Nicola – Capitolo uno

Capitolo uno

Nicola era il ragazzo più carino su cui avessi mai posato gli occhi. Aveva scintillanti occhi grigio-verdi, capelli biondo scuro che gli solleticavano la nuca e si arricciavano giù sulle sopracciglia. Aveva un sorriso che faceva fondere il cuore. Era uno degli otto ragazzi affidati a me per le due settimane al campo estivo ed era anche il più quieto e timido. Mentre gli altri ragazzi giocavano giochi rudi, Nic stava seduto a gridare incoraggiamenti e ridere rumorosamente mentre gli altri si battevano, ma rifiutando sempre gli inviti ad unirsi a loro.

Comunque era piuttosto intelligente e creativo e gli piacevano i giochi meno attivi che proponevo. Era anche molto gentile contrariamente alla mia idea che tutti i ragazzi sono poco più che marmocchi viziati. Ed il fatto che sembrava avere simpatia per me non peggiorava certamente le cose.

Il problema era che anche se avevo l’idea di essere come un fratello maggiore per Nic, cominciavo anche ad avere pensieri che probabilmente non erano adatti ad un monitore.

Avevo 18 anni e forse inconsapevolmente gay, non ero mai stato interessato ai ragazzi, anche perché mi dicevo che non era possibile lavorarci in un campo estivo, ma c’era qualche cosa in Nic che mi avrebbe coinvolto prima o poi. E più lo guardavo, lo pensavo e lo desideravo, più mi impaurivo: voglio dire che se qualcuno avesse scoperto che ero attirato da un ragazzo, probabilmente sarei finito in prigione per il resto della mia vita.

Quindi potete comprendere come mi sentivo nei suoi confronti e mi trovai ad agire con lui in maniera differente che con gli altri: non mettendo un braccio intorno alle sue spalle quando andavamo alla colazione la mattina, o dandogli un pugno allegro quando diceva qualche cosa di sciocco. Continuavo a pensare al dilemma orribile che stavo affrontando: cedere ai miei desideri e correre il rischio di distruggere il resto della mia vita o tentare di mettere della distanza tra me e quel ragazzo che ammiravo sempre più e che gradualmente mi stava conquistando il cuore.

Le cose raggiunsero l’apice improvvisamente nel primo pomeriggio di venerdì. Si stava avvicinando l’ora di libertà per i ragazzi ed io ero seduto ai piedi della grande quercia vicino al lago dove facevamo canoa ed avevo finito con i ragazzi del mio gruppo. Avevo della roba da mettere nella mia cabina prima che cominciasse l’ora seguente, così mi alzai, mi stirai e poi mi diressi verso la cabina. Quando arrivai lanciai il mio blocco per appunti sul letto avendo un’urgente necessità di pisciare.

Lasciai la cabina ed andai verso i bagni, abbassai la zip della patta, intanto non c’era nessuno intorno. Spinsi la porta aprendola e sentii un botto come se rimbalzasse contro il muro, gettai uno sguardo nel locale e i miei occhi videro una forma nell’angolo. Era un ragazzo. Un ragazzo nudo. Nicola.
Dovetti averlo spaventato molto perché per molti secondi rimase fermo, fissandomi con la bocca aperta ed un’espressione di orrore puro e semplice sul viso.

Da parte mia io ero spaventato nel vederlo nudo come lui lo era di vedermi. Evidentemente era entrato dopo aver nuotato in piscina pensando di togliersi il costume da bagno e mettersi i vestiti prima che gli altri ragazzi ritornassero, evitando l’imbarazzo di doversi spogliare di fronte a loro. Chiaramente l’avevo sorpreso nel momento in cui si era tolto gli Speedo e stava tirandosi su le sue brillanti mutande blu.
Quando il mio shock cominciò ad affievolirsi e cominciai a vedere le implicazioni di quello che stavo vedendo, mi sentii praticamente come se il cuore mi uscisse dal petto ed il mio pene immediatamente divenne duro come pietra, i miei occhi scesero al centro della sua fanciullezza.

Era la prima volta in vita mia che vedevo un altro pene ed i miei occhi ci si incollarono sopra. Era corto e tozzo, circonciso e pendente pigramente sui due testicoli nel suo scroto stretto. Alcuni peli pubici biondo scuro, corti e ricci erano annidati intorno alla base del suo pene, ma l’asta sembrava completamente liscia come lo scroto. Compresi anche che la pelle più chiara era quella che era stata sempre nascosta dietro agli Speedo, a confronto del resto del corpo abbronzato.

Era una vista che affascinava e che ricorderò finché vivo.
Nicola si riprese e tentò rapidamente di girarsi per nascondermi le sue parti private. Ma mentre si stava tirando su le mutande, con una gamba piegata ed un piede in aria, mentre cercava di appoggiare il piede, perse l’equilibrio. Emise un breve grido mentre crollava indietro sul pavimento, tolse le mani della mutande in un tentativo disperato di attutire la caduta. La mutande finirono alle caviglie e lui colpì il pavimento freddo del bagno con un tonfo, contemporaneamente un flebile lamento sfuggì dalle sue labbra.

Dimenticando immediatamente le necessità della mia vescica e l’estasi pura e semplice che mi aveva investito, mi affrettai verso Nicola e mi lasciai cadere accanto a lui.
“Tutto ok, ragazzo?” Gli chiesi ansiosamente mentre lo guardavo per verificare che non avesse danni. Aveva gli occhi chiusi, senza dubbio stava aspettando che il dolore diminuisse. Mi aspettavo che scoppiasse in lacrime conoscendo la sua timidezza e sensibilità, ma non lo fece. Invece si sforzò di aprire gli occhi e disse piano: “Sì, tutto ok.

” Guardò me, poi abbassò lo sguardo sul suo corpo ed immediatamente le sue guance diventarono rosse ricordandomi che era nudo davanti a me. Abbassò le mani a coprirsi i genitali, anche se era troppo tardi.
Io tornai a guardare il suo inguine mentre ancora una volta eccitazione e trepidazione cominciavano a prendermi. Quasi senza pensarci gli afferrai il polso e glielo tirai delicatamente via dall’inguine.
“Ehi, Nic. ” Dissi con calma: “Non devi essere imbarazzato, sai.

Tutti i ragazzi ne hanno uno. ” Lui tornò a guardarmi, l’espressione imbarazzata sul suo viso gradualmente passò alla curiosità.
“Sì, lo so. ” Disse esitante.
“Ehi, ti sentiresti meglio se ti facessi vedere il mio?” Dissi in un soffio senza rendermi completamente conto delle implicazioni di quello che avevo detto, finché non l’ebbi detto e comprendendo solamente poi che avevo raggiunto un punto di non ritorno. La vista di Nicola nudo era stato un incidente, ma ora stavo offrendo intenzionalmente di mostrarmi a lui.

Cominciai improvvisamente a sudare di paura. Se lui avesse deciso che stavo andando troppo oltre…
Ma no, lui non disse niente e si limitò a guardarmi con curiosità negli occhi prima di abbassarli alla mia patta aperta.
Mi ci volle qualche secondo prima di comprendere che non era scappato, non aveva gridato ed aveva accettato la mia offerta. Quindi con mani tremanti e con difficoltà dato che ero ancora seduto, tirai il mio pene completamente eretto attraverso la patta.

Vidi divertito come i suoi occhi si allargarono alla vista della mia l’erezione di 16 centimetri.
“Wow!” E batté per un attimo le ciglia, guardandomi, come se volesse sincerarsi di quello che vedeva. “Posso toccarlo?” Chiese. Io accennai col capo, lui protese una mano e cautamente chiuse le dita intorno alla mia asta pulsante. Era la prima volta qualcun altro toccava il mio pene, era una cosa strana e piacevole allo stesso tempo.

“Wow!” Disse di nuovo mentre faceva scivolare la mano su e giù esitante sulla mia asta. “È così duro!”
Il suo commento mi fece gettare uno sguardo al suo pene e fui sorpreso nel vedere che era completamente eretto. Il suo uccello era cresciuto a circa 10 centimetri e puntava rigidamente verso il suo mento. Sapendo che ero ‘fiorito’ solamente a 14 anni, non avevo pensato che a qualcuno potesse accadere prima, quindi fu una sorpresa piacevole vederlo eretto e, immaginai, pronto all’azione.

“È piuttosto duro. ” Gli dissi.
Lui si guardò i genitali, poi fece un piccolo sorriso imbarazzato e disse: “Sì, credo di sì. ” prima di riportare la sua attenzione al mio pene. Smise di far scivolare la mano su e giù e lo strinse delicatamente un paio di volte, facendomi gemere di piacere e facendo diventare il mio pene ancora più duro. Lui ne era completamente affascinato e lo stava fissando come fosse un oggetto completamente estraneo ed in qualche modo lo era.

Poi cominciò a strofinare delicatamente il pollice sulla testa sensibile e sulla fenditura, io sentii che le miei ginocchia cominciavano a cedere. Questo ragazzo, questo bel ragazzino con scintillanti occhi grigio-verdi e capelli biondi, dal corpo liscio e flessibile, quel ragazzo timido ma con personalità, quello su cui fantasticavo da giorni ma che non avevo mai immaginato seriamente che potesse fare qualche cosa come quello che stava facendo, mi stava facendo una sega! Stava facendo nientemeno che un miracolo sul mio cazzo! Io ero in paradiso ed avrei voluto che non finisse mai.

Mentre stavo godendo del piacere che il suo semplice ed inesperto tocco mi stava causando, decisi era giusto rendergli il favore. Quindi senza chiedere il suo permesso, senza dire niente, portai una mano al suo inguine, l’area che lui aveva cercato così disperatamente di nascondermi solo pochi minuti prima, e chiusi la mano intorno al suo piccolo, rigido pene. Tutto il suo corpo si scosse a quell’intrusione intima, ma rimase silenzioso e non fece niente per fermarmi.

Come lui aveva fatto a me, carezzai lentamente la sua asta ed un basso lamento sfuggì dalle sue labbra. Poi io lo strinsi delicatamente alcune volte, facendolo tremare. Mi piaceva il suo pene morbido e liscio contro il palmo della mia mano. Strofinai il pollice sulla cappella, lui inspirò con forza, era un’indicazione del piacere puro e semplice che questo comportava.
“Ti piace?” Mormorai guardando profondamente nei suoi occhi.
“Mmm…” Rispose con un sorriso.

“È magnifico. Non immaginavo che ci fosse qualche cosa di così piacevole. ”
All’improvviso lui guardò di nuovo il mio pene. Io feci lo stesso e notai che del liquido pre seminale stava colando dalla mia fessura.
“Quello cos’è?” Chiese tornando a guardarmi.
“Si chiama liquido pre seminale. ” Gli dissi, poi mi fermai, incerto su cosa d’altro dire dato che non avevo mai discusso qualche cosa del genere con qualcuno, e men che meno con un ragazzo così giovane! Ci pensai per qualche secondo, poi dissi: “Esce dal pene di un ragazzo quando lui è molto eccitato.


“Eccitato?” Chiese.
“Sessualmente eccitato. ” Spiegai, mentre mi chiedevo perché stavo trasformando questa magnifica esplorazione della nostra sessualità in una lezione di biologia emotivamente fredda. “Quando un ragazzo è pronto per fare sesso, questo liquido esce per rendere più facile alla sborra, voglio dire, allo sperma, di uscire. ” Io stavo cominciando ad agitarmi ed il calore sessuale si stava trasformando rapidamente in ghiaccio.
“Lo sperma?” Chiese. Il piccolo sciocco ora sembrò più interessato nell’imparare come funzionava il sesso più che l’atto stesso!
Pensai rapidamente ad un modo per salvare quella situazione e rivolgerla di nuovo dalla lezione all’atto.

Volevo disperatamente riaccendere quella fiamma che era divampata, ma capivo che stavo perdendola ad ogni secondo che passava.
“Non fare caso a quello che ho detto!” Dissi forse un po’ più duramente di quanto avessi voluto.
“Ma cos’è?” Chiese innocentemente Nic.
“Dimenticalo!” Gli abbaiai contro improvvisamente ed immediatamente desiderai di non averlo fatto. Gli occhi di Nic si allargarono immediatamente al mio scoppio improvviso, poi guardò via, ed io mi sentii improvvisamente molto sciocco ed imbarazzato.

Lui doveva sentire lo stesso, perché la sua mano ritornò ancora una volta a coprire il suo inguine alla mia vista, ed io capii di averlo perso. Tossii stupidamente poi rimisi il mio uccello ora flaccido nei miei pantaloni.
“Um, sarà meglio che tu ti vesta…” Mormorai alzandomi.
“Ok,” Mormorò lui cercando anche di tirarsi su in fretta le mutande, riuscendoci questa volta.
Pensai che ormai tutto era finito, avevo avuto la mia opportunità e l’avevo mancata.

E Nic probabilmente ora mi odiava.
Ripensandoci probabilmente fu meglio che avessimo interrotto il nostro piccolo incontro sessuale perché Nic si era rimesso da poco i pantaloni quando gli altri 7 ragazzi nel mio gruppo entrarono grondanti nel bagno per cambiare i costumi da bagno. Mi ignorarono completamente mentre si spogliavano e penso che in altre circostanze, senza i miei crescenti sentimenti per Nic, è probabile che mi sarei eccitato leggermente. Ma non diedi a tutti nulla più di un sguardo superficiale e, con una triste occhiata finale a Nicola, lasciai la stanza.

I commenti come sempre sono benvenutì.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *