Jotaro, il mio amore giapponese – Capitolo 3

Capitolo Tre
La nostra relazione avanza

Più i giorni passavano e più diventavamo intimi. Non era sempre sesso ogni giorno, facevamo anche altre cose. Spesso parlavamo sul nostro futuro.
“Pensi che staremo insieme a lungo, Davide?” Mi chiese Jotaro.
“Sicuro. Lo so perché lo sento dentro di me!” Gli dissi.
“Figo. Io sento la stessa cosa, ma come dice il nonno la vita non fa quello che noi vogliamo, che si deve godere il momento ed essere felici di essere insieme.


Io accennai col capo: “Tuo nonno è un uomo saggio. ”
“Lo so” Jotaro accennò col capo: “Lui mi dà molti buoni consigli. ”
Spinsi il mio zaino nell’angolo della mia stanza, sospirando: “Ragazzi, sono così stanco della scuola. ”
“Hai ancora problemi con la matematica?” Chiese Jotaro.
“Sì, ancora. Odio la matematica!” Mi lagnai.
“Beh, non sei l’unico. Comunque io progetto il mio futuro ma non so mai cosa accadrà.

Tu sei gran parte dei piani del mio futuro. ”
Questo mi prese profondamente. Mi chinai su di lui e lo baciai. Jotaro mi rese il bacio con impazienza. Come mi sentivo bene! Si accoccolò contro di me e continuammo parlare.
“Ti chiedi mai quello che accadrà tra qualche anno?” Chiese Jotaro.
“Continuamente. Ma non sono preoccupato per il futuro. C’è ancora molto da fare per essere pronti per quel futuro. So che tu ci sarai sempre per me.

” dissi io.
“Ed io so che tu ci sarai per me, Davide. Perché tu mi ami. ” Bisbigliò Jotaro.
“Ehi, hai sentito di quel ragazzo che è stato beccato con la droga l’altro giorno?” chiese Jotaro più tardi.
“Sì. È stato veramente stupido. Si è rovinato la vita da solo. Comunque è stata anche una dannata lezione. Non userò mai droghe!” Dichiarai.
“Bene. Inoltre amarti è la cosa più trasgressiva a cui potrei pensare.

” Disse Jotaro. “Io voglio quel sentimento, perché è un buon sentimento. Lo voglio anche per te perché sia un buon sentimento anche per te. ”
“Decisamente giusto, amore!” Dissi alzandomi dal pavimento: “Apriamo il frigorifero e vediamo cosa c’è di buono. ”
Jotaro mi seguì nella cucina di casa mia. In casa non c’era nessuno, erano tutti al lavoro o a scuola. Avevamo un’ora tutta per noi prima che il mio capriccioso fratellino ritornasse a casa.

Jotaro non si era mai sentito tranquillo con Roberto ed io sapevo perché. Lui, il mio fratello adottato, era terribile. Rubava di tutto a noi, mentiva, litigava a scuola e con me, raccontava quando mi masturbavo a letto (Dormivamo insieme in una stanza e di conseguenza avevamo letti a cuccetta. Io stavo di sopra e lui di sotto. Quando mia sorella si sarebbe sposata avrei avuto una stanza tutta mia con serratura. Quindi Jotaro si sentiva poco sicuro ed anch’io), ed era la dannazione dei miei genitori.

Questa era una delle ragioni per cui non avevo mai parlato della mia relazione con Jotaro. La mia altra paura era che i miei genitori mi avrebbero fatto rinchiudere in un ospedale psichiatrico per il resto della mia vita. Avevo paura. Uno di questi giorni scriverò dei miei incubi. Forse dopo la gente capirà perché i ragazzi gay hanno paura di dire che sono gay.

Ad ogni modo andammo in cucina ed io preparai dei panini.

Siccome era una bella giornata, andammo nel cortile dietro casa e ci sedemmo su di un dondolo a mangiare e chiacchierare.
“Cosa spinge quei ragazzi a vendere ed usare droga?” Chiese Jotaro.
“Non lo so. Forse è perché cercano dei brividi o vogliono solo scappare da questo mondo per un po’. Chi lo sa veramente?”
“Non sanno che i loro problemi non se ne vanno facendolo?”
“Forse lo sanno. Li occultano solo per un po’.

Questo è tutto. ” Dissi alzando le spalle.
“Basta così. Cosa stai facendo con quel lavoro di italiano?”
“Non ci ancora pensato. Mi mancano le idee. ” Sospirai.
“Non potresti scrivere un’intervista immaginaria ad uno scrittore famoso?”
“Sì, come?” Chiesi.
“Scrivi di uno dei tuoi scrittori preferiti. Ti piace così tanto leggere!” Esclamò lui.
“Oh, sì. Potrei fare un’intervista immaginaria a Masters e Giannison (Nota: Gli autori di ‘L’atto sessuale nell’uomo e nella donna’.

), scusa, ma dovresti raccogliere informazioni su uomini che non fanno altro che masturbarsi?”
Jotaro cominciò a ridere: “Oh, ragazzi! Ecco una cosa che farebbe veramente alzare molte sopracciglia, !”
“Ha, ha, ha, veramente divertente!” Esclamai ridendo.
“Non so quello che stai leggendo ultimamente!” Ghignò lui.
“Libri sul sesso, e molti!” Esclamai. “Ma nessuno di loro mi dice quello che voglio sapere. ”
“Non imparerai mai di amore e relazioni così. Devi imparare stando con me.

Noi impareremo insieme, perché l’esperienza è la miglior insegnante. Ci mostrerà molte cose, sentiremo molte cose e faremo molte cose insieme. ” Affermò Jotaro.
Sapevo che aveva ragione. Lui aveva ragione anche su molte altre cose. Io ero contento di averlo con me.
“C’è un libro che veramente mi piace. Potrei scrivere di quello. ” Pensai: “Non ricordo chi è l’autore, ma mi piace il suo stile di scrittura.
“Fallo! Vada per quello!” Esclamò Jotaro.

“Lo farò, amore. ” Dissi piano.
Jotaro sorrise e toccò la mia faccia. Sentii l’amore nel suo tocco.
Il pastore tedesco di mio papà, Happy (mia madre lo aveva chiamato Happy perché lui era sempre felice di vederti quando uscivi in cortile. Ti saltava addosso, metteva le zampe anteriori sulle tue spalle e ti leccava la faccia. ) si avvicinò e si accucciò vicino a noi.
“È un bel cane, anche a me piacerebbe averne uno.

” Sospirò Jotaro.
Lo guardai grattare dietro le orecchie di Happy, a lui era sempre piaciuto.
“Pensi che potremo avere un cane quando avremo casa insieme?” Chiese Jotaro.
“Sicuro. Il migliore che potremo trovare e lo potremo mettere in un grande recinto. ” Dissi sorridendo.
“Figo. ” Ghignò lui.
Poi divenne silenzioso mentre continuava ad accarezzare Happy. Capii che c’era qualche cosa che mi voleva dire.
“Jotaro, amore, c’è qualche cosa che non va?” Chiesi.

Lui mi guardò: “Sono insicuro, Davide. Sto pensando molto a quello che ci succederà, dove la vita mi porterà. ”
“Anch’io ci sto pensando, Jotaro. Come sarà la mia vita, dove andrò, cosa farò. ” Sospirai: “E non trovo risposte. ”
“Forse dovrebbe essere la scuola ad insegnarci ciò che abbiamo bisogno di sapere per trovare quelle risposte. Forse è perché ci aspettiamo che siano i nostri genitore ad indicarci il percorso giusto.

Ma tocca a noi trovare quelle risposte da soli, da soli. Ma non è facile. ” Disse.

“Non so. Ci sono momenti che mi sento completamente inutile. Voglio dire, sono sordo in un orecchio, ho poco udito nell’altro, sono gay ed abbandonato dalla mia madre naturale. Mi chiedo perché esisto!” Esclamai.
Jotaro mise le mani sulle mie spalle mentre io abbassavo la testa rapidamente perché non mi vedesse piangere. Lui me la alzò perché lo guardassi negli occhi.

“Davide, io sento che siamo estranei. Io sono incazzato con mio padre per avermi portato qui. Avrei voglia di fuggire, ma non risolverebbe niente. Io non appartengo a questo posto. Sento continuamente occhi nella mia schiena e ho la sensazione di non essere il benvenuto. Davide, tu sei stato il mio primo vero amico. Tu mi hai fatto sentire benvenuto qui ed io ti ringrazio per questo. Forse è stato il karma a farci incontrare, per poter fare in modo che ci aiutassimo l’un l’altro a superare i nostri problemi ed il dolore che sentiamo.

Ecco perché siamo amici ed innamorati” Affermò Jotaro.
Vidi lacrime nei suoi occhi. Mi colpì poi il fatto di non aver mai considerato veramente come si sentiva ad abitare lì. Ci alzammo e ci abbracciammo strettamente. Quella era un’altra svolta per noi. Io finalmente avevo espresso quello che mi tormentava da quando avevo scoperto di essere gay e diverso dagli altri ragazzi. Jotaro finalmente aveva espresso suo dolore ed ora la nostra relazione era cambiata, era diventata più forte.

Mi sentii veramente bene in quel momento, avevo capito che sarebbe andato tutto meglio.
E fu così. Cominciammo a parlare di più di quello che ci accadeva. Io rivelai le paure profonde per essere gay, di rivelarlo ai miei genitori e finire in qualche clinica. Jotaro disse di come si sentiva estraneo nella scuola dove andavamo. Ci incoraggiammo l’un l’altro per quanto potevamo.
“I tuoi genitori lo farebbero veramente?” Chiese Jotaro una settimana più tardi.

“So che potrebbero farlo e questo mi spaventa veramente. ”
“Io ti libererei rapidamente. ” Dichiarò Jotaro.
“Lo so che lo vorresti fare, Jotaro. L’ho sognato molte volte. ”
“Figo, dovrebbero arrendersi e consegnarti a me. Io prenderei casa in Giappone e ti aiuterei a riprenderti. ”
“Io ti salverei dai bulli della scuola. Li prenderei a calci nel culo. Loro si scuserebbero e scapperebbero. ” Dissi io ghignando.
“Questo mi fa sentire bene, sentirti dire questo.

Sapere che tu rischieresti di tutto per aiutarmi. Tu sei così buono con me. ”
“Ma questa è solo fantasia, la realtà è così diversa. Non è una cosa bastarda?” Chiese Jotaro.
“Lo è, Jotaro, lo è. ”
“Ma noi siamo qui, ora. Nessuno ci dividerà. Credici e succederà!” Dichiarò lui.
“Io ci credo!” dissi io: “Io continuerò a crederci. ”
“Bene. Anch’io lo voglio. Non potremo mai essere fermati, nessun dubbio!”
Mi appoggiai a lui e guardammo il sole tramontare.

Poi accadde che i suoi genitori si assentassero ed i miei andassero a visitare dei parenti da parte di mia mamma, Roberto stava frequentando una scuola speciale in un’altra città e le mie sorelle erano fuori la sera. Jotaro aveva la casa tutta per sé. C’era della musica quieta che stava suonando ed io mi sentivo veramente bene. I nostri problemi e preoccupazioni in quel momento erano lontani da noi. Avrei voluto che quel momento durasse per sempre.

“Non ti chiedi mai cosa c’è là fuori?” Chiese Jotaro.
Avevamo appena finito di vedere Star War per la prima volta. Era un film eccellente!
“Qualche volta lo faccio. ” Dissi io.
“Io mi chiedo se ci sono ragazzi alieni che sono come noi, gay, soli ed impauriti. Ragazzi alieni che hanno vicino i loro innamorati, che discutono di quanto sia difficile la loro vita. Mi chiedo come fanno sesso. Lo fanno come lo facciamo noi?” Si chiese Jotaro.

“Dannazione, è una bella domanda!”
“Dovresti chiederti se il Capitano Kirk avesse qualche gay nell’equipaggio dell’Enterprise e perché non si sono mai rivelati nelle missioni con lui. O se Batman era innamorato di Robin!” Affermò Jotaro.
“Ha! Se fosse accaduto sarebbero stati spediti rapidamente in un ospedale psichiatrico in ambulanza!” Esclamai.
“Huh, Ti puoi immaginare Batman che va da uno strizzacervelli? Sissignore, Robin mi sembra incredibilmente eccitante!” E Jotaro cominciò a ridere forte.

Rotolammo sul pavimento per qualche minuto, ridendo forte e divertendoci. Poi io mi fermai e lo guardai. Lui riprese fiato e mi guardò.
“Non potrà mai accadere perché si tratta solo di fantasie. Noi siamo veri, tu ed io, e potrà succedere, ed accadrà a noi!” Disse Jotaro.
Io sentii qualche cosa muoversi profondamente dentro di me. “Ragazzi è vero!” Esclamai.
“Sì, lo so. Ho parlato con mio nonno ieri e lui mi ha detto di smettere di preoccuparmi degli altri, di pensare a te e me che siamo insieme e concentrarmi su di noi.

Le cose si risolveranno. Questo è quello che mi ha detto. ” Disse Jotaro.
“Ha ragione. Dobbiamo smettere di preoccuparci. Le cose si aggiusteranno col tempo. Restiamo insieme, qui ed ora. Io ti amo” Dissi mentre lo baciavo sulla bocca.
Jotaro rispose appassionatamente al bacio. Mi spogliò lentamente proprio lì sul portico, togliendomi ogni articolo di vestiario lentamente. Una volta che fui nudo, lui si inginocchiò e strinse con le labbra il mio cazzo che si stava indurendo.

“Per favore, amore!” Rabbrividii in estasi.
Jotaro fece scivolare il cazzo duro nella sua bocca e cominciò a succhiarlo. Sospirai. Mi sentivo così bene. Dopo un po’ si fermò, mi condusse al grande cuscino che c’era sotto il portico e mi ci fece sdraiare sopra. Si mise tra le mie gambe e riprese in bocca il mio uccello ricominciando a succhiare. La sua testa si muoveva su e giù sul mio pene.

Lo sentivo muoversi nella sua bocca calda e bagnata. Erano le sensazioni più incredibili che avessi mai provato. Mi piaceva veramente. Mi lamentai piano sentendo aumentare le intense sensazioni. Jotaro si fermò e si spogliò rapidamente. Le sue dita solleticarono la mia cappella mantenendo il pene duro ed aumentando la sensazione. Rivestì il mio cazzo del lubrificante che avevamo sentito che si usava per scopi sessuali. Si tirò giù le mutande e poi si fermò.

“Cazzo, c’è dentro un buco! “ Dichiarò, poi un sorriso comparve sulla sua faccia.
“Trovato! Ho un’idea” Disse.
Se le tirò su e poi si mise ancora a gambe divaricate sulle mie anche. Prese il mio cazzo duro e lo diresse al buco nelle mutande, lo attraversò e lo appoggiò al suo bocciolo. Un momento più tardi il mio uccello scivolò su nel suo sedere stretto. Non ci potevo credere, stavo inculando Jotaro attraverso le sue mutande rosse.

Era una cosa così selvaggia (Non era la prima volta che lo facevamo. Avevamo fatto anche altre cose perverse)! Venni come non ero mai venuto prima. Dopo che ebbi eiaculato dentro di lui, si sdraiò vicino a me e mi abbracciò.
“Ti senti bene ora? Io sì!. ” Mi bisbigliò in un orecchio.
“Oh, sì, decisamente. Che grande scopata! Non avevo mai pensato di inculare qualcuno attraverso le sue mutande. ”
“È stato bello anche per me.

” Disse Jotaro ridendo.
Poi sospirò. “La vita adesso è così buona con noi. Spero che questa vita buona continui. ”
“Ed anch’io lo spero!” Dissi mentre lo spogliavo delle mutande ormai inutili.
Sentivo il suo uccello eretto che pigiava contro la mia gamba. Lo carezzai per un momento.
Lui mi baciò il collo. Io mi girai verso di lui e ci baciammo.
“Ti amo. ” Bisbigliò.
“Ti amo, Jotaro.

” Bisbigliai in risposta.
Restammo sdraiati a guardare il sole tramontare e sparire dietro le montagne. Io desideravo poter passare la notte con lui. C’erano molte probabilità di farlo più tardi. Per il momento essere insieme era sufficiente per noi. Cosa potevo volere di più? La pace nella mia vita. Essere lasciato in pace così da poter festeggiare il mio amore per un ragazzo chiamato Jotaro, con Jotaro. Dare a lui tutto quello che ero, e di più.

Questo era tutto. Poi non riuscivo a capire perché gli adulti pensavano che fosse sbagliato per ragazzi della nostra età fare sesso con qualcun’altro. Jotaro ed io eravamo innamorati, e felici.

Lui mi svegliò delicatamente. Mi ero addormentato tra le sue braccio, il calore del suo corpo mi aveva fatto addormentare.
“Davide, Davide svegliati amore” Bisbigliò.
“Cosa?” Bisbigliai mentre lentamente mi svegliavo.
“Devi tornare a casa prima che tua sorella ti cerchi.

” Mi esortò.
Mi vestì e mi portò alla porta. “Dio, come vorrei che tu restassi con me stasera. ”
“Anch’io, amore. La prossima volta lo faremo. ” Dissi dandogli il bacio della buona notte.
“Ti amo. ”
“Anch’io ti amo. Ci vediamo a scuola domani” Jotaro sorrise mentre me ne andavo.

La relazione avanza ma la mia necessità di sapere il vostro parere rimane, ciao a tutti e resto in attesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *