sapore di mare, vacanze con la cugina

Vacanza fortunata, Debbi da piccola giocava con la sua amata cugina…erano figlie uniche.

Quest’anno è venuta in vacanza con noi per la prima volta ( si è appena separata), non ero propriamente felice, insomma non la conoscevo bene ma per quel poco che l’avevo vista era abbastanza noiosa e pareva molto casta, infatti con il suo ex marito qualcosa non ha funzionato ed io pensavo che fosse lei…avevo il sospetto che fosse lesbica, poiché avevo visto, in passato, il comportamento che aveva con le sue amiche quest’ultime molto mascoline ( mi hanno sempre attirato le lesbiche mi piace amarle senza penetrarle e amo gustare il sapore intimo del loro corpo),

Finita l’introduzione passiamo al primo giorno:
In agosto siamo andati al sud dove ci sono spiagge incontaminate lontano da occhi indiscreti ed ogni giorno è stato un turbinio di emozioni, ma il primo pomeriggio è andato così:

Io ero un pò cotto avevo guidato parecchio e allora ascoltando e non i loro discorsi cercavo di riposare…
ma guarda caso parlavano di uccelli, non certo di cacciagione… e che cosa ne facevano, tipo manuale d’uso.

Da li a poco iniziarono a ricordare la loro adolescenza e cosa combinavano a quei tempi… Debbi non mi aveva mai raccontato nulla, intanto con la scusa della crema iniziavano a toccarsi… io facevo finta di dormire, ma stavo bucando la sabbia e sono stato al gioco… tanto Debbi conoscendomi, aveva capito e mi tirava a cimento con qualche battuta.
Mentre scrivo il racconto mi sta facendo una pompa ed ogni tanto mi corregge, le piace fare la professoressa comunque continua cosi…
Visto che l’insenatura sabbiosa era dietro degli scogli le ragazze andarono a farsi il bagno e da li a poco iniziarono i loro giochi in acqua, come due adolescenti si slacciavano il costume, si tiravano i capelli, facevano la lotta ed intanto le mani percorrevano i loro corpi incandescenti.

Io le guardai per un pò, godendomi la scena di nascosto e poi non resistetti, dopo un cenno di intesa mi buttai a capofitto e mentre Debbi leccava G. io iniziai a prenderla da dietro, senza mai toccare G…. ci trovammo sulla battigia io sotto D. (la prof. ssa mi dice posizione kamasutra unione dell’ape)…………intanto G. le leccava la figa, questo mi eccitava tantissimo anche perché D. saltava come una matta sul mio pisello ed io intravedo appena la scena; ad un certo punto mentre stavo per venire D.

, che mi conosce bene, tirò fuori il mio cazzo e lo infilò in bocca a sua cugina che senza ingoiare dopo essersela riempita ben bene, si è alzata e andata da D. e da buone cugine hanno iniziato a dividersi il compenso, poi si sono avvicinate ed hanno voluto farmi assaggiare il sapore delle loro umide e salate lingue, a quel punto D. me lo prese in bocca ancor per non sprecare niente e per farmelo diventare nuovamente duro, ma ero talmente tanto eccitato che non mi era andato giù e quindi prese il membro e mi fece prendere G.

a pecora… dopo averla stantuffata e fatta venire ancora D. ci ripulì con la lingua tutti e due… è stato fantastico non avrei mai immaginato G. così femmina.

Intanto il sole stava andando via, abbiamo fatto un bagno e la serata è continuata in albergo così come la nostra settimana…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *