Dio come odio la pioggia

Dio come odio la pioggia!

Dio, come odio la pioggia!
Picchia contro il vetro della vetrina del negozio, una calda pioggia tropicale tipica di questo periodo. Ogni fine pomeriggio, come automaticamente, nubi nere e spesse arrivano dal mare e scaricano tre o quattro centimetri di pioggia in un’ora. La temperatura si abbassa di dieci gradi, le strade si allagano, il tetto perde, ed un’ora più tardi il sole che cuoce a fuoco vivo ritorna.

Venti minuti e tutto sarà asciutto come un osso e di nuovo dannatamente caldo ed afoso.
Quel pomeriggio non era diverso sa qualsiasi altro giorno. Guardavo la pioggia che cominciava a bagnare il vetro illuminato da frequenti bagliori dei lampi. Il tuono fu abbastanza forte da far vibrare sia le finestre che le mie ossa. Le strade erano deserte, neppure i turisti erano abbastanza coraggiosi da essere fuori con quel temporale. Senza dubbio erano accalcati in uno dei numerosi piccoli caffè del lungomare a bere e discutere sui prezzi di camicie e souvenir che avevano appena comprato.

Mi ero appena spostato dalla finestra per andare a prendere una Coca nel frigorifero quando il campanello della porta tintinnò. Sospirando alzai gli occhi al cielo, forse un turista aveva deciso che il mio negozio di tatuaggio sarebbe stato un luogo meraviglioso per aspettare che finisse il temporale. Accadeva spesso, sfuggivano alla pioggia e passavano un’ora a guardare cataloghi e fotografie di clienti appese ai muri, mentre facevano un milione domande (Domanda: Fa male? Risposta: No.

Domanda: Posso usare il Suo bagno? Risposta: Solamente se si fa fare un tatuaggio, il che riporta alla domanda n° 1) e normalmente facendomi perdere tempo.
Mi girai, sul viso già il cipiglio incazzato, e vidi un giovane di non più di diciotto o diciannove anni che stava nervosamente sulla porta. Alto ed allampanato, la canottiera e gli shorts erano incollati per la pioggia al suo corpo magro, come i suoi capelli biondi che aveva lunghi sino alle spalle.

Rivoletti di acqua gocciolavano sulle spalle abbronzate e le braccia. I vestiti bagnati erano appiccicati al suo corpo e delineavano esattamente gli addominali ed i pettorali tonici.
Ok, era entrato uno skateborder, ho pensato mentre non aggrottavo più le ciglia ed un’ombra di sorriso appariva sulle miei labbra. Se dovevo essere scocciato da un turista, almeno che potessi lustrarmi gli occhi. Mi rivolse un timido sorriso che mi sembrò innocente e sexy allo stesso tempo, ed improvvisamente fui felice che il banco gli nascondesse la mia metà più bassa.

Non volevo spaventare il bambino col mostro che stava cominciando a far crescere la sua testa nell’inguine dei miei jeans.
Beh… forse mostro è un po’ di un’esagerazione. Tuttavia il mio cazzo in piena erezione non era da disprezzare.
“Entra. ” dissi allegramente. Qualunque cosa tu voglia, continuai nella mia testa occhieggiando i suoi bicipiti cesellati e gli avambracci nerboruti. Il ragazzo faceva esercizi, almeno così sembrava. “Cosa posso fare a te… mmm… per te?”
“Um, beh… io stavo pensando di fare un tatuaggio.

Voglio dire, io voglio cercare un tatuaggio. Veramente. Adesso”, balbettò, come se stesse tentando di convincersi che ne voleva uno.
“Sei fortunato, c’è qualcuno che lo può fare”, risi. “Cosa avevi in mente? ” Io sapevo cosa avevo in mente ed era un ago indolore, quello che stava pigiando contro la chiusura lampo dei miei jeans.
“Nulla di troppo grande per la prima volta. ” La sua voce era leggermente roca, mi ricordava il rumore che una chiusura lampo fa quando è lentamente aperta, un dente alla volta.

Ancora! Era decisamente il mio desiderio.
“Ah, un vergine” ho riso, poi alzai un sopracciglio mentre le sue guance fiammeggiavano. Uh oh. Qualche cosa mi stava dicendo che un tatuaggio non era l’unica cosa che quel giovane non aveva ancora tentato. Mi schiarii la gola e continuai: “Ok. Hai idea di quale disegno ti piacerebbe? Un tribale forse?” Suggerii. Guardai sulla mensola dietro di me, presi un catalogo di disegni e lo aprii sul banco: “A proposito, io sono Christian.

” E sorrisi allungando una mano.
Lui la prese sorridendo di nuovo con quel mezzo sorriso sexy. “Marco. ” Guardò i miei avambracci e le mie spalle, la sua mano continuava ad afferrare la mia. “Wow, sei magnifico, uomo!”
Io alzai le spalle, sono abituato alle persone che guardano i miei tatuaggi. Ne ho due che partono dalle braccia e, anche se la maggior parte è nascosta dalla canottiera, continuano attraverso il torace e la schiena.

Ne ho anche sulle gambe, come poté vedere quando uscii da dietro il banco. Cosa che avvenne non appena il mio cazzo smise di tentare di saltare fuori dalle mutande.
Mi piace quello”, disse indicando un piccolo disegno di fiamma tribale.
Davvero era una buona scelta come primo tatuaggio. Era piccolo, con linee nette, semplici. Secondo me sarebbe stato uno schianto.
“Grande! Andiamo”, dissi uscendo completamente da dietro il banco, sperando che i suoi occhi non andassero verso sud dove la protuberanza al mio inguine stava minacciando di far scoppiare una cucitura.

Ma lo fecero.
Arrossì ma non smise di fissare il mio inguine. Ero disposto a scommettere che si stava chiedendo che altro avevo tatuato, ed io fui fortemente tentato di lasciar cadere i pantaloni e mostrarglielo. Il ragazzo era eccitante, ed io ero eccitato e duro, una combinazione pericolosa.
Professionale, pensai tra di me. Sii professionale. Comportati come si deve. Sospirai e lo feci entrare nello spazio di lavoro, un piccolo spazio nel retro del negozio.

Marco si sedette al tavolo di lavoro, io ritornai nel negozio e chiusi a chiave la porta. Non volevo essere obbligato a smettere una volta che avessi iniziato ad inchiostrarlo perché qualcun altro era entrato.
“Ok, dove mettiamo questo?” Io chiesi tenendo in mano lo stampino del tatuaggio che aveva scelto.
Arrossì di nuovo. Il bambino arrossiva più di una vergine la prima notte, e cominciavo a pensare che l’unica cosa di cui aveva bisogno era non essere più vergine.

“Lo volevo in qualche luogo che non fosse in vista”, disse piano. “Sa, nel caso non mi piacesse. ” Si morse il labbro inferiore ed io quasi venni nei pantaloni.
Oh, per favore, pregai, fa che sia dove io spero che lui lo voglia.
Era lì.
Le sue dita snelle e lunghe scesero alla cintura dei suoi shorts sbottonandoli ed aprendoli rapidamente, come se avesse paura che facendolo più lentamente avrebbe perso il coraggio.

Mise in mostra la carne abbronzata e di seta della sua anca destra.
Io accennai col capo, incapace per un momento di parlare. Non portava biancheria intima e vidi un po’ di ricci peli pubici marrone chiaro che spuntavano mentre tirava di fianco i pantaloncini.
“Ok. Um… Però dovrai toglierti i pantaloncini. ” dissi. “Non posso lavorare con te che li tieni aperti così. “
Gli occhi di Marco si allargarono un momento, poi accennò col capo.

Alzando le anche si tirò giù i pantaloncini e li spinse alle caviglie.
Oh… Dio. Ricordate quello che ho detto prima a proposito di un mostro? Non sarebbe stata un’esagerazione per quella parte di Marco. Il suo cazzo pendeva tra le sue gambe come una salsiccia lunga e grossa. Come riusciva a tenerlo piegato nei pantaloncini senza mutande? Lo legava alla coscia? Il mio uccello salutò il suo diventando immediatamente rigido.
Le guance di Marco diventarono color fucsia mentre fissavo impotente il suo pacco ben dotato.

Sotto il mio sguardo cominciò improvvisamente a prender vita, diventando duro di fronte ai miei occhi e lui si lamentò, un gemito mezzo strangolato.
“Mi spiace!” Ansò prendendo gli shorts per tirarli su. I suoi occhi blu erano larghi come piattini ed io compresi che era dannatamente spaventato davanti all’uomo che stava per tatuarlo ed aveva un’erezione mentre stava seduto al tavolo di lavoro.
Era così, a quel punto il mio cervello cessò funzionare cedendo tutti i processi di pensiero razionale al mio inguine.

“Tranquillo”, bisbigliai sorridendogli dolcemente. “Forse dovremmo prenderci cura di questo prima che io ti tatui”, sorrisi alzando le spalle. “Ti farà rilassare, se sei teso ti farà più male. “
“Ma… ma… “
“Ora penso che userò la mia bocca”, lo interruppi chiudendogli la bocca e sedendomi sul mio sgabello girevole. Misi una mano su entrambe le sue cosce scolpite, allargandogliele. Quasi potevo sentire il suo cuore battere nel torace quando feci scivolare le mani su per le cosce al suo inguine, strisciando le dita tra i peli pubici.

Sentii il suo lamento, delicato e morbido quando le mie dita callose avvolsero la sua grossa lunghezza.
Glielo stavo facendo a due mani ed era così caldo che lo sentivo bruciarmi i palmi, il pene di Marco colò alcune gocce di lubrificante naturale quando lo toccai. Non ci volle molto, la mia bocca volò sulla cappella gocciolante della sua erezione massiccia. Sporgendo un po’ la lingua presi le gocce perlacee che colavano dalla piccola fessura, prima di spalancare (ed intendo spalancare) la bocca ed ingoiarlo interamente.

O piuttosto, ingoiare quanto più potevo.
Era abbastanza, tuttavia. Tirando indietro le labbra lasciai che i miei denti strisciassero leggermente sulla sua pelle delicata, vellutata e morbida. La mia lingua turbinò intorno alla cappella, corse sotto la cresta prima che le miei labbra ancora una volta si chiudessero e me lo infilassi in gola.
Marco ora stava sgroppando sotto me, le sue anche salivano per spingere profondamente nella mia bocca quanto era possibile, le sue mani scivolavano tra le sue gambe per accarezzarsi il sacco, era piuttosto rumoroso, mi piacevano i suoi forti lamenti, gemeva, ringhiava, faceva una sinfonia completa di suoni mentre io succhiavo volenterosamente il suo pene turgido.

Il mio cazzo colava per il piacere ed io rilasciai il suo per lo stretto tempo necessario per liberare il mio.
Lui stava per venire, lo capivo dal suo modo di contorcersi. Lasciai andare la sua erezione (Ovviamente lui protestò rumorosamente) ed aprii uno dei cassetti del mio tavolo di lavoro.
Rovistando febbrilmente tra articoli indesiderati, gomitoli di cotone, strofinacci, punte, finalmente trovai un preservativo nella sua confezione ed un piccolo tubo di lubrificante iniziato ma sufficiente.

Grazie a Dio, perché non avrei voluto ricorrere allo svitol per lubrificarlo.
Con Marco sulle mani e le ginocchia tentai di diminuire le sue paure prendendomi cura del suo buco del culo e la cosa sembrò funzionare.
Dopo aver leccato per alcuni momenti il suo piccolo buco che mi faceva l’occhiolino, lui ritornò a gemere e dimenare le anche. Spremetti fuori quello che rimaneva del lubrificante e ne rivestii la mia asta ed il suo piccolo bocciolo di rosa corrugato.

Feci scivolare un dito nel suo buco ignorando il suo guaito di sorpresa. ‘Dio, è così stretto da fermarmi la circolazione!’ pensai mentre gli facevo un lento ditalino. Decisi di prepararlo come meglio potevo per non più di sessanta secondi, il tempo che il mio cazzo poteva resistere prima di prendere il controllo della situazione e sbattersi nel suo sedere.
Ruotando il dito gli carezzai la prostata e chinai la bocca a pizzicare la carne morbida delle sue natiche.

Marco aveva cominciato a carezzarsi l’uccello, evidentemente impaziente per come gliel’avevo abbandonato. Facendo mentalmente spallucce, aggiunsi un altro dito facendolo scivolare dentro accanto all’altro. Torcendoli provocai un altro guaito di Marco e sbirciando tra le sue gambe vidi la sua mano che menava furiosamente il suo cazzo. Avrebbe potuto eiaculare da un momento all’altro.
Rimossi le dita che uscirono con un lieve ‘plop’ e le sostituii col mio cazzo. Era come inculare un forno.

Il suo retto era così caldo e strinse così ermeticamente il mio uccello che per un momento temetti che mi tagliasse il pene o me lo bruciasse.
Mi spinsi dentro di lui sino alla radice. Ok, pensai, ora posso anche morire e morirei da uomo felice. Quasi sorpreso di essere ancora in grado di respirare e proprietario di un’erezione e di un paio di palle che avevano raggiunto la taglia di uova, cominciai a muovere le anche, spingendo profondamente dentro di lui ed estraendo, ancora ed ancora.

Le mie anche schiaffeggiarono il suo sedere finché lui non gridò mentre sparava il suo carico in grandi strisce bianche sul il mio tavolo.
Avevo pensato che il suo sedere era stretto quando l’avevo penetrato, ma non era nulla a confronto alle contrazioni che spremettero il mio cazzo mentre veniva. Era troppo, decisamente troppo. ‘Il sedere di nessun essere umano normale potrebbe stringere così, pensai mentre mi estraevo dal suo culo. Chi era questo ragazzo? Era un fottuto Superman? Ebbi appena il tempo di pensarlo prima di cominciare ad eiaculare violentemente, rivestendo la sua schiena con un litro di buon succo di gioia vecchio stile.

Restammo silenziosi per alcuni minuti, anelando ed ansando e tentando di respirare. Marco era sdraiato a faccia in giù sul tavolo, dimentico del lago di sperma che faceva ciac ciac sotto di lui.
“Ora mi sento rilassato. ” Disse con voce smorzata dal cuoio del mio tavolo da lavoro. “Veramente rilassato. Realmente, veramente rilassato. Realmente, veramente, realmente. “
“Ho capito”, lo interruppi, “Sei rilassato. ” Alzandomi gli schiaffeggiai allegramente il sedere. “Pronto per quel tatuaggio, ora?” Chiesi pronto a riprendere gli affari.

La pioggia aveva smesso di cadere ed avevo bisogno di farlo prima che qualche potenziale cliente spingesse la porta.
Marco si comportò da uomo e sopportò il tatuaggio. E’ ritornato poi molte volte diventando più disincantato ad ogni visita. Ora stiamo lavorando su di un braccio.
Io sono l’unico a cui permette di fargli tatuaggi ed arriva sempre quando io sono nel negozio da solo, quando arriva sta sempre per cominciare a piovere.

E lui prima ha sempre bisogno di rilassarsi.
Dio, come amo la pioggia!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *