“Le corna hanno un Sapore e un Odore”

Noi lo facciamo da circa 4 anni ha 2 amanti per essere preciso un Bull che è una macchina da Guerra nel letto e un ‘Amante tra cui ha più affinità un’Amico speciale,abita molto distante e un paio di volte all’anno la porto da lui, non vi dico come si fà scopare..mia moglie ci mette anima e corpo per prendere il suo cazzone, potete immaginare la lontananza e lo stuzzicarsi per via chat ….

Le fa assaporare meglio l’incontro ( e io assaporo meglio le corna e non solo)

la settimana scorsa siamo andati da lui e abbiamo trascorso quattro giorni, questa volta mia moglie prima di partire mi ha detto:
“Caro le corna hanno un sapore e un odore”

Nei giorni seguenti capii molto bene quella frase,
non ci ha pensato due volte a travasarmi in bocca lo sperma del suo Amante dopo un curato ed energico pompino… “Il sapore”

Il secondo giorno mentre io ero in salotto a lavorare, la signora mi disse “bravo rispondi all’e-mail dei tuoi clienti..non trascurare il lavoro” nel frattempo trilla il citofono… Era Lui…
Lo fece entrare accogliendolo a braccia aperte, lo prese immediatamente per la minchia portandolo in camera da letto per fare i loro porci comodi senza minimamente preoccuparsi del sottoscritto.

Lavorare mentre udivo i colpi di minchia su mia moglie era impossibile, la troia non si preoccupava affatto nell’espletare commenti ad alta voce mentre la penetrava e tanto meno tratteneva le urla e mugugni di piacere nei svariati orgasmi, sentire le scocchiate della bocca di mia moglie sulla cappella del porco mentre lo spompinava con grande maestria…

La troia non chiuse completamente la porta della camera da letto lasciò uno spiraglio per permettere al cornuto di udire soprattutto di vedere le mie corna in diretta dal vivo.

Quatto quatto mi avvicinai alla porta e vidi mia moglie con il cazzo in gola fino alla radice, piegò la testa verso di me e guardandomi negli occhi si scuoteva il membro contro la lingua mi fece un mezzo sorriso e continuò a salire e scendere con vigore fino a toccare le palle con la lingua del toro.

Lui si dimenava i suoi piedi si torcevano dal piacere non riusciva a espellere frasi comprensibili si vedeva nettamente la radice del cazzo che pulsava stava per esploderle in bocca…

Ma la signora con grande maestria si fermò prese una pausa si girò verso di lui le mise la lingua in bocca….

si voleva farsi riempire…ma dentro di lei.

Lui con vigore la girò sotto aveva voglia di sborrare ,vidi il suo membro che sgocciolava di liquido pre seminale mia moglie senza indugio spalancò le gambe per farsi penetrare…sentii un urlo di piacere mentre gli affondava il cazzo dentro
vedevo le mani di mia moglie accarezzarli dolcemente la schiena…con tre colpi lui svuotò un fiume di sperma mugugnando come un maiale..rimase dentro di lei, fermo quasi immobile e si vedevano nettamente le pulsazioni delle palle che continuavano a svuotarsi….

Mia moglie le disse dolcemente “ora tu stai qui fumati una bella sigaretta e non ti muovere”

Si alzò dal letto e con la mano trattenendosi le parti intime venne da me in punta di piedi… Mi guardò.. E con il capo mi fece il cenno di mettermi sul divano… Si sdraiò e spalanco le gambe… Con un sorriso mi disse ora fai il tuo dovere…In prima battuta non vidi molto ma la troia con astuzia spinse il frutto del porco..mi prese la testa e me la spinse verso la vagina colante…

E li sentii “l’Odore delle Corna “

Non ci pensai due volte.. incominciai a leccare piano… piano… Lei continuava a contrarre la vagina per far uscire lo sperma affogandomi nella sborra del suo Amante.

Non era così male il gusto mischiato con gli umori di mia moglie…

Cominciai a succhiarle il clitoride che durante la pulizia si era notevolmente gonfiato..non l’avevo visto mai cosí grosso, si vedeva nettamente che le piaceva e le provocava un piacere immenso fino a squirtarmi in bocca facendomi nettamente quasi affogare.. continuava a spingere e a sfregare la vagina sulla faccia fino al suo orgasmo.

Dopo di che era il mio turno avevo il cazzo grosso turgido, nervoso come un cavallo la penetrai come mai avevo fatto, sentirla allargata ,morbida e sbattuta da un’altro cazzo è una sensazione bellissima.. continuai a cavalcarla fino a che mi disse
“svuotati bastardo, sei un porco mangia sborra”

In un’attimo mi uscì l’impossibile ..feci una sborrata sublime… Rimasi dentro di lei senza forze… Lei mi sussurra nell’orecchio Ti Amo…ora caro mio cornuto devi prendere atto che
“Le corna hanno un Sapore e un Odore”

Era tangibile… Non c’erano dubbi…
Jean Paul La Fajette (il sottoscritto).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *