L’ottima memoria di Max.

Ottobre 2008.
Io e il mio amico M. usciamo insieme, come spesso capita, per una birra e per farci un giro di locali. Andiamo in un pub, uno dei nostri soliti, beviamo un po’ e poi decidiamo di fare un salto in un locale dove ci sono degli amici che suonano. Entriamo, ci prendiamo due birre, il locale è affollato, ma dopo un po’ M. mi indica due ragazze sedute al bancone, più o meno nostre coetanee, cioè sui 35 anni.

-Non ti sembrano due di quel gruppo di ragazze che venivano a ballare latino a Montecatini?-
Le guardo bene, una bionda capelli lisci raccolti sulla testa, un po’ in carne ma non grassa, con indosso un vestito corto di maglia turchese con sotto dei fuseau neri e scarpe con tacco; l’altra ha i capelli molto corti, platinati, con un bel viso regolare, e indossa un vestito corto verde e nero, con un cappuccio, calze nere e stivali neri.

Non mi sembrano due visi nuovi, ma non saprei dar ragione a M. sul momento.
Visto che le due ragazze sono sole (e che comunque sono due belle fichette), decidiamo di avvicinarci:
-Venivate a ballare alle Panteraie, voi, qualche anno fa? Chiede subito M. quasi sfacciatamente. –
Loro ci guardano sorprese.
-Mai stata alle Panteraie e non so nemmeno cosa siano. – risponde la bionda, con aria un po’ stizzita.
-Io ci andavo ogni tanto, ma un bel po’ di anni fa.

Non ero nemmeno sposata, ancora. – Agginge l’altra, un po’ più amichevolmente.
-Ma non vi chiamate B. e D. ? – Chiede M. , che si è ricordato i nomi.
La ragazza ride:
-Ok, ok, ho capito… Avete scambiato lei per un’altra mia amica… Ma di voi non mi ricordo.
Ci presentiamo e ci mettiamo a chiacchiera con loro. Sono allegre e simpatiche, noi gli offriamo da bere e loro accettano volentieri.

Con la tipa coi capelli corti parliamo dei tempi in cui ballavamo latino, scoprendo di avere anche qualche conoscenza comune. La sua amica dopo un po’ si sposta a chiacchierare con altre persone, ma lei resta lì con noi. Mi ritrovo a chiederle come mai sono entrambe in giro senza mariti, visto che entrambe ci hanno detto di essere sposate. Lei ride e mi risponde:
-Perché, scusa? Dopo il matrimonio è vietato uscire, alle donne? Comunque mio marito stasera non c’è perché aveva un impegno.


-Ah, quando il gatto non c’è i topi ballano…-
-Anzi, le tope!- Aggiunge M.
La sua battuta mi sembra piuttosto fuori luogo, ma è così stupida che lei la prende a ridere.
Io comincio ad essere un po’ alticcio, e anche lei sembra sulla soglia dell’allegria. E’ seduta su uno di quei panchetti alti da bancone, e all’improvviso noto, eccitatissimo, che le calze nere che dal bordo del vestitino che indossa spunta il bordino ricamato tipico delle calze autoreggenti.

Feticista come sono, il sangue mi va subito al cervello (per non dire da un’altra parte).
Continuiamo a chiacchierare, la musica alta mi porta ad avvicinarmi molto a lei, per poter parlare; sento l’odore del suo alito, tutt’altro che sgradevole, quasi senza accorgermene poggio una mano sulla sua schiena, lei non se ne lamenta. Ordino ancora una bevuta per entrambi. Mi ringrazia, brindiamo guardandoci negli occhi, e un attimo dopo mi ritrovo con la lingua nella sua bocca.

La sento ansimare leggermente, mentre la bacio. La mia mano si sposta dalla sua schiena alla sua coscia, sono eccitatissimo e sento il suo respiro farsi più forte. Le accarezzo la coscia e vado in tilt sentendo il bordo ruvido dell’autoreggente, e subito dopo la pelle liscia e nuda, sotto il bordo del vestitino. Lei mi ferma:
-Non vorrai mica dare spettacolo qui…-
-Hai ragione- le rispondo – Tu hai la macchina?-
-No, siamo venute con l’auto di S.

; la mia è parcheggiata lontano da qui. –
-Anche io sono in macchina di M. Comunque casa mia non è lontana… Possiamo andare a piedi, saranno 5 minuti…-
-Ma scusa, non può accompagnarci il tuo amico?-
-Beh, non credo sia disposto a farci da autista- le dico
-No, ci credo. Ma magari non gli dispiace venire con noi… Tanto la mia amica non la rimorchia, stai tranquillo!-
Capisco il sottinteso, e in un attimo vado a chiamarlo.

Usciamo dal locale e saliamo in auto, facendo sedere lei davanti. Mentre M. guida, io dal sedile dietro mi avvicino a lei, stuzzicandola e baciandole il collo e mordicchiandole l’orecchio: i capelli corti in una donna a volte hanno i loro bei vantaggi!
Anche M. si sblocca, spostando la mano dal cambio al ginocchio della nostra nuova e bella amica. Guardo eccitato la mano di M. risalirle la coscia e scomparire sotto la gonna, mentre continuo a dedicarmi a colpi di lingua al suo collo e al lobo del suo orecchio.

Finalmente arriviamo a casa mia, io la abbraccio subito con decisione, infilandole tutta la mia lingua in bocca, lei ricambia appassionatamente, facendo guizzare deliziosamente la sua lingua. La bacio ad occhi chiusi, ma quando li riapro mi accorgo che M. si è avvicinato e la sta baciando sul collo, da dietro. Continuo a slinguazzare nella sua bocca, sentendola ansimare, e un suo improvviso sussulto mi fa capire che M. probabilmente non si sta limitando a baciarle il collo.

Mi stacco per un attimo e vedo che le ha sollevato il vestitino e infilato la mano nelle mutandine, e la sta decisamente sditalinando.
-La signora è bagnatissima!- afferma M. sorridendo.
Anche lei ride.
-Davvero? Fammi controllare anche a me. –
Anche io infilo la mano tra le sue gambe, scostando le mutandine e stuzzicandole la fica e il grilletto. Lei si contorce e ansima, mentre in due la tocchiamo. Le sfilo il vestito, sotto indossa un bel completino intimo rosso acceso, reggiseno e perizoma semitrasparenti di pizzo, dal quale traspare una deliziosa strisciolina di pelo castano.

-Voglio assaggiarla!- e mi inginocchio davanti a lei scostandole il perizomino e insinuando subito la lingua nelle labbra bagnate della sua figa, umida e dolciastra. Lei sussulta e geme, mentre M. le bacia le tettine, non grosse ma ben fatte, che saltano fuori dal reggiseno.

La spingiamo verso la poltrona.
-Adesso tocca un po’ a te, bella!-
Mi sbottono i pantaloni davanti a lei seduta, e M. accanto a me fa lo stesso.

Lei comincia da me: mi assaggia il cazzo con colpetti di lingua, scendendo a leccarmelo per tutta la lunghezza, fino a stuzzicarmi i testicoli con la punta della sua lingua, per poi tornare su e affondare decisamente il mio cazzo nella sua bocca. E’ brava, mi spompina con gusto e vedere il mio cazzo tra le sue labbra è eccitantissimo, mentre M. si gusta la scena smanettandosi l’arnese.
-Sei proprio brava! Si vede che hai esperienza… – le dice lui.

Lei allora smette di spampinarmi, mi sorride e comincia a dedicarsi a lui, riservandogli lo stesso trattamento. Io mi ributto in ginocchio davanti a lei, divaricandole le gambe per tornare a leccarle la figa mentre lei, la schiena poggiata alla poltrona, continua a succhiare il cazzo di M. con evidente soddisfazione. Le sfilo il perizomino e la tiro a me, facendole inarcare di più la schiena, quel tanto che basta per poterle infilare il cazzo in figa senza dover interrompere il bel pompino che sta facendo al mio amico.

La scopo mentre lui le affondo il cazzo in bocca palpandole le tettine, lei geme, pur a bocca piena. Ben presto M. pretende il cambio, e vuole anche cambiare posizione. Le toglie il reggiseno, lei resta con solamente le autoreggenti addosso e gli stivali neri, e la fa alzare dalla poltrona e la porta verso il tavolo della sala. Ce la fa sdraiare sopra e afaccia in su, sollevandole le gambe e scopandola così.

Io mi metto accanto, le prendo la testa e la tiro a me. I capelli cortissimi sono della misura precisa perché le mie dita abbiano una presa decisa, le faccio gira la testa e le affondo il mio cazzo in bocca, iniziando a scoparlgliela mentre le palpo le tettine.
Squilla un cellulare. E’ il suo, che aveva appoggiato proprio sul tavolo, appena entrata. Lei risponde, trafelata, e io e M. ci fermiamo.
-Si, ciao S… No, sono venuta via…-
M.

fa per spostarsi, ma lei lo trattiene con le gambe e lo ritira a se, per fargli capire di continuare. Allora lui riprende a scoparla con ritmo e decisione, mentre lei ansimando, continua a rispondere all’amica:
-No, no… tranquilla… torno per conto mio… tutto… a postissimo… non preoccuparti… ci sentiamo… domani…-
Mentre chiude la conversazione io non posso non fare a meno di pensare tra me: che troia! Lei ride,
e io mi rendo conto di non averlo pensato, ma di averlo detto a voce alta! Le spingo di nuovo il cazzo in bocca, affondandoglielo tutto.

Sono a mille, io e M. esplodiamo quasi contemporaneamente, io inondandole il collo, la guancia e le labbra, e lui producendo una serie di lunghi schizzi di sperma sul suo ventre, dalle tettine fino ai peli del suo pube.
Quasi mi accascio sulla sedia vicina, soddisfatto, mentre lei si lascia andare a una risata sommessa ma divertita.
A quel punto M. inizia a dare il meglio di se: lui non è un bell’uomo, piuttosto basso, non bellissimo di viso, ma con una discreta “dotazione”.

Ma la sua caratteristica principale è quella di essere un porco incredibilmente sfacciato e molto resistente: mentre lei ancora ride lui si avvicina al suo viso, e le poggia il cazzo non più eretto alle labbra. Lei smette di ridere, interdetta.
-Dai, bella! Non vorrai mica finire qui, vero? Da brava, tiramelo su di nuovo, che ne ho ancora tanto, da darti…-
Quasi mi scappa da ridere nel vedere lui che struscia il suo grosso coso sulla guancia di lei, ancora sporca del mio sperma, per poi forzarglielo tra le labbra, mentre con la mano destra le allarga di nuovo le gambe e ricomincia a sditalinarla.

La guancia della ragazza si gonfia per l’intrusione del suo cazzo, mentre lui comincia a incitarla senza mezzi termini:
-Ecco, così, brava troia! Gustalo bene, ora che è più saporito!-
Alla vista di quella scena il sangue mi affluisce di nuovo verso le parti basse.
-Dai, che fai lì impalato? Non vedi che la nostra amica ha ancora voglia di cazzo?-
Non trattengo la risata, ma lei non sembra affatto offesa. Anzi, sbocchina M.

con foga e evidente piacere.
Mi faccio di nuovo vicino, con il cazzo in mano. Lei si gira sul fianco destro, le gambe scostate per permettere a M. di continuare a frugarle la figa con le dita. In quella posizione riesce ad avere facilmente anche il mio cazzo a portata di labbra, e si dedica a entrambi alternativamente. Con il mio cazzo nella sua bocca ricomincio a palparle le tettine; ho un attimo di esitazione, sentendole ancora appiccicose per la sborra di M.

, ma l’esitazione passa subito, e mi scopro a trovare eccitante spalmarle lo sperma del mio amico misto al mio sulle tette e sul collo.
M. continua con il suo sproloquio, mentre la sditalina profondamente, facendola contorcere:
Ti piacciono i nostri cazzi, vero, maiala?!? Quando avrai la bocca più libera, magari, ci confesserai quale dei due è più saporito!-
A ogni sua affermazione lei sembra contorcersi ancor di più.
Io mi sposto e torno al bordo del tavolo e inizio a chiavarla, io in piedi e lei su un fianco tenendola per le caviglie e sollevandole la gamba sinistra.

Lei mugola e ansima rumorosamente, ma non molla la presa delle labbra sul cazzo di M.
-Vedi? Te l’avevo detto che la troia aveva ancora voglia!-
Alterno colpi decisi a movimenti più lenti, chiavandola di gusto.
M. mi chiede il posto e io lo accontento. Lui la sbatte subito con forza, poi rallenta il ritmo, io lo vedo lavorare di mano, e intuisco che sta iniziando a lavorare al secondo canale…
Lui sussulta ma non si scompone, e continua a mugolare senza opporsi.

M. la fa alzare e la porta al tavolino da fumo tra il divano e la TV, e la fa inginocchiare sul tappeto, con i gomiti appoggiati al tavolino.
Quasi sborro di colpo, nel vedere M. che le divarica il bel culo con i pollici e le affonda lentamente ma con decisione il suo grosso cazzo dentro al culo, strappandole un rantolo. Inizia a chiavarla nel culo con forza e ritmo crescente, affondando sempre più in profondità.

. Lei mugola e grida, mentre lui la apostrofa ansimante:
-Ti piace, eh, scrofa? Te lo sfondo tutto, questo bel culo! Lo senti tutto, il mio cazzo, troia?!?- e via dicendo, a voce talmente alta che comincio a preoccuparmi per i vicini…
Allora mi inginocchio davanti a lei, le prendo di nuovo la testa per i corti capelli platinati, e la tiro a me con forza, soffocando con il mio cazzo almeno le sue grida.

Sento lo sbattere della pancia e dei testicoli di M. contro le chiappe della donna, e poi la vedo irrigidirsi all’improvviso, e dal suo rantolo capisco che lui le sta sborrando dentro al culo. Lui freme 3, 4 volte, poi sfilandosi si rivolge a me:
-Dai, tocca a te!-
Ho di nuovo un attimo di repulsione, al pensiero del mio pene a contatto con lo sperma del mio amico, ma la vista di quella bella fighetta in autoreggenti e stivali a quattro zampe e del suo bel culetto mi fa subito cambiare idea.

Le giro dietro e anche io le allargo le chiappe con le dita. Il buchetto è ancora ben dilatato e non faccio nessuna fatica a penetrarlo, anche perché ben lubrificato…
Non duro molto, e lei sembra già rilassata, come se avesse già goduto in abbondanza, e anche io le sborro dentro di gusto.
-Sei contenta, adesso? Ti abbiamo fatto il pieno…- le dice M. in un ultima esaltazione di porcaggine. Ridiamo tutti e tre a lungo.

E’ ormai tardissimo, lei ci chiede di riaccompagnarla alla sua auto, ci rivestiamo tutti e tre e la riaccompagnamo. Durante il tragitto le chiedo il suo numero di cellulare, ma lei non me lo vuole dare, dicendo che è bene fermare lì la cosa, al divertimento di una serata. Arrivati alla sua auto, in un parcheggio vicino alla tangenziale, M. le chiede di nuovo il cellulare, ma al suo nuovo rifiuto, lui se ne esce con una delle sue:
-Allora lasciaci un bel ricordo di te, almeno…-
-Cioè??-
-Beh, un bel pompino finale!-
Non ne hai ancora avuto abbastanza, per stasera???- risponde lei
-Si ma io non ho avuto il piacere di sborrare tra le tue labbra, come ha fatto lui…-
M.

sa essere tanto sfacciato quanto efficace, ma quella volta mi sbalordì.
Ormai albeggia, mentre lei seduta sul sedile dell’auto, a sportello aperto, spompina ancora una volta M. e io accanto mi masturbo guardando la scena.
Le spariamo entrambi le nostre ultime gocce di sperma dritte sul naso e sulle labbra, imbrattandole per l’ultima volta quel bel viso da ragazza tanto insospettabile quanto troia….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *