La cuginetta Carlotta

Questo è quello che è successo ad una mia cuginetta di madre tedesca…qualche tempo fa.
Amava molto gli a****li e conduceva una vita degna di una principessina, essendo molto ricca e conoscendo alla perfezione quattro lingue che le hanno permesso di insegnare all’ Università di Bologna. Ma, quando era giovanetta, ha avuto alcuni incontri con a****li. Nonostante i miei zii tenessero nascosta la sua passione, a me ha inviato delle lettere in cui raccontava tutto in dettaglio.

Mi chiamo Carlotta, oggi ho 38 anni e non rivelerò la mia città natale, mi vergogno troppo. Mi vergogno molto anche solo a raccontare quello che mi è successo la scorsa settimana, ma almeno sono dietro un pc quindi questo mi da abbastanza coraggio.
Da tre anni vado ad un maneggio ad appena tre km dalla mia città. Alla mia famiglia non mancano certo i soldi, quindi ho sempre avuto un cavallo di mia proprietà.

Per i primi due anni ho cavalcato con Sweet , una giovane giumenta a cui mi ero molto affezionata.
Quando ho compiuto 18 anni mio padre mi ha regalato un nuovo cavallo, con mio enorme dispiacere. Ero molto affezionata alla mia Sweet e non volevo che andasse chissà dove , venduta a chissà chi. Un paio di volte piansi, a casa, da sola. Mio padre non poteva capirmi, era troppo impegnato con il suo lavoro per rendersi conto che con i soli regali non avrebbe fatto la mia felicità.

Il nuovo cavallo si chiamava King, ma io già lo odiavo perchè per colpa sua io mi ero separata dalla mia Sweet. Ma da lì a poco sarebeb successo qualcosa che avrebbe cambiato per sempre la mia vita…
Non sono una ragazza bellissima, mi sono sempre reputata carina, ho sempre voluto avere un seno più grande, come mamma. Invece non ne ho proprio, sono piatta, magra. L’unica cosa che si salva del mio fisico sono le gambe, lunghe e belle, e un pò il sedere.

Non ho un fidanzato, mi frequento con un ragazzo che non vuole saperne di impegnarsi. Un giorno vado al maneggio per rilassarmi, è un posto tranquillo con pochissime persone. Spesso non c’è addirittura nessuno. Saluto il proprietario e incontro un mio amico che stava per entrare nei box per strigliare il suo cavallo. Parlottiamo un pò e poi vado da King. Come al solito gli dò da mangiare e poi prendo la spazzola per spazzolarlo, ma quando sto tornando da lui succede una cosa che mi fa restare scioccata……King ha tirato fuori il suo pene, che gli penzola…non mi era mai capitato prima, dato che avevo una femmina, e la cosa mi lascia a bocca aperta! Il suo pene è lungo, lunghissimo…faccio un paio di passi indietro un pò spaventata e mi rendo conto che ho portato la mano sinistra alla bocca e che mi è caduta la spazzola a terra, due passi più avanti, sicuramente appena mi sono accorta del suo membro.

Sono stupita come non mai, e molto confusa. Poi però mi viene in mente che il mio amico potrebbe venire da un momento all’altro e in tal caso l’imbarazzo mi farebbe morire… quindi faccio due passi in avanti e mi chino per prendere la spazzola, ma mentre sono accovacciata alzo lo sguardo e vedo di nuovo…sono a mezzo metro da lui e dal suo pisello. Resto a guardare, a bocca aperta. E’ grosso quanto il mio braccio, fa paura.

Mi alzo e vado via, neanche saluto il mio amico, sono imbarazzata e sconvolta. Chiamo mia madre che viene a prendermi, mi chiede come mai sono tornata prima e io le dico che ho mal di testa. Nella mia mente immagino di dire “Mamma King ha il pisello enorme e mi ha spaventata, e ho deciso di andare via”. Sorrido , ma continuo a pensarci.
Tornata a casa vado in camera mia, mi stendo.

Prendo il metro da sarta di mia mamma per vedere più o meno quanto era lungo il suo pene…forse 35-40 cm…assurdo…. Rivedo King che tira fuori il suo pisello, allora mi alzo e cerco di fare altro, chiamo una mia amica per uscire. Esco e la incontro , ma non le racconto nulla. lei invece mi racconta che nel pomeriggio ha fatto la sua prima sega al suo ragazzo. Mi racconta tutti i dettagli , mi dice anche che il suo ragazzo ce l’ha di 26 cm.

Io ovviamente non le credo, perchè mio fratello maggiore spesso parla di piselli quando è con gli amici, e dicono sempre che le ragazze esagerano parlando del membro dei propri fidanzati, che la media in italia è intorno ai 14 e che se uno ce l’ha di 24 -25 cm dovrebbe andare direttamente da rocco Siffredi a togliergli il posto dato che dicono che lui lo abbia di 23. Comunque, mi fa tornare in mente le seghe fatte al mio pseudo-fidanzato l’estate passata.

Poi mangiamo qualcosa, incontriamo altre amiche e poi torno a casa.
Una volta nel letto, ripenso alle parole della mia amica e al suo racconto della sega. Mi ritorna in mente la prima sega fatta al mio “fidanzato” e senza accorgermene mi ritrovo a chiedermi come sarebbe farne una al mio King…cerco di cacciare questo pensiero dalla testa, mi faccio schifo da sola a pensare una cosa del genere. Però a pensarci meglio, sarebbe bello avere in mano un pisello più grande e più grosso di quello del mio “fidanzato”, ma poi un pensiero mi assale facendomi avere un sobbalzo : quando segavo il mio “fidanzato” mi piaceva vedere quanto spruzzava, a volte spruzzava di più e lo preferivo! E mi chiedo : se il mio ragazzo spruzzava così abbondantemente, quanto avrebbe spruzzato il mio King ?
Il pensiero mi tormenta ,inizio a immaginare il mio King…Immagino che durante una passeggiata solitaria mi fermo a fare il bagno nuda in un ruscello.

Quando esco dall’acqua lui mi vede nuda e si innervosisce. Io cerco di calmarlo, ma noto che ha il cazzo duro. Gli dico “Calmo king non……” ma lui si impenna, puntando l’asta verso di me e butta 3 spruzzi forti e copiosi a un metro di distanza, quasi colpendomi !!! Oppure immaginavo di essere caduta a terra vicino King, e mentre mi rialzo mi aggrappo forte al suo pene per errore. Lui nitrisce forte, eccitao, e io ” calmo King !” ma non la smette, il cazzo resta duro e per paura che spruzzi e sporchi la stalla, gli afferro a due mani il pene e stringo forte cercando di non fare uscire nulla, ma lui sburra lo stesso , butta 3 schizzi forti e imbratta per terra… Oppure immagino che dopo una cavalcata mi accorgo che si è sporcato il pisellone di fango…allora prendo un secchio d’acqua la spugna e inizio a lavarglielo, ma lui inizia a nitrire a muoversi e il pisellone va di qua e di là , io glielo afferro forte e lui butta un paio di spruzzi…
Per dormire ci impiego un sacco, sono agitata e il giorno dopo a scuola sto con la testa tra le nuvole.

Il pomeriggio non voglio andare al maneggio perchè ho paura di fare qualche sciocchezza , ma dopo pranzo penso solo a una cosa : King e il suo pisello gigante. Così vado al maneggio , sperando di essere sufficentemente sola. Invece nel pomeriggio c’è abbastanza confusione, con mio grande rammarico. Chiamo mia mamma e le dico che mi trattengo oltre le diciotto, sperando che ci sia meno gente. Lo lavo tutto per bene, e ora è profumato e lindo! Per fortuna vanno via quasi tutti, alle sei il padrone fa un giro con alcuni altri che come me hanno il cavallo quindi resto da sola con il custode che restava sempre all’ingresso a vedere la Tv.

Vado nella stalla, e mi avvicino al box di King con il cuore in gola. Vorrei che mi aspettasse con il pene già duro, scalpitante , ma so che è impossibile. Lo vedo, entro nel box , chiudo la porta e lascio la finestra aperta in modo da vedere se arriva qualcuno. Resto immobile qualche minuto, non so che fare, sono imbarazzata e spaventata. Finalmente prendo coraggio, lo accarezzo sul muso e sulla schiena, ma del pene nessuna traccia.

Mi decido, metto la mano giù, senza guardare. Tasto un pò , poi ritiro la mano : sento due sfere molto grandi. “Mamma mia che palle che ha…” penso. Rimetto la mano e gliele tocco , sono grandi , una mi riempie la mano ! Gliele tocco, gliele massaggio un po’, e penso “chissà quanto sperma contengono…” Poi sento che c’è qualcosa di strano : sta tirando fuori il pisellone!!! Sono emozionata…resto a guardarlo, poi finalmente mi faccio coraggio.

Allungo una mano e lo afferro, non è durissimo. Lo prendo dalla base e lo agito a destra e sinistra, non so neanche io perchè. Sorrido. Lo stringo di più, faccio su e giù piano un paio di volte, poi una volta forte. Ho una sensazione bellissima ad avere in mano una cosa tanto grande! Rimango ferma a guardarlo, poi su e giù ancora piano e ancora, ma mi rendo conto che lo sto puntando verso di me e subito lo punto per terra perchè se iniziasse a spruzzare sarei inondata…mi fermo per accarezzarlo sul muso, sembra tranquillo, poi torno a massaggiare il suo membro.

Prendo uno sgabello e mi siedo per stare più comoda. Lo afferro in mano e faccio su e giù, piano ,poi cambio mano e ancora continuo a segarlo. Ad un certo punto…Mio Dio !
Gli si allunga ancora….. diventa durissimo, dritto , lungo, grosso…fantastico, incredibile!! Io ho gli occhi di fuori per lo stupore, sarà quasi 70 cm, non ci credo!!! Metto una mano quasi alla punta e cerco di abbassarlo…..devo fare un pò di forza perchè sta su da solo! Appena lo lascio torna su a molla e sbatte sulla pancia…mi alzo tenendolo in mano con la destra e con la sinistra gli massaggio la fronte e dico ” King! Che cazzone che hai!!!” Mi rendo conto di essere stata volgare, ma chi se ne frega, ormai penso che King meriti una ricompensa per avermelo mostrato così duro.

Mi siedo e ci do dentro, su giù su giù e stringo anche con maggiore forza. Voglio farlo spruzzare il più possibile , se lo merita. lo prendo anche con la seconda mano e glielo meno forte ansiosa di vedere quanto ne sarebbe uscito. Prendo il secchio e lo metto a terra vicino al suo pisellone con l’intento di indirizzare gli spruzzi all’interno. Le mani sono un po’ stanche ma non rallento,King nitrisce e sento che il cazzo tira verso l’alto…sento passare sotto le mie mani un flusso , vedo verso la punta e quasi mi viene un infarto.

King butta uno spruzzo violento , lungo e abbondantissimo…il secchio cade per terra per la forza, e il cazzo quasi mi sfugge di mano per la contrazione. Mi alzo in piedi, lo prendo più saldamente e continuo nella sega e lui butta un’altro schizzo forte e copioso. Io sono a bocca aperta e punto il cazzo leggermente verso l’alto…voglio vedere dove cavolo arriva…il terzo spruzzo è spaventoso, quasi un secondo di sborrata che arriva fino al muro del box!!! Io dico “King!!!” non so se gridai o meno…e poi sburrò altre due volte, mentre gli tenevo saldamente il cazzone in mano, anche se mi ero fermata per lo stupore……
Sono felicissima, lo abbraccio e lo accarezzo sul muso e sulla schiena.

Poi vedo il box, c’è sborra per terra e sul muro, a mezzo metro di altezza, il muro era a quasi un metro dal suo pisellone…mamma mia che potenza! Pulisco tutto in fretta e furia, poi torno a casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *