La valle dei ragazzi – Capitolo 5

Tommaso aveva diciassette anni, lavorava all’ospedale solo da alcune settimane ed in quel periodo aveva compreso di essere attirato dagli altri ragazzi. Era alto un metro e ottantadue, capelli biondi, bel corpo muscoloso che manteneva andando in palestra. Aveva anche un impertinente sedere rotondo ed un cazzo da 20 centimetri..

Come barelliere doveva trasportare i pazienti e quel giorno aveva iniziato da un’ora il suo turno quando il suo capo gli disse di portare un paziente dal pronto soccorso alla stanza 6b.

Andò al pronto soccorso e disse all’infermiera di turno: “Ciao, penso che tu abbia un paziente per me. “
“Sì, è nello scomparto 3, e deve andare alla 6c e non 6b come pensavamo prima. “
Arrivò all scomparto 3 nel momento in cui la mamma di Davide e Gabriele uscivano.
La mamma disse: “Ok Dav, riporto Gabriele a casa sua, ci vediamo dopo. 6b non è vero?”
Tommaso la interruppe.

?c, non 6b. “
“Grazie giovanotto. “
“Prego signora. “
Gabriele si rivolse a Davide: “Ritornerò più tardi, baby. Ok?”
“Lo spero, sexy. “
Tommaso guardò Davide e pensò: “Oh wow! Questi ragazzi sono gay! Come vorrei essere io il suo innamorato. ” E poi: “OK, amico, andiamo al 6c. “
Davide lo guardò pensò: “Wow, che bel ragazzo!” Si sedette sulla sedia a rotelle e venne spinto verso gli ascensori, Tommaso schiacciò il bottone e disse: “Mi piacciono questi ascensori, vanno sempre.


Davide rise: “Oh, spero non si rompano proprio ora!”
L’altro sorrise: “Non ci sono mai rimasto dentro. “
“Speriamo. “
L’ascensore finalmente arrivò e Tommaso lo spinse dentro, l’ascensore cominciò a salire e poi si fermò.
“Cosa cazzo?” Disse Davide.
“Non farti prendere dal panico. ” Lo riassicurò il barelliere: “Adesso schiaccio il bottone d’emergenza. ”
“Odio gli ascensori. “
Tommaso prese il telefono d’emergenza e parlò con qualcuno.
“È tutto ok e sei da solo? ” Chiese il tecnico.

“Io sto bene. Ma il paziente col quale sono è un po’ agitato. “
“Non è in pericolo? Perché probabilmente ci vorranno circa due ore prima che riusciamo a tirarvi fuori. “
“No, non è in alcun pericolo” Rispose Tommaso sorridendogli: “e sono sicuro che posso averne cura. “
Il ragazzo chiuse la comunicazione: “Bene pare che staremo qui per un po’! Mi spiace. ” Lo fissò e disse: “Suppongo che noi dovremo intrattenerci.

” e sorrise sfacciatamente.
Poi lo sorprese mettendosi in ginocchio e strisciando tra le sue gambe. Tommaso sorrise, alzò il vestito di Davide e cominciò a fargli correre una mano sull’uccello. Il ragazzo gemette quando sentì le mani morbide del ragazzo cominciare a masturbarlo facendoglielo diventare sempre più duro. Tommaso alzò lo sguardo e mise lentamente la bocca sul pene.
Davide gemette rumorosamente quando l’altro cominciò a far correre la lingua su e giù sull’asta pulsante prestando particolare attenzione alla cappella con lunghe leccate.

Davide gemette forte e cominciò a dire: “Cazzo! Vengo!” mentre il suo pene dava un enorme sobbalzo e cominciava a sprizzare carico dopo carico del suo sperma succoso e caldo nella bocca in attesa dell’altro che lo succhiò mentre il ragazzo gemeva e respirava pesantemente.
Tommaso alzò lo sguardo mentre toglieva lentamente la bocca dal cazzo che si stava ammorbidendo e disse: “Te l’avevo detto che ti avrei aiutato a rilassarti. ” Al che Davide gli sorrise: “Sì, un bel servizio, certo che se ci fosse un occhio magico in questi ascensori, le guardie della sicurezza avrebbero avuto un ottimo spettacolo.


Tommaso rise rumorosamente: “Sì è vero, ma non ci sono a causa dei tagli di bilancio. Non potevano permetterselo. “

Nel frattempo nel villaggio:

Filippo arrivò al rugby club quando notò che la porta dello spogliatoio era stata forzata, lui era nel consiglio del club ed immediatamente chiamò la polizia.

L’agente Valdi stava guidando verso il villaggio quando gli arrivò una chiamata a proposito di una forzatura sospettata al club del rugby.

Valdi aveva 22 anni, un metro e ottanta di altezza, capelli castani corti, un corpo liscio e ben fatto, un bel sedere rotondo ed un cazzo un po’ grosso di 20 centimetri. Rispose che ci sarebbe andato subito.

Filippo diede un’occhiata nello spogliatoio e vide che era stato danneggiato con graffiti e tutte le finestre fracassate. Questo lo fece incazzare perchè il club aveva dato molto alla comunità locale e quello non era il modo di ricambiare.

Sentì una macchina frenare, si girò, vide Valdi scendere dall’automobile di servizio e pensò: “Wow, che fusto!”

Filippo si presentò a Valdi: “Non sono ancora entrato ma, guardando da fuori, sembra che tutte le finestre siano state rotte e ci sono molti graffiti. “
“Ok, signor Tomi, entriamo e controlliamo i danni. “
Filippo sorrise: “Ok, ma per favore mi chiami Filippo. Signor Tomi è troppo formale. “
Valdi sorrise: “Ok Filippo. “

Filippo aprì la porta danneggiata e vide che c’era molta acqua sul pavimento.

Entrando videro le dimensioni del danno, non solo tutte le finestre erano state rotte ma anche tutti i water e le docce.
“Non ci posso credere!” Disse scuotendo la testa. Entrando nelle docce vide che qualcuno aveva scritto a grandi lettere rosse Gabriele Tomi è una checca e questo lo fece incazzare ancora di più. Si rivolse a Valdi: “Cosa può essere successo? Chi può aver causato tutti questi danni. “
Valdi poteva vedere che Filippo era angosciato e comprese che Gabriele era suo fratello.

“Prenderemo questi idioti, non si preoccupi. C’è stata un’epidemia dil vandalismo recentemente, ma questo finora è il peggiore. ”

Valdi chiamò dicendo che aveva bisogno di tecnici per tentare di trovare delle impronte digitali. Fu allora che Filippo vide un altro pezzo di graffiti che diceva: Gabriele Tomi succhiacazzi a pagamento, anche Filippo.
Si rivolse a Valdi: “Spero che li sbattiate dentro quando li prenderete. “
“Non si preoccupi, lo faremo.

” rispose Valdi mettendogli una mano sulla spalla e stringendogliela rassicurante.
“Questo è il vandalismo peggiore che abbia mai visto. “

Più tardi quel giorno
I tecnici se ne andarono alla fine dopo aver rilevato molte impronte digitali e meglio ancora delle tracce di sangue su alcuni vetri. Filippo era nello spogliatoio che tentava di riparare la porta quando una macchina si fermò. Fu sorpreso nel vedere Valdi senza uniforme, ora indossava una stretta camicia rossa che abbracciava il suo bel corpo sexy ed un paio di stretti jeans blu che mostravano perfettamente il suo sedere.

Valdi entrò e disse: “Ciao amico. Ho pensato che potevi aver bisogno di una mano. “
Filippo sorrise: “Grazie. Sono riuscito a riparare la porta per ora, ma avrò bisogno chiudere tutte le finestre. “
“Nessun problema! Posso farlo io. ” ed andò a prendere la scala avvicinandola alla finestre.
Filippo andò nello spogliatoio e cominciò a scopare fuori l’acqua ed i vetri rotti.
Valdi lo guardò piegarsi per raccogliere qualche cosa dandogli una visione perfetta di come i pantaloni della tuta gli abbracciavano il sedere.

Valdi oscurò l’ultima finestra ed entrò nello spogliatoio ormai scuro tranne la luce di servizio. Filippo era seduto su di una panca quando entrò.
Gli si sedette vicino: “Non preoccuparti amico, l’assicurazione pagherà tutto il danno. “
Filippo sorrise stancamente: “Sì lo so, ma cosa potrà succedere ancora oggi?” e si alzò.
Valdi si alzò, afferrò Filippo, spinse le labbra contro quelle del ragazzo e cominciò a baciarlo appassionatamente. Dopo un paio di minuti interruppe il bacio: “Beh, non va tutto per il peggio oggi, vero?”
Filippo sorrise guardandolo nei sexy occhi blu e bisbigliò: “No, direi di no.


Si baciarono lentamente per un po’ mentre si spogliavano; presto i due furono nudi e Filippo era sdraiato su una panca con Valdi che faceva correre lentamente la lingua su e giù sul suo sedere. Il ragazzo gemette quando sentì la lingua sul sedere stretto.
Valdi continuò a leccargli il culo stretto e cominciò a spingerci dentro lentamente prima uno e poi due dita. Il ragazzo gemette rumorosamente quando le sentì entrare.

Valdi gli allargò le natiche e poi sorrise mentre spingeva lentamente il cazzo pulsante nel culo pronto.
Filippo gridò: “Cazzo!” quando si sentì il sedere invaso dal pene del poliziotto. Valdi spinse ulteriormente e poi ancora finché l’uccello non fu dentro completamente. “Wow! Hai un culo sexy!” esclamò.
Filippo sorrise, guardò in giù e vide che il cazzo era sparito completamente nel sedere.
Valdi si tirò indietro lasciando dentro solo la testa e poi lo spinse di nuovo dentro.

Filippo gemeva sentendo il pene che gli fotteva il culo stretto con sempre maggior forza.
L’altro gemeva forte: “Oh cazzo!” mentre muoveva l’uccello dentro e fuori del sedere stretto.
Filippo gemette: “Oh sì!” quando sentì il cazzo esplodergli dentro coprendogli l’interno di sperma.
Il cazzo di Filippo gocciolava pre eiaculazione sul suo bel corpo. Il poliziotto gli prese la verga e cominciò a masturbarlo, prima lentamente, poi furiosamente.
Filippo gridò quando il suo cazzo esplose coprendo la panca ed il suo corpo con un carico massiccio della sua sborra calda.

I due terminarono il loro incontro sexy con un lunghissimo bacio.

Valdi uscì dallo spogliatoio appena in tempo per sorprendere suo fratello minore Dario ed il suo amico Alessandro che stavano danneggiando un muro; gli andò dietro e disse con voce aspra: “Cosa succede qui?”
Dario guardò dietro di se scioccato e fuggì.
“Aspetta che torni a casa e dirò a mamma e papà quello che hai fatto. ” Gli gridò dietro Valdi.

Dario capì che era nella merda; i loro genitori erano veramente severi e non prendevano bene i cattivi comportamenti. Alessandro tentò di scappare ma Valdi l’afferrò.
“Ma bene! Chi avrebbero pensato che era Alessandro il vandalo?” Il ragazzo tentò di dire qualche cosa ma Valdi gli gridò: “Niente scuse. Penso che tu debba un chiarimento al signor Tomi prima che io parli ai tuoi genitori per il pagamento dei danni. “
“Oh no! Per favore no!” Implorò Alessandro.

“Mia Papà mi uccide. Non abbiamo molti soldi da quando lui ha perso il lavoro dopo la chiusura della fabbrica. “
“Avresti dovuto pensarci prima di provocare un danno di quasi 5. 000 euro al club. Specialmente perchè sei un giocatore. “
Trascinò il ragazzo negli spogliatoi dicendo: “Guarda chi ho sorpreso mentre stavano danneggiando un muro qui fuori!”
Filippo si girò, vide Alessandro che lo guardava impaurito e severamente disse: “Oh, quindi dato che pensavi di non essere abbastanza bravo per la prima squadra, volevi far chiudere il club.

Non è vero?”
Alessandro lo guardò con le lacrime che gli correvano sulle guance e piagnucolò. “Mi spiace Filippo, oh io voglio dire signor Tomi. “
Filippo guardò Valdi: “Portalo via dalla mia vista, per favore. “

Valdi parlò al papà di Alessandro che gli disse che avrebbe trattato molto severamente il figlio; ed i suoi genitori avrebbero fatto pagare a Dario tutti i danni.

Più tardi quel giorno
Filippo era al club del rugby quando il suo cellulare suonò, era il papà di Alessando: “Buon giorno, cosa posso fare per lei?”
“Mi spiace veramente per il danno causato al club.

Spero che Valdi abbia spiegato il cattivo stato finanziario in cui siamo in questo momento. “
“Sì la capisco. “
“Io penso che Alessandro debba essere punito per quello che ha fatto. Stavo pensando che potrebbe aiutare durante le vacanze?”
“Sì, potrebbe essere una buona idea, come punizione potrebbe andare bene. “
“Bene, glielo manderò più tardi. “
“OK”

All’ospedale.
Davide finalmente era stato liberato dopo due ore in ascensore col bel Tommaso.

I suoi genitori arrivarono mentre entrava in camera: “Allora giovanotto, tutto bene?”
“Bene, a parte essere rimasto in un ascensore, sì, tutto OK” e poi chiese: “Dov’è Gabriele?”
“Sta guardando il negozio. Ha insistito. “
Davide ansò. “L’avete lasciato solo? Con suo papà libero!”
“No, a suo papà hanno rifiutato la cauzione ed è stato trattenuto in custodia. Filippo starà con lui in negozio stasera, ma oggi ha avuto i suoi guai, degli idioti hanno rovinato gli spogliatoi del club.


La mamma aggiunse: “Sì, si dice che siano stati Alessandro Dario. “
“Intendi l’Alessandro che gioca nella seconda squadra?”
“Sì, questo è quello che si dice. Ma non so se è vero, sai com’è la gente!”
Davide sorrise: “Sì, ma su Gabriele avevano ragione, non è vero?”
“Sì, comunque dobbiamo ritornare a chiudere il negozio. Ti hanno detto a che ora ti dimetteranno?”
“No non me l’hanno detto. “
“Telefonami in negozio quando lo sai.


“OK. ”
La mamma lo baciò dicendo: “Ci vediamo domani figliolo. “

Filippo era al club, doveva venire l’idraulico per un preventivo. Alessandro arrivò e sembrava molto timido.
Filippo gli diede un rullo dicendogli mentre indicava gli spogliatoi: “Puoi dipingere il tuo capolavoro, piccolo stupido sodomita. Sono deluso di te, idiota. “
Alessandro era molto triste per il trattamento, ma andò a coprire i suoi graffiti.
Filippo entrò e gridò: “Forza! Affrettati, voglio tornare a casa.

E ritorna qui domani mattina alle 9. Ok?”
Alessandro annuì e mormorò: “OK, sarò qui. “

Filippo vide fuori del negozio la mamma di Davide: “Salve, come va Davide?”
“Meglio, dovrebbe essere a casa domani. “
“Questa è una grande notizia. Gabriele è di sopra?”
“No, sta servendo gli ultimi clienti. “
Filippo entrò e vide Gabriele dietro al banco che stava servendo delle signore anziane.
“Tutto bene, fratello?”
“Sì, tutto ok, sali, ci sarò in un minuto.


“Ok”

Filippo e Gabriele passarono la maggior parte del notte a parlare di quello che il futuro riservava loro. Gabriele aveva preso la grande decisione che di andare a vivere con Davide ed aiutare nel negozio, che il loro papà lo volesse o no. Filippo gli disse che lui l’avrebbe sostenuto il più possibile.
Il fratello rimase seduto in soggiorno pensando alla sua nuova vita e sorrise.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *