Il massaggiatore – seconda parte

Il giorno successivo mi ricollegai alla chat e mandai un messaggio al massaggiatore “grazie per ieri, mi è piaciuto molto” dopo qualche ora vidi la risposta “grazie a te, come sta il buchetto? Dolorante?” “solo un poco, tutto bene. Se ti va potremmo rifare, spero ti sia divertito anche tu” “certo che mi son divertito, con piacere. Domani alla solita ora se ti va sono libero” “benissimo! Hai certamente capito che ho poca esperienza…sono un po’ imbranato” “te la sei cavata egregiamente, hai preso tutta la mano senza fatica” Così il giorno seguente ero di nuovo al centro massaggi.

Stavolta più sciolto e meno imbarazzato. “ciao, eccoti, vieni che iniziamo subito, hai qualche richiesta particolare?” “no…. però avrei una cosa da chiederti, anzi due..” “dimmi” “se ti va mente hai le dita infilate mi s**tti qualche foto? Ho portato la mia macchina: mi piacerebbe vedere come mi apro. Mi eccita molto guardare… e poi vorrei…scusa mi vergogno un po’ a chiedertelo…” “macchè ti vergogni…ti ho infilato una mano in culo l’altro giorno, dai nessuna vergogna!” “hai ragione…vorrei che tu mi dicessi quello che stai facendo, quante dita mi stai infilano, cosa farai subito dopo…insomma che descrivessi quello che succede…aumenta la mia eccitazione” “ho un’idea! Ci mettiamo nell’altra sala, quella che usiamo per la ginnastica correttiva: c’è un grosso specchio su tutta la parete, così vedi la nostra immagine riflessa, che ne dici?” “perfetto, andiamo”
L’ho seguito nella stanza, mi sono subito spogliato e messo a pecorella su un materasso come quello dell’altro giorno, non c’erano lettini per i massaggi.

“sei già pronto? Non ti va un massaggio?” “sì, certo, scusa. Mi piace questo grosso specchio, si vede bene tutto!” ha lasciato tutte le luci accese, ed è arrivato con il flacone dell’olio. “mi spoglio subito anche io, ti faccio provare il massaggio con tutto il corpo, non lo faccio mai, ho imparato in India ma per noi occidentali è troppo ‘sessuale’ heheheh” Mi ha unto abbondantemente, le sue mani mi hanno eccitato e rilassato contemporaneamente, un mix di esperienza nel massaggio e piacer nel toccare il corpo in modo sensuale, poi si è coricato completamente sopra di me ed ha iniziato a strusciarsi.

Il suo peso, il suo calore, il suo corpo peloso che sfregava sulla mia schiena schiacciando il mio cazzo sul materasso..son quasi venuto. “mmmm quanto mi piace, è fantastico così…” “girati” mi son girato ed ha ricominciato a strusciarsi dopo aver aggiunto una gra dose di olio.

Non son certo che in India facciano questo tipo di massaggi, a me sembrava un preliminare in piena regola ma stavo godendo da matti.

Il suo grosso pisello duro era contro il mio e la mia pancia, avevo una gran tentazione di baciarlo in bocca ma mi sin trattenuto, lui non si è avvicinato e mi son limitato a guardarlo in viso ed accarezzare la sua schiena e le sue natiche. Poi si è alzato, “girati di nuovo, ho voglia del tuo culo” il materasso era grosso, quasi un letto ad una piazza e mazza, ho allargato bene le gambe e girando la testa a destra vedevo la nostra immagine nello specchio.

“mi piace il tuo buchetto peloso, ora lo apro bene. Sto infilando un dito, ora due, sei così largo…bello il tuo buco…bello caldo ed accogliente…ora sono tre” “mi piace, mi piace tanto” “ora ne infilo quattro, sì così apriti. ” ed ha iniziato a muoverle avanti e indietro, avanti e indietro per tante volte. “ora alterno le quattro dita anche con la sinistra” ero rilassato, contento e mi lasciavo aprire a suo piacimento. “alza un poco il bacino, ecco così…ora faccio entrare la mano” ed ho sentito la mano entrare.

Vedevo il suo corpo peloso con il cazzone duro mentre muoveva il braccio e sentivo la mano entrare. Era come vedere un film mentre vivevo tutte le sensazioni. Mi ha sempre eccitato molto guardare…era cpome vedermi dentro ad un film. Ha infilato e tolto un po’ di volte la mano molto lentamente. “vuoi le foto ora?” “sì ma no prendere il viso, mi raccomando” “aspetta che mi pulisco la mano…infilati le dita da solo che faccio le foto.

Ecco così, due…mettine anche quattro che hai un bucone bello largo adesso” ed effettivamente le mie quattro dita sono entrate senza difficoltà. “ora mettiti a pecorella, appoggia la faccia sul materasso, infilati due dita per mano, no così…. dal lato, ecco e tira verso l’esterno per apriti …. wowow che figata, ti viene un bucone enorme! Basta foto, ora gioco io!” e la sua mano è entrata di nuovo tutta fino al polso. Mi ha fistato, infilato alternativamente le quattro dita di nuovo e poi il suo cazzone ma prima di sborrare mi ha fistato ancora, poi infine anche la sua eccitazione era molta e mi ha fatto coricare e mi ha scopato il culo nella posizione simile al massaggio “indiano”.

Il mio cazzo sfregando sul materasso ha sborrato altre due volte e quando ci siamo messi a sedere era moscio e rimpicciolito. Me lo ha preso in mano assieme alle palle mentre io lo segavo “che cazzetto che hai, hai mai fatto l’attivo con sto pistolino?..scusa, non volevo offendere…ma io ce l’avevo così a 13 anni…” “ho fatto l’attivo poche volte, godo più di culo…. ” Ci siamo fatti la doccia ed abbiamo guardato le foto.

Io mi sono eccitato, lui pure. Ho allungato la mano sul suo cazzo, l’ho segato e poi, senza imbarazzo l’ho preso in bocca unendo la sega alla pompa, mi è venuto in bocca. “a presto, è stato molto bello, se hai altri desideri dimmelo che li mettiamo in pratica” “ok, è stato bellissimo anche per me”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *