Sottomessa al preside 02

Passò qualche settimana, Chiara effettivamente poteva dire che quel pomeriggio le aveva cambiato la vita. Ora che sia lei che il marito erano coperti da un contratto a tempo indeterminato si potevano concedere qualche agio che prima sognavano.
Dal classico televisore nuovo si passò al week-end al mare e Chiara non fu più costretta a pensare al tradimento.
Al lavoro aveva incrociato qualche volta il suo preside ma dopo un primo imbarazzo da parte sua lui l’aveva salutata freddamente con un “Buongiorno” esattamente come faceva prima della scopata.

Per lei fu un sollievo questo atteggiamento, aveva paura che un nuovo modo di fare avrebbe dato da parlare alle colleghe pettegole e non avrebbe saputo accettarlo.
Dopo qualche settimana Chiara si ritrovò anche sola in casa per qualche giorno. Il nuovo contratto non cambiava il lavoro di suo marito Carlo che rimaneva un camionista e come tale ogni tanto era costretto a viaggi più lunghi rispetto alle solite consegne in zona.
La sera prima avevano nuovamente fatto l’amore e come tutte le altre volte lei aveva finto di venire per lui.

Il rapporto fu più veloce del solito in quanto la mattina dopo lui sarebbe partito presto.
Chiara invece arrivò al lavoro alle 9:45, aveva tre ore di scuola con i bambini poi sarebbe stata libera di rilassarsi a casa o fare un salto ad aiutare in oratorio.
All’ingresso trovò il preside Capri che la salutò come al solito freddamente, ma questa volta non poté evitare di notare un ghigno mentre si allontanava.

Si domandò brevemente quale potesse esserne il motivo, ma forse essersi fatta scopare senza protezione da lui non poteva essere un ricordo completamente svanito.
La mattinata passò bene. Era, e lo sapeva bene, una bravissima maestra e poche in quella scuola sapevano tenere a bada quei bambini senza trattarli male come faceva lei.
Arrivata a casa si preparò un pranzo leggero e mentre finiva di asciugare i piatti sentì suonare il campanello.

Aprì e si trovò il corriere con un pacco per lei, chiese da chi arrivasse ma il fattorino molto sgarbatamente le disse che lui consegnava solo e trovava tutte le informazioni, anche per una eventuale restituzione, sull’etichetta del pacco.
Chiara firmò senza “seccare” ulteriormente l’uomo e chiuse la porta. Notò che era indirizzato a lei e la cosa era strana perché non aveva ordinato nulla su Zalando. Ad ogni modo aprì per controllare cosa contenesse.

Era un pacco molto strano, era una shitolina in cartone che conteneva una custodia per CD molto spessa senza alcuna scritta se non un laconico “aprire subito” nero su sfondo bianco. Aprì e dentro vi era un DVD con scritto a pennarello molto elegantemente “per Chiara”.
Era davvero una consegna molto inquietante e se ne sentì subito spaventata. Controllò il mittente e si stupì di trovare l’azienda di suo marito. Si rilassò pensando che forse Carlo le aveva voluto preparare una sorpresa ma, impacciato com’era, aveva preparato un pacchetto così anonimo.

Ad ogni modo voleva guardare un po’ di tv dopo pranzo, così inserì il dvd e si sedette sul divano per vederne il contenuto.
Se qualcuno avesse visto Chiara mentre le immagini sullo schermo si susseguivano avrebbe visto un volto inizialmente sorridente e colorito farsi via via più pallido, con labbra tirate ed immobili fino ad assumere l’aspetto di uno scheletro.
Dalle prime inquadrature capì subito che era il filmato della sua tortura.

Si vide entrare nello studio e sedersi. Poi alzarsi e amoreggiare con il preside, sentì distintamente una voce, la sua voce, dire che era una troia. Poi il seguito, un pompino che sembrava scaricato da un film porno e il resto. Quando si vide dall’alto mentre si piegava sulla scrivania ed accoglieva un cazzo senza neanche un preservativo spense di colpo il televisore.
Rimase un attimo immobile prima di scoppiare in un pianto a dirotto, come aveva potuto essere così stupida? Come aveva fatto a non pensare che avrebbe potuto essere spiata?
Era accasciata sul divano a disperarsi mentre sentì suonare alla porta.

Non le passò neanche per la testa di andare ad aprire ma quello suonava con sempre maggiore insistenza.
Allora presa dalla rabbia si alzò e con gli occhi rossi spalancò la porta trovandosi di fronte il postino.
-Mi scusi ma c’è una raccomandata per lei… ho visto che casa era aperta e ho pensato che fosse solo impegnata un attimo…- disse vedendo le lacrime che rigavano il volto della giovane donna.
Chiara afferrò la raccomandata e firmò prima di sbattere la porta in faccia al pover uomo senza una parola.

Vide subito che il mittente era lo stesso del pacco, lacerò la raccomandata e lesse il messaggio.
Credo abbia ricevuto il piccolo omaggio da parte di mio fratello e me, devo ammettere che mi ha veramente eccitato che una donna come lei si nascondesse sotto quell’aura di donna casa e chiesa. Stasera le faremo visita molto volentieri, tanto suo marito è in Ucraina per una consegna e Valerio mi dice che lei ha la mattinata libera domani.

Mi sembra inutile ricordarle di vestirsi elegantemente per noi, altrimenti, come ne caso in cui non volesse aprirci o simili, questo video verrà spedito a tutti i suoi vicini, ai suoi parrocchiani e, inutile dirlo a suo marito. Mi sembrava futile da dire, ma lo ricordo lo stesso.
A stasera
Massimo Capri.
Chiara sapeva esattamente cosa la aspettava. E sapeva esattamente che si era messa in una situazione senza via di scampo.

Erano le 8:30. Chiara non aveva mangiato nulla da pranzo, non aveva alcuna fame. Da un’ora era truccata e pettinata come per le grandi occasioni. Aveva indossato un completino intimo viola in pizzo, le vennero le lacrime a pensare che lo aveva comprato per fare una sorpresa a suo marito. Cercò cosa indossare nell’armadio ed optò per un tubino che le fasciava splendidamente i fianchi color nero… la schiena rimaneva nuda.
Si guardò allo specchio.

Era stupenda. Mai avrebbe voluto farsi bella per quei due uomini, ma la lettera parlava chiaro.
Suonò il campanello e alzandosi dal divano con i tacchi neri andò ad aprire senza neanche chiedere chi fosse. Era ovvio.
-Valerio anche questa volta devo farti i complimenti, questa Chiara è davvero una bella figa!
-E il meglio deve ancora venire fratellino, aspetta di gustare il dolce- rispose il preside a suo fratello poggiando una mani sul fianco di Chiara, sfiorandone con le dita il culo.

-Per favore entrate senza parlare forte… ci sono dei vicini…
-Ahahah tranquilla zoccoletta che i vicini saranno l’ultimo dei tuoi problemi.
Massimo Capri era molto simile al fratello per corporatura, dal bel viso, tonico e forse un po’ più basso ma con più muscoli. Era evidente però che i due fratelli avevano uno stile completamente diverso, tanto elegante nei modi Valerio, quanto rozzo Massimo.
Entrarono e Chiara chiuse dietro la porta.

I due fratelli si sedettero sul divano.
-Allora piaciuto il video?
-Sentite, io faccio appello alla vostra umanità… non è la mia indole quella di andare con altri uomini, è stato un errore… non fatemi questo…
-Valerio la tua maestrina si è preparata il discorsetto eh? Ma si rende conto di che video abbiamo tra le mani?
-Vedi Chiara, in un’altra occasione mi sarei fermato, però il sesso con te è stato qualcosa di incredibile.

Non ti nascondo poi che non ci saremmo mai più presentati se non fossi venuta anche tu come non avevo mai sentito venire nessuna donna- mentì Valerio Capri.
-Dimmi, hai visto tutto il video oggi?- continuò il preside.
-No… non ce l’ho fatta.
-Fin dove sei arrivata?
-Fino a quando mi penetri per la prima volta
-Ahahah allora vedi che a questa troietta il video è piaciuto? Ha visto quasi mezz’ora del suo porno!- s’intromise Massimo.

-Se avessi visto tutto, avresti notato che abbiamo zoommato sulle tue gambe quando venivi… in entrambe le occasioni avevi i tuoi umori che colavano dalle gambe…
-E’ stato un errore vi ho detto! Cos’altro potevo fare??
-Poteva non piacerti, invece hai voluto goderne. Siamo qui per darti un ultimatum Chiara: o rifiuti di soddisfarci per tutta la notte, e in tal caso manderemo il video a tutti i tuoi conoscenti, o ti concedi a noi ora e, se NON verrai, ti lasceremo per sempre in pace.

Chiara valutò la proposta e la trovò più ragionevole di quanto pensasse. Chiese però come poteva fidarsi, era già stata ingannata una volta.
-Parola d’onore Chiara, questa volta hai la mia parola- promise sinceramente il preside.
Chiara si ritrovò così ad accettare. Era l’unica cosa da fare. Inoltre mentre Valerio Capri era un bellissimo uomo molto elegante e dai modi inizialmente raffinati, suo fratello, per quanto con un corpo bellissimo, era un burino della peggior specie.

Solo un’a****le avrebbe goduto con lui.
-Allora ci prepari qualcosa da mangiare? Io è da pranzo che non tocco cibo cazzo.
Chiara un po’ stupita di quella richiesta rispose di sì e si diresse verso la cucina. Più stava lontano dai due uomini meglio era per lei.
-Vedi di preparare qualcosa veloce, non vogliamo che tu ti faccia aspettare Chiara… noi saremo qui sul divano in salone, mentre ci rivediamo il tuo bel video.

Sentì il video partire dalla cucina, sentì la sua voce dire che era una troia e si sentì morire dalla vergogna. “Un’ultima sera Chiara, resisti un’ultima sera” si diceva mentre finiva di preparare dei tramezzini.
Li adagiò su un vassoio insieme ad un po’ d’acqua e aprì una bottiglia di vino. Decise di berne subito un sorsata lunga e si sentì più in forze.
Si diresse verso il salotto con il vassoio e quasi le cadde tutto quando vide i due uomini completamente nudi sul divano.

Spalancò gli occhi per la sorpresa e non poté che notare il cazzo enorme di Massimo Capri… un oggetto enorme e pulsante sotto la sua mano.
Massimo evidentemente se ne accorse perché rise forte e le disse di posare tutto sul tavolino. Poi mentre lei si piegava per appoggiare si avvicinò a lei e prendendole una mano si fece toccare il cazzo. Incredibile quanto fosse grosso.
-Tranquilla bambina, dopo te lo farò sentire ovunque e vedrai che saprò farti cedere- le disse all’orecchio mentre con una mano le toccava il culo sodo e perfettamente disegnato.

-Chiara vieni qui, siediti vicino a me che guardiamo un po’ del tuo film. Però prima togliti quelle mutandine viola, quelle non servono.
Chiara obbedì al suo preside e con un po’ di vergogna si tolse l’intimo. Stando sui tacchi si avvicinò all’uomo e si sedette di fianco a lui accavallando le gambe e cercando di non fissare il cazzo eretto di fianco al suo braccio.
Sentì la mano di Valerio toccarle le gambe nude.

Il tocco era come sempre delicato e dolce… partiva dal ginocchio e saliva via via fino ad arrivare all’interno coscia. Poi sentì una stretta leggera come a tastarne la consistenza ed infine salì ancora.
Chiara si ritrovò a tremare per quel solo tocco e si sentì avvampare quando le dita si adagiarono finalmente sulla sua vagina. D’un tratto si ritrovò a pensare che forse non aveva avuto una grande idea ad accettare quel patto.

Inaspettatamente il preside si inginocchiò di fronte a lei e delicatamente le alzò il vestito elegante fino a lasciarle scoperte tutte le gambe e le sue intimità. Le allargò le gambe e cominciò ad esplorare con la lingua le sua figa depilata.
Chiara chiuse gli occhi. Sentiva che se si fosse lasciata andare avrebbe sicuramente provato un orgasmo per cui si sforzò di pensare ad altro. Venne ridestata da Massimo che le fece aprire gli occhi con un maestoso cazzo di fronte ai suoi occhi.

-Coraggio, questo cazzo non si succhierà da solo!
E così dicendo infilò in un colpo tutta la sua cappella tra le labbra della donna. Chiara sentiva l’apertura della bocca spalancata e con la lingua riusciva appena a stimolare quell’enorme cazzo dentro di sé. Era enorme e faticava a succhiarlo, così si mise a fare su e giù con la bocca velocemente per stimolarlo.
Massimo sembrò approvare perché afferrandole una manciata di capelli la aiutava nel movimento insultandola: “questa maestrina ha davvero una bocca di velluto, scommetto che in sala insegnanti lavora sotto il tavolo”.

Chiara sentiva il tanfo del pene di Massimo Capri di fronte a sé. L’uomo non si era lavato dopo il lavoro e questo pensava che l’avrebbe aiutata.
Tuttavia sentiva crescere sempre più un calore dentro di sé. Valerio sicuramente era bravissimo e la stava portando a bagnarsi sempre più, ma in cuor suo capì che la realtà era che Chiara si stava eccitando ad essere usata così come una puttana da una persona educata e fine come il suo preside, ma soprattutto da quel cafone del fratello.

-Ehi Massimo, dobbiamo far attenzione che questa rischia di venire prima ancora che ce la siamo scopata.
-Ahaha sei proprio una puttana, ti piace il trattamento eh? Beh non sognarti di venire così in fretta.
Improvvisamente Chiara si rese conto che i ruoli si erano capovolti. I due erano certi che lei avrebbe goduto, anche ripetutamente, quando avevano fatto il patto.
Sentì Valerio alzarsi ed afferrarla per i fianchi. Immediatamente Massimo le sfilò di bocca il suo gigantesco uccello e si ritrovò tenuta su dal suo preside che la posò sdraiata su un tappeto al centro della stanza.

Chiara si sentì umiliata quando vide che i due uomini facevano a “Pari o Dispari” per scegliere chi se la sarebbe scopata per prima in figa. Vinse Massimo. E Chiara temette per la sua vagina.
L’uomo con un ghigno le si mise sopra e appoggiò il suo cazzo sulla figa della maestrina.
“Ora puoi trattenerti fin che vuoi, tanto ti faccio godere come mai nella tua vita” le sussurrò nell’orecchio prima di entrare dentro di lei con un colpo deciso.

Chiara sentì la sua vagina dilatarsi oltremodo ed emise un urlo. Massimo era entrato appena con la metà del cazzo e lei si sentiva già esplodere. L’uomo fece su e giù fino a farlo finalmente entrare tutto, poi si mise inginocchiato e si mise, tenendo la donna per i fianchi, a scoparla mentre lei rimaneva con la schiena a terra e un cazzo enorme piantato nella figa come un’asta.
In tutto questo Valerio si avvicinò nuovamente a lei e le mise il cazzo di fianco alla testa.

Chiara si girò pronta a succhiarlo ma lui le disse di pensare al palo che aveva nella figa. Valerio si prese il cazzo con una mano e, afferrando dei capelli con la stessa mano, cominciò a segarsi con i capelli della donna di fronte al suo viso.
Chiara era umiliata ma non poté ragionare troppo perché sentiva che Massimo aveva ragione: stava trattenendo un orgasmo incredibile e non era sicura di riuscire a resistere molto.

Massimo evidentemente era dello stesso avviso perché pian piano sentiva che il suo ritmo aumentava, sentiva che le pareti strette della donna lo eccitavano oltremodo e godeva nel vederla alla loro mercé. D’un tratto tuttavia gli parse di sentire le pareti più umide: la troia stava cedendo.
Allora la afferrò salda per i fianchi e iniziò una scopata forsennata. Andava su e giù come un assatanato battendole il fondo della figa al punto che nella stanza si sentiva lo sbattito delle palle sul culo di Chiara.

Lei non poté trattenersi dall’urlare e non riuscì più a pensare alle proprie azioni quando esplose nel più grande orgasmo della sua vita, inondando il cazzo di Massimo di umori.
-Ce l’abbiamo fatta Valerio! Questa troia è nostra!
Chiara sfiancata dall’orgasmo sentì le parole di Massimo e sentì il suo sperma colarle dentro la figa mentre veniva. Inoltre fu scossa dalla sborrata di Valerio sul suo viso e sui suoi capelli. Ormai, si rese conto, era una puttana.

Massimo si alzò da lei con il cazzo finalmente moscio.
-Ora puoi passare tu preside- gli disse il fratello superdotato.
-Non aspettavo altro- Valerio non era pago della sega, allora girò Chiara e la mise a 4 zampe sul divano.
Chiara naturalmente si trovò ancora il cazzo di Massimo da pulire di fronte e non fece storie quando se lo ritrovò ancora in bocca. Emise invece opposizione quando sentì una cremina fresca spalmata il prossimità del suo ano.

Non ci mise molto a capire che il suo preside voleva prendersi il solo buco rimasto.
Cercò di staccarsi il cazzo di Massimo dalla bocca per protestare ma fu tutto inutile perché lui le teneva la testa apposta. Sentì un dito entrarle nel culo. Sentì fastidio. Poi dopo un avanti indietro sentì che le dita erano due con molto lubrificante. Le facevano già male.
-Valerio che dici, è il caso che gliela lascio libera la bocca?
-Meglio di sì, questo culo è vergine e dovrà respirare mentre glielo spacco per la prima volta.

-Vergine??- chiese Massimo guardando Chiara negli occhi –lo sapevo che dovevo lasciare a te la figa cazzo!
-Eheh, fratellino bisogna saper scegliere, ci sarà tempo tranquillo.
Chiara prese aria dalla bocca finalmente e provò ad implorare i due uomini. Le due dita le avevano già fatto malissimo, per favore, avrebbe fatto altro…
Le suo preghiere non fecero che eccitare i due uomini, fino a che si rese conto che doveva solo cercare di rilassarsi, tanto nel culo l’avrebbe preso comunque.

Sentì la cappella dura e lubrificata puntare sul suo culetto stretto e bellissimo. Con una pressione elevata il preside fece entrare la cappella in un sol colpo. Chiara dovette stringere i denti e trattenere le lacrime dal dolore. Poi Valerio sapientemente fece un leggero avanti ed indietro per far adattare pian piano la donna. Dentro di sé Chiara non poté che ringraziare che a sverginarle l’ano fosse lui e non il fratello, ben più portato e dai modi più violenti.

Dopo diversi minuti di adattamento Chiara finalmente aveva tutto il cazzo duro dentro il suo culo. Pensò che il più era fatto ma spalancò la bocca e strabuzzò gli occhi quando Valerio lo tirò quasi tutto fuori per la prima volta prima di iniziare a pomparla. Iniziò finalmente la vera scopata. Chiara era stravolta dal senso di vuoto lasciato dal cazzo ogni volta che si ritirava e dal pale di carne che sentiva dentro sé ogni volta che rientrava dentro.

In un attimo esplose in un secondo orgasmo facilitato dalla stimolazione del clitoride da parte delle mani di Massimo. Sentì che i suoi umori le colavano sulla gambe da quanto godeva e i suoi versi non erano più di disperazione per lo sverginamento del culo, ma di puro godimento.
Valerio fresco della prima sborrata sul suo viso continuò a scoparla per un tempo che a lei parse infinto. Si ritrovò a godere ancora una volta lei prima che finalmente, con dei colpi di reni sempre più forti, il suo preside fece esplodere una cashita di sperma nel suo intestino.

Si sentì svuotare mentre le toglieva il cazzo dal culo e ne usciva fuori colando lo sperma bollente. Era a occhi chiusi quando Massimo, che da qualche minuto si segava di fronte al suo viso, le scaricò in volto fiotti di sperma denso.
Si ritrovò sdraiata a terra mentre i due uomini si congratulavano tra loro per la ottima troia trovata. Sentì che le promettevano altre scopate così e le dicevano cose come che si sarebbero fatti sentire loro, Chiara era troppo stravolta per prestare attenzione.

I due si vestirono e dopo averla salutata si chiusero la porta di casa alle spalle. Chiara dopo due ore, all’alba, si risvegliò e si ritrovò ricoperta di sperma e sporca. Spense la tv su cui ancora andavano le sue immagini e si buttò sotto la doccia.
Ripensò sotto la doccia a in che razza di situazione si era cacciata. Con la spugna si toccò il culo e le fece malissimo il buco.

Dentro di sé si disse che doveva farci l’abitudine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.