Amicizie in sauna (storia vera)

Avevo deciso di farmi una bella sauna per rilassarmi, sapevo benissimo che in quella sauna succedevano cose “strane”, frequentata solo da uomini cosa ti aspetti? Appena entrato mi sono sentito gli occhi di tutti addosso, “un maschietto nuovo” era il pensiero che si leggeva sulle loro fronti. Andai subito a farmi una doccia per entrare nella vasca idro, appena sceso in vasca iniziarono mani a toccarmi tutto, devo dire che ero un po infastidito e un po compiaciuto, rimasi li fin che il cazzo non divenne duro.

Un ragazzo di circa 30 anni (bel ragazzo) mi si avvicina e mi dice “andiamo in camerino? ho voglia di prenderlo in culo”, “scusa ma non mi interessa al momento ho voglia solo di fare una sauna”, “non sai cosa ti perdi!”.
Entrai nel bagno turco e ancora mani che mi toccavano, ormai avevo il cazzo in tiro da almeno un ora e la cappella iniziava a fare male tanto grossa era diventata.

Basta dovevo uscire, mi feci l’ultima doccia e andai in spogliatoio. Trovai Tomas (cosi si chiama il bel moro 30enne) che si stava cambiando anche lui, mi cadde l’occhio in mezzo le sue gambe, “però un bel cazzo” pensai e capì benissimo cosa stavo pensando “possiamo sempre rientrare se vuoi” “no adesso devo andare e mia moglie mi aspetta” “ha sei sposato?” “si ed è una bella gnocca” “posso dirlo io? andiamo a bere uno spritz e fai venire anche lei così ci conosciamo meglio” “ok”.

All’uscita chiamai Sara e la feci venire al bar del centro, io e Tomas eravamo già seduti con lo spritz e battendomi sulla spalla mi dice “hai visto quella che figa?” mi girai e dissi “Si è Sara, mia moglie” “cazzo divento etero subito”. Sara venne a sedersi con noi e iniziammo a ridere e scherzare fin quando non decidemmo di cenare assieme a casa nostra. Durante la cena tutto era a doppio senso, dopo qualche bicchiere di vino e i digestivi avevamo perso ogni freno inibitorio, specialmente Sara, “mi piacerebbe vedere due uomini che fanno sesso” “se tuo marito non fa lo stronzo ti farei vedere come lo prendo in culo” dai Maurizio fammi vedere come scopi un uomo” “voi siete ubriachi, non lo faro mai” in quel mentre Sara mi tira fuori il cazzo “ma è duro, allora ti eccita l’idea” “no e solo…..” “dai che ti eccitata, Tomas vieni qui fammi vedere come succhia un uomo” la bocca calda di Tomas si apri e me lo prese tutto in bocca “che cazzo fate non mi piace che un uomo mi succhi il cazzo, mmmm sei proprio bravo però” “allora è più bravo di me?” “non mi ricordo prova” il cazzo passo dalla bocca di Tomas a quella di Sara, una volta avevo visto un film bisex e devo dire che mi era piaciuto molto segarmi davanti a quelle scene.

In men che non si dica eravamo in camera da letto, Sara era sopra la mia faccia che gli leccavo la figa e Tomas continuava a succhiare come mai ero stato spompinato, devo dire che sa fare dei pompini divini, ad un cero punto Sara disse “adesso voglio vedere come inculi Tomas” “è da oggi pomeriggio che aspetto questo momento, inculami” il culo era già umido e il cazzo non fece fatica a scivolare dentro quel bel buco di culo.

Tomas iniziò a mugulare come una vacca in calore, nemmeno Sara gode così, e più lo pompavo più Sara si menava e godeva, era un pezzo che non la vedevo così troia “è tutto dentro fino le palle, mmmmmm che culo e meraviglioso amore voglio anche il tuo adesso” Sara si mise alla pecora vicino a Tomas ora avevo due culi a disposizione, passai da uno a l’altro con una facilità unica, avevano il culo talmente aperto che ne poteva entrare tranquillamente un altro, “goddooo siete fantastici, mmmmmmmmmm” “siiiiii inculamiiiii, inculalooo” Sara era fuori d se, “succhiagli il cazzo adesso” “ma sei fuori?” “no prova dai fallo per me” presi il cazzo di Tomas in bocca con una semplicità unica, sembrava avessi fatto pompini da sempre, non mi fece schifo ma anzi ci trovai subito gusto, Sara era ecitatissima “siii succhia amore fallo venire daiii” Tomas aveva un cazzo talmente bello che non me lo feci ripetere due volte “sto per venire, siiii mmmmmmmmmm succhiaaaa sssssiiiiii sborrrrroooooooooooo” mi venne in bocca con un getto da primato vedevo Sara che si menava e non appena Tomas venne ebbe un lunghissimo orgasmo “siiiiiiiiiiiii godoooooooooooooooo mmmmmmmmmmmmm siiiiiiiiii” con la sborra ancora calda in bocca andai a baciarla “mmmmmmmmmmmm che buona mmmmmmmmmm” mi leccava tutta la bocca per non perdere nemmeno una goccia “ora tocca a te” mi misi in piedi sul letto schiena appoggiata ala muro e iniziai a segharmi davanti le loro facce “mmmmmmmmmmm goddddooooooo sto per venireee” “vengooooooooooooo aaaaaaaaaaaaaaaaaa mmmmmmmmmmmmmmmm siiiiiiiiiiiiiiiiiiii beviiiiiiiiiiii siiiiii beviiiiiiiiiiiiiiiiiiii” erano tutti e due attaccati la cazzo come fosse una pompa, mi ripulirono per bene che alla fine avevo la cappella lucida come appena uscito dalla doccia, doccia che ci facemmo assieme prima di dormire tutti e tre nello stesso letto.

L’amicizia con Tomas è basata sulla libertà sapiamo benissimo che frequenta la sauna ma non ci interessa poi molto, l’importante è che il sabato sera è sempre a cena da noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *