Esperienze perverse: Matteo e Camilla due fidanzat

…I tre si preparano per andare al mare. Come detto da Fabio, la giornata sarà tranquilla ma per la serata sono previste delle soprese.
Sulla spiaggia tutto scorre tranquillo. Camilla e Matteo si riposano, nuotano e scherzano fra loro, mentre Fabio si rilassa leggendo un buon libro. Ogni tanto vede un venditore ambulante di colore che guarda con interesse Camilla, toccandosi ogni tanto la patta dei pantaloncini. Fabio gli va vicino, gli dice qualcosa, lui sorride e fa cenno di aver capito.

I ragazzi lo guardano ma non capiscono cosa abbia in mente.
Tutta la giornata scorre al mare nella più piena tranquillità. Solo durante il ritorno a casa Fabio dice ai due ragazzi che s li porterà fuori a cena per poi proseguire con un dopocena interessante. Dice a Camilla di vestirsi con una gonna corta e un top aderente senza reggiseno.
I tre escono, vanno a mangiare in un buon ristorante con specialità marinare dove un cameriere non smette di puntare le tettine di Camilla ben visibili e modellate dal top.

Finita la cena i tre escono, Fabio dice loro che andranno in un posto a divertirsi. I due, salendo in macchina, si immaginano una discoteca o qualcosa del genere, mentre invece dopo un breve tragitto, si trovano ai margini della pineta in una zona isolata. Fabio parcheggia, fa scendere i due ragazzi e gli dice di seguirlo, fino a quando arrivano in uno spiazzo molto isolato da cui si vede molto vicina una specie di baracca.

“Dai Camilla, accucciati e inizia a fare un bel pompino a me e Matteo” dice Fabio con un tono che non ammette repliche, avvicinandosi al ragazzo. Fabio apre la patta e tira fuori il cazzo così come fa Matteo. I due cazzi visti insieme fanno sembrare quello di Matteo ancora più piccolo. Camilla, obbediente, si mette a succhiare i due cazzi, alternando bocca e mano su ciascuno dei due. L’eccitazione di Camilla e Matteo è mista alla paura di venire scoperti visto che sono in un luogo all’aperto.

Proprio in quel mentre, un uomo alto, massiccio con un grossa pancia, fa capolino da alcuni arbusti. I ragazzi hanno un sussulto, ma Fabio dice di stare tranquilli e continuare, mentre con un cenno del capo fa capire all’uomo che può unirsi a loro. Evidentemente, Fabio conosce questo posto, un luogo dove si fanno incontri e scambi. L’uomo non se lo fa dire due volte e si mette affianco a Matteo, tirando fuori un cazzo di notevoli dimensioni soprattutto in larghezza.

“Chi è la puttanella?” dice mentre prende la testa di Camilla per puntarla sul suo cazzo con fare autoritario.
“E’ la sua fidanzatina” risponde Fabio indicando Matteo.
“mmmm succhia benissimo .. mi sa che forse è un po’ troppo per te una troietta del genere” dice l’uomo indicando il cazzettino di Matteo che prova la solita sensazione mista di eccitamento e umiliazione. I tre intanto si calano i calzoni per far svettare meglio i cazzi mentre Camilla continua l’alternanza fra i tre membri succhiando e segando.

Dopo poco, Matteo sente l’uomo accanto a lui, il cui nome è Antonio, che inizia ad accarezzargli il culetto con una mano. Prima sente la mano lisciargli le natiche, impastargliel, poi un dito che si insinua nella spaccatura delle chiappe puntando sul suo buchetto.
“Mmmmmm .. certo che il fidanzatino ha un culetto da favola” dice mentre inizia a forzargli un dito in culo “ E mi sembra anche aperto, anche se non da molto….


Matteo e Camilla si sentono degli oggetti, usati dai due porci maturi, ma questo non fa altro che far aumentare la loro eccitazione. Il tipo continua a muovere il dito nel culo di Matteo che, ovviamente, si sente sempre più eccitato.
“Cazzo …. fidanzatina troia e fidanzatino frocetto .. cosa si può voler di più ?” dice l’uomo ridendo e avvicina il suo volto a Matteo, appoggiando le labbra sulle sue e forzando la sua lingua dentro la bocca del ragazzo.

E’ la prima volta che Matteo bacia un uomo, ma questo lo eccita ancora di più. Camilla alza lo sguardo e si stupisce che vedere il suo ragazzo limonare con un uomo mentre lei gli succhia il cazzo la fa bagnare ancora di più.

“Visto Cami com’è frocetto il tuo fidanzatino. Si fa slinguare in bocca dal primo che passa oltre a farsi masturbare il culo” dice Fabio con il cazzo che scoppia.

Mentre Fabio scopa in bocca Camilla, Antonio prende la testa di Matteo e la spinge già dicendogli
“Dai piccolo, accucciati anche tu e succhiamelo, devi essere bravo come la tua fidanzatina … “
Matteo, stupendosi del suo grado di sottomissione, si accuccia e prende fra le sue labbra il grosso cazzone del maturo. Questi, senza nessun riguardo, gli prende la testa e inizia a scoparlo in gola, provocandogli conati di vomito, e gli occhi pieni di lacrime.

“Dai piccolo frocetto, fai vedere alla tua ragazzina come prendi in gola il cazzo di un maturo porco. Siete due troiette tu e la tua fidanzata, due battone da strada. Mmmmmm … senti come succhia questo frocetto .. ingoia il cazzone .. ingoialo .. “
“Sono proprio due puttanelle da strada, due battone della peggior specie, scopiamole in gola” rincara la dose Fabio.
Per un certo tempo nella pineta si sento sono i rumori che fanno le bocche dei due giovani fidanzati intente a contenere e succhiare i cazzoni dei due maturi.

Proprio mentre sta per avvicinarsi un’altra persona, che poi si scopre essere il venditore di colore della spiaggia evidentemente istruito da Fabio, Antonio leva il cazzo di bocca a Matteo lo prende per un braccio e dice:
“Cavolo, devo farmi il culetto di questo frocetto”
Lo trascina verso la baracca dicendo “Vieni piccolo li staremo più comodi e ti farò godere come un battona di merda. ”
Matteo è frastornato, si fa trascinare dal maturo come se fosse in trance mentre il suo sguardo incrocia quello di Camilla che ha ancora il cazzo in bocca di Fabio e lo guarda con un misto di eccitazione e umiliazione.

Mentre Matteo viene portato nella baracca, l’uomo di colore si avvicina a Camilla, tira fuori un cazzone bello lungo e senza tanti complimenti lo mette in bocca alla ragazza. Dopo aver scopato per qualche minuto in bocca la ragazza, il nero sente Fabio che dice.
“Andiamo anche noi nella baracca e vediamo cosa stanno facendo i due”
Detto questo Camilla si alza e insieme ai due uomini si dirige verso la baracca.

Appena entrati Camilla ha quasi un sussulto. Il posto è squallidissimo, una sudicia baracca con due materassi buttati per terra, sporchi e con evidenti macchie di sborra rapprese. Se Fabio voleva farli sentire umiliati per quello che stavano facendo, allora ci era riuscito in pieno. Matteo è su materasso sporco, a pecorina e succhia il cazzo del maturo pancione: tutti e due sono nudi. L’uomo ha una mano allungata e sta infilando un dito nel culo di Matteo in modo da lubrificarlo e aprirlo.

Poi, rivolgendosi a Camilla, con un’espressione esterrefatta vedendo il suo fidanzato in balia del porco maturo, dice:
“Troietta, lecca il buco al tuo fidanzatino perché ora gli metto la suppostona di carne nel retto. Bagnalo bene perché il mio è bello largo come vedi e non sarà così facile farlo entrare. ”
Camilla è frastornata ma una carezza sulla testa di Fabio le fa capire che deve fare quello che le è stato detto.

Come un automa si avvicina a Matteo e inizia a leccargli il buchetto del culo mentre lui continua a pompare il cazzone dell’uomo. Fabio e il nero si spogliano brandendo i loro cazzi tesi e duri. Antonio leva il cazzo dalla bocca di Matteo e si avvicina al suo culetto fra le cui chiappe c’è il visino di Camilla. L’uomo prende la testolina bionda di Camilla, la toglie dalle chiappe e avvicina il cazzo alle labbra della ragazza che docilmente lo imbocca.

“Dai succhia puttanella, fammelo bello lucido di saliva così il tuo ragazzo sentirà meno male quando gli sfondo il buco merdoso. Non ti preoccupare perché poi godrà come una puttana. Anzi, dopo dovrai travestirlo e portarlo a battere sui viali ……. “ dice ridendo il porco
Dopo un po’ il porco leva il cazzo dalla bocca di Camilla e lo mette fra le chiappe di Matteo che sentendo la grossa cappella che appoggia sul suo buchino ha un fremito di paura.

“Sta buono frocetto, che ora ti rendo donna davvero. Dopo che ti ho spanato il culo sarai una donna a tutti gli effetti e non ti interesserà nemmeno più quella puttanella della tua ragazza”.
Dicendo così spinge con forza in modo che la cappella entri nel buchino stretto di Matteo che sente un po’ di dolore e si lamenta.
“Stai buono che ora te lo stango tutto dentro”
Detto fatto, tenendo Matteo per le spalle l’uomo spinge tutto il cazzo dentro il culetto del ragazzo che lancia un urlo dicendo:
“Ahiaaaaaaaaaaaaa ….

Levalo … levalo … è troppo grosso … mi sfonda … “
“Stai buono, ora mi fermo per farti abituare a questo bel palo di carne che hai in culo, poi inizio a pomparti”
Camilla vede il volto contratto di Matteo ma non ha tempo di pensarci perché sente il nero che la prende di peso e la porta da Fabio che è disteso sul materasso.
“Dai mettila sul cazzo” dice Fabio, ordine che Massud, così si chiama il tipo di colore, esegue facendo calare Camilla sul cazzo dell’uomo.

“Ohhhh” è il sospiro che fa Camilla sentendo il cazzo dell’uomo che aderisce alle pareti della sua fichetta. Fabio la prende per le spalle e l’attira a se mentre Massud si posiziona dietro appoggiandole il bastone nero sul buchino del culo.
“Noo … vi prego … due sono troppo … ho il buchino troppo stretto ancora… “ ma non fa in tempo a finire la frase che il cazzone di Massud, senza tanti riguardi entra nelle sue viscere.

Matteo, passati i primi momenti di dolore sta godendo come un pazzo, mettendo in mostra la sua natura incline ai piaceri omossessuali.
“Dai piccolo frocio, muovi il culo .. ti piace il cazzone che ti pigia gli intestini vero puttana”
Ormai perdendo tutti i freni inibitori Matteo risponde
“Siii…. spaccami il retto .. pompami il culo … ti sento in pancia … sei un vero uomo .. si dai .. scopami .. scopami il culo e fammi godere .. “
L’uomo, un vero perverso, capisce di avere Matteo in pugno e mentre continua a scopargli il culo dice:
“Dai frocetto .. da oggi diventi la mia fidanzatina … vero ? Sono il tuo amore vero piccolo frocio, non la puttanella bionda che sta prendendo due cazzi … dimmelo frocetto … dimmelo … “
Matteo è stravolto dal piacere, il cazzone largo dell’uomo penetra nelle sue pareti rettali allargandolo e facendogli provare delle sensazioni incredibili.

Ormai fuori di testa dal piacere Matteo dice:
“Siiii … pompami il cazzo nel culo .. sono la tua troia … la tua donna ormai … dai …. ti amooo … ti amooo …. ”
Mentre dice queste parole Matteo spruzza diverse gocce di sborra dal suo cazzettino mentre l’uomo dando gli ultimi colpi bestiali mette il cazzo più a fondo che può e inizia una lunga sborrata che riempie gli intestini del ragazzo.

“Eccola tutta per te …. piccola mia … amore mio … ti voglio ingavidareeeeeeee …. ”
Anche Camilla è presa dalle sensazioni che sta provando e straparla:
“Mmmm … cazzo mi state aprendo tutta .. sono piena … sono piena di cazzo … mmmm … vengo con tutti e due i buchi …. Godo con il culo e la ficaaaaaaaaaaaaaaaaaaa”
Camilla urla il doppio orgasmo che è subito seguito dalle copiose sborrate dei due maschi nei suoi buchi.

Una volta finito il gioco erotico nella squallida baracca c’è un silenzio irreale. Ripulitisi alla meglio Camilla e Matteo si sono rivestiti così come i tre uomini. Matteo si sente il buco del culo largo, così come Camilla che ha anche la fica che cola la sborra nelle mutandine.
Antonio, l’uomo maturo che ha inculato Matteo gli va vicino e con fare autoritario dice:
“Tu vieni con me, almeno fino a domani stai a casa mia, sei o non sei la mi fidanzatina ?” e sottolinea questo termine con una risata.

Prima che Matteo, e anche Camilla possano dire qualcosa, Fabio interviene dicendo:
“Certo, Matteo va con Antonio, non è capitato qui per caso lo conosco. Fa l’altro mentre ti inculava gli hai detto che lo ami quindi un po’ di intimità ve la meritate (sorride). Ci vediamo domani sera a casa nostra, credo che Antonio abbia anche delle sorprese per te. ”
Queste ultime parole sgombrano il campo da repliche o altro.

Antonio saluta e prendendolo per la mano si trascina Matteo nella macchina. Fabio e Camilla si avviano alla loro.
Una volta messa in moto, Camilla si mette a piangere pensando che ormai sono in un gioco più grande di loro, un gioco dove loro sono solo degli oggetti di piacere in mano a dei porci maturi come Fabio. Le esperienze che stanno facendo fanno provare loro dei piaceri mai pensati ma anche delle umiliazioni a cui ormai non possono più sfuggire.

La loro vita sta cambiando senza più poter tornare indietro….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *