Indimenticabile sosta all’autogril

Erano ormai due ore che stavo viaggiando in macchina da solo; stavo percorrendo l’autostrada del sole in direzione sud per godere di una settimana di vacanza al mare in un caldo pomeriggio di giugno, quando sentii il bisogno di andare in bagno e di bere qualcosa di fresco. Mi fermai dunque in autogrill, e mentre posteggio la macchina noto nella vettura accanto due ragazzi, il primo dai capelli scuri, abbronzato e con gli occhiali da sole, il secondo biondo, con i capelli leggermente lunghi ed ondulati con gli occhi chiari.

Spengo il motore della mia auto e mi accingo a scendere, quando anche i due ragazzi, che fino ad allora non avevano fatto che guardare verso di me, aprono gli sportelli e scendono anche loro. Sul momento, a parte il fatto che continuavano a fissarmi, non notai nulla di insolito, e mi avviai verso i bagni.
Entrai e trovai una lunga fila di orinatoi tutta libera e le porte delle toilette tutte aperte: non c’era nessuno.

Mi avvicinai ad uno degli orinatoi in posizione centrale quando i due ragazzi che erano scesi insieme a me dalla macchina entrarono nel bagno. Ero sul punto di abbassare la cerniera per soddisfare il mio bisogno, ma non feci in tempo: i due ragazzi mi affiancarono uno alla mia sinistra e l’altro alla mia sinistra appoggiando il loro notevole pacco sul bordo del mio orinatoio. Rimasi interdetto e feci per scostarmi, ma i due mi fissarono con uno sguardo tra il supplichevole e l’imperativo ammiccando verso il basso con lievi cenni del capo.

Contemporaneamente mi posero un braccio sulle spalle per evitare che mi allontanassi; non potevo più arretrare ed i loro gesti non lasciarono più alcun dubbio sulle loro intenzioni. Cominciarono a far oscillare avanti ed indietro i loro bacini avvolti entrambi in un paio di pantaloni di lino color cachi abbastanza attillati da permettermi di intuire le loro anatomie intime. I loro cazzi stavano cominciando a gonfiarsi nei loro pantaloni lasciandomi intravedere il risalto delle cappelle a forma di fungo rovesciato in fondo alle aste ormai gonfie; anche la forma di piccolo seno tipica delle grosse palle che fanno da appendice a dei grossi cazzi era ormai distinguibile.

I due ragazzi stavano continuando ad utilizzare il bordo dell’orinatoio per strusciarsi e provocarsi un’erezione sempre più evidente quando ciascuno di loro afferrò una delle mie mani e se le appoggiarono delicatamente sul pacco ormai gonfio. Fino a quel momento ero rimasto come impietrito e mi ero dimenticato di possedere anche io un cazzo tra le gambe chiuso nei pantaloni; quando le mie mani, oltre ai miei occhi, percepirono i due cazzi barzotti sotto il tessuto, mi rilassai quasi immediatamente ed un tremito percorse il mio corpo fino a raggiungere il pube, ed il mio cazzo ancora flaccido cominciò anche lui a premere contro i miei jeans.

Quel giorno infatti, contrariamente alle mie abitudini, visto il grande caldo, non avevo indossato gli slip. I due ragazzi si accorsero subito di ciò che stava accadendo tra le mie gambe e, lasciandomi i polsi liberi, iniziarono ad accarezzarmi il pacco, mentre io stavo ormai massaggiando i loro concentrandomi soprattutto nella parte bassa in corrispondenza delle palle. Facevo terminare ogni massaggio verso il basso con una leggera stretta al gonfiore che lasciava intuire lo scroto molto sodo dei due sconosciuti che mi avevano circondato.

I due ragazzi intanto si stavano dedicando assiduamente al mio pacco, quello bruno massaggiando il lungo gonfiore dell’asta fino alla cappella e quello biondo palpandomi sempre più intensamente le palle facendo scivolare ogni tanto il suo dito medio in direzione del mio culo.
Ci guardammo tutti negli occhi per un attimo e comprendemmo all’istante che era giunto il momento di andare oltre; con i due medi cercai di intercettare le manigliette delle due zip, e quando ci riuscii, premetti leggermente verso il basso facendole scorrere lentamente fino in fondo.

Quando giunsi alla fine i due ragazzi ebbero contemporaneamente un forte sussulto del bacino in direzione dell’orinatoio, ed a quel punto, i due cazzi in erezione balzarono fuori con qualche oscillazione favorita dal peso delle due enorme cappelle ancora protette all’interno dei loro prepuzi. Anche loro non indossavano biancheria intima. Rimasi stupefatto dalla perfezione dei due cazzi, uno circondato da una soffice peluria bionda e l’altro avvolto da una folta ed ispida foresta di peli neri.

Infilai le mani all’interno delle due fessure e con un movimento delicato estrassi anche quattro palle ovali che davano l’idea di essere piene di sborra.
I due cazzi nel frattempo avevano raggiunto la piena erezione e mostrandomi la cappella rossa attraverso il buco del prepuzio che si stava ritirando sembravano non chiedere altro che di essere afferrati con decisione. Erano talmente belli e pulsanti che non mi feci pregare: chiusi i due pugni intorno alle loro aste alla base delle due enormi cappelle spinsi delicatamente ma con decisione verso il basso i due prepuzi fino a premere leggermente sulle palle; le due cappelle emersero nella loro interezza emettendo dai due fori dilatati sotto la tensione provocata dalle mie mani una bianca e densa goccia di pre-sperma.

I due ragazzi, a causa del profondo piacere, fecero oscillare in avanti i loro bacini e piagarono le teste all’indietro con gli occhi chiusi emettendo un intenso gemito. Le mie mani non faticarono ad adeguarsi alla frequenza dei loro movimenti iniziando un lento movimento in su ed in giù aumentando leggermente la pressione introno all’asta ed alla cappella nella direzione di quest’ultima simulando il gesto della mungitura. Io infatti con questi due grossi cazzi che mi scorrevano nelle mani con le cappelle turgide avevo esattamente l’impressione di volergli pompare fuori la sborra come il latte da una calda mammella.

Intanto anche io avevo raggiunto un discreto livello di eccitazione e feci un cenno col capo ai due ragazzi, i quali in perfetto accordo, aiutandosi a vicenda, abbassarono lentamente la zip dei miei jeans. I due ragazzi infilarono le mani nelle mie tasche e fecero in modo di allargare la fessura aperta; il mio cazzo, che era ancora disposto con la cappella verso il basso, si gonfiò ulteriormente e si mostrò timidamente a noi tre.

Il ragazzo bruno afferrò la mia cappella e tirando in avanti mi estrasse il cazzo dai pantaloni insieme alle palle, mentre quello biondo mi slacciò il bottone, ed infilando una mano nel mio posteriore fece calare completamente i miei jeans.
Mentre io continuavo a stantuffare i loro due cazzi sempre più bagnati e schiumosi, il ragazzo bruno impugnò il mio cazzo ed iniziò a segarmi lentamente, ed il ragazzo biondo prese ad accarezzarmi le natiche con pressione sempre crescente fino a quando io non resistei dal divaricare leggermente le gambe per permettergli di intrufolarsi in mezzo.

C’erano quindi tre enormi cazzi in piena erezione affacciati sull’orinatoio che venivano stantuffati sempre più velocemente, e la base del mio scroto che veniva massaggiata dal dito medio del ragazzo biondo da dietro. La situazione durò circa cinque minuti che mi sembrarono eterni: sentivo crescere il piacere che proveniva dalle mie mani strette introno a quei due meravigliosi cazzi e si concentrava sempre più intensamente alla base del mio cazzo ed intorno alla mia cappella che veniva strapazzata da quella mano esperta.

Ad un certo punto ci rendemmo tutti e tre conto che non potevamo più resistere a lungo, e con uno sguardo di intesa, decidemmo che era giunto il momento del massimo godimento. Sentivo nella mia mano sinistra il cazzo del ragazzo bruno che iniziava a spasimare; quello del ragazzo biondo, pur essendo anche lui di marmo, mi sembrava leggermente più indietro. Diedi allora due colpi più lunghi ed intensi al cazzo del ragazzo bruno, il quale emettendo un rantolo profondo, cominciò a stillare il suo cremoso e caldo liquido in un flusso lento e continuo.

Indirizzai il suo cazzo in direzione del mio continuando a mungerlo in modo che la sua densa sborra calda colasse sulla mia asta; immediatamente la sborra del ragazzo bruno che mi stava masturbando si spalmò completamente su tutto il mio cazzo colando fino alle palle mentre la sua mano iniziò a scorrere sempre più viscidamente sulla mia asta.
Nel frattempo il ragazzo biondo, alla vista della sborra che colava dal cazzo del suo amico proprio sul mio cazzo rivestendolo di una spuma bianca, aumentò le oscillazioni del bacino ed io accelerai progressivamente la velocità della sega aumentando anche la pressione intorno al gambo venoso ed alla cappella gonfiatissima.

Mi ci vollero una decina di colpi ben dati per far esplodere il suo cazzo in una serie interminabile di schizzi che inondarono l’orinatoio ed i nostri busti. L’odore della sborra invadeva l’aria e i due ragazzi ancora scossi dai fremiti del loro orgasmo si concentrarono sul mio corpo: mi spalmarono la loro sborra sul petto, poi il ragazzo bruno, accordandosi alle mie oscillazioni, rallentò leggermente il movimento della sua mano stringendo con maggiore energia il mio cazzo tutto cosparso della sua sborra.

Il ragazzo biondo si fece più audace e fece una leggera pressione con il suo dito in corrispondenza del mio ano, il quale cedette, e gli permise di entrare leggermente. Da quella posizione fu in grado di trovare il punto giusto al mio interno regalandomi un piacere che non avevo mai provato. La combinazione delle sensazioni che provavo sul mio cazzo e all’interno del sedere, dopo una ventina di colpi molto decisi sul mio cazzo da parte del ragazzo bruno fece esplodere il mio cazzo, il quale impiegò qualche secondo a lasciar andare il suo frutto.

Sentii lo sperma scorrere dalle mie palle lungo tutto il gambo fino a quando gonfiò ancora la cappella che non fu più in grado di contenerlo e lasciai andare sette schizzi di sborra densissima sui due cazzi che stavano cominciando ad afflosciarsi e che io continuavo a massaggiare dolcemente.
I due ragazzi ebbero ancora un accenno di ripresa di erezione che percepii nei miei pugni ancora stretti intorno ai loro cazzi barzotti.

Rimanemmo qualche minuto a riprendere fiato, io con i loro cazzi che rammollivano in mano ed il ragazzo bruno che reggeva il mio che continuava a colare le ultime gocce di sborra. Ci guardammo ancora una volta negli occhi e con un’intesa che mi sorprese pisciammo l’uno sul cazzo dell’altro nell’orinatoio davanti a noi lavandoci i cazzi ricoperti di sborra con la nostra pipì calda.
Ci scrollammo per bene l’uno con l’altro e ci avviammo ciascuno per la sua strada come se nulla fosse successo.

Quella sosta all’autogrill è rimasta impressa per sempre nella mia memoria provocandomi sempre un’eccitazione tale da farmi tirare fuori il cazzo e non resistere dal cominciare a scuotermelo immaginando di avere intorno quei due bei ragazzi con i loro cazzi statuari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *