cin cin con il…………

Era il giorno di S. Silvestro di tre anni fa’. Ci preparavamo a festeggiarlo in compagnia di un vecchio e caro amico che da anni frequentavamo. Luigi era un amico di vecchia data,ci vedevamo spesso e stavamo in buona compagnia con lui una persona davvero squisita. Semplice,cordiale,educato e molto rispettoso. Verso le 20 arriva a casa nostra,lo abbiamo invitato a cena da noi stasera per festeggiare l’ultimo dell’anno. E’una sera speciale,mi sono truccata vestita elegante e intimo molto sexy e ricercato.

Luigi è un bell’uomo sulla cinquantina brizzolato occhi neri ed un bel viso radioso. Sempre gentile ed educato e soprattutto riconoscente mi porta una bella bottiglia di champagne d’annata. Luigi caro gli dico ma sei sempre stupendo sai,io come sai comunque sono astemia. Lui mi osserva e sussurra,Mony pazienza la berremo in tuo onore con Carlo ma stasera a mezzanotte pero’almeno unn brindisi con lo ce lo concederai. Ceniamo in sua gradita compagnia poi col suo aiuto e quello di carlo rassetto un po’la cucinain attesa della mezzanotte.

Carlo e lui poi si siedono sul divano,gli preparo un buon caffe’e mi siedo tra di loro. Parliamo dell’anno trascorso di lavoro e dei nostri a****li che Luigi adora. Anche lui ha due cani un dalmata ed un meticcio per lui come figli. Verso le 24 ci apprestiamo a festeggiare e come promesso mi bervo una bella flute
di champagne che Luigi ci ha gentilmente offerto. Vediamo un po’la tivu’,ci scambiamo gli auguri e baci ed abbracci.

Mony mi sussura dopo poco ma come sei rossa in viso tesoro. Gli dico Luigi lo sapevi che il vino mi da’effetti strani. Sono le una di notte,mi sento caldo e molto euforica,scusate dico a Luigi e Carlo ma ho un caldo infernale,mi debbo spogliare un po’. Entrambi mi guardano mentre tolgo l’abito da sera nero in lame’e resto in intimo rosso,tanga reggiseno rosso traforato e trasparente con calze autoreggenti rosse tutto come buon auspicio per il nuovo anno.

Lo chapagne mi ha inbriata e mi sento un fuoco dappertutto. Mi siedo sul divano tra di loro che mi osservano con occhi lucidi e maliziosi. Luigi mi offere un’altra coppa di champagne. Non lo vorrei ma piano piano lo bevo. ne lascio solo un po’nel bicchiere,ormai il vino mi ha quasi sopita. Dopo un po’sento le mani di Carlo che mi accarezzano le gambe,i seni e si intrufolano dentro il tanga stuzzicandomi nell’intimo.

Sento le labbra di Luigi sul mio collo la lingua morbida e calda si insinua dietro l’orecchio e mi sento tutta un fuoco,inizio a sospirare gemere e mi abbandono all’oblio dei sensi. Chiudo gli occhi e dopo poco mi ritrovo nuda,le loro mani mi accarezzano dolcemente dappertutto,titillano i miei capezzoli ormai turgidi solleticano il mio grilletto scappucciato e pulsante di desiderio. Mony mi sussurra Luigi,un piccolo brindisi pero’lo facciamo fare anche al tuo fiorellino stupendo vero.

Quale fiorellino gli sussurro. Senza proferire una sillaba lui e Carlo prendono una flute di champagne,mi tolgono piano piano il tanga aprendomi tutte le gambre. Sento il freddo del vino nel mio intimo e la loro lingua calda che lambisce dolcemente il mio intimo,gemo e sento colare dopo poco i miei umori nelle loro bocche vogliose che continuano a leccarmi e succhiare scappucciandolo tuttio il mio grilletto ormai turgido e vibrante di desiderio. Le loro mani intanto stuzzicano i seni tittillano i capezzoli che paiono scoppiare dal desiderio.

INzio a dimenarmi tra le loro calde mani e le loro bocche. Urlo gemo di desiderio li voglio entrambi sono tutta un fuoco. L’effetto dell’alcool ha cancellato ogni inbizione in me. Dopo poco mi girano ,mi mettono alla pecorella,succhio i loro membri turgidi pulsanti di desiderio da cui fuoriescono gia’le prime goccioline che assaporo piano piano. Snto il membro caldo e turgido di Carlo che inizia a penetrami tutta,Luigi mi stuzzica ancora i capezzoli mentre lo succio tutto con foga.

Vorrei urlare ma la mia gola ormai è piena lo ho preso tutto in bocca sino ai testicoli. Sento i colpi dolci ma decisi si Carlo che mi penetra ed inizio a squirtare copiiosamente sul suo membro e lungo le coscie. Dopo poco mi girano mi mettono tutta a gambe aperte Luigi torna a leccare e succhiare il mio intimo,il membro di Carlo mi penetra sino in gola venedomi copiosamente in bocca. Assaporo tutto il caldo e dolce nettare che mi cola dalla bocca mentre luigi aprendomi tutte le coscie inizia a penetrami.

Urlo gemo e mi abbandono all’oblio del piacere sublime squirtando ancora tutta a fiotti. Dopo 5 orgasmi sento il caldo nettare di luigi tutto sulle mie labbra che mi allaga il viso schizzando copiosamente. Esausta ormai mi abbandono sul divano tra le loro braccia in un sonno profondo e ristoratore. .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *