Archivi tag: hotel

Escort Service Cologne – my experience!

I was on the way to business in Cologne. It was a hard day and I felt tired as my partners stopped the work for the day. I went to my Hotel and wanted to eat something because I was very hungry. As I sat there at the table in this nice Restaurant, I started to feel lonely. From a friend I have heard that there is an Escort Service in Cologne with beautiful Ladies. My partner told me that he has had a good time with a woman he booked at the Escort Service Cologne. During our chat he gave me also the telephone number of the Escort Service. After a good meal I went to my room and called the Escort Service.

My first experience with the lovely Escort Lady

The Employee explained how the process works when someone wants to book a Lady. It sounded good and so we both agreed. I decided to book a pretty woman with blue eyes and blonde hair. She looked so good and her body was in a really good shape, and she was available this evening. Our meeting point was the Lobby of the Hotel. At 8 PM she walked through the door and left me breathless for a moment. She was attractive so much, and she also seemed to be sympathetic. She moved to me in a way that was very sensual and erotic. I congratulated myself for this excellent choice. She smiled at me and told me her name is Carla. Carla was wearing a hot dress in red, and she was looking really attractive. We started a little chat and decided to go to the Hotel Bar. She was not only beautiful, she also was intelligent. Carla was well-educated, and I was thankful for her company in Cologne. During the evening we drank a few cocktails and felt more and more relaxed. I must admit that I was very excited before she arrived. Carla told me about her favourite hobbies and left me speechless again and again. After a time, I got braver. I asked her if she wanted to accompany me to my room. Her answer was yes. Right after her answer we went to the lift and got up to my room.

Carla and I came closer

I opened the door of my room and let her enter. Carla looked around, went to the armchair and sat down. She offered a pair of well-formed legs. I went to her and stroke her face soft with me hand. She looked at me and asked me to take a seat next to her. I obeyed silently. Then she took my face in her hands and kissed me. Her lips felt so good. They were warm and soft, and she smelled like flowers in spring. From this moment on I got braver and braver. I took her hand and led her to my bed. We laid down and could not stop to kiss each other. My hands started to run over her body, and she moaned comfortably. She also started to explore my body with her hands. All her touches were gently and sensitive. Then I started to take off her shoes. She let me do this silently. After that, I began to take off her dress. What I saw then, it left me speechless again. Carla had a well shaped body. She was so beautiful. After a little glance at me, she took my shirt off and kissed me again. I could feel her skin next to mine now. What happened to me then, was the best experience I have ever had. Carla wanted to make me happy, and she reached it in a very erotic way. We spent the whole night making love, and she taught me new ways how to make it. After a long time, we ordered a little snack because we became a bit hungry. Also, we ordered a bottle of champaign. We ate and drank side by side in the bed. As we finished our meal, Carla wanted to make more love. And we did it again till dawn. At 6 AM we had to say goodbye.

My opinion about the Escort Service in Cologne

After this hot night with Carla, I only can recommend the Escort Service Cologne to every man who spends some days in this city and don t wants to be lonely. The Employees are friendly and courteous, and the Ladies are simply enchanting. If you want to know more about the Ladies, you can have a look at the website of the Escort Service Cologne. There you can check all the profiles and decide which Lady is your favourite. After your decision you can book her for sure and make an appointment. You can also arrange place and time of your date. As I have told you before, I have enjoyed my time with Carla, the beautiful Escort Lady in Cologne so much. I have spent a really good time with an attractive and well-educated woman. You also have the opportunity to spend a good time with a lovely Lady.

The Lovely Writer

Berlin. Capital of Culture. I visit the Spree every few month in order to care about my connections, to find out about new trends and to discuss with people of my kind. I’m an artist. A writer – to be exact. Some time ago I was able to establish my name in the press as a talented newcomer. Since then I’m an often requested guest at book fairs and literature forums. I sign my books and read in front of interrested audiences. Well… And I like women. Many women. I am a passionate man and very early, I realized that affairs improve my writing. It is the old story of the writer and his beauty. Every beauty tells a new story, brings a new emotions – and emotions are the lifeblood of creativity. Escpecially sexual desire.

Before I came to Berlin, I made a call. I saw her picture on the internet of High Class Escorts in Berlin. Her naked back and her tight butt. She smiled naughtily over her shoulder as if she were screaming for my touch. Dark eyes. The skin was suntanned and flawless. Slender. And every part of her body was covered in a lithe shine. Her hair was falling down like black silk – right to her wonderful ass. I wanted that ass. I wanted it, slapping againgst my pelvis.

We had a date at a small and inconspicuous restaurant on the Prenzlauer Berg. I have chosen it pointedly. The wine tastes good there and we should be the only guests. Heartbeat. I saw her getting out of the taxi. One leg after another. High Heels. Gentle feet. She wore a tight cocktail dress. Black and no straps. The cloth were squeezing her free and shiny breasts and covering her thighs. Heartbeat-Heartbeat. She smiled and pushed a strand behind her ear, so I could see large pendants on her ear. Very elegant. They clicked softly, every time she moved her head. I took her hand and for a kiss and when i looked up again, I just saw her bright tooth biting into her pink underlip. “You look handsome.”, she whispered. Such words from such a woman: Like a hot handle into my pants. Tightness. Heartbeat-heartbeat.

I answered: “And you look fantastic.”

I visit Berlin every few month in order to care about my connections and discuss with people of my kind. I’m an artist. A writer – to be exact. Some time ago I was able to establish my name in the press as a talented newcomer. Since then I’m an often requested guest at book fairs and literature forums. But sometimes it can be lonely out there.

Before I came to Berlin, I made a call. I saw her picture on the internet.

We had a date at a small and inconspicuous restaurant on the Prenzlauer Berg. The wine tastes good there. Heartbeat. I saw her getting out of the taxi. One leg after another. High Heels. Gentle feet. She wore a tight cocktail dress. Black and no straps. The cloth were squeezing her free and shiny breasts and barely covering her thighs. Heartbeat-Heartbeat. She smiled and pushed a strand behind her ear, so I could see large pendants. Very elegant. They clicked softly, every time she moved her head. I took her hand for a kiss and when i looked up again, I just saw her bright tooth biting into her pink underlip. “You look handsome.”, she whispered. Heartbeat-heartbeat. I answered: “And you look fantastic.”

“To be honest, I don’t really know much about wine. I just like to act like I do.”, I started a conversation when we were sitting in the restaurant. She laughed so expansive, that she felt compelled to fix her ample décolleté. Click-Click. The pendants touched each other and I was staring at her tits. She noticed and leaned forward. She liked it. “I have been to many wine tastings. Jobwise. But I like to drink it anyway. So I have learned a bit about it.” Then she began to tell. From wine we got to the theater and from the theater to my work. Her lips were open, when I told her about it, and her breath touched the shivering candle-light. The wax flowed down into the stick. Tssss…

“I’ve heard that Goethe has broken four beds with his beloved!”, she grinned excitedly, when we finished eating. “At least!”, I laughed. “It must be phenomenal, what happens in your heads. The fire. The passion. This here is very thrilling for me. I’ve never had a writer.”, she said as she licked her lips. Heartbeat. Boom. Boom. Heartbeat. “Well! You still had none.”, I smirked.

“But I would like to.”

Our taxi drove to my hotel. She held my arm and we went upstairs. In the elevator she gripped between my legs. I was hard as granite. “You’ll feel better soon.”, she whispered while she nibbled my ear lobe. The door fell into the lock. She moved her gorgeous ass through the room, turned to me and put her handbag down. Then she snatched for her back. I heard the zipper. Suddenly, her big tits escaped from the dress! Her naked nipples – pierced – took a sun bath in my eyesight. The tight dress ran down from her waist. She rose from it completely naked. Glassy and dripping wet: Her tight pussy. She had not worn a panty all evening.

“Fuck me.”

I rushed toward her, threwing her on the bed. She opened her arms and stared at me – breathing and horny. I kissed her on the mouth. Click-click! The pendants were answering. Her fingers reached my belt. Heartbeat-heartbeat. I grabbed her tits, while she let my cock jump out of my pants like a fixed bayonet. I loved the look on her face when she saw how big he was. Willingly she spreads her long legs. I grabbed her thighs.

“Awwwwwrh!”

My cock plunged into her. Impaled her. Split her cunt, which wrung hotly around my whole dick. Hot and wet and juicy. She opened her mouth and groaned on my lips. I threw away my shirt and her feet – still wearing high heels – found their way to my shoulders. I rammed myself into her pussy and every time she screamed louder. Wanting more. Click-click-click-click! The creols were clacking like in a whirlwind. My pelvis splash against her. She tried to rise her upper body in order to scratch my neck, but I pushed her back, threw her on the belly and yanked her tight ass up to take her hard from hehind. My paws caught her waist and clashed her body against my cock. Splash! Click! Click! And abruptly, she ripped of the sheets from the mattress, and squealed ecstaticly, Her whole body narrowed before she began to pound her ass lecherously against my dick. The early orgasm drove her crazy and shortly after, I came so intensely, that the sweat ran over my chest.

“My lovely writer.”, she groaned afterwards with a big smile on her face.

Escort Dusseldorf – a paradise for businessmen

At a Dusseldorf meeting, more than 100 businessmen from international IT companies met. Already four days of the meeting were over. Heads smoldered and budgets tightened. All businessmen had explicit guidelines from their CEO or CFO. Bordering on insanity, most of the men were longing for a delightful and appealing conversation with a lady. This time should ensure that the men were able relax and were again more receptive to business.

For this reason, after less than a week, the organizer of the meeting organized different women through Vogue Escorts from Dusseldorf. They should take care of the wellbeing of the men and keep them in good mood. It was agreed that the men pay themselves and the cost of the ladies could be reclaimed by expense report.

Many of the men had a great desire for the escort ladies, but no such amounts in cash with them. After all, the women were the high class of the ladies from Escort Dusseldorf and not cheap prostitutes who offer half-hearted sex for a few Euros. The ladies who attended this congress usually cost between 1500 and 2000 Euros per night. No cheap venture, but the organizer was sure to engage the Escort Dusseldorf was worth the money.

There was a spot of trouble in the subject of pay because the fewest men were carrying so much money in their pockets. They offered payment via credit card. Always in the hope that the home sitting wife does not see the billing. At the same time, it did not matter to the men, so it seemed. The Escort Dusseldorf ladies, however, didn’t have a card reader and didn’t want to serve the men for this reason. In this business it is said: only cash is the real thing. Many men were accordingly not particularly pleased.

For this reason the organizer came to the congress hotel the same evening and paid the escort ladies in cash. This was not as it was agreed, but it was more important for the organizer to keep the men in a good mood, in order that successful contracts could be made. If the men were not in good mood, the organizer feared great losses.

Another problem was in the numbers of ladies. It seemed as if there were not enough women for all gentlemen who wanted to be served. Most women refused to serve two or more men a night. They relied on a loss of their performance.

The organizer took care to get more Escort Dusseldorf ladies engaged. This, however, was not possible for him in a rush, wherefore many of the gentlemen were angry and annoyed. Some women arranged themselves with the split time and served only a few hours each different gentleman. After all, the organizer had promised them a cash bonus in return.

He also fallowed this promise immediately. Most ladies earned a good sum this night. Those who refused and rejected such work, most of them went home empty-handed.

However, what was the most important to the organizer; the businessmen concluded diligent contracts and concluded both business and private relations. In spite of the initial faux pas, the organizer and also all the companies represented summarized a successful congress week with all sorts of extras. Of course the officials of the company knew nothing about this. A gentleman is silent and enjoys.

The organizer was sure that most of the men would already be looking forward to the next congress organized by them.

 

 

Insonnia d’Amore

La tua partenza è domani. Ci siamo salutati con eccessiva cordialità. In una tensione gravida di cose non dette. Io avrei potuto darti risposte concrete e assolute. Tu, troppo occupato ad inseguire il treno colmo d’iniziatici miraggi, hai dimostrato indolenza nel carpire e afferrare tutti i miei appunti di volo. E’ oramai notte fonda e devo ripararmi nella mia dimora. Ho fatto predisporre un piccolo scrittoio di legno di cedro. Pout pourri e coppe con petali di fiori, incensieri d’ottone e vasetti di cristallo pieni di confetti con tappi d’ambra molata.

Tovagliato e cortesia in morbido tessuto di fiandra e cuscini sparsi ovunque, odorosi di tegumenti d’olio essenziale di macis. Nella scelta della qualità dei singoli prodotti, regna un’indescrivibile eccitazione. Come una proverbiale direttrice di scena, ho immediatamente intuito l’esaltazione nell’occhio del mio sovrapposto. Ingiustificata, senza comprensione. Poiché la mia veglia cronica non è altro che una costipazione. Un’intossicazione di carta e d’Amore. Il giovane portiere, al piano terra, mi rifila tra le mani un prisma di bacetti al cioccolato.

Appeso alla corolla di raso blu, recita il biglietto: “Ora è notte”. Strano per la scrittura ed anche per lo stile. Quasi il nutrimento in un voluttuoso precetto di un immacolato utente dall’inchiostro simpatico. Deduco alla fine, sia l’omaggio dolce di un altro uomo, uscito timidamente in avanscoperta dal mio piccolo branco di scorpene melliflue. Ho lo stomaco pieno d’assenzio che mi torna in bocca, mentre l’ascensore del Grand Hotel Royal precipita verso le stelle.

Nella metafora comune dei più nobili Sentimenti, devo escogitare qualcosa per diluire ed evaporare la tua presenza. Questa modesta alterazione di nefandezze mi permette di rimirarmi ancora allo specchio con lo stesso coraggio di sempre. E depredare ogni palpito in eccesso. Senza cipria né rossetto, sento l’ultima stilla d’alcool adulterarmi il grembo. Nella peculiarità di un sentore intrepido, decido che qualcosa è incompiuto e devio il percorso, per raggiungerti nella tua stanza. E calare finalmente le mie carte.

Come nella chimica della libido, attribuisco lo stato d’agitazione e spoliazione, alla stessa stregua di una droga o di una pozione miracolosa. Per solitudine ritrovata, rinascerò stavolta nella sterminata fascia di petali del mio notturno, che tutti gli altri allentano, per seguire il ritmo del sonno confortevole. Sempre sposa alla naturale onniscienza, sto per congiungermi all’evento. Nell’incandescente fornace di ricercato stile, passerò le ore a macchiarti di percezione e penna. Conoscendo oramai a memoria tutte le tue pieghe e le opere stampate nei vecchi trafiletti di giornale.

Mirabilie che hanno germogliato fatua luce, per corrompere e adulterare il mio cuore. Ceralacca nobile e carta da lettere profumata. Incastro il passpartout e apro la porta. La notte appare semplice come una linea retta.
Nel mio delirante vanto mi aggiro intorno al letto matrimoniale disfatto. Tu dormi. Con circospezione, in gran segreto. Come un’ospite che non vuole disturbare, mi avvicino allo scrittoio, bruciando alla candela tutti i vessilli corteggiati sulle requie. Le parole che non hai detto.

Guardando il corpo disteso e nudo e mi convinco che ho ragione. Quella carne bianca e tenera come burro da spalmare sul pane degli Angeli. Pronta a lasciarsi infiltrare, bacio dopo bacio in una croccante competizione dietro la quale non ha mai smesso di pulsare l’arduo gioco delle sistole e delle diastole. Se potessi raccontarti i dettagli della mia vera storia, non riusciresti mai a capire. Oramai sei tu, invischiato in un groviglio d’apparenza e casualità obbligata.

Io ti ho solo istruito a svolgere un compito nel quale ogni mossa disorienta e porta lontano. Il mistero del passato, il corteggiamento degli animi, il minuetto degli aggettivi e della sintassi. Sei talmente confuso che non sai nemmeno distinguere in un abisso di benessere, il solenne godimento che interviene e soccorre gli amplessi trasudati di riflesso nelle specchiere lucenti. La mia maniacale propensione a vivisezionare tutte le ammonizioni illustrate e le intonazioni della voce.

Sono io che ti opprimo con i miei muri spessi, nei quali ho vissuto prigioniera spalancando porte e finestre per dare alla luce una libertà alacre ed evanescente. Aprendo i cancelli che non portano a nessun luogo, ieri come oggi, con tutta la sorveglianza rivolta alla mia insonne materia lignea, così visibilmente complice nel conservare la sua corteccia densa e contorta che annuso e sfoglio, a filo di pagina. La nostra camera. Le pause insolite in una fede di cavezza, più forte delle catene e più tenaci dei grani liberati nella galleria di quadri viventi.

Quella Primavera appesa che mi hai regalato. Il gruppo immobile di persone vive, sospese nel rossore del bengala su quello di tenue arancio. Il quadro che mi ha adeshito in silenzio, giace arrampicato verso l’arcata e sfrangiato d’antica filigrana. La tua bellezza arresa davanti ai miei occhi, vivifica una volontà di riaffermare la più grande Passione d’Amore in una stagione di picche senza prese né regine su cui puntare. Sul tavolo delle possibilità ancora esistenti, nell’onnipresenza potenziale dove ogni lembo di carta forma una coppia, solo io rimango in gara.

Tu, mio compagno, sei degnamente scartato. Mi avvicino al letto attraverso un fluido invisibile che mi unisce, la vena connettiva che ci lega l’uno l’altro e disegna un cerchio nuovo, freddo. Rotondo, come la ruota di uno zero. A quest’ora il silenzio è talmente profondo che pare di udire perfino il fruscio dell’acqua scorrere nelle vecchie tubature idrauliche. Come per vocazione, rimango in balia a seguire le scintillanti linee gemelle delle sopracciglia e le labbra morbide che si schiudono.

Sento le palpitazioni che mi picchiano le tempie, mentre fisso disfatta i tuoi occhi serrati e forieri. Se solo volessi, potrei scorgere sotto le lenzuola la collinetta rigonfia del tuo sesso. Che non oso toccare. Seguo il solco delle vive rughe con tenerezza. Io che non ho paura dei silenzi e delle facce vuote e bianche. Tremo di fronte a queste fessure cremisi, tralignando fuori dai limiti di questa nuova straripante contingenza. Le ombre si adagiano su di me, coprendomi con un fitto strato di tinte scure.

Penetro in grassetto la fitta cabala d’associazioni con parole sfatte e incantatrici. Sangue e inchiostro. Perché ogni esistenza ha la sua croce ed ogni corpo la sua crepa. Una convulsa fascia ludica intessuta di dialoghi morsicati. Spari, fuochi, dispacci, smentite. L’improvvisa esplosione avvolta in un omogeneo e insensato gioco di valori. L’esperienza drammatica d’Amore e Delitto forma blocchi imprevedibili. Sbocchi impossibili. Con te volevo credere che era ancora possibile amare ad antri aperti e scoscesi.

Che ogni volta appaiono più morbidi e impregnati. Rimangono lì, appesi alla parete o legati alle mie mani per invischiarmi nella viscosa ragnatela del pentimento fulmineo. Mi afferra la gola invece che le labbra e disonora la mia sbiadita e crudele Sindone che protegge il tempo e il ricordo. Quindi non è possibile sperare nell’umido scalpiccio di due cervi impigliati per le corna. Ammettere di aver perso è sventrarsi della prima crepa. Poi della seconda.

Mi chiedo oggi a che serve perseverare con una sensazione obliqua che è solo apparenza all’inclinazione degli eventi. Forse è venuto il momento di restituirmi quello che ho perduto. Se non per me, per l’altra donna che viene dopo di me. Magari più ironica e generosa, meno azzardata e attentatrice. Fuggo via nell’articolato intrigo di cunicoli, sporgenze, falsi angoli che rendono il mio animo complicato e labirintico. Sto per sgusciare da un’oscura lotta intestina o forse è un semplice cambio di guardia.

I recalcitranti Inseparabili cominciano a pestarsi la coda. Il risveglio brusco nella cesura netta tra la notte e il giorno, segue modalità squisitamente crude e accecanti. Oramai sono solo un trofeo da esibire con diritto e rassegnazione alla luce del sole. Il punto d’osservazione in cui mi trovo non mostra più niente di quello che ho scritto stavolta. Il riposo e la simulazione non sono richieste, in questo versante d’esplorazioni. Sono una somma d’immagini deformate dei miei trofei, che messe insieme celano dall’indiscrezione degli sguardi altrui.

Le identità utili, che più per compagnia e consolazione, sembrano sopravvissute per la solitudine e la viandanza. Rientro nel mio appartamento e sorprendo qualcuno in piedi, davanti allo scrittoio di legno di cedro, con le spalle curve e le mani nervose. Sta frugando tra i miei fogli segreti. E’ il giovane portiere. “Ora è giorno” mi sorride. Tra zuccherosi baci e note fresche come la vita buia scolpita dagli eventi, approda l’epilogo appassionato di una partita a carte, capace di rallegrare ogni specie d’indivisibile congiunto.

Consumiamo insieme la colazione, tra fasci ingombranti di giornali e novelle e indiscrezioni. Sussurrati e ridenti nella fragranza dei petali di fiori ed essenze di macis. Ho la lingua dolce di cioccolata mentre l’ascensore del Grand Hotel Royal si affretta a planare al piano terra. Grata di Veglia e d’Amore, costringerò anche oggi i miei interventi ad una morsa d’ali d’Angelo e di Demonio, per spalancare buoni modelli di vita in trama leggera. Capaci di ospitare e raccontare ogni specie d’Inseparabile riunito.

Noto in tutti i reparti, che qualche eletto ha predisposto celle aperte e spiragli su un qualsiasi lato. Un reticolato intelligente e adatto ad un fornito e ardito allevamento. Oramai il tuo sonno interminabile non mi riguarda. Ci penserà qualcun altro a somministrarti il conto, alla partenza. Non riconoscendo ostacoli mentali e sensibili, né penne sbavate d’inchiostro indelebile, rientro serena in ufficio. Le sistemazioni migliori per me insonne, rimangono sempre gli appunti di volo.

Non rischiando d’obliterare il biglietto, per un nuovo e surreale Romanzo d’Amore.

Escortservice Köln: weibliche Begleitungen für ein entspanntes Date

Suchen Sie nach einer Dame die Ihnen ein erotisches Treffen bietet oder Ihnen zum passenden Anlass als Begleitung zur Seite steht? Dann sind die Damen des Escortservice Köln der richtige Ansprechpartner für Sie. Die Damen, welches sich beim High Class Escortservice Köln vorstellen besitzen alle ein attraktives Aussehen, sind gebildet und können für jeden erdenklichen Anlass gebucht werden. Haben Sie einen besonderen Geschmack und wünschen Sie sich Klasse von Ihrer Begleitung, nicht nur was die Kleidung angeht, sondern auch im Sprachgebrauch? Dann sind die Damen des Escort Köln sicherlich die richtige Begleitung für Sie. Alle Models werden ihrem hohen Ansprüche gerecht! Geboten wird Ihnen eine diskrete und schnelle Abwicklung Ihres Auftrags, bei dem Sie als Kunde definitiv der König sind.

Diese Besonderheiten können Sie beim Escortservice Köln erwarten

Was können Sie als Kunde vom Escortservice Köln erwarten? Der High Class Escortservice Köln bietet eine erlesene Auswahl an Damen, die sich mit Freude Ihren Wünschen zur Verfügung stellen. Das Anforderungsprofil des Escort Köln ist entsprechend hoch und bietet aus diesem Grund eine erlesene Auswahl an Damen an. Schauen Sie auf der Internetseite des High Class Escortservice Köln vorbei und werfen Sie deinen Blick auf die erlesene Model- Kartei. Dabei können Sie feststellen, dass der Escortservice eine überschaubare Anzahl an Begleitdamen besitzt, denn nur wenige Damen erfüllen die hohen Anforderungen des Escortservice. Sollten Sie also hohe Ansprüche an eine Begleitung legen, dann können Sie die passende Begleitung in der Model- Kartei finden. Für Sie als Kunden hat dieser hohe Anspruch des Escort Köln viele Vorteile, denn Sie können sich sicher sein, genau die Dame zu bekommen, die Sie in der Model-Auswahl sehen.

Damen des High Class Escortservice Köln diskret buchen

Die Escortagentur Köln bietet ein hohes Maß an Diskretion und Professionalität. Models unterschiedlicher Altersklassen und mit verschiedenen Interessen warten bereits darauf mit Ihnen einen schönen Tag oder Abend auf der Rheinpromenade oder in der Innenstad zu genießen. Genießen Sie die Stunden mit einem Model des High Class Escortservice in Köln und erkunden Sie gemeinsam die Stadt und ihre Schönheiten. Suchen Sie etwas besonders und möchten die Dame an Ihrer Seite überraschen, dann nutzen Sie den Sonderservice des Escortservice. Geboten wird Ihnen ein Limousinen Service oder das Chartern eines Jets.

Die Models stehen Ihnen für geschäftliche und private Anliegen zur Verfügung und wissen je nach Anlass sich zu benehmen. Die Attraktiven Damen bieten Ihnen einen Service mit gehobenen Stil und Eleganz, von Ihrer Ankunft in Köln bis zu Ihrer Abreise. Der Escort Köln ist ein exklusiver Escortservice und bietet Ihnen ein gehobenes Angebot mit exklusiven Hotelbesuchen.

Sollten Sie das Interesse an zwei Damen hegen, dann haben Sie beim Escort Köln die Möglichkeit diesen Wunsch zu äußern und den Abend oder den Tag mit zwei Damen zu verbringen. Betrachten Sie die Model-Auswahl auf der Internetseite des High Class Escort Köln und wählen Sie die Dame, die Ihren Anforderungen entspricht. Die Models stellen sich auf der Seite des Escortservice Köln vor und bieten bereits einen kurzen Einblick in Ihre Vorlieben. Die Escortagentur Köln bietet atemberaubende Damen, die alle einen VIP Status verdienen.

Diese Vorteile können Sie beim Service genießen

Bei der Auswahl der Damen wird von Escort Köln bereits eine sehr strenge Vorauswahl getroffen, sodass Sie als Kunde nur noch die besten Damen vorfinden. Bereits mit der Betrachtung der Models fängt Ihre Auswahl an. Teilen Sie der Agentur mit, welche Anforderungen Sie an die Dame stellen und lassen Sie sich bei der Auswahl helfen. Nicht nur optisch können Sie Ladys der Escortagentur Köln überzeugen, sie überzeugen mit einem erstklassigen Charakter und viel Charme. Mit der Wahl der passenden Begleitung erlangen Sie viele Vorteile:

  • Diskrete Abwicklung Ihres persönlichen Anliegens
  • Kurzfristige Buchungen möglich
  • Flexible Zeitplanung für Ihre privaten und geschäftlichen Anforderungen
  • Verschiedene Sonderleistungen können in Anspruch genommen werden

Escortservice Köln: Immer eine gute Wahl für einsame Herren

Köln hat viel zu bieten und kann auch Ihnen beruflich und privat dienen. Neben vielen Shoppingmöglichkeiten punktet die Stadt mit einigen besonders exklusiven Hotels. Nächtigen Sie beispielsweise im exklusiven Excelsior Hotel Ernst, welches mit viel Luxus dient. Das Hotel steht für kultivierte Gastlichkeit und höfliche Diskretion und stellt sicherlich auch für Sie und Ihre Begleitung einen idealen Treffpunkt dar.

Kulinarisch verwöhnen lassen können Sie sich im Ristorante Alfredo oder im A Caravela, zwei exklusiven Restaurants in Köln, die sich mit kulinarischen Köstlichkeiten überraschen. Perfekte Orte für das erste Date mit den Damen des Escort Köln. Wünschen Sie sich anschließend mehr Aktion und Spannung, dann besuchen Sie das Kölner Nachtleben und genießen Sie Musik und Feierstimmung mit den Damen des Escortservice Köln. Im Candy Shop können Sie das exklusive Nachtleben Kölns erleben und sich von der Dame Ihrer Wahl begleiten lassen.

Sie können sich von den Damen es Escortservice in Köln nicht nur in Köln besuchen lassen, sondern auch auf Reisen steht Ihnen der Service jederzeit zur Verfügung. Nutzen Sie als Geschäftsmann oder private den Service und stellen Sie sich selbst eine Dame an Ihre Seite, die Sie zu allen nötigen Anlässen mit Stil und Niveau begleitet.

Rufen Sie beim Escortservice Köln an und erkundigen Sie sich über die Ladys und ihre Angebote.

Escorts in Düsseldorf buchen und verwöhnen lassen!

Reisen Sie in naher Zukunft alleine nach Düsseldorf? Dann haben Sie in der schönen Metropole viel zu erleben, denn Düsseldorf kann nicht nur mit einigen schönen Hotels überzeugen. Ein aufregendes Nachtleben und viele aufregende Stunden in der Innenstadt warten auf Sie. Neben diesen vielen Attraktionen kann die Stadt noch mit etwas anderem überzeugen. Escort-Damen die der gehobenen Klasse angehören.

Obwohl Sie nach Düsseldorf allein reisen, heißt das natürlich nicht, dass Sie allein bleiben müssen. Genießen Sie Ihr Hotel und Ihren Abend mit einer reizenden Dame aus dem Escort Service Düsseldorf.

Der perfekte Begleitservice mit wunderschönen Damen

Der Escort Service Düsseldorf kann Ihnen etwas bieten, was Ihnen die Einsamkeit nicht bieten kann, Unterhaltung! Sind Sie auf der Suche nach einem neuen Abenteuer und möchten sich mit netten und gebildeten Frauen vergnügen, dann sollten Sie nicht lange zögern und den Escort Service Düsseldorf in Anspruch nehmen.

Die Escorts Düsseldorf sind verschiedene Damen, die der Agentur angehören und sich für den Begleitservice zur Verfügung stellen. Äußern Sie Ihre Wünsche und lassen Sie sich von einer netten Dame begleiten, die gerne auch über Nacht an Ihrer Seite bleibt. Mit den Escorts Düsseldorf können Sie die Schönheiten der Stadt kennenlernen und die Abende und Tage genießen.

Gut aussehende Escort Damen sofort kennenlernen

Der Escort Service Düsseldorf bietet Ihnen eine umfassende Auswahl an gut aussehenden und begehrenswerten Frauen, die sich dem Escort Service angeschlossen haben. Um die richtige Begleitung zu finden, sollten Sie sich überlegen, welche Ausflüge Sie gerne in Düsseldorf durchführen wollen. Haben Sie beispielsweise vor das Nachtleben mit den zahlreichen Bars unsicher zu machen oder soll es ein gemütlicher Abend in einem schönen Restaurant werden? Anschließend können Sie sich überlegen, welchen Typ sie attraktiv finden. Schlank, groß, gut gebaut? Diese Daten geben Sie bei Ihrer Buchung auf und lassen sich das passende Escort-Mädchen heraussuchen.

Den ersten Blick können Sie auf der Webseite des Escort Service Düsseldorf bereits riskieren. Hier finden Sie alle Damen, die in der Agentur zu buchen sind. Der erste Blick und gleich ein Treffer? Dann buchen Sie die Dame direkt. Mit einem Anruf bei den Escorts Düsseldorf erhalten Sie die weiteren Informationen.

Wie lange kann man eine Escort Dame buchen?

Die Buchungen der Escort Damen erfolgt über einen zentralen Punkt. Dort erfahren Sie alle wichtigen Informationen. Natürlich arbeiten hier nur Profis, weshalb Sie sicher sein können nicht irgendein Callgirl zu erhalten, sondern eine gebildete und intelligente Dame, die sich zu benehmen weiß.

Die Escorts wurden vom Escort Service Düsseldorf persönlich ausgesucht und entsprechen den hohen Standrads der Agentur, welche sich auf exklusive Begleitungen spezialisiert hat. Wie lange ein Date mit einer Escort Dame dauert entscheiden Sie. Natürlich ist die Zeitangabe vorab zu treffen. Überlegen Sie deswegen gut wie lange Sie die Gesellschaft der Dame genießen möchten.

Der Escort Service Düsseldorf bietet die Buchung von 2 Stunden als Minimum an. Weitere Buchungszeiten sind:

  • 3 Stunden
  • 4 Stunden
  • 6 Stunden
  • 8 Stunden
  • 12 Stunden
  • 15 Stunden
  • 24 Stunden

Die Buchung von 15 Stunden erfolgt nur mit einer entsprechenden Übernachtung.

Die Buchung über Nacht: Das passende Hotel

Sollten Sie sich dazu entscheiden eine Dame über Nacht bei sich haben zu wollen, ist die Auswahl des passenden Hotels besonders wichtig. Sie und Ihre Begleitung sollten sich im Ambiente natürlich wohlfühlen. Der Escort Service Düsseldorf übernimmt gerne für Sie die Buchung in den bekannten Hotels Düsseldorfs.

Sollten Sie selber das Hotel wählen wollen, da Sie vielleicht Sonderwünsche haben, steht Ihnen unter anderem das Steigenberger Parkhotel / Königsallee 1a / 40212 Düsseldorf zur Verfügung. Das Hotel in der berühmten Königsalle glänzt nicht nur von außen, sondern bietet besonders luxuriöse Zimmer. Großzügige Badewannen und Duschen für Sie und Ihre Begleitung können eine Übernachtung zu einer prickelnden Angelegenheit machen. Zusätzlich kann das Hotel mit einem hervorragenden Zimmerservice überzeugen.

Sollten Sie Gefallen und Interesse an den Escorts Düsseldorf haben, dann nutzen Sie den Escort Service Düsseldorf und erleben Sie die Nächte und die Tage nicht allein, lassen Sie sich von einer wundervollen und eleganten Dame durch Düsseldorf begleiten.

L';INSEGNANTE DI BALLO

Buonasera
Racconto questa storia realmente accaduta;
Da circa un anno io e la mia ragazza stiamo prendendo lezioni di latino americano, sinceramente la cosa all’inizio mi imbarazzava un pò poi ha iniziato ad appassionarmi anche perchè è una danza molto sensuale, anzi molto molto… i corpi e le mani si uniscono con il partner, si sentono tutti i profumi che voi bellissime donne emanate, insomma un ballo che può diventare anche erotico ed eccitante… fatto stà che da quando andiamo a ballare il rapporto, sia sessuale che fuori dal letto, con la mia ragazza è molto migliorato….

purtroppo però io ho un debole per l’insegnate di ballo.. dal primo momento che l’ho vista ho pensato che prima o poi avrei dovuto provarci… lei si chiama Michela, donna sulla quarantina, un po in carne, viso da vera porca, tette molto abbondanti ed ha un muovimento del corpo che ti lascia a bocca aperta;
Fatto sta che la nostra scuola organizza una “vacanza” che si chiamo salsa week, avremmo dovuto passare due giorni interi a fare corsi aggiuntivi in un hotel bellissimo che si affacciava sul mare; arrivati all’hotel io accuso un piccolo malore… insomma avevo qualche linea di febbre che per noi uomini vuol dire stare malissimo.. 🙂 apparte di scherzi non riuscivo a stare in piedi… pertanto per il dispiacere di far perdere queste lezioni alla mia ragazza prendo degli antidolorifici e vado a riposare dicendole che li avrei raggiunti quando sarei stato meglio… e così mi faccio una bella dormita fino a quando dopo circa un’oretta mi sento bussare alla porta di camera, così pensando che fosse la mia ragazza vado ad aprire in mutande… con mia bellissima sorpresa davanti a me mi ritrovo Michela che, su permesso della mia ragazza mi porta una spremuta ed un caffè sperando che mi facciano stare un pò meglio; con molta gentilezza invito Michela ad entrare senza troppe pretese sapendo che nella hall c’era la mia ragazza e che quindi non avrei potuto minimanente tentare un qualche tipo di approccio; insomma tra una chiacchiera ed una bevuta mi comunica che il gruppo era andato a visitare il centro e che non sarebbero ritornati prima di due orette circa; non potete immaginare come quella frase mi abbia fatto ritornare in forma smagliante, tanto è che di sotto qualcosa ha iniziato a muoversi… anzi ce l’avevo un pò barzotto ed essendo in mutante soltanto, la cosa era molto visibile….

anche Michele se n’è accorta ed era molto imbarazzata… così rischio il tutto per tutto e le racconto che mi eccitava moltissimo e che era dalla prima lezione che avrei voluto scoparla… lei rimane di sasso…. così dopo qualche minuto che non apre bocca parlo io e rassegnandomi le porgo le mie scuse ma non faccio in tempo a finire la frase che inizia a spogliarsi; aveva un corpetto ed una gonnellina, non potete immaginare quanto sono stati lunghissimi quei secondi mentre si stava spogliando… non passavano mai… avevo voglia di vederla nuda… il mio cazzo aveva voglia di vederla nuda… e così passati quei lunghissimi secondi rimane soltanto con le scarpe da ballo, luccicose scarpe da ballo che con quei 7 centimetri di tacco la rendono ancora più bella….

lei rimane in silenzio probabilmente aspettando una mia mossa… che puntualmente arriva; mi alzo cammino verso di lei ed inizio a baciarla, le mie mani non sanno dove toccare, ce ne vorrebbero 4 o 5 di mani perchè vorrei toccarla da tutte le parti in contemporanea ma inizio dai suoi stupendi seni, li massaggio e li strizzo con foga, poi inizio a leccare i suoi capezzoli che in pochi secondi di irrigidiscono, le mie mani scendono fino ad incontrare le sue labbra carnose e molto bagnate.. si la sua fica era un fiume in piena, così ne approfitto ed inizio a giocare con il suo clitornide, prima con le dita e poi con la lingua… la sento ansimare, la sento vibrare, la sento che vorrebbe urlare ma si trattiene, così quando non ce la fà più si alza ed inizia a succhiarmi il cazzo con foga, vorrebbeingollare anche le palle da quanto è eccitata… il mio cazzo è tutto dentro la sua bocca… io sono al settimo cielo ma non sono ancor soddisfatto, così estraggo il mio cazzo dalla bocca e inizio a scoparla… ha un muovimento di bacino che fa impazzire….

che troia che è… la scopo a ripetizione.. mentre le sono sopra inizia a stuzzicarsi l’ano e mi sussurra di scoparla nel buco che sta stuzzicando… così non me lo faccio ripetere due volte ed infilo tutto il mio cazzo nel suo culo fino a che le mie palle non incotrano la sua fica… da come sono entrato facilmente capisco che non è vergine così do dei colpi forti alternati a schiaffi nei glutei.. lei gode come una matta.. io non ho mai goduto così tanto ed infatti dopo qualche minuto non resisto più e le vengo tutto dentro il culo…..
dopo qualche minuto di relax si riveste ed esce dalla camera.

Purtroppo da quella volta non è più successo anche se frequento tutt’ora insieme alla mia ragazza la sua scuola di danza.
Peccato… speriamo succeda di nuovo
Grazie della lettura.

I due compari

La famiglia di Giovanni abita nel mio quartiere da sempre, ma io non lo conoscevo perché lui ha trascorso diversi anni in carcere; la nostra amicizia cominciò così: un giorno, mi recai agli uffici comunali di quartiere per avere dei documenti e lo trovai in fila prima di me: trent’anni circa, moro, viso maschile e talmente bello da poter suscitare invidia da parte di qualsiasi attore famoso.
L’impiegato comunale gli chiese di pagare un importo totale di undici euro: Giovanni prese il portafogli e si guardò alle spalle, come se volesse sincerarsi che non ci fosse qualcuno in grado di riconoscerlo, considerato provasse un forte imbarazzo; s’era accorto di avere in tasca solo dieci euro e pregava l’impiegato di dargli ugualmente i documenti, dato che gli servivano assolutamente per quel giorno per presentare la propria domanda di partecipazione ad un concorso riservato agli ex detenuti.

L’impiegato rispose che non poteva, e nemmeno potesse pagare la differenza di tasca propria, semmai, gli propose di lasciare alcuni documenti lì e tornare a prenderli l’indomani; pur mortificato, Giovanni lo pregò ancora: “Faccia finta di fare una elemosina ad un povero disgraziato, ne ho bisogno oggi e le porterò domani l’euro che ora non ho”.

Ne richiamai allora l’attenzione e gli passai una banconota da cinque euro, dicendogli sottovoce: “Compà, ritirati i documenti” lui non se lo fece ripetere, ma mi guardò in un modo particolare che, credetemi, non saprei descrivere meglio.

Quello sguardo, mentre accettava la mia banconota, esprimeva, forse, il desiderio di abbracciarmi o baciarmi; l’impiegato gli consegnò i documenti, lui prese il resto di quattro euro, mi fece spazio in fila, ma fermandosi ed aspettando che finissi a mia volta. Naturalmente, avrebbe voluto restituirmi un euro, tuttavia, gli dissi: “Compà, tieni pure gli altri, possono servirti per prendere un caffè”. “No”, mi rispose, “sei stato tanto gentile e mi hai salvato da una situazione anomala”: gli chiesi allora di attendermi, il tempo di ritirare i miei documenti e saremmo andati insieme a prendere un caffè, che lui mi avrebbe offerto!
Mi disse: “Ok, compà, ti aspetto” ritirai dunque i miei documenti e, mentre ci dirigevamo verso il bar più vicino, lui mi raccontò perché dovesse assolutamente ritirai i suoi.

Quella stessa mattina aveva saputo di un concorso e che quello fosse l’ultimo giorno utile per presentare la propria candidatura: se lo avesse saputo prima, non avrebbe certamente atteso l’ultimo momento per richiederli; aggiunse che quel concorso fosse riservato ad ex detenuti ed avesse buone probabilità di esservi ammesso, oltre al fatto fosse uscito di prigione da appena quattro giorni.

Mi disse: “Compà, se ti vergogni a farti vedere con me al bar, ci possiamo separare subito”, ma lo rassicurai: “Ma ti pare? Mica lo porti scritto in faccia ed anche se fosse, non devo rendere conto a nessuno, dunque, non dirlo mai più!”.

Arrivammo al bar e prendemmo un caffè che mi premurai di pagare anticipatamente: lui ci rimase male; quando uscimmo, ci incamminammo verso la mia auto, parcheggiata nei paraggi, ed ancora mi chiese come potesse fare per restituirmi i cinque euro, ma io risposi non gli avessi prestato denaro, forse ricordava male!?! Continuava a chiedermi se abitassi in zona, se potesse lasciarmi i cinque euro da qualche parte… sembrava che non volesse rinunciarvi, dunque, per cambiare discorso e toglierlo dall’imbarazzo, gli chiesi anch’io dove abitasse.

Rispose abitassimo nella stessa via, a soli due numeri civici di distanza: pensai che stesse prendendomi in giro e… beh, gli dissi: “Verrò a trovarti ed allora sarai tu ad offrirmi il caffè”!

Ci salutammo, montai in auto ed andai via; dirigendomi nuovamente verso l’auto, dopo pranzo, lo vidi lì vicino: “Vedi compà che non ti ho detto una minchiata, che abito davvero qui?”.
“Compà, un cci scassari a minchia, ca iu abitu cca da dieci anni e un tta vistu mai” lui sorrise, dicendomi: “Minchia compà, semo vicini, sulu un vicinu mi putieva aiuari stamattina, ma tu hai un sesto senso eccezionale!” (spero che le frasi in dialetto fossero riportate correttamente nel testo originale, non sono siciiano!).

Gli chiesi di dimenticare la storia dei cinque euro, anzi, se m’avesse fatto compagnia, avremmo potuto nuovamente prendere un caffè al bar di fronte le nostre case: accettò, ma mi ricordò ancora che la sua presenza avrebbe potuto procurarmi qualche problema.
Lo rassicurai. “Compà, sei un grande e se ti fa piacere, vorrei essere tuo compare per davvero” certamente, gli dissi, forse anche quel fratello maggiore che non ho mai avuto! Nel sentirmi parlare così, mi guardò ancora in quel modo strano… un misto di compiacimento, gioia e, forse, imbarazzo; bevemmo il caffè e non mancai di notare lo sguardo di alcuni miei conoscenti e vicini nel vedermi con lui: certamente si chiedevano come mai ci conoscessimo, ma il pensiero che si rodessero il cervello mi faceva divertire!

Uscendo, chiesi a Giovanni se avesse consegnato i documenti al presidente di cooperativa come mi aveva detto che avrebbe fatto e lui me lo confermò, aggiungendo che aspettava l’indomani per sapere se i responsabili avrebbero accettato la sua candidatura e che me l’avrebbe fatto sapere; se la cosa fosse andata in porto, il merito sarebbe stato anche mio, che gli avevo dato la possibilità di ritirare tutti i documenti, anzi, mi avrebbe portato a cena fuori appena preso il primo stipendio!
Nel pomeriggio, durante il lavoro, continuai a pensare a quanto fosse tenero, malgrado avesse la faccia di chi, dalle nostre parti, chiamano “da malacarne”, cioè, da duro; mi sarebbe piaciuto che nascesse una bella amicizia, non m’interessava del suo passato e si vedeva avesse voglia di rimettersi sulla buona strada!

L’indomani mattina, tornai al bar per comprarmi le sigarette: non mi accorsi che Giovanni stesse rincorrendomi per pagarmi il caffè; stavolta, infatti, fece in tempo a fare cenno al cassiere di non farmelo assolutamente pagare.

Mi si avvicinò dicendomi: “Compà, ti posso dare un bacio?”. Restai di sasso, non ne capii la ragione, così, davanti ad altre persone che avevano ascoltato la sua richiesta, chiesi: “E perché merito un bacio?”. Lui rispose: “Perché, grazie a te, ieri ho avuto l’ammissione a quel posto ed inizio a lavorare domani stesso; si avvicinò, mi abbracciò e mi diede un bacio sulla guancia; devo ammettere di essermi emozionato, ma per nulla vergognato!
Alcune persone avevano sentito e seguito la scena… mi lasciai baciare, ringraziandolo del fatto fosse fiero di me, ma precisando non dovesse pensare che avessi fatto qualcosa di straordinario; forse, era destino che andasse così, ma lui mi rispose: “Giusto, compà, era nel mio destino incontrare te e, se permetti, non ti faccio scappare!”.

Scoppiai a ridere, gli misi la mano sulla spalla in maniera amichevole ed uscimmo dal bar: ci trattenemmo a parlare e chiese se quella sera poteva avere il piacere di uscire con me a bere un drink in centro, precisando lui non avesse l’auto, altrimenti, rimanendocene in zona. Gli dissi che sicuramente saremmo andati in centro con la mia, così, mi lasciò il suo numero di telefono ed io il mio e restammo d’accordo di vederci dopo cena davanti casa.

Alle 21. 00 circa, lui era già sotto casa ad aspettarmi; andammo a Mondello a berci un cocktail: lui sembrava sbalordito e mi descriveva ciò che stava provando nel rivedere i posti da cui era stato lontano per anni… il mare, i pub, la gente che passeggiava; mi raccontò un po’ della sua vita, perché era andato in galera e quanto vi fosse rimasto.
La nostra amicizia divenne da quella stessa sera ferrea e, giorno dopo giorno, continuammo a frequentarci uscendo la sera: prendemmo a tal punto confidenza da confidarci anche le cose più intime senza problemi.

Una sera, Giovanni mi chiese di fare un salto sul Monte Pellegrino per ringraziare la santa protettrice della città, anche se la chiesa doveva esser chiusa; andammo, ma, al ritorno, mi pregò di fermarmi con la macchina per poter andare dietro un cespuglio a pisciare, poiché non poteva più trattenersi. Ne approfittai anch’io e, malgrado la penombra, notai avesse una bella minchia, pur essendo moscia; ci guardammo a vicenda per un attimo i cazzi, ma, facendo finta di nulla, richiudemmo le patte… Giovanni mi bloccò poi, dicendomi: “Compà, fammi accendere, che ho lasciato l’accendino in macchina”.

Notai stesse avvicinandosi, ma non per accendere la sigaretta: mi abbracciò, mi strinse a sé piangendo; restammo abbracciati, gli accarezzai la testa domandandogli il motivo di quelle lacrime, cosa sentisse e lui mi confessò subito provasse per me una forte attrazione fisica, ma non avesse fino ad allora trovato il coraggio di farmi capire qualcosa… gli ero piombato dal cielo quella mattina e, da allora, sentiva un affetto particolare, che nulla aveva a che vedere col sesso: gli sarebbe piaciuto rimanere abbracciati per un po’!
Gli dissi: “Compà, anche tu mi sei piovuto dal cielo, ma non avevo neanch’io il coraggio di fartelo capire: come vedi, non tutti i mali vengono per nuocere!”.

Non mi diede tempo di finire la frase, mi baciò in bocca penetrandomi con la sua lingua in un bacio appassionato… come due amanti che non si vedano da anni, ci strofinammo un po’ e sentimmo i nostri cazzi duri al contatto reciproco e sembrava che nessuno dei due volesse divincolarsi da quell’abbraccio!

Gli proposi, considerato fosse Sabato e l’indomani non dovessimo lavorare, di passare la notte in una camera di albergo e sciogliere i nostri desideri totalmente: accettò subito, entrambi telefonammo a casa inventando una scusa per giustificare la lunga assenza, ed andammo in hotel a Mondello: prendemmo una camera, facemmo una doccia e ci buttammo nudi sul letto… il resto lo potete immaginare!

Nota: ho eliminato dal testo originario del racconto quelle ripetizioni e quei dettagli insignificanti che lo rendessero più lungo, ma anche meno piacevole da leggere; apprezzandone la tenerezza, ho avuto piacere di condividerlo con gli altri membri della community e resto disponibile a citare l’autore qualora qualcuno dovesse riconoscervisi.

.

Estate veneziana – Capitolo due

Capitolo due
Una nuova settimana con uno schema diverso. Lunedì, il mio primo giorno col professore. Le lezioni dovevano essere dalle 8. 30 alle 12. 30, il che voleva dire alzarsi presto. Voleva anche dire indossare qualche cosa di più delle settimane precedenti. Mi misi i pantaloncini, (sempre senza mutande), calze, scarpe, camicia e giacca leggera, e cartella per i miei libri. Ho lasciato la casa alle 8 dato che ci volevano venti minuti per arrivare a casa del mio professore.

Lui era un anziano insegnante pensionato che veniva dalla Germania Est ed era fuggito per vivere a Venezia. Il suo inglese era appena passabile ma il suo italiano era molto buono. I miei genitori volevano che si concentrasse sulle lingue che consideravano fossero importanti e che quello era il momento migliore per impararle.

Bussai trepidante, l’avevo incontrato una volta e mi era sembrato quasi un orco; dovevamo parlare italiano fin dal momento che apriva la porta.

“Buon giorno, signore. ” Era il tipico tedesco, alto e magro nonostante la sua età.
“Buon giorno, Pietro. Entra ed appendi la giacca. L’aula è a destra. ” Entrai e vidi due scrivanie, una con su una canna, una lavagna e dei libri di testo. La tipica aula anni sessanta. “Ora, ragazzo, siediti ed ascolta. Non abbiamo molto tempo e voglio che tu sia capace di parlare bene quando avremo finito. Sarò severo.

Ad ogni sbaglio che riterrò grave, farò un segno sulla lavagna. Quando ci saranno cinque segni riceverai tre colpi di canna. Capito?”
“Sì, signore. ” Ed accennai col capo.
“Bene. Cominciamo. ” La prima ora andò bene, ma fu nella seconda che cominciai a scivolare ed alla terza ora avevo tre segni sulla lavagna. Ricevetti il quinto a mezz’ora dalla fine. “Ok, ragazzo. Alzati, lascia cadere il pantaloncini, tira su la camicia e piegati a toccare le dita dei piedi.

” Non avevo pensato che volesse battere con una canna il mio culo nudo, ma feci come diceva mentre mi chiedevo cosa avrebbe pensato della mancanza di mutande. Lui non disse niente, mi diede il primo colpo di canna, poi il secondo e poi il terzo. “Vestiti ragazzo e si siediti, continuiamo. ” Non mi aveva fatto male, avevo una sensazione quasi piacevole di caldo nelle natiche per il resto del periodo d’insegnamento mentre stavo seduto.

Finimmo alle 12. 30 ed io andai a casa per il pranzo. Devo dire che avevo disperatamente bisogno di andare al Lido e trovare un uomo nuovo; Max aveva svegliato in me un demone. Ma dovevo pazientare mentre raccontavo a mia madre il primo giorno, inclusa la fustigazione (ma non dicendo degli shorts abbassati). I miei genitori avevano approvato completamente i metodi del professore, così c’era da aspettarsi la fustigazione. Finalmente ebbi il permesso di andare.

Salii a mettermi gli shorts stretti ed a guardarmi il culo nello specchio. Bene. Niente segni. Afferrai sandali, asciugamano e costume da bagno e scappai via.

Mi avviai lentamente verso la cabina guardando i maschi che incontravo. Ce n’erano due possibili: un maschio più anziano che sembrava essere solo ed un ragazzo di circa 17 o 18 anni, era con la sua famiglia e mi guardò. Quando mi girai, lui abbassò gli occhi sul libro che stava leggendo e sulla sua faccia apparve dell’imbarazzo.

Era magro, con una pelle un po’ scura e capelli neri di media lunghezza. Lo valutai e decisi. La sua famiglia consisteva di madre, padre e due sorelle, ambedue più vecchie di lui, ne ero sicuro, e loro probabilmente erano dell’Iran o di quella zona. Dovevo decidere un modo per sedurlo. Mi voltai e cominciai a camminare di nuovo verso il gruppo; lui stava girato verso di me, gli altri quattro mi davano la schiena.

Andava benissimo per il mio scopo. Infilai una mano nei pantaloncini e mi strofinai poi mentre gli passavo vicino sporsi le labbra in un bacio. Decisi che era sufficiente per il primo giorno e sperai che fossero lì anche il giorno seguente. Poiché non stavano nella spiaggia di un hotel del Lido, probabilmente erano alloggiati a Venezia e pensai di seguirli. No, dovevo pensare a come fare per attirare la sua attenzione.

Sfortunatamente il giorno dopo a lezione prestai troppa attenzione a quel fatto e troppo poco al professore, voglio dire che alla fine della seconda ora avevo già sommato cinque segni.

Mi alzai, lasciai cadere i pantaloncini ed aspettai i tre colpi, provando ancora una volta quella sensazione di calore. Ben presto capii che i segni venivano assegnati molto casualmente, era ovvio che al professore piaceva il culo nudo dei ragazzi e frustarli! Comunque feci un piano per prendere in trappola il mio prossimo maschio!
Avevo in cabina delle palle con cui giocare sulla spiaggia e quel pomeriggio mentre stavo passando vicino al mio prescelto “accidentalmente” la feci rimbalzare addosso a lui.

“Oh, pardon, signore. Mi scusi. Vuole venire a giocare?” Lo tentai. Vidi il ragazzo guardare suo padre e lui accennò col capo. Il ragazzo si alzò e si avvicinò.
“Ciao. Io mi chiamo Homani. ” e allungò una mano. Mi fece piacere notare che parlava un buon inglese.
“Ciao Homani. Io sono Pietro. ”
“Sei di Venezia?”
“Sì. Vieni Homani, andiamo a giocare!” Scappammo via ed io dissi: “Prima andiamo nella mia cabina, Homani.

Ci racconteremo uno dell’altro. ” Ora eravamo fuori della vista della sua famiglia ed io strisciai significativamente una mano sul suo costume da bagno.

Mentre rispondeva sembrava un po’ diffidente: “Io penso, Pietro, io penso… sì. Ti seguo. ” Quando arrivammo alla mia cabina entrammo ed io chiusi la porta dietro di lui. Lui si fermò nella luce fioca dell’interno, ma io potevo vederlo chiaramente. Misi le mani sulle sue anche e lentamente gli tirai giù il costume da bagno mettendo in mostra la sua giovane asta.

Era circonciso, il primo che vedevo, (ma non l’ultimo!), ed i suoi peli pubici erano scuri, come quelli della sua testa ma molto di più. Lui si tirò indietro: “Co… cosa stai facendo?” Fece un tentativo esitante di tirarsi su il costume da bagno, ma potevo vedere che il suo pene stava crescendo. Feci scivolare via il mio e mi inginocchiai davanti a lui, prendendo il suo costume da bagno dalle sue mani e facendolo scivolare via completamente.

“Dobbiamo conoscerci, Homani. Va bene?” Lui per metà scosse e per metà accennò col capo. Quando misi le mani sui suoi testicoli si tirò indietro. “Hai avuto altri ragazzi?” Lui scosse la testa. “Ma ti masturbi?” Lui mi guardò interrogativamente. Io mossi la mano su e giù.
“Oh, sì, ma non è permesso nel mio paese. È male farlo tra uomini. ” Notai che per tutto il tempo stava guardando il mio inguine, non la mia faccia.

“Ora dovrei andare!”
“Non ancora, Homani. Ti mostrerò quanto divertimento possono avere insieme due ragazzi. Quanti anni hai?”
“Quasi diciassette. ”
“Oh, sembri più vecchio. Sono contento dato che io ne ho quindici. ” Mentre parlavo gli carezzavo i testicoli, consapevole che il suo pene ora era completamente eretto. Per un ragazzo di diciassette anni i suoi genitali erano notevolmente sviluppati. Mi inginocchiai in mezzo alle sue gambe larghe e leccai la sua erezione dalle palle alla punta.

“Ah, no, tu sei il diavolo, non dobbiamo. ” Esclamò ma potevo dire dal suo brivido che sperava che continuassi.
Mi fermai per un istante, “Homani, oggi potrai venire come non sei mai venuto prima. Domani potrai prendermi come se io fossi una ragazza. ” Cominciai a leccargli il pene duro ed i testicoli mentre lui si contorceva nell’agonia e nell’estasi. Lui non sapeva se godere o allontanarsi; ma quando le mie attenzione cominciarono a fare effetto, si sdraiò e gemette di godimento.

Mi fermai per un secondo e mi sdraiai su di lui, accarezzando il suo corpo e stringendo le sue natiche nelle mie mani. Succhiai i suoi capezzoli, con forza finché lui non si contorse, e poi spostai la mia bocca alla sua, spingendo la mia lingua nella sua bocca riluttante; improvvisamente lui si addolcì, mi ritornò il favore e rotolammo sul pavimento. Misi la mano sul suo pene, masturbandolo con forza, finché venne con un forte gemito, abbastanza forte da farmi preoccupare, avrebbe potuto essere sentito fuori.

Ma non accadde nulla ed io cominciai a leccare il suo sperma dalla sua pancia liscia, dove era atterrato mentre gli ultimi fiotti uscivano dal suo cazzo che si stava rapidamente ammorbidendo. “Vedi, Homani, cosa due ragazzi possono fare insieme? Vuoi incularmi domani?” Lui si accennò piano col capo.
“Pietro. Pietro, fallo ancora per favore!”
“Vieni amico, andiamo a nuotare, poi vedremo quando torneremo!” Gli tirai il costume da bagno sopra l’inguine, poi il mio e lo tirai in piedi.

Dapprima sembrava quasi drogato ma una volta che cominciammo a giocare nel mare, si riprese e ci divertimmo.

“Vieni, Homani,” dissi dopo un po’ che stavamo giocando, “ritorniamo e divertiamoci un po’!” La velocità con cui tornò alla cabina dimostrava quanto voleva quel “divertimento. ”
“Pietro. Per favore, non sono ancora sicuro che noi…” Mentre parlava mi avvicinai togliendogli ancora una volta il costume da bagno e rivelando il suo cazzo molto rigido.

Misi le braccia intorno al suo collo e lo baciai. Questa volta incontrai poca resistenza e sentii le sue mani che spingevano giù il mio costume per accarezzare poi le mie natiche ed il mio pene. Ci sdraiammo sul pavimento ed io cominciai a succhiare il suo uccello duro facendomelo entrare in bocca. Poi lui mi masturbò con forza tirandomi indietro il prepuzio ad ogni colpo. Lo faceva velocemente ed io rimasi sdraiato finché non venni.

“Ora sdraiati su di me, Homani. Stringimi, facciamo strofinare insieme i nostri cazzi. ” Questa volta iniziò lui il bacio. Poi improvvisamente si alzò.
“Devo andare, la mia famiglia si chiederà dove sono. ”
“Un momento. ” Afferrai un asciugamano umido e gli strofinai la pancia dove il mio sperma si era asciugato, poi lo baciai. “Ci vediamo domani qui. Sì?”
“Sì! Ciao. ”

Il giorno seguente decisi di dare al mio insegnante un brivido durante la lezione.

Mentre stava scrivendo un lungo e noioso discorso sulla lavagna io mi tolsi silenziosamente tutti i vestiti. Quando si girò non sapeva se essere scioccato o divertito. “Pietro! Cos’è questo? Non lo dovresti fare!”
“Ma signore… a lei piacciono i giovani ragazzi nudi ed a me piace essere guardato…” Lui fece un passo verso di me; notai una protuberanza nei suoi pantaloni e mi chiesi cosa avrebbe fatto. “Ora le piacerebbe colpirmi, signore?” Chiesi innocentemente.

“Sì, no, non so. Alzati!” Mi alzai e mi piegai a toccare le dita dei piedi. Quel calore mentre la canna mi colpiva mi eccitava. Allungai una mano e la strofinai su e giù sui suoi pantaloni. “Pietro. No! Per favore…” Gli aprii la patta e tirai fuori delicatamente la sua erezione. Era grossa e più pelosa di quelle che avevo visto fino ad allora. Lentamente lui si sedette sulla sedia dietro di sè, io mi inginocchiai tra le sue gambe ed iniziai a succhiare la sua carne mentre le sue mani si muovevano giù lungo la mia schiena fino ad accarezzarmi le natiche ed i genitali.

Mentre lo succhiavo lo masturbavo e lui cominciò a gridare in estasi. “Ah, Pietro, Pietro, per favore, vengo. Per favore Pietro, io vengo, ahhh…” Ora le sue mani stava tenendo fermamente la mia testa sul suo inguine ed io potevo sentire il suo cazzo che toccava il fondo della mia gola. Mentre mi stavo preparando ad una difficoltosa ingoiata, lui sparò il suo carico di sperma cremoso, salato e spesso. Io me lo tolsi di bocca pulendo il resto della sua sborra dal suo cazzo.

“Faremmo meglio a continuare con la lezione, signore. ”
“Assolutamente, Pietro. Siediti e concentrati!”
Alla fine della lezione mi vestii rapidamente e me ne andai. La mamma non era in casa quel giornoi, fortunatamente. Io avevo molto da fare.

INCONTRO ALCENTRO COMMERCIALE

Per tenersi in forma Anna frequenta da anni una famosa palestra, due o tre volte a settimana si impegna tra spinning e attrezzi vari, lo fa da anni e questo è quello che è successo alcuni anni fa…. Anna mi raccontò che una sera, finite le ore di pilates Anna si fermò per dei veloci acquisti in un vicino Centro Commerciale e dopo avere messo nel carrello alcune cose si diresse alle casse, tra le corsie affollate della sera agganciò un’ altro carrello e scusandosi per l’ accaduto fece la conoscenza del proprietario, risero su chi aveva la precedenza e sulla “ constatazione amichevole“ poi ognuno proseguì per la propria strada; il destino li riunì in una lunga coda al momento di pagare e la conversazione continuò.

Lui era un uomo sui 45 tipico impiegato in giacca e cravatta, Anna era ancora in tuta aderente indossata dopo la doccia in palestra, parlarono del più’ e del meno del tempo speso a tenersi in forma e delle ore della giornata che non bastano mai, dopo il pagamento alle casse si salutarono convinti che non si sarebbero mai più incontrati. Una settimana dopo, galeotto il Centro Commerciale, Anna si ritrovò di nuovo faccia a faccia con l’ uomo incontrato in precedenza accompagnato da un bimbo di una decina d’ anni, un saluto quattro convenevoli e via tra le corsie, ogni tanto i loro carrelli si incrociavano e battute non mancavano…poi nuovamente separati nel grande spazio dei magazzini.

Tornando a casa Anna era allegra e mi raccontò la cosa, anche della settimana prima e tutto fini lì. Anna ritornò spesso in quel Centro Commerciale ma dell’ uomo misterioso non c’era più traccia finchè una sera si sentì chiamare “ Heilà ! sempre di corsa ? “ era lui …Anna era felice di rivederlo, quel tipo cordiale le era piaciuto da subito, si fermò e dopo poco si accorse che parlando erano passati a darsi del tu e quando lui la invitò a prendere un caffè lei accetto molto volentieri, chiacchierarono per una buona mezz’ ora e scoprirono che non si erano più visti a causa dei cambi di giorno in palestra di Anna.

La settimana dopo anche se non c’erano corsi interessanti lei tornò nel giorno stabilito e si sedette al tavolino del “loro“ bar, non dovette attendere molto, lui arrivò con un gran sorriso e le disse che sperava proprio di incontrarla; la cosa continuò per alcune settimane e i loro discorsi divennero sempre più intimi e quando fu palese che lui le faceva la corte Anna chiese dove era la mamma del bimbo incontrato la seconda volta, lui fu un po’ imbarazzato nel raccontare che era sposato ma che comunque era attratto da Anna che rispose lusingata e che anche lei era sposata e non voleva sicuramente complicare la vita a nessuno; nel parcheggio al momento di salutarsi lui la baciò e Anna mi raccontò che rispose con molto trasporto nei suoi confronti….

si scambiarono i numeri di telefono. Lui la chiamava ogni giorno o le messaggiava, Anna mi mostrava i suoi SMS e io le chiesi perché non se lo portava a letto…mi piacerebbe disse lei ma data la situazione non voglio andare da sola con lui in hotel per cui quando lui le propose di fare l’ amore Anna lo stupì raccontando della sua vita di donna libertina, che sì avrebbe scopato con lui ma solo a casa nostra e con me presente, il tipo non si aspettava assolutamente la piega che aveva preso la cosa ma un po’ per l’ eccitazione dei racconti di Anna e per la grande voglia che aveva di farsela accettò.

L’ incontro era fissato per un pomeriggio della settimana seguente. Lui arrivò a casa nostra in perfetto orario, entrò in casa imbarazzatissimo per la situazione, ci sedemmo e affrontammo subito l’ argomento sesso e gelosia, dopo un po’ sembrava meno teso e Anna disse la frase che le avevo sentito dire decine di volte quando incontrava persone nuove e si preparava all’ evento…“ basta parlare…posso invitarvi di là ? “ …di là era la nostra camera da letto…Anna entrò per prima e noi la seguimmo, con un rituale super collaudato si sedette al centro del letto e chiudendo gli occhi sollevò la gonna iniziando a masturbarsi, non indossava mutandine e di sicuro la vista del sesso di Anna, ben depilato e offerto alla nostra vista aumentò l’eccitazione ma anche il suo imbarazzo; sul comodino c’era un “giocattolino vibrante “ a forma di coniglietto e lei gli chiese di aiutarla, lui toccò per la prima volta la fica di Anna e quasi si scordò la mia presenza.

Dopo un paio di minuti Anna si sollevò e si sfilò il vestito rimanendo completamente nuda poi gli slacciò i pantaloni e con la mano cercò il suo sesso che era già duro e pronto lei se lo infilò in bocca e cominciò a succhiarlo, anche lui ora aveva gli occhi chiusi e mentre Anna gli slacciava la camicia per massaggiargli il petto io uscii dalla stanza per lasciarli un po’ da soli, ero indeciso se prendere la macchina fotografica e aumentare la già grande collezione delle monte di mia moglie, poi dato l’ imbarazzo del tipo pensai che non era il caso; ritornati in camera… erano completamente nudi entrambi e lui la stava leccando tra le cosce , la sentii gemere fino a quando venne.

Lui si rialzò mentre Anna rimase ancora un po’ sdraiata aveva la mano tra le gambe ben strette segno inequivocabile dell’ orgasmo appena compiuto; ora era volta di lui…disteso sul letto Anna riprese a succhiare il suo cazzo e quando fu pronto gli chiese di indossare il preservativo che era sul comodino, forse lui non se lo aspettava…abbozzò un po’ di scuse cercando di evitarlo ma poi la assecondò o almeno ci provò…. la cosa non sembrava funzionare e quel cazzo che fino a poco prima troneggiava non pareva avere intenzione di stare su e non ostante Anna continuasse a masturbarlo, ogni volta che sembrava pronto finiva per afflosciarsi, lasciai la stanza mentre Anna aveva ripreso a spompinare quel cazzo costretto in un’ involucro di lattice.

Quando tornai Anna era sopra di lui, lo cavalcava con energia ma del preservativo non c’era più neanche l’ ombra, il cazzo entrava e usciva dalla fica bagnatissima e gli umori colavano lungo l’ asta i gemiti di entrambi si confondevano con i suoni emessi dall’ incontro dei loro sessi; ogni tanto rallentavano o si fermavano poi decisero di cambiare posizione Anna si sdraiò sulla schiena e spalancò le gambe per accoglierlo nuovamente e quando lui fu dentro di lei lo cinse con le gambe quasi a non farlo scappare; era evidente che nessuno dei due considerava la mia presenza e quando lui non si poté più trattenere venne dentro di lei rallentando l’ intensità dei colpi mentre Anna continuava a bloccarlo con la sua morsa; nel momento in cui si staccarono e vidi il seme di lui che colava dalla fica arrossata di Anna uscii nuovamente dalla stanza, avevo visto quello che più mi faceva godere…un’ altro uomo possedere mia mia moglie.

Li attesi in soggiorno dove arrivarono dopo la doccia, lui era sempre imbarazzato ma molto felice, mi fece i complimenti per la gran donna ( forse voleva dire troia ) che avevo sposato e che purtroppo non poteva immaginare di proporre una cosa simile a sua moglie, io lo confortai dicendo che poteva scoparsi Anna quanto voleva, cosa che puntualmente fece ma non più a casa nostra… avevano trovato un hotel non lontano dal centro commerciale e per alcuni mesi un volta alla settimana si incontrarono per rendezvous di sesso, all’ inizio Anna mi raccontava i particolari poi con il passare dei mesi la cosa si raffreddò e gli incontri cominciarono a diradare …Anna aveva già altre storie e anche lui dopo questa esperienza aveva trovato la grinta per fare nuove conquiste.

Da allora Anna non tornò più in quel Centro Commerciale vicino alla palestra.