaggio la guida e’ sempre la stessa io non cambio piu’ marcia , e le accarezzo le gambe fino ai polpacci.. ho gia’ troppa voglia di lei …e lei lo ha capito …
salgo con le mani fino all’inguine , lei e’ molto rilassata e mi lascia fare … anche lei ha voglia !!! appena riesco a mettere le mani sulla sua figa mi accorgo che e’ gia’ umida… le chiedo di torgliersi gli slip perche’ sto guidando e lei mi accontenta.. wow quella bella fighetta e’ libera ora posso giocarci … inizio a girare le dita intorno al suo clitoride, le accarezzo le labbra della figa e piano piano entro con le dita , la sto sditalinando in macchina mentre guido , e il mio cazzo prende forma sempre piu’ …
Silvia mi dice che sta venendo, di non smettere , devo ralletare passare sulla corsia di destra e accontentarla .. sta godendo e si accarezza i seni mentre io mi occupo della sua figa….

adoro farla godere!!!
Bravo !!! mi dice lei ,sei stato davvero bravo…
la guardo e le sorrido ,ho il cazzo duro … continuo la guida e lei mi dice : fammi sentire il mio bel cazzo!!(ogni tanto le piace farmi pompini mentre guido ,anzi anni fa la sono andata a prendere da sua cugina ,appena entrati in autostrada avevo gia’ lei sul mio cazzo , mi son dovuto fermare subito nella piazzola , sono venuto in un lampo ,che bel ciao amore mio!!!)
mi passa la mano sopra massaggiando , apre i pantaloni slaccia la cintura e il mio cazzo e’ fuori dai pantaloni, lei me lo sega delicatamente e io non vedo l’ora che se lo prenda in bocca!!! nn faccio in tempo a pensarlo che lei sta gia’ assaporando il mio cazzo ormai bagnatissimo nella sua bella bocca… continuo a guidare e so che lei nn mi fara’ venire con la bocca (non le piace il sapore dello sperma in bocca dice ) sto quasi per venire..resisto , vedo una piazzola di sosta , mi accosto e le dico : parcheggio come quando devi fare pipi’.. in modo che la macchina copra la sua parte…
scendo dalla macchina ,apro la sua portiera la faccio scendere e la metto sul suo sedile a pecora con il suo culo rivolto verso l’esterno … io le alzo il vestitino l’afferro dai fianchi e le entro dentro la figa subito ,le mutandine le aveva gia’ tolte prima.

Inizio a scoparmela e lei apprezza molto quel gesto ,e’ impaurita solo dal fatto che ci possa vedere qualcuno, ma siamo tutti e due troppo eccitati e lei ama prendere il mio cazzo a pecora tanto che in men che non si dica Silvia ha dinuovo un altro orgasmo e il suo immediatamente provoca il mio, il mio cazzo scoppia in una copiosa sborrata nella sua figa caldissima !!! non ne potevo piu’.. che goduria!!!!!!
ci risistemiamo e dicendoci due dolci parole , mi se mancato ,ti amo ect ect ect.. ripartiamo…
arrivati a destinazione , ci accorgiamo che ormai e’ tardi ..scarichiamo la macchina e entriamo in casa , sistemiamo i bagagli ,facciamo una doccia veloce ed usciamo a mangiare una pizza e poi a casa a dormire…
il giorno dopo decidiamo di andar a far un po’ di spesa , dovendo stare qualche giorno ,volevamo aver almeno due cosette da stuzzicare e mangiare nonche’ qualche buona bottiglia di vino..
al supermercato Silvia si sente chiamare , e’ una sua vecchia amica, Giorgia una ragazza non grassa ma piu’ in carne di lei capelli castani alta poco piu’ del metro e 65, simpatica a prima vista ( lei dopo mi confida che una volta erano molto amiche e che facevano spesso le stupide in discoteca ,tipo quando dei ragazzi ci provavano dicevano di essere lesbiche e si baciavano con la lingua per toglierseli dalle palle )
parlano del piu’ e del meno circa 20 minuti, e Silvia decide di invitarla a cena da noi , visto che e’ qualche anno che non la vede perche’ non passare una serata insieme e raccontarsi un po’ di cose ..io annuisco e le dico di si,( non molto contento ,di solito con le sue amiche e’ difficile che mi diverta , be’ capitava si certo, ma nn spesso!! ) ok , ci salutiamo e appuntamento per le 19:00 da noi per aperitivo…
arrivati a casa passiamo il pomeriggio in giardino sdraiati su due lettini , a prendere un po di sole, Silvia e’ sdraiata su un fianco in reggiseno e con una mutandina brasiliana che mi mostra il suo bel sedere e si suoi deliziosi fianchi in primo piano… sono gia’ arrapato da pazzi!!! quanto mi piace quella visione… faccio per metterle una mano addosso e Silvia si sveglia chiedendomi che ora era… erano le 17:30 !!!!
Su muoviamoci alle 19:00 arriva Giorgia e non siamo ancora pronti ! dice lei , alche’ tutte le mie fantasie si smontano in un istante…
facciamo doccia e ci cambiamo , io essendo in casa decido per un paio di short e una camicia mezza manica un po’ aperta … fa caldo!!! Silvia mette un bel vestitino che le calza a pennello color nero aperto sulle spalle molto fresco e la fa sentire libera per cui non usa senza reggiseno , in casa non lo usa mai!!
-menu’ della serata, io mi occupo della cucina e non ho voglia di strafare.. mi voglio passare la serata anche io…
decido di fare due tartine per aperitivo , e qualche salatino al forno, tutte cose veloci e stuzzichevoli…
come piatto principale , una bella tagliata , con contorno di patate al forno e una bella bottiglia di rosso..
dessert fragole con gelato e panna a seconda delle richieste..
Suona il campanello , e’ Giorgia , Silvia le apre entra in casa.. anche lei vestiva come Silvia , con un vestitino corto , capelli raccolti , e anche lei e’ senza reggiseno ,scorgo i suoi grossi capezzoli spingere sul vestito e la forma del suo seno e’ appena piu’ grossa si quella di Silvia..
inizia l’aperitivo e io preparo lo spritz , facciamo il cin e iniziamo a parlare ridere scherzare , Silvia e’ contenta e quando lo e’ cosi’ mi fa molto piacere..mi fa felice !!!
si raccontano un po’ di loro vecchie storie , scuola lavoro ect… e nel frattempo un altro spritz.

finito aperitivo io mi dedico alla carne le chiedo come la gradiscono , Silvia e’ gia’ su di giri , e da mia vera provocatrice si avvicina a me, mi infila la lingua in bocca ,una mano sul pacco e mi dice: lo sai come la voglio io , chiedi a Giorgia..
Giorgia si fa una sana risatina e dice : io la carne al sangue grazie !!! e guarda Silvia con aria divertita ….

ed io mi sento preso in giro ma le lascio fare!
Apro una bottiglia di rosso toscano appena servita la carne a tavola.. servo le mie ospiti e dopo il cin mi avvicino a Silvia dando le spalle a Giorgia, e le sussuro che avevo voglia di lei e che mi stavo eccitando , e non vedevo l’ora che Giorgia sparisse per stare con lei, le prendo la sua mano e le faccio toccare il pacco..( era dal pomeriggio in giardino che la volevo, la mia voglia saliva ) dopo di che mi scuso con Giorgia per le spalle mi siedo e buon appetito!!
mangiamo e ormai siamo un po’ tutti brilli.. finita la carne e’ il momento delle fragole , mi chiedono un po’ di musica di sottofondo che io metto subito , ma non essendo a casa nostra non sapevo che mettere, trovo un buddha bar che come sottofondo mi sembrava ottimo…
Giorgia e Silvia ridono e scherzano ,tanto che tirano fuori le loro avventure in discoteca.. si alzano e iniziano a ballare sulle musiche delicate e armoniose del Buddha bar..
io tiro fuori dal frigo le fragole tagliate in precedenza, il gelato e la panna e le posiziono sul tavolo…
Silvia dice di aver caldo e in un lampo si toglie il vestitino , rimane in tanga e la visione dei sui seni liberi e il suo bel culo avvolto da quel pezzo di stoffa che accarezzava cosi’ bene le sue forme , accende in me un eccitazione travolgente, volevo prenderla e sbatterla come gia’ fatto in passato , attaccata alla cucina in piedi da dietro!!!( quella volta mi aspettava a casa ,vestita con una magliettina un paio di jeans aderenti e stivali ben truccata , travolgente!!!, quando si prepara cosi’ per me, mi eccito da morire ,lei lo sa e me lo fa apposta, peccato solo quando ne ha voglia …la presi subito da dietro la appoggiai alla credenza le abbassai i jeans sotto aveva gli autoreggenti e una bella mutandina che faceva vedere le sue chiappe in modo molto gradevole.. la mia eccitazione saliva a dismisura , la baciai e palpai per benino ,e dal momento che era messa in piedi con il culo rivolto verso di me e mi occupai subito della sua figa leccandola a grandi slinguate , io ero in ginocchio con in bocca quel bel frutto delle sue chiappe… che bello!!!!!ero molto in tiro ,dopo poco affondai il mio bel pisello dentro di lei!!!!anche quella e’ stata una delle ns memorabili scopate …
la cosa che mi ha stupito e che Giorgia rideva dicendo : che fai Silvia!!! ma si ,perche’ no!! disse… e a sua volta si tolse il vestitino anche lei..
erano tutte e due in tanga con i seni di fuori che ballavano davanti a me… io risi , guardavo Giorgia… non era molto eccitante non quanto lo era Silvia per me!!!ma la situazione era molto bella e simpatica… quindi andai avanti con le mie cose , presi piattini ,cucchiaini , e apparecchiai per le fragole……
Silvia disse a Giorgia , facciamoli vedere cosa facevamo in disco… mentre ballano si avvicinano e si baciano con la lingua compiaciute di averlo fatto davanti a me…
rimango a bocca aperta ,quella visione mi incantava… ballavano vicine baciandosi , mentre i loro seni si strusciavano l’uno sul l’altro e vedevo vistosamente i loro capezzoli crescere… le vedevo ridere , ma c’era di piu’ che la solita cosa di farlo solo vedere, si piacevano e c’era dell’intesa tra loro si notava…
mi sedetti e prendendo il bicchiere di rosso sul tavolo ammiravo loro due ballare, poi si avvicinano a me… una da un lato una dall’altro , Silvia prende luna fragola , apre la panna e ne spruzzo un bel po’ su un piatto…inzuppandola di panna me la mette in bocca guardandomi fisso negli occhi, ed io conosco quello sguardo provocatorio,sembrava dirmi ho voglia del tuo cazzo….

mi sto eccitando!!!
prende una fragola con lo stesso fare la mette in bocca a Giorgia la quale lascia un po’ di panna fuoriuscire dal labbro.. e io rido pensando ad una fuoriuscita di sperma a pompino finito, che porco che sono!!!
siamo brilli dico, e’ normale… Divertiamoci !!
Giorgia prende una manata di panna la spalma sui seni di Silvia ed inizia a baciarla in bocca , poi sul collo poi sui seni.. a quel punto mi alzo e Silvia fa per prendermi la mano,mi blocca.. fa scendere una mano sul mio cazzo durissimo ormai…apre i pantaloncini che cadono a terra… mette una mano nei boxer e me lo tocca per tutta la sua lunghezza ,che bello dico!! mentre Giorgia le succhia i capezzoli.. lei mi spinge indietro e mi fa risedere..non oppongo resistenza….

in quel momento Silvia si stacca da Giorgia , prende la panna mi abbassa i boxer e ne spruzza un po’ sul mio cazzo per tutta la sua lunghezza.. si inginocchia e inizia a prenderlo in bocca!!!lo lecca dalle palle alla cappella fin quando non la vedo sparire nella sua bocca!!!non credevo si andasse oltre ,e mi piaceva…. cazzo se mi piaceva!! Giorgia rimane un po’ sulle sue sorridendo , poi vedo che si avvicina si inginocchia anche lei, guarda Silvia negli occhi , e in quel momento si baciano dinuovo con la lingua… poi dividono il mio cazzo tra loro slinguate e slinguate al mio enorme cazzo bagnato , non ce la faccio piu’!!!!devo sborrare…
ad un certo punto loro , si alzano e mi lasciano li impalato seduto con il cazzo enorme , continuano a ballare baciarsi e toccarsi ora i seni ora i fianchi.. ora le loro mani scendono dai fianchi e prendono la via delle loro fighe…che visione!!!
io sono di pietra e con il cazzo in mano , prendo nuovamente il vino e bevo.. loro si spostano in sala ,non le vedo piu’… mi alzo per andare a vedere dove sono..
( in sala la luce e’ spenta si vede penombra per la luce che arriva della cucina… )
sono distese sul divano si baciano ,i loro corpi si strusciano , stanno ansimando .. ed io sto impazzendo .. Giorgia alza e fa sedere Silvia.. le toglie gli slip e inizia a toccarla , Silvia si sdraia e Giorgia avvicina la sua bocca ai seni , i fianchi e arriva alla figa di Silvia ,la sta leccando e Silvia sta godendo..( quella situazione l’aveva immaginata, ora la stava provando ) mi avvicino a Silvia e le sbatto il mio cazzo in bocca.. ma devo stare attendo potrei sborrare da un momento all’altro e non voglio ancora ,sono troppo eccitato!!!
passati forse 5 minuti Giorgia leva Silvia dal mio cazzo e se la porta in posizione 69 con Silvia sopra e Giorgia sotto, vuole farsela leccare anche lei…e Silvia accetta l’offerta di contraccambiare la sua prima venuta dovuta a lei… le loro mani afferrano le cosce di entrambe e le loro bocche iniziano ad assaporare la labbra e i clitoridi l’un dell’altra , si muovono ,il loro corpi continuano a strusciarsi e i loro seni pelle su pelle , le loro carni ormai sono al massimo dell’eccitazione..sono una lago di orgasmi entrambe…
quell ‘ennesima situazione mi ha sextenato un mio pensiero che si stava esaudendo, metterle il cazzo nel culo della mia Silvia mentre se la faceva leccare!!! nn persi tempo e tra i loro rumori di piacere mi avvicinai al culo di Silvia e iniziai a leccarlo….. le allargai le chiappe e mi avvicinai a quel piccolo ano…
come godeva lei!!!
Giorgia le leccava la Figa ed io il suo buchetto… iniziai a spingere un po’ con la lingua , e mentre Giorgia si occupava del clitoride io davo una assaporata alla sua figa , poi risalendo al mio punto di lavoro , il suo ano lavorandolo per bene di lingua e sentendola compiaciuta delle mie attenzioni ..la inumidii per bene e una volta abbastanza bagnata e pronta mi alzai e posizionai la mia ormai incandescente enorme cappella all’entrata del suo delizioso culo!!
pian piano entrai senza far fatica ( analmente lo facciamo ma non spesso, quindi ogni occasione per me , e’ da sfruttare, e lei era molto eccitata il suo culo si apriva da solo senza opporre resistenza ) sento il mio cazzo farsi strada dentro di lei.. lei si dimena perche’ sta godendo come poche…Giorgia le sta lavorando la figa di lingua da vera maestra e Silvia nn puo’ che godere…
sono dentro fino alle palle ormai , inizio a faglielo andare su e giu’ per il culo , Silvia non sa piu’ come e dove sta godendo se nella figa se analmente se tutte e due….

si stacca dalla figa di Giorgia e grida si , cosi’ non vi fermate , oddio come godo , ancora si , sbattimi il culo tu e non fermarti ,( e chi si ferma , pensavo io … quando le sono dentro il suo culo, il mio cazzo diventa sempre piu’ duro e grosso , mi eccita sbatterla cosi’ a pecora ,mi eccitano i suoi fianchi e la visione di quelle chiappe dalle curve cosi’ perfette )
vengo ahahh ohhoho sto venendo ..ohoho sihh sihhh , ahaahha ooohohhhohh come godo sihhhhhh….

un urlo liberatorio le sextena l’orgasmo..e a quel punto anche io godo… l’afferro ancor piu’ forte dai fianchi e mentre le do un paio di sculacciate vengo nel suo culo inondandola di sborra, quel bellissimo culo era ormai cosi’ dilatato che avrei potuto navigarci su e giu’ dentro un altra oretta.. ma la mia eccitazione era cosi’ forse che non resistetti molto…..!!!
sospiri… io mi accarezzo Silvia ancora su Giorgia..loro rimangono li…. e’ arrivato il silenzio ……..
10 min dopo ci trovammo tutti e tre nudi sul divano a ridere dell’accaduto e fumare una sigaretta..e soprattutto dando la colpa all’alcool ,per quella ns performance.

ma forse tutti e tre l’abbiamo cercato e voluto… e’ stata una bella esperienza , io ora non so , forse Giorgia avrebbe voluto assaporare il mio cazzo non solo spompinandomelo… ma io ero solo per Silvia, quello che volevo era lei, ed una mia fantasia si era avverata…
e non mi interessava scopare anche lei… lei si e’ scopata Silvia e Silvia lei…anzi l’unica che si e’ scopata tutti e due , e’ stata proprio Silvia… quindi andava bene cosi’!!!!!
finiti i nostri giorni.. si torna a casa, e non vedo l’ora di tornare con Silvia via qualche giorno….

forse un giorno sara’ per sempre , c’e’ qualcosa che ci lega in modo particolare , si chiama sintonia , si chiama amore si chiama filo invisibile , ma non possiamo star lontani , siamo fatti l’uno per l’altra.

Krissy ed i suoi sogni

Aveva sempre avuto un unico, secondo lei, bellissimo sogno; quello di sgambettare in televisione. Quello di mostrare il culo alle telecamere, di farsi vedere abbracciata al calciatore, al ricco imprenditore o al manager di successo.

Non aveva studiato, non è che fosse particolarmente vispa né intelligente. Era ambiziosa, questo glielo riconosco. Un’oca giuliva fuori e una ragazzina piena di debolezze, frustrazioni e dubbi dentro. Questa era Cristina, quando la conobbi. A sapere che sarebbe finita così male sarei stato meno gentile con lei. Ma lasciatemi raccontare di come andarono le cose.
Atto I: una maialina sulle scale
Piangeva. La prima volta che la vidi piangeva. Era seduta sulla gradinata del palazzo in cui lavoravo ed era vestita come…come…si può essere schietti e sinceri, vero? Mica vi scandalizzate? Ecco, allora, era vestita come una buona mignotta.

Minigonna, calze a rete, giacchino strizzato in vita come un tubetto di dentifricio quasi finito, capelli pettinati all’ultima moda (ultima, penultima o terzultima per me fa lo stesso…non seguo le mode) e trucco gradevole ma tutt’altro che leggero. Lì per lì ho pensato di avere a che fare con una troietta come tante. Beh, a conti fatti la prima impressione era quella giusta. Ma non a tutte le troiette mi affeziono, sapete? Per questo ripensare a quel momento mi fa un po’ male.

“Ciao. Qualcosa non va?” le chiesi, pensando fra me e me a quanto dovesse sembrare stupida quella domanda. Se uno piange, per forza c’è qualcosa che non va. O no?
“No” mi fa lei “Tutto a posto”
“Perché piangi, allora?”
“Ma nulla…mi hanno solo scartata”
“Ah” esclamai. In quel palazzo si tenevano le prove per un programma televisivo che sarebbe andato in onda da lì a due mesi. Lo sapevo da qualche giorno.

Il genere del programma ve lo potete immaginare. Quando si fanno le selezioni per scegliere una quarantina di volenterose ragazzine con poco cervellino e gambe lunghe, c’è un unico genere di programma che si può mettere in piedi. Un programma da cerebrolesi.
“Ti è andata male, eh?” chiesi.
“Sì, come sempre”
“Beh, avrai la tua occasione”
“Sul serio?”
“Sì, sei una bella ragazza”
“Sì, sono una bella ragazza di ventiquattro anni!”
Disse quel numero come se confessasse un crimine dei più atroci.

Ventiquattro anni. Io ne ho trentuno e mi sento ancora un ragazzino, lei ne aveva quasi dieci meno di me e si comportava come se la sua vita dovesse terminare entro l’anno. In effetti quante veline, letterine e stupidine varie vi sono, di più di ventiquattro anni? A quell’età sei già una pera marcia pronta a cadere dall’albero. Così ti fa credere il dorato mondo della TV. E chi siamo noi, comuni mortali, per obbiettare di fronte a ciò che ci viene proposto dalla Dea TV? Cristina, a ventiquattro anni, si sentiva vecchia e pronta ad essere messa in disparte.

“Dai, ti offro un caffè” le ho detto.
“No, devo andare” mi ha risposto con un po’ di arroganza. Sembrava non vedesse l’ora di togliersi dai piedi questo coglione invadente. Comprensibile, le uniche persone con cui valga la pena mostrare un briciolo di gentilezza sono quelle che ti possono portare in alto. Ma lei non mi conosceva.
“Insisto. Ci sediamo al tavolo di un bar e mi racconti tutta la storia.

Magari ti posso aiutare a realizzare il tuo sogno”
Cristina mi guarda in obliquo.
“Davvero?”
“Sì”
“Chi sei?”
Le dico il mio nome (a voi no, accontentatevi di Tom).
“Lavori in televisione?”
“Beh, in un certo senso è così. Sono uno scrittore. Di recente mi hanno chiesto di fare il consulente per una serie di documentari in prima serata. Forse ne avrai sentito parlare”
Cristina s’illumina. Per un attimo resto stupito anch’io.

E’ bellissima. Come avranno fatto quei froci del casting a scartarla?
Indago e vengo subito a capo della questione.
“Senti, tu conosci qualcuno nell’ambiente?” domando.
“No, nessuno”
“Capisco” le dico “In questo caso è naturale che non ti abbiano presa in considerazione”
“Davvero?”
“Tutte le ragazze che vanno in televisione hanno…diciamo, qualche aiutino da dietro” Raccomandazione. Una brutta parola.
Raggiungiamo il più vicino bar e ci prendiamo qualcosa da bene.
Cristina passa subito alle domande che contano.

“Tu puoi aiutarmi a farmi conoscere?”
“Può darsi. Come ti ho detto conosco parecchia gente”
“E…. ”
“Sì, è gente assai influente”
Sorride.
“Parlami di te. Chi sei, da dove vieni” chiedo.
“Mi chiamo Cristina. Vengo da Napoli”
“Tutto qui?”
“Tutto qui”
“Sei diplomata?”
“No”
“Ah”
“E’ un male?”
“No…no…”
“A che serve il diploma, sul palco?”
“Certo, certo…a che serve?” “Lavori?”
“Qualche volta. Ho fatto la hostess. Ma così, una volta e via…lavori fissi non se ne trovano”
“E che lavoro cerchi?”
“E’ ovvio! Lavorare in televisione!”
“Un lavoro…che so, da impiegata…qualcosa di normale?”
Non vi dico che faccia fa Cristina a queste parole.

Sembra che le abbia proposto di scopare un vecchio bavoso con l’HIV. No, il lavoro normale non le piace proprio. A che serve, il lavoro normale, quando si hanno delle belle cosce lunghe e disponibilità d’alloggio per una fava o due lì nel mezzo?
E d’improvviso sento nascere una cordiale antipatia per questa ragazzetta pretenziosa e senza qualità. Andate via le lacrime resta solo una gran voglia di arrivare alla vetta senza faticare. Senza quel suo visino disfatto dal pianto che ispira tenerezza, Cristina appare per quel che è; una piccola mignottella annebbiata dalle facili promesse del successo.

A questo punto, però, ho promesso di aiutarla e lo farò. Non è nelle mie abitudini, disattendere una promessa. Però la ricompensa è un altro discorso.
“Senti, Cristina…e se io ti aiutassi ad arrivare dove vuoi tu che cosa saresti disposta a fare, per me? Sei bella. Mi piacerebbe conoscerti…diciamo, più approfonditamente”
La ragazza non si scompone più di tanto. Non è granché intelligente, ma sa che in questo mondo, per arrivare, qualche letto lo devi conoscere.

“Io divido l’appartamento con un’altra ragazza” risponde subito.
“Non c’è problema. Verrai da me. Ma ti avverto che io ho gusti un po’ particolari. Mi piace sottomettere le mie amanti”
Cristina alza le spalle.
“Va bene”
Come sarebbe a dire “va bene”? Che gran troia ho trovata!
“E mi piace anche veder sottomessa una ragazza da un’altra ragazza”
“Certo. Io quale sarei? Quella che sottomette o che viene sottomessa?”
“Quella che viene sottomessa” rispondo bruscamente.

“In che modo, dovrei essere sottomessa? Corde, falli di gomma…”
“No, più semplice. Lingua. La tua. Sul corpo del padrone e della padrona. Dappertutto”
“Hummm…beh, come si dice…non si fa niente per niente. Vogliamo andare?”
Ci resto un po’ male. Non ha fatto una piega di fronte ad una proposta che altri giudicherebbero indecente. Mi domando quante, fra le aspiranti telemignotte televisive, siano disposte a tutto come questa qui. Poi non ho il tempo di fare altri ragionamenti.

“Allora” mi fa Cristina “Vogliamo andare?”
“Sì, piccola. Arrivo subito”
Il conto del bar è sulle cinque euro. Ne lascio cadere dieci sul tavolo e me ne vado. Oggi ho idea che prenderò un giorno di riposo.
Atto II: com’è bello pisciare in gola a Cristina…
L’aspirante valletta fa onore ai propri propositi. Pompa che è una favola e lecca con una lingua che non ha paragoni di sorta. Posso affermare di non aver mai conosciuta una schiava, prima di Cristina.

E schiava lo è davvero, perché questa, al contrario di tante pseudo-serve da inserzione su internet, non ama ricevere ed obbedire agli ordini. Non vuole un padrone. Le fa ribrezzo prendermelo in bocca, farsi trapanare fino alle tonsille, sentire la cappella che s’insinua nell’esofago in cerca di un giaciglio tiepido dove vomitare tutta la sbroda che ha in corpo…non le piace neppure farsi dare gli schiaffoni in faccia, farsi sputare in bocca o farsi schizzare la sborra in un occhio neppure fosse collirio.

Oppure quello che le sto facendo adesso, lei a quattro zampe e io che la cavalco come una bestia senza cervello a furia di manate sul culo e colpi di tallone delle cosce.
Mi obbedisce, ma solo perché si ritiene in trappola. Nei goffi sforzi che compie per accontentarmi e nell’avvilita repulsione che dimostra nei confronti dei miei ordini, ricorda un po’ una schiava d’altri tempi, di quelle che venivano fatte prigioniere da qualche esercito straniero in un paese sottosviluppato e venduta per due soldi ad un ricco proprietario terriero o ad una nobile signora di altolocato lignaggio.

Un tempo le costrizioni delle schiave si chiamavano catene, oggi sono l’ambizione.
E l’ambizione è una catena potente. Me ne rendo conto mentre ordino alla vacca di mettersi in ginocchio e di spalancare…
“…quel cesso di bocca che ti ritrovi. a****le, apri di più che sennò sbaglio mira!” Aspetto che Cristina obbedisca, quindi mi volto e le piazzo il culo in faccia. La prendo per i capelli e le spingo la testa nel solco fra le natiche, pigiandocela finché non sento i lobi delle sue orecchie che sbattono contro le mie chiappe.

Cristina geme ma mantiene la bocca aperta. Ed io le scurreggio in bocca. Il bello sta nell’eco portentosa che si sviluppa quando il geyser d’aria mefitica sciaborda fra le pareti della bocca della ragazza. Da un prep…poco convinto si trasforma in un pramm!! con tanto di due punti esclamativi. Cristina indietreggia lontano dal mio sedere incurante del fatto che per farlo deve strapparsi i capelli ben stretti fra le mie mani.
Mi volto.

“Cagna! Che fai? Ti allontani senza permesso?”
E le assesto un ceffone che la faccio girare tutta come una trottola.
“Ma questo fa schifo!” protesta lei.
Non ci vedo più.
“Maiala! Tu fai schifo! Ti sei venduta per un posto in televisione dove ti chiederanno di mostrarti ancora più troia di quanto non sei con me!” grido mentre le schiaccio la testa sul pavimento con un piede.
Cristina emette un suono dalla bocca che è un misto fra un miagolio ed un bambino che ciangotta.

“Ora alzati, che mi scappa da pisciare!”
“Ma…”
“Sì, hai capito bene” le rispondo “Ti piscio nella gola, fogna umana che non sei altro. E poi mi faccio fare un altro pompino, che vedo ci sei tagliata, per questo. Chi ti ha insegnato a prenderlo in bocca, eh? Non dirmi che è la prima volta che lo fai! Hai già lavorato in televisione, non è vero?” “N…no…. ” “No? Allora dove hai imparato a succhiare la cappella degli uomini a questa maniera?” domando ad una Cristina frignante ai miei piedi “Vuoi dirmi che ci riesci di natura? Allora sei una vera troia, altro che volenterosa ragazza.

Sei biologicamente una maiala ciucciacazzi!” “Basta…”
“Ma non penserai mica che io ti lasci a secco, vero?”
“Basta, non…”
“Ti darò tanto di quel cazzo che ti basterà per tutta la vita. Te lo infilerò in tutti i buchi del tuo corpo, anche in quelli dove solitamente non è concepito d’inserire alcunché…e sborrerò in ogni cavità corporea che ti ha dato madre natura. Che tanto, a parte prendere cazzi, non sei buona far nulla”
“No…”
“Sei una buona a nulla! Non hai studiato! Cagna ignorante! Non sai fare di conto, non sai scrivere, non conosci la storia e la geografia! Che cosa vuoi fare nella vita se non prenderlo in bocca e bere sbroda da tutti? Eh? EH?? Rispondi, puttanaccia! Quanto credi di valere rispetto ad una ragazza che studia e s’impegna? Te lo dico io! Vali meno di zero! Dovresti leccare le suole fangose alle ragazze che si applicano ogni giorno della loro vita per raggiungere un traguardo.

Ma tu sei di un’altra pasta, lurida mignotta in calore. Pensi che allargando le cosce si aprano tutte le porte, invece…puttana! Ribadisco, sei una puttana!”
“Basta! Smettila! Non è vero! Non sono una puttana! Io…io sogno di…”
Come pronuncia la parola sogno mi fermo. Eh già. Il sogno. Il maledetto sogno che i media istigano nelle menti deboli e che le menti deboli perseverano come una missione di vita.
Così mi rendo conto di essere andato forse un po’ oltre.

Di aver esagerato. Non meritava di essere offesa così. Cristina è una ragazza illusa. Non è cattiva. Ma a parte questo ho iniziato facendo il dominatore e non mi posso sottrarre da ciò che sono. Non posso certo accucciarmi accanto a lei, adesso e consolarla come un affettuoso fratello maggiore. No, posso solo smorzare i toni e sperare che questo basti a farla calmare.
“Dai, Cristina. Ricomponiti” le dico.
Sembra fare effetto.

Forse udire il suo nome sulle mie labbra le ha fatto supporre che la considero ancora un essere umano.
“Asciugati quelle lacrime”
Si passa due dita sotto gli occhi e si asciuga le lacrime, per quanto possibile.
Un po’ di quella porcheria che le donne si mettono sulle guance per sembrare più belle le scivola via con le lacrime. Sembra moccio spalmato ben bene sulla pelle. Forse sui politici fa più figura, ma su una ragazza giovane e carina sembra in qualche modo innaturale.

Quasi una maschera di falsità, più che una maschera di bellezza. Le ragazze sono belle così come sono.
Ma se anche questo è uno degli insegnamenti del tubo catodico va bene così. Trucco a più non posso!
Mi rimetto i pantaloni e le scarpe, ma lascio aperta la patta. Il nobile pirata è sempre pronto per tornare all’arrembaggio. Non appena Cristina riassume una parvenza di normalità lo sento spronarmi allo speronamento delle dolci labbra della vacchetta.

“Vabbè, dai…non farla lunga che non ti ho fatto ancora nulla” dico.
Cristina mi rivolge uno sguardo duro.
“Sono cose che nell’eccitamento si possono dire. Fa parte del gioco”
“Mi hai fatto male”
“E’ per una buona causa”
“Una buona causa?”
“Certo. Credi che l’ingresso in questo mondo che ti piace tanto sia gratuito?”
“No, ma…”
“Allora coraggio, stai al gioco e fa la tua parte”
“La mia parte?”
“La sottomessa”
“Già, certo…”
“Ma cerca di farla come si deve”
“Come intendi?”
“Beh, prima mi hai guardato come se fossi l’orco cattivo.

E’ solo un giochino. Come adesso che ti chiederò di aprire la bocca per pisciarci dentro”
“Vuoi pisciarmi in bocca?!”
“E tu la dovrai bere tutta”
“Ma è schifosissimo!”
“No, te l’ho detto. E’ un gioco. E tu devi stare al gioco. Ricordi per quale motivo sei venuta qui?”
“Sì”
“Ne sei ancora convinta?”
“…”
“Altrimenti te ne torni a piangere sulla scalinata dell’ufficio casting. Pensa, ti passeranno accanto le ragazze che avranno scelto per il programma.

Quelle che andranno a mostrare le cosce in televisione. Quelle sì, che sono fortunate! Ti passeranno accanto, ti guarderanno dall’alto in basso e immagineranno che tu sia una di quelle che non ce l’hanno fatta. Avranno ragione”
“Va bene. Che devo fare?”
“Nulla d’impegnativo” ho detto “Apri la bocca. Il resto lo fa il cazzo. Un’unica raccomandazione. Quando senti il piscio che ti scorre in gola, cerca di non apprezzarne il sapore, sennò mi vomiti sui pantaloni nuovi”
Atto III: convivenza con la scrofa
Il curioso rapporto che aveva unito me e Cristina si protrasse per qualche tempo.

Avevo naturalmente parlato di lei al produttore, un maiale perverso col cervello di un pisello e la cultura di un sasso. Il porco aveva detto che per lui, una troia o l’altra era uguale. Tanto le ragazze scelte non avrebbero dovuto fare altro che mostrare il culo e le tette e starsene belle zitte. Il solito repertorio, insomma. Forse qualche stacchetto di ballo. Pochi passi e molto semplici. E anche quelli, se fossero venuti male…beh, nessuno se ne sarebbe preoccupato troppo.

Fra stacchi e inquadrature si sarebbe visto solo qualche rotondità.
Il patto era stretto, ma con Cristina continuavo a tirare la corda, tenendola sulle spine, promettendole sviluppi futuri e facendole promesse. Fino a quel punto mi ero comportato onestamente, con lei. Ma poi, ammorbidito dalla prestanza fisica della maialetta, ero venuto a patti col mio animo onesto e nobile. Insomma, la chiamavo a casa mia un giorno sì e l’altro pure (io vivo solo) e lì ne approfittavo per sbatterla come un tappeto persiano.

Di solito la mia mossa preferita era quella del pompino profondo; l’uccello volava nel nido e ci vomitava dopo essersi spupazzato la laringe per bene. E che uccello! Cristina aveva imparato ad adorarlo come un’estimatrice. Lo accarezzava, lo puliva, lo leccava, lo baciava, ci faceva l’amore e lo consolava quando la cappella era un po’ arrossata. Un’ornitologa.
Avevo anche insegnato alla ragazza a farsi scurreggiare in gola a bocca spalancata. Dopo le prime volte sembrò che la pratica le riuscisse talmente bene da farle quasi piacere.

Dovetti inventarmi qualcosa di ancora più impegnativo. Non mi va che le mie studentesse si adagino sugli allori. Debbono sempre migliorare le loro prestazioni. Andare sul sessuale era troppo facile; Cristina, come tutte le ragazzine inutili ma consce della loro bellezza, non la dava mai a nessuno. Avrà fatto sesso sì e no un paio di volte, prima di fare la mia conoscenza. Le insegnai che le ragazzine che credono di averla d’oro, sotto sotto, sono ancora più cagnotte delle altre.

La presi in tutte le posizioni. Riscrissi il kamasutra e lo aggiornai al ventunesimo secolo. Il bello era fottere quella sgualdrina in qualche posizione umiliante e lasciarla poi agonizzante sul pavimento. Da sopra, prendevo la fava fra le mani, la indirizzavo verso la sua faccia e facevo scaricare l’intrepido falcone direttamente su di lei. Le andava sui capelli, in faccia, negli occhi, nelle orecchie…
Il suo lamento preferito era “Nooo…negli occhi mi brucia!”
E io allora mi mettevo a ridere.

Perché mi faceva ridere per davvero, questo esserino rantolante che si sorbiva tutta la pisciazza sulla faccia per non scomodare il suo procacciatore di lavoro.
“Cristina, ma porca di quella…lo sai che la devi bere! Ora non te lo dico più! Forza, mi hai fatto sporcare tutto per terra col piscio. Tira fuori la lingua e leccaci”
“Ma mi fa effetto!”
“Oh, poverina! Non se ne giova, lei!”
La presi per i capelli dietro la nuca e la ribaltai sul materasso.

Era nuda, come me. Glielo infilai nel culo a velocità supersonica, tanto che lo spostamento d’aria gli tornò a gola e per poco non vomitò. La sfondai come una maiala di strada, con l’unica differenza che Cristina era gratis, e le sborrai nel culo.
Lei si mise a piangere.
“Dai, non fare così. Non ricordi? E’ un giochino”
“Ma mi fai male!”
“E’ così che deve essere. Fa parte del piacere”
Sì, il mio.

“Via, Cristina, allarga le gambe che te lo metto dentro”
“Ma come…così, senza preservativo?”
“E cosa vuoi che sia?”
“E se rimango incinta?”
“Ma no! Vedi come sono tranquillo io? Non ho mica paura di rimanere incinto! Dai, l’uccello ha bisogno del suo becchime”
“Ma sei violento, tu!”
“E che cazzo! Quando ti faccio male, quando sono violento, hai paura di restare incinta…ma lo sai che sei piena di complessi?! Ma come pensi di andare avanti, in questo delicato mondo dello spettacolo, se ti fai tutti questi problemi? Via, più disinibita, devi essere!”
Più disinibita di così si muore.

“E poi sempre a piangere per nulla!”
“Ma me l’hai buttato nel culo!”
E io giù uno schiaffone.
“Volgare! Non si dice culo. Si dice sedere. Hai capito, brutta puttanona di merda cacata a forza? Ora girati che te lo sbatto nella sorca, maiala!”
E, insomma, non ve la faccio troppo lunga e particolareggiata. Sappiate che la mignottella acconsentì a farsela trapanare come la galleria del monte Bianco e che andò dal ginecologo a farsi dare la pillola anticoncezionale.

In questa maniera avvenivano gli incontri fra me e Cristina. A volte si lamentava di meno e a volte le dovevo dare qualche sonoro ceffone per farla stare buona e calma. A volte tentava di sottrarsi a qualche nuova mossa sessual-marziale e a volte perdeva un po’ di piscia dalle labbra andandomi a sporcare il pavimento (atto per il quale era subito, severamente redarguita a suon di cinghiate finché non aveva pulito tutto a lingua).

Una volta le infilai un vibratore nella canala e le ordinai di contare quanti orgasmi avrebbe avuto. Era uno di quegli aggeggi di nuova concezione, che puoi comandare col telecomando aumentando o diminuendo a piacimento la velocità della vibrazione. Mi piaceva vederla durante i cambiamenti di ritmo. Credevo che una volta o l’altra le sarebbe preso un colpetto. Nel frattempo, mentre gli orgasmi si succedevano senza sosta, Cristina era accucciata a quattro zampe davanti al divano e mi faceva da poggiapiedi.

Ogni tanto le rifilavo un calcio in testa per vedere se era ancora sveglia e le chiedevo “Godi?”
“Sì”
“Tanto?”
“Sì”
“Ma tanto quanto?”
“Sono arrivata a otto”
“Beh, sei una maiala col pedigree. Via, facciamo altri due e conto pari, poi t’inculo”
Un’altra volta le ho insegnato a mangiare direttamente dal pavimento. Mi sono sprecato; Cristina è abituata a leccare il piscio, dal pavimento, sai che cosa può farle magiare qualche biscotto e qualche penna al pomodoro da sotto le mie scarpe?
Le torture ed i giochini si susseguivano giorno dopo giorno fra una trovata e l’altra.

Ma le novità iniziavano a scarseggiare. Farsi leccare il culo diventava monotono. L’uccello non rispondeva più al mio controllo. Quando vedeva la bocca di Cristina volava in ampi cerchi, planando sulla preda come un’aquila sazia di cibarsi sempre della stessa carne.
Avevo pensato di lasciare Cristina al suo destino. La parte l’aveva avuta. Il programma sarebbe iniziato da lì a qualche settimana. L’avevano già chiamata per le prove.
Invece, inaspettato come tutti gli eventi che rendono interessante la vita, fu l’arrivo di Claudia.

Atto IV: Claudia fa la conoscenza di Cristina
Claudia era una mia amica di corso all’Università. Non si sarebbe detto. Era bella di viso e ben fatta di corpo. Dimostrava assai meno dei suoi trent’anni. Capelli castani lunghi fino alle spalle, vestiti sempre molto curati, non costosi ma abbastanza eleganti. La sua forza era un delizioso mix di cultura scientifica ed umanistica che la rendeva un’adorabile conversatrice e una fine parlatrice. Come quando le presentai Cristina.

Claudia era venuta a trovarmi a casa per portarmi alcuni ricercati testi che avrei dovuto leggere in previsione del mio lavoro da consulente. Le mostrai quella maiala insaziabile di Cristina e le spiegai come mai avevo una ragazza seminuda che mi seguiva per casa a quattro zampe chiamandomi “Mio signore e Padrone”.
Claudia si dimostrò molto comprensiva, nei confronti della troietta, forse per un fatto di solidarietà femminile. Infatti, quando la invitai a servirsi della derelitta, ella disse “Lurida leccapiedi, vieni immediatamente qui e leccami le scarpe!”
Calzava dei delicati sandali aperti in punta che lasciavano scoperte le dita dei piedi perfettamente smaltate di un rosso acceso.

Cristina si prostrò al suo cospetto e baciò le calzature. “Fallo per bene, zoccolaccia!” ho detto “Le scarpe della mia amica Claudia valgono più di te”
La mia amica, sensibile ai bisogni di un’altra donna come una sorella, ha sollevato un piede e l’ha calato con forza sulla testa di Cristina, intimando alla schiava “Hai sentito quel che ha detto il padrone? Lecca bene. Lecca, che da questo momento in poi, di padroni ne avrai due”
Cristina era lieta della notizia.

Tanto era contenta che non la smetteva più di piangere. Mugugnava cose come “Oh, no. Anche questo no, per favore”
Io e Claudia ci mettemmo a ridere.
Cristina leccava le scarpe della mia amica come una troia esperta. Passò la lingua anche sulla suola sporca di terra e succhiò i tacchi affilati. Poi Claudia si tolse i sandali sbattendoli in faccia a Cristina.
“E ora i piedi. Oh, sono un po’ sudati…ma a te non dispiace mica, vero?”
“Macchè, Cristina è lieta di poter dare sollievo alle tue estremità.

Su, serva di merda, vuoi che il sudore si asciughi sulla delicata pelle di Claudia? Eh? Che non è neppure igienico”
“No, lecco…lecco…” disse Cristina.
“Mamma mia, quanto entusiasmo!” esclamò Claudia, facendomi rimanere male. La schiava stava dando una pessima prova di se stessa.
“Dai, puttana. Sorridi. Hai l’onore di leccare i piedi di una Dea che vale infinite volte più di te” “Cagna bastarda. Hai sentito? Valgo più di te, quindi è naturale che tu mi lecchi i piedi”
Cristina ci si mise d’impegno.

Glielo riconosco. Leccò via il sudore dalle delicate piante di Claudia con quella maestria che aveva appreso spompinandomi l’uccello infinite volte nei giorni precedenti. Passò la lingua fra dito e dito e asportò ogni traccia di polvere e sporcizia anche dal tallone e dal dorso dei piedi della mia bella amica. Claudia poi si fece leccare le gambe, comodamente distese sul divano, fino ad arrivare alla zona bacino, che denudò dalla gonna corta e dalle mutandine di pizzo.

“Puttana, leccami la sorca” disse la mia colta ex compagna di corso “E ringrazia che non ti caco in bocca, brutta latrina di quarta categoria…cagna, lecca per bene la fregna della tua padrona. Sono la tua Dea, sono il tuo universo…sgualdrina, vedi cosa fa il potere dell’aver studiato all’università? Che io sono una persona fine e gradevole e te sei una merda pestata sul marciapiede…. lecca, zoccolaccia schifosa, lecca come se dovesse essere l’ultima volta che lecchi qualcosa”
Di fronte al dialogo intellettualmente stimolante e grammaticalmente corretto di Claudia, mi sono eccitato, mi sono calato le braghe e l’ho messo nel culo a Cristina.

Lei lì per lì non se l’aspettava. Ha mugugnato qualcosa mentre la sua lingua era dentro le grandi labbra di Claudia, che le spingeva verso di sé la testa con una mano.
“Che fai?” ho chiesto “Ti sottrai al tuo sacro dovere?”
“See…ora si scansa! Gli piace il cazzo, a questa qui” ha detto Claudia.
Quando entrambi abbiamo goduto, lei nella bocca di Cristina ed io nel culo della medesima, Claudia si è alzata e si è spogliata quasi del tutto.

Restava il reggipetto, che a stento conteneva tutto il ben di Dio che la natura aveva fornito alla mia amica.
“Cagna, stenditi sul pavimento” ha ordinato Claudia.
“Che cosa intendi farle?” ho chiesto, mentre Cristina si disponeva ai piedi della padrona.
“La pesto come l’uva”
“Grandioso”
“No…”
“Hai squittito qualcosa, lurida mignotta?” si è informata la dolce ospite. Cristina, con le lacrime agli occhi, ha negato ogni cosa.
“Meglio per te” ha detto la padrona, ribadendo il concetto con due schiaffoni a piene mani.

Ha sputato in bocca a Cristina “A questo ti serve la bocca. Non per parlare. Per ingoiare i nostri sputi e leccare i nostri piedi”
Volevo dire che le serviva anche per leccarmi la fava, ma poi ho desistito.
Claudia è letteralmente saltata sul torace di Cristina comprimendo i seni di quest’ultima fino al punto di rottura. Ad un certo punto ho temuto che sotto i piedi della dominatrice le tette della schiava esplodessero come due palloncini.

Invece non è successo nulla. Incredibile cosa può sopportare un corpo umano! La lezione di calpestamento è andata avanti per qualche decina di minuti. Era molto eccitante. Claudia camminava sul corpo della sottomessa come su una tavola da surf, ondeggiando e bilanciando le proprie gambe con perfetto dinamismo. Cristina soffriva molto, gemeva e piangeva anche quando Claudia le piantava un piede sulla faccia ordinandole di leccarlo dalla sua dolorosa posizione sdraiata.
A metà del trattamento ho anche preso il cellulare ed ho shittato qualche foto.

Non contento, dopo le foto, ho anche realizzato qualche filmatino. Durano sui due minuti ciascuno e sono venuti molto bene, credo. Li tengo nella mia collezione privata, nella mia villa di montagna.
Claudia ha proseguito poi con una galoppata sul dorso della serva che si è conclusa dove era partita, cioè in salotto. Cristina era sfinita, dolorante e piangente.
La mandammo nell’altra stanza a rimettersi in sesto per quanto possibile. Da parte mia cercai anche di incoraggiarla “Fai ribrezzo.

Copriti quella faccia da maiala disfatta che ti ritrovi col trucco. Che tanto vai sempre a giro con un maschera di cerone sul viso”
“Ora dimmi te se una puttana che non vale un cazzo può starsene in televisione a prendersi le lodi di tutti ed io, che mi sono fatta un mazzo tanto all’università, sbarco il lunario con novecento euro al mese!” ha protestato Claudia.
“Stai tranquilla, Claudietta” ho mormorato alla padrona, non udito da Cristina “Di solito queste maiale stanno a galla qualche anno, poi scompaiono.

Sfortunatamente ve ne sono molte altre pronte a prendere il loro posto. Questa qui non durerà a lungo. Ha già ventiquattro anni. Ai produttori piace la carne fresca, la giovincella appena maggiorenne, non quelle in età da marito”
“Cagna!” ha esclamato Claudia “Disprezzo lei e tutte quelle come lei”
“Su, cara, non fare così”
“Se potessi la calpesterei fino a ridurla in briciole!”
“Puoi farlo un’altra volta. Domani ha le prove in studio e deve essere presentabile, ma quando non avranno più bisogno di lei…”
“Bastarda!”
“Puoi pisciarle in bocca, se ti può far stare meglio”
“Pisciarle in gola?”
“Sì, io lo faccio sempre”
“Anche cagarle in bocca?”
“No, quello non l’ho mai fatto”
“Lo farò io, allora”
“Ora?”
“Domani.

Stasera vado a cena da Gigi il loioso e mi faccio servire la fagiolata. Vedrai domani!” “Buon appetito, in questo caso. E a presto!”
Atto V: Claudia fa la cacca in bocca a Cristina
Claudia tornò il giorno dopo. Non si era dimenticata della promessa che aveva fatto a me e a Cristina e non avrebbe potuto, visto che se non avesse accennato alla simpatica tortura che mise in atto quel giorno lo avrei fatto io.

Aveva con sé uno di quei cessi da viaggio in plastica, lo portò in casa mia e lo appoggiò sul pavimento. Alla base del cesso era stato praticato un foro semicircolare grande quanto un mezzo melone maturo e le pareti del wc erano trasparenti.
“Lo facciamo qui, che dici?” chiese la padrona.
“Mah, non so. Si farà sudicio in giro?” ho domandato.
“Eh, probabilmente sì. Che vuoi…è merda. Di esseri superiori, ma pur sempre merda”
“Già, vedo.

Allora no, guarda, si fa in cantina, che lì tanto non ci vado mai. Dopo la faccio ripulire dalla zoccolaccia (lì presente ed in ginocchio ad ascoltare ogni nostra parola) e ci faccio dare un po’ d’aria”
“Come preferisci”
Andammo in cantina.
Cristina portò per noi il cesso da viaggio e lo depose accanto alla parete.
Claudia le disse di mettere la testa sotto il cesso e di rivolgere lo sguardo verso tutto ciò che le sarebbe precipitato in faccia dal momento dell’inizio della tortura.

“Vediamo che sensazione dà cacare in bocca ad una star dello spettacolo” disse Claudia con odio. Lei odiava Cristina e ciò non faceva che aumentare il mio godimento. Davvero non avrebbe risparmiato nulla alla maialetta di cui sopra.
Si sedette sul cesso e disse “Cagna, guarda che splendido culo che hai sopra di te. Non ti andrebbe di baciarlo?”
Cristina non rispose.
Claudia, allora, per tutta replica le piantò un tacco fra le costole ruotando il piede fino quasi a bucarle la pelle.

Portava dei sandali neri col tacco alto che lasciavano scoperto quasi tutto il piede. Erano molto sensuali.
“Cagna, la padrona ha fatto una domanda!” ha detto Claudia.
“Sì, padrona. Lei ha un culo meraviglioso”
“Culo? CULO? Niente volgarità in presenza della tua Dea!Miserabile. La padrona non ha il culo! Ha il sedere! Il culo ce l’hanno le merdone figlie di troia come te!”
E giù un altro affondo di tacco nello stomaco della derelitta.

Pensavo che questa volta Cristina ne sarebbe uscita con una costola o due rotte. E la cosa, a dire il vero, mi creava una certa eccitazione al pacco mutanda. Per quella volta decisi che avrei fatto da semplice spettatore.
Claudia si tolse la gonna, facendosela scendere lungo le bellissime gambe fasciate in calze nere e sensualissime. Si sedette sul pratico wc portatile e sganciò una di quelle bombarde da serata post-fagiolata da Gigi il loioso che echeggiò per tutta la cantina.

Vidi le braccia e le gambe di Cristina che si tendevano. Claudia appoggiò i piedi, questa volta scalzi, sulla pancia e sul petto della schifosa usando quest’ultima come pratico poggiapiedi.
“Adesso farò la cacca” annunciò Claudia “Ti gusta l’idea?”
“Sei una grande, Claudia” ho detto.
“Guarda che non dicevo mica a te”
“A no?”
“No, parlavo col il cesso per avvertirlo di tenersi pronto”
“Ah, ho capito”
“E’ un cesso particolare, questo” spiegò Claudia “In quelli tradizionali gli escrementi ristagnano sul sacchettino sul fondo e questo va svuotato, prima o poi, sennò il cesso scoppia.

Sai che bella, la bomba merda? Invece questo no. Ci puoi pisciare e cacare tutte le volte che vuoi, tanto si pulisce da solo”
“Ma va’?”
“E’ sì. Il merito è del pratico sacchettino “Cristina”, che messo al posto di quello tradizionale, ingurgita e ricicla ogni sorta di rifiuto corporeo solido o liquido”
“Non ci credo!” ho detto “Dimostrazione. Ci vuole una bella dimostrazione”
Detto fatto, Claudia ha fatto partire un bel fiotto di piscia sulla faccia della stronza che si è ritrovata con la sua lurida bocca aperta pronta a ricevere la pioggia dorata.

Io non so per quale motivo la chiamino pioggia. La pioggia sono tante goccioline messe assieme. La pisciata di Claudia somigliava più al flusso della sistola con cui annaffio il giardino. Una getto unico, a pressione e tanto, tanto abbonante. Cristina, da brava star della televisione, ha bevuto tutto senza esitare. Si è anche leccata le labbra. Incredibile cosa potevo vedere attraverso le pareti di plastica trasparente del wc portatile.
“Claudia, tesoro…pare che al nostro cesso la tua urina non sia particolarmente gradita” ho detto.

“Sul serio?”
“No, dovresti vedere che faccia che ha fatto”
“Cagna!” ha gridato Claudia rifilando un bel pestone a due piedi sull’addome della zoccoletta da avanspettacolo.
“Lo sapevo che non eri in grado di apprezzare l’onore che ti facevo donandoti la mia pipì. Ma dovevo aspettarmelo da una come lei. Non ha studiato. Lei ci deve obbedire e adorare come è nel suo status biologico fare! Come osa mostrare disgusto per i nostri sacri escrementi?”
“Forse un buon pasto saporito le insegnerà cosa vuol dire essere al cospetto di un essere superiore” ho suggerito.

“Ottima idea” ha detto Claudia. Prima ancora che terminasse di parlare due scorreggioni da portuale hanno centrato Cristina fieramente a bocca spalancata. L’aria dell’intestino di Claudia è entrata nell’esofago dell’inferiore ed è scesa nello stomaco fino a prendere posto in un nuovo intestino. Poi è partita la cacchina profumata della padrona.
Da prima uno stronzetto marroncino ha fatto capolino dal buchino dei miei sogni, infine, con un gemito da parte della padrona ed una lacrimuccia da parte della schiava, il cilindretto è precipitato sulla faccia di Cristina.

“Oh, bella! Merda grossa a pezzettoni!” ho esclamato.
“Sììììì! Ingoia, lurida cagna! Mangiala tutta! Non ne deve restare neppure una briciola!” ha ringhiato la mia dolce amica.
Cristina si è ritrovata con un salsicciotto di merda fra le labbra senza neppure capire da che parte fosse venuto fuori. Un altro le è caduto sull’occhio destro coprendoglielo completamente. Ha tentato di sputare ed il primo stronzoletto le si è spezzato fra i denti, rimanendo metà in bocca e metà sulla faccia.

“Che fa? Sputa?” ho detto.
“Sputa? Bastarda ingrata!” ha urlato Claudia “Questo è per i suoi spettacolini tutti cosce e culi che non spiegano una sega!”
Le ha dato un calcio col tallone sullo stomaco, spezzandole il fiato, poi ha iniziato a tempestare di pestoni il petto e la pancia di Cristina. Lo faceva con rabbia, con violenza esasperata. Vedevo la testa della schiava che andava su e giù a ritmo con il martellamento della padrona e ad un certo punto ho fermato le gambe (bellissime) di Claudia, per evitare che la maialetta subisse danni permanenti.

“Se poi ci rimane qualche livido magari faranno un’indagine e verranno da noi”
“Hai ragione” ha detto la dominatrice “E’ meglio fermarsi qui. E poi mi diverto abbastanza a vederla affogare nella mia merda”
“Se ti piace questo allora posso contribuire anch’io, per quanto possibile” ho detto.
“Lo faresti?”
“Per te questo ed altro”
Claudia si è alzata dal cesso, ha preso il rotolo di carta igienica che avevo fatto portare previdentemente dalla serva giù in cantina e si è pulita.

Nel frattempo io, il padrone, mi sono tirato fuori il possente rapace dalla patta dei pantaloni e ho pisciato nel wc portatile.
Non prendetemi per crudele, non era mia intenzione far soffrire o umiliare ancor di più la maiala stretta in fondo al cesso. Infatti, come ho spiegato dopo la fase di sgrollo della cappella… “…così la cacchina della padrona si ammorbidisce un po’ e la puoi ingoiare più facilmente. La sciolta è meglio, perché non c’è bisogno di masticare”
“A te non scappa?” ha chiesto Claudia.

“No, l’ho fatta stamani”
“Peccato” ha replicato lei, gettando con un incuranza lo strappo di carta igienica nel fondo della buca e sulla faccia di Cristina. La serva piangeva (come sempre, sembra Lucia dei Promessi Sposi) e noi ci gustavamo la sua disperazione.
“Non fare così, Cristina” ho detto “Ricorda che non ti faremo uscire fino a che non avrai spazzolato ogni traccia di merda e piscio dal fondo della latrina”
“Bene, diglielo, a quella cagna!” ha esclamato Claudia.

Ha infilato di nuovo il tacco di uno dei suoi pericolosi sandali nella carne di Cristina, dicendo “E se affoghi, tanto peggio per te”
“Affogare negli escrementi?” ho chiesto “Sarebbe una fine di merda!”
E noi due giù a ridere. Anche le situazioni più insolite sono foriere di momenti di sana ironia.
Atto VI: che goduria farsi fare un pompino da una valletta
Il primo giorno di riprese fu molto impegnativo, per la sguattera.

Finalmente era arrivata a destinazione, atterrata in quel deserto di sentimenti e valori che è il mondo dello spettacolo. Ma lei si sentiva bene, circondata di lustrini e sguardi falsi. Era quello che voleva e quello che aveva infine ottenuto. Nessuno sapeva quanto le era costato quel traguardo. O meglio, tutti sapevano che ero stato io a raccomandarla e che a me aveva pagato il tributo per essere salita su quel podio ambito da milioni di ragazzine sceme.

Ma nessuno sapeva come mi ero fatto pagare, benché molti, conoscendomi, ne avessero un’idea abbastanza precisa.
Quella sera stessa, al termine delle riprese del programma, lo staff fu invitato al completo ad un banchetto negli uffici della emittente. Tutto molto bello, la musica, il buffet, donne eleganti, uomini sorridenti…scrofe, maiali…
Ad un certo punto incontro Cristina. E’ molto bella, nel suo abito da sera nero. Ha una gonna lunga che le arriva fino alle caviglie ed una vistosa scollatura davanti.

“Ciao, piccola” dico “Come va?”
Lei abbassa lo sguardo.
“Ti piace lavorare in televisione?”
“Sì”
Maiala.
“Come ti sei trovata?”
“Bene”
“Ne sono lieto. Hai da fare?”
“No…io…”
“Perfetto. Ti rubo solo un momento. Vieni con me nell’altra stanza”
La prendo per mano e l’accompagno in una stanzina buia, distaccata rispetto alla sala della festa. Da lì giungono i rumori del party, ma siamo abbastanza in disparte da poter parlare senza che nessuno ci senta.

“Inginocchiati” le dico.
“Ma…”
“Niente ma. Il patto è ancora valido. Io sono sempre il tuo padrone. O pensavi che una volta accese le telecamere tu mi potessi dire tanti saluti e arrivederci? Lo sai quante vallette puttenelle vengono sostituite a metà di una trasmissione? E quante non vengono riconfermate?”
“…. ”
“Ora prendimelo in bocca”
Lo tiro fuori e la proboscide si srotola fin quasi al pavimento. Ragazzi, ho una fava da recordman! La mignotta se la infila in bocca e comincia a degustare la pietanza.

Erano due giorni che non glielo sbattevo in gola, e anche Cristina, suppongo, iniziava a sentirne la mancanza.
“Pompa, pompa, mignottaccia…questo i ragazzini che da domani sbaveranno per te non lo sapranno mai, ci pensi?”
“…”
Cristina non rispose.
“E muovi quella lingua, maiala! Su e giù, su e giù come ti ho insegnato! Lecca tutta l’asta fino alle palle. Ecco, ciucciami i coglioni. Poverini, guarda come sono gonfi. Non me li hai munti per due giorni e ora sono pieni di sborra.

Ma ora ci pensi tu, non è vero? Me li svuoti nella tua bocca. Che tanto spumantini e analcolici non fanno per te, scrofa. A te piace la sbroda del padrone e la pisciazza caldina della padrona”
Cristina mugola qualcosa e continua a pompare la mia stecca dura come l’acciaio. Devo dire che fa tutto un altro effetto farsi fare una pompa da una ragazza truccata come una star televisiva e vestita da stilisti importanti.

Cristina sembra un’altra persona, rispetto a quella che mi serviva fino a due giorni prima.
“E ricordati, quando mi avrai svuotato i serbatoi del cazzo dovrai rimetterti il rossetto. Me lo stai spalmando tutto sull’asta, fra un po’ non te ne rimarrà punto sulle labbra”
“Sì, padrone”
Le vengo in gola come mio solito, spingendo la cappella nella sua cavità orale fino all’attaccatura coi coglioni e fottendomene dei suoi singulti strozzati. Devo riconoscere che vederla sottomessa con quell’abbigliamento dà ancora più significato al pompino.

Vorrei ve ne fossero altri mille così. “Bevi maiala, bevi”
“…”
Cristina stasera è stranamente silenziosa.
All’improvviso sento aprirsi la porta alle nostre spalle. L’istinto è quello di allontanarmi dalla zoccola e rimettere il cazzo nell’astuccio delle mutande, poi mi accorgo che si tratta di Monica, un’altra maiala che per diventare valletta ha ingoiato tanti cazzi quanti quelli di Cristina.
“Oh, sei tu, Monica” saluto.
“Ah, signore!” la sua voce è calma e tranquilla.

Ma non appena i suoi occhi scendono alle mie gambe la sua faccia si contorce in una smorfia.
“Ah, quella nuova…” dice.
“Già. L’ho proposta io. Che volevi, che non accettassi qualche regalino?”
“No, certo. Qui si fa così…”
“Diglielo, Monica cara. Anche tu, ai tuoi tempi…”
“Anche io, quando non ero nessuno…quanti coglioni che ho svuotato!”
Cristina sta per rimettersi di nuovo a piangere.
“Vieni, piccola. Ti serviranno i consigli di qualcuna più esperta di te, per muoverti in questo mondo” dice Monica.

“Consigli?” chiede Cristina.
“Sì. Pulisciti le labbra dalla sborra e datti il rossetto, ti porto in un posto e ti presento delle persone” Cristina annuisce.
“Che persone?” chiedo, rimettendo il fiero falcone nella gabbia al termine del suo volo maestoso.
“Amici” risponde Monica “E amici di amici”
La cosa mi puzza. Mi puzza molto più della merda della mia amata Claudia.
“Non sarà roba di droga, vero?” domando.
“Te non ti preoccupare.

Cristina, cara, ti aspetto alla festa” risponde Monica, ed esce.
Aspetto di essere solo con la maialetta. Provo quasi tenerezza per lei. Tenerezza e comprensione. E’ una ragazza ingenua. Ignorante ed illusa, ma non cattiva.
Non si merita di finire in un gorgo che la distrugga. Insomma, dai miei cosiddetti soprusi si riprende alla grande non appena i giochi si concludono, ma la droga…la prostituzione…quella è un altro affare.
“Piccola, forse è meglio che non vai” dico.

“Perché?”
“Non mi piace, quella lì. Qualche anno fa è rimasta coinvolta in un brutto giro. Non vorrei che volesse sfrutt..”
Sfruttarti? Ma in fondo non è la stessa cosa che ho fatto io? Sì, ma i miei erano solo giochino innocenti, come ho detto. Non droga.
Eppure le labbra si fermano prima di terminare il discorso.
“Stai attenta. Promettimi solo che starai alla larga da polverine bianche e porcherie varie” le dico.

Cristina annuisce e si aggiusta.
“Io vado a casa” dico “Mi chiami domani?”
“Sì”
“Bene. Ci conto. E mi raccomando, ricorda quel che ti ho detto”
“Sì”
Esco. Mentre me ne vado non rivedo né Monica né il maiale schifoso che dirige il programma per il quale Cristina mostra il culo.
Vado a casa, faccio l’amore con Claudia e aspetto la telefonata.
Epilogo: Cristina ottiene quel che vuole.
Non mi chiamò.

Né il girono dopo, e neppure quello dopo ancora. Non la sentii se non dopo sei mesi dopo la fine del programma. Programma che, per inciso, venne chiuso con la seconda puntata. Strano, di solito sono i programmi peggiori a fare audience. Quella volta, un caso su un milione, il buon gusto trionfò ed il programma fu interrotto a beneficio di una serie di documentari sull’alterazione climatica dovuta all’industrializzazione.
Cristina scomparve. Due articoli su qualche rotocalco, un servizio su un giornaletto scandalistico, poi il silenzio.

Mesi e mesi di silenzio.
La rividi quando ormai non ci speravo più. Fu Claudia ad avvertirmi.
“Te la ricordi quella cagna che beveva il nostro piscio qualche tempo fa?”
“Chi? Cristina?”
“Già, proprio lei. Dice che è stata ricoverata in clinica”
“Quale clinica?”
“Una per tossicodipendenti. E’ in città”
“Tossicodipendenti?”
“Dice sia finita in un brutto affare. Cocaina, puttane. Hanno fatto una retata e c’era anche lei nel mezzo. Lei e una nostra vecchia conoscenza”
“Fammi indovinare”
“Sentiamo”
“Monica”
“Proprio lei”
“Carogna” ho mormorato.

“Che hai?”
“Nulla…nulla”
“Ti spiace per quella mignotta che mangiava la mia merda?”
Sì, un po’. Ma non posso dirlo.
“Ma che vai a pensare. Quelle lì esistono giusto nutrirsi dei tuoi escrementi, tesoro”
“Dici bene. Ci vediamo stasera, allora?”
“No, stasera no. Ho un impegno in ufficio”
“Capisco. Ci risentiamo”
“Certo. Stammi bene”
Non sono mai andato in quella clinica. Che cosa avrei potuto fare, in fondo? Il mio errore era stato quello di spingere una ragazza in un mondo di menzogne e illusioni, non quello di averle fatto mangiare merda.

Lo sbaglio lo avevo commesso offrendole quel caffè, quando la incontrai piangente sulla scalinata. Non facendomi svuotare i coglioni un giorno sì e l’altro pure.
Ormai quel che potevo fare era fatto. Basta. Non avrei più cercato di rivedere Cristina.
La vita, in fin dei conti, va avanti.

“Sfida a mezzanotte”

Quella sera soffiava un vento gelido che spingeva i pochi paesani riluttanti verso le proprie abitazioni alla ricerca di un ambiente caldo, dove consumare con i familiari una cena riparatrice del fuggevole pasto di mezzogiorno e dei disagi imputabili ad un inverno che proprio quell’anno si era particolarmente accanito con acqua, bufere di neve, temperature gelide e tramontana, sul tranquillo paesino dell’Italia centrale.

Raramente al paese avevano avuto inverni così duri.
Quello “mitico” del ‘29 era materia inesauribile dei racconti degli anziani al bar che facevano a gara per aumentare i metri di neve caduta in quell’anno.
Lo pensava proprio quella sera Aldo, il gestore del “Bar Commercio”, che nonostante l’ora canonica del pasto serale sostava ancora nel locale, bestemmiando per il ritardo della moglie con la quale si davano i “cambi”.
Proprio un tempaccio.

La cosa non gli dispiaceva, il suo locale era adeguatamente riscaldato e attirava più gente degli altri bar. Oltre che dotato di una bella stufa e rilevanti canalizzazioni che mantenevano costante la temperatura, c’era il modo singolare del barista di gestire il rapporto con i clienti.
Del resto non era un caso se anche d’estate poteva vantare il maggior numero d’ombrelloni aperti sulla piazza principale, a far da cappello a giocatori di carte, calciofili, filosofi dell’ovvio, giovani perditempo dai discorsi monotematici sulle ragazze.

Da “quelli” della politica che si miscelavano con “quelli” del calcio che a loro volta intrecciavano discussioni con “quelli del ciclismo”, tutti insieme a spettegolare di corna altrui con molti presenti, più o meno inconsapevoli, soggetti delle storie narrate.
Al solito tavolo il temuto e rispettato Giovanni, “gigante” irsuto delle granaglie, che unico si permetteva gli ordini “alla voce” tuonando l’inconfondibile: “Aldo!!!!!……un Chivas”, intendendo la marca più costosa di whisky. A fargli compagnia, mal sopportato, ma come tutti i ruffiani, indispensabile per tessere la rete boccaccesca che poi il nostro possente Casanova avrebbe raccolto con la preda dentro, il barbiere Belindo.

L’ingresso del bar era sulla piazza, ma c’era una porticina nella sala biliardo che, oltre a comunicare con i vicoli retrostanti, era utilizzata come via di fuga per avventori in incognito nel caso di visite inaspettate o inopportune.
Il signor Aldo era un uomo tarchiato, di forma a “barilote”, coi pochi capelli sempre spettinati a formare due teorici “cornetti” luciferini e l’immancabile “sinalone” legato in vita alla maniera dei croupier, ma con l’aggiunta di alcune macchie leopardate multicolori di varia estrazione e provenienza.

Il “Bar Commercio”, era punto di riferimento e ritrovo dei paesani, anche se il carattere del proprietario non era dei migliori, ma proprio le sue sfuriate, i litigi, il suo partecipare attivamente a tutte le chiacchiere anche quando il suo “ruolo” ne avrebbe sconsigliato l’intervento, rendeva il luogo “unico” e irrinunciabile.
D’altra parte dove potevano passare il tempo i giovani e gli anziani delle famiglie del paese? Certamente non al paludato bar del “Circolo Culturale”.

Maggior concorrente del sor Aldo e con vista a fronte il Circolo che situato in cima alla via che portava in piazza, godeva di maggior altezza, nel senso della struttura dello stabile e del “censo” sociale dei suoi iscritti.
Nelle ampie e ben arredate sale si pavoneggiavano i figli, i padri e gli zii, con rispettive signore, di quella borghesia di paese, umoristicamente eccessiva e pomposamente fuori del tempo.
Il presidente era il signor Battista, un gemello del Vittorio de Sica gloria del cinema nazionale, al quale somigliava in maniera impressionante.

Sempre elegante, con la “farfalla” a pois e l’incedere aristocratico, con unico neo lo scricchiolare delle scarpe ad ogni passo; il suo passato era abbastanza misterioso, ma con un’elezione tutta da raccontare.
Quella sera nella sala centrale del circolo la lotta, all’ultimo voto, era fra il Generale in pensione e il Presidente della locale squadra di calcio.
Nella sala, percorsa in modo febbrile dai supporter dell’uno o dell’altro aspirante, l’unico quieto era un personaggio fin allora sconosciuto: un signore di grand’eleganza e distinzione, compostamente seduto, silente ed attento all’ennesima, inutile operazione di scrutinio dei voti.

La presenza del quale fu notata da uno dei tanti “infiltrati” del Bar Commercio, presenti in sala per seminare zizzania. Il ragazzo, Alberto il suo nome, non era nuovo a burle e scherzi poi assurti all’onore delle cronache paesane.
L’idea che gli balenò nel cervello fu la seguente: come nel calcio paesano, un giocatore proveniente “da fuori”, al di là delle qualità, otteneva immediatamente il posto da titolare in squadra, così lo “straniero” in sala, col suo fascino misterioso, poteva influenzare quel branco di pecoroni costituenti l’Assemblea e fungere da terzo incomodo nella lotta, determinando una situazione inattesa con esito imprevedibile.

Il passa parola e soprattutto il passa bigliettini di voto, ottennero un risultato clamoroso, non solo si creò “casino”, che era lo scopo reale dell’operazione, ma addirittura il sig. Battista, sconosciuto a tutti, stravinse alla grande al primo ballottaggio, e fu eletto nuovo Presidente del Circolo Culturale con grande scorno per i titolati pretendenti e tutte le conseguenze festose al Bar Commercio, nel quale si fece l’alba per il ridere ed il bere che un raggiante sor Aldo erogò con abbondanza.

Basterebbe soltanto quest’aneddoto per comprendere, senza alcuno sforzo, che l’inimicizia era nella pelle. Nulla accomunava i due ritrovi e i suoi frequentatori, se non una: la passione per il gioco del biliardo.
Un tappeto verde univa il popolo del paese: quello del calcio domenicale.
Un tappeto verde lo divideva: quello della “stecca”.
Nei due luoghi antagonisti ci si preparava tutto l’anno per le due sfide, una da giocare in casa, l’altra in trasferta, in giugno e in gennaio, al meglio delle tre partite a “48” punti.

Con la fronte imperlata di sudore o con le dita intorpidite dal freddo, i due campioni designati dalle rispettive “colonie”, si sfidavano all’ultimo birillo.
Nei mesi successivi era sollazzo e prese in giro da parte dei vincenti, fino alla successiva sfida dove i perdenti cercavano di rivalersi sull’avversario.
La partita era vissuta in modo diverso dai due ambienti.
Al Circolo della Cultura, la maggior parte dei signori non più giovani riponeva l’interesse in cose più “nobili”, come giocare il cospicuo pokerino notturno, causa di tante fortune dilapidate e brillanti carriere bruscamente stroncate.

Al Bar del Commercio, oltre la briscola ed il tressette “da consumazione” non si andava e tutti seguivano la preparazione al biliardo.
Meno uno.
Il sor Giovanni, commerciante in granaglie in Italia e udite, udite, anche all’estero!
Questo particolare cliente, quando gli impegni di lavoro non lo portavano nell’Est Europa, era presente tutti i giorni ai tavoli del bar, per raccontare con l’immancabile bicchiere di Chivas in mano, avvolto dal fumo dell’eterna sigaretta, circondato da ammiratori in silenziosa adorazione, le sue avventure amorose con le belle straniere e le spionistiche avventure oltre cortina.

Per lui, oltre il lavoro, le donne e il Chivas non s’andava; del biliardo e del Circolo, non gliene poteva fregare di meno.
Quella sera, della quale narravamo in inizio di racconto, il barista Aldo aspettava con impazienza il “cambio” da parte della moglie, per ritornare rapidamente, dopo aver consumato una cena frugale, al bar Commercio ed organizzare la sala per la riunione che avrebbe avuto come ”ordine del giorno” la disfida di sabato 23 gennaio.

Soltanto tre giorni per sapere…
A giugno, purtroppo, il campione dei “peones” era stato battuto “in casa” dall’avversario, soprattutto per un incidente verificatosi durante lo svolgimento della gara nella quale era in vantaggio.
Era successo in un’uggiosa serata di giugno.
La sala, nel seminterrato del Bar Commercio, era gravida di popolo tifoso grondante sudore, avvelenato dalla spessa cortina fumosa, che seguiva in silenzio le carambole delle palle sul panno verde nel folle balletto dei piroli.

Bisogna premettere che all’ingresso della sala, sulla destra, era posta una panca per quattro/cinque persone, solitamente usata per lo scherzo dello “straniero” che consisteva nel lasciare libero il primo posto ed occupati gli altri. Quando un nuovo frequentatore si sedeva sull’unico posto libero, gli altri quattro si levavano contemporaneamente in piedi facendo volare per forza d’inerzia il malcapitato in aria, accompagnato dai sollazzi dei frequentatori abituali.
Orbene, nel momento in cui il campione del Circolo Broccolino tentava un tiro “di calcio” a palla coperta, difficoltà massima e l’attenzione nella sala era lancinante, il campione di casa, il sor Penni, decideva improvvidamente di sedersi sul posto dell’impiccato; quelli della panca, fosse la tensione o la disattenzione, abituati a quel movimento, meccanicamente s’erano alzati, determinando l’immancabile capitombolo del “nostro”.

Le conseguenze furono pesanti.
A partita iniziata le sostituzioni non erano ammesse e il sor Penni pur continuando con orgoglio ed abnegazione per la causa, perdette in malo modo.
La sconfitta angosciò il sor Aldo che, dato il carattere nervoso, si rifece coi quattro panchinari duramente malmenati e cacciati a tempo indeterminato dal bar.
Tutta l’estate fu un tormento, non fosse altro per il modo nel quale era maturata la sconfitta.

Dal terrazzo del Circolo, lassù in alto, gli scherni e i sollazzi erano quotidiani e non bastavano certo le mani alzate a mo’ di corna, per sollevare dubbi sull’onorabilità delle Signore, a chetare i vincitori, cornuti ma contenti.
S’attendeva il “ritorno” da giocare fuori casa, ma da vincere con tutti i mezzi: leciti ed anche, perché no, illeciti.
Nella riunione della serata bisognava decidere il sostituto del signor Penni.
S’era fatto di tutto per rimetterlo in sesto e lui stesso aveva provato e riprovato, ma lo spostamento di due costole abbisognava di ben altri tempi per recuperare e a malincuore avevano dovuto alzare bandiera bianca.

Il sor Penni era un giocatore sopraffino, della scuola sudamericana, dalla quale aveva mutuato lo stile perfetto col quale interpretava il tango “figurato” nei veglioni di carnevale.
Longilineo, coi capelli tirati a brillantina e divisi lateralmente da una riga geometrica, eleganza all’inglese mai vistosa fatte salve le scarpe bicolori, foulard al collo e sigaretta montata su bocchino d’ambra: era il cuore delle donne che lo mangiavano con gli occhi, ma i suoi interessi erano altri.

Se un ipotetico forgiatore d’uomini avesse dovuto costruire un modello opposto al suddetto, non poteva far di meglio che aver creato il signor Broccolino, l’avversario di sempre.
Questi era un commerciante di pellami che dell’olezzo relativo non riusciva mai a liberarsi.
Nonostante ciò era considerato un gran cacciatore di donne o almeno per tale si accreditava, con qualche perplessità degli auditori soprattutto perché considerato di “bocca buona” contentandosi di qualunque soggetto respirasse.

Il suo era un non stile: uomo grossolano, gran lavoratore, si era arricchito e negli affari andava per le spicce adoperando spesso le maniere forti, avendo in gioventù tirato di boxe.
Al biliardo però era un satanasso, non aveva certo lo stile del Penni, ma era concreto ed efficace.
Avversario mai domo e duro da battere per chiunque, non disdegnava trucchetti che mai avrebbe adottato l’avversario.
Ora per sfidare questo maglio si doveva trovare, rapidamente, un fuoriclasse all’altezza del compito e soprattutto con la certezza che lo battesse.

Dopo tre ore di dibattito litigioso, dove si era rischiata la rissa quando il Bellini per l’ennesima offesa rivoltagli di eccedere nel bere, era uscito, rientrando dopo pochi minuti mulinando la pala da muratore bloccata dal pronto intervento del sor Aldo, si arrivò all’ovvia ed unica conclusione: al paese il “campione” non c’era.
Dovendo comunque designare l’uomo della “sfida di mezzanotte”, si procedette per votazioni successive arrivando più volte allo scontro fisico, con lancio di cestini, cappotti, berretti ed anche dell’ultima “pasta” rimasta sul bancone che guarda caso è chiamata “bomba”.

Fu la goccia che fece traboccare il vaso: il sor Aldo con passo svelto aprì la porta principale del bar e in un baleno spalancò quella secondaria.
La forza della natura che premeva da giorni per entrare nel locale e n’era stata respinta, si prese la sua rivincita. Un turbine di vento gelido fece volare tutto quanto riuscì a sollevare: cappelli, giornali, ombrelli, un vecchio quadro raffigurante figura di donna discinta ed il telo verde del biliardo che provetto aquilone veleggiò sulle teste degli astanti.

Tutti cercarono di difendersi come potevano e in questo sforzo sbollirono i loro spiriti.
Qualcuno tentò vane proteste che il ghigno del gestore scoraggiarono dal proseguire.
In poco tempo si stabilì che, per quanto ancora giovane, Giorgio Mondroni era il più dotato ed avrebbe rappresentato un’indubbia sorpresa nel campo nemico: fu votato all’unanimità, complice la solita “truffa Alberto” suo intimo amico.
Mentre si ultimavano le ultime operazioni di conta, Aldo, seppur soddisfatto per la sua opera unificatrice, non lo era affatto per la scelta, seppur inevitabile.

Qualcun altro, all’esterno, sorrideva soddisfatto, ma per le ragioni opposte a quelle del barista.
All’angolo della casa dei Rossi, il “colonnello”, appoggiato al suo scopone, il corpo deforme ed inerte, simile al monumento che in mezzo alla piazza celebrava l’eroina del paese, aveva spiato per il Circolo e questo nessuno poteva immaginarlo.
Il povero ragazzo, nato gobbo e per questo oltremodo dileggiato dagli assidui clienti del Bar Commercio, era figlio d’una famiglia umile.

Il soprannome di “colonnello” gli derivava da quest’episodio: gettatosi dal secondo piano della povera abitazione ed essendo atterrato senza gravi conseguenze, ai primi soccorritori che chiedevano increduli come si fosse salvato, il ragazzo farfugliò con voce nasale: “coll’ombello!”, ed, in effetti, lì nei pressi un povero ombrello giaceva, fiero del salvataggio.
Da quel “coll’ombello” a “Colonnello” ci volle poco, in quel paese dove anche le mosche avevano il soprannome.
Il “colonnello” era per la sua povera natura fatto bersaglio d’ogni genere di scherzi volgari e pesanti e per reazione alle umiliazioni quotidiane era diventato la perfida “quinta colonna” del signor Maurizio, suo capo al dipartimento della nettezza urbana e soprattutto facente funzioni di consigliere al Circolo della Cultura.

Quando il nostro Giuda, con passo sbilenco, entrò sogghignante nel salone al primo piano del Circolo, trovò Maurizio al tavolo del poker; bastò uno sguardo e i due s’appartarono nella saletta della segreteria.
Maurizio teneva giustamente nascosto il loro vero rapporto, altrimenti il suo informatore sarebbe stato bruciato in tutti e due i sensi: metaforico e reale.
Gli iscritti del Circolo, vedendoli insieme, pensavano che il capo dipartimento stesse comandando il lavoro per il giorno dopo.

Quando la notizia passò dalle labbra del “colonnello” all’orecchio di Maurizio, la certezza e la gioia di festeggiare un carnevale “brasilero” pervase il consigliere che, liquidato il suo “agente” lasciandogli per l’indomani giornata libera, radunò con discrezione il gran consiglio.
Erano presenti, il presidente signor Battista, il vicepresidente dr. Pecchio, il segretario Mario Cingoletti, uno dei probiviri il maresciallo Chieti, il Broccolino, il miglior esperto di biliardo e suo compagno di allenamento il Sor Cesare e Maurizio che comunicò loro la notizia.

Sorrisetti mal celati, toccatine benauguranti, richiami alla discrezione ed al silenzio e soprattutto: “calma e gessetto”.
Furono messi a punto gli ultimi particolari per l’organizzazione della serata che avrebbe visto l’arrivo degli odiati rivali; fu incaricato il Cingoletti dell’approvvigionamento di una partita di bottiglie di “schiumante” di marca per i festeggiamenti.
Ormai la domenica era vicina, il tempo stringeva, soprattutto per gli avversari.
Al Bar Commercio, nei due giorni successivi fu come alla vigilia dei grandi match di pugilato, tutti intorno al biliardo, silenzio in sala e allenamento continuo del giovane Mondrioni sotto gli occhi esperti del Penni.

Questi, seduto dolente sul ballatoio, impartiva direttive come l’ammiraglio Nelson dalla tolda del suo “Victory” a Trafalgar prima della vittoria, con l’unica differenza che neanche il più inguaribile degli ottimisti avrebbe scommesso una lira su quel pivello.
Era talmente alta la tensione per gli allenamenti, che il popolino del Bar trascurava i maneggi giornalieri della bella pizzicagnola che solitamente faceva girare le teste, secondo i suoi spostamenti all’interno del negozio, alternativamente a destra e sinistra, come avviene nelle partite di tennis.

Ciò provocava la felicità di Alfonsino, un rosso dai piedi piatti di mezz’età, che mentre aiutava nei lavori della salumeria, gustava in esclusiva, ogni mossa, della Venere, pur consapevole che quel bocconcino e quelle forme, erano destinate al “tocco” del Sor Giovanni Tettavalle.
Il ruvido dongiovanni, dall’interno del poderoso Mercedes parcheggiato di fronte al negozio, inviava l’ambasciatore Belindo a perfezionare gli ultimi particolari per l’incandescente serata.
Al mattino della domenica il vento di tramontana, che aveva imperversato per giorni interi, era all’improvviso caduto, lasciando il campo al silenzio inquietante che precede la tempesta, ma al momento il cielo era terso e la giornata festiva stupenda per colori e nitidezza di paesaggio.

Alle undici ci fu il rituale della chiacchiera in piazza, l’uscita della messa, lo “struscio” dei ragazzi con le ragazze, il pranzo, il derby calcistico del pomeriggio col paese vicino. Le scazzottate con gli avversari e il classico inseguimento dell’arbitro, reo di aver concesso un rigore inesistente che aveva determinato la sconfitta dei “nostri”.
Fin li tutti i paesani, signori e plebei, s’unirono nei rituali suddetti.
Ma a partire dalle sei del pomeriggio il gelo scese sul proscenio della sfida serale.

La bomba esplose, inattesa, alle 11 di quella sera, all’arrivo della delegazione del Bar Commercio nella sala da biliardo del Circolo della Cultura, gremita di tifosi assetati di sangue per la sfida di mezzanotte.
Da detonatore fece l’arrivo inatteso, nella mattinata, di Aurelio, nipote del Sor Quintino, macellaio del paese e padre del giovane Alberto.
Aurelio era il figlio di sua sorella Elvira residente a Lecco.
Ora, cosa c’entri tutto questo con le vicende fin qui narrate sarebbe difficile da spiegare, se non per un particolare per nulla trascurabile: Aurelio era campione regionale di biliardo della Lombardia, ma nessuno ne sapeva nulla.

Lo scoprì per caso, parlando con lui a tavola, Alberto che da quel momento non riuscì ad ingoiare nemmeno un bicchier d’acqua.
Il suo pensiero, lungi dal farsi corrompere da altri ragionamenti, correva alla partita di biliardo, alla più che probabile sconfitta ed al miracolo manifestatosi coll’apparizione di suo cugino Aurelio che, cinta l’aureola, avrebbe guidato alla vittoria il suo bar.
Come il Sor Quintino si assentò per imprescindibili necessità fisiologiche, Alberto mise in atto una rapida fuga da casa che, pur non essendo una novità assoluta, (per solito avveniva per i tetti, essendogli preclusa la porta dalla figura minacciosa del babbo), lasciò i commensali di stucco.

Col cuore in gola, risalì ansimante il vicolo, entrò nel Bar dalla porta sul retro, scese le scalette che immettevano nella sala del biliardo e crollò sulla brandina che era usata dal sor Aldo per il notturno.
Nella saletta era presente il team al gran completo: Giorgio Mondrioni alla stecca con il sor Penni alla “consolle”, il sor Aldo dall’alto del vano bar con cipiglio imbronciato all’indirizzo degli avventori che avessero tentato l’ordinazione.

Gli altri silenti e preoccupati seguivano le evoluzioni delle palle e dei piroli che, in realtà erano involuzioni in quanto il Giorgio, emozionandosi per l’avvicinarsi dell’ora fatidica, peggiorava le proprie prestazioni.
Quando i presenti videro Alberto in quelle condizioni, pensarono che a differenza di altre volte, fosse stato raggiunto dal sor Quintino e giustiziato. Con l’aiuto di un cognacchino decifrarono da quelle frasi sconnesse la grandiosità del messaggio e nella sala calò un silenzio irreale.

Il sor Aldo, come sempre, ebbe la reazione più rapida: cacciò in malo modo i pensionati già nel mirino per il nulla consumare, corse ad abbassare la serranda di accesso al bar collocandoci la scritta “chiuso per la partita di calcio”.
La discussione iniziò non appena Alberto si fu ripreso e vertette non tanto sul tentativo d’ingaggio immediato e segreto del campionissimo, ma su come affrontare la cosa col sor Quintino.
Qualcuno sorriderà, ma per l’incoscienza o la non conoscenza del soggetto che andiamo a trattare.

Il sor Quintino, uomo dal cuore d’oro che sfamava gratuitamente tutte le famiglie bisognose dei vicoli, era però un iroso “bastian contrario”, allergico ad ogni forma di autorità, nemico giurato del potere in qual si voglia sua forma si configurasse: sindaco, prete, farmacista, direttore della locale banca e via dicendo.
Il tutto non per un motivo specifico ma solo perché agli occhi dei compaesani rappresentavano qualcosa d’importante e lui l’importanza la riconosceva soltanto alla bella carne, alla “coppa”, alle salsicce e soprattutto alla caccia, sua unica passione assoluta e totale.

Al minimo sgarbo su queste materie shittava la terribile reazione.
Il figlio Alberto ne sapeva qualcosa, le rincorse sui tetti da parte del babbo, erano ormai proverbiali.
Ora affrontare in una siesta domenicale il sor Quintino, con in casa quattro o cinque fucili carichi a portata di mano, non era cosa da ridere.
L’idea vincente non poteva venire da altri che non fosse il figliol prodigo, che suggerì il coinvolgimento del compare Zerbino, grande amico di famiglia, compagno di cacciate appassionanti del nostro macellaio.

Sulla “millecinque” Fiat, messa a disposizione e guidata da Terzilio il noleggiatore, presero posto con gran difficoltà: Alberto, il barbiere Piedipiatti, Rossi (famoso antiquario di mobili antichi religiosi, di dubbia provenienza), Bruno Fretti, supertifoso della Juventus e Ginetto il fruttarolo.
Il sor Aldo col Penni continuarono l’allenamento del Mondrioni, nel caso in cui il tuonare del fucile avesse messo fine al bel sogno finora soltanto accarezzato.
La banda fece tappa al macello del sor Quintino dove, con la doppia chiave, Alberto trafugò vari “tagli” di prima scelta da usare come viatico col compare.

La regalia e la promessa dell’uso della bicicletta da corsa nuova fiammante di Alberto fecero breccia nel buon cuore di Zerbino che, comunque aveva già deciso autonomamente, ma si guardò bene dal dirlo, di andare a trovare il compare per proporre una battuta di caccia per quella nottata.
Così ci guadagnarono tutti, meno Quintino che alla riapertura del negozio, scoperto l’ammanco, avrebbe cercato di saldare i conti con chi sapete voi, naturalmente senza riuscirvi, come sempre.

Il compar Zerbino salì le scale di casa, con Alberto ben allineato e coperto dietro di lui e trovò la Sora Lella che giocava a briscola col nipote Aurelio e sul comodo divano l’organo a settantacinque canne di Quintino in piena funzione, talmente impegnato in quel roboante concerto che soltanto l’uso dei richiami da caccia riuscì nell’opra di risvegliarlo.
Non appena l’ingannevole squittire del tordo giunse all’orecchio del sor Quintino, l’aprire gli occhi e imbracciare la doppietta in posizione di sparo fu un tutt’uno e soltanto la visione del compare, a braccia in alto, in segno di resa, non fece shittare i due cani del fucile.

Tutto sommato non fu così difficile ottenere il benestare all’utilizzo del nipote, bastò scambiarlo con la promessa di un nugolo di storni e beccacce, avvistati nella campagna e pronti per finire sul bancone della macelleria: per il primato cittadino del Sor Quintino, miglior cacciatore al cospetto dei tanti invidiosi pretendenti.
Aurelio, accettò con entusiasmo, felice di sfuggire alle grinfie dell’invadente zia e alla briscola, in favore di un sicuro divertimento ai danni di quei poveri provinciali.

L’affare era fatto.
La brigata s’incamminò festante per il vicolo con destinazione Bar Commercio, pregustando una serata da non dimenticare.
Il Sor Quintino e il compare Zerbino, pregustando un cannoneggiamento nella campagna di Ospedaletto.
Alle 11 precise, la delegazione del Bar Commercio fece il suo ingresso solenne nella sala da biliardo del Circolo della Cultura gremita di tifosi starnazzanti per…… la sfida di mezzanotte.
Quando l’Aurelio, accompagnato dal Sor Penni, dopo aver salutato il pubblico con un aristocratico inchino, si diresse alla rastrelliera delle “stecche” per la scelta dello “strumento”, dal proscenio si levò un “ooohhhh!” di stupore.

Broccolino, che si stava scaldando da oltre mezz’ora, provando stecca personale e tiro sul campo di gara, quando si vide porgere la mano dall’emerito sconosciuto e capì che sarebbe stato il suo sfidante, cercò con lo sguardo, in mezzo al pubblico, il sor Cesare.
Ma il sor Cesare, già all’ingresso della delegazione in campo, vedendo quel volto non conosciuto ed avendo frequentato le più titolate sale da biliardo della Capitale, aveva avvertito un disagio crescente, intuendo che qualcosa non andava, e mentre lo sguardo del Broccolino monitorava la sala alla sua ricerca, egli era già arrivato, col suo incedere sincopato alla porta della Presidenza, aveva bussato ed era entrato, carico di dubbi e foschi presagi.

All’interno trovò un Signor Battista piuttosto agitato, intento a riempire una valigetta con documenti ed effetti personali. Messo al corrente della situazione imprevista, non mostrò grande interesse.
La cosa non sorprese il sor Cesare, che aveva già notato altre volte la stranezza del personaggio e la poca partecipazione alle vicende del Circolo, ma in quella circostanza la cosa lo preoccupò particolarmente e con maniere energiche e parole spicce lo convinse a recarsi nella sala del biliardo.

Quando entrarono nell’arena strepitante, i due contendenti stavano “arrotando” le stecche col “gessetto”, le due palle parallele, pronte per l’accostaggio che avrebbe determinato il diritto al primo tiro.
Il presidente del Circolo Culturale, riavutosi dal suo torpore, afferrò energico il microfono e col suo stile forbito richiese ed ottenne il silenzio assoluto ed attaccò:
“Questa straordinaria disfida è stata sempre disputata da concorrenti locali, poiché mi sembra di capire che il signor…?”
Qualcuno dal pubblico mormorò: “Aurelio” ed il sor Battista, “che il signor Aurelio, non fa parte del consesso paesano, senza alcun’offesa per lei, evero, ritengo che soltanto il benestare del nostro caro Broccolino possa autorizzare l’avvio di questa nobile tenzone.

Diversamente ci vedremmo costretti ad annullare la gara. ”
Il suo parlare magniloquente e la velata minaccia di una serata tanto bramata mandata in fumo, colpì la platea che, insolitamente silenziosa, rivolse la sua attenzione al campione del Circolo.
Il Broccolino non conosceva la paura anche se le viscere consigliavano, col loro sommovimento pericoloso, una certa cautela.
Guardò il tavolo della giuria e finalmente incrociò gli occhi del sor Cesare che inviò il messaggio tramite lo scuotimento orizzontale della testa: “NOOO!”.

L’allievo, nel silenzio più assoluto, vide in quell’interminabile attimo sfumare la possibilità di passare alla storia delle sfide cittadine come colui che aveva respinto l’assalto straniero alle mura del suo “Circolo”. Così, forte della propria sbruffoneria, tuonò il fatidico: “SI !!”.
La sala scoppiò in un irrefrenabile giubilo, alimentato soprattutto dai “nostri” conosciuti furbacchioni che unici in quel consesso si potevano leccare i baffi, davanti ad un bel Broccolino cucinato arrosto con patate.

Ad un imperioso gesto del temuto probiviro Chieti la sala zittì.
Il sor Cesare inquieto fumava nervosamente l’ennesima “muratti”.
Col classico scorrimento delle stecche sul pollice e l’indice della mano sinistra formanti una forcina, il tocco impercettibile del puntale sulla palla, s’iniziò il match.
Era l’accostaggio per stabilire chi, dei due contendenti, dovesse tirare per primo.
Il dolce ruotare delle sfere verso la sponda di partenza. Il silenzio. Gli ultimi impercettibili giri delle palle.

Quella del Broccolino ferma ad un centimetro dalla verde proda, l’altra a baciare.
Un vulcano eruttò nella sala, scaricando tutta la tensione accumulatasi nelle ultime giornate, ore, minuti e furono rombi, lava, cenere e lapilli.
Finalmente si giocava.
Al primo tiro, del primo “quarantotto”, Aurelio mandò con tocco perfetto la palla avversaria sui piroli che crollarono tutti sul panno e poi come telecomandata terminò la corsa nelle fauci della buca.

“Due.. quattro.. sei.. otto…e quattro fanno dodici, più due della buca: quattordici!!!” compitò il “Barone” Armando addetto alle “palline” colorate che segnavano i punti dei due contendenti.
I supporter del Bar esultarono a lungo, il Broccolino guardò sconcertato verso il posto occupato in precedenza dal sor Cesare, ma lo trovò vuoto come il suo stomaco secernente acidi gastrici letali.
Il presidente col Cesare ed il segretario Cingoletti erano chiusi nel salottino attiguo.

Dopo un breve parlottare decisero che il Cingoletti Mario, centralinista del Posto Telefonico pubblico, avrebbe raggiunto la sua postazione giornaliera e preso contatto coll’Associazione nazionale biliardo per scoprire qualche cosa sul conto del misterioso straniero.
Già al primo colpo il Sor Cesare aveva capito con chi avevano a che fare.
Al “Commercio”, Aldo sostava dietro la vetrina del suo bar vuoto e si godeva in pace l’ennesima “esportazione” senza filtro, guardando, in lontananza, le finestre illuminate del Circolo e prestando orecchio ai rimbombi che da esso giungevano.

Era certo del risultato finale della gara e comunque mai era andato in campo avverso, i suoi piedi si sarebbero rifiutati di varcare l’odiata soglia.
Nella piazza vuota, illuminata fiocamente dai lampioni, comparve all’improvviso, strisciando rasente i muri, una figura sghemba, con le lunghe gambe magre che aravano rapidamente l’asfalto.
Quando fu di fronte alle vetrate del Bar Commercio, istintivamente gettò uno sguardo sfuggente all’interno, ma fosse per i pensieri che gli correvano in testa o per la miopia cronica, non vide nemmeno lo sgradito spettatore di quella sua cavalcata notturna e proseguì “stortignaccolo” verso il posto telefonico pubblico, laggiù in fondo alla piazza.

Il sor Aldo invece lo aveva riconosciuto subito e cominciò a preoccuparsi: “Il Cingoletti, durante la gara che va al lavoro? Non può essere…a meno che…”.
Nella sala fumosa, la partita si stava trasformando da tragedia in farsa.
All’inizio il pubblico seguiva con partecipazione rumorosa la sfida ed era attento e nervoso, ma coll’andare delle carambole, dei colpi più spettacolari dell’Aurelio e di contro coll’affannarsi di Broccolino che oltre a non raccogliere un punto, non riusciva nemmeno a colpire la palla avversaria, cominciò a rumoreggiare all’unisono.

In aria già volavano cartocci di vecchi giornali e la situazione rischiava di degenerare.
Alla caserma dei carabinieri il maresciallo Casella si apprestava a salire sulla camionetta con due militi, il suo volto inespressivo nascondeva un gran turbamento, la destinazione era il Circolo Culturale.
Il centralinista Cingoletti dopo aver armeggiato nervosamente con gli spinotti, ottenne la comunicazione desiderata. Dopo le prime risposte alle sue domande, il suo volto scheletrico da cinereo divenne nero di rabbia, le spesse lenti da miope volarono in aria.

Lasciata la comunicazione aperta e il posto incustodito, si precipitò di gran carriera, per quanto consentitogli da quella struttura dinoccolata, nella direzione del Circolo.
Il sor Aldo che non s’era spostato d’un centimetro dal primo passaggio, assistette al secondo con turbamento misto a disperazione: era del tutto evidente che la “partita” si metteva male ed allora spense le luci, serrate le porte, prese cappello e data la buonanotte ai “suonatori”, si recò da Venanzia, eterna consolatrice delle anime in pena.

Mentre la camionetta dei carabinieri parcheggiava davanti al cinema, locale attiguo al Circolo, ed il segretario Cingoletti imboccava di gran carriera la rampa delle scale del medesimo, una lussuosa Lancia “Ardea” arrivava da Perugia con all’interno tre signori di gran classe, vestiti con abiti scuri e garofano all’occhiello, accompagnati da altrettante signore emananti grande charme.
Nella sala biliardo del Circolo la partita era giunta all’ultimo atto.
Dopo il primo “48” a zero punti, anche il secondo stava terminando nella stessa maniera.

Il Cingoletti irruppe concitato in sala, si precipitò al tavolo del presidente e, dopo un breve conciliabolo col sor Cesare, afferrò il microfono, accese l’amplificatore e chiese con voce tremolante il silenzio.
L’Aurelio, con la stecca in mano, non riuscì a tirare un “rinquarto” finale che avrebbe sancito la fine delle ostilità.
Il signor Battista, presidente del Circolo della Cultura, prese la parola con aria solenne:
“l’incontro ha da considerarsi nullo, lo sfidante sig.

Aurelio Fanti è un professionista, campione della Lombardia, pertanto la vittoria va a tavolino al signor Broccolino, campione del nostro Circolo, ora ci attendiamo pubblicamente le scuse da parte dei rappresentanti del bar Commercio. ”
Dopo pochi attimi di sbalordito silenzio, la sala esplose in un boato di proteste, accuse, invettive e contraccuse.
I più facinorosi dei campi avversi cercarono di passare alle vie di fatto, ma non vi riuscirono perché irruppe nella sala, con tutta l’autorità conferitagli dalla divisa e dal categorico cipiglio, il maresciallo Casella coi due carabinieri: le parole che pronunciò dal microfono fecero il resto.

“Signor Battista, la prego di seguirci in caserma: la dichiaro in arresto per falsa identità, truffa aggravata, appropriazione indebita, falso in bilancio, peculato ed abbandono del tetto coniugale. ”
A questa terribile sentenza il falso signor Battista divenne paonazzo e svenne.
Soltanto in seguito si seppe che don Ciccillo Chiuccio, noto truffatore di Aversa, discendente da una nobile famiglia del posto, aveva sin da giovane dissipato la sua esistenza con ogni sorta di mal comportamenti, girovagando per l’Italia, inseguito da mandati di cattura fino ad allora andati a vuoto ed approdato per l’ennesimo raggiro al paese che ben conosciamo.

Ma torniamo sulla scena del “delitto”.
Nell’accumularsi di tutti quegli avvenimenti, nessuno aveva notato l’arrivo in sala dei tre signori in redingote e delle signore in abito lungo, ma dopo che il Chiuccio ripresosi dal malore era stato trasferito nella locale galera, lo sbalordimento di tutte e due le compagini lasciò il campo alla curiosità per quell’insolita compagnia.
E come nella vita ogni dolore è mitigato dalla ricerca di una consolazione che aiuti a tirare avanti così in quell’amara circostanza il dottor Pecchio, facente funzione di Presidente pro-tempore, presentò con il microfono i fratelli Angeletti: il cavalier Virgilio e il professor Gianni, con le rispettive consorti, benemeriti del paese e ben introdotti nei migliori circoli del capoluogo.

Essi stessi presentarono il terzo Signore: il Campione del Mondo in carica Pablo Suarez, a Perugia per un’esibizione al famoso Circolo dei Filandoni e grazie a loro qui in sala per una pubblica dimostrazione individuale.
A questo stupefacente annuncio fece seguito un uragano di applausi, urla, grida e fischi alla pecorara (Alberto, Mondrioni e soci).
Altrettanta gioia non poteva provare il povero Ciccillo Chiuccio che dalle sbarre della piccola cella, privato delle stringhe delle scarpe e del suo papillon, meditava amaramente sulla sua vita scellerata e contemplando il cielo stellato ricordava le parole di suo padre: “Attento Franciè, le palle male adoperate giocano sempre brutti scherzi!”.

Sotto quello stesso cielo, ma in tutt’altra posizione, nella campagna silenziosa, una macchina di grossa cilindrata col motore spento era comunque scossa da convulsi fremiti.
All’interno, Giovanni Tettavalle stava raggiungendo l’estasi per merito dei pregevoli servigi orali dell’avvenente salumaia.
Al chiarore della luna, qualche chilometro più in là, il Sor Quintino ed il compar Zerbino, fregandosene di tutte quelle stronzate paesane, attendevano fiduciosi l’arrivo di uno stormo di pasciute beccacce.

vendita

Era un appassionato di fotografia,aveva inserito un annuncio su varie riviste e finalmente era arrivata una risposta,tra l’altro l’incontro ci sarebbe stato in un bar alla stazione del paese vicino,prezzo accettato,l’unica seccatura provare la macchina ,l’acquirente aveva uno studio lì vicino.
Non aveva problemi , camera usata e trattata bene,si trattava di perdere un paio d’ore e chiacchierare naturalmente. Se andava tutto bene come sembrava,avrebbe cambiato l’attrezzatura e sostituita con il nuovo sistema digitale.

Arrivo’ in macchina alla stazione di Grandate,la persona era gia’ lì,una borsa per macchine fotografiche come concordato,si presento’ ,si diressero al bar dove ordinarono un caffe’ e si sedettero. Il nostro Marco comincio’ a tirare fuori la mercanzia e l’altro comincio’ a provarla,shitti,messa a fuoco,esame degli obiettivi ,cerco’ di tirare un po’ sul prezzo senza insistere troppo,chiese di provarla con un rullino che avrebbe sviluppato in camera oscura,veniva con lui o l ‘avrebbe aspettato lì?
Che domanda,certo che andava con lui penso’ ” se poi non torni?”
Era modestamente solo un fotomaatore,viveva ina villa vicina e nella cantina teneva una piccola camera oscura,faceva servizi fotografici e ogni tanto l’aiutava una vecchia amica che gli faceva da aiuto badava alla casa, un po’ da segretaria,,lui con i computer non ci capiva molto.

Salirono in macchina e si lascio’ indicare la strada,uscirono dal paese ,su per una collina ed arrivarono alla villa,un po’ fuori mano,cancello automatico ed entrarono,parcheggiando davanti casa,un edificio di due piani,grandi finestre ma tutte con le inferriate,l’altro sembro’ capire e gli spiego’ che gli avevano rubato gia’ tre volte,anche l’attrezzatura fotografica,per quello ne cercava una, sperava che con il nuovo sistema le cose andassero meglio.
Li stava aspettando una signora,vestiva da cameriera,un po’ strana veramente,non giovane, truccata,grembiulino,crestina sembrava quasi la protagonista di uno spettacolo teatrale in costume.

“E’ Daniela,come ti dicevo,adesso la usero’ come modella con la tua attrezzatura,facciamo in fretta ch anche tu avrai da fare,vieni giu’ in cantina che ti faccio vedere la sala posa,poi ci pigliamo un te’,almeno io, tu quello che vuoi,intanto sviluppo i negativi”
Scendemmo,sala grande,luci,anelli alle pareti,una pedana,le solite cose,Daniela era scesa con noi,schiaccio’ un po di interruttori e si mise in pedana,caricarono la macchina,la misero su un treppiedi , la collegarono ai flash e il tizio si mise a fotografarla mentre si muoveva a suon di musica,fecero in fretta,salirono di sopra,mentre l’altro si era chiuso in un’altra stanza per sviluppare.

La Daniela mi fece accomodare in un salotto e dopo avermi chiesto cosa desideravo bere mi lascio’ da solo,c’erano dei raccoglitori di foto ,tutte primi piani di uomini e donne,sempre uomini e donne,era l’atteggiamento che era strano,sembravano sorrisi come un po’ forzati,non so.. non erano naturali,le fotomodelle raramente sorridono ma si capisce ,e’ il loro modo,ma queste….
Ritorno’ Daniela,si era cambiata,sempre strana pero’…gonna nera lunga,camicia bianca,sempre col trucco inappuntabile,una collana strana,sembrava quasi un collare,va be’ fatti suoi,sali’ anche il suo amico”Fatto ,ho messo le pellicole in bagno,dieci minuti e abbiamo finito,visto i miei album?Mi strizzo’ l’occhio,naturalmente questo e’ quello che si puo’ vedere gratis,il resto e’ sotto chiave,sai gli piacciono le foto un po’spinte,io li accontento e li vendo,cioe’ le vendo ,le foto voglio dire e per questo c’e’ Daniela che con Internet e’ un genio..comunque un po’ di pazienza e finiamo subito,vuoi vedere?”
Le pellicole erano in un armadio essiccatore e si erano asciugate,ritaglio’ dei negativi e li mise in un ingranditore e li proietto’,aveva un bella tecnica di ripresa perche’ la Daniela era stata fotografata benissimo,merito suo e anche della mia attrezzatura modestamente.

“Sì,sì riconobbe tutto perfetto,torniamo su e pago quello che e’ stato concordato,un te’ mentre conti. Ti interesserebbe un bel servizio fotografico?Te lo farei gratis,hai un bel fisico,te lo ha mai detto nessuno,un po’ effeminato,non offenderti,ma proprio un bel fisico.
Cercai si svicolare sul discorso, tornammo di sopra per il te’ in modo da chiudere lì e andarmene,certe allusioni mi avevano sempre dato fastidio.
La Daniela era li’ a servire,”Te’ verde?Te’ nero?Altro?”,bevevo mentre contavo i soldi e si parlava di tutto e di niente,pero’ mi sentivo girare la testa,il cliente e la Daniela si zittirono e si guardavano sogghignando.

“E anche questo e’ fatto” mi parve di aver sentito prima di addormentarmi..

II
Mi risvegliai mezzo intontito,facevo fatica a muovermi,anzi non ci riuscivo proprio,mi sentivo la gambe e le braccia spalancate,cercavo di chiuderle e di girarmi ma ero come impedito,cominciavo a rendermi conto di essere legato,non solo ero anche imbavagliato,avevo qualcosa in bocca che mi permetteva di mugolare ma non di gridare,sembrava una palla di gomma,una ball gag ?Ma dove diavolo mi trovavo ?
facevo fatica a vedere,ero al buio un po’ di luce nella penombra
filtrava da dietro,una finestra quasi chiusa?
Stavo tornando lucido,ma ero sempre legato e imbavagliato,cominciavo a ricordare…il te’…la villa…la stazione..l’annuncio,la villa!Ero finito in mano a qualche gruppo di pervertiti?La Daniela me la ricordavo,ma l’altro il fotografo ?Non sapevo neanche come si chiamava.

Dove diavolo ero?Ero su un letto,duro,ma sicuramente un letto,non riuscivo a capire cosa mi bloccava le caviglie e i polsi,ma erano fissi,non riuscivo a muoverli.
Ad un certo punto si accesa la luce,davanti a me una porta ed una voce che diceva di stare tranquillo,stavano per arrivare ad aiutarmi.
Aiutarmi?Mugolavo ancora piu’ forte ma non risposero,continuavo a cercare di gridare ma mi usciva solo qualche gemito e nient’altro.
Non capivo quanto tempo era passato,finalmente la porta si apri’ ed entrarono la Daniela e il fotografo con una bottiglia d’acqua.

“Tranquillo. Se stai tranquillo ti leviamo il bavaglio e ti diamo un po’ d’acqua,guarda la bevo io cosi’ sei sicuro che non ti facciamo altri scherzi”
Scherzi?Brutti bastardi!Feci si’ con la testa e mi tolsero dalla bocca la palla. Cercavo di parlare ma non ci riuscivo avevo la bocca indolenzita e cominciai a bere.
“Allora bello mio,hai capito,ti abbiamo preso ed ora ci fai divertire,un po’ di foto e tutto si sistema”
Che scemi,altro che un po’ di foto,una denuncia non ve la leva nessuno pensavo.

“Noi ci divertiamo a fotografare i nostri soggetti,prima e dopo la cura. Si’ la cura perche vi trasformiamo in trans e vi vendiamo su internet,e’ un affare che rende un bel po’ e come ti ho detto ci fa divertire perche’ dopo un po’vi facciamo diventare collaborativi!Adesso la Daniela ti fa vedere come”
Daniela si avvicino’ con un frustino ,mi alzo’ i calzoni e mi sfioro’. Una scossa elettrica ed un sussulto. ancora una scossa ed io tremavo tutto.

III
Ritornarono dopo un po’,mentre continuavo a pensare al loro strano discorso,con una siringa in mano.
“Trnaquillo,serve solo a rilassarti un po’,senza fare troppe storir,adesso ti spogliamo e ti portiamo giu’ per un po’ di foto,dobbiamo mostrarti alla nostra clientela e vediamo cosa gli piace”
Mi liberarono e seduto sul letto cominciai a spogliarmi,mi meraviliavo di me stesso,gli ubbidivo senza reagire,mi fecero alzare,polsi legati messi sul davanti,un bavaglio ,un collare con la catena e mi fecero uscire.

La stanza dava su un corridoio con in fondo una scala che portava giu’ alla loro maledetta sala di posa.
Mi girava un po’ la testa e Marco mi sorreggeva ,mentre Daniela mi tirava con lacatena,scesi in basso vidi che’ c’era una specie di baldacchino,ci avvicinammo…. era una specie di gogna,mi fecero inginocchoare e mi ci infilarono la testa.
“Bravo,adesso accendiamo le luci e cominciamo lo spettacolo,la vedi la telecamera?”
Cominciarono con le scosse,un mugolio,una scossa e un altro mugolio,io continuavo a gemere mentre una mano mi allargava il sedere e mi infilava qualcosa di grosso e freddo dentro il buco.

“Su,su,quasi ci siamo e’ un bel gioiellino quello che ti porti dentro,da ora in poi sarai il verde come il suo colore,agitati un po’ mentre ti guardano rendi l’asta piu’ piccante”
Comincio’ con un frustino vero e continuava con le scosse.
“OK,per adesso basta,tirati su che ti incateno con la faccia al muro
Cosa c’e’?” era la Daniela che si era avvicinata e gli bisbiglio’ qualcosa.
“Si’?Vogliono vederlo in erezione?va bene ,pero’ tocca a te darti da fare”
Mi misero davanti alla telecamera e cominciarono a massaggiarmi il sesso,era proprio brava,in poco tempo quella troia mi aveva fatto venire.

mi lascio’ e torno’ al computer,dopo un po’ di smanettare torno’ dal mio seviziatore.
“Cosa?Ma questa e’ nuova!Comunque se serve alla vendita…..
si rivolse a me “Senti sai che sei il primo?Te lo avevo detto che mi sembravi un po’ …diciamo ..effeminato,bene qualcuno ti vuole vedere vestito da donna e mi chiede anche cosa metterti,meno male che c’e’ la Daniela che ha l’occorrente”.
Sparirono tutti e due e dopo un po’ tornarono,comincio’ il calvario:calze autoreggenti,tacchia a spillo,reggicalze,corsetto,
“No le mutandine non servono e’ ammosciato,se lo vogliono diritto ci pensera’ ancora Daniela”
Mi misero faccia al muro,ero anche bendato e ricominciarono con la frusta,poi con le scosse elettriche,era un continuo ,poi si fermarono e sentivo qualcuno smanettare la computer,era la Daniela ,lo capii da un suono di meraviglia seguito da un silenzio.

La sentivo parlottare con qual bastardo di Marco e anche li’ altro suono di stupore seguito da una risata.
“Non e’ possibile,non ci credo,e’ la prima volta ed e’ la somma piu’ alta per una vendita…. allora …carina. lo sai chi ti vuole ..verdina..una coppia di anziani,lei e’ una lesbica matura …ti vuole operata e con la quinta di seno,ha degli agganci con una clinica di chirurgia plastica,qui vicino,in Svizzera. Noi cominciamo con una curetta ormonale poi ti vengono a prendere per l’operazione,su coraggio bella c’e’ sempre una prima volta…e’ il mercato bellezza !!!”
Mi sentii svenire

IV

Mi risvegliai a letto,ero libero piu’ o meno, a parte un collare che mi teneva legato
Ero sempre vestito con le scarpe,la calze,il busto stretto con le giarrettiere,mentre cercavo di svestirmi,si accese la luce e si apri’la porta,erano sempre loro il fotografo e la Daniela.

“Allora come va?Dobbiamo parlare. forse si potrebbe evitare quello che hai saputo,ma dovresti essere sincera o meglio sincero. che preferisci?Sai come?cosa puoi offrirci in cambio ,conosci qualche donna da vendere al tuo posto? Carina almeno,anche se con la chirurgia ora si fanno miracoli,dobbiamo pero’ drogarti per essere sicuri che tu non menta e poi devi tacere,non offenderti ma non possiamo rischiare ,il nostro e’ un business che ci rende bene ed e’ un peccato finirlo,una chiacchierata tranquilla e la finiamo qui.

Ero cosi’ preoccupato e spaventato che dissi subito che ero d’accordo,l’unico problema era… chi dargli in cambio?L’importante era restare uomo ,poi avrei sistemato tutto con una bella denuncia.
Daniela sembrava avere gia’ saputo ,perche’ tiro’ fuori una siringa e mentre mi pungeva diceva “Adesso ce ne parli un po’,cosi’non puoi fotterci”
Come al solito mi ripresi,sempre legato al letto e sempre vestito da donna,accanto a me incatenata ad una sedia e con la testa coperta da un cappuccio pesante,come per una deprivazione sensoriale una donna.

“Brava,sei stata sincera,abbiamo catturato anche tua moglie,non e’ quella che ci avevi descritto,ma sara’ un omaggio per i compratori. E’ passata una settimana da quando abbiamo parlato ma l’abbiamo addestrata bene,niente cibo e acqua,solo pompini,ti fara’ un bel regalo prima dell’operazione,non avrai certo pensato che ti lasciassimo andare,ora che siete spariti tutti e due, siamo tranquilli che nessuno vi cerchera’,vedrai che meraviglia e’ diventata,non la riconoscerai piu’ per come l’abbiamo addestrata,non hai idea di che abile troia sia diventata,adesso la provi,vedrai sara’ un piacere anche se l’ultimo,
Mi misero una ball gag,mi misero su un’altra sedia,li vidi tirarla su , inginocchiata davanti a me,polsi e caviglie legate”Ti mettiamo un bel cappuccio per non farti sentire,lo leviamo a lei e la facciamo lavorare,vedrai sara’ un piacere,capisci non deve riconoscerti.

La mia compagna era diventata bravissima,bocca stretta,lingua guizzante. calda e morbida ,non l’aveva mai fatto cosi’ bene la stronza da quando stavamo insieme,ingoio’ tutto mentre prima si rifiutava.
Chiaramnete non potevo gemere ne’ sentire niente.
Dopo un po’ mentre ancora godevo per il lavoro della mia compagna,mi sentii trascinare per terra e mi levarono il cappuccio e la pallina.
“Adesso cominciamo il tuo addestramento,devi imparare a sollazzare le signore e lavorarle come si deve,alla tua donna ci ho pensato io e mi sembra diventata una esperta,no?Adesso tocca a te fare lo stesso con Daniela,mattina,pomeriggio e sera e se non lo farai bene..”
Imparai presto come si lavorara,Daniela non diceva niente,scosse elettriche sui capezzoli e frustate sul sedere se non usavo bene la lingua,purtroppo capii come aveva fatto ad addestrare mia moglie diventai anch’io un esperto.

Una mattina non so come ma capii che erano nervosi,mi bendarono,mi fecero scendere le scale e fui legata in ginocchio su un tappeto,avevo capito che era la sala,le scosse e le frustate furono parecchie,c’era un profumo diverso e quando mi tolsero il foulard dagli occhi vidi una signora anziana che mi aveva tenuto la testa premuta sul suo sesso.
“Si’,disse ai due seduti accanto a lei,manca di entusiasmo ,ma a questo col tempo si rimedia”,poi rivolto a me,”Sono la tua nuova padrona,posso farti operare del tutto , limitarmi ai seni,lasciarti cosi’,un po’ trans dipende da te,se sei piu’ brava..adesso ricomincia e datti da fare”
Mi detti da fare al massimo,perche’ la sentivo sospirare a piu’ non posso…e mia moglie?Ma che si arrangiasse adesso ho altro a cui pensare.. dovevo salvare le mie pall….

!

 V

“bene,ti stai dando fare,adesso ti sta arrivando l’entusiasmo ,basta un po’ di incoraggiamento “vero?
Si mise a ridacchiare e mi bendo’
Dopo un po’ che mi davo da fare sentii la voce dell’altro. il suo compagno.
“Adesso basta con lei e vediamo cosa sai fare con me,dovrebbe essere piu’ facile,sai cosa ci piace. ma devi giocare diversamente che con mia mogli,smetti e apri la bocca”.
Che dovevo fare,ubbidii e mi mise in in bocca qualcosa che sembrava un anello e mi costringeva a tenere la bocca spalancata senza poterla chiudere.

“Capirai che e’ meglio stare sicuri!” e mi spinse la testa verso di lui.
“Vediamo un po’ se lo sai risvegliare,senti come e’ piccolo,datti da fare”
“Basta una scossa sui capezzoli?C’e’ qualcosa che ti fara’ lavorare meglio”. Qulacosa di freddo mi entro’ nel sedere.
“Si’ caro mio e’ di metallo e fa passare meglio la corrente”
Arrivarono le scosse sui capezzoli e all’interno di intensita’ sempre piu’ forte.
“Allora vuoi farmi sentire la lingua?Accarezzalo sulla punta e scendi piano piano sull’anello.

sono qui aspetto”
Che dovevo fare ?i capezzoli anche senza le scosse mi facevano male,cominciai a leccarlo. ad ascoltare i suoi “consigli”,bene lo stavo facendo crescere,lo sentivo sempre piu’ in bocca e in gola,respiravo a fatica e mi spingeva la testa sempre piu’ a fondo
“Avanti giu’,giu’..continua…su e giu’,voglio sentire le labbra scorrere,scommetto che non lo chiedevi a quella puttana di tua moglie,a proposito abbiamo comprato anche lei,ci farete divertire tutti e due..datti da fare schiavo,piu’ veloce fammi godere o ti frusto”
Lo sentivo ansimare e gemere ,mentre qualcosa di caldo mi schizzava in gola.

“non so se e’ la prima volta per te,ma ho sempre pensato che solo un uomo sa come si fanno i pompini al suo padrone,adesso comunque leccalo ancora e puliscilo bene”,una scossa sottolineo’ l’ordine.
Rivolto alla mogle”Bene mia cara,mi pare che lui e la moglie vadano bene,da addestrare ancora un po’, che ne dici se lo diciamo anche a lei che lo schiavo e’ suo marito?”
“Aspetta ancora un po’. la sorpresa sara’ ancora piu’ grande quando la vedra’” e si mise a sghignazzare.

Quando…. la vedra’…. cosa significava?
Sentii dei rumori come se si alzassero e si misero a parlare con chi mi aveva catturato.
Qualcuno mi levo’ il dildo,ma il sollievo duro’ poco ,fu sostituito da un altro piu’ grande,
Comincio’ a parlare Daniela”Devi abituarti a farti allargare il buchetto cara mia,la tua padrona vuole giocare a farti fare la donna. Domani ti porta in clinica per l’operazione,comunque visto che ti considera un buon acquisto vuole essere carina con te,vuole che tua moglie ti faccia godere come uomo per l’ultima volta in vita tua,non sa ancora chi sei,un bavaglio e un cappuccio a entrambi cosi’ tu non puoi parlare per farti riconoscere.

A proposito,non so se l’hai capito,ma ormai e’ drogata,non so se faranno lo stesso con te,preparati a goderti la serata”
Mi slego’ l’anello che avevo in bocca,mi mise un bavaglio a forma di pene,un cappuccio,mi fece alzare e mi tiro’ con un guinzaglio fuori dalla stanza.

 .

IL MIO PROF DI INGLESE

Premessa: non vado molto fiero di quello che vi sto per raccontare, ma la soddisfazione cancella ogni senso di colpa. Ho fatto il liceo classico. Non ero proprio un secchione, ma me la sono cavata bene o male per tutti i 5 anni , sempre rimandato in qualche materia , ma mai bocciato. Ero molto estroverso e simpatico, cosa che in un liceo come quello classico poteva dare fastidio , e procurarmi le simpatie o le antipatie sia dei miei compagni che dei miei professori.

Insomma gli invidiosi erano sempre pronti a criticare. Tanto più che dopo il ginnasio non nascosi più la mia omosessualità, e questa cosa mi faceva sembrare uno che si godeva la vita piuttosto che un topo da biblioteca. Ed era vero!! La vita me la godevo!!! Andavo a ballare nei week end, alle feste. Stranamente ero adorato dai prof più anziani, forse stanchi di leccaculo che pensano solo a studiare, ad esempio il mio prof di greco e latino , quasi alla pensione, mi trattava sempre con simpatia.

E come lui tanti altri. Quelli più giovani, convinti del proprio ruolo, mi erano più ostili. In particolare il prof di inglese. Già la materia in un liceo classico era considerata di per se la meno importante, mettici anche un giovane professore mio compaesano, non di madrelingua, mezzo sfigato, scapolo, fiero di insegnare in un liceo importante, e l’antipatia nei miei confronti nacque fin da subito. Io gli stavo letteralmente sui coglioni!!! Non perché non fossi bravo in inglese, ero forse uno dei migliori, ma la mia persona, il mio personaggio, il mio vivere dissoluto, il mio essere sempre me stesso senza vergogna, lo mandava in bestia.

Lui in ogni occasione mi metteva in difficoltà, mi interrogava tutte le settimane, mi dava voti bassissimi sia all’orale che allo scritto. Mi umiliava davanti ai miei compagni, soprattutto davanti a quelle streghe delle mie compagne , zitelle nel DNA proprio, destinate a desiderare un cazzo per tutta la vita!!! Ma il peggio lo fece un giorno quando i miei genitori vennero a parlare con alcuni professori tra i quali anche lui. Io ero in classe durante l’ora di storia.

Busso’ alla porta proprio lui e dicendo che di là c’erano i miei genitori mi invitò a seguirlo, tra le risate di tutti. E quando mi trovai solo con mio padre e mia madre , lui parti’ con una serie di considerazioni fasulle e pesanti e mi interrogò davanti a loro e io mi rifiutai e lui disse” Vedete cari genitori, lui non studia, non sa nulla, soprattutto è molto scarso nell’orale!!!”. Maledetto bastardo, sono molto scarso nell’orale io!! E tu stronzo che parli in inglese con la cadenza dialettale veneta e pretendi anche di insegnare??? Ero incazzatissimo.

Non vi dico a casa il cazziatone dei miei genitori!!! Con conseguente punizione , in fondo ero ancora minorenne. Questa cosa andò avanti per tutti e tre gli anni del liceo. Inutile dire che mi rimandò a settembre per due volte. Finito il liceo fu uno di quei professori che nemmeno salutai, e che dimenticai subito, malgrado la rabbia mi rimase a lungo, ma divento’ parte di quella rabbia che accumuli nel corso della vita e che ti porti poi dentro formando il tuo carattere e facendoti diventare l’uomo che sei oggi.

E l’uomo che sono oggi è un uomo paziente, non vendicativo, ma paziente, convinto che se il destino lo vorrà avrò la mia occasione. L’anno scorso, quindi dopo 26,27 anni dall’esperienza del liceo, il destino busso’ alla mia porta, beffardo e mi offrì su un vassoio d’argento la mia vendetta!!!! Ha ha ha( risata maligna!!!) e non me la feci scappare. In chat conobbi un uomo , del mio paese, restammo anonimi , anche quando ci vedevamo in cam, non si inquadrava mai il viso.

Io non avrei avuto alcun problema a mostrare la mia faccia, ma lui non voleva. Sempre la sera sul tardi ci si spogliava in cam, ci si segava insieme e ci si conosceva, più che altro lui mi racconto di essere sposato, di essere una persona in vista , che aveva un lavoro delicato, ma che da anni lo tormentavano certi pensieri, certe voglie. Non cercava un esperto perché aveva paura delle malattie, ma uno alle prime armi , e soprattutto non voleva che ci vedessimo in viso.

Quindi se ci si incontrava avremmo dovuto usare o delle maschere e stare al buio. Insomma già metà di queste cose mi avrebbero fatto rinunciare subito!!! Va bene tutto , ma niente paranoici. MA chissà perché mi intrigava, e continuai a chattare sempre più spesso con lui. Aveva fantasie molto porche e mi piaceva ascoltarlo, ma soprattutto voleva provare a fare un pompino con ingoio!!! piu volte organizzammo un incontro , ma sempre senza conclusione.

All’ultimo momento non se la sentiva. Spariva per qualche giorno dalla chat, e poi riappariva chiedendomi scusa, di capire la sua insicurezza, età etc….. ma perché lo stavo ancora ad ascoltare??? Non capivo, non era nemmeno molto piacente e dotato, non sapevo che volto aveva, mi tirava bidoni di continuo per un pompino al buio che a dire il vero mi faceva voglia come i cavoli a merenda, eppure una forza maggiore mi tratteneva dal mandarlo a cagare.

Finché successe una cosa che cambiò le carte in tavola. Dopo l’ennesimo bidone, si fece vivo la sera stessa in chat per scusarsi ed io stavo per dirgli di non contattarmi più che , probabilmente spaventato da qualcuno in casa, spostò la cam , solo che invece di indirizzarla verso il basso per la fretta se la diresse verso la faccia, per qualche secondo, ma furono quei pochi secondi che mi fermarono il respiro e forse anche il cuore perché rischiai davvero un infarto nel riconoscere in quel viso la faccia di merda del mio ex prof di inglese!!!!!!!!! All’inizio la reazione fu di dire NOOOOOO! ma perché proprio lui !!! Ma dopo fu SIIIIIIIIIII , CAZZO È PROPRIO LUI!!!!!….

mi ritornarono alla mente tutti gli episodi di umiliazione del liceo, la rabbia, e quella frase che disse ai miei genitori ” è molto scarso all’orale!!!!!”. Quella frase mi sembrò ad un tratto maliziosa e viscida!!! E iniziai a costruire la mia vendetta partendo proprio da quella frase. Con pazienza, tutte le sere lo aspettai in chat, finché una sera entrò e subito mi salutò. Bene, pensai che allora non si era accorto dell’errore che aveva commesso.

Chattammo un po’ e appena lui mi accennò a questa sua voglia di fare un pompino gli sbattei il cazzo in cam, duro come il marmo, e usai ogni astuzia per convincerlo a trovare il coraggio di venire a casa mia. Gli dissi che se sarebbe venuto mi avrebbe trovato in camera al buio con le tapparelle abbassate, nudo col cazzo pronto, che non ci saremmo visti in faccia, e gli diedi il numero di cell.

Mai fatto prima. Lui era arrapatissimo e mi disse che il giorno dopo verso le 5 del pomeriggio sarebbe venuto. Mi avrebbe fatto uno squillo anonimo al cell per farsi aprire la porta visto che non conosceva il mio nome sul campanello e sarebbe entrato in casa e cercato la camera. Ok affare fatto!!! E gli dissi che sarebbe stata l’ultima occasione che gli avrei concesso. Gli avevo già spigato mille volte dove abitavo, quindi non serviva ripeterlo.

Il giorno dopo tolsi il nome dal campanello , semmai lo vedesse, e per tutto il giorno aspettai. Arrivarono le 5 del pomeriggio. Anche le 5 e un quarto, poi le cinque e mezza. Niente , un altro bidone. All’improvviso uno squillo anonimo al cell. Aprii la porta e me ne andai diretto in camera nudo al buio. Tutte le luci in casa erano spente. Il tempo di fare le scale e entrò in casa.

Chiuse la porta. ” Sono io” disse, e riconobbi la voce del bastardo!!!! Mi strinsi il cazzo in mano e gli dissi col pensiero: se mi tradisci proprio adesso giuro che ti taglio e metto una figa al posto tuo!!!!” Vieni pure sono qua in camera!!!” Gli urlai a bassa voce. Giusto per indicargli la direzione. E la trovò subito. Entrò in camera, era buio ma si riusciva a riconoscere le sagome delle cose, e che cazzo mica siamo in una dare room.

” Ah si ti vedo!! Sei la, mmmmmm, che voglia che ho, adesso arrivo, mmmm sei pronto?” Con una voce da maniaco viscida, schifosa!!!! Ma il cazzo aveva capito cosa c’era in gioco e non cedette !!!! ” spogliati anche tu che ti voglio accarezzare e abbracciare nudi!!!” Gli dissi ” si sì dai mi spoglio nudo, facciamo i porci, si dai!!!”. Si tolse di tutto!!!! Cappotto, giacca, cravatta , cintura, camicia, canottiera, scarpe, pantaloni, calzini, mutande!!!! Tutto sopra il letto!!! Ma come cazzo si fa ad andare a casa di uno con tutto l’armadio addosso!!! Finalmente si avvicinò a me e mi abbracciò, sentendo il suo respiro sul collo, il suo pelo addosso al mio, i nostri cazzi duri che si toccavano!!! “”” mamma come sei bello , che odore da maschio che hai, senti che cazzo duro che hai, baciami dai” non ci riuscì, gli presi la testa e lo spinsi giù in ginocchio e gli dissi” succhiami il cazzo dai porco che ho voglia”.

” si amore ti succhio il cazzo mmmm” e iniziò a farmi il peggior pompino della mia vita, ma io feci finta di nulla ” sei bravissimo, si continua così, fatti scopare la bocca!!!” E gli afferrai la nuca e gli scopai la gola con una arroganza tale che mi meravigliai di me stesso!!!! Però in qualche modo dovevo sborrare e se aspettavo lui non ce l’avrei mai fatta!!!!. ” la vuoi la mia sborra in bocca porco , eh la vuoi tutta in bocca???” Cercavo di eccitarmi in qualche modo e lui mi disse di si a bocca piena sto bastardo.

Allora iniziai a pensare a tutti gli uomini boni che mi ero fatto , ai loro cazzi, ai loro culi, ad ogni cosa che mi aiutasse ad eiaculare!!!! Ci misi un po’, ma lui la voleva la sborra in bocca e non si staccò dal mio cazzo neanche per un secondo. Grazie alla sua tenacia e alla mia sete di vendetta la sborrata alla fine arrivo’!!! Tantissima, densa e calda e lui si trovò la bocca piena e più ingoiava e piu ne facevo.

E mentre era con la bocca piena del mio sperma si accese la luce della mia camera!!!! Gianni sapientemente nascosto in un angolo aspettò il momento giusto e schiacciò l’interruttore!!! Dal buio passammo alla luce e in un attimo era fatta!!! Lui si alzò ancora con la bocca piena di sperma e gli ando ‘ pure di traverso tanto che iniziò a tossire e a rendersi conto della situazione. ” Che succede, ti soffochi con la mia sborra prof?”.

Allora pulendosi con la mano la bocca che colava sperma, mi guardò e mi disse ” Chi sei tu?” ” come non mi riconosci prof? Certo sono un uomo ora, ho la barba , e tu sei più vecchio , un vecchio patetico gay represso, con la mia sborra in corpo!!!!!” Gianni rise!!! ” e lui chi è?” ” lui è Gianni il mio compagno. Questo invece Gianni è il mio prof di inglese del liceo che per anni mi reso la vita di merda solo perché invidiava il mio essere gay senza vergogna.

Pensa Gianni che mi diceva che in orale ero scarso!!! Diglielo tu se sono scarso in orale?” E Gianni guardando il poveretto ” nell’orale Guerrino è il numero uno, non ce n’è!!! E lui come è stato in orale?” Mi chiese Gianni. ” scarso, molto scarso, mi dispiace prof , rimandato a settembre!!!!”. Inutile descrivere la scena dopo, si può solo vedere per capire l’espressione di terrore, poi, di stupore, poi di vergogna, poi di consapevolezza, poi ancora di vergogna e umiliazione!!! S ricordo solo che tento’ in qualche modo di rivestirsi ma sbagliava continuamente a infilarsi le cose, e io e Gianni ridevamo come dei matti.

Scappò via lasciando la cintura e la cravatta sul letto, non sarebbe mai riuscito a infilarsele!!!!! Si dileguò e basta. Non una parola. Eppure ricordo che se una cosa non gli mancava era proprio la parola!!!! Forse non aveva più nulla da dire. Era ora!!!!!!!.