Archivi tag: taxi

The Lovely Writer

Berlin. Capital of Culture. I visit the Spree every few month in order to care about my connections, to find out about new trends and to discuss with people of my kind. I’m an artist. A writer – to be exact. Some time ago I was able to establish my name in the press as a talented newcomer. Since then I’m an often requested guest at book fairs and literature forums. I sign my books and read in front of interrested audiences. Well… And I like women. Many women. I am a passionate man and very early, I realized that affairs improve my writing. It is the old story of the writer and his beauty. Every beauty tells a new story, brings a new emotions – and emotions are the lifeblood of creativity. Escpecially sexual desire.

Before I came to Berlin, I made a call. I saw her picture on the internet of High Class Escorts in Berlin. Her naked back and her tight butt. She smiled naughtily over her shoulder as if she were screaming for my touch. Dark eyes. The skin was suntanned and flawless. Slender. And every part of her body was covered in a lithe shine. Her hair was falling down like black silk – right to her wonderful ass. I wanted that ass. I wanted it, slapping againgst my pelvis.

We had a date at a small and inconspicuous restaurant on the Prenzlauer Berg. I have chosen it pointedly. The wine tastes good there and we should be the only guests. Heartbeat. I saw her getting out of the taxi. One leg after another. High Heels. Gentle feet. She wore a tight cocktail dress. Black and no straps. The cloth were squeezing her free and shiny breasts and covering her thighs. Heartbeat-Heartbeat. She smiled and pushed a strand behind her ear, so I could see large pendants on her ear. Very elegant. They clicked softly, every time she moved her head. I took her hand and for a kiss and when i looked up again, I just saw her bright tooth biting into her pink underlip. “You look handsome.”, she whispered. Such words from such a woman: Like a hot handle into my pants. Tightness. Heartbeat-heartbeat.

I answered: “And you look fantastic.”

I visit Berlin every few month in order to care about my connections and discuss with people of my kind. I’m an artist. A writer – to be exact. Some time ago I was able to establish my name in the press as a talented newcomer. Since then I’m an often requested guest at book fairs and literature forums. But sometimes it can be lonely out there.

Before I came to Berlin, I made a call. I saw her picture on the internet.

We had a date at a small and inconspicuous restaurant on the Prenzlauer Berg. The wine tastes good there. Heartbeat. I saw her getting out of the taxi. One leg after another. High Heels. Gentle feet. She wore a tight cocktail dress. Black and no straps. The cloth were squeezing her free and shiny breasts and barely covering her thighs. Heartbeat-Heartbeat. She smiled and pushed a strand behind her ear, so I could see large pendants. Very elegant. They clicked softly, every time she moved her head. I took her hand for a kiss and when i looked up again, I just saw her bright tooth biting into her pink underlip. “You look handsome.”, she whispered. Heartbeat-heartbeat. I answered: “And you look fantastic.”

“To be honest, I don’t really know much about wine. I just like to act like I do.”, I started a conversation when we were sitting in the restaurant. She laughed so expansive, that she felt compelled to fix her ample décolleté. Click-Click. The pendants touched each other and I was staring at her tits. She noticed and leaned forward. She liked it. “I have been to many wine tastings. Jobwise. But I like to drink it anyway. So I have learned a bit about it.” Then she began to tell. From wine we got to the theater and from the theater to my work. Her lips were open, when I told her about it, and her breath touched the shivering candle-light. The wax flowed down into the stick. Tssss…

“I’ve heard that Goethe has broken four beds with his beloved!”, she grinned excitedly, when we finished eating. “At least!”, I laughed. “It must be phenomenal, what happens in your heads. The fire. The passion. This here is very thrilling for me. I’ve never had a writer.”, she said as she licked her lips. Heartbeat. Boom. Boom. Heartbeat. “Well! You still had none.”, I smirked.

“But I would like to.”

Our taxi drove to my hotel. She held my arm and we went upstairs. In the elevator she gripped between my legs. I was hard as granite. “You’ll feel better soon.”, she whispered while she nibbled my ear lobe. The door fell into the lock. She moved her gorgeous ass through the room, turned to me and put her handbag down. Then she snatched for her back. I heard the zipper. Suddenly, her big tits escaped from the dress! Her naked nipples – pierced – took a sun bath in my eyesight. The tight dress ran down from her waist. She rose from it completely naked. Glassy and dripping wet: Her tight pussy. She had not worn a panty all evening.

“Fuck me.”

I rushed toward her, threwing her on the bed. She opened her arms and stared at me – breathing and horny. I kissed her on the mouth. Click-click! The pendants were answering. Her fingers reached my belt. Heartbeat-heartbeat. I grabbed her tits, while she let my cock jump out of my pants like a fixed bayonet. I loved the look on her face when she saw how big he was. Willingly she spreads her long legs. I grabbed her thighs.

“Awwwwwrh!”

My cock plunged into her. Impaled her. Split her cunt, which wrung hotly around my whole dick. Hot and wet and juicy. She opened her mouth and groaned on my lips. I threw away my shirt and her feet – still wearing high heels – found their way to my shoulders. I rammed myself into her pussy and every time she screamed louder. Wanting more. Click-click-click-click! The creols were clacking like in a whirlwind. My pelvis splash against her. She tried to rise her upper body in order to scratch my neck, but I pushed her back, threw her on the belly and yanked her tight ass up to take her hard from hehind. My paws caught her waist and clashed her body against my cock. Splash! Click! Click! And abruptly, she ripped of the sheets from the mattress, and squealed ecstaticly, Her whole body narrowed before she began to pound her ass lecherously against my dick. The early orgasm drove her crazy and shortly after, I came so intensely, that the sweat ran over my chest.

“My lovely writer.”, she groaned afterwards with a big smile on her face.

schiava trav 6

Il silenzio assoluto per tutta la durata del viaggio verso lo sexy shop sembrava più assordante delle urla di una scolaresca elementare…Mi sentivo strana ,vuota e lo stomaco sottosopra. ATTENDI GABRI …. mi disse appena arrivati nei pressi del negozio.
20 minuti che mi sembrarono ore prima che tornasse in macchina accompagnato da un vecchio uomo grasso dalla calvizie incipiente e barba incolta…entrarono nell’auto ,il tipo puzzava di fumo e aglio il sorriso terribile di chi ha i denti ingialliti dalla nicotina e mal curati.

GABRI TI PRESENTO ALDO ORLANDI IL TITOLARE DELLO SHOP,ALDO TI FA UN DONO,LA CB6000, ORA MOSTRACI IL TUO CLITORIDE CHE TE LO SISTEMIAMO CONTRO TUTTE LE TENTAZIONI…PER IL MOMENTO TI LASCIO UNA COPPIA DI CHIAVI PER OVVIE RAGIONI FAMILIARI,E’ UN ATTO DI FIDUCIA CAGNA, PIU’ AVANTI INVECE LA TERRO’ IO….
Sollevai la gonna e abbassai le mutandine, aldo mi prese il pene tra le dita infilò l’anello nell’asta del mio membro fino alla base dei testicoli,poi venne la seconda parte del device…lo assicurò con un lucchetto e il gioco era fatto….

in gabbia!
BENE , VISTO CHE IL COSTO DEL CB è PIUTTOSTO ELEVATO VEDI ALMENO DI RINGRAZIARE ALDO….
“Grazie Signor Aldo” dissi timidamente. ” Risero come degli invasati. MA DAI GABRIELLA NON ESSERE RIDICOLA…. TIRA FUORI IL CULO CHE ALDO HA VOGLIA!!!!!
Non feci a respirare che Aldo mi rigirò mi strappò via il perizoma e mi inculò …. piansi come una pazza per il dolore…aveva un cazzo corto ma grosso sembrava volesse spaccarmi gli intestini…sentivo il mio pisello agitarsi nella gabbia ad ogni affondo ma contrariamente al solito non sembrava volersi indurire ma era bagnato…quasi fosse una fica…..Il mio Padrone riprendeva la scena …sembrava che tutti volessero un ricordo di quello che mi facevano.

Aldo mi scopava mi sculacciava e dio solo lo sa quanto fu terribile ,mi prese la testa e mi baciò in gola…tolse il cazzo dal mio sederino e me lo mise in bocca,poi di nuovo in culo e poi nuovamente in bocca…..mi stantuffava la gola le ganasce …le labbra sembravano ventose…. sentivo che stava per venire e pregavo non volesse farlo in bocca……infatti non era quello l’obiettivo ahimè…lo tirò fuori due secondi prima appoggiò la cappella sulle mie narici e venne!!!!!!!!! Mi stava sborrando dentro il nasooooooo!!!!!!!! Lo sperma mi finì in gola attraverso il naso…così non solo il gusto ma pure l’odore rimasero in me per un pezzo!!!!”Te lo hanno mai detto che hai i capelli che odorano di fica Gabriella? ” esclamò Aldo…il mio Padrone scoppiò in una sonora risata…SI GLIELO DICONO SPESSO AHAHAHAHAHAH…..
Aldo salutò il mio Padrone mi guardò mi aprì la bocca e ci sputò dentro…”mi sono accorto sai che la schifavi troia per questo ti sputo addosso”
Ripartimmo verso Venezia …arrivati a Piazzale Roma prendemmo un taxi e andammo verso il negozio di Nicola…ero truccata vestita femminea e ingabbiata….

Nicola nemmeno mi aveva riconosciuta.
“TE LA LASCIO QUI…NELLE BORSE CI SONO I SUOI VESTITI E UN PAIO DI PANTALONI IL MAGLIONE PER RINCASARE…TUTTO IL RESTO E’ CIO’ CHE LE SERVIRA’ IN FUTURO…. QUESTO E’ IL MIO IBAN I PROSSIMI GUADAGNI DI GABRI LI ACCREDITI SUL MIO CONTO A LEI LASCIA UNA DECINA DI EURO…MI RACCOMANDO RIPRENDILA MENTRE VE LA FATE,AHAHAHAHAHHAH…. UN’ULTIMA COSA…DOMANI MATTINA FALLE PRENDERE QUESTA PASTIGLIA…A TE GABRI LASCIO LA shitOLA…NE DOVRAI PRENDERE UNA AL DI’….

AH NICOLA PROSEGUI COL SUO TATUAGGIO CON UN’AGGIUNTA ! A quel momento sussurrò a Nicola qualcosa che non capii…. Risero entrambi…e a me quella risata gelò il sangue.
Il mio Padrone mi salutò ordinandomi di chiamarlo l’indomani..io rimasi con Nicola che proseguì a definire il mio tatuaggio , promettendomi una sorpresa per la serata…….

Asija Robin’s e l’agente segreto MI5

Devo portare a termine un duro lavoro, dopo questa missione, mi merito proprio una bella vacanza ai Caraibi.
Sono il migliore agente del MI5, raccolgo informazioni in tutto il mondo.
Prendo due taxi , due treni diversi , a piedi per 10 minuti , noleggio una macchina e vado in aeroporto sempre sotto identità di copertura , ora sono un giovane docente universitario provenienti da un convegno.
Controllando sempre per essere sicuro che non sia seguito.

Faccio il check-in , e vado nella direzione della lobby di prima classe. Per arrivarci devo prendere un ascensore.
Sorpresa!!
Una meravigliosa dea bionda sta tenendo aperta la porta dell’ascensore, mi aspettava, sorridendo.
Indossa un meraviglioso abito corto rosso, e ai suoi piedi incredibili e sexy alti sandali rossi.
Ha le labbra rosse è sorridente e quegli occhi incredibili catturato la mia attenzione.
E’ bellissima! Mma ho da mantenere l’attenzione sulla mia missione.

Lei nota l’effetto che ha fatto su di me, ma era impossibile evitarlo , tanti anni di allenamento e non riesco!
Lei rimane dietro di me e preme il pulsante per chiudere la porta.
Non riesco a vederla , sento solo il suo profumo e il suo respiro vicino al mio collo. Ma la sento sempre più vicina al mio orecchio e le dire con voce sexy : – Mi vuoi ?
Annuisco positivamente la mia testa , sono così sorpreso che non riesco a dire più una parola.

Poi sento le sue mani sulle mie natiche, mentre sento la sua lingua toccare il mio orecchio.
In quel momento un ondata lussuria mi invade e mi raggiunge e non riesco a trattenermi nel darle un bacio, lei non desiste, anzi cerca con la sua lingua la mia.
Mentre mi bacia, lei abbassa lentamente la mano verso il mio inguine e con fare esperto, tocca il mio uccello, ormai turgido e bagnato, da sopra miei vestiti.

Lentamente inizia a strofinare delicatamente con la sua lunga gamba l’interno della mia coscia.
Dopo aver fatto questo per un po ‘ sposta lentamente la sua mano, mentre il mio pene non è ancora fuori ma è disperatamente in cerca di lei, e inizia delicatamente a massaggiarlo in modo così sensuale, guardandomi negli occhi intensamente, come nessuna mai aveva fatto. A questo punto, comincio a gemere e sospirare.
Ora lei nota che è il momento di sbottonare lentamente i pantaloni e fa scivolare la sua mano dalle dita lunghe e affusolate, dentro le mutande per afferrare il mio cazzo.

Lo faceva divinamente, prendendosi tutto il tempo necessario, senza fretta, lentamente e pieno di sensualità per darmi il tempo di godere di tutti i suoi tocchi.
Poi lentamente fa scivolare le dita verso le mie palle. Fa scorrere lentamente e dolcemente le mie palle tra le dita. Gioca con i miei testicoli in mano e delicatamente li spreme.
Sono delirante mentre lei con una mano accarezzava lentamente il mio pene mentre con l’altra stringeva le mie palle.

Riusciva a mantenere la mia eccitazione solo sotto il suo controllo. Le sue calde e gonfie labbra rosse erano sempre incollate sulla mia bocca.
Utilizzava la velocità di movimenti e la pressione del suo corpo in modo sapiente per condurre la mia eccitazione che cresceva sempre di più, riusciva a massaggiare alternando il mio cazzo e l’inguine e con un dito mi fa svenire dal piacere solleticando il mio frenulo.
Una volta che si rende conto che ero vicino a scoppiare tutto il piacere in un fiume di calda sborra , lei si ferma negandomi l’orgasmo.

Mi continua a baciare. Afferra i suoi capelli dal collo, tirandoli su un lato e poi mi dice:
– Grazie per le informazioni, agente !
Voglio afferrarla , ma ho già le mie mani ammanettate all’ascensore. Dannazione! Sono così furioso ….

che errore da pivello che ho fatto!
Lei esce dall’ascensore dicendo : – Le spedisco le chiavi delle manette a casa sua, agente!! ….

ma devo dirle che: ha un cazzo meraviglioso … kiss.
Devo ammettere che ho perso le informazioni e mandato a puttane la missione, ma Asija è stata bravissima, raggiungendo livelli epici che sarà impossibile dimenticarla…