Voglia di cose porche. parte 4 – finale

Avevo la mano sinistra ancora impiastricciata dei suoi succhi perciò tirandole giù il vestito per scoprirle il seno le avevo cosparso le mammelle dei suoi umori ed ora ero lì che mi gustavo la consistenza dei suoi capezzoli ed il sapore della figa in un unico assaggio godurioso. Gliele leccavo, le succhiavo, le mordicchiavo e poi le succhiavo ancora in un amplesso frenetico che mi stava mandando in paradiso. O all’inferno se volete, ma stavo godendo troppo di quella dicotomia tra il suo sapore di candido latte e l’uso peccaminoso che riesce a farne.

Io amo questa donna e con lei voglio andare oltre ogni limite.

Sveva sentiva quanto stessi godendo delle sue tette, ed entrambi ora godevamo anche del fatto che ci fosse un terzo, un uomo a godere del nostro piacere, questo dovette mandarla completamente in estasi perché mi afferrò la testa con la mano sinistra e continuava a schiacciarmela contro quelle magnifiche poppe che si ritrova fino a ficcarmele quasi completamente in bocca.

Non ci capimmo più niente, eravamo solo carne e piacere infinito.

Non so se in quegli attimi lei guardasse il nostro voyeur, ho sempre pensato di si, e lo pensai soprattutto in quel momento visto il suo inaspettato gesto, era la prima volta che mi costringeva ad ingoiare le sue porche tette, ma devo dire che non mi dispiacque, anzi mi infoiò ulteriormente. Ripresi un minimo di controllo sul mio corpo ed infilai nuovamente prima tre dita e subito dopo quattro nella sua grondante figa, ma di forza come si fa con le puttane.

Fece un sussulto tale che sobbalzò dalla mia gamba, e a quel punto inarcò la schiena all’indietro appoggiandosi con le spalle al pilastrino del gazebo sotto il quale eravamo e allargò le cosce all’inverosimile. Con questo gesto improvviso mi stappò le mammelle dalla bocca e con la mano penzoloni mi afferrò il cazzo un po’ per reggersi e non cadere ma soprattutto perché ormai aveva un gran bisogno di sentirsi in contatto diretto con quel pezzo di carne che già da un po’ mi esplodeva nei pantaloni.

Stava per sbottonarmeli infatti ma non ci riuscì perché cominciai a rovistarle la figa con un ardore tale che le tolsi la forza di fare qualunque gesto, non potette far altro che abbandonarsi alla lussuria e lasciarsi fare tutto ciò che volevo. A quel punto avevo di nuovo io il controllo della situazione e lo sapevo. Sentii il porco che è in me lacerare i vestiti e venir fuori come Hulk. Alzai lo sguardo e cercai il guardone..
Che delusione! Non aveva nemmeno il cazzo fuori, si stava a mala pena palpando da sopra il pantalone..

Sveva era lì in preda alle mie voglie di cose porche, con gli occhi chiusi e a cosce larghe che mugolava da vera troia, e l’unico spettatore era un voyeur ortodosso a cui bastava guardare.. io volevo di più!
Finii comunque il lavoro iniziato e le misi la figa veramente in subbuglio infilandoci a tratti l’intera mano dentro fino alle nocche, venne come non mai davanti all’omino che si ritrovò davanti una gocciolante brioche slabbrata.

Passato qualche minuto, ci riprendemmo entrambi, salutammo il nostro spettatore e facemmo un giro per il locale. Non so perché ma quell’individuo così imprigionato nella sua perversione ci turbò, all’inizio sembrava quasi dispiacere per quello che poteva essere e non era stato, ma a pensarci bene, ci aveva proprio turbato, ci aveva lasciato paradossalmente una sensazione di sporco. Per carità, nulla contro i voyeur, racconto solo la nostra esperienza, che in quel caso, in quel contesto, poteva essere più aperta e di condivisione, ed invece percepimmo quell’uomo come solo, capace di provare piacere solo se fosse rimasto “solo”, e ciò ci fece sentire sporchi, inanimati, oggetti da non toccare ma da cui trarre solo quel proprio specifico piacere, e non ci piacque affatto.

Non ce lo dicemmo, ma per qualche minuto io e Sveva pensammo di andarcene, non era come ce lo aspettavamo. Infatti eravamo partiti per farci un giro del locale ma vedemmo passare quell’uomo e tornammo immediatamente indietro. Ci venne la botta romantica per cui uscimmo di nuovo fuori a guardare la luna; era bellissima quella sera e ci abbracciamo forte.

Stavamo quasi per andare via quando indicando la capannina etnica dissi a Sveva:
“Ti va di stare un po’ lì e poi andiamo via?”
“Si, va bene” replicò.

Si trattava di una capannina rotonda, semitrasparente perché costruita completamente con quelle cannucce di bambù che si trovano nelle località di mare, ed un tetto conico. Al posto della porta una tendina millefili sempre realizzata con pezzetti del medesimo materiale, di quelle che il venticello delle sere di fine estate sposta e suona soffiandoci attraverso. All’interno solo un lettone a tre piazze in similpelle con ai lati due poltroncine.

Ci piacque.

Dava la sensazione di intimità poiché era chiusa ma allo stesso tempo era intrigante poiché in realtà molto si poteva sentire ed intravedere da fuori. Sveva si stese sul lettone ed io accanto a lei.
Ora era anche più bella, aveva sul viso la paura e l’ingenuità di chi si affida a te perché sa che è in un mondo ancora troppo sconosciuto, ed inoltre il chiarore della luna e quei bambù di sfondo le donavano un’aria troppo particolare.

La fissai dritto negli occhi, la strinsi forte al mio petto e la baciai con amore. Fu un bacio delicato, sentimentale, di quelli che dai alla donna della tua vita e che vorresti non finissero mai. E infatti non finiva più e si andava trasformando; man mano che la mia bocca accarezzava la sua, la sua massaggiava la mia, e ci succhiavamo a vicenda le labbra e le nostre lingue andavano danzando su un immaginario crescendo rossiniano fino ad arrivare al suo apice quando mi ritrovo Sveva a farmi un pompino alla lingua.

Meraviglioso!

La afferro per le spalle, la stringo ancora di più a me, la bacio con ancora più passione e comincio a strusciarmi sulla sua coscia destra per farle sentire il mio cazzo gonfio e ormai dolorante, era così stracolmo di sperma che sarebbe bastato che lei me lo guardasse per farmi eruttare. Lei era lì abbandonata e serena tra le mie braccia, la vidi lasciarsi andare sempre di più con gli occhi chiusi ed allora li chiusi anch’io.

Allo stesso tempo non ce la facevo più, dovevo tirar fuori il cazzo e infilarglielo da qualche parte, e così feci. Abbassata la zip il pisello shittò fuori come la molla di un marchingegno quindi mi accinsi verso di lei strizzandole le tette e affondando ancora di più la mia lingua nella sua bocca. Sveva cominciò allora ad ansimare focosamente, volevo scoparla perciò cercai di scavalcare la sua gamba con la mia lasciando sempre il pene in contatto con la sua pelle, ma mi resi conto che non potevo.

Sveva aveva le cosce serrate e mugolava sempre di più, ma non era solo per le fantasie a cui si era abbandonata, sull’altra coscia, quella lontana da me, c’era una mano ed io l’avevo urtata col ginocchio. Forse era la sua, “ma no non starebbe godendo così tanto” -pensai- perciò ritrassi un po’ il ginocchio ed eccone un’altra, sull’altra coscia, quella su cui mi stavo arrampicando, ed era proprio in mezzo alle mie gambe che accarezzava Sveva ma che io strusciandomi su di lei sfioravo con la cappella.

Ero così eccitato che non riuscivo ad aprire gli occhi, non volevo vedere per paura di venirmene nei calzoni per quanto le mie palle fossero piene.

Più queste mani si muovevano più Sveva gemeva come una puttanella alla prima penetrazione; feci per muovermi ancora quando sentii una terza mano all’altezza del suo polpaccio. Ora era troppo, non potevo continuare a stare con gli occhi chiusi, dovevo vedere, li apro e ci sono due giovani uomini sui 30-35 anni che la stavano accarezzando ovunque con una modalità che conoscevo: la accarezzavano in maniera decisa nel tentativo di allargarle le cosce.

Pochi istanti e decisi, dovevo ritrarre la mia gamba per agevolarli e così feci. Uno di loro si era spinto sotto il vestitino ma non le toccava la figa da sopra, le aveva invece infilato di forza la mano all’inguine tra le cosce serrate nel tentativo di stimolarla da sotto e fargliele aprire, mentre l’altro si prodigava in un massaggio più delicato per tutta la lunghezza delle sue bellissime gambe.

Ero estasiato, guardavo questi due bramosi di avere la mia donna, che senza chiedere nulla si erano infilati nel nostro letto e la stavano toccando ovunque.

Mi girai per guardarla in volto e mi resi conto che era travolta dall’eccitazione, alcuni spasmi alle gambe invece preannunciavano che stava quasi per mollare e lasciarsi sopraffare da quei maschi vogliosi di possederla. Mi immaginai subito disteso supino sul letto, Sveva che mi faceva il pompino migliore di sempre a pecora e quei due a sbatterla con vigore da dietro come piace a lei.

La nostra voglia di cose porche stava trovando soddisfazione ed ancora di più ne avrebbe trovato a breve.

Ma non tutte le ciambelle riescono col buco.

Sveva infatti ebbe un sussulto, spalancò gli occhi improvvisamente, mi abbracciò e mi chiese di mandarli via.
“Avete chiesto il permesso a qualcuno?” -feci a loro con tono minaccioso-
“Ma noi.. veramente.. pensavamo ve ne foste accorti..”
“Ripeto, avete chiesto il permesso a qualcuno?” -incalzai alzando ancora di più il tono-
“No, ci dispiace..”
E andarono via.
“Ora è tutto ok.

Ti sei spaventata?” -le chiesi dolcemente-
“Si un po’ si. Non me lo aspettavo!”
“Però stavi godendo come una monella!”
“Si” e mi sorrise maliziosa e ingenua allo stesso tempo.

Quell’avventura si concluse comunque con un suo magistrale pompino. Glielo chiesi esattamente nella posizione che avevo sognato e col culo rivolta verso la porta:
“Così chiunque si affacci deve poter ammirare la tua figa spalancata!”
“Si ma promettimi che non fai entrare nessuno!”
“Promesso!”
Le inondai la bocca di tutto il seme caldo accumulato durante l’intera serata, e lei fiera svettava il suo culo all’aria come la gran puttanella che è dentro, anche se la sua parte “bambolina svampita” mi ha lasciato con un sogno nel cassetto che spero vorrà presto riaprire!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *