sempre più troia seconda parte .

Ci eravamo lasciati , che io e mia moglie eravamo in macchina.
Dunque , lei cominciò a fare su e giù con la sua splendida fica bagnata , con il cambio della macchina , ad un certo punto sfilatoselo mi disse se volevo provarlo anche io.
Ci pensai un pochino , e poi accettai.
Prima la signora mi lubrificò per benino il culo e poi cominciai piano piano a farmelo entrare dentro.

Con mia sorpresa non faticai molto a farmi scomparire tutto il cambio dentro al culo.
lei mi guardava e mi insultava dicendomi che ero una vacca sfondata.
Intanto si sditalinava e mi diceva che ero una troia e che voleva vedermi sempre così.
Quella sera mi obbligo a tenere il suo intimo.
Tornammo ognuno a casa propria.
L’indomani ci sentimmo per telefono , e mi disse che voleva andare a comprare dell’intimo nuovo per tutte e due noi.

Lei aveva un amica che aveva un negozi di intimo , che poi scopri essere anche una sua amante.
Entrammo nel negozio ci salutammo e senza parafrasi la mia lei disse alla sua amica , grassotella e con ua faccia da troia , che voleva acquistare dell’ intimo sia per lei che per me.
la sua amica non fece una piega , chiuse a chiave la porta del negozio e ci fece accomodare i camerino prova.

Ci spogliammo e cominciammo a provare intimo molto sexy.
Vedevo che tra le due lei stava succedendo qualche cosa.
Ma questo ve lo racconto un altra volta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *