prima dell’autunno

Nico era venuto a conoscerci una sera dopo alcune telefonate conoscitive. Avevamo cenato con lui in un bel locale della nostra zona,degustato le prelibatezze del luogo e chiacchierato tantissimo. Erano le 23 eravamo stanchi ma felici di averlo conosciuto. Nico era un bell’uomo capelli brizzolati occhi neri un po’di pancetta come in quasi tutti gli uomini di mezz’eta’. Anche Nico come noi era appassionato cinofilo e condivideva l’amore x i cani oltre all’amore x tutti gli a****li.

Ci eravamo sentiti varie volte al cell. ma x reciproci impegni professionali non eravamo mai riusciti a concordare un incontro. Nico bramava vedere il nostro piccolo zoo e sopratutto i nostri cani,kira la nostra doberman dolcissima e chicco il nostro meticcio adorato,denominato il musicista x i suoi concerti fatti di abbai assordanti. Dopo la cena ci rechiamo a casa nostra e appena entrati Nico esulta,ma sono bellissimi Moni e si innamora subito della nostra doberman molto mansueta educata e coccolona.

Un bel caffe’è di rigore x una persona come lui molto socievole,educato,cortese ed ospitale. Si siede con Carlo sul sofa’e mi appresto a preparare un buon caffe’. Nico scusami per favore mi prenderesti la caffettiera li’in alto? certo carissima,scusami sai gli dico Carlo ha il brutto vizio di spostarmi sempre le cose poi non arrivo a prenderle. Nico mi allunga la caffettiera osservandomi con occhi lucidi che paiono stelle che illuminano un bellissimo cielo primaverile.

Scorgo il suo bel sorriso che mi illumina l’anima. Pur non essendo un adone Nico si presenta molto bene e soprattutto denoto la sua finezza,educazione e disponibilita’. Sorseggiamo un buon caffe’e conversiamo ancora di cinofilia. Io sto’anche frequentando un corso x diplomarmi educatrice cinofila. Dopo poco Nico mi chiede di andare in bagno,lo accompagno e chiudo la porta. Esce dopo circa 10 minuti. Scusatemi ma avevo caldo mi sono messo un po’piu’comodo ci dice Nico.

Torna sul sofa’con noi mentre guardiamo un bellissimo testo sull’educazione cinofila. I suoi occhi neri luminosi e brillanti come stelle mi scrutano e pare mi entrino nell’anima. Sento il suo respiro sul collo il calore del suo braccio vicino al mio mentre visioniamo un libro sulle razze canine. Carlo mio marito ha intenzione di adottare un altro cane un siberian husky o un alaskan malamute. Nico si è gia’accorto dela mia eccitazione mista ad un po’di imbarazzo e mi sussurra,Moni ma sei stanca o hai mangiato troppo?No affatto non preoccuparti gli rispondo.

Carlo da tempo si è gia’accorto dell’atmosfera che si sta creando,Nico mi intriga e dopo poco mi sento pervadere da un calore intenso. Scusatemi ma vado in camera a cambiarmi fa’troppo caldo. Carlo mi prende per mano e senza proferire sillaba mi trattiene sul sofa’. Inizia a sbottonarmi la camicetta in seta a slacciarmi il reggiseno,mi sento imbarazzata ma nel contempo eccitata e lo lascio fare. Il mio viso pare infuocato in un misto di imbarazzo ed eccitazione che mi pervade sempre piu’.

Nico ci osserva,pare mangiarmi con gli occhi. Moni mi sussurra lasciatelo dire sei bellissima ed hai un decolte’sublime. Chiudo gli occhi e mi lascio andare. Dopo poco mi ritrovo con sole mutandine e reggiseno tra di loro. Sento crescere il desiderio,i capezzoli sono turgidi e il mio intimo gonfio e umido. Carlo mi accarezza e bacia dappertutto,Nico mi tocca sopra le piccole mutandine rosse in pizzo trasparenti. Ansimo,gemo e non riesco a trattenermi. Apro gli occhi e inzio a spogliare Carlo gia’eccitato e voglioso.

Nico è rimasto in slip,pare un Dio greco. Dopo poco sento il membro turgido di entrambi fra le mie labbra,li succhio. li lecco avidamente come mai avevo fatto e l’eccitazione in me raggiunge l’apice. Mi ritrovo dopo poco completamente nuda tra le loro braccia,il mio clito pare scoppiare sotto i colpi della lingua di Nico mentre assaporo il turgido membro di Carlo tra le labbra caldo e pulsante di desiderio,pare un dardo infuocato tra le labbra e lingua vogliose.

Ansimo,gemo,sospiro mente Carlo mi gira alla pecorella e inizia penetrarmi,sento i colpi decisi ma dolcissimi dentro di me,intanto succhio avidamente il bel membro di Nico turgido e pulsante tra le mie labbra. Il sublime piacere che mi stanno dando mi manda in estasi,perdo ogni freno inibitore e squirto a fiotti ovunque,pare una fontanella la mia patatina,non mi trattengo piu’,gemo urlo e mentre il caldo e copioso nettare di Carlo mi entra nell’intimo il seme caldo e copioso di Nico inonda il mio viso.

.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *