L’aperitovo prima della festa

Finalmente arriva il fatidico Giovedì sera, la serata della festa Trav al privè. Mi eccita trasformarmi lentamente per la serata, ho rispolverato un succinto mini abito in paillette nere, le mie classiche auto reggenti a rete e un sandalo tacco 15, che porta la mia altezza a sfiorare quasi i due metri. Allo specchio finisco gli ultimo dettagli con un trucco particolareggiato, mi osservo compiaciuta. Si! ho raggiunto il mio intento quello di diventare una disinibita e provocante “troia”.

Il traffico delle strade cittadine è ancora in fermento, d’altronde non sono nemmeno le 23, vedere le facce degli altri automobilisti che accostano alla mia auto, quando sono ferma ai semafori è impagabile: coppie che ti osservano incuriosite e anche divertite, uomini che sorridono maliziosi, gruppi di amici che abbassando il finestrino ti fanno le proposte più indecenti fino a mimarti l’atto del pompino….. Ma stasera ho poco tempo da perdere, devo andare alla festa e quindi mi dirigo spedita verso l’autostrada senza dare ascolto a vari inviti, peraltro sempre graditi.

Il tratto Bologna – Altedo è di circa 29 km, non molto a dire il vero, ma sapere che in quella breve tratta sorpasserò diversi camion mi stuzzica la fantasia e cosi, accendo la luce di cortesia nella mia auto e imbocco l’autostrada.
Di camion ne incrocio diversi, ma non accade nulla, peccato volevo fare un poco la scema….. A circa 8 km dall’uscita di Altedo sorpassando l’ennesimo camion ecco che partono tutta una serie di sfanalamenti, lui abbaglia e io rispondo con dei leggeri colpi di freni, è un gioco che mi piace ma che non porterà a nulla, ormai sono prossima all’uscita e in zona non ci sono piazzole per una eventuale sosta.

Mi butto sullo svincolo dell’uscita e con l’occhio allo specchietto vedo che anche il camion ha messo la freccia per uscire. “Oh cazzo!!!! E adesso che faccio?” mi dico tra me e me, “Bè… saranno poi cazzi suoi se pensava di beccare qualcosa da fare e invece gli va buca”.
Al casello armeggio nella borsetta per cercare le monete per il pedaggio e anche per perdere un poco di tempo, nella speranza che il tipo si rassegni o che magari effettivamente anche lui dovesse proprio uscire dall’autostrada.

Invece no! Lui passa col Viacard e poi si ferma ad aspettarmi: “Insistente il tipo – mi dico – vediamo almeno che aspetto ha”.
Riparto e affiancandolo butto lo sguardo a chi mi osserva dal finestrino… Cavolo!!! E’ anche un bel tipo, sui 45 anni , rasato e la faccia tanto maschia, “Merda, merda…… perché stasera? Dove vado adesso?”. Ho la mente (solo la mente???) in subbuglio, la festa adesso è passata in secondo piano, cerco di fare mente locale e un flash….

“La zona Industriale”.
A un km dall’uscita c’è la piccola zona Industriale con diverse strade solitarie, svolto con la macchina e parcheggio subito in uno spiazzo dove possa parcheggiare anche il camion.
In fretta rimetto i sandali ai piedi (meglio guidare con le Nike piuttosto che incastrare il tacco tra acceleratore e frizione) e quando alzo lo sguardo lo vedo vicino al finestrino, non mi ero sbagliata, gran bel toro, possente ma non grasso e senza la classica pancia del camionista.

“Ciao – mi dice- che fai di bello?” e io con un sorriso smagliante: “Vorrei tanto che me lo sbattessi in culo……” mi verrebbe da dire, ma voglio essere più sobria….
“Nulla di particolare, faccio un giretto, a dire il vero sto andando ad una festa”.
Lui mi guarda “Ad una festa? Allora non vieni a farti un giretto sulla mia cabina?”, l’ormone è a mille “Bheeee… potrei anche ritardare un pochino” , prima di invitarmi però vuole essere rassicurato “Ma …lo fai a pagamento?” mi chiede e io “No tesoro, solo se mi piace e con chi mi piace…..” Dopo nemmeno un minuto mi ritrovo nella sua cabina con le sue mani che mi palpano le chiappe “Mhmmmm… davvero bello” mi sussurra con una voce roca, sorridendo allungo le mie mani sul suo pacco…e mi scappa un sospiro si ammirazione per quello che sento sotto la stoffa.

Lo faccio sdraiare sul lettino e inginocchiandomi comincio a slacciargli il jeans per far svettare fuori il suo maestoso cazzo…. “Allora? Ti piacciono i camionisti?” annuisco e guardandolo in faccia comincio a leccargli tutta l’asta comprese le grosse palle, “Ohooo siiiiii gustatelo tutto…, prendilo tutto in bocca”. Non me lo faccio ripetere due volte e lo faccio sparire tra le labbra, lui mi tiene la testa ferma e si muove con il bacino facendomelo sentire tutto in gola “Brava cosi….

ciuccia…. fattela scopare sta gola”.
Le sue parole mi eccitano tantissimo, adoro sentirmi trattata cosi, aumenta il mio grado di eccitazione….. e gratifico di conseguenza il suo cazzo.
“Hai voglia di farti scopare?” mi chiede, “Certo” e dopo avergli messo il profilattico sempre con le mie labbra gli offro tutto il mio culetto: “Dai cosi… mettiti a pecora e sieditici sopra”.
Restare in equilibrio a pecora, sui tacchi e in una cabina di T.

I. R. non è il massimo della facilità e comodità ma comunque riesco a trovare la giusta posizione e a sedermi sopra di lui….. Mhmmmmmm lo sento che lentamente si fa strada, entra completamente e allora comincio a muovermi e a gustarmelo tutto. Le sue mani mi afferrano i fianchi “Ti piace eh? Cazzo se ti piace……senti come ti apri… cosi… scopati da sola… lo sai cosa sei vero?” “ Siii… sono una gran troia….

” Lo incito a fottermi, a farmi sentire sua, gli grido che mi piace farmi prendere cosi che lo voglio sentire porco……
Lui è al settimo cielo, mi tiene ben ferma sbattendolo con vigore, nella cabina si sentono i nostri gemiti e il rumore delle sue palle che mi sbattono contro il culo, è un susseguirsi di colpi, di sberle sulle chiappe, di lingue che si intrecciano e bocche che si cercano sempre più intensamente fino a quando non arriviamo al godimento.

Un esplosione di piacere che ci lascia per qualche attimo senza parole, con il respiro affannato ma decisamente soddisfatti.
Tornata alla mia auto, vedo i risultati sul mio volto, tutto il trucco è da aggiustare…. Armata di pazienza, mentre lui rimette in moto il camion a riparte, comincio un veloce restauro e poi via…. adesso deve cominciare anche la festa!!!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *