Il mio autostoppista – Capitolo 2

Capitolo 2
Il ritorno
Mi mancava il mio autostoppista, stavo aspettando ansiosamente il suo ritorno, non riuscivo ad allontanarlo dalla mia mente. Nella mia fretta di portarlo alla stazione, non gli avevo chiesto il suo numero di telefono. Io gli avevo dato il mio, così ogni volta che il telefono suonava, sobbalzavo. Ma non c’erano chiamate sue. A letto, di notte, tentavo di ricordare quelle grandi notti con lui. Ma non c’erano chiamate.

Vidi sul giornale che l’università sarebbe cominciata la settimana seguente. Il mio cazzo stava pensando duramente al suo ritorno. Ma continuavano a non esserci chiamate. Ero depresso ed il tempo volava. Alla fine decisi che era ora di muovermi. Ogni volta che passavo nella strada dove l’avevo raccolto, mi eccitavo ma tornavo sempre solo a casa. Ormai mi ero messo il cuore in pace quando il telefono suonò. Esitai a rispondere. Non avrei voluto che ogni mia speranza fosse distrutta.

Lentamente alzai la cornetta. Era il mio autostoppista. Il mio cuore batteva all’impazzata nel mio torace. Era alla stazione ed aveva bisogno di un passaggio. Non potevo crederlo, corsi a prenderlo. Lui saltò in macchina ed io sorrisi. Si era fatto crescere i capelli e sembrava ancora più sexy, io amo i biondi. L’abbracciai e feci correre le dita tra i suoi capelli. “Sei magnifico, mi sei mancato. ” Avviai la macchina: “Dove andiamo?” Aveva tempo prima di andare all’università, così ci dirigemmo a casa mia.

Quando entrammo lo cinsi immediatamente con le mie braccia e ci baciammo. Non volevo perdere tempo così mentre ci baciavamo lo portai in camera da letto. Gli tolsi la camicia e feci correre le dita sul suo torace senza peli. Mi fermai a pizzicargli i capezzoli e poi li succhiai piano, mi ricordai che a lui piaceva che me ne prendessi cura. Gli slacciai la cintura ed aprii la cerniera dei pantaloni, indossava dei boxer bianchi stretti che gli abbracciavano cazzo e palle.

Misi le mie dita sotto l’elastico e gli tirai giù le mutande. Il pene balzò sull’attenti, mi sembrò più grosso di quanto ricordavo, usciva dal suo bel cespuglio di peli biondi che erano cresciuti intorno alla base del suo uccello. Le palle erano ancora rasate ma ora avevo un biondo pube morbido in cui affondare le dita. Ora che l’avevo per me lo baciai dolcemente. Lui spinse leggermente la lingua nella mia bocca. Appoggiò la testa sul cuscino e mi guardò negli occhi: “Mi sei mancato veramente.

” Era bello vederlo di nuovo, dannazione era grande sentire ancora il suo corpo nudo contro il mio. Mi spogliò lentamente, ci sdraiammo nudi sul letto e cominciammo ad esploraci l’un l’altro il corpo. Lui disse: “Sei bello, ti voglio. ” Ci abbracciavamo e non avrei mai voluto lasciarlo andare via. Cominciai ad ispezionare il suo corpo con gli occhi, poi con le dita. Gli baciai le labbra, poi feci correre le dita sulle sue labbra.

Tutto ciò che vedevo volevo toccarlo, carezzare delicatamente ogni fibra del suo corpo. Poi arrivai a guardare il suo grosso cazzo, ne baciai l’asta dalla base annidata nei peli, fino alla punta. Vidi una goccia di pre eiaculazione e la toccai con un dito prima di leccarla. Ricominciai a baciargli le labbra. Eravamo sdraiati fianco a fianco, il nostro toccarci era elettricità pura ed io mi sentivo vivo. L’autostoppista ruotò il suo corpo e fummo cazzo contro cazzo.

Contemporaneamente prendemmo l’uno il cazzo dell’altro e l’inserimmo lentamente uno nella bocca dell’altro. Sdraiati nella posizione del 69, aumentammo la velocità del nostro succhiare. Facemmo l’amore teneramente, appassionatamente. Il suo cazzo era piuttosto duro quando lo spinse profondamente nella mia bocca. Amavo ogni spinta delle sue anche che spingevano il suo uccello profondamente nella mia bocca. Sentivo la sua lingua che turbinava intorno alla mia cappella e mi faceva impazzire. Sentii la sua respirazione diventare più veloce ed era musica per le mie orecchie.

Sentii il suo corpo tendersi e capii che il momento era vicino. Anch’io ero prossimoall’orgasmo ma resistetti fino a quando lui sparò il primo colpo di sperma, io lo seguii con la mia sborra. Continuammo a sparare i nostri fiotti di sperma finché la bocca dell’altro non fu piena. Il suo sperma aveva un sapore dolce, ne bevvi fino a riempirmi, poi mi rivolsi verso la sua bella faccia e la presi tra le mani.

Ci baciammo poi restammo sdraiati esauriti. Il mio autostoppista mi abbracciò e ci addormentammo uno nelle braccia dell’altro.
Mi svegliai per primo e pensai che fosse tutto un sogno che l’autostoppista era ritornato. Poi lo vidi addormentato vicino a me. Era così tranquillo; guardai i lunghi capelli biondi, gli stavano benissimo. Misi la testa sul suo torace e lo sentii sollevarsi quando respirava, abbassai lo sguardo ed esaminai cazzo e palle. Il cazzo era adagiato su un letto morbido di peli biondi, lo sperma che ne era colato fuori vi si era depositato sopra.

Le palle erano un po’ pendenti, grosse ed impressionanti. Quando lo toccai cominciò a svegliarsi. Si stirò, gli leccai le ascelle. Gli piaceva. Mi misi in ginocchio e gliele leccai su e giù, Gli tenni le braccia alte sopra la testa. Passai da una all’altra, lui mi implorò di fare di più, gli leccai il collo. Vidi che il suo cazzo era duro e lo stava strofinando contro la mia fessura del sedere. Rotolai al suo fianco e lui immediatamente mi alzò le gambe e mi leccò il sedere entrando ed uscendo dal buco.

Inserì il cazzo, mi unì le braccia e cominciò ad incularmi. Si chinò e mi baciò. Continuò a martellarmi il sedere. Il mio cazzo voleva attenzione ma lui continuava a tenermi le braccia e ci baciammo mentre mi fotteva. La pressione del suo cazzo dentro di me era troppo e venni. Quando sparai l’ultima goccia di sperma, l’autostoppista stava per eiaculare. Sentii il calore della sborra che mi riempiva il sedere. Quando ebbe finito fece scivolare il cazzo fuori del mio sedere.

Si mosse in giù e leccò lo sperma sul mio torace e sul mio stomaco, poi mi baciò ed io assaggiai i miei succhi sulla sua lingua. Rimasi sdraiato abbracciandolo, mi rivolsi a lui: ”Per favore, vieni ad abitare da me?” Era stata un’attesa lunga prima del suo ritorno ma il mio autostoppista finalmente era ritornato. E non volevo permettergli di andarsene ancora.

Ancora insieme
L’autostoppista non rispose. Sentii che il mio cuore si fermava.

Pensai di nuovo a tutti i bei momenti che avevamo passato e mi sembravano troppo brevi. Ero arrabbiato con me stesso per non aver prolungato gli incontri.
L’autostoppista mi fissò e disse: “Prima di tutto, chiamami Hitch. ” Poi continuò a fissarmi. Senza dire un’altra parola si girò a mordermi delicatamente un orecchio. Io mi sentii di nuovo eccitato, il mio cazzo stava cominciando a crescere e mi chiesi se questa sarebbe stata l’ultima volta che facevamo l’amore.

Se fosse stato così avrei voluto goderne ogni momento. Mi girai, baciai Hitch e sentii il suo alito caldo. Lui mi morse un labbro e mi tirò a se. Portai le mani al suo cazzo dolcissimo. Era duro. Lo strinsi ma volevo qualche cosa d’altro. Presi le sue gambe e gliele allargai, poi gli baciai il sedere. Normalmente andavo rapidamente a prendere il suo cazzo ed il suo sedere, questa volta mi presi il mio tempo ed esplorai il suo corpo con la lingua.

La feci correre sul suo torace, fermandomi sui suoi capezzoli. Li assaporai e li succhiai piano. Appoggiai la testa sul suo stomaco e gli baciai l’ombelico. Mi abbassai sul pube, inalai e bevvi il suo profumo. Vi seppellii la faccia e gli baciai il cazzo. Lo lasciai appoggiato alla mia faccia e lo baciai dolcemente; vidi il suo pene contorcersi. Avrei potuto restare così per sempre ma gli alzai le gambe, ero arrivato al suo sedere.

Guardai il buco rosa e lo baciai, poi lo leccai. Il suo culo era mio per il momento e fu un piacere leccarci intorno e poi dentro. Assaporai ogni secondo e sentivo i suoi lamenti. Leccai al ritmo dei suoi lamenti, scagliai dentro la lingua profondamente, gli alzai le gambe più in alto per permettermi un migliore accesso. Conficcai la faccia tra le sue natiche e leccai. Poi rimossi la lingua dal suo sedere e smisi di leccare cazzo e palle.

Presi una palla nella mia bocca e tirai lo scroto. Il suo cazzo si contorse e divenne più grosso. Presi in bocca ambedue le palle e feci lo stesso. Aveva raso le palle che erano dei begli ovali e mi riempivano la bocca. Misi ambedue le mani nel cespuglio di peli che circondavano il suo uccello e puntai il suo pene verso la mia faccia. Feci turbinare la lingua intorno alla cappella mentre sentivo i suoi lamenti.

Godevo della sua reazione alle mie azioni. Presi il cazzo nella mia bocca e lo ingoiai il più profondamente possibile. Appoggiai la faccia nel suo pube, inspirai profondamente e aspirai il suo profumo virile.
Era ora, gli alzai le gambe per permettere al mio cazzo un facile accesso al suo culo. Lo penetrai e mi mossi lentamente indietro ed avanti. Era così bello essere dentro di lui ed essere una cosa sola con lui.

Il ragazzo allungò le braccia verso di me e mi fece un cenno. Io mi chinai in avanti e le nostre bocche si incontrarono in un bacio appassionato. Le nostre lingue si incontrarono e le allacciammo. Le sue braccia avvolsero le mie spalle e mi strinse ermeticamente. Io pensai tra di me: “Non andare. Per favore, non andare!” Il pensiero che questa potesse essere che la nostra ultima volta fece scendere una lacrima dai miei occhi.

Rimanemmo così a lungo, io mi muovevo avanti ed indietro e lui mi abbracciava ermeticamente. La sua stretta aumentò quando io aumentai lentamente la velocità delle spinte del mio uccello. Trattenni il fiato quando giunsi al punto di non ritorno. Sentii il mio cazzo tendersi e finalmente la sborra sprizzò fuori. Sentii ogni goccia attraversarmi il corpo per raggiungere il pene e poi essere sparata. Mentre le ultime gocce venivano rilasciate dal mio corpo, lui non abbandonava la sua presa su di me.

Lasciai che il mio cazzo scivolasse fuori dal suo sedere e retammo sdaiati. Lui mi stringeva ed il tempo sembrò eterno.
Cominciò a mordicchiarmi un orecchio. Il nostro fare l’amore stava finendo come avevamo cominciato. Vide che una lacrima mi era scesa dall’occhio e mi baciò la guancia dove c’era la goccia. Mi baciò l’orecchio e bisbigliò piano nel mio orecchio: “Sì. ”

Festa
Mi affrettai verso casa con la spesa, era tardi ma mi ero ricordato di tutto quello che serviva per la nostra cena per le feste.

La casa era vuota quando arrivai, estrassi pentole e tegami e cominciai a mescolare gli ingredienti per i diversi piatti che volevo fare. Mentre il cibo cuoceva, andai in camera da letto, mi svestii e saltai nella doccia. Doveva essere la prima festività con Hitch. Mi insaponai e godetti dell’acqua calda che veniva spruzzata su di me. Mi sciacquai ed asciugai il mio corpo. Mi guardai nello specchio ed ammirai il mio fisico. La palestra stava dando i suoi frutti.

Chiaramente, il sesso fisico e selvaggio che facevo con Hitch aiutava a rendere il mio corpo intonato. Sentii la porta aprirsi e lui chiamò. Avvolsi rapidamente un asciugamano intorno alla vita, andai in soggiorno e lo vidi, il suo sorriso mi fece sciogliere il cuore. L’abbracciai e ci baciammo. Ci stringemmo l’un l’altro.
Lui disse: “Tutto ha un profumo così buono, specialmente te. ”
“Prima la cena, poi il dessert. ”
Ma aveva altri piani, rimosse l’asciugamano che portavo.

Non avevo bisogno di preparazione, ero duro e pronto. Prese la mia faccia nelle sue mani forti e mi bagnò di baci. Era così delicato. Io ero tutto suo. Mi prese nelle sue braccio e mi portò in camera da letto. Mi mise sul letto e mi si inginocchiò accanto. Sorridendo mi baciò di nuovo ma questa volta più forte. La sua lingua penetrò la mia bocca, incontrò la mia e giocammo con le lingue una con l’altra.

Le sue mani mi scompigliarono i capelli ancora bagnati per la doccia. Ci fece correre dentro le dita e salì sul letto con me.
Disse: “Ti amo. ” Io risposi: “Io ti amerò per sempre. ” Mentre cominciavamo a fare l’amore, io pensai di nuovo alla prima volta che ci eravamo incontrati, a tutto il divertimento che avevamo condiviso, ero così felice e grato.
Gli tolsi i vestiti e rimuovendogli la camicia misi le mani sul suo stretto corpo muscoloso.

Lui continuò a baciarmi. Gli sfibbiai i pantaloni e lui finì di toglierseli restando con le mutande che nella loro strettezza bianca rivelavano un enorme turgore. Amo la sua vista in un uomo. Anche se so cosa ci giace sotto, è sempre un’eccitazione vedere, sentire e finalmente rimuovere la biancheria intima. E’ come la mattina di Natale, trovare un regalo meraviglioso che giace sotto la stoffa.
Gli tirai lentamente giù i boxer, centimetro dopo centimetro.

Prima comparve il pube, amo la vista di quei peli biondi, amo sentirli sotto le mie mani, amo conficcare la faccia nel cespuglio. Poi la cosa migliore è tirar giù le mutande e trovare il suo cazzo. Salta su quando lo faccio uscire dalle mutande strette. Lo baciai e poi lo succhiai. Gli tolsi le mutande e gli toccai le due grandi palle posate tra le sue gambe. Mi piace stringerle. E finalmente gliele succhiai, una alla volta poi ambedue contemporaneamente.

Hitch godeva dell’attenzione. Ma ora toccava a lui. Il suo cazzo era pronto per l’azione. Mi fece rotolare sopra di sè e mi allargò le natiche. Scivolò facilmente nel mio buco e sentii il suo cazzo scivolare delicatamente fuori e dentro del mio culo. Prese la mia faccia, la tirò verso la sua e mi baciò a lungo. Eravamo una cosa sola, io mi muovevo in sincronia con lui. Il mio corpo formicolò quando lui aumentò la sua velocità.

In breve fu pronto ad eiaculare ancora. Quando sentii il primo colpo di sperma dentro di me, strinsi i muscoli del sedere. La pressione rese più intenso il suo orgasmo, rilasciò ogni goccia di sperma dentro di me. Fatto scivolare il cazzo fuori del mio sedere, afferrò il mio uccello, se lo tirò alla bocca e se lo infilò fino alla base dell’asta. Lo fece ripetutamente, sentii le mie palle stringersi e capii che ero pronto a sborrare.

Anche lui lo sentì e prese profondamente il mio pene nella sua bocca e poi io venni. Sembrò un’eternità mentre sparavo nella sua bocca. Hitch ingoiò il mio carico. Finimmo di fare l’amore baciandoci come avevamo cominciato.
Scendemmo dal letto, saltammo in bagno per una doccia rapida, poi afferrammo i nostri accappatoi e corremmo in cucina per la cena. Mentre cucinavo lui accese il camino, l’ambiente divenne caldo ed accogliente, ci sedemmo sul sofà di fronte al fuoco e ci abbracciammo.

Là seduto pregai perché tutti avessero l’opportunità di stare per sempre con chi amano. Io ero grato per quello che avevo. Mi girai,lo baciai e mi accoccolai più vicino a lui.

La visita di Natale
La sua famiglia sarebbe andata in vacanza a Natale, così lui sarebbe rimasto solo. Gli dissi che potevamo andare dai miei genitori per le feste. Il viaggio durò cinque e nel frattempo lo istruii su chi avrebbe incontrato e come trattare con ognuno dei miei parenti.

Lui era a dir poco nervoso quando arrivammo. Ma i parenti furono eccezionali, tutti gli diedero il benvenuto a braccia aperte.
La casa era piena di parenti che lasciarono la mia stanza come unica scelta per noi due. Ero contento che non lo avessero ficcato in cantina sul divano della sala giochi. Il mio letto era piccolo ma sapevo che avremmo potuto arrangiarci. La mia stanza era nel lato più lontano della casa, così potevamo avere la nostra privacy.

La sera passò alla grande con buon cibo, drink e conversazione. La mamma mostrò ad Hitch le mie foto da piccolo e mi fece imbarazzare.
Uno alla volta che i miei parenti se ne furono andati a letto, noi finimmo l’ultimo drik. Brindammo alla nostra amicizia ed amore e poi andammo a letto. Eravamo stanchi per il viaggio e la serata.
Appena entrati nella stanza, chiusi la porta, lo baciai e gli dissi che ero contentissimo che avesse deciso di venire.

Lui mi baciò e cominciò a sbottonarmi la camicia. Io gli resi il favore e gli sbottonai la camicia. Pezzo per pezzo ci togliemmo tutti gli indumenti. Infine ci rimasero solo le mutande. Lui aveva un aspetto così sexy con i soli boxer, avrei potuto guardarlo per ore. Fu un piacere rimuoverglieli per scoprire il suo cazzo dolcissimo e specialmente le palle. Poi lui li tolse a me. Ci abbracciammo ed i nostri cazzi si appoggiarono ai nostri corpi.

Lui sembrava più eccitato del normale, il suo cazzo era duro e stava già colando pre eiaculazione. “E’ ora di andare a letto”, disse ed aveva un’espressiona subdola sul viso. Capii che aveva altro in mente che non dormire.
Salimmo sul mio piccolo letto, pensai che ci avrebbe fatto venire i crampi ed invece fu bellissimo. Lui mise le sue forti braccia intorno a me, io lo guardai nei suoi occhi blu e cominciai a baciarlo sulla fronte, sul naso e poi sulle labbra.

Sapeva che quello era il mio rituale quando cominciavo a fare l’amore con lui. Mi piaceva bagnarlo di baci. Lo baciai sul collo e lui rotolò sulla schiena e mi si arrese. Gli alzai un braccio e lo baciai sotto l’ascella. La mia lingua turbinò tra i peli biondi e lo sentii irrigidirsi, poi scese al suo capezzolo. Mi misi a gambe divaricate, lo guardai negli occhi blu e continuai a leccarlo scendendo verso il cazzo.

Aveva solo pochi peli biondi sul torace. Scesi verso l’ombelico dove aveva un po’ di peli. Finalmente raggiunsi la mia destinazione. Il biondo cespuglio del pube era morbido al mio tocco. Gli alzai l’uccello per poter seppellire la bocca nel suo cespuglio. Il pene era duro e le vene sporgevano ai lati dell’asta. Gli succhiai l’uccello mentre facevo correre le mani sul suo torace. Lui ne godeva e mi baciò. Si girò, trovò il mio cazzo e cominciammo a succhiarci l’un l’altro.

Poi prese la mia asta profondamente nella sua bocca. Io gli resi il favore facendo lo stesso. Il suo cazzo era più lungo e più grosso del mio. Avevo goduto la prima volta che gli avevo succhiato l’uccello ed ogni volta dopo di allora. Lo tolsi dalla mia bocca e poi l’immersi di nuovo profondamente in gola. Presi le sue palle e le sentii contrarsi. Accelerai il ritmo e dopo poco i nostri corpi si tesero e cominciammo a venire uno nella bocca dell’altro.

Ingoiò mentre venivo e bevve il mio sperma, poi si leccò le ultime gocce dalle labbra e si sdraiò ingoiando il mio carico. Io assaporai il gusto della sua sborra e la tenni in bocca prima di ingoiare. Mi sdraiai a riprendere fiato. Mi girai verso di lui e lo baciai, lui mi rese il bacio e mi circondò con le sue braccia. Mentre ci stavamo addormentando pensai che le feste sono il tempo per stare con la famiglia e con chi si ama.

Essere tra le sue braccia mi rendeva felice, sicuro e contenuto. Ma sopra tutto ci amavamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.