Tutto in pochi giorni

L’Incontro
Finalmente avrei lasciato la casa dei miei genitori e mi sarei trasferito in un appartamento tutto mio. Cominciavo anche il mio primo lavoro e mi eccitava l’essere fuori e libero di fare quello che volevo. Ero anche nervoso perché ero ancora vergine, non ero mai stato sessualmente con un altro uomo. Quindi ero ansioso di iniziare.
Il mio primo giorno di lavoro ero agitato, i miei colleghi erano amichevoli, ma io avevo molto da imparare, ero ansioso di ritornare al mio appartamento per un drink.

Quando venne l’ora dell’uscita mi precipitai fuori dall’ufficio. Quando girai l’angolo mi scontrai con quel ragazzo. Ci afferrammo l’un l’altro per non cadere. Lui mi strinse per quella che sembrò un’eternità. Il cuore mi batteva nel torace. I miei occhi erano nei suoi blu e profondi. Provai una sensazione strana. Lui mi lasciò andare ma io continuai a trattenerlo.
Lo riconobbi per uno dei colleghi e ne fui imbarazzato. Finalmente lasciai andare la presa.

Lui si presentò, si chiamava Roberto. Io gli dissi il mio nome: “Io sono Michele. Gli amici mi chiamano Mike ma in famiglia mi chiama Michele. ” Ero un po’ sconclusionato.
Roberto sorrise e disse: “Io ti chiamerò Michele. Forse, uno di questi giorni ti chiamerò Mike, o anche Michele. ” Ridemmo tutti e due. Roberto disse che doveva correre via, o sarebbe arrivato in ritardo. Mi salutò con la mano e scomparve dietro l’angolo.

Mi diressi verso casa, felice di aver terminato il primo giorno, ed anche felice di aver incontrato qualcuno, anche se più che altro mi ero scontrato con qualcuno. Mi rilassai con una bella bibita fredda. Pensai a Roberto e mi chiesi se era single, e se era gay. Pensando a lui mi eccitai e cominciai a masturbarmi. Chiusi gli occhi e mi immaginai Roberto che stringeva il mio cazzo. Non ci volle molto prima che eiaculassi.

Mi sdraiai sul letto e mi addormentai sognando di lui.

L’Invito
Il mio secondo giorno di lavoro andò piuttosto bene, almeno andò meglio del primo. Incontrai Roberto e mentalmente presi nota di dove era il suo ufficio. Mi chiesi se fosse opportuno andarci. Decisi di non farlo. Il mio capo mi chiamò nel suo ufficio e mi diede del lavoro da portare nell’ufficio di un altro lavoratore. Risultò essere vicino all’ufficio di Roberto.

Non potei fare a meno di guardare nel suo ufficio; lo vidi alla sua scrivania e lo salutai agitando la mano. Lui mi fece segno di entrare, era al telefono e mi indicò una sedia. Chiuse rapidamente la chiamata e disse: “Come va Michele, o Mike, o Michele?” “Puoi chiamarmi Mike. ”
Roberto sorrise e disse: “Così ora siamo amici. Questa è una grande notizia. ” Capii che lui ricordava quello che gli avevo detto quando mi ero scontrato con lui.

“Che ne dici di un drink dopo il lavoro per celebrare il tuo nuovo lavoro?”
Ero sbalordito. Mi chiesi se me lo stava chiedendo come collega di lavoro o se era interessato a me. Poi pensai che voleva solo essere amichevole come collega di lavoro. Non sapevo cosa dire e mi limitai ad accennare col capo.
Lui disse: “Grande, mi troverai qui dopo il lavoro e poi andremo per il drink. ”
Uscii dall’ufficio galleggiando, fui estremamente felice per il resto del giorno.

Sembrava che mi fossi fatto un amico sul lavoro ed anche bello.

Il drink

Continuai a guardare l’orologio contando i minuti che mancavano alla fine. Letteralmente corsi al suo ufficio, lui stava finendo del lavoro quando bussai. Mi guardò e mi sorrise, poi disse: “Solo un momento poi andiamo da qualche parte per il drink. ”
Uscimmo ed andammo ad un bar sistemato tra due ristoranti. Era un luogo tranquillo con della mood music in sottofondo.

Prendemmo un tavolo, lui ordinò i drink e ci sedemmo a parlare.
Gli avventori del bar aumentarono mentre parlavamo, ed il tempo volò, fui sorpreso di essere così ciarliero, conversare con lui era molto facile. Finii per raccontargli la storia della mia vita. Roberto fece lo stesso. Un drink dopo l’altro. Fortunatamente il bar serviva anche cibo. Mi era diventata leggera la testa e così il cibo mi aiutò. Ero felice. Mentre Roberto parlava, io pensai a me: “Ho lasciato la casa dei miei per stare da solo, si poteva cambiare la situazione solo per fare sesso, Ok vada per il sesso.


Stava facendosi tardi, io desideravo andare a casa con lui. Mentre andavamo verso il parcheggio, mi chiese se volevo cenare in un vero ristorante quel fine settimana. Io dissi io: “Sicuramente. ” E lui: “Allora è un appuntamento. ”
Mentre lui se ne andava con la macchina io salii sulla mia e mi sedetti pensando: “Appuntamento, ha detto appuntamento. ”

L’appuntamento

Roberto aveva detto: “Allora è un appuntamento. ” Io continuavo a sentire quelle parole girare nella mia testa.

Quella era il nostro primo appuntamento, nessun dubbio su quello che stava accadendo, sarebbe stato un appuntamento. Ero pronto, docciato e rasato. Mi guardai nello specchio. Avevo un corpo ben fatto. Speravo che un giorno Roberto potesse vedermi nudo. Mi misi un paio di slip sexy e la mia tenuta migliore.
Roberto fu puntuale, mi venne a prendere davanti al mio palazzo. Indossava un bel paio di jeans stretti. Mentre guidava verso il ristorante, guardai il suo corpo.

Aveva una bella camicia stretta che abbracciato il suo corpo muscoloso. Avrei voluto vedere di più ma mi bastava essere vicino a lui in macchina.
La cena andò estremamente bene. Il cibo era buono e la conversazione interessante. Roberto aveva la capacità di farmi sentire importante. Mentre parlava io sognavo di noi insieme per sempre. Poi tornai alla realtà, quella era probabilmente solo una cena con un collega di lavoro, niente di più.

Come tutte le cose la serata finì. Ritornammo a casa mia, ero dibattuto fra l’invitarlo o no. La mia mente cominciò ad analizzare quale poteva essere la sua risposta. Prima che avessi l’opportunità di chiederglielo, Roberto disse: “Ti dispiace se uso il tuo bagno?” Nella mia mente trillò un campanello, cominciai ad entrare in panico. Il bagno era pulito? Sperai di non aver lasciato in giro delle mutande sporche.
Diedi una rapida occhiata intorno quando entrammo nell’appartamento.

Tutto sembrava in ordine.

Il Bacio

Mentre Roberto andava in bagno, io andai in cucina a prendere un paio di birre. Ci sedemmo sul sofà. Lui disse che gli piaceva l’appartamento. Non era ben ammobiliato, ma era abitabile. Io mi chiesi com’era il suo.
Poi disse che doveva andare e mi chiese se volevo vedere casa sua. Ero in paradiso e dissi: “Sì!”
Lo accompagnai alla porta. Lui si fermò e si girò verso di me.

Era bellissimo. I vestiti abbracciavano il suo corpo ed avrei voluto abbracciarlo io. Lo ringraziai per la cena. Lui si chinò e mi baciò sulla guancia. Rimasi scioccato.
Lui sorrise e disse: “Ci vediamo domani. ” Avrei voluto rendergli il bacio ma ero troppo nervoso. Se ne andò ed rimasi fermo, maledendo me stesso per essere rimasto così.
Mi appoggiai alla porta e pensai: “Mi ha baciato. Perché non gliel’ho reso?” Avrei voluto prendermi a calci.

Il bacio reso

Vidi le chiavi della macchina di Roberto sulla tavola. Le presi nel momento in cui bussavano. Aprii la porta e lui era là sorridente. Alzai le chiavi, lui si avvicinò e le afferrò, poi disse: “Grazie. ”
Senza pensarci lo baciai rapidamente sulle labbra, mi tirai indietro e dissi: “Grazie. ” Lui era abbastanza vicino per mettere una mano sul mio mento. Inclinò la mia testa verso l’alto e tornò a baciarmi, questa volta più a lungo.

Lo circondai con le mie braccia, i suoi baci divennero più lunghi e più appassionati. Stavo davvero baciando un uomo. I palmi delle mie mani erano bagnati di sudore, mi sembrava di avere il cuore in gola, batteva così forte che non potevo pensare di fare qualsiasi cosa che non fosse baciarlo.
Smettemmo e ci tenemmo stretti. Roberto disse: “Sarà meglio che me ne vada…. ” Sentivo di aver fatto troppo. Ora avrei perso Roberto.

Smisi di abbracciarlo e rimasi fermo. Avrei voluto piangere ma dovevo ricompormi ed aspettare finché non se ne fosse andato, poi sarei andato a letto a piangere.
Roberto gettò le chiavi sul tavolo e disse: “Oh dannazione, resterò se vuoi. ”
Ancora una volta rimasi scioccato. Quasi lo feci cadere quando gli gettai le braccia al collo.

La prima volta

Ora la mia mente stava correndo. Non ero mai stato con un uomo.

Cosa sarebbe successo se non fossi stato capace o peggio, cosa sarebbe successo se il mio cazzo non mi fosse diventato duro. Avevo letto di casi del genere.
Stavo ancora abbracciando Roberto e lui disse: “Lo prendo per un sì. ” Lo guardai negli occhi, erano magnifici. Decisi di seguire la sua decisione; andammo al sofà, lui si sedette e mi tirò a sè.
Ci baciammo e le sue mani si appoggiarono al mio sedere.

Mi strinse leggermente le natiche e mi chiese: “Vuoi che ci mettiamo comodi in camera da letto?” Impazientemente risposi: “Sì!”
Roberto sorrise mentre si toglieva la camicia. Volevo essere io a spogliarlo, così afferrai la sua cintura e gli slacciai i jeans. Abbassai la cerniera trattenendo il fiato. Mi tremavano un po’ le mani. Quando lasciai cadere i jeans, vidi le mutande, erano strette ed abbracciavano il suo corpo. Vidi il contorno del cazzo.

Pigiai la faccia contro la sua biancheria intima, respirai profondamente, mi piacque l’odore muschiato della sua virilità.
Afferrai il bordo delle mutande e le tirai lentamente giù. Il cespuglio nero del suo pube mi guardava. Spinsi il naso profondamente nell’intrico di peli. Aveva un profumo così buono. Tirai ancora più giù le mutande ed il suo cazzo scoccò fuori. Era magnifico. Gli baciai la punta e vi spinsi contro la faccia. La sua durezza era così piacevole.

Leccai la parte inferiore dell’asta. Raggiunsi di nuovo la punta del cazzo e la baciai.
Poi i miei istinti naturali presero il sopravvento, presi l’uccello in bocca, raggiunsi le sue anche e lui cominciò a pompare avanti ed indietro.
Si lamentò e capii che gli piaceva, sentii che stavo davvero facendo la cosa giusta. Mi sentii così sollevato! Tentò di calciare via i jeans ma aveva difficoltà a farlo. Smisi di succhiare e gli tolsi i pantaloni.

Ora era di fronte a me nudo. Era magnifico. Mentre lo guardavo cominciò a spogliarmi.
Prima che me ne rendessi conto ero sdraiato nudo sul letto. Roberto salì su di me e ci baciammo. Sentii il suo cazzo contro il mio corpo. Il mio pene era duro ed eretto, ero contento che il mio uccello stesse rispondendo all’avere addosso uomo meraviglioso.
Si girò e prese in bocca il mio cazzo. Era così caldo e bagnato.

Si spostò per mettersi sulla mia faccia. Io l’afferrai e lo succhiai. Era fantastico. Era così dolce. Poi sentii che stavo per eiaculare. Tentai di ritardare ma sparai il mio carico prima che me ne rendessi conto. Mi sentii male, sperai che Roberto non fosse deluso.
Continuai a succhiargli il cazzo, lui lasciò cadere il mio pene molle dalla sua bocca e cominciò a leccarmi le palle. Ne prese una e poi ambedue in bocca.

Questo fece balzare di nuovo il mio uccello alla vita. Lui riprese il mio pene in bocca, il suo cazzo sembrò diventare più grosso nella mia bocca. Sentii il primo fiotto di sperma colpire il fondo della mia bocca. Roberto stava cominciando a sborrare. Io non ero pronto, il suo succo mi riempì la bocca ed io soffocai, lo sperma mi colava dalla bocca e mi scendeva sul mento e sul collo. Ancora una volta sentii di essere pronto ad eiaculare.

Roberto si occupò dei miei fiotti e li ingoiò. Io tentai rapidamente di asciugare il suo sperma dal mio mento e dal mio collo.
Roberto si girò e vide quanto ero sporco. Prese le sue mutande ed asciugò la sua sborra dalla mia faccia.
Si sdraiò accanto a me e disse: “Spiacente, avrei dovuto avvertirti. Io sparo dei carichi enormi. ” Ed io risposi: “La prossima volta sarò pronto. ” O almeno speravo che ci sarebbe stata una prossima volta.

Mi abbraccio e mi disse: “Mike, o posso chiamarti Michele?”
Io lo abbracciai: “Puoi chiamarmi Michele. ”
Sorrise: “Michele, posso restare a dormire? Andrò via domani mattina. ”
Naturalmente dissi di sì.

Dormire a casa mia

Roberto si addormentò, rimasi a lungo sdraiato sveglio a guardarlo mentre dormiva. Lui rotolò e mi abbracciò, mi avvolse con una gamba ed un braccio. Io feci correre le dita lungo il suo braccio, era così muscoloso.

Ascoltai il suo respiro, mi concentrai su di lui, era una ninnananna per me ed in breve mi addormentai.
Mi svegliai il mattino seguente con la testa sul suo torace; lui era ancora addormentato. Abbassai lo sguardo e vidi il suo cazzo duro ed eretto, con la bella cappella puntata verso di me. L’uccello spuntava da un bel cespuglio nero di peli. Alzai la testa per guardare le sue palle, erano perfettamente rotonde.

Vedere il suo corpo nudo mi fece diventare dura la verga. Chiusi gli occhi e pensai come era bello svegliarsi con qualcuno come Roberto accanto. Il sesso la notte precedente era stato grande.
Lui si girò e la sua faccia era a pochi centimetri dalla mia. Aprì gli occhi, sorrise e si accoccolò più vicino a me. I nostri cazzi erano appoggiati uno vicino all’altro, li afferrò tutti e due e cominciò a menarli.

Dopo un po’ tenne solo il mio e disse: “Ti voglio dentro di me. ” Ero confuso. Allungò le mani verso i suoi pantaloni e ne tirò fuori un preservativo che srotolò sopra il mio cazzo. Si sdraiò sulla schiena e mi tirò sopra il suo torace. Alzò le gambe ed io capii cosa fare. Le alzai, vidi il suo sedere aprirsi e feci scivolare dentro il mio pene. Entrò facilmente, cominciai a pompare e sentii le sensazioni attraversarmi il corpo.

Era fantastico. Lo guardai negli occhi, poi mi chinai e lo baciai. Lui mi strofinò il torace con le mani ed io pompai più velocemente. Poi cominciai a sborrare, pompai più lentamente ed alla fine mi fermai. Roberto mi afferrò e mi tenne stretto. Il mio cazzo era ancora dentro di lui.
Le sue gambe si abbassarono ed io mi rilassai nelle sue braccia mentre pensavo: “Potrò mai abituarmi a questo?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *