SESSO E POTERE – PARTE 1

OGNI RIFERIMENTO A COSE E PERSONE E’ PURAMENTE CASUALE

Lavoravo ormai da circa 10 mesi presso la ABC S. p. A. , (nome di invenzione), con un contratto a termine di un anno, riuscì ad avere un colloquio con il direttore del personale grazie a Marco, un collega barman con cui lavoravo in giro per i locali notturni di Torino, l’unica cosa che ero riuscita a trovare dopo il fallimento della precedente impresa per cui lavoravo come vicedirettore marketing.

Fù un importante novità soprattutto perché riuscii ad abbandonare quel mondo notturno che per un po’ mi aveva divertita ma che col tempo rischiava di far vacillare il mio rapporto con Giulio con cui convivevo ormai da 8 anni.
Giulio lavorava presso un’impresa immobiliare, gente che costruisce edifici residenziali con la stessa frequenza con cui io mi cambio i calzini, fu proprio grazie al suo lavoro che si prospettò la possibilità di acquistare un immobile ad un prezzo decisamente interessante, la Direzione della sua impresa aveva infatti deciso di liberarsi di un numero di alloggi ormai da tempo invenduti e che erano diventati fonte di perdite economiche a causa dei relativi costi di gestione.

L’unico problema era la mia precaria posizione lavorativa; la Direzione non si era ancora espressa in merito ad una mia eventuale conferma di impiego e la banca chiedeva garanzie per la concessione di un mutuo.
Giulio mi consigliò di parlarne con la Direzione della mia Azienda, chiedendogli eventualmente garanzie scritte sul rinnovo che avrei potuto presentare in banca, ne parlai allora con il Direttore del personale e, conoscendo il debole che provava per me, ebbi cura di presentarmi addobbata da vera troia al fine di persuaderlo con ogni arma a darmi un posto di lavoro fisso … sarei stata disposta a farmi violentare pur di raggiungere il mio scopo … chi l’avrebbe mai detto: io … Barbara … 35 anni … una laurea in economia ed un corpo da pornostar.

Indossai un tailleur dalla gonna estremamente generosa dalla quale si intravedeva il pizzo delle auto-reggenti nere, tacco 12, una giacca con al disotto un camicetta dei quali lasciai sbottonati i primi tre bottoni che rendevano giustizia alla mia quarta di seno, (opera d’arte del chirurgo e mio personale regalo di laurea); non dimenticai un intimo accattivante con tanto di brasiliano, (del resto ve l’ho detto che ero disposta a tutto).
Mi presentai all’incontro prefissato precedentemente con il Dott.

Marelli, (così si chiamava il direttore del personale), alle 17. 00 in punto, proprio mentre i miei colleghi timbravano il cartellino per tornare a casa; il dottore mi ricevette da subito con aria arrogante, tipica di chi ha avuto una pessima giornata e non ha voglia di affrontare ulteriori rotture di shitole.
“Buongiorno Signorina, si metta a sedere, allora … di cosa voleva parlarmi?”
Mi sedetti sulla sedia sistemata di fronte la sua scrivania, notando il suo malumore ebbi cura di sfoderare il mio sorriso ed accavallare le gambe in modo che il suo sguardo ricadesse sulle mie generosità.

“Buongiorno Direttore, innanzitutto la ringrazio per avermi ricevuto, il motivo per il quale ho chiesto di incontrarla è che a breve il mio contratto di lavoro scadrà e volevo conoscere le intenzioni dell’azienda in merito ad un eventuale rinnovo a tempo indeterminato, inoltre con il mio compagno avremmo in programma di acquistare un alloggio e la banca non ci concederebbe il mutuo senza la garanzia di una seconda entrata fissa in famiglia, dovremmo prendere una decisione e mi chiedevo se poteva anticiparmi qualcosa”
“E così lei ha un compagno? Avrei giurato che fosse single”
Pensai fra me e me che una risposta del genere era sintomo che al Dott.

Marelli non fregasse assolutamente nulla di quali fossero le mie funzioni lavorative, e che l’avergli detto di essere impegnata non doveva essere un terreno fertile per eventuali favoritismi … dovevo rimediare, dovevo fare qualcosa per rimettere la situazione in gioco da subito.
“bè si Dottore, spero che questo non sia un ostacolo per la mia riconferma, sono una donna libera ed emancipata, la mia carriera professionale così come tutto il resto riguardi la mia persona è solo affar mio e la mia situazione sentimentale non mi è di ostacolo … IN ALCUN MODO!”
Così facendo accavallai nuovamente le cosce cambiando la gamba di appoggio e guardandolo con un sorriso tanto malizioso che più che un sorriso assomigliava ad un pompino.

Lui mi guardò con freddezza, sembrava che il mio atteggiamento non lo toccasse per niente, tanto che incominciai a pensare che mi fossi sbagliata in tutti quei mesi e che in realtà non provasse alcun interesse per me … magari gli piacevano gli uomini, ma allora perché tutte quelle occhiate, tutto quel tempo ad osservarmi ed a spogliarmi con gli occhi?
“Signorina ascolti, lei è una donna adulta ed io anche, facciamo che ci parliamo in modo diretto e lasciamo da parte i convenevoli, Io di puttanelle pronte a farsi scopare per ottenere la mia firma su di un contratto ne ho incontrate a decine durante la mia vita; la verità è che le servirà molto di più di una sfuggevole scopata, le mie funzioni come responsabile del personale all’interno di questa azienda si limitano al controllo del comportamento dei dipendenti ed al dare una valutazione di fine anno sull’operato degli stessi, chi stabilisce le nuove assunzioni o le eventuali riconferme è la presidenza della Holding di cui facciamo parte, nella figura della Dottoressa Bonanni”.

La Dottoressa Bonanni era la vedova quaranticinquenne di un ricco industriale Torinese, L’ing. Fantini, Lei lo aveva portato via alla prima moglie e dopo appena cinque anni dal matrimonio il Fantini era mancato lasciandole in eredità un patrimonio miliardario tra attività industriali e immobili; il gruppo di cui era presidente e proprietaria si districava in mille diverse attività, supermercati, cliniche mediche private, locali notturni, ecc. si diceva addirittura che avesse una società in svizzera che gestiva dei bordelli per gente dell’alta società … ma questa era più che altro una leggenda metropolitana.

Quel che sapevo di Lei lo avevo letto sui giornali, la Dottoressa era uno dei personaggi di spicco della società torinese, aveva fama di essere una grandissima stronza, di quelle donne che considerano i propri simili dei sottomessi a cui è concesso solo di obbedire, personalmente la incrociai una sola volta in occasione di un summit che ebbe luogo presso i nostri uffici, ricordo che i nostri sguardi si incrociarono e lei mi guardò come si osserva un a****le allo zoo.

In ogni caso rimasi dubbiosa su quanto avevo sentito, una multimiliardaria che stabiliva personalmente le assunzione dei dipendenti, di solito sono i manager a svolgere queste funzioni, fatto sta che mi indispettii non poco anche solo perché alla luce di quanto avevano sentito le mie orecchie stavo parlando con la persona sbagliata, con un misero portaborse che non contava niente. Non riuscivo a capire questo stronzo dove volesse andare a parare, mi aveva appena dato della puttana, ridicolizzandomi e facendomi capire che ero venuta a bussare alla “patta” sbagliata, andai su tutte le furie e gli tuonai contro:
“Quindi mi faccia capire … anzi facciamo che ti do del tu visto che sei un mezzo direttore … con chi cazzo devo parlare per capire cosa succederà fra due mesi, con te, con la segreteria della Bonanni o …”
Il direttore accennò un sorriso beffardo e con un cenno della mano mi invitò a calmarmi, dopo di chè si alzo dalla sua poltrona, si posizionò dietro di me, mi mise le mani sulle spalle ed avvicinando la sua bocca al mio orecchio mi bisbigliò:
“Signorina, forse non sono stato sufficientemente chiaro, il mio ero una tentativo per farle capire che al di là di cosa scriverò sulla sua scheda, lei non avrà la certezza della riconferma previa approvazione della Direzione di Divisione, ma non sono stato del tutto sincero con Lei, io e la Bonanni siamo in stretti rapporti di collaborazione, abbiamo anche degli interessi economici in comune che non vanno al di fuori delle attività del gruppo, il concetto è che vorrei che Lei capisse che quanto le capiterà stasera sarò solo un piccolo passo che le servirà a raggiungere l’obiettivo che si è prefissata”
“e cosa dovrebbe capitarmi stasera?”
A questa mia ultima domanda il direttore si spostò piazzandosi di fronte a me ancora seduta al mio posto, mi tirò su in piedi tirandomi dal bavero della camicetta, e senza che quasi me ne accorgessi me la strappò facendo saltare tutti i bottoni … il movimento brusco fece sì che un seno fuoriuscisse dal mio balconcino, se ne impossessò stringendolo fortemente con una mano e mi infilo la lingua in bocca, la mia eccitazione incominciò a salire, ho sempre amato essere presa con irruenza e non nascondo che scopare con un estraneo è una cosa che mi ha sempre intrigato.

In pochi attimi potei sentire il suo membro che pulsava contro il mio corpo, fino a quando lui stesso prese la mia mano e se la piazzò sul cazzo; non potevo crederci, era di dimensioni mostruose, almeno da quello che percepivo al tatto, mi staccai dalla sua bocca perché sentii la necessità di accertarmi con gli occhi di quelle dimensioni e trovai conferma alle mie sensazioni, sbarrai gli occhi e spalancai la bocca come se avessi avuto una visione, il porco se ne accorse e slacciandosi i pantaloni mise in mostra un cazzo di 25 cm di un diametro abnorme, tanto che quasi mi sentii in pericolo per la mia incolumità.

Mi spinse con un gesto secco ad inginocchiarmi a quel punto incominciai a sentire l’odore del suo sesso e persi la testa, mi fiondai su quel cazzo come fosse l’ultima goccia d’acqua nel deserto, riuscivo a malapena a prendergli la cappella tanto che era grossa, aveva un gusto forte quasi quanto l’odore che emanava, mentre lo succhiavo riuscivo a segarlo con due mani con un movimento perfettamente coordinato con il lavoro di bocca, potevo sentire sotto la lingua la forma delle venature e la consistenza della sua erezione.

Non passò molto che sentii il bisogno impellente di sentirlo dentro di me, mi alzai di shitto e spinsi il porco a sdraiarsi di schiena sulla scrivania dietro di lui, feci scivolare la gonna e mi liberai di tutto il resto rimanendo in perizoma reggiseno e tacchi, balzai sulla scrivania e mi posizionai con la fica in direzione del suo membro, lo impugnai con una mano e lo indirizzai dentro di me e nel contempo con l’altro mano scostai il lembo del mio perizoma.

Mentre scendevo per godere di tutti i centimetri a mia disposizione sentivo aprire le mie viscere sempre di più, non una sensazione di dolore ma sicuramente una pienezza fuori dal normale … me lo sentivo in gola … come se non bastasse il porco sotto di me incomincio a spingere con il bacino fino ad infilare il suo cazzo per intero dentro di me, ebbi il mio primo orgasmo ancor prima che lui incominciasse a scoparmi seriamente.

Lui si accorse della mia esplosione di piacere e la cosa ebbe lo stesso effetto che una mantella rossa suscita in un toro all’interno di un’arena.
Incominciò ad infliggermi colpi sempre più duri e sempre più “completi”, nel senso in cui permetteva al suo cazzo di entrare ed uscire totalmente e sempre più velocemente dalla mia figa, ad ogni colpo potevo risentire tutta la sua lunghezza invadermi e squassarmi; andò avanti per una decina di minuti fino a che mi fece alzare ed inginocchiare nuovamente sul pavimento dell’ufficio e m privò del mio reggiseno, a quel punto me lo piazzò in mezzo le tette, io da brava puttana incominciai una spagnola da manuale e vista la lunghezza riuscivo a succhiargli la punta dell’uccello.

Non passò molto che mi avvertì che stava per raggiungere l’orgasmo, al che, continuando a dargli piacere con il mio seno, lo guardai abbozzando un sorriso dove però la mia lingua continuava a fare il suo mestiere, gli feci capire che ero pronta a cibarmi del suo seme … in men che non si dica ricevetti un fiume di crema bianca e calda, buona parte la ingoiai il resto la feci scivolare dalla mia bocca e cadere sul mio seno cospargendomela poi su tutto il corpo.

Il direttore si accasciò nuovamente di schiena sulla scrivania mentre io cominciai a ricompormi, lui mi guardava, ero completamente ricoperta di sperma e a tratti ne raccoglievo un po’ con l’indice per portarmelo poi alla bocca, nel mentre lo guardavo con l’aria di chi ne avrebbe presa volentieri ancora.
Una volta rivestiti entrambi ci riaccodammo alla scrivania dove tutto era in disordine e portammo avanti il discorso interrotto:
“allora Dottore, a questo punto mi sembra da parte mia lecito chiederLe in cosa consiste il prossimo passo, sempre ammesso che Lei consideri superata questa prima fase”
Lui mi guardò decisamente in maniera più rilassata rispetto al momento in cui ero entrata nel suo ufficio e sorridendomi mi rispose:
“domani mattina alle ore 11:00 dovrà presentarsi presso la segreteria della Direzione generale, credo che l’indirizzo lo conosca, parlerà con un assistente della Dottoressa Bonanni, l’ufficio di competenza è gia in possesso della sua scheda di valutazione da me redatta, le consiglio di presentarsi piena di buoni propositi, per l’abbigliamento ho accertato di persona che Lei non ha bisogno di consigli ma mi sembra corretto avvertirla che in quegli ambienti è molto apprezzata la forma … dimenticavo: queste sono le chiavi del mio appartamento, l’indirizzo è scritto su questo post-it, finito il colloquio aspetterà che la raggiunga, dica a Giulio che non rientrerà per la notte!
… continua ….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *