Scoperta dal fidanzato

Sono una vera troia ma, in più, mi piace molto scopare con gli a****li. Sono sempre stata fidanzata ma questa mia perversione è stata, ed è ancora, il mio vero momento intimo. Godo in una maniera incredibile quando scopo con gli a****li. Mi piace molto farmi scopare dai cani di diversa taglia,ma questa mia indole è sempre stata nascosta agli occhi del mio fidanzato. Con lui ho un rapporto bellissimo,intesa sessuale alle stelle soprattutto grazie al fatto che è ben dotato ed ha una certa esperienza, visto che è più grande di me di dodici anni.

Anche lui ama gli a****li,infatti è sempre contento quando devo ospitare i cani di amici a casa per qualche giorno…. ma fino a gennaio scorso non avrebbe mai immaginato cosa fossi capace di fare con queste bestie. Era un weekend d’inverno molto freddo, subito dopo capodanno e la mia amica mi lasciò in custodia il suo bellissimo cane da caccia stile bracco,ma più esile…eppure l’apparenza inganna. Ero a casa da sola e sapendo che il mio lui sarebbe tornato dopo pranzo dal lavoro ho colto l’occasione per testare questo mio nuovo amico peloso.

Mi ero tenuta addosso solo un tanga molto stringato e mi misi a giocare col cane sul tappeto in salotto; inizialmente pensavo a far riconoscere il mio odore naturale a Brutus perché era la prima volta che lo tenevo a casa. E’ un cane abbastanza iperattivo,agitato,quasi incontrollabile anche nel gioco…mi saltava addosso per prendermi dalle mani la pallina che gli lanciavo, dopo un po’ di tira e molla per la palla gliela lasciai e mentre era sdraiato, intento a mordicchiarla, mi misi dietro di lui.

Le mie mani gli percorrevano tutti i fianchi con carezze e massaggi che arrivarono fin sotto il ventre,lui non si curava di me e continuava a farsi i fatti suoi,ma mi accorsi che era già uscita la puntina del pene dalla guaina…. era il momento di fare la cagna in calore. Con forza lo rigirai sulla schiena e lo bloccai col mio peso per farlo stare fermo,mi soffermavo ad accarezzargli le palle e la guaina pelosa, finché il pene non fosse uscito di più.

Brutus apprezzava quel massaggio erotico e dopo un po’ di divincolamenti si calmò e mi lasciò fare…. cosi mi spostai e con le tette mi strusciavo sul suo cazzo ormai fuori, mi sentivo già fradicia quindi mi misi a cavalcioni e iniziai a masturbarmi strusciando la figa sul suo pelo morbido…. certe volte sentivo la punta del pene toccarmi ed entrare di poco nella fessura,ma il mio movimento era troppo veloce e scoordinato perché entrasse del tutto….

venni in poco tempo e grondante del mio sperma gli misi la figa sopra il muso. Subito iniziò ad annusarla e a leccarmi gli umori che gli gocciolavano in bocca. Le leccate erano profonde,arrivavano a lubrificarmi il buco del culo e provai un piacere immenso. mi girai come per una 69 e iniziai a ricambiare il favore leccandogli il pene. si ingrossava sempre di più,si vedevano le venature bianche e così mentre brutus continuava a slapparmi la fica ormai spalancata spompinai quel bel pezzo di carne.

del liquido mi schizzava in faccia ma continuavo,quando sento chiudere la porta d’ingresso e fa capolino il mio fidanzato. mitolsi subito dalla posizione per non farmi scoprire in quello stato,ma ormai era troppo tardi…avevo lo sperma di brutus in faccia e la fica sbrodolante. era impietrito da quella visione,non sapeva cosa dire,ne cosa fare…. brutus intanto si era alzato per salutarlo,ma non lo degnò di uno sguardo. i suoi occhi erano puntati su di me suduta per terra con solo un tanga fradicio dei miei umori….

nell’aria ne si poteva sentire l’odore forte. mi si avvicinò e io tremante rimasi per terra distogliendo lo sguardo dal suo,mi diede uno schiaffo in faccia,ma questo era il male minore per me. ero stata scoperta dal mio fidanzato…..
-scusami amore io…
-ma che scuse?!?io torno prima dal lavoro e ti trovo a fare la puttana…assurdo!ma la cosa più assurda è il cane…
-non ho scuse,ma….
non avevo le parole per spiegare la situazione così mi alzai per cercare un contatto con lui…
-no!!mollami e tornatene per terra come una cagna..
mi spinse a terra con forza e mi bloccò i polsi…mi urlava in faccia cose irripetibili,mi vergognavo tantissimo ma non potevo fare nulla.

dopo lo sfogo mi sfiorò la fica con le dita…
-senti quà…sei proprio una cagna sudicia!!
e si annusò le dita umide.
brutus sentita tutta quella confusione era diventato ancora più agitato,ma nell’aria c’era sempre il mio odore di fica che lo eccitava e cercava di intromettersi tra me e il mio fidanzato che era sopra di me per bloccarmi.
a quel punto il suo sguardo era cambiato…non era pieno di ira,ma di furia mista a perversione.

mi infilò tre dita nella figa con forza e le spinse fino in fondo..
-è così che t piace cagna??vediamo quello che ti fai fare da sto a****le…
prese brutus per il collare e me lo spinse sopra..subito iniziò a leccarmi la figa,io non riuscivo a controllare gli spasmi di piacere,ma tenevo gli occhi chiusi dalla vergogna. cercavo di contenere i mugolii di piacere,ma era stupendo….
lui mi guardava esterrefatto e si capiva che lo spettacolo gli piaceva molto,la sua eccitazione era ben visibile sotto il vestito da lavoro.

-girati e mettiti a quattro zampe!!
ubbidii senza dire niente e mentre brutus continuava a darmi piacere con la sua grossa lingua il mio lui si calò i pantaloni davanti a me. sapevo cosa voleva e orami arrendevole glielo presi in bocca…la situazione era decisamente cambiata.
mi obbligò premendomi la testa a lui di ingoiarlo tutto fino in fondo…soffocavo,ma non avevo scampo alla sua presa. aveva il cazzo enorme pulsante che spingeva con decisione dentro la mia bocca…improvvisamente si blocca e torna al cane.

-allora ti fai anche montare da lui??
-no non ho mai provato…
ed effettivamente con lui non era mai successo nulla.
-ok…. ora lo proverai.
iniziò a menargli il cazzo e quando tornò tutto fuori lo diresse verso il mio culo..
-dai bello montati sta cagna in calore…è pronta!!
brutus ormai eccitatissimo mi prese come in una morsa per i fianchi e cercò in tutti i modi di infilarsi dentro di me…
sentivo il suo pene caldo e viscido strusciare tra le labbra e tra le chiappe…
-ti aiuto io bello!!
glielo prese di nuovo in mano e con un colpo secco lo spinse dentro,brutus capì che era fatta.

si dimenava come un selvaggio con una forza indescrivibile…urlavo dal dolore per le spinte che arrivavano contro l’utero. lui lo incitava e nel mentre si masturbava godendosi la scena..non ce la facevo più mi sentivo sfondata,ma mi piaceva…mi sentivo ancora più troia davanti al mio fidanzato.
gemetti come una cagna…sentivo il nodo gonfiarsi all’interno e dopo poco brutus mi riempii della sua sborra bollente. eropiena,la sentivo riempirmi e colare fuori sulle gambe.

anche lui stava per venire,ma voleva che fossi io a farlo…me lo rimise in bocca e selvaggiamente mi scopò in bocca. urlava dal piacere emetteva versi e grugniti che prima non aveva mai fatto…e venne…
avevo la bocca e la figa piena di sborra…ingoiai e aspettavo solo che brutus si staccasse. finalmente uscì e mi leccò fino a farmi gridare dal piacere…godevo tantissimo sotto lo sguardo del mio fidanzato e venni…mi sentivo svenire e mi lasciai cadere sul tappeto.

lui si distese di fianco a me tenendo brutus a bada per il collare…
-se me lo avessi detto prima ci saremmo divertiti insieme..non ti è piaciuto??
-si amore…ora hai scoperto la mia passione e voglio condividerla con te.

Come diamanti nel fango
di antonio andrea fusco e altri
Collegamento:.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *