Storia di una sissy – .Continuazione

Dopo avermi rotto per bene il culo con il fallo, lo sostituii con il suo cazzo scuro. Entrò senza fatica ed incominciò a scoparmi continuando a rovesciarmi addosso una moltitudine di improperi ed umiliazioni, mi stava dominando,ero la sua schiava. Mi montò a lungo,non avevo più il culo e finalmente venne. Si tolse il preservativo pieno di calda sborra e tenendolo con le dita me lo mise in bocca. Con la lingua sentivo il calore del suo seme attraverso il sottile strato di lattice, poi lo tolse e lo svuotò sul mio petto.

spalmandolo tutto. Senza ripulirmi mi rivestii e me ne andai. Arrivato a casa mi spogliai,avevo il petto con le macchie di sborra asciutta,avevano ancora l’odore di sperma. Mi lavai e andai a letto. Purtroppo non ebbi più occasione di avere altri incontri,ma da quel giorno si risvegliò in me l’inclinazione ad essere passivo come lo ero stato agli inizi con il mio primo amichetto. Cosciente del mio ruolo, passati alcuni mesi andai ad un altro appuntamento con un trans.

Arrivato d lui,chiesi del bagno,mi chiusi dentro e ne uscii indossando calze autoreggenti e perizoma. Mi guardò un pò sorpreso,allorchè gli dissi che sarei stato solo passivo. Era un bel trans sudamericano,giovane con un bel seno e fisico asciutto. In ginocchio davanti a lui gli tolsi le mutandine ed iniziai a leccargli le palle,lui stesso dopo qualche secondo prese il suo cazzo ancora mezzo moscio e lo ficcò nella mia bocca. Ci volle poco a farlo rizzare,lo spompinavo al meglio delle mie capacità,finchè mi chiese se volevo mi venisse in bocca.

La cosa mi piaceva ma temevo che una volta venuto sarebbe finita così,mi fermai e gli chiesi se poi avremmo continuato. Ricevuta una risposta affermativa,continuai con il pompino ed ecco che un gemito precedette tre fiotti di caldo sperma mi riempirono il cavo orale,Ingoiai tutto,subito. Mi rialzai e mi fece stendere a letto,inrcedibilmente in pochi minuti il suo bel cazzo era nuovamente pronto. Disteso sulla schiena, mi sollevò le gambe ed in questa posizione si apprestava ad infilarsi il preservativo, gli dissi che dopo aver bevuto il suo sperma cosa serviva che lo mettesse e così mi penetrò a cazzo nudo.

Reduce dall’eiaculazione andò avanti parecchio,sentivo il suo membro nelle mie viscere come non mai, Mentre mi scopava mi prese l’uccello in mano ma gli dissi di toglierla poichè sarei venuto senza toccarlo. Sentivo l’orgasmo salire dall’ano verso le palle,incitandolo a sbattermi più forte mi sborrai addosso, ebbi un orgasmo veramente forte, con la mano raccolsi lo sperma e mo lo portai alla bocca. Lui continuava a trapanarmi e venne, poca roba che scaricò nel mio retto.

Si levò,qualche goccia colava fuori,lui stesso la prese e me la portò alla bocca. Era da molto tempo che non mi facevo sborrare nel culo,la prima da un trans,mi sentivo appagata e soddisfatta. Ritornai a casa, giuntovi ripensando alla scopata mi eccitai,rimasi solo con le calze e mi impalai con il mio dildo,sborrai a terra e con la lingua ripulii tutto il mio caldo seme. Scoperto il mondo dei sissy iniziai ad approfondire l’argomento e trovai che mi era molto congeniale,soddisfare ed obbedire al partner,trovai dei siti ove erano spiegate le modalità per diventare una sissy ed inizai ad applicarle.

Mi depilai completamente,imparai a truccarmi, mi procurai un costume da cameriera,biancheria intima,calze ecc, incominciai a tenere in esercizio il mio buco con il dildo,indossavo un butt plug durante le ore trascorse a casa, e così sono divento una sissy….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *