Vacanze al Cairo – Capitolo undici

Capitolo undici

Passammo una serata piuttosto a disagio in compagnia della madre e del padre di Michele. Fortunatamente il papà non disse niente a sua madre e si diede da fare perché tutto scorresse il più normalmente possibile. Non fece menzione della scoperta imbarazzante di poco prima, ma noi eravamo presi dai nostri pensieri e non prendemmo parte alle solite discussioni sugli eventi della giornata ed invece guardavamo, senza vederla, la televisione evitando per quanto possibile di incrociare gli sguardi.

Dovevano essere circa le sette quando Michele ruppe il silenzio e chiese a suo padre se poteva andare disopra ad aiutarlo a sistemare un problema del suo computer. Né Michele né suo papà mostrarono alcun segno disagio, la madre si girò e sorrise quando lasciarono la stanza. Io non ero assolutamente a mio agio. Più di qualsiasi altra cosa al mondo avrei voluto essere con loro per sentire quello di cui stavano parlando, ero abbastanza sicuro che l’ultima cosa a cui pensavano era il computer.

Ma non c’era niente che potessi fare se non stare seduto in soggiorno e socializzare con sua madre, nonostante fossi preoccupato.
Il papà di Michele scese un’ora più tardi e sorridendomi gentilmente mi disse che il problema del PC era stato risolto e che potevo andare a giocarci con Michele se volevo raggiungerlo.
Capii che era un segnale per dirmi che ero aspettato disopra, scappai con gratitudine dal soggiorno ed andai dal mio amico.

Entrato in camera, chiusi la porta, ansiosamente mi avvicinai e mi sedetti di fianco a lui, di fronte al computer che notai essere inattivo a parte lo schermo acceso. La faccia del mio amico era molto rossa e sembrava avesse pianto.
“Allora. Cosa è accaduto?” Chiesi.
“Nulla. ” Rispose battendo esasperantemente sulla tastiera: “Papà ed io abbiamo chiacchierato, e questo è tutto. ”
“Oh!” Fu l’unica debole risposta che riuscii a formulare, confuso ed ancora preoccupato.

Per avere qualche cosa d’altro da fare diedi un sguardo superficiale allo schermo per vedere cosa stava facendo. Michele, il bastardo, aveva scritto ‘Puoi stare qui se vuoi. ”
Non capendo quello che voleva dire, mi incazzai, gli afferrai una mano e lo feci girare verso di me per guardarmi.
“Cosa diavolo significa?” Chiesi.
Lui mi rivolse un largo sorriso, andò a sedersi sul letto e mi disse di raggiungerlo. Dopo che lo ebbi fatto, mi raccontò quello di cui aveva discusso con suo padre.

Risultò che gli aveva detto che, a parte lo sfortunato incidente del pomeriggio, noi eravamo veramente grandi amici e ci piacevamo enormemente. Aveva anche detto che io ero il miglior amico che avesse mai aveva avuto, specialmente per il fatto di vivere al Cairo dove la scelta di ragazzi della sua età era, a dir poco, limitata.
“Giusto o sbagliato” Proseguì: “Ho detto a papà che il sesso tra di noi era provocato probabilmente solamente dalla noia e probabilmente poteva cessare.

Io non ci credo!” Aggiunse in fretta mentre metteva una mano sull’interno della mia coscia: “Ma dovevo dirgli qualche cosa che gli facesse piacere ed allentare un po’ la pressione. ”
Finì il racconto dicendo che lui aveva chiesto a suo papà di chiedere a mio padre se potevo rimanere in Egitto e non ritornare alla mia scuola in patria.
“Cosa?” Quasi gridai per la sorpresa e la gioia. Stupido che ero, questa possibilità non aveva mai attraversato la mia mente.

“Dovevo pensare a qualche cosa, non è vero?” E sorrise “Dopo tutto ora non potevamo essere separati, non è vero? Non lo pensi?” Aggiunse guardandomi un po’ preoccupato, pensando evidentemente che avessi qualche ragione per obiettare.
“No, assolutamente no!” Risposi circondandogli la vita e stringendolo a me: “E lui cosa ha detto?”
“Ha detto che probabilmente era una buon idea, per ambedue. Io posso sempre parlare a papà di qualsiasi cosa, ma questa volta era troppo per me ed ero terrorizzato al pensiero di quello che avrebbe detto.

Ero così nervoso che praticamente ho cominciato a piangere, e probabilmente la cosa mi è stata di aiuto!” Sorrise: “Ad ogni modo ha detto che se tu te ne andassi saremmo tutti e due molto infelici e il nostro ‘innamoramento’, come l’ha chiamato, continuerebbe all’infinito nei nostri sogni. Sarebbe molto meglio se rimanessimo insieme e viverlo. ”
“Cristo!” Dissi stupito: “È vero? Io ci credo!”
“Sì. Per quello che vale. Dobbiamo ancora parlare con tuo papà.


Cazzo!” Dissi io: “Me n’ero dimenticato. ”
Michele proseguì dicendomi che lui e suo papà erano d’accordo che non avrebbe raccontato a nessuno quello che era accaduto, purché lo facessimo anche noi: Ha anche detto che tu dovresti dirlo a tuo papà, ma ha promesso che se tu non ti va bene rimanere, lui non gliene avrebbe parlato. ” E aggiunse maliziosamente: “Non c’è questa possibilità, io spero!”
Rimasi seduto silenzioso per un po’ assorbendo queste nuove informazioni e tentando di pensare a tutte le complicazioni che portavano.

Non credevo che portassero veri problemi, almeno nessuno che non potesse essere risolto. A parte parlare con mio padre.

Rimanemmo lì per circa un’ora progettando alcune delle cose che avremmo potuto fare se mi fosse stato permesso di restare, sempre più eccitati alla prospettiva non solo di andare insieme a scuola, ma di vivere veramente nella stessa casa! Le nostre discussioni comunque furono interrotte quando la mamma di Michele ci gridò che se volevamo la cena era pronta.

Entrando in sala da pranzo fui sorpreso di sentire un po’ d’imbarazzo quando vidi il papà di Michele. Dovette essere evidente perché lui mi fece l’occhiolino e sorrise un po’.
“Tutto ok?” Mi chiese piano.
“Sì, grazie” Risposi più allegramente che potevo.
“Bene. Ascolta, il volo di tuo papà arriva circa alle otto di mattina; vuoi venire anche tu? Probabilmente ritorneremo qui prima di andare al lavoro, quindi se vuoi puoi aspettarlo qui.


“Aspetterò qui, se le va bene. Non mi piace molto l’aeroporto. ” Mentii, nella mia mente balenò per un secondo l’avventura nei bagni.
“Penso che sia meglio. Come a tutti anche a te non piace alzarti presto. ” Questo fu detto senza malizia o secondo scopo, ne sono sicuro e gliene fui grato.
Sorridendo gli feci capire che ero d’accordo con lui e cominciai a mangiare.
Mi sforzai di comportarmi il più normalmente possibile e sono quasi sicuro che non ci riuscii, comunque mi misi a guardare un film col resto della mia nuova famiglia.

Per una volta Michele ed io non eravamo troppo ansiosi di andare disopra, nessuno di noi aveva il coraggio di dire ‘noi andiamo a letto. ‘ Credo che lui la pensasse come me e che la parola ‘letto’ e le sue implicazioni era meglio che non venisse pronunciata. Il padre di Michele probabilmente stava pensando alle stesse cose perché non ci ricordò che era passata la nostra solita ora di andare a letto, si limitò a dire che loro stavano andando a letto e di non dimenticarci di spegnere la televisione quando salivamo.

Rimanemmo a guardare il film per almeno mezz’ora, non spiaccicammo parola, ognuno troppo preso dai propri pensieri per preoccuparci di chiacchierare. Non sono sicuro di cosa stesse pensando Michele, ma era probabilmente la stessa cosa a cui pensavo io: cosa sarebbe successo il giorno dopo.
Era stata una giornata poco positiva anche se non era finita male in fin dei conti. Almeno le cose si erano chiarite col papà di Michele, anche se dovevamo ancora parlare a sua madre e mio padre.

E questo era quello che stava occupando completamente la mia mente. Non pensavo a sua madre, era un problema di Michele, non mio. Io dovevo già preoccuparmi per mio papà.
Fui io a rompere il silenzio.
“Che si fottano!” Dissi rivolto a tutto il mondo, attraversai la stanza, mi sedetti con lui sul divano ed appoggiai la testa sul suo grembo. Guardandolo con un mezzo sorriso, presi la sua mano e la strinsi leggermente: “Cosa c’è?” Chiesi.

“Non so. ” Fu la risposta inutile: “Chi lo sa. ” E così finì la conversazione.
Io ero piacevolmente consapevole che Michele stava giocando coi miei capelli, carezzandoli e torcendoli in anelli mentre pensava. Potevo vagamente ricordare che mia madre faceva lo stesso genere di cose quando ero piccolo ed in quel momento lo trovavo particolarmente rilassante. Mettendomi un po’ più comodo, mi contorsi sul divano e chiusi gli occhi, potevo incidere poco su quello che il domani avrebbe portato.

“Vieni, andiamo disopra” Sentii una voce che diceva in lontananza: “Non possiamo stare qui tutta la notte. ”
Stirandomi guardai Michele e sorrisi d’accordo.
“OK, fratello! Se lo dici tu. ”

Una volta nella nostra stanza ci spogliammo in silenzio, lasciando cadere i vestiti dove ci trovavamo. Presumendo che Michele non avrebbe voluto la mia compagnia quella sera, buttai indietro la coperta e mi sdraiai godendo dell’aria fresca che soffiava sul mio corpo.

Gettando uno sguardo al letto di Michele, vidi che stava leggendo una rivista che aveva comprato all’aeroporto.
“Cosa stai leggendo?”
“Niente di che. Solo Newsweek. ”
Improvvisamente mi sentii abbandonato e desideroso della sua compagnia, non per il sesso, solo per un po’ di contatto fisico con un amico. Scivolando giù dal letto attraversai la stanza e mi sdraiai dietro di lui, mettendogli un braccio sul corpo e leggendo la rivista sopra la sua spalla.

“OK?” Bisbigliai: “Non ti dispiace? Ho bisogno di compagnia. ”
Lasciando cadere la rivista sul pavimento, si girò verso di me e sorrise.
“Non dovresti mai chiederlo!” Bisbigliò coccolandomi e dandomi un gentile bacio sul collo. “Che si fotta il mondo, almeno per ora!” e con quello diede un’allegra stretta alle mie palle.
Passando sopra Michele per spegnere la luce a lato del letto, mi sdraiai su di lui, gli resi il bacio e mi rilassai.

Quella notta non facemmo sesso in modo fisico, noi eravamo perfettamente felici e ci confortavamo l’un l’altro, ci bastava la vicinanza ed il contatto fisico.
Eravamo ancora così quando il rumore dei suoi genitori che si muovevano mi svegliò la mattina seguente.
“Merda!” Dissi abbastanza forte da svegliare Michele: “Farei meglio a tornare nel mio letto prima che qualcuno entri. ” Affrettandomi attraverso la stanza, recuperai in fretta la mia coperta dal pavimento e mi coprii sdraiandomi sul freddo letto solitario e chiusi gli occhi, sperando che chiunque entrasse pensasse che stessi dormendo.

Comunque non avrei dovuto preoccuparmi troppo perché poco più tardi una bussata alla porta precedette il padre di Michele che entrò per svegliarci.
“…Ngiorno ragazzi! È ora di svegliarsi. ” Disse girando lo sguardo da uno all’altro di noi. Io ero sufficientemente sveglio per comprendere che per la prima volta da quando ero in quella casa aveva bussato prima di entrare. Perlomeno qualche progresso è stato fatto, pensai e dissi a Michele: “Credo che non abbia voluto prendersi uno spavento come quello di ieri!” Michele rise.

Facendo colazione discutemmo dei progetti per la giornata. Poiché non saremmo andati a prendere papà, decidemmo di andare in centro a fare acquisti, anche perché sua madre sarebbe stata in casa tutto il giorno a preparare per il dinner party di quella sera.
“Ok allora. ” Disse il papà di Michele: “Se vi date una mossa potrò accompagnarvi prima di andare all’aeroporto. ”
E lo disse in un modo che capimmo che non c’erano alternative.

Noi probabilmente avremmo preferito fare un’altra chiacchierata a due mentre ci andavamo.
In macchina c’era un silenzio impacciato che fu rotto dal papà di Michele che disse che aveva qualche cosa di importante da dirci. Guardando diritto davanti a se e senza togliere gli occhi dalla strada, spiegò che era venuto ad una decisione e, prima di incontrare mio padre, voleva sapere cosa ne pensavamo. Scegliendo attentamente le parole disse che probabilmente sarebbe stata una buon idea se io fossi rimasto al Cairo frequentando qui la scuola e che, anche se non gli piaceva o capiva quello che stavamo facendo, era pronto ad accettare quello che era successo, a patto che noi non gli procurassimo problemi e non ne parlassimo mai, a nessuno.

Mi stavo aspettando la solita (ed umiliante) frase ‘si tratta solo di una fase’ quando Michele ed io, fummo sbalorditi in un silenzio scioccante dalla frase seguente.
“Se uno di voi o ambedue siete gay, non mi riguarda ed io non potrei cambiare le cose anche se volessi. L’unica cosa che vi dico è che, qualsiasi cosa facciate, ricordatevi che ci sono altre persone che saranno colpite da qualsiasi scelta facciate. Io credo onestamente che ne uscirete e che perciò non c’è alcun bisogno di sconvolgere qualcuno (e guardò Michele) per quello che dopo tutto è solamente una fase passeggera.


Noi rimanemmo fermi fissando per un po’, fuori del finestrino, il traffico, tentando di assimilare quello che c’era stato detto. Da parte mia ero grato di non dover raccontare a mio padre quello che era accaduto. Non penso che ci sarei riuscito.
“Ok!” Disse: “Argomento chiuso. Ora, dove volete che vi lasci?”
“Qui va bene. Prima andremo al Groppi. ” Dissi io, il ristorante fu il primo luogo a cui pensai.
“Ok allora, prendi questo” E diede una banconota a Michele: “Pagatevi il pranzo e non tornate tardi.

Ricordatevi che stasera c’è una festa. ”
Riconoscenti scappammo dalla macchina nell’aria calda ed appiccicosa del Cairo e ci dirigemmo verso il ristorante.

Ci stiamo avvicinando alla fine, mi farebbe molto piacere ricevere commenti a questa “fatica”
Ciao.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *