La valle dei ragazzi – Capitolo finale

Capitolo 6
Erano passate due settimane dall’aggressione e Davide viveva ancora nell’incubo di essere spinto giù dai gradini del negozio. Gabriele ora si era trasferito nell’appartamento ed i ragazzi finalmente vivevano insieme come una coppia. Davide usava le stampelle per deambulare ed aveva difficoltà a salire i gradini.

Stava scendendo le scale del negozio quando Filippo arrivò con un bel ragazzo, gli sorrise: “Ciao Davide, è bello vederti di nuovo sui tuoi piedi, Gabriele è dentro?”
“Sì è bello ritornare al lavoro ma Gabriele non c’è.


“Oh a proposito questo è Valerio, il mio ragazzo. “
Davide rimase scioccato ma disse: “Ciao, felice di conoscerti. ” Valerio sorrise: “Anch’io, ho sentito molto parlare di te. “
“Bugie!” Disse Davide ridendo, e poi: “Perché non salite, arriverà fra poco. “
“Ok amico, ci vediamo dopo. “

Gabriele arrivò poco dopo e Davide gli disse: “Filippo è disopra, non mi avevi detto che era gay. ” Gabriele rise: “Filippo, o no!”
“Allora perché ha un ragazzo chiamato Valerio”
L’amico lo guardò: “Veramente? Oh mio dio, non mi ha mai detto di avere un ragazzo, aspetta un attimo, hai detto Valerio?”
“Sì un bel ragazzo eccitante, perché?”
“Wow, è il bel poliziotto che indagava sui danni al club, ed era veramente eccitante.


Davide rise: “Sarà meglio che tu vada di sopra, baby. “

Davide chiuse il negozio e salì con fatica la scala, trovò Filippo e Gabriele in conversazione e Valerio che guardava dalle finestra.
Entrò nella stanza e disse a Valerio: “Tutto ok, amico?”
Lui sorrise: “Sì, tutto ok. ”
“Da quanto siete insieme?”
“Ci siamo conosciuti la sera dell’irruzione al club. “
Davide sorrise: “Oh, bene. “
Anche Filippo sorrise : “Sì, fu una notte calda, comunque la ragione per cui ho portato Valerio è perché stiamo per trasferirci, Valerio è stato promosso e deve trasferirsi in un altro paese.


Gli altri due ragazzi fecero le congratulazioni poi Gabriele: “Dove è stato assegnato?”
“A Napoli, sono riuscito a trovare un appartamento per noi due e ci andremo venerdì. ” Disse Valerio.
Poi Filippo “Ero preoccupato di lasciare il villaggio ma sapendo che ora sei con Davide sono più tranquillo, ma non preoccuparti, ritornerò presto. “
Gabriele si avvicinò e lo abbracciò: “Ci terremo in contatto e tu sei felice, questo è tutto ciò che conta.


“Oh io sono felice, penso sia stato amore a prima vista quando lui è entrato in quello spogliatoio. “
Valerio arrossì: “Taci, mi imbarazzi. “
Filippo rise e lo baciò sulle labbra: “Quando ci saremo sistemati potrete venire e visiteremo la città insieme. ”
Davide sorrise: “Sì, lo faremo, dopo quello che è successo recentemente, ho bisogno di una bella notte fuori, ma dovrò aspettare fino a che non mi sarò liberato di queste bende.


Gabriele corse tra le sue braccia: “Io ti amo baby, con o senza stampelle. “
“Anch’io ti amo anche se sei è un sfacciato stronzetto. “
Valerio e Filippo risero mentre Gabriele dava a Davide un allegro ceffone.
Il poliziotto sorrise e disse: “Ragazzi sarà meglio che andiamo, devo essere di servizio alle tre. “
“Sarà meglio vada ad aprire il negozio o troverò una fila di clienti, a loro non piace che siamo in ritardo.

Il papà di Davide arrivò poco dopo le 3: “Ci sono le carte, abbiamo un appuntamento per le firme domani alle 14. “
“Ok ma non posso lasciare chiuso il negozio, sai come sono i clienti. ”
“Possiamo mettere un avviso sulla vetrina con scritto chiuso o troviamo qualcuno per sostituirti. “
“Ok, chiederò a Gabriele se può sostituirmi anche se vorrei che venisse con noi. “
“Sarà meglio che venga con noi se stai progettando di farlo comproprietario.


“Sì, suppongo sia così”
“Vedo che stai già pensando ai tuoi affari. ”
Gabriele arrivò dalla dispensa: “Non sapevo che volevi farmi comproprietario. “
“Sì, beh volevo farti una sorpresa”
“Ti amo baby. “
“Guarda il negozio mentre vado di sopra a preparare un avviso per domani”
“Nessun problema, baby. ”

Davide lasciò il negozio ed andò disopra, accese il pc e cominciò a disegnare un nuovo logo per il negozio e decise un nome nuovo.

Prese il telefono e chiamò un creatore di loghi per chiedere quanto gli sarebbe costato.
Era la società che l’aveva fatto per mamma e papà quando quattro anni prima avevano rinnovato il negozio e quindi avrebbero saputo di cosa si trattava ed infatti offrirono un prezzo molto ragionevole, ci sarebbero volute due settimane per farlo.
Davide disse che aveva un disegno in mente ed avrebbe inviato via e-mail un abbozzo.

Più tardi quel giorno

Gabriele stava lavorando di sotto mentre Davide preparava per il versamento alla cassa continua, scese le scale: “Ciao baby, sei stanco?”
“Non sei stato molto tranquillo stanotte!”
“Tipico giovedì sera, dovremo rivedere l’orario di apertura.


“Sì, baby, sarà meglio chiudere prima il giovedì. “
“Comunque chiudi, così possiamo portare questi soldi in banca e fare più in fretta. “
“Dammi dieci minuti e sarò disopra, baby. “

Gabriele salì e diede a Davide l’ultimo incasso: “Mi cambio in un minuto mentre prepari il versamento. “
Davide afferrò Gabriele e cominciò a baciarlo appassionatamente: “Ok baby. “
I due ragazzi dopo poco scesero ed andarono a fare il versamento.

I ragazzi stavano tornando verso il negozio quando sentirono una macchina frenare ed un forte rumore. Gabriele girò l’angolo e vide che una macchina si era schiantata di fianco al negozio. Due tizi stavano correndo giù per la collina verso il pub. Gabriele chiamò immediatamente la polizia e Valerio ed un paio dei suoi colleghi arrivarono.
Il ragazzo diede una descrizione dei due uomini mentre l’auto veniva rimossa provocando la caduta dell’insegna.

“Avrebbe potuto essere molto peggio se non avessimo chiuso prima. “
E Gabriele: “Stavo pensando la stessa cosa. “
Uno degli agenti di polizia disse: “Spero che li prenderemo questi idioti, perché non sapevano che avevate chiuso ed ora potremmo essere davanti ad un assassinio invece di un danno. “
Il negozio fu messo in sicurezza ed i due ragazzi risalirono nell’appartamento.

Davide condusse Gabriele in camera da letto e cominciò a baciarlo alzandogli lentamente la t-shirt nera sopra la testa.

Cominciò lentamente a far correre la lingua su e giù sul corpo liscio dell’amico facendolo lamentare rumorosamente. Spostò lentamente la bocca calda sui capezzoli che si stavano indurendo e cominciò a succhiarli. Il ragazzo stava anelando e gemendo sempre più forte mentre l’amico scendeva sul suo corpo caldo verso il cazzo palpitante. Mosse lentamente la lingua su e giù sull’asta mentre Gabriele si lamentava sempre più forte. Davide sorrise mentre cominciava a succhiare il pene caldo del suo innamorato.

Più Gabriele si lamentava e più Davide succhiava. L’uccello dell’amico cominciò presto a gocciolare pre eiaculazione nella sua bocca calda. Gabriele cominciò ad anelare e gemere forte e Davide gli succhiava il cazzo sempre più velocemente. Il gemito fu enorme quando il cazzo esplose coprendo il suo amore con un carico enorme del suo sperma succoso e caldo. Davide afferrò Gabriele e cominciò a baciarlo dando appassionatamente al giovane un po’ del suo sperma.

Davide alzò le gambe del ragazzo e mise il pene contro il suo buco stretto e lo fece lamentare sentendo la spinta dell’uccello che invadeva il suo sedere stretto. Davide spinse ulteriormente finché tutto il cazzo fu nel sedere del suo innamorato e cominciò lentamente ad incularlo. Gabriele si lamentava ed anelava mentre l’amico cavalcava il suo culo sempre più velocemente. I due cominciarono a lamentarsi e grugnire sempre più forte mentre Davide muoveva il cazzo pulsante dentro e fuori del sedere di Gabriele e gemette forte quando il suo cazzo esplose nel sedere stretto riempiendolo, fiotto dopo fiotto del suo sperma appiccicoso e caldo.

I due innamorati si guardarono l’un l’altro, risero e cominciarono a baciarsi appassionatamente.

Tre settimana è più tardi

Il negozio ora era pronto per riaprire completo del suo nuovo logo. Davide e Gabriele misero un nastro rosso sulla porta.
Una piccola folla stava aspettando di vedere il negozio rinnovato. C’erano anche la mamma ed il papà di Davide e lui chiese alla mamma di fare gli onori e tagliare il nastro.

Lei fece un piccolo discorso dicendo che sperava che avrebbero continuato a sostenere il negozio ed augurò il meglio ai due ragazzi.

Gli affari andarono molto bene, i due ragazzi uscirono, guardarono la vetrina, cominciarono a baciarsi e Davide disse: “Ti amo. ”

E con questo si termina, mi farebbe molto piacere ricevere vostri commenti al racconto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *