Storia di due ragazzi – Capitolo uno

Capitolo Uno

Il tuono brontolò tranquillamente in distanza. Matt non se ne preoccupò; aveva tutto ciò di cui aveva bisogno ed era contento. Il fuoco ardeva nel camino, l’album preferito nel lettore CD, una raccolta di XY Magazine e Tucker, il suo fedele cane sdraiato accanto a lui, accoccolato contro di lui per tenere caldo.
Il tempo fuori era tetro e cupo, c’erano due gradi all’aperto e la pioggia poteva: a) aumentare il freddo, b) trasformandosi in neve, c) ambedue.

Non l’avrebbe voluto ma era sicuro che uno dei tre casi stava per accadere. Tucker guaiva piano nel sonno, probabilmente stava sognando di inseguire conigli. Matt lo guardò e sorrise. Prese un XY Magazine e lo sfogliò ammirando le immagini.
Lui aveva 17 anni e sapeva di essere gay da quando ne aveva 12, quando aveva visto il suo primo ragazzo nudo: suo cugino Tommaso che allora ne aveva 14. Capì che era attirato più dal suo sesso che dall’altro, disgustoso! Nauseante! Le ragazze! Ora ne era sicuro.

lui sapeva, di sicuro, di essere gay.
Molte ragazze gli avevano detto che era “Così carino!” e “Figo!” e “Adorabile!”, ma nessuna di quelle cose gli importava. Voleva sentire quelle cose da un ragazzo. Pensava di non aver un cattivo aspetto: capelli biondi lunghi sino alle orecchie, occhi verde smeraldo, un metro e ottantasette per 83 chili, magro e ben fatto (un torace ed addominali definiti), gambe ben fatte. Aveva anche un impressionante cazzo da 18 centimetri di cui era abbastanza orgoglioso.

Era abbastanza popolare a scuola: indossava vestiti di marca, seguiva le ultime mode… era un ragazzo piuttosto figo! Ma nel suo profondo voleva essere se stesso. L’immagine che dava a scuola era pesante da sostenere. Era come se quando andava a scuola entrasse in un’altra vita, si trasformava da Matteo teenager gay a Matteo al 100% etero! E lui odiava questo fatto. Ma era colpa sua. A scuola non si era mai comportato come il suo vero se stesso e se l’avesse fatto probabilmente le cose sarebbero state diverse.

Ma era riuscito a fare coming out con uno dei suoi migliori amici. Ci volle molto tempo, ci aveva pensato molto e quando furono faccia a faccia, si scosse e quasi scoppiò in lacrime. Ma si controllò e disse al suo miglior amico il più grande, più profondo segreto: lui era gay. Enrico sorrise e disse: “Pensi che non abbia visto le riviste nella tua stanza! “
L’espressione di Matt fu di stupore.

“Matt, se non volevi che lo sapessi, avresti dovuto tenere quelle riviste lontano dalla vista della gente. Li hai lasciati in giro come se fossero i tuoi compiti a casa!”
Matt non poté far altro che ridere e, per una volta, si sentì leggero come se gli avessero tolto un grande dal torace.
Guardò Enrico negli occhi e disse: “Quindi per te non ci sono problemi?”
“Dannazione, sì! Oh, bontà divina, gli piacciono i ragazzi, bruciamolo legato ad un palo!”
E tutti e due scoppiarono a ridere.

Matt abbassò lo sguardo al pavimento, poi tornò a guardare Enrico e disse piano: “Grazie!”
“Nessun problema, uomo! Inoltre penso sia una buona cosa. “
“Una buona cosa?”
“Sì. Se mai avrò bisogno di una bella fottuta, dovrò solo bussare alla tua porta!”
Matt gli diede allegramente un pugno su un braccio. “Naturalmente! Tu otterrai tutto da me, amico!”
Quindi Enrico l’aveva presa bene, ci scherzava, questo fece comprendere a Matt di avere dei veri amici, ed Enrico era uno di loro.

Ed ora, seduto sul divano con un paio di boxer larghi ed un accappatoio, i capezzoli eretti per il freddo, si rese conto di quanto veramente amava Enrico, non sessualmente, ma come amico.
Il tuono si fece più vicino preceduto dal lampo. Il telefono trillò e Matt emise un debole gemito, si aspettava che fossero i suoi genitori che lo controllavano dall’estero dove stavano facendo una seconda luna di miele.

Ma non era così, era Enrico.
“Hello?” Disse non sapendo chi ci fosse all’altro capo.
“Matt? Ehi, sono Enrico. ” Sollievo!
“Ehi, come va?”
“Oh, così. Mi stavo chiedendo… pensi che potrei venire da te? I miei genitori sono via e non mi piacciono i temporali… “
“Ok, va benissimo! Ti devo avvertire che non sono ancora vestito. “
“Um… ok… basta che tu non sia nudo. “
“No… non completamente.


“Oh, buondio. Oh, bene, mettiti quello che trovi, sarò lì in un momento. “

E “in un momento” era giusto in considerazione del fatto che vivevano porta a porta. Matt non si preoccupò di nascondere le sue riviste; Enrico sapeva e non aveva problemi.
Il campanello suonò due minuti più tardi. Matt andò alla porta, i suoi 13 centimetri di cazzo molle ondeggiavano avanti ed indietro nei boxer, alla porta c’era un infreddolito Enrico con una sacca da viaggio.

“Ehi, spero che tu mi inviti a rimanere a dormire… ” Disse l’amico timidamente.
“Naturalmente, mamma e papà staranno via fino a giovedì, quindi va tutto bene. “
“Figo. Grazie, uomo. “
“Di nulla. “
Enrico appoggiò la borsa sulla tavola della cucina ed andò a sedersi accanto al fuoco per scaldarsi. Matt riprese il suo posto vicino a Tucker che era ancora addormentato…
“Ragazzi, avevi ragione, sei quasi nudo!” Disse Enrico guardando l’amico.

“Beh, quando sono in casa da solo, non me ne preoccupo. Credo che anche tu non abbia problemi… o no?”
“Sì. Hai ragione. ” Disse Enrico scaldandosi le mani. Matt prese un altro XY lo sfogliò ammirando ancora una volta tutti quei ragazzi carini.
“Cosa stai leggendo?”
“XY. “
“Cos’è?”
“Una rivista di teenager gay. È veramente figo. “
“Ci sono su uomini nudi?” Chiese Enrico curioso.
“Abbastanza… ci sono culi nudi dappertutto… ma ci sono ragazzi veramente eccitanti, lasciamelo dire!”
“Fammi vedere.


Matt gli lanciò una rivista, lui la sfogliò e vide l’immagine di due ragazzi che si baciavano. Il suo inguine si agitò e questo lo sorprese.

Anche Enrico aveva un segreto, ultimamente sognava ragazzi, specialmente Matt. Ed in quei sogni lui baciava l’altro ragazzo o lo toccava o cose del genere. Non si era mai sentito attratto da un membro del suo stesso sesso, ma il suo inguine cominciò a formicolare quando vide Matt in veste da camera come era in quel momento.

“Matt… ” cominciò.
“Sì?” Disse Matt, alzando gli occhi dalla sua rivista. Enrico notò quanto era bello, aveva zigomi perfettamente definiti, le labbra piene e rosa e poi c’erano i suoi occhi. Erano grandi occhi di un verde profondo. Se li guardavi ti perdevi in loro.
“… beh… stavo pensando. “
“Cosa?”
“Bene… mi stavo chiedendo… se… beh… ” Poi decise di dirlo: “Mi stavo chiedendo com’è baciare un altro ragazzo.


“Com’è cosa?” Enrico accennò col capo. “È come baciare una ragazza, credo… per me è solo… più sexy. Mi piace di più. “
“Vorresti… baciarmi?”
“Cosa stai dicendo?”
“Sto dicendo che… vorrei sapere com’è baciare un altro ragazzo, e speravo che tu me l’avresti mostrato. “
“Sei sicuro?” Enrico accennò di nuovo col capo. “Andiamo. ” Disse Matt accarezzando il pavimento vicino a sé mentre si sedeva per terra. Enrico si avvicinò e gli si sedette di fianco.

“Ok, te lo mostrerò, ma se lo trovi da checche o vuoi che mi fermi, devi solo dirlo, Ok?” Enrico accennò col capo.

Matt si sporse ed Enrico fece lo stesso. Corrugarono le labbra, chiusero gli occhi e le loro labbra si incontrarono. Rimasero così per cinque secondi buoni prima che Enrico si tirasse via.
“Wow” Disse, le sue guance erano rosse ed era piuttosto agitato.
“… E questo è come…” Matt fece per ritornare sul divano, ma Enrico mise una mano sulla sua coscia.

“Possiamo farlo di nuovo?”
“Enrico, c’è qualche cosa che vorresti dirmi?”
“Matt… io non so. Ultimamente sto avendo dei sentimenti per te. Un sogno…” La voce di Enrico si affievolì.
“Un sogno?” Matt chiese, mentre gli suggeriva di continuare con la frase e descrivesse il sogno.
“Sì, … ci baciamo. “
“Pensi di essere gay?”
“Io… io non so. Voglio dire, non ho mai avuto precedentemente queste sensazioni. “
“Che sensazioni sono?”
“Sensazioni sessuali… verso un altro ragazzo.


“Cosa altro accadde in questi sogni? “
“Tu… mi tocchi il cazzo ed io tocco il tuo… e siamo nudi… “
“Oh, mi sento speciale. ” Disse Matt e sorrise.
“Matt, io voglio sapere com’è…”
“Com’è cosa? Ti ho baciato… “
“Lo so. Io voglio sapere com’è fare sesso con un altro uomo. Lo voglio sapere e voglio scoprirlo con te. ” Enrico sospirò profondamente e poi fu preso da una sensazione che non gli permetteva di guardare verso Matt.

Imbarazzato.
Matt gli mise una mano sulla gamba. “Sei sicuro?”
Enrico alzò lentamente lo sguardo verso l’amico ed accennò col capo.
“Ok. E se vuoi smettere in qualsiasi momento, dimmelo, ok? E smetteremo. “
Enrico accennò col capo di nuovo, poi chiese: “Come cominciamo?”
“Bene… ” Disse Matt, si chinò e mise le labbra su quelle dell’altro. Le mani si portarono ai fianchi di Enrico e li strinse leggermente. Nuovo a queste cose, mise una mano sulla spalla dell’altro ragazzo.

Le mani di Matt scivolarono su e giù sulla schiena di Enrico, poi lentamente prese l’orlo della sua camicia, lentamente gliela sfilò dalla testa e poi la lanciò da parte. Enrico non faceva resistenza salvo un grugnito quando interruppero il bacio. Matt si scostò e guardò il corpo dell’amico. Era una copia quasi uguale del suo: torace definito, addominali, corpo liscio… l’uccello gli diventò immediatamente duro.
“Sei fantastico!” Disse.
Enrico si strinse di più a Matt e spinse via l’accappatoio dalle sue spalle.

“Anche tu. “
Matt sorrise e fece correre le sue mani sul corpo duro e liscio di Enrico che tremò, Matt si fermò spaventato, pensando di aver fatto qualche cosa di male.
“No! Non fermarti!” Matt fece sdraiare lentamente Enrico e si abbassò su di lui. Si baciarono ancora ed Enrico mosse le mani lungo la sua schiena e poi, anche se era nervoso, mise le mani sul sedere dell’amico e lo massaggiò.

I boxer di Matt non impedirono ad Enrico di esplorare ogni centimetro del suo didietro.
Matt interruppe di nuovo il loro bacio e scese lentamente baciando il torace dell’amico fino allo stomaco. Si fermò all’ombelico e lo leccò, poi sbottonò ed aprì la cerniera dei pantaloni, glieli tirò giù esponendo i suoi boxer rosso brillante. Matt cominciò a ridere alla vista del colore intenso dei boxer ed alla risata Enrico si mise a sedere.

“Cosa…? Cosa c’è?”
“N…nulla! ” Disse Matt ridendo. “È solo che i tuoi boxer mi hanno preso di sorpresa! Non mi aspettavo di veder apparire questi boxer estremamente brillanti!”
“Oh, è un sollievo. Pensavo che stessi ridendo di me, sai… “
Matt mise audacemente una mano sulla sua protuberanza e gliela strinse un po’. “No, non c’è niente di cui ridere!” Disse e sorrise.
Anche Enrico sorrise. “Non voglio fare il guastafeste, ma non c’è qualche cosa da mangiare? Sono morto di fame.


“Sicuro!” Disse Matt ed andarono in cucina dove trovarono degli hamburger che la mamma di Matt aveva preparato per la cena della sera precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *