Quando la ragazza va in vacanza…

La mia ragazza un giorno mi mandò un messaggio e mi disse che sarebbe partita di li a 3 giorni per andare a trovare alcuni parenti in Puglia, io ero incazzato, le dissi:
“E invitarmi no?”
“Lo sai, i miei non ti vogliono, poi da quella sera che ti hanno visto dopo che mi avevi spianato il culo non mi lasciano neanche più casa libera!”
“Quanto stai via?”
? settimane”
“COSA!?!?!?!? 2 settimane!?!??! e tu pretendi che per due settimane mi faccia un nodo all’uccello!?!?!? non ci pensare proprio!”
“Cosa vuoi fare? tradirmi perché per due settimane non puoi scoparmi?!?!?”
“Non ho detto questo, però se dovesse capitare l’occasione come farò a resistere?”
“Sei proprio uno stronzo, ed io che ti ho permesso di farmi tutto quello che volevi di più!”
Buttò giù il telefono.

Il giorno prima della partenza lei venne a casa mia, ci abbracciamo e lei, con gli occhi gonfi di lacrime, disse:
“Ti prego, cerca di resistere, io ti amo, non voglio perderti!!”
“Beh, intanto che sei qui…” poi le accarezzai i capelli, la invitai dentro e scopammo furiosamente, poi, forse per scoraggiare e scaricarmi il più possibile, mi diede il culo di sua iniziativa:
Amore inculami!!”
La inculai con violenza, urlava e si dimenava da dolore fino a quando non la inondai di sperma in tutti i suoi buchi.

Si fece una doccia, si rivestì e andò via dicendomi:
“Se non mi tradisci potrai straziarmi e potrai averlo ogni volta che vuoi!”

Dopo una settimana avevo i coglioni traboccanti, non ne potevo più, venne in soccorso un mio amico Nigeriano che mi disse:
“Ma che ti frega di quella puttanella!! vieni con me a ballare in un posto qua vicino, è pieno di troione di 40 anni che non vedono l’ora di farsi cavalcare da un bel nero!”
“Mi hai convinto!”
Andammo in questo posto, appena entrati vediamo scene interessanti di molte milf scosciate e ultrascollate, alcune sono veramente in ottimo stato di conservazione!

Iniziamo a ballare e dopo poco il mio amico lo perdo, lo rivedo che sta ballando con una signora di 45/50 anni, lei gli si struscia addosso, dopo poco esce dalla disco, probabilmente se la scoperà li vicino.

Io nel frattempo mi guardo intorno, vedo una signora al banco:
Capelli neri, gambe rotonde ma toniche, un bel culo e un seno ancora sodo, mi avvicino:
“Ciao!”
“Ehilà”
“Io mi chiamo Ahmed, tu?”
“Cecilia”
“Sei veramente bella lo sai?”
“Grazie, Io invece penso che tu sei il solito bel ragazzotto di colore che vuole portarsi a letto una annoiata moglie italiana, una… come le chiamano adesso? ah si, MILF!”
“Beh se non sei qui per questo, cosa sei qui a fare?”
“Per ballare.. ti dice niente?”
“Mi piacciono quelle orgogliose come te! perché quando te la danno sono le più sciolte!”
“ahahah, certo che sei un bel tipo, sei abituato a vederle tutte ai tuoi piedi, uh si, scopami e fammi tua! ahahah”
“Esattamente! Sei sposata?”
“Si, felicemente.


“Non me la dai a bere, davvero felicemente?”
“Beh, si, forse felicemente no…”
Con una mano le accarezzai i capelli, lei seguì la mia mano, poi le presi il mento e le diedi un bacio e le dissi:
“Io ho casa qui vicino…”
“Ok, andiamo. “

Arrivati a casa ci baciammo con passione e poi le confessai la mia “perversione”:
“Sai, a me piace dominare e strapazzare le mie partner”
“Bisogna vedere se sarà così anche stavolta..”

Era una sfida, io allora l’accettai, misi in ginocchio la bella troia e le feci succhiare il mio uccello, era una visione meravigliosa, una femmina vera, in ginocchio che mi succhia il cazzo e che mi guarda negli occhi.

Passò a leccarmi le palle, io le sbattevo con forza il cazzo sul viso e le dicevo:
“Lo vedi eh? lo senti eh? tra poco sarà tutto dentro di te!!”
“Cosa aspetti?”
Gli occhi mi si iniettarono di sangue la misi sul letto e senza pensarci la penetrai:
“Wow, ammetto che ci sai fare! ahh oh, si, ummhh”
“Te l’avevo detto e non hai ancora visto niente!”
andammo avanti così per un bel po, lei era veramente infoiata, aveva un lago!
“Mettiti a pecora, adesso ti mostro la mia specialità!”
“Che cosa hai in mente?”
“Immagina!”
“Vuoi incularmi?!?! ma te sei matto!”
“Non vorrai dirmi che una troia come te non l’ha mai fatto?”
“innanzitutto vaffanculo, e poi si, l’ho fatto ma non con un cazzo così!”
“dai, su, mettiti a pecora!”
la leccai un po per scioglierla e lei lo fece:
“Va bene, fai piano però!”
“ehi, non avevi detto che dovevi spupazzarmi? per il momento lo sto facendo io!”
Iniziai a premere, lei si dimenava:
“No, mmm ahhh”
Entrai e iniziai a incularla lei era in completa estasi:
“ti prego continua, ahh, sii, ah, scopa la tua troia!”
“Sto per venire!”
“No, in bocca, spruzzami in bocca!”
Estrassi la mia spranga e le riversai il mio nettare in bocca, lei prima me la fece vedere e un minuto dopo inghiottì lo sperma e si ripulì la bocca dai fiotti che erano caduti fuori.

Ci addormentammo e il giorno dopo, verso le 7 e mezza, il campanello suonò, alla porta trovai la mia fidanzata:”
“Sorpresa! sono tornata prima sei contento?”
In quel momento usci Cecilia, la mia fidanzata restò impietrita, io le dissi solamente:
“Mi dispiace, te lo avevo detto. “
Lei andò via di corsa e piangendo, io chiusi la porta e mi rimisi sul letto, era stata una nottata impegnativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *