Mia fantasia.Un regalo di a mio marito.

Era una mia vecchia fantasia… volevamo fortemente questa serata…

Questo racconto è frutto della nostra serata presso l’ Hollywood, durante un venerdi sera di Giugno.
E’ da circa un paio di anni che frequentiamo il mondo degli scambisti. Abbiamo fatto esperienze di scambio completo con altre coppie. Abbiamo partecipato a feste con piùcoppie. Abbiamo anche avuto esperienze di sesso “Hot”con anche lui bisex. Abbiamo un nostro annuncio su tutti i più importanti portali dedicati agli scambisti

Una esperienza, però, sembrava lontana dal poter essere realizzata: una Gang-Bang.

Eppure sapevo che Nykol, come molte altre donne, sognava, forse anche inconsciamente, di essere al centro dell’attenzione di più uomini contemporaneamente.
Il fatto di essere toccata, palpata con desiderio da mani sconosciute di uomini desiderosi di “approfondire” un incontro iniziato col “tatto”. Sconosciuti che ti desiderano, che ti bramano, che ti toccano, che ti esplorano, che si toccano in maniera più o meno furtiva mentre immaginano di poterti possedere davanti ad altri uomini altrettanto eccitati.

Sapere di avere intorno a se più uomini che ti desiderano con concupiscenza con una voglia ossessiva e compulsiva di possedimento assoluto e completo.

Magari nell’oscurità di un Privè, dove tutto diventa ancora più incerto e indefinito e, proprio per questo, ancora più eccitante. Ma il pensiero più perverso e per questo eccitante da morire è quello di fare tutto questo davanti al tuo uomo.
All’uomo che ami. All’uomo che vive la quotidianità con te.

A tuo marito. Per poi, magari, fare l’amore in maniera ancora più intensa e appassionata. Questi erano i pensieri di Valeria. In parte privati,in parte esternati o fatti t****lare durante gli incontri più intimi di un normale (o forse no?) rapporto sessuale di coppia.

Pensieri. Sogni. Parole accennate. Mezze confessioni. Per un uomo questo porta ad un bivio: far finta di niente e continuare a vivere il rapporto con la consapevolezza che tutti noi abbiamo delle fantasie sessuali; trasformare in realtà queste fantasie per dare alla propria donna il piacere che questa ha vissuto magari nel proprio inconscio o nelle proprie fantasie notturne.

Il difficile, se si vuole seguire la seconda strada, è riuscire ad accettare ciò che si è sempre evitato. Nei nostri incontri abbiamo sempre specificato: “no ai singoli”, “solo coppie”, etc.
Tutto è accaduto ieri, un venerdi sera di metà Giugno, durante una uscita che abbiamo deciso di trascorre proprio all’Hollywood ben frequentato e ben recensito sul web. Continuiamo a girare all’interno dell’area Privè. Non c’è molta “azione” da parte delle coppie presenti, ma è ancora presto sono solo le 23.

30 Le coppie Sembrano quasi svogliate, ma s’incrociano molto gli sguardi hot. Sembrano essere più interessate all’area Disco e “conversazione” piuttosto che all’area più votata allo scambio.

Giriamo, camminiamo, guardiamo, ci tocchiamo, osserviamo, ci eccitiamo, ci lasciamo stordire dai bassi profondi che vengono dall’area disco adiacente. Alla fine decidiamo di spogliarci e di fare sesso fra noi su un lettino libero. Vogliamo fare sesso: vogliamo farlo con passione e con l’idea di lasciarci andare.

A questo punto succede quello che pensavamo e sapevamo sarebbe successo: i primi singoli si avvicinano e cominciano a toccare Nykol. In passato li avremmo gentilmente invitati a lasciarci stare ma
questa volta… Nykol nota che non faccio nulla per allontanarli. Mentre mi bacia si ferma un attimo.

Sta pensando. Intuisce quello che sta accadendo. Capisce che questa sarà la sua serata. Sarà per lei la possibilità di vivere una sua fantasia di una vita.

Si lascia toccare. Non vede chi è. E’ buio e continua a baciarmi. I Singoli aumentano. Sono ormai in sei attorno a lei. Comincia a prendermi il sesso in bocca e a leccarlo con lentezza. E’ messa gattoni col suo bel culo in mostra per tutti. Le mani di quegli uomini intorno a noi cominciano a moltiplicarsi sul suo corpo.
La toccano ovunque. Il seno, il culo, le gambe, la schiena, il sesso.

Cominciano a palparla con insistenza. Cominciano a esplorarla ovunque. Nykol comincia a mugolare.
Le piace. Probabilmente è già bagnata fradicia. Si lascia fare di tutto e intanto continua a farmi un pompino davanti a tutti per eccitarli ancora di più. Piano, piano cominciano a spogliarsi. A mostrare i loro membri. A toccarsi oscenamente.
A strofinarsi contro di lei. Ad eccitarla. Il primo, il più intraprendente, comincia ad infilarsi un preservativo e a mettersi dietro di lei.

E’ talmente bagnata che la penetra senza problemi e comincia a sbatterla davanti agli altri suoi
compagni di giochi ormai eccitati al parossismo adesso che hanno capito che avranno accesso anche loro al sesso di Nykol senza ostacolo alcuno.
Io sono di fronte a loro, seduto sul lettino col mio membro nella bocca di Nykol.

E’ una scena pazzesca. Assurda. Al limite. Oltre i limiti. Eccitantissima. Ad uno ad uno si susseguono anche gli altri.

Sei uomini si sono alternati nello sbattere Nykol e nel farla godere fino allo sfinimento. Fino a che mi sussurra nell’orecchio “ti prego, scopami. Vienimi dentro. Voglio sentirti venire dentro di me”. La faccio sdraiare. Le apro le gambe. Entro dentro di lei, con gli uomini che l’hanno appena posseduta tutti intorno a noi. La scopo senza troppe remore. Senza troppi complimenti. E’ quello che vuole. E’ come vuole venire. E’ talmente eccitata che viene tre volte di fila fino a che non vengo anch’io, eccitato come non mai, dentro di lei.

Come voleva lei. Come desiderava lei.

Folle? Eccessivo? Estremo? Forse si. Sicuramente si. Ma è accaduto. Nykol ha vissuto la sua fantasia.
Questo era il mio regalo per lei: una Gang-Bang al Privè.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *