Una serata diversa

Premetto che si tratta di una storia reale con me protagonista.
Era un sabato sera di pioggia ed io e il mio ragazzo eravamo a casa sua annoiati e senza certezze sul da farsi, fin quando non mi viene un’idea, “perchè non fai venire qui Simone?”, Simone è un suo amico coetaneo non si può definire certo un bel ragazzo ma comunque molto simpatico, con poca esperienza con le donne, mi diverto spesso a stuzzicarlo ed ha a quanto ho capito ha fatto sesso solo un paio di volte.

Comunque al mio ragazzo l’ idea piace “si dai beviamo qualcosa e ci facciamo due risate”. Una volta arrivato ci mettiamo sul divano per guardare un film accompagnato da qualche birra e liquore. So che Simone è attratto da me, una volta l’ ho scoperto a guardarmi intensamente sotto la gonna, dove per sbaglio si intravedeva un p’ò di pelo, anche il mio ragazzo lo sa, come sa che Simone è così onesto e anche timido che non farebbe niente di compromettente.

Quella sera mi ero vestita comoda un vestitino senza reggiseno dato che ero in casa, e perizomino trasparente.
Finito il film ci mettiamo a parlare del più ed del meno, nel mettermi comoda sul divano avevo inarcato leggermente le gambe dove si intravedeva qualcosa, a Simone la cosa non è sicuramente sfuggita e comincia a lanciare occhiate proprio li sulla mia patata, a malapena coperta dove si distingueva però benissimo la striscetta di peli nel mezzo e l’ inizio del clitoride.

Il nostro amico arrossisce non poco, mentre io comincio ad eccitarmi, chissà cosa sta pensando mi chiedo.
Il mio ragazzo osserva la scena divertito fino a quando con mia sorpresa mi alza il vestito mi scosta il perizoma e mostra completamente la mia fica all’amico.
“ti piace questa acconciatura l ‘ ho fatta io” gli dice, Simone era diventato di un colore tra il rosso ed il paonazzo, ormai non riesce più a distogliere lo sguardo, e con un filo di voce esclama ” È perfetta..”.

L’ eccitamento ormai è alle stelle, il mio ragazzo comincia a massaggiarmi la fica mentre mi bacia, Simone invece è imbarazzatissimo e non sa come comportarsi, ” puoi toccarla se vuoi ” gli dico, ma vedo che ancora esita, allora gli prendo la mano e gliela metto sul mio seno che nel frattempo era scoperto dal mio ragazzo che era una furia, rimango completamente nuda in men che non si dica.
Simone comincia a sciogliersi vedendo che stava succedendo sul serio con tinua a palparmi il seno con desiderio, mentre comincia a leccarmi un capezzolo, mentre il mio ragazzo è sotto che mi lecca la passera, sono eccitata come non mai.

Ad un tratto il mio ragazzo si ferma e gli dice a Simone di prendere il suo posto, non se lo fa ripetere due volte scende e comincia a leccarmela, non una leccata esperta ma ci mette molta passione, si vede che lecca con gusto, quella che fino a poco fa era solo un desiderio nascosto, comincio a godere come non mai, tiro fuori il cazzo del mio ragazzo più eccitato che mai e comincio a fargli un pompino.

Godo tantissimo finchè vengo inondando la faccia di Simone con i miei umori.
Decido che è la volta di sdebitarmi e faccio salire Simone, con una mano scappello il mio ragazzo con l’altra tiro fuori il cazzo dell’ amico, con gran stupore vedo un gran bel cazzo sui 22 cm e bello gonfio rivolto verso di me, comincio a massaggiarglielo, e dopo un paio di movimenti comincio a leccarglielo tutto intorno la cappella scendendo lungo tutta l’ asta, lo sento pulsare smetto adesso lo voglio dentro.

Mi metto a quattro zampe , mostrano a Simone tutto quello di cui dispongo, il suo sguardo è in ecstasi, mi massaggia prima la fica con l’altra si massaggia il cazzo , comincia a inserirmelo prima sento la cappella gonfia contro le mie labbra, dopo lo sento tutto dentro, ed è veramente grosso prendendomi per i fianchi comincia a fare movimenti lenti, mentre godendo succhio il cazzo del mio ragazzo facendolo ansimare come non mai.

È l’ ora del cambio il mio ragazzo me lo infila nel culo facendomi urlare mentre Simone si mette davanti a me aspettando il suo momento di gloria, gli lecco le palle con molta maestria, lui gode poi salgo lungo l’ asta fino alla cappella, me lo lascio scivolare dentro la gola succhiando con gusto. Ha un sapore forte deciso di maschio, ansima come non mai lo vedo è al limite mi fermo, faccio uscire anche il mio ragazzo al limite anche lui.

Ho due cazzi belli gonfi pronti ad esplodere rivolti verso il mio viso, gli sego entrambi spompinandoli a turno, ed ecco che arriva la prima sborrata è quella di Simone che mi inonda il viso e la bocca di fluido caldo è tantissimo, aveva le palle molto gonfie, ha un buon sapore deciso, comincio ad ingoiare e a ripulire bene il suo cazzo con la lingua, quando arriva anche la sborrata del mio uomo, adesso ho la faccia e la bocca piene di sperma, il godimento è al massimo, loro sono fuori di testa mentre mi strofino i loro piselli pieni di sborra sulla mia faccia, ingoio e ripulisco tutto per bene, ma ho ancora voglia di godere.

Continuamo altre due tre ore in posizioni e sborrate varie.
È l ‘ ora dei saluti Simone se ne va ringrazia per la bella serata, da quel giorno quando mi vede il suo sguardo si accende sempre come non mai, ma quella è stata la prima e ultima sera dove ha potuto possedermi come nei suoi sogni più remoti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *