Jotaro, il mio amore giapponese – Capitolo 2

Capitolo Due

La nostra relazione cominciò veramente quel giorno. Ci cambiò quel pomeriggio. Ricordo che tornando a casa quella sera mi sentivo un altro. Non posso descrivere veramente i sentimenti che sentivo. So che sentivo qualche cosa. Volevo sperimentare di nuovo quei sentimenti.
Ci sarebbero stati molti altri giorni e notti per stare vicini. Mi ci volle molto prima di poter tornare sulla terra da quelle altezze. Io non avevo mai sperimentato qualche cosa del genere prima di allora.

Per qualche giorno non riuscimmo a stare insieme. Quel sabato c’incontrammo a casa sua. I suoi genitori erano andati via quel giorno.
“Ciao, amore. ” Jotaro mi baciò dopo che la porta fu chiusa.
“Ehi, Jotaro. ” Risposi rispondendo al bacio.
Le sue labbra erano così morbide e si offrivano alle mie. Mi condusse in cucina, io mi appollaiai su uno sgabello e lo guardai preparare i panini.
“Come va?” Chiese.

“Davvero bene. ” Risposi.
Lui sorrise: “Bene. Ho pensato a te tutta la settimana. ”
“Anche tu sei stato nella mia. ”
“Cool. Volevo…. chiederti come ti sentivi a proposito di quello che…. quello che abbiamo fatto. ” Disse seriamente.
Io sospirai e pensai. C’erano così tante parole che correvano nella mia testa e che avrei potuto usare per descrivere quello che pensavo della prima volta che avevamo fatto l’amore.
“Non riesco a trovare una parola adatta da usare per descrivere precisamente quello che ho sentito mentre lo facevamo.

Amo quello che mi hai fatto. Mi hai fatto sentire così bene. Per favore non chiedermi di descrivere quelle sensazioni. È impossibile. ” Dissi. Jotaro accennò: “Hai ragione. Sono impossibili da descrivere. Non posso e non voglio. ”
Io lo seguii in piscina. Lui mise il piatto di panini sulla tavola e si sedette su una sedia. Io mi sedetti vicino a lui.
“Davide, cosa sai veramente dell’amore?” Mi chiese.
“Non molto.

” Ammisi: “Sento le persone dire continuamente che amano questo o quello e mi chiedo cosa voglia dire. Sento le persone dire che loro amano questa o quella persona, e vedo quelle persone dirlo a loro. Mi sono chiesto a lungo se fosse tutto lì. ”
“Ora sai che c’è di più. ” Jotaro mi sorrise.
Io risi: “Sì, sicuramente!”
“Davide, è molto di più fare l’amore con qualcuno. L’amore è una lotta completa.

Vuole dire essere vicino a qualcuno. Prendersi interesse. Esserci sempre. Fare lunghe passeggiate tenendosi per mano. Parlare uno con l’altro delle cose che importano. Sostenersi l’un l’altro ogni giorno. Aiutarsi l’un l’altro quando si ha bisogno. Ridere insieme. Piangere insieme quando uno sta male. Dividere le cose. Cose che mi piacerebbe fare che tu non hai mai potuto tentare di fare e che vorresti fare con me. Cose che ti piacerebbe fare, che probabilmente non ho mai tentato che mi piacerebbe fare con te.

Cose che ambedue non abbiamo mai potuto fare e che vorremmo fare insieme. ” Affermò.
“Mi sembra bello. ” Dissi.
“Lo è. C’è così tanto da dire. Non so da dove cominciare. ” Sospirò.
“C’è così tanto che voglio sapere e non so come fare le domande giuste. ” Dissi io.
Lui mi guardò. “Non ci sono domande giuste o sbagliate. Io ti dirò quello che posso. Il resto lo impareremo insieme.


Io sorrisi. “Sì, ma voglio saperlo ora. ”
“Va bene, ma non puoi affrettare le cose. Bisogna fare un passo alla volta” Affermò dandomi un panino.
Io lo presi e cominciai a mangiare mentre pensavo a quello che aveva detto. Sembrava così assennato. Mi chiesi se avessi mai avuto sensazione di tutto quello. Lui vide la confusione sulla mia faccia.
“Mi ci è voluto molto tempo per capire quello che mio zio stava tentando di dirmi.

Alla fine ho capito. Imparerò di nuovo tutto con te. Lo zio mi disse che non tutte le relazioni sarebbero state uguali. Che il genere di relazione che avevo con lui sarebbe stata diversa da quella che tu ed io vogliamo avere insieme. Tu ed io abbiamo la stessa età, con probabilità gli stessi interessi. Io sono qui da poco, so che mi mostrerai molte cose che sono così diverse dal Giappone. Io farò del mio meglio per insegnarti della mia casa e della nostra cultura.


“Ok, affare fatto. ” Dissi.
“Sapevo che saresti stato d’accordo. ”
“Uno dei miei interessi è che mi piacciono le culture dei diversi paesi e come si vive là. ” Dissi mentre finivo il panino.
“Ehi, hai portato il costume da bagno?” Chiese Jotaro.
“No, l’ho dimenticato!”
“Non è un problema. ” Disse lui sorridendo.
Stava succedendo qualche cosa, lo capivo. Portò il piatto in casa e ritornò con degli asciugamani.

Li lasciò cadere sopra le sedie e poi cominciò a togliersi i vestiti.
“Aspetta!” Dissi saltando su.
Jotaro si fermò con un’espressione confusa sul viso. Mi avvicinai e cominciai a spogliarlo. Lui sorrise comprendendo quello che volevo fare. Lo spogliai fino alle mutande verdi. Lui sorrise di più mentre le facevo scendere lentamente, il suo cazzo ne scoccò fuori.
“Oh, molto meglio. ” Sospirò.
Mi misi in ginocchio col suo uccello a livello della mia faccia.

Era così bello. Lo leccai dolcemente, poi lo presi in bocca e succhiai i diciotto centimetri del piccolo Jotaro (Così chiamavo il suo cazzo. Lui chiamava il mio piccolo Davide. ). Lo sentii lamentarsi piano, poi le sue anche si agitarono e sparò il suo sperma nella mia bocca. Io succhiai ed ingoiai il dolce succo. Mi alzai e vidi un sorriso sulla sua faccia. Poi lui aprì gli occhi, si chinò e mi baciò.

“Grazie, amore!” Bisbigliò.
Quindi sbottonò lentamente la mia camicia e me la tolse. Lentamente mi spogliò ed alla fine mi tirò giù le mutande blu. Leccò la mia erezione e poi succhiò dentro i miei sedici centimetri. Chiusi gli occhi e rabbrividii. Tutto ciò era così eccitante. Sentivo la sua calda bocca bagnata darmi piacere. Tentai di resistere ma non ce la feci.
“Jo!” Gridai mentre gli venivo in bocca.
Lui succhiò il mio cazzo duro come un’aspirapolvere.

Rabbrividii mentre eiaculavo. Sospirai di sollievo quando finii. Ci baciammo assaporando la sborra dell’altro sulle labbra. Dopo un po’ mi condusse alla piscina e saltammo dentro. Nuotammo per circa un’ora godendo dell’acqua fresca sui nostri corpi. Quando uscimmo ci asciugammo l’un l’altro.
“Andiamo nella mia stanza. ” Suggerì Jotaro.
“Ok. ” Dissi d’accordo.
Facemmo la doccia insieme toccandoci e carezzandoci. Mi piaceva sentire le sue mani su di me. Aveva un modo di toccarmi che mi dava il fuoco.

“Oh dio, come lo fai bene!” Sospirai.
Lo sentii ridere di piacere. Gli feci il solletico sotto le palle e lui ansò. Ci baciammo abbracciati coi corpi bagnati. Amavo questo contatto intimo. Lo avevo voluto e desiderato così a lungo. Non potevo credere che stesse accadendo davvero. Lo guardai negli occhi e lui ci vide qualche cosa. Mi baciò sulla bocca ed io sentii la sua lingua toccare le mie labbra. Lo guardai.

: “Cos’è questo?” Chiesi.
“Qualche cosa di nuovo. ” Disse Jotaro.
“Ok. ” Ed accennai col capo.
Finimmo la doccia e ci asciugammo l’un l’altro. Tornai ad infilarmi l’apparecchio acustico nell’orecchio (Ero completamente sordo nell’orecchio sinistro ed avevo una perdita seria nel destro, così portavo un apparecchio acustico. ) e mi sedetti sul suo letto.
“Questo si chiama bacio alla francese. ” Spiegò: “Tu metti la tua lingua nella mia bocca e la muovi.


“Oh, non lo sapevo. ” Dissi io.
Mi baciò di nuovo ed io feci entrare la sua lingua nella mia bocca questa volta. Ragazzi, era perverso, ma bello. Dopo un momento glielo feci io. Quello che provai era veramente selvaggio! Lui mi sorrise ed io mi rilassai. Mi tirò nelle sue braccia e ci sdraiammo insieme nudi sul suo letto. Il solo essere vicino a Jotaro mi faceva sentire veramente bene. Mi accoccolai ancora più vicino.

“Ti senti bene?” Chiese Jotaro.
“Sì. È bello essere qui con te. ” Dissi.
“Questa è la vera chiave. Sentirsi bene ad essere intimo con qualcuno. Io ti amo così tanto. ”
Questo mi fece sentire alla grande. Non so se c’è un miglior sentimento in tutto l’universo. Toccai la sua faccia a sentire le sue morbide guance.
“Questo è veramente amore, non è vero?” Avevo bisogno di una verifica.

“Questo ed altro. Essere vicini. Essere insieme. Quando due persone sono veramente innamorate una dell’altra, non ci sono giochetti, non ci sono condizioni, solo amore puro, il sesso diventa una celebrazione di quell’amore. Il sesso è un’espressione fisica dell’amore. È un modo di dire all’altra persona quanto la si vuole, ci si ama ed importa dell’altro. Quando fai sesso con un’altra persona… mi spiace… dovrei dire fai l’amore, quando fai l’amore con un’altra persona, ti stai dividendo con quella persona.

Tu dividi il tuo corpo con lei. Ti stai mostrando a lei. Ti stai mettendo completamente nelle sue mani. Ti rendi vulnerabile con lei. Lei scoprirà le tue forze e le tue debolezze. Lei prenderà intimamente familiarità col tuo corpo. Scoprirà cosa ti piace e si sforzerà di farti felice. Quando ti togli i vestiti, stai togliendoti più dei tuoi vestiti. Ti togli le tue preoccupazioni ed i tuoi problemi. Ti togli la persona pubblica che la gente vede sempre.

Lei vede la persona privata che veramente sei. Quando alla fine entra in te e fa il più grande atto d’amore, l’atto di rapporto maschio, lei si lega a te e lascia una parte di sé in di te. Quando tu lo fai a lui, tu ti leghi a lui e lasci un pezzo di te in lui. Quando lui si toglie i vestiti per te, lui si fa vulnerabile. Lui si mette nelle tue mani.

Tu esplori il suo corpo, diventando intimamente familiare con lui. Tu scopri quello che gli piace. Questo è quello che rende così divertente il sesso tra due persone. ”
“È così figo. ” Dissi io.
“Lo so. ”
Restammo in silenzio per un po’. Io pensavo a quello che aveva detto. Sapevo che aveva ragione. Quello era come l’amore dovrebbe essere. Mi sentivo così a mio agio e sicuro là nelle sue braccia.

Avrei voluto non andare più via. Il suo corpo sul mio mi faceva sentire così bene.
“Se questo è come dovrebbe essere l’amore, come mai non tutta la gente fa così?” Chiesi: “Perché la gente lo compra da altri? Perché saltano da un letto all’altro ogni notte, con qualcuno di diverso, sapendo che non lo rivedranno mai più? Perché i ragazzi si vantano a scuola di essersi fatta ogni ragazza che attraversa la loro strada? Perché descrivono in dettaglio quello che vogliono fare ad un’altra persona, ragazzo o ragazza?”
“E’ perché si sentono insicuri e hanno bisogno di apparire meglio agli occhi degli altri, così da essere ammirati.

Io stesso precipitai in quella trappola nella mia vecchia scuola in Giappone. Lo zio mi aprì gli occhi. Quello non è amore. Dannazione, non è neppure sesso. Io lo chiamo stupro. Anche se ambedue le persone sono consenzienti a fare sesso, è sempre stupro. ” Rispose Jotaro.
“Come?” Chiesi confuso.
“È uno stupro dell’anima, dello spirito e della mente. Lentamente si desensibilizzano al vero significato di amore. Dimenticano quello che vuol dire.

Spendono tutte le loro vite alla ricerca del vero significato di amore. ”
“Questo è così triste. ” Dissi mentre gli occhi mi si riempivano di lacrime.
Jotaro mi guardò: “Lo so. ”
“Quello non potrà mai accadere a noi!” Gridai. “Prometti che non accadrà mai a noi!”
Jotaro toccò la mia faccia: “Non accadrà mai a noi, Davide. Perché tu ed io siamo innamorati. Ci amiamo troppo. Se accadesse i nostri spiriti, anime e menti sarebbero corrotti.

Tu ed io siamo due persone uniche, condividiamo un amore così forte, così sacro, che nulla mai potrà avvenire tra di noi, solo la morte potrà dividerci. Io ti proteggerò, ti conforterò quando ne avrai bisogno. Sarò con te sempre, senza problemi, dove tu sceglierai di vivere. Farò in modo che tu non ti addolori mai. Voglio che tu sia felice, sicuro di sapere che noi ci amiamo. ” Disse.
“Tu non sei….

” E non finii.
“No, io sono perfettamente sano. Tu ed io diventeremo vecchi insieme. Ti amerò ancora quando avrai novant’anni. ” Disse sorridendomi e baciandomi.
Questo mi fece sentir bene. Lo abbracciai tirandolo a me. Se quello era veramente l’amore, io lo volevo. Mi sentivo così bene!
“Puoi restare questa notte?” Chiese Jotaro.
“Fammi sentire. ” Dissi prendendo il telefono di fianco al suo letto. Parlai con la mamma, poi riagganciai.

“Ha detto che posso. ”
“Bene, i miei genitori saranno a casa circa alle sette. Possiamo rimanere nudi fino ad allora. ”
“Mi sembra una cosa divertente!” Risposi.

Lo facemmo. Fu bello farlo. Ora ero veramente a mio agio con Jotaro. Lui non si comportava come se fosse un grande peccato essere nudi davanti a qualcun’altro. Dannazione, ci eravamo già visti nudi. Perché coprirsi quando si è soli con il proprio innamorato? Se i suoi genitori fossero stati a casa saremmo rimasti vestiti per rispetto.

Ma quando eravamo soli potevamo stare nudi. Mi piaceva guardare il suo corpo. Aveva il corpo di un nuotatore, non troppo magro. Io ero quasi normale. Verso le cinque decidemmo di cenare. Io lo guardai muoversi per la cucina e preparare. Quando fu pronta ritornammo nella sua camera. Lui andò al suo armadio, prese un chimono e se lo mise. Me ne diede un altro e mi mostrò come mettermelo. I suoi genitori ritornarono a casa verso le sei e ci trovarono seduti sul divano a guardare la tv.

Aiutai Jotaro ad apparecchiare per la cena. Dopo la cena lui ed io andammo nella sua stanza per la notte. Lo guardai togliersi il chimono, poi aprì il mio e l’appese. Mi sorrise ed allungò una mano. Io la presi e lui mi condusse al letto.
Mi sdraiai accanto a lui. Ci baciammo ed abbracciammo. Mi piaceva veramente quello che stava per accadere. Quella notte facemmo l’amore, ognuno cercando di dare piacere all’altro.

Essere dentro di lui fu l’ultimo piacere. Amavo sentire il mio uccello dentro di lui. Mi meravigliai per come esattamente ci entrava. Quando lui mi penetrò, mi piacque la sensazione del suo pene che si muoveva dentro di me. Mi piacque come si adattava al mio sedere. Che grande sensazione era! Lui mi tenne stretto a sé ed io piansi sulla sua spalla, le emozioni erano troppo forti per me. Dormii nelle sue braccia, sentendomi caldo e sicuro.

Ora ero veramente felice. Jotaro ed io condividemmo molti altri giorni e notti d’amore. La nostra relazione continuò a migliorare. Ancor oggi sento quelle calde sensazioni dentro di me.

La relazione si consolida, che ne dite?.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *