La mia ragazza (racconto trovato in rete)

Da quando sto con Miriam, finalmente posso dire che il sesso è totale.
Mi presento, sono Mario e ho una insaziabile voglia di perversione.
Tutto quello che è normale nel sesso, per me è noia, tutto quello che va oltre le righe, è godimento alla massima espressione: così, dopo diverse esperienze con ragazze che non mi hanno soddisfatto (non per colpa loro)ho incontrato Miriam.
Difficile descrivere Miriam senza eccitarsi, è già sexy di suo, se poi penso a quello che le ho fatto…
Ma andiamo per ordine Miriam è alta 1,65, capelli biondi chiari, terza di seno, un culo che a solo sentirlo, ti viene voglia di morirci dentro: di solito veste con gonne e quello che mi fa impazzire, è che mette sempre dei tanga, perché lei dice, che il bordo le sfrega la fica e questo la eccita un casino mentre cammina.

Il suo sguardo, come tutto il suo viso, è un inno al sesso e, così è stato.
Dopo pochi giorni che eravamo insieme, le avevo già fatto il culo, era inevitabile, ce lo ha a mandolino, troppo invitante per resistere.
La prima volta che abbiamo fatto sesso, lo abbiamo fatto normalmente nel letto ma subito abbiamo capito tutti e due che avevamo bisogno di emozioni forti, soprattutto io.
Il primo pompino è stato delizioso, lei ha due labbra e una bocca leggermente larga, che sembrano fatte apposta per fare godere i cazzi.

Io ho un uccello di medio-piccole dimensioni per cui sin da subito ho tirato fuori delle variazioni che Miriam ha subito accettato di buon grado, sottomettendosi a ogni mia richiesta.
Quando ho visto come lei mi seguiva in tutto quello che le chiedevo, la mia fantasia più estrema si è sextenata in realtà e così, Miriam mi ha seguito fino all’inferno dandomi tutto e anche di più.
Dopo qualche giorno di pompini e scopate normali, le ho detto che volevo stare nel suo culo e lei, subito si è messa a pecorina e spostando lo slip di lato,mi ha detto;
“ è tuo”
Ma a me non bastava scoparle il culo, io volevo sentirla urlare per me e vederla sottomessa come una schiava.

La mia depravazione è un limite e un pregio e comunque io godo in questo modo, così, ho cominciato a violentarle l’anima e il corpo.
Ricordo che sono andato in cucina pensando al suo fantastico sedere e ho preso un cetriolo di circa 22 cm, bello grosso di circonferenza, lo avevo scelto la mattina sperando che lei mi dicesse che potevo averla anche dietro.
Prendo un preservativo , lo metto sopra il cetriolo, poi lo lubrifico bene, spalmo anche il mio cazzo con dell’olio di vaselina e poi
Adv
torno da lei e le dico;
“Vediamo quanto sei larga”
così dicendo le apro le natiche e mettendo in mostra un buco,non più vergine, ma poco usato, le infilo un dito dentro per prepararla, lei emette un piccolo gemito e si contrae attorno al mio dito, io allora ne metto un altro e comincio a allargarle il buchetto:
lei guarda il cetriolo che ho in mano e con la lingua si bagna le labbra e mi dice;
“Quello è veramente grosso, bisogna che fai piano”
io ascolto quello che dice, poi, le metto le mani sulle spalle e senza pensarci,le metto dentro in un colpo solo il mio cazzo.

Il suo urlo per l’intromissione violenta, mi eccita ancora di più, spingo forte il mio cazzo e nello stesso tempo appoggio il cetriolo alla sua fighetta e senza aspettare,lo spingo dentro.
Il cetriolo viene risucchiato dalle sue labbra vaginali, sento il contatto, la piccolissima pelle che divice i due buchi, mi permette di sentire quanto Miriam sia piena e in quel momento le sborro nel culo per la prima volta.
I suoi gemiti, adesso sono sospiri, il mio cazzo dietro l’ha appena sentito mentre il cetriolo, l’ha riempita per bene, ma davanti Miriam è bella aperta e si è subito adattata alle nuove misure.

Finisco di riempirle il culo di sperma, poi, esco e tiro fuori anche il cetriolo, le metto due dita in bocca e comincio a spingerle il cetriolo nel culo: questa volta il suo urlo di dolore si smorza sulle mie dita, sento e vedo dallo specchio che ho davanti al letto, che sta soffrendo molto, sono un bastardo, non me ne frega niente, lei mi chiede di smettere e, più me lo chiede, più io lo spingo dentro.

Vedo il suo buco dilatarsi all’inverosimile, si lascia andare verso il letto sperando di farlo uscire, io invece la seguo e le dico;
Mordi la mano se soffri troppo, levo le dita e le metto la mano davanti a sua disposizione e poi, faccio sparire tutto il cetriolo nel suo culo.
Vedo le lacrime scivolare giù per le guance e sento il morso che mi fa sanguinare la mano, quel dolore che mi ha provocato, io gli e lo ricambio con gli interessi, tengo solo la punta estrema del cetriolo, tutto il resto le sta martoriando il sedere; vedo il rossore del suo non più piccolo foro e continuo a sodomizzarla per cinque minuti, lei adesso è stesa sul letto, lo sguardo e la faccia sono tornati normali, sento che si sta sditalinando e poi la sento godere.

La sento dirmi cose volgarissime e io allora, per vendetta aumento il ritmo mentre viene.
Il suo buco del culo sfondato dal cetriolo, si è allargato a dismisura, quando lo tiro fuori, vedo un leggero rigagnolo di sangue e vedo le sue feci che hanno sporcato il preservativo, la guardo soddisfatto e le dico;
“Siamo solo all’inizio…vuoi che smetto e mi comporto normalmente?”
lei mi guarda e mi dice;
“No—mi hai fatto molto male ma mi è piaciuto..fai quello che vuoi, come vuoi, quando vuoi.


Quella dichiarazione d’amore e di sottomissione mi eccita da morire, la faccio vestire solo con una gonna e niente sotto e, una camicetta trasparente che mette in mostra i suoi seni pronti a essere torturati, la prendo per mano e la faccio uscire di casa, la faccio salire in macchina, la porto nel bosco dei guardoni che come dice il nome, è il posto dove i ragazzi vanno a scopare e dove tutti guardano.

Mi fermo in un posto che è ben visibile e tirando giù il vetro le dico;
“Mettiti a pecorina con la testa fuori”
lei esegue, le metto una mano nella fica e sento quanto è bagnata, nel frattempo noto come il buco del suo culetto stia tornando normale, prendo dal porta oggetti un vibratore nero di dimensioni ancora più grandi del cetriolo e subito lo metto dentro la fica.
Il vibratore nero, l’ho comprato in mattinata subito dopo avere acquistato i cetrioli, misura 25 cm e la circonferenza è veramente per fighe e culi ben dilatati, in caso contrario è dura tenerlo dentro.

Il suo urletto all’intrusione del cazzo finto, mi fa morire di piacere, comincio a spingerlo deciso, vedo la sua testa fuori dal finestrino che sobbalza alle mie spinte, le prendo i capelli e tirandoli forti all’indietro ,le dico;
“Ti piace brutta troia eh!!”
Senza aspettare risposta gli infilo tutto il vibratore dentro, Lei mi urla che le piace e subito dopo raggiunge un altro orgasmo da sballo.
Io sono ancora arrapato e voglio di più, vedo dei ragazzi che guardano e gli faccio cenno di venire alla macchina, loro si avvicinano e io gli dico che possono fare quello che vogliono con la mia ragazza.

Sono dei ragazzini sui 18 anni, non gli sembra vero, subito uno le mette il cazzo in bocca mentre un altre le strizza le tette, io continuo a torturarla con il vibratorenella fica, uno mi chiede se può scoparla, io gli dico che davanti è già piena ma che se vuole, puùò metterglielo nel culo, che a lei piace lo stesso.
Il ragazzino sale sulla macchina vede quel culo così bello, pronto, si tira fuori un cazzo enorme e mi dice;
“Non sono mai riuscito a metterlo nel culo di una ragazza perché ce l’ho troppo grisso…sei sicuro che posso?”
Io guardo quel cazzo che è veramente abnorme e gli dico;
Accomodati, non ti preoccupare se urla, gli piace e lo fa per eccitarmi”
Allora il ragazzo si posiziona e spinge il cazzo tra le natiche di Miriam, Il vibratore che ha davanti, non permette al ragazzo di metterglielo nel culo e allora, anche se contro voglia, lo tolgo e mi metto a guardare la scena.

Miriam,sta ricevendo un secondo cazzo in bocca, vedo che è già sporca di sperma nei capelli e sul collo, è leggermente sudata, io la tengo ferma per le spalle perché so che quando il ragazzo si spingerà nel suo culo, lei cercherà di sfuggirgli e così è.
Il ragazzo si sputa sul cazzo e cerca di bagnarlo, io gli dico di non farsi problemi e allora, lui le prende i fianchi, li stringe forte e poi, spinge il corpo di Miriam contro la sua cappella: un attimo di resistenza e poi vedo che la cappella sparisce insieme a metà di quel cazzo, sento un urlo strozzato sul cazzo che ha in bocca e vedo delle gocce di sudore colarle dalla fronte, le lacrime che per la seconda volta le scendono sulle guance, sono dovute al dolore, il ragazzo che le sta violentando il culo dice;
“Che bello…finalmente sento un culo stretto”
E così dicendo le mette dentro anche il rimanente del suo cazzo, io mi metto a fare una sega mentre vedo Miriam che viene sbattuta contro il finestrino da quel mostro di cazzo; duardo il suo culo dilatarsi all’impazzata e vedo che le palle del ragazzino si abbattono a frustare le sue natiche.

Quella scena di violenza anale è talmente forte che presto sborro sulla schiena di Miriam, vedo che lei sta succhiando un terzo cazzo, mentre il primo che gli ha sborrato in bocca, adesso sale e decide di pisciarle addosso.
Vedo il caldo di quella urina ,bagnarle la schiena e scendere sul suo corpo, le metto una mano nella fica e le dico;
“Pisciati addosso adesso! subito”
Miriam non può rispondere, vedo che stringe i muscoli vaginali e piano un rivolo di urina scende sulle sue cosce.

Il ragazzo che le ha spaccato il culo urla il suo piacere e, con un colpo terribile le viene dentro,poi lo tira fuori e portandosi davanti,fa spostare il ragazzo che sta godendo della bocca di Miriam e le dice,
“Adesso ripulisci tutto quello che mi hai lasciato attaccato e cerca di metterglielo in bocca, Miriam non riesce a metterlo in bocca e allora lo lecca da fuori cominciando a pulirgli tutti gli escrementi e il sangue.

Il ragazzo che ha dovuto toglierlo dalla bocca, apre la porta e facendo alzare Miriam gli e lo mette nella fica e comincia a farla impalare da sola, Miriam cerca di accontentare tutti e in quel momento mi da una mano per sentire il mio contatto e la stringe forte.
Mi rendo conto che sono un bastardo al massimo, ma è più forte di me, vederla presa da tutti, violentata e umiliata, mi fa godere come un pazzo, aspetto che tutti prendano Miriam come vogliono e dopo circa due ore, rimasti soli la porto verso casa.

Arrivati all’incrocio con l’autostrada vedo un cane lupo e mi viene in mente un ulteriore sconcezza, ho visto un sacco di film con a****li che scopano con uomini e così fermo la macchina e aprendole la fica le metto dello zucchero che tengo in machina, poi faccio avvicinare il cane,che sentendo lo zucchero comincia a leccarla voracemente: una volta finito lo zucchero, il cane sente l’odore della femmina in calore e allora, alzando le zampe va a coprirla e le mette il suo affare dentro e comincia a leccarla tutta.

Dopo le misure che ha provato Miriam in quella giornata, sicuramente l’unico problema cje le rimane è quello di adattarsi a quella nuova esperienza.
Io l’accarezzo mentre sento il ringhio affannoso del cane che ben presto fregandosene dei tempi di Miriam , le viene dentro, si sfila e si allontana.
Affascinato da quello che ho visto e sempre più porco e senza limiti, mi viene voglia di portarla nella stalla di un mio amico, dove si trova uno stallone bellissimo di 4 anni, così, prendo e ci vado.

lei è stravolta mi dice che è stanchissima, io le dico che non ho ancora finito con lei, lei mi risponde se possiamo continuare il giorno dopo, ma io ormai ho deciso, la porto fuori città, arrivo alla casa del mio amico, lo saluto, presento Miriam e gli dico se posso farle vedere il cavallo: ovviamente lui accetta e ci segue.
Io intanto che camminiamo, racconto a l mio amico cosa voglio fare, lui stupito e incredulo, si eccita subito e mi lascia strada.

La faccio entrare e subito la porto davanti al cavallo e le dico;
leccagli il membro fino a sentirlo duro”
lei è un attimo timorosa e io ribadisco;
“Subito”!!
Così, lei entra nel box e con una mano scende sul cazzone del cavallo, comincia a sfregarlo e a andare avanti e indietro, in pochi secondi lo stallone tira fuori un arnese enorme e nitrisce come un pazzo, quando poi lei comincia a lecacarglielo, io divento paonazzo dall’eccitamento.

Il mio amico guarda la scena, quando vede che Miriam riceve la sborra del cavallo e che viene imbrattata tutta, la prende per un braccio ,la fa piegare e aprendo la zip gli e lo mette in bocca, lei lo succhia con le ultime forze rimaste, io tiro fuori il mio cazzo e la faccio mettere a pecorina e ancora una volta lo metto nel suo culo, adesso ben aperto.
In poco tempo sia io che il mio amico, la riempiamo di nuovo di sperma, a quel punto decido che per quel giorno può bastare…con calma penserò a cosa farle nei prossimi giorni.

Adesso ho voglia di portarla a casa e riposarmi un poco e mentre torno con lei umiliata, sporca. violentata in tutti i modi, già penso alle porcate che ancora posso fargli e subito un nuoo eccitamento cresce nei miei calzoni, sporchi di feci e di sperma….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *