Il fine settimana

Sentii il clacson, uscii e vidi la macchina del mio capo. Jacopo scese trascinandosi una borsa sportiva, quando mise i piedi a terra mi vide ed agitò la mano. “Ehi, Tiziano!” Jacopo aveva diciotto anni, biondo, magro, con zigomi alti ed occhi furbi, si stava trasformando da bambino carino in un dannatamente bel uomo. “Ehi, campione!” Risposi..
Suo padre, il mio capo, uscì dalla macchina. “Apprezzo quello che stai facendo per me, Tiziano. ” Disse.

Capelli più scuri e corpo più pesante, era quello in cui si sarebbe trasformato Jacopo se non fosse stato attento..
“Nessun problema. ” Dissi.
“Non te l’avrei chiesto se sua nonna non si fosse ammalata all’ultimo minuto. ” Disse il mio capo. “Ada ed io dobbiamo andare fuori città questo fine settimana e non vogliamo lasciarlo a casa da solo…”.
“Lo so. ”
“…. e nessun altro era disponibile. ” continuò suo padre.

“Avevo pensato di assumere qualcuno, ma non era possibile il venerdì…”
“Non preoccuparti, comunque non avevo programmi per questo fine settimana. Jacopo ed io potremo andare a spasso, giocare e cose del genere. ” Guardai Jacopo. “Sarai mio per il fine settimana. Ti piace il football, Jacopo?”.
“N… no” disse lui con faccia delusa.
“Non preoccuparti, troverò qualche cosa. ” Gli sorrisi..
“Benissimo!” Assentì lui.
“Penso che staremo bene insieme. ” Dissi a suo padre.

“Tu e tua moglie divertitevi. ”
“Ti rimborserò qualsiasi cosa comprerai nel week end. ” Offrì il mio capo, insistette per darmi un biglietto da cinquanta. Io avrei pagato cento euro per stare con Jacopo ogni fine settimana, ma non pensavo che sarei stato pagato per questo. Il mio capo è grande, non mi aspettavo problemi per quel week end.
Avevo torto. Jacopo entrò, diede un’occhiata al mio piccolo appartamento e disse: “Cazzo, questo posto è una merda!”.

“È dove vivo. ” Dissi. “E sarà casa tua per il fine settimana. ”.
Jacopo si guardò intorno. “Niente hi-fi? Niente PC? Niente videoregistratore?”.
“N… no” Ammisi.
“Hai la TV a pagamento?”.
“No, solo quella gratis. ”
“Che palle!”
“Mi spiace, ma potremo uscire ed andare alla partita domani. ” Gli ricordai.
“Sì, ma cosa faremo stasera?” Uggiolò. “Dov’è la mia camera da letto?”
“Tuo papà non ti ha detto che avresti dormito sul divano?” Chiesi.

“Glielo avevo detto. ”
“E’ un divano letto?” Jacopo sembrava vinto.
“N… no” Ammisi. “Ma è comodo, ci starai bene. ”.
“Se è così comodo perché non ci dormi tu?”
“Potremmo giocarcelo a braccio di ferro. ” Proposi con un sorriso tentatore.
“Scordatelo. Hai un videogioco?”
“N… no. ”
“Cosa c’è da mangiare qui?” Jacopo saltò sul divano, prese il telecomando, accese la TV e cominciò a fare zapping.
“Pensavo di andare al ristorante o far portare qualche cosa a casa.


“Una pizza. ” Decise Jacopo. “Non di quelle ordinarie, una con peperoni e prosciutto, con la crosta sottile. Io chiamo mentre tu vai a prenderla. ” Estrasse il cellulare e compose velocemente il numero.
Gli feci delle smorfie poi presi il cappotto ed andai a prendere le pizze. Erano dieci minuti di viaggio, sarei tornato in mezz’ora. Per come si stava comportando Jacopo poteva essere la miglior mezz’ora del week end.
Quando ritornai con la pizza (Jacopo aveva ordinato ogni cosa, il personale apparentemente doveva conoscerlo bene), non era in soggiorno.

La televisione era accesa a pieno volume e l’abbassai. “Jacopo? Jacopo, dove sei?” Chiamai. Dio, se se ne fosse andato mentre ero via, l’avrei ucciso ed avrei spiegato il perché a suo padre quando fosse venuto ad identificarne i resti!
Non c’era in cucina. Mi avvicinai alla porta della camera da letto, l’aprii, guardai dentro e Jacopo era là, sul letto, stravaccato mentre guardava le… mie riviste! Merda! “Ehi, dove le hai trovate?”
“Sotto il tuo letto.

Ce n’era una s**tola intera, huh?”
“Sì, ma non vuol dire che io voglia che qualcun’altro le guardi. ”
“Ti piacciono i ragazzi nudi, huh?” Jacopo aveva preso solo le ultime riviste, grazie a Dio, erano le meno spinte.
“Sì, ora rendimele e ritorniamo in soggiorno. ” Dissi.
“Cosa c’è d’altro che tieni qui?” Disse invece Jacopo e cominciò a scavare nella s**tola.
“Lasciali in pace. ” Uscii e mi ero appena allontanato quando Jacopo estrasse una delle riviste hardcore.

Sulla copertina c’era un ragazzo che ne succhiava un altro e solo un piccolo cerchio non permetteva di vedergli l’uccello, ma si poteva facilmente capire cosa rappresentava la scena.
Ritornai nella stanza ma non abbastanza velocemente, Jacopo aveva aperto la rivista in mezzo e lo sapevo, quelle pagine erano piene di erezioni. Jacopo ebbe tempo sufficiente per vederle prima che potessi avvicinarmi al letto e strappargli la rivista.
Rimisi i periodici nella s**tola e la misi sulla mensola sopra l’armadio.

Mi girai, Jacopo aveva ancora la rivista con sulla copertina i due ragazzi, l’aveva aperta all’inserto centrale dove c’era un ragazzo con l’uccello completamente duro.
“Dammelo!” Dissi prendendoglielo.
Jacopo rise. “Ti piacciono gli uomini, huh?”.
Cosa puoi dire quando sei scoperto? “Sì, è così. ” Assentii. “Ma questi non sono affari tuoi. ”
“Ok, va bene. ” disse Jacopo e mi lanciò il periodico. Io lo presi spiegazzandone le pagine e lui si alzò dal letto.

“Hai preso la pizza?”
“Sicuro, è sul tavolino. ” Dissi e lo seguii in soggiorno pensando di aver scansato la pallottola. Jacopo aveva diciotto anni, dopo tutto e non mi sembrava fosse stato scosso.
E così pensai fino al momento di andare a letto. Jacopo aveva guardato la televisione con me senza lamentarsi e di tanto in tanto vidi che mi osservava, ma non ci feci caso.
Andò in bagno ed io mi preparai per la notte.

Ero in mutande seduto sul letto quando uscì dalla doccia ed io dissi: “Vuoi una luce per vederci di notte?”
“No. ” Disse avvicinandosi. “Ma ho bisogno di qualche cosa d’altro. ”.
“Cosa?”.
“Ho bisogno di succhiare il tuo uccello. ” Disse abbassandosi tra le mie gambe.
“Cosa cazzo?” Ansai.
Le mani di Jacopo erano alle mie mutande, delle vecchie cose larghe che non gli opposero resistenza lasciandosi scendere facilmente, e ora aveva in mano il mio cazzo!.

“Jacopo, cosa…. Gesù Cristo, Jacopo cosa stai facendo?”.
“Succhiando il tuo uccello. ” disse e lo fece prontamente. La sua bocca si aprì ci mise dentro il mio pene.
L’unica cosa che riuscii a fare fu ansare. “Jacopo, cosa stai facendo, non puoi farlo!”
Le labbra di Jacopo si chiusero intorno al mio cazzo, strinsero e poi lui si alzò lentamente, tirando la pelle del pene sul glande. Oh, Dio che bello! Quindi scivolò di nuovo in basso.

il glande fu succhiato giù e poi ancora su, ed io sentii una perlina calda di pre eiaculazione trasudare e sbarcare sulla sua lingua. “Oh, Dio!” Questa volta dissi sotto voce.
“Mmmph!” Jacopo si alzò dal mio uccello e disse: “Ha un buon sapore, a te piace?”
Cosa potevo dire? Il mio corpo stava dicendo la verità e non potevo mentire, quindi dissi: “Sì, mi piace. ”
“Quei ragazzi sulla rivista sorridevano mentre venivano succhiati.

” disse Jacopo. “Ed ai ragazzi che lo fanno sembra piacere. ” Forse Jacopo aveva visto più delle mie riviste di quanto avessi pensato! “Così ho voluto provare. Ed è bello. ”
E Jacopo riprese a succhiarmi. Io mi abbandonai, mi sdraiai sul letto e lasciai che mi succhiasse. Dio, quanto era passato da quando mi avevano fatto un pompino. Le mie ultime poche escursioni in città erano state piuttosto tediose, gli uomini non erano ispirati.

Jacopo stava prestandosi col vigore, l’eccitazione e l’ilarità dell’esplorazione giovanile. Gli piaceva succhiare il mio uccello e ci si tuffava sopra con entusiasmo e piacere. Le sue labbra erano avvolte al mio pene duro ed io mi meravigliai come occorresse poca abilità quando c’è l’entusiasmo ad alimentare il fuoco.
Io gemevo e mi dibattevo sul letto, alzai la testa a guardare quel dolce viso seppellito nel mio inguine, poi mi sdraiai a contemplare il soffitto lasciando che le sensazioni fluissero dalla mia verga in tutte le direzioni nel mio corpo.

Jacopo era infaticabile, si stava muovendo con un movimento uniforme e le sue labbra erano strette a sufficienza per darmi gioia ad ogni movimento della testa, mi contorcevo, il mio uccello era di fuoco, pronto ad esplodere, pronto ad infradiciare quella giovane bocca in attesa dei succhi caldi delle mie noci, spedendo tutta la frustrazione, risultato di mesi di poca o nessuna liberazione sessuale data dall’insoddisfacente mia mano, le mie palle gorgogliavano all’opportunità di lasciarsi finalmente andare, finalmente versare fuori tutto ed affogare quel giovane stallone caldo col mio sperma!
E sentii l’orgasmo artigliarmi il retro del cervello ed ansai: “Sto venendo, Jacopo, sto venendo, sparerò, sto per sparare!”
Jacopo tolse le labbra e cominciò a masturbarmi! Io ero perso nella mia passione e gemetti: “No, Jacopo, non smettere di succhiare, prendilo tutto, prendilo tutto in bocca, per favore oh, Dio, forza!”.

Jacopo lo fece, si mosse, le sue labbra mi ripresero e fu allora che venni, la sua mano era ancora alla base ma le sue labbra scivolavano in giù ed io mi lamentai, spinsi il mio uccello nella sua bocca e sprizzai! Tutte le stelle del cielo esplosero nel mio cervello contemporaneamente e l’orgasmo pesò nel mio cranio, gemetti, ringhiai, ruggii la mia estasi e Jacopo fu riempito. La sua bocca non riusciva a contenermi, soffocò, schizzò ed io sentii il mio seme caldo schizzare sul mio inguine, Jacopo stava alzandosi, il mio sperma schizzò sulla sua faccia, la sua mano mi mungeva e fece schizzare il resto del mio carico sopra la sua faccia!
“Oh, Dio, oh, Dio, oh, Dio, Jacopo oh, oh, ahhhhh, uhhh l’uhhhh!” Schizzai mentre il mio orgasmo esplodeva e mi sdraiai sopra le coperte bagnate di sudore anelando rumorosamente..
“Wow.

” Ci fu un piccolo rumore di meraviglia. Jacopo.
Alzai la testa, pesante come un incudine, con fatica, vidi la sua faccia e dissi: “Tutto bene?” Il mio sperma era dappertutto sulla sua faccia, era schizzata di macchie di sborra sulle guance, sulla fronte, sul naso e sul mento..
Coperto di sperma com’era, Jacopo salì sul letto per sdraiarsi accanto a me. “E’ stato fico!” Disse.
“Tu sei stato magnifico. ” L’assicurai.

“Non aveva il sapore che pensavo. ” Disse Jacopo. “Pensavo fosse una cosa sporca, invece aveva un sapore buono. ”
Misi un indice sulla sua faccia, presi dello sperma dal suo mento e glielo mostrai. “Ti piace, non è vero?”
“Sì. ”
Gli diedi il mio dito e lui succhiò via la sborra, delicatamente, felicemente. Ne presi dell’altro pulendogli la fronte, la guancia, e dandoglielo, poi alla fine dissi: “Sei un grande succhia cazzi.


“Sì, era bellissimo. ” disse Jacopo. “E noi lo faremo ogni fine settimana. ”
“Sicuro. ” dissi sonnolentemente. “Ora dormiamo così domani potremo giocare a football. ”
Lasciai che Jacopo dormisse con me, perché no, date le circostanze e pensando che l’avesse fatto per curiosità. Forse in un altro fine settimana…, ma non volevo spingerlo. L’aveva fatto prendendosi il rischio con me ed ora era soddisfatto. Probabilmente la cosa sarebbe finita lì.
Ma avevo torto, dopo un po’ sentii Jacopo spostarsi nel letto e scivolare sotto le coperte, stava strisciando in giù verso il mio tubo esausto.

Premette sul cespuglio dei miei peli pubici, le sue labbra e la lingua trovarono ed assaggiarono lo sperma che era stato schizzato laggiù precedentemente, li leccò e poi cominciò a leccare di nuovo la mia asta.
La mia verga si erse pronta e sentii Jacopo ridere da sotto le coperte, poi ancora una volta stava succhiando la mia lunghezza nella sua bocca. Ah, il recupero rapido della gioventù! Riprese a succhiarmi con la stessa energia di prima ed il mio corpo aveva appena recuperato per poterlo soddisfare.

Dovette lavorarmi con più forza la seconda volta, ma lui sembrò godere nel variare i suoi movimenti, rallentando e riprendendo poi la piena velocità prima che io potessi ritornare completamente flaccido. Dopo forse una mezz’ora di succhiare diligente, mi portò di nuovo ad un orgasmo, più debole del precedente ma sparai ancora sperma nella sua bocca. Anche questa volta non ne perse una goccia.
Jacopo risalì, si accoccolò accanto a me ed io l’accarezzai stancamente.

Un’ora più tardi ridiscese, io ebbi un terzo orgasmo e questa volta il mio sperma era solamente un gocciolamento.
Poi Jacopo mi lasciò dormire fino all’alba, ma mi svegliò circa alle sei con le labbra intorno alla mia erezione mattutina, io gemetti mentre il mio corpo era costretto ancora una volta a scalare quelle altezze. Stavo godendo delle sue attenzioni… ma il corpo era così debole! Quando finalmente raggiunsi un orgasmo piuttosto doloroso, Jacopo disse: “Sei pronto per far colazione?”
“Se riuscirò a camminare.

” Dissi io e Jacopo rise.
Dopo la colazione affrontai l’argomento, io non potevo avere un orgasmo ogni 2 ore. “Sono felice che tu ti prenda cura della mia verga, ma non potresti farlo un po’ più raramente?”
Jacopo ci pensò: “Forse potrei. ”
“Bene. ”
“O forse potrei dire a papà delle tue riviste. Ed ai miei insegnanti. Ed al prete. ”
Io stavo bevendo l’ultimo sorso di caffè quando lo disse e mi ingozzai: “Tu lo faresti?”
“Forse.

” disse Jacopo. “Voglio dire se non vuoi che io giochi con te, potrei farlo. ”
“Questo è un ricatto…” Dissi io ma era più una domanda che un’accusa.
“Io non voglio parlare. ” Disse Jacopo. “Io voglio succhiare il tuo uccello sempre più. ”
“Ma ancora ed ancora. ” Gemetti. “Non posso farlo. ”
“Vedremo. ” Disse fiduciosamente.
Andammo nel soggiorno a guardare la televisione e prima che passassero quindici minuti Jacopo mi stava aprendo l’accappatoio.

“Non vorrai farlo di nuovo!” Mi lamentai. “Non così presto!”
“Sicuro. ” Mi sorrise.
“Ma io non posso venire di nuovo così presto!” Protestai.
“Non è necessario che tu venga. ” Disse birichinamente Jacopo. “Lasciami solo succhiare. ”
Gemetti ma mi abbassai e lo lasciai fare. Jacopo non stava tentando di farmi schizzare, sembrava sufficientemente contento di avere l’uccello di un uomo con cui giocare.
Dopo quasi un’ora riuscii a venire e Jacopo disse trionfante.

“Vedi? Puoi farlo se io insisto abbastanza a lungo. ”
“Sei sicuro di non voler andare a giocare football ora?” Offrii..
“No, stiamo qui così oppure posso succhiare il tuo uccello. ”
Lo stava facendo quando il telefono trillò; risposi ed era suo padre. “Come si sta comportando Jacopo?” Mi chiese.
“Sta bene. ” Mi lamentai. Jacopo non aveva smesso quando avevo preso il telefono, non solo, aumentò la velocità quando comprese che era suo papà con cui stavo parlando.

Il mio uccello mi doleva troppo… ma il piacere stava espandendosi a macchia d’olio: “Stiamo divertendoci insieme. ”
Jacopo nitrì a quelle parole.
“Sono contento di sentirtelo dire. Mi fai parlare con lui, per favore. ”
“Naturalmente. ” Coprii il ricevitore con una mano e dissi: “Tuo padre vuole parlarti. ”
Jacopo prese il telefono e la sua mano sostituì la sua bocca mentre parlava. Assicurò a suo padre che stava divertendosi e stava bene.

Dato che aveva l’uccello di un uomo che si muoveva nel suo pugno mentre lo diceva, non ero sicuro che dicesse la verità. Dipende da quello che lui intendeva per stare bene.
“Ok, papà, ci vediamo domenica sera. ” Finì. “Bene, papà. ” E la sua faccia si spostò di nuovo verso il mio inguine.
“Domenica sera. ” Ansai. “Non so se io sopravvivrò così a lungo. ”
“Ci divertiremo fino ad allora.

” Disse Jacopo. “Solo rilassati. Tu sei mio per il fine settimana. ”
E mentre la sua bocca mi prendeva ancora, dovetti ammettere che aveva ragione!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *