Vacanze al Cairo – Capitolo 10

Capitolo dieci

Michele ed io ci coccolammo e restammo sdraiati in silenzio per un minuto o due in una fantasticheria tranquilla, pacata.
“Hai voglia di andare all’aeroporto?” Chiese Michele come casualmente: “Non è troppo lontano e potrebbe essere divertente. ”
Risposi che non avevo problemi e mi andava bene andare in qualche posto nuovo.
Avendo deciso quello che volevamo fare per una parte del giorno, era il caso di uscire dal letto, ci spronammo a farlo, facemmo rapidamente una doccia e ci vestimmo.

L’aeroporto è circa a quattro o cinque chilometri da dove stavamo ed utilizzando il metrò ci arrivammo abbastanza velocemente.
Come ogni altro aeroporto in cui ero stato, quello del Cairo era trafficato, molto trafficato. In questo non era diverso rispetto agli altri nel mondo, la grande differenza stava nel fatto che questo era permanentemente circondato da soldati armati!
Non appena superammo le porte, la memoria della mia ultima visita ad un aeroporto mi tornò alla mente e ricordai a Michele cosa era successo.

Sorridendomi disse che probabilmente poteva essere un’idea vedere che genere di ‘divertimento’ potevamo avere nelle toelette. Con difficoltà le trovammo nascoste in un breve corridoio che sembrava condurre da nessuna parte se non verso un’uscita di sicurezza sbarrata. Una volta nella stanza con pareti di marmo, la prima cosa che colpiva, letteralmente, era l’odore. Era incredibile, il puzzo di vecchia orina, mescolato con altri che non volevo pensare da cosa fossero provocati ma che facevano lacrimare gli occhi.

Gli egiziani erano persone molto belle, amichevoli, ma il loro senso dell’igiene lasciava molto a desiderare. I bagni erano rivoltanti e quasi avevo deciso di andare via quando Michele mi diede una leggera spinta ed accennò col capo verso l’angolo dove l’allineamento degli scomparti finiva. Appoggiato con noncuranza al muro c’era un ragazzo che sembrava avere la nostra età o forse un po’ più vecchio. Diversamente dalla maggioranza dei ragazzi era vestito nel modo che passava localmente per vestito ‘europeo’: jeans stracciati, sandali di plastica e camicia di cotone con disegni multicolori.

I miei primi pensieri furono che era uno delle dozzine di mendicanti che giravano per i terminal o che stava aspettando di usare una delle toelette. Dato che non ce n’erano di occupate, chiaramente non era questo il caso. Poi un altro pensiero, più ovvio e logico mi colpì. Forse………… i miei pensieri furono per metà confermati quando ci rivolse un mezzo sorriso ed un piccolo inchino.

Senza guardare Michele andai nello scomparto vuoto più vicino e chiusi rumorosamente la porta.

Ascoltando con attenzione sentii Michele andare in un altro scomparto lasciandone uno vuoto tra di noi. Inginocchiandomi sbirciai sotto l’apertura di venti centimetri tra la parete ed il pavimento e controllai che Michele fosse dove pensavo. Mentre lo stavo facendo lui, lasciati cadere a terra i pantaloni, mi guardò e mi fece l’occhiolino. Come avevo sperato e desiderato, sorrisi mentre la porta dello scomparto tra di noi cigolò aprendosi ed i brillanti sandali blu ed i jeans laceri si sistemarono tra di noi.

Mi sentivo notevolmente nervoso quando accadde: anche se avevo voluto che qualche cosa del genere succedesse, il mio cuore smise di battere quando avvenne ed io mi sentii nervoso ed un po’ spaventato. Velocemente mi alzai e mi sedetti sulla toeletta pensando a cosa fare dopo.
La parete di separazione non era di alcun aiuto essendo fatta dell’onnipresente marmo marrone solido, nessun buco di qualche dimensione da cui poter sbirciare e dare un’occhiata all’occupante dello scomparto vicino.

Era anche coperto di graffiti, illeggibili per me ma i disegni per la maggior parte rendevano ben chiare le intenzioni.
Stavo ancora pensando a quello che avrei potuto fare per spingere un po’ oltre le cose dato che mi ero abbastanza calmato ed avevo cominciato a sentirmi un po’ arrapato, quando sentii qualche cosa spazzolarmi la caviglia. Spostando velocemente lo sguardo dalla parete al pavimento mi accorsi che stavo guardando un magro palmo marrone con le dita che ondeggiavano come zampe di un ragno impazzito.

La richiesta era implicitamente ovvia, almeno per la mia iperattiva immaginazione. Poteva essere una semplice richiesta di carta igienica o anche un tentativo goffo di implorare. Per me c’era solo un possibile motivo e vi aderii.
Ancora una volta mi inginocchiai, allargai le gambe il più possibile e misi il mio cazzo palpitante nella mano in attesa. Immediatamente rispose e cominciò a massaggiarmi l’uccello, delicatamente ma molto fermamente. Ero anche consapevole che l’altra mano si era unita alla sua gemella e mi stava massaggiando le palle.

La sensazione era assolutamente estatica, chiusi gli occhi per il piacere ed appoggiai la fronte contro il marmo, completamente assorbito nell’attenzione che il mio inguine stava ricevendo.
Dopo poco sentii dolore alle giunture, provocato dalla posizione scomoda delle gambe allargate. Di malavoglia tirai via per un momento l’uccello dalla sua presa mentre cercavo di mettermi più comodo. Mi sdraiai sul pavimento e scoprii che riuscivo ad infilare la maggior parte del mio cazzo sotto il muro se contraevo le gambe intorno alla tazza della toeletta e mettevo la testa contro la porta.

Mi misi più comodo ed aggiustai la mia posizione per dare al mio invisibile partner il meglio che potevo e fui ricompensato dal caldo contatto umido della sua bocca sulla mia verga. Le mie anche si spinsero in avanti per la sorpresa e riuscii a spingere un altro centimetro o due nella sua gola. Poi lui ci mise della passione. Michele ed io ci eravamo succhiati l’un l’altro abbastanza spesso per considerarci piuttosto esperti, ma quel ragazzo non era un novizio, era bravo!
Mi mancò il fiato quando sentii la sua lingua muoversi intorno alla punta del cazzo ed insinuarsi tra prepuzio e cappella, quasi svenni per la sensazione! Per un tempo che sembrò non finire mai, lui leccò, succhiò ed addirittura mordicchiò delicatamente la mia erezione ormai dura come il ferro, per una o due volte fui sul punto di venire, ma lui sembrava sentirlo e cambiava la sua tecnica per un momento finché non mi calmavo un po’.

Tuttavia ero così eccitato che non c’era nient’altro al mondo che volevo se non sparare tutta la sborra che potevo in quella caverna sconosciuta. E lo feci. Con tale forza che da colpire così violentemente la parete con le anche che pensai che mi sarei fatto male. Il mio partner (Ma come si chiamava?) non perse alcun colpo, non solo prese tutto quanto gli diedi e l’ingoiò, ma continuò a succhiare finché non pensai che le mie palle si sarebbero trasformate in inutili borse di pelle.

Grazie a Dio si fermò prima che questo accadesse, infatti fui sollevato quando mi rese il mio uccello ed io mi sdraiai sul pavimento, esaurito non solo fisicamente, ma anche con l’inguine dolorante. Con un po’ di difficoltà riuscii a tornare in piedi, recuperai i miei vestiti dal pavimento e mi vestii. Decisi che la migliore cosa da fare a questo punto era andare via, aprii la porta e cercai di dirigermi verso i lavandini.

Ma era più facile dirsi che farsi perché appena tentai di camminare, le mie ginocchia tremarono a tal punto che solo con una concentrazione immensa e grande volontà attraversai la stanza. Afferrai il lavandino per sostenermi ed aprii il rubinetto. Mentre mi schizzavo l’acqua tiepida sulla faccia, ebbi la sensazione che delle porte si aprissero dietro di me e Michele comparve al mio fianco.
Non riuscii neppure a sorridere essendo ancora prossimo ad uno stato di shock.

“Tutto ok?” Chiese pensosamente.
Accennando col capo per rispondergli gli lanciai un pallido sorriso ed asciugai l’acqua sulla mia faccia.
“Andiamo, ho bisogno di bere qualche cosa. ” Balbettai: “Poi riuscirò a parlare. ”
Senza dire un’altra parola riattraversammo il corridoio ed andammo alla caffetteria. Prese un paio di Coca cola ci sistemammo nell’angolo più lontano possibile da tutte le altre persone. Una volta seduti gli dissi quello che era successo e quello che avevo provato.

Michele, ci pensai più tardi, non diede alcun segno di gelosia per quello che stava ascoltando.
Io ero così preso da quanto avevo sperimentato che mi ero dimenticato che lui era solamente ad un metro da me e doveva aver sentito quello che stava succedendo. Né pensai di investigare su quello che lui stava facendo mentre io stavo godendo dell’attenzione. Comunque me lo disse lui.
Mentre il ragazzo stava giocando con le sue mani col mio cazzo, Michele aveva preso uccello e palle del ragazzo e ci aveva giocato.

“Aveva un uccello magnifico. ” Proseguì: “Pendeva come quello di un asino!” mi bisbigliò. “Comunque quando ha cominciato a succhiarti, ho preso in mano il suo cazzo e ho spinto le dita dell’altra mano nel suo culo. Sembrava che gli piacesse perché a momenti mi ha spezzato le dita quando ha spinto indietro tentando di prenderle dentro più profondamente. ”
Fortunatamente Michele non sembrava incazzato per quello che avevo raccontato e ridemmo mentre abbellivamo e ricamavamo sulla nostra storia, tentando di superare l’altro con la nostra immaginazione.

Infine decidemmo di incamminarci verso casa dato che si stava facendo piuttosto tardi ed almeno uno dei suoi genitori doveva essere tornato a casa.
La casa era vuota quando arrivammo e pensammo di fare una rapida doccia insieme prima che qualcuno apparisse. Gettammo i vestiti sul pavimento della camera da letto, afferrammo un paio di asciugamani ed andammo sotto il getto. Ero di fronte a lui e guardavo la calda acqua insaponata che correva sul suo corpo, impulsivamente lo tirai a me e lo baciai con forza sulle labbra.

“Ti amo!” Mormorai senza pensare a quello che stavo dicendo.
Tirandosi indietro Michele mi lanciò un’occhiata molto strana, io mi resi conto di quello che avevo detto ed immediatamente me ne pentii.
“Merda!” Pensai: “Ho di nuovo fottutamente rovinato tutto. ”
“Anch’io. ” Rispose lui con mio grande stupore e mi baciò, questa volta molto più dolcemente di come avevo fatto io.
Non sapendo cos’altro fare ci abbracciammo semplicemente per un po’, prendendo conforto nel semplice contatto fisico tra di noi.

Ritornammo in camera da letto senza parlare, rapidamente finimmo di asciugarci e cercammo dei vestiti puliti. Faceva ancora era molto caldo e prima di vestirsi Michele decise a sdraiarsi sul letto per un po’ per rinfrescarsi.
“Vieni qui, Tony, ti debbo parlare un po’” Mi ordinò con un gran sorriso.
Facendo come mi aveva chiesto, salii sul letto e mi sdraiai su di un fianco di fronte a lui. Automaticamente ci prendemmo l’un l’altro la verga e la tenemmo senza fare niente.

“Così va meglio!” Disse: “Ora, dimmi di nuovo quello che hai detto prima. ”
Molto imbarazzato per quella richiesta, balbettai ed arrossii: “Mi spiace! Io non volevo… non volevo…” La mia voce si abbassò fino al silenzio.
“Allora lo dirò prima io se tu non puoi. Io ti amo e non voglio lasciarti. ”
Afferrandolo per le spalle, lo trascinai nelle mie braccia e gli bisbigliai in un orecchio: “Neanch’io. Anch’io ti amo.


Ancora una volta ci baciammo e ci abbracciammo, stretti come fossimo un unico corpo. Queste parole, certamente le più importanti nella nostra amicizia, ci avevano messo in pace con il resto del mondo.
Questa beatitudine fu rotta improvvisamente e rudemente quando la porta si aprì ed entrò il padre di Michele. Guardò la scena che gli si presentava, disse una sola parola: “Cristo!” ed uscì lasciando la porta aperta.
Troppo scioccati e sorpresi per parlare, Michele ed io ci guardammo l’un l’altro, le nostre facce mostravano spavento e paura.

“Cazzo! Dannazione!” Esclamai.
“Cazzo! Ed ora?” Fu la replica.
In silenzio e senza guardarci, ci vestimmo. Ci volle un’altra mezz’ora prima di trovare il coraggio di scendere.
Il papà di Michele era seduto a guardare la televisione. Ci sedemmo sul divano ed aspettammo che dicesse qualche cosa.
“Da quanto tempo? Da quanto tempo voi fate… fate… lo fate?” Disse con voce senza espressione e senza una traccia di emozione.

“Fin dal giorno che Tony è arrivato” Disse Michele fissando il pavimento.
Altro silenzio doloroso.
“Quanto spesso… No, non rispondere. Non lo voglio sapere. Non posso dire di esserne veramente sorpreso, è parte del crescere, suppongo e me lo sarei dovuto aspettare. È solo lo shock di quello che ho visto poco fa…”
Silenzio. Né Michele né io sapevamo cosa dire e probabilmente non saremmo riusciti a parlare anche se avessimo voluto.

“Se fosse stata tua madre, o meglio mia moglie, ad entrare…” Aggiunse guardandoci con durezza.
Prese un profondo respiro e continuò: “Vi chiedo solo di stare molto attenti in modo che nessun altro lo sappia. Almeno finché non avrò avuto il tempo per pensare. ”
“Ok!” Rispondemmo piano all’unisono.
“Papà?” Mi spaventò sentire Michele parlare dopo una breve pausa.
“Sì?” Lui disse un po’ più duramente di quanto potessi pensare.

“Io penso che… beh Tony ed io pensiamo… forse è meglio che tu sappia. ”
“Ok. ” Fu la risposta pensierosa ed ora era il suo turno di guardare il pavimento.
“Ok, penso che sarà meglio parlare prima che arrivi tua madre. ” Completò.
Michele, con mio grande stupore, fece a suo papà un racconto dettagliato di come eravamo divenuti più che solo buoni amici. Fortunatamente omise le parti più scabrose delle nostre ‘avventure’.

Suo papà, ora visibilmente scioccato, rimase seduto sulla sua sedia ed ascoltò pazientemente, lasciando che Michele raccontasse.
“Cos’hai da dire, Tony?” Mi chiese quando Michele ebbe finito.
“Sono d’accordo con Michele. Niente di progettato, è semplicemente successo. ” Aggiunsi timidamente.
Un altro silenzio teso, rotto quando suo papà riuscì a sorriderci debolmente e disse: “Oh bene, non penso sia la fine del mondo. Sarà meglio fare una chiacchierata con tuo padre quando tornerà, non è vero?” Aggiunse terrorizzandomi.

“Sarà meglio prendere il tè o tua madre ci ucciderà tutti” Disse alzandosi.
Invece di andare alla porta come mi aspettavo, si mise dietro di noi. Mettendo un braccio sulle nostre spalle, ci spinse insieme e disse: “Se solo poteste vedere le vostre facce! Su, consolatevi un po’. Non credo che abbiate fatto qualche cosa di diverso da quello che un milione di ragazzi hanno fatto prima di voi ed un milione faranno dopo di voi.

È stato l’improvviso realizzare che il mio bambino era cresciuto quello mi ha colpito, piuttosto che la situazione compromettente. ”
Allegramente colpì Michele sulla mascella con un piccolo pugno e fece per uscire dalla stanza, ma poi si girò e disse: “Oh, a proposito Tony, tuo papà arriverà domani. Andremo a prenderlo all’aeroporto se vuoi. ”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *