Jotaro, il mio amore giapponese – Capitolo 5

Capitolo Cinque: Estate di dolore ed amore

La nostra estate era andata bene fino al giorno in cui mio nonno non morì. Era una cosa molto dura per me da affrontare e Jotaro faceva quello che poteva per confortarmi. Mio nonno ed io eravamo molto intimi. Lui mi capiva e anche se non me lo aveva mai detto, sapevo che lui sapeva di Jotaro e me. Aveva accolto gentilmente Jotaro nel suo piccolo appartamento quando era venuto a vivere nella mia città.

Io andavo a trovarlo due o tre volte alla settimana. Mio Nonno era saggio ed aveva sempre un buon consiglio. Un giorno mi aveva detto che il miglior modo di scoprire il carattere di una persona è vedere quanti amici ha e che genere di persone sono. Mio nonno faceva spesso un giro nel complesso di appartamenti dove viveva e tutti lo conoscevano.
Lui riparava di tutto per la gente e li ascoltava quando avevano bisogno di qualcuno con cui parlare.

I ragazzi che vivevano là lo amavano. Mio nonno aveva certamente lasciato un buon ricordo in molte persone. Non lo compresi fino al giorno del funerale. C’erano moltissime persone quel giorno. Io non mi ricordo molto, ma mi ricordo le braccia di Jotaro intorno a me per tutto il tempo. Io non ricordo che parole che disse, ma mi ricordo che mi fu vicino e questo mi permise di andare avanti. Sono passati diciassette anni ed il dolore c’è ancora.

Quella fu la mia prima esperienza di perdere qualcuno che ami. Ora so che è una parte della vita, ma fa schifo.

Le cose migliorarono lentamente alcune settimane più tardi. Mia mamma smise di essere così emotiva (Mio nonno era suo padre) e ritornò a lavorare. Mio papà e le mie due sorelle ritornarono al loro lavoro. Io cominciai a convivere coi sentimenti della perdita e la te****uta che stavo vedendo allora mi aiutò molto.

Come seppe di Jotaro e me non lo saprò mai.
Era una brava signora che tentò di aiutarmi. Lei ebbe successo in molte aree ma furono l’amore e le premure di Jotaro che mi aiutarono veramente. Io avevo molti problemi per la crisi di identità che stavo attraversando, di conseguenza tentavo di venire a patti con la mia incapacità di udire, convivendo con la disabilità e crescendo. La gente mi diceva che stavo crescendo fisicamente più velocemente che non emotivamente e mentalmente.

Jotaro mi accettava per come ero.
“Io non penso agli altri quando guardo te. Quando guardo te io vedo una persona con una grande personalità ed un buon cuore. ” Mi diceva.
Aveva ragione ed io lo sapevo. Essendo umani credo che tutti noi abbiamo una certa quantità di dubbi su noi stessi. Io certamente non facevo eccezione! Ma li superai grazie a lui ed al supporto del suo amore.

Il resto dell’estate passò tranquillamente.

Non facemmo molto ma avevamo dei lavori che ci tenevano occupati. L’unica persona con cui veramente ebbi contatti fu Jotaro. Noi continuammo le nostre discussioni su cosa temevamo di più. Jotaro mi ascoltava mentre parlavo, io lo ascoltai mentre lui parlava “Mi chiedo cosa succederebbe se i miei genitori non accettassero il mio essere gay” Lui disse: “Questi pensieri mi spaventano. ”
“Sì, so quello che vuoi dire. Questi pensieri mi hanno fatto avere degli incubi” Risposi.

“È difficile capire perché alcune persone odino tanto i gay o altre persone. Perché? Non c’è alcuna ragione di odiare qualcuno perché è diverso!” Esclamò.
“Continua ad accadere. Non possiamo farci molto. È necessario che un buon numero di persone dica basta. ” Dissi io.
“Sì, è la verità. ” E lui accennò col capo.
“Jotaro, io amo le cose differenti che fai rispetto a me. Queste differenze sono quelle che identificano la tua individualità.

” Affermai.
“Io amo le tue unicità, Davide. Desidero solo che tu non ti preoccupi troppo di queste. Devi trovare una relazione con le persone, noi e la tua famiglia per lasciare questo schifoso pantano in cui sei e questo è quello che sta accadendo. ”
Pensai a lungo a quello che aveva detto. Jotaro e le altre persone andava bene, ma il resto? Le paure di Jotaro erano simili alle mie. E se le nostre famiglie non ci avessero voluto perché eravamo gay ed innamorati?
Quella domanda e quella paura ci rovinarono la vita per molto tempo.

I genitori di Jotaro ci dissero molte volte che loro ci amavano e non ci avrebbero mai fatto del male. Capivano le mie paure che la mia famiglia scoprisse di me. Promisero che non avrebbero detto niente e non ne dubitai mai. I genitori di Jotaro erano i migliori genitori che avessi mai incontrato, loro erano per me come una seconda mamma e papà

Venne la fine di agosto e non avevamo fatto l’amore per lungo tempo per il fatto che io ero addolorato per la perdita di mio nonno.

I suoi genitori quel giorno erano andati fuori città ed io restai da lui per la notte. Decidemmo di andare a fare una nuotata nella sua piscina e lui mi strappò il costume denudandomi. Allora io gli strappai il suo e saltammo dentro. Osservai i cambi avvenuti al suo corpo. Il suo cazzo era diventato più lungo, le palle un po’ più definite. Aveva più peli dell’ultima volta intorno all’uccello.
“Non sei male.

” Commentai carezzandogli i peli pubici col palmo della mano.
Jotaro espirò bruscamente. “Mi piace quello che stai facendo!”
Io continuai ad accarezzarlo mentre guardavo i suoi cambi di espressione ad ogni passaggio della mia mano contro il suo cazzo e le palle. Sentii le sue mani cominciare ad esplorarmi.
“Ti sei riempito un po’” Disse.
“È la buona cucina di mamma. ”
Sorridemmo e poi ci baciammo. Lui prese la mia mano e mi condusse alla piscina.

Nuotammo e ci schizzammo. L’acqua fresca era piacevole contro la mia pelle nuda.
Per rilassarci ci sedemmo sul bordo della piscina ed io mi appoggiai a lui. Mi piaceva la sua pelle nuda contro di me.
“Vorrei che questo non finisse mai” Bisbigliò.
“Lo so” Risposi.
Mi tenne stretto a lungo senza dire niente. Guardammo il sole tramontare.
Quando uscimmo dalla piscina Jotaro accese un fuoco nel piccolo del cortile.

Fece cuocere una zuppa e preparò insalata e patate cotte al forno.
“Jotaro, chi sa cosa sarà veramente il nostro futuro?” Chiesi.
“L’unico a saperlo è Dio, Davide. Il nostro futuro è nelle sue mani e noi non dobbiamo preoccuparci. ” Rispose Jotaro spostandomi i capelli dalla faccia.
“L’ho chiesto perché so di qualcuno che è andato dall’indovino per scoprire il suo futuro. Pensavo di andarci anch’io. ” Spiegai.
“Non farlo.

Sono tutte frodi ed inganni e non c’è possibilità che qualcuno possa predire il futuro guardando in una sfera di cristallo o leggendo le carte. Lasciali stare , Davide. Non valgono il tuo tempo prezioso!”
Io accennai col capo: “Ok, prometto che non ci andrò. Inoltre dice la mia te****uta che non conoscere il futuro aiuta a crescere perché si incontrano situazioni inaspettate. Se conosciamo quello che sta per accadere ci metti meno impegno ed è probabile non impari la lezione che è necessario imparare.


“Sono d’accordo con lei. Lei ha ragione, Davide. ”
Le sue dita giocarono lentamente coi miei capezzoli facendoli indurire. Io sospirai godendo le sensazioni.
“L’unico modo per farci crescere è sperimentare il futuro come accade e lasciare il risultato al karma” Lui affermò.
Jotaro fece correre le dita su e giù sui miei fianchi accendendomi.
“Sperimentiamone un po’ adesso. ” Suggerì baciandomi sulla gola.
Io potevo solo lamentarmi. Lui lo prese come un segnale positivo e continuò a dare piacere ai punti caldi del mio collo mentre le sue mani e le dita esploravano il mio corpo.

Sentii le sue dita toccare ed esplorare il mio uccello e le palle. Poi scivolò fuori da sotto di me ed andò in casa. Ritornò un momento più tardi con forbici, un pettine, un rasoio e crema da barba.
“Cosa…. ?” Interrogai.
“Abbi fiducia in me” Disse.
Io mi sdraiai sulla chaise longue e lo guardai pettinare i miei peli pubici, poi prese le forbici e tagliò i peli potandoli un po’ ai lati.

Mi lavò per bene i genitali, poi applicò la crema da barba. Quando finì di radermi, le mie palle erano molto lisce ed i miei peli pubici avevano una bella forma di triangolo.
“Ho cominciato a farlo con me, Davide. I peli corti permettono un contatto migliore e se scelgo di usare i preservativi, potrò coprire meglio l’asta intera. ” Mi spiegò.
Mi ero chiesto come mai i suoi peli pubici erano un po’ più corti dell’ultima volta che avevamo fatto l’amore un mese prima.

Ora lo sapevo! Jotaro mi insegnò come farlo a lui e fui sorpreso di averlo fatto bene. Jotaro aveva ragione, il contatto era migliore ed anche le sensazioni erano molto migliori! Continuammo a farcelo l’un l’altro fino al giorno che lui ritornò a casa sua in Giappone.

Si sdraiò vicino a me e tornò a baciarmi. Erano piacevoli le sue labbra morbide sulle mie. Mi prese nelle sue braccia e mi fece rotolare sopra di lui.

Presi insieme i nostri due uccelli che erano tra di noi intrappolati dai nostri addomi. Cullai delicatamente il mio corpo contro il suo e sospirammo contenti. Mi allontanai da lui e passai ad un 69, prendendo in bocca il suo cazzo. Sentii il mio pene scivolare nella sua calda bocca bagnata e quasi sborrai. Succhiai il suo cazzo come un affamato, volevo assaggiare la sua dolce crema. Lui tolse il suo pene, aprì il tubo di lubrificante e ne spremette un po’ sulla mia rosa dopo di che mi alzò le gambe.

Fece scivolare i suoi diciotto centimetri duri dentro di me. Era così bello! Lo guardai negli occhi e vidi qualche cosa che non riesco a descrivere. Mi inculò lentamente muovendo lentamente il cazzo dentro e fuori di me. Invocò il mio nome e gridò quanto mi amava. Continuò ad incularmi lentamente ed io capii che doveva essere molto dura resistere tanto a lungo. Improvvisamente Jotaro ansò forte e piagnucolò.
Sentii la sua sborra sparata nel mio culo, che grande sensazione! Continuò a scivolare lentamente dentro e fuori di me, gridando e contorcendosi su di me.

Io resistetti anche dopo che fu scivolato fuori.
“Per favore!” Bisbigliò.
Si sdraiò su di un fianco ed io lo penetrai lentamente. Il suo sedere stretto era magnifico intorno al mio cazzo. Io sospirai e chiusi gli occhi. Ebbi una visione di noi, ormai vecchi, che lo facevamo. Continuai ad incularlo lentamente come lui aveva fatto con me, non fui più in grado di resistere e mi scaricai dentro di lui. Mi baciò dopo che ci fummo separati e poi, la prima cosa di cui mi ricordo è che mi svegliai nella luce del mattino nelle sue braccia.

Odiai andare a casa quella mattina. Mi sentivo veramente bene. Fui molto carino e parlai ai miei del nonno e di come mi sentivo ad averlo perso. Loro raccontarono le loro sensazioni e ne parlammo tutto il giorno. Quella fu una delle poche volte che mi sentii vicino alla mia famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *