Lingua di Gatta 2

Lingua di Gatta 2

Dopo il nostro primo incontro, attesi con impazienza la settimana successiva, quando il marito fosse via per lavoro, settimana che purtroppo inizio’ male con un suo messaggio e mi diceva che il viaggio del marito era stato spostato a data da destinarsi.

Nei giorni successivi P, la vicina maialina, mi aveva tempestato di messaggi su whatsapp con foto di lei in varie pose e vari abbigliamenti. Alcune foto la ritraevano appena dopo la doccia, tutta nuda e ancora bagnata, altre foto erano più’ spinte che la vedevano sul divano intenta a toccarsi seno e fighetta.

Altre ancora erano foto di lei in intimo, con autoreggenti e slip, che mi chiedeva se fosse abbastanza carina per uscire, ma tutti i messaggi finivano con la solita raccomandazione….

P: “Mi raccomando non farti le seghe… non sprecare la mia sborra!”

Passarono altri interminabili giorni di suoi messaggi ed io che per promessa non mi masturbavo per accumulare quanto più’ sperma per lei. La settimana successiva ero al lavoro e sento il cellulare vibrare, apro il suo messaggio e vedo la sua figa ben aperta con il messaggio
P: ” inizia a prendere le misure!!!! da mercoledì a venerdì mio marito e’ via per lavoro….

voglio la tua lingua qui in mezzo!!!”

Finalmente il giorno era arrivato, potevo finalmente mettere le mani su quel corpo tanto desiderato e sta volta ero io a condurre il gioco, toccava me darle piacere. I due giorni successivi mi sembrarono lunghissimi, ma finalmente il mercoledì’ arrivo!
Sono le 11. 30 quando arrivo a casa, e appena chiuso la porta mi arriva il messaggio tanto agognato

P: “Finita la giornata lavorativa?”
IO: “Si sono arrivato a casa adesso, ora mi faccio la doccia”
P: “Bene… allora do una lavata alla mia figa e poi vengo da te… lascia la porta aperta.


IO: ” Ok dammi 15 min e poi sono tutto tuo!”

Così’ mi infilo di corsa in doccia, già pregustavo il momento di averla tra le mani. Finita la doccia, esco dal bagno e quello che vedo mi lascia senza parole, P era già entrata in casa e si era seduta sul tavolo completamente nuda e a gambe spalancate, mi guarda e mi dice:
P: “Non so se hai già’ pranzato… ma il dolce e’ il tavola..fai tu!”
e subito dopo esclama:
P: ” Wowww”

Il mio cazzo vedendola così’ e’ subito venuto duro e faceva capolino sotto l’accappatoio, lei con faccia angelica mi dice: “Allora ti va di leccarmela?”.

Liberatomi dell’accappatoio, mi avvicino al tavolo, mi siedo e con gli occhi fissi nei suoi, le apro per bene la figa e le do un bacio sul clitoride. Lei ha un sussulto, sentivo già l’inebriante profumo della figa bagnata e così inizio a leccarla avidamente. Le stuzzico le grandi labbra, le succhio il grilletto e infilo il più in fondo possibile la mia lingua dentro quella figa bagnata e desiderosa di piacere. Continuai a lungo a laccargliela e a succhiare ogni centimetro di quella figa prima di infilare un dito dentro, lei già da un po’ ansimava e con la voce rotta dal godimento, mi pregava di non fermarmi e di leccargliela.

Ormai erano già tre le dita che le avevo infilato dentro e che la stavano scopando con sempre più foga, a volte con solo due dita le stuzzicavo il punto G e la sentivo godere come mai, la sua figa era sempre più grondante, e il momento del suo orgasmo era sempre più vicino.

Di tanto in tanto smettevo di leccare, ma non di scoparla con le dita, per vedere il godimento sul suo viso.

P: ” Dai maiale leccamela… fammi sentire la tua lingua… voglio godere nella tua bocca…. LECCA PORCO LECCA!!!!!”
IO: ” P sei una maiala vogliosa…adesso ti faccio venire”
Così dicendo inizio a scoparle la figa con due dita dal basso verso l’alto con colpi secchi e profondi che terminavano sul punto G e intanto le succhiavo e leccavo il grilletto. Il suo ansimare si fece sempre più frequente intervallato da gridolini di piacere, avevo il viso tutto immerso nelle sue gambe e bagnato dai suoi umori.

Il suo orgasmo non si fece attendere molto:
P: ” Dai…dai…. ti prego non smettere sto per venire…. ti godo in bocca porco…daiiiiiiii”

Esplose in un orgasmo che non avevo mai sentito, le sua gambe si chiusero intorno al mio collo tanto che quasi restai senza respiro. Il suo godimento fu così’ intenso che la sua figa inizio’ a squirtare, non schizzo’ come si vede in certi video, ma schizzava ad intervalli durante le contrazioni dell’orgasmo, tutto quel succo mi fini’ in bocca e sul viso, ma la cosa mi ha acchitato e così ho messo più’ foga nel leccare.

Lei urlava come mai avevo sentito, tanto che temevo che qualcuno potesse sentire, ma in fondo non me me fregava niente!

Dopo che il suo orgasmo fosse passato, la guardo in faccia e la vedo rossa, sudata e ansimante. Mi guarda in faccia ed esclama ” Bravo porcellino la sai leccare la figa! Scusa se ti sono venuta il faccia”
IO: ” Grazie P hai una figa buonissima e comunque mai nessuna mi aveva squirtato in faccia…ma mi e’ piaciuto.

Lei accenna ad alzarsi dal tavolo, ma io le metto le mani sulle tette e la fermo, mentre con la bocca mi avvicino nuovamente alla sua figa grondante, lei un po’ stupita mi domanda ” che fai?” Io prima di riappoggiare la bocca sul suo frutto le rispondo
“L’altra volta me lo hai pulito tu con la bocca…adesso tocca a me!”
La mia bocca si appoggia nuovamente su quella fessurina e con la lingua inizio a leccarla tutta senza tralasciare nessun centimetro, sentivo la sua figa pulsare ancora dal recente orgasmo e lei, ormai rassegnata, si era sdraiata sul tavolo e si stava godendo il mio bidè orale!

Mentre la stavo leccando di istinto le afferrai le chiappe e le divaricai mettendo il mostra il suo culetto, estrassi la lingua e partendo dal buco del culetto le diedi una leccata fino al grilletto.

subito lei balzo’ su dal tavolo e guardandomi mi dice
“Che stai facendo? Sei pazzo?”
IO: ” Scusa…pensavo ti potesse piacere!”
P: ” Beh per piacere mi e’ piaciuto…e’ che non me lo aspettavo, certe cose che fai tu, mio marito manco le conosce. “
IO: ” Esagerata… che vuoi che sia”
P: “Ti dico solo che con R (il marito) quando me la lecca, io non ho mai schizzato da li come ora”
Per stemperare un po’ la cosa le rispondo ” E proprio sul mio tavolo dovevi schizzare? ahahahahahah” Anche a lei e’ scappata una risata subito interrotta da un gridolino di piacere perché’ la mia lingua si era insinuata ancora sul suo buchetto posteriore.

P: “No…no…fermati” così’ mi stacco e turbato le domando il perché’, lei scendendo dal tavolo e guardando il mio cazzo sempre duro mi risponde “Il cubetto e’ tabù” E così dicendo mi afferra il cazzo e mi trascina in camera da letto, si stende sul letto a gambe spalancate e dice ” Scopami…dai lo voglio dentro”

Io mi butto sul letto ed in mezzo alle sue gambe, inizio a baciarle e succhiare le tette per poi dirigermi verso la sua bocca per baciarla, lei mi afferra il viso e chiedendomi scusa vuole che non la baci, niente di affettuoso, niente baci, solo sesso!
La cosa non mi disturba per niente, così torno a succhiare i suoi capezzoli, quando sento la sua mano afferrare il cazzo e tirarlo verso la sua figa “Dai porco dammi due botte!”
Quello che ho sentito nel penetrarla, non ha paragoni, il mio cazzo e’ scivolato dentro di lei tutto fino in fondo, lei ha emesso un gemito di piacere seguito da “Finalmente!!!!!” Io stavo già’ per esplodere così restando dentro di lei mi sono fermato e ho continuato a giocare con il suo seno.

Lei, capendo la situazione mi ha detto “Vorresti già sborsare vero? Non ti sei masturbato in queste settimane come ti ho chiesto?”
IO: ” Si… non mi faccio una sega da due settimane come mi avevi chiesto”
P: “Bene non te ne pentirai…promesso!”

Passata l’eccitazione del momento inizio a pomparla, da prima lentamente, poi sempre più forte con colpi sempre più profondi. P, sdraiata sulla schiena si gode il mio cazzo che la scopava, ansimava e godeva nel mentre aveva portato le mani sulle tette e ci stava giocando.

Io resistendo a quello che stavo vedendo, le afferro la gambe e portandole sulle mie spalle inizio a scoparla come merita.

P: ” Dai…. scopami…. sfondami tutta!”
P: ” Dammi sto cazzo… voglio che mi spacchi la fica…dai porco scopami!!!!”
IO: ” P sei una gran maiala… ecco cosa ti meriti, un cazzo in figa e sborra in faccia!”
P: ” Bastardo…. ma sta volta non te la cavi come la volta scorsa con una schizzata in faccia…voglio di più….. spaccami tutta bastardo!”

I mie colpi si erano fatti sempre più violenti e profondi e la sua mano si era spostata dal seno alla figa, iniziando a masturbarsi mentre io la scopavo.

P: “Sto per venire…non fermarti… fammi godere ancora…. voglio venire anche sul tuo cazzo!”
IO: ” To P…. prendilo tutto…te la sfondo sta figa!”

I miei colpi si sono fatti irregolari, causa dell’orgasmo imminente, lei accortasi del fatto che a breve sarei venuto, si e’ sottratta da me e spingendomi per farmi sdraiare sul letto, si e’ inginocchiata sul letto davanti al mio cazzo pronto per esplodere.
Afferrato il mio cazzo dice ” sei maturo… sei pronto a sborrare vero?” io annuii senza dire parola e lei “Bene vediamo quanta sborra hai da darmi….

dai dissetami!!!”

Subito dopo si infilo’ il cazzo in bocca ed inizio’ a succhiare e leccare per ricevere la sua sborsata tanto desiderata. Sentivo la sua lingua da gatta scorrere lungo il mio cazzo e leccare la cappella, non resistetti a lungo ed urlai..

” P mi stai facendo godere…vengo… ti sborro in faccia daiiiiiiiii……” lei mi rispose ” niente sborrata in faccia sta volta…. ti aspetta di meglio PORCO!”

Pochi secondi dopo già le urlavo il mio orgasmo, il primo schizzo le fini’ sulle labbra.

Quello che avvenne dopo, mi lascio’ senza parole e mi eccito’ in un modo indescrivibile. Dopo il primo schizzo di sborra sulle labbra, P si e’ infilata tutto il cazzo in gola e continuando a pompare si vece venire tutto in gola, vedevo la sua bocca saldamente appoggiata al mio basso ventre, mentre sentivo la sua gola avvolgere la mia cappella pulsante dovuta dall’orgasmo.

Quando ebbi finito di riempirle la gola con la mia sborra, lei si stacco e con un sorriso malizioso disse ” Sta volta non serve che te lo pulisca con la bocca, mi hai riempita tutta la gola!” io dopo essermi ripreso, ma ancora ansimante le risposi
” P sei veramente una gran maialina, mai nessuna si era fatta venite direttamente in gola come hai fatto tu.

Ti e’ bastato lo sperma che ti ho schizzato in gola?” Lei rispose ” Si mi hai dissetata a dovere, anche se preferisco che mi schizzi in faccia, mi fa sentire più’ vacca!”

P: ” Posso farmi una doccia?” mi chiese
IO: ” Certo che puoi, ti prendo un accappatoio pulito” e così’ lei si dirige in bagno per farsi la doccia e dopo poco sento ” Credi che dovrei depilarmela? Sai adesso va di moda averla tutta depilata!”
Io entrando in bagno la vedo tutta nuda e bagnata sotto la doccia, mi eccito nuovamente ed il mio cazzo si fa ancora un po duretto, lei vedendo la mia eccitazione esclama ” Nn farti venire strane idee, per oggi ti basti… e poi devo andare a prendere mio figlio all’asilo”

Allora mi siedo sulla tazza a contemplare quello spettacolo della natura sotto la doccia e decido di risponderle ” Certo che una patatina tutta depilata ha il suo perché’… e si lecca meglio!”
P: “Allora domani me le depilo e poi vediamo se sai fare di meglio rispetto a prima”

Dopo un pomeriggio così’ impegnativo e dopo che lei se ne era andata, mi riposai e quando mi svegliai avevo un messaggio sul telefono, erano la 20 passate… il messaggio era una foto della sua figa totalmente depilata e diceva
P: ” E’ più appetitosa così’?”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *