la mia vicina parte 2

Mi risponde
Casa una tisana ? si gli rispondo dopo una riunione cosi ne ho bisogno se la prepari tu mi dice ok io la bevo ma poi a bassa voce dice dovrai spiegarmi cosa intendi per gridolini che senti dall altra parte io sorrido e vado a preparare la tisana nel fra tempo mi do una lavatina non si mai mai penso ,pronto per andare di la da Francesca entro in casa e vedo una luce soffusa delle candele accese e un buon odore di Rome (profumo di laura biagiotti) sono eccitatissimo tutto ok dico lei mi risponde dal bagno arrivo subito siediti vado in cucina e poso le tazze e con un balzo felino mi accingo a guardare dal buco della serratura Francesca è davanti allo specchio che si sistema dopo essersi fatta un bide a la figa bella pelosa con uno slip di color rosa mi allontano ma sono veramente eccitato, Francesca mi raggiunge in cucina mentre parliamo del piu e del meno e si beve la tisana , le confesso che molte volte l ho sentita mentre godeva e stare dall altra parte a sentire i suoi mugolii avrei buttato giu il muro ,lei finge di essere sorpresa e mi dici ma non sara quella dell piano di sopra io non grido mai predo la palla al balzo dicendogli farei una prova di che prova parli mi risponde lei.

il mio sguardo è cosi malizioso e provocante che lei sorride e mi dice sono due settimane che sono in astinenza e tu non mi sei del tutto indifferente. nella mia mente stupore e incredulità di quello che stava accadendo ci sta ma dai non sapevo se avvinghiarmi subito a qual seno stupendo o fare altro che le chiesi che profumo usi che mi piace da morire si questo è Rome e nel fra tempo si avvicina con il collo per farmi sentire l odore si scopre con la mano l orecchio coperto dai capelli e li a un passo dal mio naso comincio con l annusare il profumo buono questo riesco a dire ma poi comincio a ciucciarlo l orecchio lei tenta di indietreggiare ma la tengo con un braccio la resistenza mi sembra poco costrutiva mi dice no mentre mi mostra il collo infatti e un no che dopo due slarpate di orecchio si trasforma in mugolio le affondo le mani sulle tette una 5 da panico con due capezzoli lunghi due cm e larghi come un dito ci spostiamo sul divano e Francesca comincia a lasciarsi andare mi sbottona i pantaloni e comincia in ginocchi davanti a me a succhiarlo con molta foga e se lo butta fino in gola mi guarda con occhi da gran troia dopo un po mi siedo sul divano mentre continua questo pompino con spagnola incorporata e da favola io penso la conosco da dieci anni e mi sono perso tutto questo tempo ma continuo a godermi questo pompino fino a quando non la metto sdraiata sul braccio del divano facendola scivolare giu sul divano in modo d averla con le gambe spalancate davanti a me comincio con lingua infuocata a tastargli tutta la patata non che un scopata di lingua e un ciucciotto al suo clitoride la vedo che gode come una pazza e con una mano tenta di scacciarmi per il suo troppo godimento a gli occhi inversi e in un mare di sensazioni di piacere mi accingo a scoparla in figa e tutta bagnata mi devo trattenere un attimo per non finire in due minuti perche sono eccitatissimo ,le sorrido e lei mi dici dai dai non fermarti la scopo alla pecorina me la metto a cavalcioni e una gran scopata.

sento che questo e solo l inizio continuiamo per un paio d ore cosi scoppando e le sue urla questa volta le avra sentite qualcun altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *