Archivi tag: paradiso

La prima volta ….2 cazzi

Ci risiamo, con i primi caldi, torna la voglia di bagni e tuffi, di fresco, di qualche situazione di refrigerio, visto che il mare è lontano, le alternative sono : la piscina …. ma troppo caos …. Il fiume ….. pericoloso …. o il lago …. decisamente abbordabile.

Armati di telo mare costume e bottiglia di acqua ghiacciata, ci incamminiamo sulla riva del lago che abbiamo scelto. Siccome la voglia è di libertà, cerchiamo un posto poco frequentato, e dopo un quarto d’ora di cammino, arriviamo nel luogo perfetto, una radura con erba bassa e schiacciata, segno che è usata sovente, un ingresso in acqua comodo, e piante tutte in torno.

Ci spogliamo completamente di vestiti ed inibizioni, e in un attimo siamo dentro a sguazzare come i bambini nella piscinetta.

Tempo 10 minuti, dalla vegetazione, sbucano tre ragazzi, dalla presunta eta di 25 / 30 anni. Porca miseria, penso, ci hanno invaso il nostro piccolo paradiso terrestre, menomale che hanno avuto l’ intelligenza di star al limite della radura, ovvero una decina di metri.

I tre, fan finta di niente, ma danno delle belle occhiate alla 4° di seno che sballonzola tra i giochi d’ acqua.

Al momento di uscire, Robi mi guarda preoccupata, per il fatto di esser completamente nuda, io la tranquillizzo, non credo ci sian pericoli.

Mentre ci avviamo agli asciugamani, vedo i ragazzi darsi gomitate, facendo finta di esser indifferenti, e parlottando tra loro. Dopo aver confabulato un po’, capisco questa agitazione, eran indecisi sul togliere i costumi o no, chiaramente da sfacciati, si tolgon tutto.

Vedo subito Robi, inforcare gli occhialoni da sole, e far la finta tonta, guardando di traverso i tre cazzi di giovane età, svettare all’ aria.

Poi decide di mettersi la crema solare, insistendo con estenuante lentezza, sul seno bello turgido, fin dove riesce, e poi chiede il mio aiuto, ma son sicuro che se avesse domandato ai ragazzi …. si sarebbe trovata con sei mani ovunque.

Parto dalla schiena, e comincio a schizzare liquido solare, come se fosse una sborrata gigante, poi con movimenti lenti forse fin che mai esasperanti, la spalmo ovunque, soprattutto sul lato del seno, che solitamente resta bianco.

Robi se ne accorge, di tutto questo esagerare, e mi redarguisce con un “ piantala di far il cretino, non vedi i ragazzi che mi divorano con gli occhi, e son lì col cazzo duro in mano …. ”

In effetti, è vero, i ragazzi … son impegnati a non farsi vedere … tutti rigidi ….

Ricomincio con la crema solare, partendo dalle caviglie, salendo con lunghe spalmate verso il culo, e interno coscia, e qui esce la maiala che è in lei … invece di trovar da ridire … allarga le cosce ogni volta che arriva la mano all’ incrocio ….

Dopo queste spalmate … vedo due dei tre ragazzi, alzarsi con il cazzo completamente in tiro, … buttarsi in acqua, forse per evitare spiacevoli figure, solo uno tiene duro, l’ unico di carnagione scura, tipo marocchino o tunisino, lui resta lì imperterrito col cazzo duro in mano … e proprio a dirla tutta un gran cazzo.

Dopo un attimo, Robi si gira a pancia in su, e vedo che si infila il perizoma, alzandosi in piedi, dicendomi che con il caldo, a furia di bere, deve far la pipi….

Ok rispondo reazione naturale, e la vedo infilarsi nella vegetazione.

Io son coricato, e curo i ragazzi in acqua, che si stanno schizzando tra di loro, poi mi giro a guardare il magrebbino e ….. cazzo è sparito.

Immediatamente mi alzo, e seguo il sentiero che ha preso Robi, facendo attenzione a non essere scoperto. Dopo pochi metri, vedo il ragazzo nascosto dietro una pianta, intento a farsi una sega, guardando la mia piccola, che qualche metro più avanti, è accucciata, con la fica in bella vista, dato il perizoma scostato, che sta facendo pipi, tanta pipi, che non finisce mai ….

Arrivo alle spalle del ragazzo, che non mi ha sentito, e gli sussurro all’ orecchio …. ” Ti piace è …. ” Lui si spaventa, si allontana da me per paura e smette di toccarsi

“ Si, mi piace da morire, non ho mai visto un seno così grosso, restare bello alto, e soprattutto così dal vivo”
Mi shitta la scimmia e dico … “ Ti piacerebbe toccarlo …..” ….. “ Non so cosa pagherei per poterlo fare “ e così dicendo, ricomincia a smanacciare il grosso cazzo scuro.

Nel frattempo, lei ha finalmente finito, e cercando di ricomporsi, ci viene in contro, non capendo la situazione, composta da me, con il cazzo duro, che parlo con un ragazzo nudo, anche lui con il suo affarone tra le mani, intento a menarselo

La fermo e le dico “ Amore, guarda il povero ragazzo, come è conciato per colpa tua, fai qualcosa per farlo rilassare “
Lei mi guarda stranita, poi guarda il cazzone del ragazzo, i suoi occhi, spalancati per poter vedere meglio le tette.

“ E cosa devo fare …. ” Dice lei, sapendo già cosa poteva fare …. ” Più che una sega …..”

A queste parole, il movimento della mano , del ragazzo aumenta di ritmo … e gli occhi brillano

Robi si inginocchia sull’ erba, trovandosi faccia / cazzo con il marocchino, allunga una mano, prende in mano il bastone di carne, e comincia un su e giù da professionista, passando la manina sul glande, per poi scendere al sacchetto dei coglioni, gonfio da esplodere, e risalire alla punta.

Io, per non esser da meno, le metto nell’ altra mano il mio, forse meno grosso del ragazzo, ma con altrettanta voglia di esplodere.
Il suo movimento di mani è perfetto, sale e scende alternatamente sui due cazzi rigidi, pensando che quella era la prima volta con due cazzi a disposizione. Dopo un po’ decide di baciare in punta di labbra, la cappella scura, facendo tremare il ragazzo, per poi spostarsi sul mio … infilandolo in bocca per metà.

La cosa si protrae per circa 5 minuti, quando, il ragazzo si fa intraprendente, e chiede se può toccarle le tette, …. un attimo di silenzio …. E poi lei si spinge in avanti, verso il ragazzo.

Che da ragazzo, si era trasformato in polpo, sembrava che le mani si fossero decuplicate, la maiala si sentiva mani ovunque, le tette non si vedevano più …. Scomparse sotto le manone del giovane, che si agitava sempre più, sudava e ansimava.

In mezzo a tutto questo trambusto, la porca non ha mai mollato le prese ai cazzi, anzi aumentava il ritmo, sperando che tutto finisse prima possibile. Ed infatti, ad un certo momento, percepi il trmare del giovane, e fece giusto in tempo a retrocedere quel tanto che basta, per non farsi sborrare in faccia.

Uno, due, tre schizzi enormi, seguiti da altri meno grossi, ma belli densi, coprirono quasi completamente il seno sinistro di Robi, io eccitato come non mai, prendo in mano il mio cazzo e lo punto diritto sul seno destro, e lo schizzo tutto abbondantemente di sborra più spessa di quella del ragazzo.

Che scena, la mia maiala, con tutte le tette colanti sborra, inginocchiata difronte a due cazzi semirigidi, sgocciolanti ….. mmmm che spettacolo

Siccome siamo tutti e tre nudi, a parte il perizoma di Robi, chiaramente umido all’ altezza della fica, non ci resta che incamminarci verso il lago, per poter calmare i bollenti spiriti, e darci una sciaccuata.

Giunti in spiaggia, troviamo gli altri due, finalmente mosci, che ci guardano stupiti, soprattutto lei … con tutto il davanti appiccicato.

Risata generale e bagno. Mentre ero in acqua, vicino a lei, le chiedo se le è piaciuto maneggiare due cazzi contemporaneamente.
Lei facendo si con la testa, si avvicina all’ orecchio sussurrandomi …. ” A te è piaciuto, vedermi con un altro cazzo in mano , che mi sborrava, ….. pensa se lo avessi infilato dentro, lungo e grosso com’è …. ”

Non so che espressione potessi avere, ma lei guardandomi …” Sei il solito porco …” e io nella mia mente penso ….. senti chi parla.

.

LA CUGINA ASSETATA

LA CUGINA ASSETATA

Ciao a tutti, i protagonisti sono veri, ma i loro nomi non importano perciò li inventerò e ai fini della storia mi chiamerò Tito.
D’aspetto appaio un po’ di sovrappeso, cioè non sono magro ma neanche una palla sproporzionata, sono alto 1. 78 per 95 Kg non molto allenato.
Questa storia si svolge in un giorno molto caldo, ero andato a trovare mia cugina Ramona, ora devo dire che lei è sempre stata stupenda, ha un fisico atletico corredato da due tette 2° misura di forma perfetta e un culo rotondo e ora che è una milf ha un valore aggiunto.

Ora quando arrivai a casa sua non sapevo cosa aspettarmi, questa volta ero carico di mio perché scoparmela era desiderio di lunga data, tanto che per tre giorni non mi ero masturbato per avere le palle abbastanza piene, di contro Ramona ha famiglia e avrei potuto dover passare tutta la visita con anche il resto della sua famiglia, fui fortunato.
Quando lei apri la porta fu una apparizione, aveva un vestito leggero di colore bianco e tutto era come me lo ricordavo, tranne che per i capelli che ora erano rosa confetto.

Mi fece accomodare, la villa era nel silenzio, allora chiesi dove erano gli altri, lei rispose “mio marito è in viaggio, Martina e Olmo sono al parco acquatico con gli amici”, dentro di me stavo già sentendo crescere un tumulto mentre tenevo gli occhi sul suo sedere mentre mi conduceva verso il giardino sul retro dove aveva due sedie, un tavolo, un divanetto, una sdraio e una doccia fa esterno (tanto di vicini non ne ha)
Io mi buttai sul divanetto, Ramona si sedette su una delle sedie accavallando le gambe dandomi la possibilità di vedere sotto la gonna su per tutta la coscia sinistra fino ad un pezzetto di mutandine bianche.

Mentre parlavamo faticavo a non fissare la sotto, tanto che lei doveva essersene accorta visto che inizio a provocarmi.
Prima iniziò “involontariamente” a farsi aria con la gonna per poi ad un certo punto balzare in piedi esclamando “Tito, ti disturba se mi metto a prendere il sole?”, io risposi balbettando per non sbavare “certo che non disturbi, sei a casa tua” sentite le mie parole prontamente si sfilò l’abito e rimase con un 2 pezzi bianco (forse era già nei suoi piani?) il cuoi reggiseno erra composto da due triangoli di stoffa e i cordoncini per sostegno e chiusura.

Si stese prima sul dorso lasciandomi rimirare il suo corpo lucido di crema mentre mi parlava ad occhi chiusi, a questo punto non potevo evitare un’erezione, poi si girò pancia sotto e mi chiese “Tito mi spalmi la crema?” “non riesco ad arrivarci”, io non me lo feci ripetere e mentre spalmavo le feci sentire il mio uccello duro contro il braccio, quando passai alle gambe ebbi la conferma che si stava eccitando anche lei perché le mutandine iniziavano a mostrare l’alone da passera grondante e la sentivo tremare mentre passavo sull’interno cosce.

Oramai era una guerra a chi avesse per far fare all’altro il passo oltre la linea, lei ebbe l’idea di provare a farsi una doccia per far calmare i suoi bollenti spiriti e mimetizzare la chiazza che le bagnava gli slip.
Fu un errore da parte sua, beati i tessuti scadenti, non appena si bagnò tutte le parti del costume diventarono trasparenti, aderenti e per giunta gli si erano induriti i capezzoli, mi sentivo come un cavallo con le briglie tirate, mi trattenevo a stento, lei era diventata rossa appena resasi conto di cosa era successo e ancora di più quando si accorse che i miei pantaloni gonfi da paura.

Gli occhi le luccicavano e si mordeva il labbro, accidenti era inutile andare avanti a giocare, ruppi gli indugi, andai da lei e le presi la mano, la posai sul mio pacco ed esclamai “Ramona questo è merito tuo” e le infilai la lingua in bocca, dopo un leggera titubanza lei iniziò a ricambiare.
Era ora di fare un passo oltre, mentre con una mano ero saldamente ancorato al sedere con l’altra slaccia il laccio attorno al collo e quello sulla schiena facendo cadere il reggiseno a terra, lei nel frattempo continuava a palpare senza sfoderarmelo, dovetti tirarlo fuori e piantarglielo in mano e mentre io ero passato a succhiare quelle tette ancora sode lei iniziò un sega lenta.

Ad un certo punto lei esclamò “Ho sete, non faccio un pompino da quando mi sono sposata, ha mio marito non piacciono”, per me era musica e la feci inginocchiare al volo.
Mai avrei immaginato fosse così esperta e affamata, prima gli diede una leccata dalla radice alla cappella, poi turbinò tutto intorno alla cappella per poi ingoiarlo in un sol colpo e via che lo succhiava avidamente.
Era il paradiso, ma avevamo giocato troppo prima e non resistetti più riempiendole la bocca, lei si staccò un attimo, alzò lo sguardo, inghiottì e con un rivolo di sperma al lato della bocca mi disse “Tito, di già sei venuto?” io le risposi “Ramona, questa è solo la prima ondata, è un po’ che non mi masturbo e ne ho ancora molti di colpi nel caricatore”, lei sorridendo raccolse con il dito il rivolo che le era sfuggito, se lo lecco e poi ripulì fino all’ultima goccia il mio uccello.

A questo punto avevo bisogno un momento per potermi riprendere e avere un’altra erezione, l’idea per passare il tempo non tardò ad arrivare, lei esclamò “Tito, guarda che sorpresa che ho” e si sfilò le mutandine mostrando orgogliosa la sua passera con il pelo scolpito a triangolo tinto di verde prato e riprese “doveva essere una sorpresa per mio marito, ma penso che tu l’apprezzerai di più cugino”, detto questo mi buttò sul divano e lei prese a fare uno spettacolo di danza sexy, accidenti se era brava ed eccitante, non tardai a sentire il serpente che si stava riprendendo, non aspettai che fosse completamente sveglio, volevo brucare quel praticello.

Quindi presi Ramona la buttai sul lettino e affondai la faccia tra le sue cosce, le spalancai la passera, la leccai e succhiai da ogni goccia dei suoi umori, la masturbai anche, fino a che non mi esplose in faccia con un urlo
fortissimo.
Quando riprese respiro sorridendo maliziosamente esclamò “Ora che hai brucato il mio praticello hai anche di intenzione di ararmelo e annaffiarmelo?” “Sai mi sento l’utero inaridito”.
Che avreste fatto voi?
Io ingranai la marcia e dentro, ma lei mi fermò e chiese “Tito, che ne dici se ti cavalco io?” “La missionaria la faccio con mio marito e sono stufa”.

Mi hanno sempre detto di ubbidire a chi ha più anni di me, anche se non si riferissero a questo caso Hahaha.
Una volta sotto lei si impalò lentamente, accidenti era bollente a tal punto che temevo potesse scottarmi, una volta dentro tutto iniziò a dimenarsi come una pornostar e cavalcarmi, io tenevo saldamente le mani sulle sue tette strizzandole di tanto in tanto facendole fare qualche urlo alternato.
Volevo fare ancora una cosa prima di venire, allora gli dissi “Girati che ti voglio mungere come una vacca”.

La cosa le piacque tanto che rispose “sono una vacca da latte, desidero che tu mi munga” e detto questo si sfilò per girarsi e riprendere a cavalcarmi, ma a questo punto avevo le labbra saldamente su i suoi capezzoli, accidenti se erano dolci, quando fui prossimo a venire per la seconda volta le dissi “sto per venire, voi farti un’altra bevuta?” e lei velocemente mi rispose, “ti ho detto che voglio che mi inondi l’utero, ne ho tanto bisogno”.

Allora strinsi il suo pube contro il mio e con un bel colpo gli spinsi lo schizzo quanto più in profondità che potevo, lei urlò “cazzo, sei proprio un fiume in piena”, la trattenni su di me fino all’ultimo schizzo.
Quando mollai la presa lei si sfilò e su mise a sedere sulla sedia a gambe aperte e disse “Ahh, per ora mi sono saziata, ma ho ancora un po’ di fantasie, non sparire, voglio che mi aiuti a realizzarle”.

Prossimamente vi parlerò delle altre fantasie di Ramona, per ora un saluto e commentate.

Voglia di cose porche. parte 4 – finale

Avevo la mano sinistra ancora impiastricciata dei suoi succhi perciò tirandole giù il vestito per scoprirle il seno le avevo cosparso le mammelle dei suoi umori ed ora ero lì che mi gustavo la consistenza dei suoi capezzoli ed il sapore della figa in un unico assaggio godurioso. Gliele leccavo, le succhiavo, le mordicchiavo e poi le succhiavo ancora in un amplesso frenetico che mi stava mandando in paradiso. O all’inferno se volete, ma stavo godendo troppo di quella dicotomia tra il suo sapore di candido latte e l’uso peccaminoso che riesce a farne.

Io amo questa donna e con lei voglio andare oltre ogni limite.

Sveva sentiva quanto stessi godendo delle sue tette, ed entrambi ora godevamo anche del fatto che ci fosse un terzo, un uomo a godere del nostro piacere, questo dovette mandarla completamente in estasi perché mi afferrò la testa con la mano sinistra e continuava a schiacciarmela contro quelle magnifiche poppe che si ritrova fino a ficcarmele quasi completamente in bocca.

Non ci capimmo più niente, eravamo solo carne e piacere infinito.

Non so se in quegli attimi lei guardasse il nostro voyeur, ho sempre pensato di si, e lo pensai soprattutto in quel momento visto il suo inaspettato gesto, era la prima volta che mi costringeva ad ingoiare le sue porche tette, ma devo dire che non mi dispiacque, anzi mi infoiò ulteriormente. Ripresi un minimo di controllo sul mio corpo ed infilai nuovamente prima tre dita e subito dopo quattro nella sua grondante figa, ma di forza come si fa con le puttane.

Fece un sussulto tale che sobbalzò dalla mia gamba, e a quel punto inarcò la schiena all’indietro appoggiandosi con le spalle al pilastrino del gazebo sotto il quale eravamo e allargò le cosce all’inverosimile. Con questo gesto improvviso mi stappò le mammelle dalla bocca e con la mano penzoloni mi afferrò il cazzo un po’ per reggersi e non cadere ma soprattutto perché ormai aveva un gran bisogno di sentirsi in contatto diretto con quel pezzo di carne che già da un po’ mi esplodeva nei pantaloni.

Stava per sbottonarmeli infatti ma non ci riuscì perché cominciai a rovistarle la figa con un ardore tale che le tolsi la forza di fare qualunque gesto, non potette far altro che abbandonarsi alla lussuria e lasciarsi fare tutto ciò che volevo. A quel punto avevo di nuovo io il controllo della situazione e lo sapevo. Sentii il porco che è in me lacerare i vestiti e venir fuori come Hulk. Alzai lo sguardo e cercai il guardone..
Che delusione! Non aveva nemmeno il cazzo fuori, si stava a mala pena palpando da sopra il pantalone..

Sveva era lì in preda alle mie voglie di cose porche, con gli occhi chiusi e a cosce larghe che mugolava da vera troia, e l’unico spettatore era un voyeur ortodosso a cui bastava guardare.. io volevo di più!
Finii comunque il lavoro iniziato e le misi la figa veramente in subbuglio infilandoci a tratti l’intera mano dentro fino alle nocche, venne come non mai davanti all’omino che si ritrovò davanti una gocciolante brioche slabbrata.

Passato qualche minuto, ci riprendemmo entrambi, salutammo il nostro spettatore e facemmo un giro per il locale. Non so perché ma quell’individuo così imprigionato nella sua perversione ci turbò, all’inizio sembrava quasi dispiacere per quello che poteva essere e non era stato, ma a pensarci bene, ci aveva proprio turbato, ci aveva lasciato paradossalmente una sensazione di sporco. Per carità, nulla contro i voyeur, racconto solo la nostra esperienza, che in quel caso, in quel contesto, poteva essere più aperta e di condivisione, ed invece percepimmo quell’uomo come solo, capace di provare piacere solo se fosse rimasto “solo”, e ciò ci fece sentire sporchi, inanimati, oggetti da non toccare ma da cui trarre solo quel proprio specifico piacere, e non ci piacque affatto.

Non ce lo dicemmo, ma per qualche minuto io e Sveva pensammo di andarcene, non era come ce lo aspettavamo. Infatti eravamo partiti per farci un giro del locale ma vedemmo passare quell’uomo e tornammo immediatamente indietro. Ci venne la botta romantica per cui uscimmo di nuovo fuori a guardare la luna; era bellissima quella sera e ci abbracciamo forte.

Stavamo quasi per andare via quando indicando la capannina etnica dissi a Sveva:
“Ti va di stare un po’ lì e poi andiamo via?”
“Si, va bene” replicò.

Si trattava di una capannina rotonda, semitrasparente perché costruita completamente con quelle cannucce di bambù che si trovano nelle località di mare, ed un tetto conico. Al posto della porta una tendina millefili sempre realizzata con pezzetti del medesimo materiale, di quelle che il venticello delle sere di fine estate sposta e suona soffiandoci attraverso. All’interno solo un lettone a tre piazze in similpelle con ai lati due poltroncine.

Ci piacque.

Dava la sensazione di intimità poiché era chiusa ma allo stesso tempo era intrigante poiché in realtà molto si poteva sentire ed intravedere da fuori. Sveva si stese sul lettone ed io accanto a lei.
Ora era anche più bella, aveva sul viso la paura e l’ingenuità di chi si affida a te perché sa che è in un mondo ancora troppo sconosciuto, ed inoltre il chiarore della luna e quei bambù di sfondo le donavano un’aria troppo particolare.

La fissai dritto negli occhi, la strinsi forte al mio petto e la baciai con amore. Fu un bacio delicato, sentimentale, di quelli che dai alla donna della tua vita e che vorresti non finissero mai. E infatti non finiva più e si andava trasformando; man mano che la mia bocca accarezzava la sua, la sua massaggiava la mia, e ci succhiavamo a vicenda le labbra e le nostre lingue andavano danzando su un immaginario crescendo rossiniano fino ad arrivare al suo apice quando mi ritrovo Sveva a farmi un pompino alla lingua.

Meraviglioso!

La afferro per le spalle, la stringo ancora di più a me, la bacio con ancora più passione e comincio a strusciarmi sulla sua coscia destra per farle sentire il mio cazzo gonfio e ormai dolorante, era così stracolmo di sperma che sarebbe bastato che lei me lo guardasse per farmi eruttare. Lei era lì abbandonata e serena tra le mie braccia, la vidi lasciarsi andare sempre di più con gli occhi chiusi ed allora li chiusi anch’io.

Allo stesso tempo non ce la facevo più, dovevo tirar fuori il cazzo e infilarglielo da qualche parte, e così feci. Abbassata la zip il pisello shittò fuori come la molla di un marchingegno quindi mi accinsi verso di lei strizzandole le tette e affondando ancora di più la mia lingua nella sua bocca. Sveva cominciò allora ad ansimare focosamente, volevo scoparla perciò cercai di scavalcare la sua gamba con la mia lasciando sempre il pene in contatto con la sua pelle, ma mi resi conto che non potevo.

Sveva aveva le cosce serrate e mugolava sempre di più, ma non era solo per le fantasie a cui si era abbandonata, sull’altra coscia, quella lontana da me, c’era una mano ed io l’avevo urtata col ginocchio. Forse era la sua, “ma no non starebbe godendo così tanto” -pensai- perciò ritrassi un po’ il ginocchio ed eccone un’altra, sull’altra coscia, quella su cui mi stavo arrampicando, ed era proprio in mezzo alle mie gambe che accarezzava Sveva ma che io strusciandomi su di lei sfioravo con la cappella.

Ero così eccitato che non riuscivo ad aprire gli occhi, non volevo vedere per paura di venirmene nei calzoni per quanto le mie palle fossero piene.

Più queste mani si muovevano più Sveva gemeva come una puttanella alla prima penetrazione; feci per muovermi ancora quando sentii una terza mano all’altezza del suo polpaccio. Ora era troppo, non potevo continuare a stare con gli occhi chiusi, dovevo vedere, li apro e ci sono due giovani uomini sui 30-35 anni che la stavano accarezzando ovunque con una modalità che conoscevo: la accarezzavano in maniera decisa nel tentativo di allargarle le cosce.

Pochi istanti e decisi, dovevo ritrarre la mia gamba per agevolarli e così feci. Uno di loro si era spinto sotto il vestitino ma non le toccava la figa da sopra, le aveva invece infilato di forza la mano all’inguine tra le cosce serrate nel tentativo di stimolarla da sotto e fargliele aprire, mentre l’altro si prodigava in un massaggio più delicato per tutta la lunghezza delle sue bellissime gambe.

Ero estasiato, guardavo questi due bramosi di avere la mia donna, che senza chiedere nulla si erano infilati nel nostro letto e la stavano toccando ovunque.

Mi girai per guardarla in volto e mi resi conto che era travolta dall’eccitazione, alcuni spasmi alle gambe invece preannunciavano che stava quasi per mollare e lasciarsi sopraffare da quei maschi vogliosi di possederla. Mi immaginai subito disteso supino sul letto, Sveva che mi faceva il pompino migliore di sempre a pecora e quei due a sbatterla con vigore da dietro come piace a lei.

La nostra voglia di cose porche stava trovando soddisfazione ed ancora di più ne avrebbe trovato a breve.

Ma non tutte le ciambelle riescono col buco.

Sveva infatti ebbe un sussulto, spalancò gli occhi improvvisamente, mi abbracciò e mi chiese di mandarli via.
“Avete chiesto il permesso a qualcuno?” -feci a loro con tono minaccioso-
“Ma noi.. veramente.. pensavamo ve ne foste accorti..”
“Ripeto, avete chiesto il permesso a qualcuno?” -incalzai alzando ancora di più il tono-
“No, ci dispiace..”
E andarono via.
“Ora è tutto ok.

Ti sei spaventata?” -le chiesi dolcemente-
“Si un po’ si. Non me lo aspettavo!”
“Però stavi godendo come una monella!”
“Si” e mi sorrise maliziosa e ingenua allo stesso tempo.

Quell’avventura si concluse comunque con un suo magistrale pompino. Glielo chiesi esattamente nella posizione che avevo sognato e col culo rivolta verso la porta:
“Così chiunque si affacci deve poter ammirare la tua figa spalancata!”
“Si ma promettimi che non fai entrare nessuno!”
“Promesso!”
Le inondai la bocca di tutto il seme caldo accumulato durante l’intera serata, e lei fiera svettava il suo culo all’aria come la gran puttanella che è dentro, anche se la sua parte “bambolina svampita” mi ha lasciato con un sogno nel cassetto che spero vorrà presto riaprire!.

Voglia di cose porche. parte 2

Quella settimana avevamo entrambi lavorato tanto, eravamo stanchi, ma più si avvicinava il week end più aumentavano i miei pruriti. Era arrivato il momento di realizzare almeno una delle nostre fantasie, e solo a pensare alla carica erotica che sentivo dentro, mi viene duro ancora adesso mentre scrivo.

Sapevo cosa volessi ma non sapevo dove potessi trovarlo. Per alcuni giorni mi piazzo al pc e cerco: “DISCOTECA TRASGRESSIVA”, “SERATA EROTICA”, “EVENTI HOT”, e tutto ciò che la mia mente riusciva a partorire pur di raggiungere il mio obiettivo.

Nulla, non trovai un bel niente nei paraggi ed avevo cominciato a rassegnarmi di dovermi affidare al fato; prima o poi sarebbe capitato e basta se proprio lo volevamo.

Proprio in quel momento però mi venne in mente che a poco più di un’ora da noi c’erano alcuni locali per scambisti. Un genere di locali di cui mi avevano parlato degli amici in passato, poiché ci avevano trascorso delle serate e si erano anche divertiti molto, mi ricordai della zona che mi avevano indicato in quanto da quelle parti se ne potevano trovare più di uno.

Premetto che nonostante gli inviti ricevuti, non ci ero mai voluto andare. Un po’ per pudore, un po’ per paura di trovare ambienti troppo squallidi, mi ero sempre rifiutato, e mai avrei immaginato di avere invece una smisurata voglia di andarci con la mia compagna. Già. Mi stavo scoprendo sempre più eccitato all’idea di partecipare con lei a quel genere di situazioni che mi avevano descritto con dovizia di dettagli.

Appena entrati, avevano pagato l’iscrizione (esosa per i single ma free per le coppie) ed erano stati accolti con garbo dal proprietario, un tipo sui 50, distinto, piacente, che li aveva subito condotti all’angolo bar al piano terra dove aveva offerto loro da bere.

Gli aveva poi spiegato il regolamento della sua associazione, e raccomandato il massimo rispetto per tutti e per la privacy di tutti, e man mano gli aveva fatto fare un giro della struttura. Finiti i convenevoli, qualcuno di loro aveva iniziato a ballare avvinghiato con le signore già in pista, ed aveva ben presto scoperto che erano tutt’altro che sole, i mariti infatti erano seduti ai divanetti per godersi le mogli fare le porche con degli sconosciuti; qualcun altro si era diretto al piano superiore ed aveva subito infilato il cazzo in un glory hole.

Pochi attimi e qualcuno dall’altro lato aveva preso a succhiarglielo con maestria, qualcun altro ancora si era ritrovato in una gang bang nel privé a scopare una perfetta sconosciuta desiderosa di farsi penetrare ovunque.

Nel locale c’era chi voleva avere un ruolo attivo ma anche chi era lì solo per masturbarsi guardando gli altri godere.
Insomma il paradiso delle cose porche.

Ricominciai a cercare e ben presto li trovai tutti.

Visitai i loro siti internet con l’impazienza e l’eccitazione di un bambino che sceglie i suoi regali di Natale. Immaginavo di trovare delle immagini delle serate ed invece, giustamente a tutela della privacy, c’erano solo le foto degli ambienti e l’elenco degli eventi in programma.

Clicco, sfoglio, scorro, analizzo, valuto, leggo recensioni.. mi sento quasi in ansia.. è una decisione importante, non vorrei rovinare la nostra prima volta con la scelta sbagliata.

Alla fine mi decido ed il venerdì sera chiamo per avere informazioni. Mi risponde un uomo dalla voce garbata, mi chiede se sappiamo come funziona, se sono un single o in coppia, se fosse la nostra prima volta, “Sa glielo chiedo per evitare di accettare prenotazioni da più persone provenienti dalla stessa zona”. Mi sentii rassicurato dalle sue precauzioni, perciò confermai la prenotazione di un tavolo per una coppia al sabato sera.

Ero eccitatissimo.

Non vedevo l’ora. Finalmente stavamo per realizzare il nostro sogno erotico.
Decisi di non dire nulla a Sveva fino al giorno successivo. Aspettai impaziente l’arrivo del pomeriggio di sabato per inviarle un messaggio.
“Stasera ti voglio sexy, fammi vedere tutto ciò di cui sei capace!”
“Che intenzioni hai?”
“Divertirmi e vedere fin dove siamo capaci di arrivare”
“Ok”

La sfida era iniziata. Sentivo già la pressione aumentare nel mio pantalone.
Arrivò la sera e passai a prenderla.

Uno squillo e lei uscì.
“Cazzo quanto è bella!” pensai, aveva addosso un vestitino di pelle nera, aderentissimo e scollato da farla sembrare nuda. I capelli ricci biondi selvaggi, le sue bellissime gambe lunghe erano senza calze ma lucide d’olio idratante, mentre ai piedi aveva dei sandali aperti senza tacco intrecciati sopra a mo’ di schiava. Solo a guardarla avevo il cazzo talmente duro che mi faceva male!!

Aveva il passo leggero e fiero mentre si avvicinava alla macchina, era elegante e graffiante come una leonessa; mi fissava per eccitarmi e sentiva che ci stava riuscendo alla grande.

Quando entrò non potetti resistere, la baciai con foga e le misi immediatamente la mano sulla coscia.. era liscia e unta, se non ci avesse aspettato di meglio, l’avrei presa lì dov’eravamo!
“Sei uno schianto” dissi.
“Grazie”
E partimmo.

Mi raccontò di quanta fatica avesse fatto a trovare qualcosa di adatto, che si era dovuta arrangiare (“E menomale!” Pensai) poiché non aveva trovato ciò che avrebbe voluto indossare, e che aveva anche chiamato un’amica (Una gran golosona!) per farsi consigliare su cosa indossare, e che persino quest’ultima, che di remore di solito non ne ha, le avesse chiesto se fosse sicura di mettersi così in mostra.

Intanto avevo imboccato l’autostrada, e la mia mano non si era più scollata dalla sua coscia; continuavo ad accarezzarla e stuzzicarle il clitoride col mignolo, affondando colpi delicati ma decisi. Si parlava di questo e di molto altro quando le chiesi: “Me lo cominceresti a fare un pompino? Sono eccitatissimo!”. Mi sorrise col suo magnifico sorriso quando è imbarazzata ed eccitata. Mi sbottonò il pantalone, mi tirò fuori l’uccello non senza difficoltà visto che era in erezione già da un po’, e mentre si stava piegando ed avvicinando con la bocca al mio cazzo mi chiese: “Dove mi porti?”
“A scopare!” risposi.

Socchiuse gli occhi, si lasciò andare in un gemito voluttuoso di piacere, e cominciò a succhiarmelo come se non ci fosse un domani. Su e giù, su e giù a bocca spalancata, tanto che sentivo il glande penetrarle la gola. Avevo l’uccello completamente zuppo della sua saliva e lei che non smetteva di succhiarlo e leccarlo vorticosamente, ma dovevo anche stare attento alla strada e non fu affatto facile, anche perché poi prese a giocare con le palle e solo lei sa quanto il suo modo di massaggiarmele con la lingua e con le mani mi faccia godere.

Cominciai a sentire le tipiche contrazioni allo scroto che precedono una copiosa sborrata ed in pochi istanti le inondai la faccia e la bocca. Fu particolarmente brava perché per non sporcarmi i pantaloni cominciò a leccarmi ovunque per ripulire tutto.
“Brava amore mio, puliscimi bene che voglio essere impeccabile adesso che arriviamo!”.

Voglia di cose porche. parte 1

“Dimmi la verità, che effetto ti fa sapere che quest’uomo quando mi vede mi guarda fisso e mi desidera?”
“Mi ingelosisce terribilmente ma contemporaneamente mi eccita, mi fa venire voglia di cose porche!”

Ecco glielo avevo detto. Era da qualche tempo che lottavo tra me e me, tra la gelosia che un uomo bramoso della mia donna suscitava in me e l’eccitazione che tutto ciò mi provocava fino a farmelo venire duro come la pietra, ed ora finalmente l’avevo detto ad alta voce a me stesso e a Sveva.

Qualcosa ora era cambiato, entrambi abbiamo iniziato a sentirci più veri, autentici, liberi di condividere anche quei pensieri che per qualche motivo avevamo sempre tenuto nascosti per pudore, o forse per paura di ferire reciprocamente la nostra sensibilità.

Di fatto i nostri messaggi sono diventati prima hot poi porno. Ero a lavoro pensando al calore della sua bocca sul mio cazzo o alle acrobazie della sua lingua intorno alle palle? La foto del rigonfiamento che mi portavo tra le cosce era d’obbligo.

Click, invia.
Pochi minuti e mi ritorna il video delle sue dita infilate nella sua figa succosa, con tanto di commenti del tipo “mi raccomando aspetta me stasera che ti svuoto io per bene!”

Verità mai dette, sensazioni mai provate, esperienze mai fatte, ci stavano ingolosendo sempre di più. La nostra fame di “cose porche” cresceva sempre di più, e non perdevamo occasione per dircelo e per fantasticare su come e dove sarebbe stata la prima volta.

Le confessai che mi eccitava da morire pensare di poterla avere insieme ad un’altra donna e/o insieme ad un altro uomo. Ed ogni volta, un suo gemito, un nuovo mugolio di piacere, hanno accresciuto la mia voglia di renderla “la mia puttanella”.

Cominciai a chiamarla così nell’intimità, e a lei è piaciuto così tanto che ha iniziato a concedersi in posizioni da vera pornostar, a cercare penetrazioni sempre più profonde, ad usare e farmi usare il suo corpo comunque ed ovunque per darmi il massimo del piacere, e farmi godere liberamente a voce alta come piace a lei.

Abbiamo sempre scopato ovunque io e Sveva, in casa sul tavolo, sbattuta al muro, a terra, sul divano, vicino al camino, mentre cucinava, ma quell’estate mi venne voglia di portarla fuori in giardino, di prenderla a pecorina sul cofano della sua macchina parcheggiata, e scoparla lì alla mercé della vista di eventuali passanti che ne avessero sentito i gemiti dalla strada o della sua famiglia al piano di sopra. Lei fece dapprima resistenza, diceva di non volere ma le leggevo negli occhi tutta l’eccitazione da cui era attraversata da capo a piedi.

Le infilo una mano tra le cosce ed è così tanto bagnata che quasi faccio fatica a sentire l’ingresso della figa. Sembrava un’unica pozza di umori dalla coscia in su. A quel punto ero un tutt’uno col mio cazzo duro, completamente allagato d’eccitazione le afferro il polso e la strattono con forza verso l’uscita, lei si abbandona al mio impeto e si lascia andare, sento che è in mio volere.
Arriviamo all’auto in pochi attimi.

“Appoggia i gomiti sul cofano!” -le dico-
Lei guarda fuori, cerca passanti, è eccitata ma nervosa, e con un filo di voce misto a mugolio: “Si”
Ha uno dei suoi sensualissimi vestitini estivi, colorati, leggeri da lasciar intravedere tutto in trasparenza, che si appoggia a sfiorare le sue forme, corto da scoprire il culo ogni qual volta accenna a protendersi in avanti. Figurarsi ora, che a gambe strette man mano si china sempre di più fino ad appoggiare completamente gli avambracci sul cofano della sua peugeot bianca; con quel gran bel culo che mi ritrovo davanti, lei che freme in un misto di paura e voglia d’essere scoperta, mi sbottono i pantaloni, ci infilo la mano dentro, afferro e tiro fuori il mio pisello ormai bello duro e pronto all’uso.

La voglia di scoparla è tanta, così con una mano le allargo le chiappe e con l’altra glielo infilo in figa senza fronzoli; non può urlare come le piace fare di solito, ma geme con intensità sotto i colpi della mia verga dura.
“Si.. si.. sbattimi.. sbattimi..” -continua a sussurrare con la voce strozzata.

Quando ecco il rumore di una macchina avvicinarsi al cancello.
“Oddio mio fratello!”, cerca di divincolarsi per liberarsi ma la mia presa è salda e quello non è il rumore della macchina del fratello, perciò continuo a scoparla la mia puttanella senza dare il minimo accenno di volermi fermare.

A quel punto non può fare altro che stendersi ulteriormente sul cofano e di riflesso spalancare completamente le gambe; per me è il paradiso. Non più il cazzo stretto nella morsa delle cosce ma largo e libero nella sua accogliente figa grondante.

Quell’auto passò oltre ed io le riversai nel ventre un violento getto di sperma caldo che l’ha fatta godere ancora di più.
Mi sono sentito sempre più preso ed innamorato di questa donna che stava riuscendo a farmi sentire davvero completamente appagato.

La spinta che in passato mi aveva portato a desiderare un’altra donna, da quando c’era lei si era trasformata nel desiderio di andare sempre più oltre, ma con lei.
Mi confessò poi tutta l’eccitazione che aveva provato in quel momento col rischio d’essere vista dai vicini o da chiunque altro e che il suo sogno erotico era proprio quello di guardarmi mentre mi eccito fissando il culo o le tette di un’altra donna e/o di essere guardata mentre soddisfa un cazzo e gode, con me protagonista o osservatore.

A quel punto il limite era stato consapevolmente varcato.

Godendo di Anna…

Ti avevo mandato il
numero del mio cell. ma non mi avevi chiamato ne tanto meno
accennato nelle tue mail che lo avresti fatto, pensavo ad una tua
fantasia e non avevo insistito oltre sull’argomento, tanto avevamo di
cui scrivere su Anna.
Seduto, anzi,
stravaccato sulla più classica delle poltrone, leggevo un libro senza
molta convinzione ed ascoltavo la tv accesa, ero inquieto non sapevo
cosa fare, forse presagivo qualcosa che doveva accadere, ma più il
tempo passava lento io più mi annoiavo.

Ad un tratto il mio cell si
mette a squillare, meravigliato ,visto che non aspettavo nessuna
chiamata vedo chiamata privata, di solito non rispondo poi vista l’
atmosfera decido, e schiaccio il tasto verde, una voce maschile mi
chiede “Marco?”,subito realizzo, R… ? , rispondo e tu subito mi
confermi. Mi dici se sono pronto a scoparmi Anna stasera, visto che
lei ha voglia ed ha bevuto un po’, rispondo subito di si ed anche il
mio cazzo si rizza per l’eccitazione, non perdiamo altro tempo mi dai l’
indirizzo il piano dove abiti e mi dici che lascerai la porta aperta,
intanto tu stuzzicherai Anna per farla scaldare di più.

Mi faccio una
doccia veloce, e via di corsa verso questa,che si
prospetta una eccitante, avventura. Arrivo a destinazione trovo
facilmente la vostra abitazione grazie alle tue indicazioni ed entro
eccitatissimo. Entro , vedo una luce soffusa e mi dirigo in quella
direzione, vi trovo, finalmente posso conoscere anche te, Anna è stesa
sul divano e tu gli stai facendo un ditalino e le sue mutande sono zuppe di umori,
Anna emette dei sospiri irregolari come il tuo ritmo sul suo
grilletto, si gira verso di me ma non mi vede, allora con un intesa
sostituisco la mia mano alla tua, lei sussulta ma si adegua al nuovo
ritmo, tu cominci a toccarti si vede che ai il cazzo in tiro è una
situazione arrapate al massimo.

D’intesa alzo il bacino di Anna e gli
sfilo gli ormai inutili slip completamente fradici e te li passo, tu
gli annusi e gli dici che lei profuma di troia, Anna sospira più
forte sembra venire allora tu dici adesso ti scopo, io nel frattempo mi
sono tirato fuori l’uccello e lo faccio scivolare dentro con un colpo
unico lei gradisce e viene, sborrando come una fontana allagando di umori il mio
cazzo ed il lenzuolo.

Passato l’attimo lei si
placa ed inizia a gustarsi l’uccello che ha in pancia, ti chiama, R.. R…ti
dice più forte, più piano comanda il ritmo, io mi adeguo sempre in
silenzio, tu mentre ci guardi ti fai una sega fantastica seguendo il
nostro ritmo con la tua mano, devi gustartela veramente a fondo.
Continuiamo cosi come se fossimo uno solo tutti allo stesso ritmo, le
sue meravigliose tette saltano ballano che voglia di sborrarle sopra,
ti segnalo questa mia richiesta e tu mi fai cenno che si può fare.

La sua fica mi risucchia ed il tuo sguardo è
calamitato dal nostro “scopare” ad un certo punto lei improvvisamente
esclama R… sei un bastardo ma ti amo per quanto mi fai godere,senza
di te… non finisce che viene nuovamente. Ci guardiamo e sorridiamo
pensiamo che abbia capito il nostro giochetto e che ci abbia giocato.
ma questo non fa che sextenare i nostri istinti, io inizio a pompare
più forte tu ad aumentare il ritmo della sega, poi insieme io esco
dalla sua gocciolante fica tu ti avvicini e gli sborriamo sul seno la
inondiamo siamo in paradiso ed anche lei da brava porca senza freni
gradisce e viene ancora mentre si spalma la sborra come se fosse crema.

Continuo a stuzzicarla insieme finchè non si addormenta. La
mettiamo a letto, mi offri una birra facciamo due chiacchiere su altre cose
, sappiamo entrambi che è stato bello e non c’è bisogno di parlarne, ma è ancora più bello
conservare le proprie sensazioni. Ti saluto e vado via, so già che ti
scriverò per ringraziarti della serata raccontandoti le mie sensazioni.

fidanzatini (1)

Ci siamo fidanzati… quanti anni avevamo? Sì, eravamo piccolini, certo. E poi, fidanzamento… Forse definirlo così è un’esagerazione. Sì, certo, sicuramente è un’esagerazione, però io sento che il legame con te non si è mai interrotto, né esaurito: senza girarci tanto attorno, ti ho amato, ti ho amato tanto. E non era solo questione di ormoni. Né fu solo quel bacio, il nostro primo bacio, quello del fidanzamento.
Era settembre, mi pare. O i primi di ottobre.

Aveva fatto caldo e d’improvviso aveva iniziato a diluviare da pazzi: lo stesso uragano si sextenò dentro di noi. Dovevamo studiare a casa mia e arrivammo fradici di pioggia, bagnati dalla testa ai piedi. Eravamo completamente da soli, quel pomeriggio, e tu ti eri subito tolto i vestiti, come se fosse stata la cosa più naturale di questo mondo, nel giro di nulla eri rimasto nudo. Mentre io stavo lì immobile, nel più tragico e muto imbarazzo, senza sapere che fare.

“Dai, prestami una maglietta, un paio di mutandine e di pantaloncini. Ma che ti prende, perché mi guardi così?”.
Perché ti guardo così, che cazzo di domande. Ti penzolava malizioso come te, fino a metà coscia, roseo e lungo, mezzo scappucciato, attaccato a una peluria rossiccia, e mi chiedevi pure perché ti guardassi. Almeno coprirti con le mani! Nulla. Ti gocciolavano i riccioli rossi, avevi il viso bagnato, il petto umido, i capezzoli rosei e inturgiditi dal freddo.

Mi sentii quasi mancare.
Sparii un attimo, tornai con abiti asciutti per te. Ma non avevo pensato a me.
Lo facesti tu.
“Dai, ti aiuto a spogliarti. Ti viene la polmonite”.
Io stavo per svenire, lo sentivo, quando mi mettesti le mani addosso e mi sfilasti la maglietta: cercai di resistere ma poi il tuo sorriso mi vinse, alzai le braccia per farmela togliere ma era anche un gesto di resa, crollavano le mie difese dopo mesi e mesi di resistenza passiva.

Rimasi a torso nudo e bastarono i tuoi occhi curiosi puntati su di me, per farmi accendere le guance di un rosso violento, arrendevole, in un’intimità assoluta, morbida, trasparente, invisibile.
“Ti vergogni?”, mi chiedesti.
“Un po’”, risposi abbassando gli occhi e istintivamente ti fissai di nuovo lì sotto, proprio lì. Tu invece mi guardavi il viso, le labbra, il naso, la bocca, i capelli che anche a me gocciolavano – ma i miei erano molto più lunghi dei tuoi – e poi le piccole tette appuntite che mi si erano rizzate sotto il tuo sguardo, un po’ intirizzite non dal freddo ma dall’emozione di essere nude di fronte a te.

“Ti piace che io ti guardi?”.
Sussurrasti quelle parole, furono un soffio silenzioso che parlò solo alla mia anima. Un soffio intenso. Irresistibile.
“Sì”.
Con una mano mi toccasti, sentii il calore delle tue dita aderire timidamente alle mie forme colme di desiderio. Mi venne la pelle d’oca.
“Hai un seno stupendo”.
Gli occhi mi si abbassarono giù per terra, ma in realtà non proprio per terra, mi finirono di nuovo sul tuo pisello, lo trovai un po’ più gonfio, ti stavi eccitando.

Anche io mi stavo eccitando. Erano bastate due sole parole, pronunciate da te: seno stupendo.
“Togliti pure i pantaloni, sono inzuppati”.
“No no”.
Rispondesti con un sorriso malizioso.
“Ma ti vergogni di me?”.
Sì, che mi vergognavo. Da morire.
Tornasti a toccarmi le tette, tutt’e due, contemporaneamente. Un lieve palpeggiamento, morbido e delicato. Chiusi gli occhi, ti lasciai fare.
“Ti piace?”.
I miei capezzoli scuri si inturgidirono al contatto con le tue palme, risposero subito presente al pizzicare delle tue dita.

“Sì”.
“Allora di cosa ti vergogni – stavi di nuovo soffiando le parole, le soffiavi sul fuoco del mio desiderio – non facciamo nulla di male. Piace anche a me”.
Ti avvicinasti, in un attimo il tuo torace muscoloso fu a contatto col mio seno – così lo avevi appena chiamato, ed era magnifico – il mio piccolo seno acerbo e ansioso, i tuoi capezzoli insolenti si strofinarono ai miei assetati, avidi delle tue carezze, che per troppo tempo avevo negato loro.

Aprii gli occhi, ti fissai.
“Mica posso essere la tua ragazza, lo sai”.
La replica che ti spiazza.
“Ma tu lo vorresti essere, no?”.
Silenzio. E ora che rispondo, cosa dico, di fronte a questi occhi penetranti, dolci, sensuali, occhi che mi parlano e mi desiderano?
“Sì, che lo vorrei essere”.
Tornasti all’attacco e stavolta mi slacciasti la cintura con maestria, rapidamente, il bottone saltò, la lampo si arrese in un battibaleno.

In un attimo fui con i jeans calati, la mano a coprire gli slip rosa da donna che portavo sotto. Ma le vedesti lo stesso, le mie mutandine supersexy, che poco si addicevano a un sedicenne che pure era senza un pelo e senza un filo di barba. E nemmeno le autoreggenti che indossavo in gran segreto, sempre, si addicevano a un maschietto, ma un sorriso luminoso si allargò sui tuoi occhi.
“Perché mai non potresti essere la mia fidanzatina?”.

Non sapevo più che fare, che dire.
“Non sono maschio, non mi sento maschio. Non mi ci sono mai sentita. Da quando ti conosco più che mai”.
“Io ti amo sul serio, cazzo”.
Sentii la tua bocca che aderiva alla mia, le tue labbra che inumidivano le mie, la tua lingua che entrava a cercare la mia, la tua saliva che diveniva un tutt’uno con la mia, mi sentii in paradiso.

.

FRATE DINO

Ebbene sì, ci fu un periodo della mia vita , appena prima ottenere il sacramento della Cresima, quindi fatevi due conti e capirete di che età sto parlando, in cui folgorato più dai frati che dalla chiesa, feci il chierichetto. E non mi dispiaceva affatto!!. Tutto successe quando un pomeriggio dentro un confessionale con don Dino lui mi chiese ” ragazzo, ti masturbi a volte?”. La parola e il suo significato lo conoscevo molto bene, ma volli mentire , consapevole che in futuro avrei condotto una vita da peccatore, e risposi” Don Dino, cosa significa masturbarsi?” Innocente come la Vergine Maria.

” significa se ti tocchi mai sotto le mutande per procurarti piacere, mi intendi ragazzo mio?”. Allora , un po’ infastidito da questa sua violenza contro la mia intimità , volli dare a Don Dino qualcosa su cui riflettere ” ah intende se mi faccio le seghe? Certo , mi sego io e sego anche altre persone. Ma come dice lei, per procurargli piacere. Non per fare del male. !!!!”. ” e dimmi ragazzo, quanti anni hanno queste persone a cui procuri piacere?” Notando nel suo tono un po’ di malizioso interesse.

” la vostra età Don Dino, perché me lo chiede ? Commetto peccato quando lo faccio?”. Ero già un piccolo diavoletto. ” No ragazzo mio!!!” Ebbe la sfacciataggine di dirmi!!” E fai solo quello o ti chiedono altre cose?” Don DINO aveva una sessantina d’anni, ma era un bell’uomo. Pelato, barba corta brizzolata, una panza bella dura e tonda che la toga lunga fino ai piedi faceva risaltare ancora di più. Ogni volta che lo vedevo mi domandavo se sotto portasse le mutande o no, l’unico pensiero fisso era quello.

” A volte mi chiedono altre cose , cose sporche , mi vergogno a confessarle adesso!!! Ma le faccio volentieri e per piacere Don, è peccato questo?”. ” Figliolo, nulla se fatto per rendere felice il prossimo può considerarsi peccato. Però dovrei capire meglio di cosa si tratta, sei disposto più tardi , da soli io e te, a farmi vedere cosa fai con queste persone? ” vecchio porco !!! Qua ti volevo!!!! ” Se promette che saremo soli e di non dirlo ai miei genitori va bene!!”.

” la confessione è un momento tra il prete che fa le veci del nostro signore e il peccatore. Tutto quello che viene detto e fatto all’interno dell’atto di pentimento è protetto da segreto professionale. Nulla di ciò che dirai o farai con il tuo Don Dino verrà rivelato ad altri!!”. Mi ricordo che pensai : minchia che larga che l’ha presa. ” Va bene , mi dica dove devo aspettarla Signore”. ” ” vai in sacrestia, dove facciamo catechismo.

Io arrivo il prima possibile. Se qualcuno ti chiede cosa ci fai la, di solo che stai aspettando Don Dino. Va bene ragazzo?”. Così feci. Frate Sergio mi vide entrare nell’aula da solo, io risposi che aspettavo Don Dino, non fece altre domande. Anzi, mi Fece accomodare e chiuse la porta. La stanza era piccola, piena di sedie , quante volte avevo ascoltato prediche e insegnamenti del Vangelo là dentro. Vuota mi sembrò ancora più finta.

Sarei bugiardo se dicessi che aspettai più di 10 minuti!! Forse 5, comunque da lì a poco entrò Don Dino. Con la sua solita calma, chiuse a chiave la porta, quasi come fosse un gesto naturale, e abbassò le persiane delle due grandi finestre che illuminavano l’aula.. Si fece buio, allora Don Dino accese una sola delle 4 luci al neon. Creò l’atmosfera giusta. Quel tanto di luce da vedere il peccato ma nasconderlo ad occhi indiscreti.

Allora prese una delle tante sedie e la posizionò difronte a me. Notai un po’ di agitazione in lui. ” Sa a cosa stavo pensando Don Dino finché la stavo aspettando?”. dissi. ” A cosa ragazzo mio? A quello che ti avrei chiesto? Se essere sincero o no? Dimmi , non essere spaventato, non avere paura. Confessa al tuo Frate ogni dubbio senza temere vergogna”. Ipocrita!!!! ” Beh pensavo se lei come pure tutti i frati, sotto la tonaca portate le mutande o no??!??”.

Ed era vero, appena arriva, pensai, la prima cosa che gli chiedo è questa!!! ” Che domanda strana, ragazzo. E sei talmente curioso di saperlo che hai trovato il coraggio di chiedermelo così, senza pudore?”. Risposi di si, che era una curiosità che avevo da tempo, e per rendere la cosa ancora più imbarazzante dissi che mi veniva da chiedermelo soprattutto quando vedevo lui. In quel momento ero io il diavolo tentatore. ” Secondo te , o meglio secondo quello che preferiresti sentirti dire , io ora ho le mutande o no?”.

Preso all’amo!!! ” Beh Don Dino, mi piacerebbe tanto che sotto lei non avesse nulla!!! Nudo !!”. ” Sei veramente tanto curioso di saperlo?” Chiese il frate. ” si sì tantissimo!!!!”. Allora Don Dino si alzò in piedi, e con un lieve cenno si sollevò appena la gonna e mi disse” Controlla tu stesso!!!infilati sotto !!!!”. Non me lo feci ripetere due volte!!! Mi infilai sotto, o meglio dentro la sottana di Don Dino!!! C’era spazio a sufficienza per muoversi, e uno spiraglio di luce che penetrava da sotto la sottana, ma non era sufficiente per vedere bene sopra la mia testa.

Certo l’odore era inequivocabile. Quell’odore di maschio, sudore, piscio che conoscevo molto bene. Non mi restò altra soluzione che tastare. Con mio sommo piacere Don Dino non portava le mutande!!! Invece sentii per prima cosa due grosse palle pelose!!!! Tonde e dure!! Sudate, le accarezzai e annusai. Il frate allargò leggermente le gambe in modo da permettermi di leccare quelle due bocce con passione, e di passare la lingua sotto le palle arrivando fino al buco del culo!!! Il sudore si fece più abbondante, e questo oltre a piacermi, mi aiutava a leccare quel culo meravigliosamente ricoperto di pelo.

La mia lingua non si fermò neanche un istante facendosi sempre più strada tra la foresta in cerca del buco e quando lo trovò fece di tutto per entrarvi, il più possibile. Don Dino stava immobile, io perso in un altra dimensione non riuscivo a capire se stava zitto, se godeva o se pregava!!! Ad un certo punto mi accorsi che ero anche io completamente sudato!! Allora di testa mia decisi velocemente di togliermi i vestiti e farli scivolare fuori tra i sandali di Don Dino, che esclamò ” oh Gesù!!!!”.

Ero nudo , completamente, sotto la sua ampia gonna!!!! Mi attaccai alle sue gambe e iniziai a strusciarmi per fargli sentire la mia pelle vellutata. Fu allora che mi diressi verso il corpo di Cristo!!! Prima con il naso per sentire l’odore del peccato. Un odore forte , blasfemo. Mi attaccai con entrambe le mani al frutto proibito. Non so che frutto fosse, ma era un frutto che sicuramente cresceva nel giardino dell’Eden, perché solo Dio poteva aver modellato con una perfezione tale un organo genitale come quello!!!! Duro, dritto, grosso , caldo.

Mi ricordò subito uno di quei ceri dietro l’altare in chiesa. Con l’abilità di un mago alzai con entrambe le braccia la gonna e sia io che il pene del frate uscimmo da sotto per essere ammirati entrambi. Guardai Don Dino in faccia pochi secondi prima di iniziare. Ancora oggi ricordo perfettamente la sua espressione. Era tutto sudato, la bocca quasi aperta, gli occhi fissi verso il cielo. Avrei potuto fermarmi, certo che avrei potuto farlo.

Ma ormai mi resi conto che sarebbe stato inutile. Don Dino quel giorno non sarebbe più stato lo stesso. Tanto valeva dargli la parte migliore, il finale coi botti!!! Presi con delicatezza il suo membro in bocca, piano piano, facendolo arrivare fin dove era possibile, e con le labbra e la lingua succhiai uno dei cazzi migliori della mia vita. Lo gustai in tutta la sua lunghezza, le mie labbra attaccate alla pelle ruvida del suo caldo uccello del paradiso, scivolano avanti e indietro mentre la mia lingua stimolava la sua cappella sistina!!!! Quando venne non si spostò di un centimetro.

Questa volta con lo sguardo rivolto verso di me Don Dino disse” Figliolo, bevi il sangue di Cristo!!!” E mentre ingoiavo il suo seme santo mi benedi!!!!!! Ecco come iniziò la mia se pur breve carriera da chierichetto. E se a qualcuno o qualcuna questa storia può sembrare blasfema, scabrosa, una bestemmia, beh pensate a tutti i preti pedofili che abusano ogni giorno di piccole anime innocenti rovinando per sempre le loro vite. Tutti quelli che da anni la chiesa copre, nasconde, accetta, e difende.

Io non ero certo un anima pura, eppure vi garantisco che dopo 30 anni ancora ricordo l’espressione stampata sulla faccia di Don Dino e mi disgusta, e quel che è peggio mi mette i brividi. Grazie a tutti, Guerrino.

IL MIO PLUG

Prima di iniziare per quelli che non sanno cosa sia un plug anale andate a vedere una mia foto qua. Il mio plug ha un nome, o meglio io gli ho dato un nome. Per tutto quello che ha subito e gli ho fatto passare il nome che più lo rappresenta , a mio avviso chiaramente, è SPARTACO!!! Nome che mi ricorda un gladiatore romano, maschio e cazzuto. Io amo il mio Spartaco. Ricordo come fosse ieri la sera che entrò a far parte della mia vita , e non fu il solo posto in cui entrò !! Non sapevo cosa fare e avendo già un reparto giochi ben fornito , decisi di prendere la macchina e andare a fare visita al mio amico Fausto, titolare di un piccolo sexyshop non lontano da casa mia, per completare la mia collezione con un oggetto che scandalosamente mi mancava: un bel plug !!! Arrivai al negozio, erano le 23 circa , e quando entrai Fausto, conoscendo le mie esigenze particolari, come di consueto chiuse il negozio, attaccando sulla porta un foglio con scritto VENGO SUBITO.

Se avesse scritto ” torno subito” sarebbe stata una menzogna!!!! Lo era comunque, anche se iin modo più veritiero, nel senso che Fausto non era un uomo che veniva subito, ma ci metteva un bel po’. Comunque dopo avermi salutato alla sua solita maniera, cioè togliendosi i pantaloni e restando col cazzo a penzoloni, e facendo lo stesso con me, lasciandomi a culo scoperto, mi chiese che cosa mi servisse. Risposi un plug.

E lui me ne fece vedere diversi , di diverse misure e materiali. Allora nel vedermi indeciso volle sapere su quale misura ero più indirizzato. Non ebbi esitazioni nel rispondere che la misura che stavo cercando era esattamente quella del suo uccello, che ritenevo di circonferenza perfetta. Al che lui mi propose di provarne qualcuno non prima di avermi messo il suo cazzo nel culo, in modo da trovare con più precisione quello giusto.

Mi sembrò un’ottima idea!!! Fausto, che aveva un occhio di riguardo per il suo cliente preferito approfittò per farmi provare un lubrificante nuovo che a detta sua non lasciava le mani unte o appiccicose. Ritenni cortese accettare il suo invito. Apri’ una confezione nuova mentre io gli stavo succhiando il cazzo per farglielo venire il più duro possibile. Mi lubrifico’ il buco del culo e mi infilo il suo grosso membro dentro il mio corpo.

Senza troppi movimenti, mi lasciò il tempo per memorizzare la circonferenza del suo pene, e quando gli dissi che ero pronto per provare il primo plug, lui tolse di colpo il cazzo dal mio culo e dopo un altra svelta spatolata di quel devo ammettere molto efficace lubrificante mi infilò di netto il primo plug. Ahia!!! che maniere Fausto!! Sempre il solito. Comunque convenni che quel plug non aveva la circonferenza che volevo.

Allora lo tolse con la stessa grazia che usò nel mettermelo. Mi fece provare il secondo. Niente , nemmeno questo era quello giusto. Nella sua immensa saggezza Fausto ritenne che fosse il caso di rinfrescare la mia memoria e mi impalò di nuovo il culo col suo pisellone. Questa volta avendolo prima ben lubrificato mi scopo’ , e bene direi, mi fece suo tra i vibratori e i dildo. Gli scaffali tremarono finché non si lasciò andare e urlò di godimento nel riempirmi il culo di sperma caldo.

Forza Fausto, proviamo il terzo plug!!! E finalmente lo trovai. Il mio Spartaco. Avendo il culo pieno di sborra decidemmo che era meglio che lo tenessi su, almeno finché non fossi arrivato a casa e potessi scaricare tutto lo sperma che avevo dentro di me. Quindi pagai, mi rivestii, e con Spartaco nel culo uscii dal negozio. Fui felicissimo!!!! Spartaco mi fece godere fin da subito!!! Quando salii in macchina e mi sedetti con Spartaco che spingeva dentro di me mi sembrò di essere in paradiso.

Tanto che neanche me ne accorsi che nel passare sula corsia opposta per dirigermi verso casa, una volante della polizia mi fermò. Proprio di fronte al negozio. Forse mi stavano aspettando, non lo so. Ricordo solo che quando mi chiesero patente e libretto mi accorsi di non avere il portafogli in tasca della tuta. Lo avevo probabilmente dimenticato da Fausto. Che gran casino. Quando spiegai al poliziotto che la patente non l’avevo con me, allora lui mi chiese cosa avessi comprato al sexyshop.

Non ebbi il coraggio di parlargli dì Spartaco. Tanto più che Fausto non mi fece nemmeno lo scontrino. Allora risposi che non avevo comprato nulla. E perché allora avevo tirato fuori il portafogli per poi dimenticarlo in negozio? La domanda fu più che lecita. Ma non ottenendo nessuna risposta, il poliziotto mi invitò a scendere dalla macchina. Fu allora che mi ricordai che il mio amico cazzone Fausto vendeva popper di sottobanco!!! E di sicuro il poliziotto volle accertarsi che io non avessi acquistato della droga.

Scesi e mi fece mettere di spalle con le mani dietro la nuca. Non fece nemmeno in tempo a perquisirmi che accadde l’inverosimile che tuttavia mi tolse da quella spiacevole situazione. Io indossavo un paio di pantaloni neri della tuta tagliati al ginocchio, chissà perché non misi gli slip quella sera. Io cercai con tutto me stesso e con tutta la volontà di stringere le chiappe. Ma complice tutto il lubrificante usato in precedenza e lo sperma di Fausto che spingeva , SPARTACO quella sera volle fare il suo debutto in società , e si lasciò scivolare fuori dal mio buco per poi cadere a terra passando da un lato dei miei pantaloni.

Si fermo’ proprio davanti agli stivali del poliziotto. Con tutta la sua imponenza, unto di sborra ma fiero, restò immobile finché con un calcio il poliziotto lo allontanò facendolo ruzzolare sotto la mia macchina, restai in silenzio ma preoccupato per il mio Spartaco. Finché il poliziotto non mi disse di andarmene , forse più scandalizzato e imbarazzato lui di me. Recuperai il mio amore da sotto la mia auto, e di fretta me ne andai verso casa!!! Durante il tragitto mi assicurai che Spartaco stesse bene e non avesse subito danni.

Fu in quell’istante che ci innamorammo l’uno dell’altro!!! Un amore vero, sincero, eterno. La nostra storia continua tutt’ oggi, e continuerà per tutta vita. Il mio grande amore, SPARTACO!!!.

Lorena e Letizia

L’altra sera Lorena e’ venuta a casa mia per vedere la partita Italia -Inghilterra. Con lei c’era il suo ragazzo e Letizia una sua amica.
Mia cugina Lorena mi fa impazzire da anni. Adoro le sue gambe, i suo piedini, le sue mani, il suo culetto. Lei mi eccita da morire e sa che amo i suoi piedini e non perde occasione per mostrarmeli.
Quella sera mentre il suo ragazzo era tutto preso dalla partita lei si sfilò le ballerine e stese le sue gambe poggiando i suoi meravigliosi piedini sul tavolinetto del salotto.

Si iniziò ad accarezzare il suo piede con l’altro e muoveva lentamente le dita dei piedi con le unghie smaltate di nero. Mentre il ragazzo guardava la partita io fissavo i piedi di mia cugina e il mio cazzo si induriva ad ogni piccolo movimento delle dita. Ad un certo punto distolsi lo sguardo dai piedi di mia cugina e vidi la sua amica che mi fissava divertita. Mi son sentito una merda mia cugina aveva raccontato tutto alla sua amica.

Mi sentivo umiliato, ma la cosa mi eccitava di piu’. Le birre erano finite mi alzai per prenderne delle altre ma si intravedeva che avevo la verga dura alla sola vista dei piedini e delle dita della mia adorata cugina. Letizia l’amica di mia cugina si alzò e mi disse:
<< dai che ti do una mano>>.
Io e Letizia ci spostammo in cucina e lei mi disse:
<< Ti piacciono tanto i piedini di Lorena>>.

Io mi senti’ avvampare ma risposi con gli occhi bassi:
<< Si>>.
Lei mi rispose:
<< E i miei ti piacciono?>>
io le guardai i piedi mentre lei li sfilava dai suoi sandali. Il mi cazzo ebbe un sobbalzo.
<< Meravigliosi!>> esclamai.
Ma in quel momento il ragazzo di mia cugina grido’ :
<< Ma arrivano ste birre? ma che state a pomicià?>>.

Fini’ il primo tempo 45 minuti a cazzo duro più recupero. Alla fine il ragazzo di Lory si alzo’ e usci a pendersi le sigarette. Restammo soli io, Lory e Letizia.
Allora Lory si rivolse a Letizia e le disse:
<<Hai notato quanto è porcellino il mio caro cugino. Ha avuto il cazzo duro per tutto il primo tempo. Glieli hai mostrati i tuoi?>>
Letizia ribadi’:<<Si appena li ha visti si tava sborrando nei pantaloni>>Si misero a ridere.

<<Che pervertito>> disse Lorena. Poi disse <<Letizia mostragli i tuoi piedini>> e Letizia li mise accanto a quelli di Lory: Le unghie di Letizia erano rosa. Io mi inginocchiai e mi avvicinai ai quattro piedini.
<<Baciami i piedi porco>> disse Letizia e io iniziai a baciarli senza sosta.
<<Che porco si arrapa di piu’ a vedere i nostri piedi che a vedere le nostre fighette>> disse Lorena e risero mentre io baciavo e poi iniziai a leccerle la pianta e a succhiarle le dita.

<< Mica si sta toccando?>> chiese Letizia.
<<No ti toccare il cazzo porco altrimenti te li sogni i nostri piedini>> mi urlo’ Lorena.
Poi passai a leccare quelli di Lorena. Nel frattempo stava iniziando il secondo tempo e Lory prese il cellulare e chiamo’ il suo ragazzo
<< Amo’ dove sei? Ho capito vabbè ci vediamo a fine partita. Salutami Marco>>.
Chiuse il telefonino e mi urlo'<<Sei fortunato lui resta al bar e tu hai 45 minuti per leccarci per bene i piedini>>.

Io mi lancia a leccarli tutti quelli di Lory e di Letizia. Ero in paradiso. Lory si alzo’ e a piedi nudi ando’ in camera mia ed usci’ con una cordicella. Poi mi lego’ le mani dietro la schiena e poi mi abbasso’ pantaloncini e mutande facendo uscire il mio cazzo duro come il marmo.
<< Guarda come gli viene duro a sto pervertito il cazzo a leccarci i piedini>>.

Letizia sorrise ed annui’ <<Che cane leccapiedi. Te lo vorresti toccare? Ti vorresti fare una sega? Porco!>>. Ed io dissi<<Si>>.
Lorena sorridendo confermo’<<Lui è un gran segaiolo, gli piace farsi le pippe. Pippaiolo. Segaiolo. Di a Letizia quante seghe i sei fatto annusando i miei collant? DILLO>>.
Io con un filo di voce risposi<< infinite>>.
Lorena urlo’ << COSA? QUANTE PIPPE TI SEI FATTO SU I MIEI COLLANT?>>
<<INFINITE>> risposi io.

Letizia, allora, si rivolse a Lorena << Che cane! Sei una bestia che si mena il cazzo. Sei un segaiolo. >>
Poi Lorena le disse:<< Poi adora sentire l’odore della mia fighetta attraverso i miei slip zozzi>>
<<Un maiale schifoso>> rispose Letizia.
Poi Letizia in Leggings neri apri’ le gambe e sorridendo mi disse<< Vieni ad annusarmi la topa porco di merda. >> io mi inginocchiai e strisciai tra le cosce di Letizia.

<<Annusale la fighetta porco>> mi disse Lory.
L’odore della sua figa mi fece impazzire il cazzo: La prostata mi si contraeva facendo sollevare il mio cazzo duro.
<<UHHHHHHHHH come gli vibbra il cazzo al porcellone. Scommetto che gli sta gocciolando il cazzo a sta puttanella>> disse Lorena.
<<Mica sborra il porcello?>> replico’ Letizia. Mentre mi spingeva il mio viso sulla sua fica. Poi ancora << Dai porco lo senti il mio odore? Leccami i leggings pervertito.

Oggi non ho messo neanche gli slip. >>
<<Ma se gli dici cosi’ questo si sbrodola in un secondo>> rispose Lorena.
Io leccavo i leggings e sentivo l’odore della fighetta di Letizia e lei ridendo segui’ << Prima di venire qui in quel bar in cui abbiamo preso quel prosecco in attesa del tuo ragazzo ho fatto la pipi e non c’era la carta e mi sono rimessa i leggings>>
Lory le disse <<Che sporcacciona>> e sorrise e poi si rivolse a me ulrlandomi << Hai capito schiavetto gli stai leccando la piscia>>.

<< Scommetto che gli piace al pervertito segaiolo>> replico’ Letizia.
Tutto cio’ mi eccitava damatti e leccavo ancor piu’ avidamente quei leggings che coprivano la fighetta di Letizia.
Lory:<<UHHHHHHHHHH guarda come gli piace a sta troietta l’odore della tua piscia. Ti sta leccando come un forsennato. >>
Letizia:<<Adesso basta. Spostati e mi scanso’. >>
Il mio cazzo era in uno stato di eccitazione impressionante.
Lory:<< Guarda come l’hai ridotto? A vederlo cosi’ me lo farei infilare nella fighetta il suo cazzo.

La vuoi la mia fighetta? eh porcellone>> e io <<Si ti prego Lory, ti prego posso infilartelo in figa>>
Lei si infilo’ la mano sotto i pantaloni e ne tiro’ fuori un dito bagnato. << Guarda sto maiale me l’ha fatta bagnare la fighetta. Annusami il dito porco>>. Mi avvicino’ il dito al naso e io annusai la sua broda.
Ad un certo punto squillo’ il telefonino di Lory:<< Dmmi Amo’….

si ok fai come vuoi. Ci vediamo domani. Vieni tu a prendermi a casa e poi andiamo da te vabbe’. Ok si si ci accompagna Lorenzo. Tu dai fai il bravo…. ahhhh vediamo domani. Ciao>> e poi a me e a Letizia:<< Va con Marco appena finisce la partita. E t porco ci puoi leccare ancora e poi ci porti a casa hai capito porcellone>> Io annui’.
Letizia:<<la vuoi leccare la figa bagnata di Lory?>> e io <<SIIIIIIIIIIIIIIIIII>>
Lory<< Dai andiamo sul letto>>.

Mi distesi mentre Lory si sfilo’ i pantaloni e attraverso gli slip si intravedeva il peletto. Poi si sedette sul mio viso. Subito avverti’ l’umido della sua figa e iniziai a leccargliela.
Lory:<<Aspetta Porco. Prima di tutto leccami il culetto>> abbassandosi gli slip << Sai quel porco dopo avermi sbattuta la figa mi ha sborrato sul culetto. Ripuliscilo tutto che me lo sento ancora impastricciato di sborra>>
Letizia << Lecca stronzo.

Guarda il cazzo gli sta scoppiando>> e risero.