COPIANDO ANNA

Consapevole e compiaciuto dei numerosi tradimenti della mia ragazza, un giorno decisi di provare a chiedere ad un mio amico, che si sbatteva spesso Anna, di raccontarmi cosa facessero durante i loro rapporti.
In un primo momento marco restò freddo, poi mentre guidava iniziò a sciogliersi e mi raccontò dell’ ultima volta, una delle piu belle.
Io ero via per lavoro e anna invitò marco ad uscire per bere qualcosa in un locale in di una città vicina.

Marco andò a prenderla a casa e quando usci dal cancello vide questa bellezza in tacco 12 calze nere e gonne soffici e lisce che scendevano mettendo in mostra i fianchi, con sopra una maglia aderente con collo alto e un taglio lungo il seno.
Mmm, esclamai io, la solita zoccola!
Sali è si diressero al locale dove consumarono un po di drink…. lei ammicava e stuzzicava marco che iniziava ad avere l ormone prepotente.

Anna prese la mano di marco e la mise sulle sue cosce, lui senti che indossava autoreggenti e per farle un dispetto gliela fece scendere! Lei, tuttaltro che preoccupata si alzò in piedi e si ricompose sotto gli sguardi dei maschietti arrapati che iniziarono a fare battutine!!!
Poco dopo salirono in macchina e arrivaro a casa mia e di anna.
Lei le disse Sali ho voglia!
Appena chiusa la porta anna si avvento su marco e lo sbattè sul divano, si sfilo le mutandine e dopo aver preso la mano di marco e indirizzata nella sua fica, inizio a fare un bel pompino.

Tette fuori dalla maglia, gonne sollevate e su e giu come una molla dal cazzo di marco.
Ti prego, mettimelo nel culo supplica lei!
Prese un preservativo e dopo averglielo messo si fece inculare a pecorina!
Non contenta prese anche il vibratore e se lo mise nella fica! Marco non resistette molto e dal suo enorme cazzo uscirono dei fiotti bollenti che riempirono il preservativo.
Anna sempre con vibratore inserito si girò e sfilato il preservativo gli leccò per bene il cazzo fino a pulirlo tutto per bene!.

Io mi eccitavo mentre marco mi raccontava cio, arrivati a casa gli chiesi se voleva salire.
Venne e quando entrò sullo stenditoio notò le calze di anna e mi disse:
erano queste, indossava proprio queste!
Allora lo feci accomodare in salotto ed io presi quelle calze, le gonne e la maglia, indossai e mi presentai a lui.
Cosa fai?
Voglio provare anchio il tuo cazzone!
Mmm, sei sicuro? Ti faccio molto male!!!
Voglio che mi tratti come quella troia di anna!
Senza dire una parola si toglie i pandaloni e io mi fiondo sulle sue mutande, tiro fuori il suo cazzo e inizio a pomparglielo!
Lui prova molto piacere, mi accarezza le gambe e mi spinge con la testa ad ingoiare tutto il cazzo, ma non ci riesco, è enorme!
Vedi, mi dice! Non sei una zoccola come anna!
A no?
Mi siedo su di lui e inizio a spingermi dentro quell enorme cazzo, ma faccio fatica! Lui ride.

Mi prende per i fianchi, mi gira e mette a pecorina, inizia a penetrarmi, entra solo la punta, mi sfascia tutto e alla fine devo des****re…ti prego, esci!
Glielo prendo in mano e inizio a menarglielo, viene, mi avvicino con la bocca, mi schizza, cade tutto sulle calze pulite di anna!
Sembra soddisfatto ma mi dice:
come buco è molto meglio lei!.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *