Sedotto!

Allora avevo 24 anni, single, gay, vivevo in un piccolo appartamento mentre stavo finendo l’università e lavora in un piccolo supermercato.
Poco prima della chiusura entrò un ragazzo dannatamente carino.
Io ero dietro la cassa e mi stavo godendo una rivista di nudi gay quando ebbi l’impressione che qualcuno mi stesse osservando, girai la testa ed era il bel teenager.
“Posso aiutarti?” Chiesi studiando il suo bel sorriso ed il suo giovane corpo.

Lui si guardò intorno. Eravamo le uniche due persone nel negozio e mi chiese facendomi l’occhiolino: “Dove sono preservativi?”
Lo fissai negli occhi blu e lui non abbassò lo sguardo. Io ridacchiai e gridai: “Via di qui piccola peste!”
Lui apparve indignato come se dicesse: “Come osi!”
“Cosa vuoi dire, non vendete preservativi?” chiese ingenuo. “Esci di qui, sei troppo giovane per parlarne. ” esclamai e poi feci una pausa. “Forza esci,” strillai. “Sei figo,” sparò mentre mi passava davanti di corsa ed io ridevo e scuotevo la testa finché non mi accorsi della copia della rivista porno gay che tenevo aperta alla pagina centrale in piena vista.

“Sei sexy!” gridò il ragazzo sporgendo la testa dalla porta. “Ti amo!” sbottò poi sbattendo la porta. “E’ matto!” borbottai piegando la rivista sotto la cassa.

“Ciao, ti ricordi di me?” Chiese lo stesso ragazzo la sera seguente. “Come potevo dimenticarti,” sbottai sorridendo e fissandolo negli occhi brillanti. “Posso aspettare mentre finisci il lavoro?” chiese. “Aspettare cosa?” chiesi. “Aspettare fino a che non avrai finito e poi possiamo andare nel tuo appartamento se vuoi e mi lasci comprare una s**tola di preservativi.

” mormorò guardandomi di traverso.
“Perché dannazione hai bisogno di preservativi?” chiesi. “Non puoi avere più di 14 anni,” aggiunsi. “Ho l’età legale e voglio comprare una s**tola di preservativi, è un grosso problema?” “Scommetto che non hai i soldi,” sparai di nuovo. “Ecco!” esclamò mettendo una mano nella tasca ed estraendo un portafoglio. “Quanto fa?” chiese.
Mi voltai e presi una s**tola di preservativi dallo scaffale. “Dieci euro. ” dissi sbattendoli sul bancone.

“Posso avere un sconto?” chiese. “Facciamo 9 euro,” dissi io. “Ecco i dieci, grazie,” disse mettendo i preservativi nella tasca anteriore dei jeans larghi. “Ecco il resto, e cosa ne farai?, non riempirli d’acqua e non lasciarli cadere dal balcone sulla testa di qualcuno!” dissi ridacchiando. “Non preoccuparti, ti mostrerò quello che ci farò più tardi con un paio di loro se mi porterai a casa con te. ” “Siamo su Candid camera o sulla sua versione hard?” chiesi.

“Cos’è Candid camera?” chiese guardandomi sconcertato.

“Va vene se sto qui e ti parlo finché non entra qualcuno o finché non finisci?” chiese.
“Per me va bene”
“Io mi chiamo Tom e tu?”
“Tony-”
“Io penso che tu sei figo e sexy, sei italiano?”
“No, franco canadese”
“Anch’io, ma non sembra, vero?”
“Veramente no, non ci sono molti franco canadesi biondi. ” affermai.
“Parli francese?” chiese in francese.
“Naturalmente,” risposi in francese.

Mi piace la tua barbetta a punta,” bisbigliò. “E hai anche un gran sorriso, io non mi rado, non ho cominciato ancora. ” aggiunse.
“Non mi avresti potuto imbrogliare” ridacchiai di nuovo.
“Tu pensi che io stia scherzando, non è vero?” chiese.
“Sul fatto di radersi?” chiesi e lui rise come me.
“Hai un ragazzo?” chiese.
“Chi ti dice che io sia gay?”
“Io so che lo sei, ti ho visto con un altro ragazzo molte volte l’anno scorso e so dove abiti.

” “Stai facendo dello stalking?” chiesi ridacchiando.
“Ti piaccio?”
“Non ti conosco”
“Pensi che io sia bello? Io penso che tu sei veramente bello,” bisbigliò.
“Sicuramente lo sei,” risposi.
“Mi insegnerai a baciare?”
“Non credo alle mie orecchie. ”
“Per favore, non sto scherzando, penso che sei bellissimo,” mormorò.
“L’hai mai fatto?” chiesi, non potevo credere a quello che stavo chiedendo al bel ragazzo. “Non ancora,” rispose.
“Così, hai un ragazzo?” chiese.

“No. ”
“Quel ragazzo con cui ti ho visto tante volte l’anno scorso era il tuo ragazzo?”
“No, beh, lo era, ma ora non lo è più, la nostra storia è finita,” borbottai frustrato e trovandomi a fissare l’inguine del giovane.
Mi appoggiai alla vetrina delle sigarette e misi una mano sul mio inguine. Tom avanzò e mise la sua mano sul suo inguine. Sorrise da orecchio ad orecchio. ‘Cosa cazzo sto facendo?’ mi chiesi sentendo che il mio cazzo si contorceva.

“Fa veramente freddo, eh?” disse Tom chiudendosi il colletto e spingendo i pugni nelle tasche dei pantaloni mentre si avvicinava a me.. “Fa veramente freddo,” mormorò. “Cammina più veloce,” dissi tremando.

“Togliti la giacca,” dissi togliendomi la mia mentre fissavo il suo inguine che formava una protuberanza sempre più grossa.
“Mi piace la tua casa. ” disse a bassa voce fissando la mia protuberanza.
“Torno subito,” dissi andando in cucina a prendere un paio di whiskey e coca.

“Un drink” chiesi.
“Ok,” disse prendendo il bicchiere.
“Non li ho fatti forti,” borbottai sedendomi accanto a lui sul divano. “Hai chiuso la porta a chiave?” chiesi.
“Non ci ho pensato!” disse saltando in piedi.

Ritornò con un sorriso raggiante e si sedette accanto a me.
“Posso toccarti la faccia?” chiese.
“Hai un’erezione?” chiesi guardandogli l’inguine.
“Uh-huh,” mormorò arrossendo e fissando la mia protuberanza.
“L’hai mai fatto?” chiesi.

“Me l’hai già chiesto. No, non l’ho mai fatto,” rispose.
“Ok, sei nervoso?”
“Un po’, e tu?”
“Sì,” risposi.
Le sue labbra rosa vibrarono. Le sue palpebre sbatterono quando cominciammo a baciarci. “Ora fallo lentamente,” borbottai mordicchiandogli le labbra.
“Amo le tue labbra, amo baciarle,” affermò lui. “Sapevo che lo volevo,” aggiunse carezzandomi la guancia.
“Finiamo i nostri drink e poi apriremo il divano letto,” bisbigliai.
Mi appoggiai indietro prendendolo nelle mie braccia quando lui si chinò indietro.

Abbassai la testa a baciare le sue labbra calde. La sua tempia battè contro la mia protuberanza, io misi la mia destra sulla sua protuberanza.
“Oh” si lamentò piano, non la strinsi; usando il palmo glielo feci rotolare sopra mordicchiandogli leggermente le labbra.
“Sta colando?” chiesi.
“Molto,” bisbigliò.
“Mettiti davanti a me e te li toglierò,” mormorai. “A che ora devi essere a casa?” chiesi slacciandogli la cintura.
“Mio papà non se ne preoccupa.


“Mì succhierai il cazzo quando io succhierò il tuo?” chiesi.
“Oh uomo, sì,” borbottò.
Lui rabbrividì e io dissi, “Non porti mutande. ” mentre i suoi pantaloni cadevano alle sue caviglie.
Il suo cazzo era duro come un osso. Non sembrava ma invece era grosso!
“Tiratii via camicia e canottiera,” gli dissi sottovoce portando le mani ai lati delle sue cosce.
Il suo cazzo era diritto e faceva una leggera curva verso la pancia.

“Che dolci palle,” dissi piano colpendo la palla sinistra con un dito.
Tom si contorse e si lamentò.
“Palle sensibili?” chiesi.
“Uh-huh,” mormorò.
“Vuoi che te le succhi?”
“Oh, sì,” gemette.
“Sei fottutamente sexy,” dissi sottovoce facendo correre due dita sulla parte inferiore del suo grosso uccello.
Gli chiesi di uscire dai pantaloni mentre mi togliva dalla testa la mia maglia col collo a V. “Posso toccarti il torace?” chiese.

“Uh-huh,” mormorai appoggiandomi un po’ indietro.
“E’ così caldo e morbido,” disse piano passando le dita tra i peli del mio torace. “Devi fare molta ginnastica,” aggiunse sfregandomi i pettorali.
“Spingi via il tavolino, mettiti in ginocchio e tirami via scarpe, calze, pantaloni e boxer” Dissi sorriderndo.
“Tutto bene?” chiesi mentre lui fissava la mia erezione da 20 centimetri intonsa. “Ti piace?”
Lui accennò col capo e vidi aumentare il suo sorriso.

Sballottai la mia erezione e lui ansò e ridacchiò.
“Ti piacerebbe dare una piccola succhiata al mio uccello?” io chiesi.
“Ok” mormorò strisciando tra le mie gambe.
“Non so se hai mai succhiato un cazzo prima di ora ma non usare i denti,” Dissi sottovoce allargando ulteriormente le gambe. “Ti piacciono le mie noci pendenti?” chiesi.
“Posso anche toccarle?” chiese.
“Sei libero di farlo, lavorami il prepuzio,” bisbigliai.
“Non l’ho mai fatto!”
“Ok, fai quello che pensi sia giusto.

” risposi.
La sua mano calda e le dita flessibili erano magnifiche intorno alla base del mio cazzo ed io mi contorsi quando le sue dolci labbra pizzicarono il mio prepuzio.
“Tira indietro la testa, dagli una tirata,” mormorai. “Infila la punta della lingua nel prepuzio,” dissi a bassa voce mentre gli chiedevo di frugare tra le mie palle. “Così Tom, muovi lentamente il prepuzio sulla cappella. Succhiami forte la testa del cazzo.

Così Tom, torci le labbra con forza, infila la punta della lingua nel buco e fammi colare, succhia Tom, succhia. ”
Gli pizzicai il mento mentre gli davo un bacio appassionato.
“Sei un succhia cazzi nato,” dissi sottovoce facendogli l’occhiolino. “Vieni qui, mettiti sul mio grembo; io ti carezzerò il cazzo, giocherò con le tue palle sensibili e poi ti succhierò,” bisbigliai.
Lanciò le braccia intorno al mio collo mentre ci baciavamo.

Bisbigliò e si contorse quando la mia mano calda gli carezzò lentamente il grosso cazzo grasso. Con la punta delle dita pungolai il suo scroto liscio e stretto mentre continuavamo a baciarci con la mia mano destra che gli carezzava lentamente la verga.
“Dimmi quando stai arrivando così posso succhiarti l’uccello per un minuto o due prima che tu mi sborri in bocca,” dissi piano morsicandogli le labbra.
“Ora succhia per favore,” implorò.

“Rilassati Tom, cominciamo” dissi chinandomi e prendendo in bocca lateralmente la testa del suo cazzo.
Diedi un leggero pizzicotto al testicolo destro, Tom gemette e piagnucolò. Io mossi la testa su e giù un po’ più velocemente mentre gli tiravo la palla.
Strinsi la presa delle labbra non appena sentii il pene di Tom schizzare in fondo alla mia bocca. Il suo dolce giovane sperma colpì a piena forza il fondo della mia bocca.

Io ingoiai girando la testa per prendere in bocca l’intera lunghezza. Lui sparò un carico enorme mentre io ingoiavo la testa della sua asta.

Non ingoiai tutto, dopo avere tirato via le labbra dall’estremità del suo pene, alzai la testa a fissarlo negli occhi sorridenti, corrugai le labbra. Tom girò la testa, prese la mia nuca e mi avvicinò fino a che le nostra labbra non si toccarono.
“Mmm” mormorai facendo colare piano il resto del carico tra le sue labbra.

“Non ingoiare,” dissi alzandolo. “Girati e fammelo colare in bocca!”
Ci abbracciammo e baciammo appassionatamente dopo esserci scambiati il suo giovane seme dolce. “Ora apriamo il divano-letto,” dissi.
“Dove sono quei preservativi?” chiesi e lui ridacchiò mordendomi le labbra.
“Sono qui,” disse dopo aver frugato in una tasca.
“Mettimene uno sul cazzo,” dissi a bassa voce pizzicando la base della mia erezione.
“Sei mai stato inculato?” chiesi mentre lo guardavo srotolare il preservativo sulla mia asta.

“No” rispose.
“Tu vuoi che fotta il tuo bel sedere, non è vero? Vuoi darmi la tua illibatezza, ok?” chiesi. “La tua verginità,” dissi quando chiese cos’era l’illibatezza.
“Usa quanto lubrificante vuoi,” gil dissi dandogliene un tubo. “Spremimene un po’ sul palmo e lubrificherò quel sedere stretto e caldo,” dissi a bassa voce mordendogli le labbra calde.
“È probabile che ti sembri di dover andare a fare la pipì,” dissi carezzando delicatamente la sua prostata con la punta del mio dito.

Gli chiesi di stare a gambe divaricate sopra le mie anche. “Io terrò il mio cazzo diritto così. Tu dovrsi accosciarti lentamente ed io guiderò la testa del mio cazzo nel tuo sedere. Fallo lentamente, non lasciarti cadere,” dissi promettendomi di trattenerlo se si fosse abbassato troppo velocemente.
“Ok, Tom, vai ora, la testa del mio cazzo sta stirando il tuo buco del culo, afferra le mie braccia, guardami, ok. ”
Gridò un po’ e piagnucolò.

“Rilassa quel bel sedere e se fa male alzalo alla fine della mia verga,” dissi a bassa voce afferrando i suoi avambracci.
Dovevo rimanere freddo sapendo che lui mi avrebbe fatto sborrare presto scopando il suo culo vergine che stringeva il mio cazzo.
“Guardami Tom,” implorai. “Se ti fa male, dillo, potremo fottere un’altra volta,” bisbigliai.
“Io ti amo, io voglio che tu mi inculi, e voglio sentirti fottere e fottere e fottere il mio culo.


“Non se ti farà male, ok?” dissi chinandomi in avanti a baciare le sue dolci labbra.
Lui alzò il sedere al termine del mio pene.
“Sei agitato?” chiese.
“Abbastanza,” dissi.
“Puoi provare a fottermi in un’altra posizione?” chiese.
“E’ questo che vuoi? Non penso che vada bene incularti a quattro zampe, ma penso che se ci sdraiamo sui fianchi potrebbe andare bene,” mormorai togliendo la testa del mio uccello dal suo sedere e mettendomi sul fianco del divano con Tom a quattro zampe col culo sporto verso di me.

“Così è molto meglio, vero?” chiesi appoggiando il mento sulla sua spalla, eravam sdraiati sui fianchi tenendo la sua gamba destra alta in aria. Tom allungò una mano dietro di se e guidò il mio cazzo nel suo sedere vergine.
“Oh sì,” sospirò con la metà della mia erezione che scivolava nel suo sedere.
“E’ così fottutamente stretto,” borbottai.
“Non fa male, sembra solo così stretto,” rispose lui spostando il culo di un paio di centimetri.

“Sì Tom, così e riuscirai a prendere tutta la mia lunghezza e arrivare alla radice del mio uccello,” mormorai girando la testa a mordicchiargli un orecchio.
La destra di Tom toccò la mia giuancia destra. “È così bello,” bisbigliò.
“Posso muovere le anche per infilarlo tutto?” gli chiesi baciandogli l’interno del polso. “Uh-huh,” rispose.
“Devi solo alzare questa gamba di cinque centimetri,” dissi spostando in avanti le anche.
“Perfetto, è tutto dentro e le tue palle sono appoggiate al mio pube.

“Il tuo didietro, voglio dire il mio didietro è così caldo,” disse a bassa voce imbarazzato stringendo il suo buco intorno alla base del mio pene. “Ora lascerò andare la tua gamba. Tu deciderai se tenerla in alto. Sto per scivolare la mia mano sotto il tuo braccio destro per tirarti più vicino a me, poi ti strofinerò il torace liscio, la pancia e gli addominali,” bisbigliai.

“Oh” si lamentò quando mossi la mia erezione.

“Ti ho fatto male?” chiesi.
“No. ”
“Amo il tuo torace liscio e la tua pancia dura e questo che cos’è?” chiesi quando la mia destra incontrò la testa della sua erezione. “Oh sì e sta anche colando,” mormorai usando la punta delle dita per torcere il suo bastone sensibile. “Yum” dissi mettendomi in bocca la punta delle dita. “Ne vuoi un po’?” chiesi baciandogli una guancia.
“Ok” rispose.
“Succhia Tom,” dissi a bassa voce offrendogli la punta delle dita.

“Oh” grugnì quando lo pizzicai, mi contorsi e spinsi profondamente la mia erezione dentro il suo culo vergine.
“Non mi sono mai sentito così arrapato in tutta la mia vita,” dissi piano mordicchiandogli il lato del collo. “E’ così bello con te,” aggiunsi sfregandogli il torace liscio e la pancia. “Vuoi che meni questo grosso cazzo?” chiesi ridacchiando.
“Ti piace?” chiese girando la testa.
Ci baciammo appassionatamente con la punta delle mie dita che carezzavano delicatamente il suo pene.

“Amo il tuo cazzo,” dissi a bassa voce baciandogli il lato del collo. “Posso farti venire di nuovo?” chiesi.
“Ok,” rispose.
“Riesci a sborrare col mio cazzo nel tuo sedere?”
“Ci sono quasi,” rispose.
“Spara il tuo seme,” bisbigliai. “Non chiudere gli occhi Tom, spara il tuo seme, sparalo per me, guarda Tom guarda, stai sborrando ed il tuo sedere sta spremendo il mio cazzo così fottutamente forte, spara tutto il tuo sperma Tom, sparalo!” “Ora dammi un po’ della tua sborra calda e bevi il resto,” dissi muovendo il mio bracco sotto il suo.

Tom mi diede il suo seme caldo nel suo palmo. “Mmm” borbottai assapporando il suo giovane sperma dolce ed appiccicoso.
“Baciami Tom, le tue labbra sono rivestite del tuo sperma,” dissi tirando indietro la testa.
Gli pizzicai il mento quando girò la testa. Lui mi fissò negli occhi da sopra una spalla. Sorrise ed io pigiai le mie labbra sulle sue.
“Pronto ora ad essere inculato, ora il tuo sedere è pronto, vero Tom?” chiesi.

“Molto pronto,” rispose spingendo indietro il culo contro la base del mio pene che si contorceva.
Massaggiai delicatamente il suo torace liscio, strofinai la sua pancia dura e gli addominali mentre lo chiavavo con passione. Gli menai l’uccello molle e giocai con le sue palle calde mentre lo inculavo sempre più velocemente.
“Sei ok baby?” chiesi.
“Mi farai venire di nuovo” rispose.
“E’ magnifico. Sborrerò presto, presto , presto Tom, molto presto” piagnucolai chiudendo gli occhi ed appoggiando il mento sulla sua spalla mentre gli carezzavo la verga di nuovo dura.

Il mio seme caldo allagò il terminale del preservativo. La mia verga stava nuotando nel mio sperma.
“Non smetto di venire, vengo, vengo!” ansai stringendogli il cazzo quando lui ricominciò a sborrare.
“Resterai tutta la notte con me?” chiesi e lui tubò come un piccione arrapato. “Non ho mai fottuto un culo senza preservativo. Posso farlo con te?” chiesi.
“Sei sicuro di aver sempre usato un preservativo?” chiese.
“Giuro che è vero e è vero che tu non sei mai stato inculato prima di oggi?”
“Finchè non l’hai fatto tu,” disse a bassa voce rotolando sulla schiena.

“Ok Tom, rotola di nuovo su di un fianco ed io spingerò di nuovo il mio cazzo nel tuo sedere. Non voglio incularti di nuovo ma lascerò il mio cazzo nel culo così rimarrà ritto. ”
“Cosa stai facendo?” chiesi mentre stavamo accoccolati dopo che ebbi spento tutte le luci.
Lui stava muovendo delicatamente il sedere fottendo il mio pene. “Non vuoi fare un pisolino?” gli chiesi baciandogli la nuca.
Fottimi, per favore” implorò.

“Se lo faccio ti sborrerò nel sedere. ”
Lui mosse il culo sempre più velocemente. “Ok Tom, va bene, facciamo l’amore. ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *