Amore in un giorno di pioggia

Era una di quelle domeniche cupe e fredde nelle quali tutti cercano una scusa per stare a letto, ed Alex non era un’eccezione. Tirò le coperte più su, si accoccolò ulteriormente e tentò di dormire. Era grato a sua nonna per non averlo infastidito chiedendogli di andare in chiesa quella mattina. L’aveva sentita andare via e pensò che sarebbe stata via tutto il giorno.
Sapeva le sue abitudini, prima sarebbe andata a prendere il tram, poi avrebbe pranzato dopo il servizio della mattina, avrebbe aspettato il servizio serale e finalmente, sarebbe ritornata alla sera.

Conosceva i suoi programmi perché l’aveva fatto con lei tante volte. Ora che aveva diciotto anni lei gli permetteva di perdere alcune domeniche, ma non molte. Comunque la cosa non gli dispiaceva perché in chiesa aveva incontrato Tommaso, per non parlare di Andrea e Carlo.
Quella era un’altra ragione per cui voleva stare a letto, lui e Carlo non si erano incontrati il giorno prima. Avevano fatto grandi progetti, ma per qualche ragione lui era andato da una parte e Carlo dall’altra.

Se c’era mai stato vero amore, questo era tra lui e Carlo. Finalmente si erano sentiti al telefono la sera, ma era tardi per fare qualche cosa insieme e Carlo doveva lavorare la domenica. Alex era scocciato, voleva disperatamente vedere Carlo, ma non era possibile. Tentò di non pensarci, pensarci lo rendeva solo più eccitato.
Ascoltò il picchiettio continuo della pioggia contro la finestra e tentò di non permettere ai suoi pensieri di vagare sull’amico, ma era difficile.

A diciotto anni il suo corpo aveva una volontà propria e la sua mente era orientata al sesso, del caldo sesso maschile.
Alex era alto un metro e ottantasette, era atletico e sodo. Era nella squadra di pattinaggio ed aveva gambe lunghe e muscolose. Aveva pelle ambrata, capelli ricci e corti, spesse sopracciglia nere e baffi ben tenuti. Era molto socievole, sorrideva sempre ed aveva molti amici. La maggior parte dei suoi amici erano all’oscuro per quanto concerneva il suo orientamento sessuale, ma qualcuno conosceva i suoi veri interessi.

Trovare partner non era un problema per Alex, in parte perché era bello e socievole ed in parte perché franco.
Si girò nel letto e allungò una mano al suo lungo e sodo uccello. Pensò che carezzandoselo lentamente avrebbe raggiunto un orgasmo potente e poi sarebbe riuscito a dormire. Quando la sua mano afferrò il suo attrezzo, sentì qualcuno che gridava sul pianerottolo. Alex non era il tipo da tirarsi indietro e non aiutare qualcuno nei guai, così saltò fuori dal letto, afferrò l’accappatoio e corse alla porta.

Aveva capito che il gridare proveniva da qualcuno che stava vicino la sua porta. Guardò attraverso lo spioncino ma non riuscì a vedere niente così aprì la porta. Vide Carlos, un teenager sudamericano la cui la famiglia era venuta recentemente ad abitare nell’altro appartamento sul suo pianerottolo. Non erano stati presentati formalmente, ma si erano visti sull’ascensore e sul pianerottolo. Si erano sorrisi, conoscevano i loro nomi ma non si erano mai parlati.
“Cosa succede Carlos?”
“Alex, non aprono la porta di casa mia.

Mi spiace, ragazzo, non volevo disturbarti. ”
“Ma non hai bussato?”
“Sì, l’ho fatto. Non mi avevano detto che sarebbero usciti. “
“Vuoi entrare a telefonare?”
“Grazie, proverò. “
Carlos entrò e telefonò a casa sua.
“Nessuna risposta, devono essere veramente fuori. Mi chiedo cosa sia successo. “
“Puoi restare qui se vuoi. “
“Grazie. Non voglio disturbarti, voglio dire che stavi dormendo, o no? Mi sembra che tu non abbia niente sotto quell’accappatoio.


“Mi sembra che ci sia qualche cosa di duro, vero ragazzo?”
Alex sorrise mentre guardava il bel ragazzo.
“Ce l’ho sempre così quando guardo qualcuno bello come te. “
Carlos sorrise all’altro che stava ridacchiando per l’ultimo commento e cominciando a capire la situazione.
“Comunque entra, potrai vedere la tv. “
“O guardare te. ” Il ghigno di Carlos si allargò mentre Alex cominciava a rendersi conto quale provocatore fosse il ragazzo.

“Ehi, Carlos, non hai paura di entrare? Potrei mettere in allarme tutti i tuoi amici sulle tue inclinazioni. ”
“E’ vero, uomo. Non so quali inclinazioni io possa avere, ma so che sei bello e mi piaci. Tu non lo racconterai in giro, ti conosco, non lo faresti mai, vero?”
“Hai ragione, Carlos, fidati di me. Io voglio solo giocare con te, bello. “
“Tu puoi giocare con me finché vuoi, Alex.


Cazzo, ragazzo, non esagerare!”
“Ascolta, ti ho notato sin da quando ci siamo trasferiti qui. Mi piace il tuo stile. Se questo non ti basta, mi limiterò a guardare la tv fino a che i miei genitori non torneranno. Se invece ti va potremo divertirci. Dalla protuberanza nel tuo accappatoio, sembra che tu lo voglia. ” Carlos rise mentre guardava l’inguine del ragazzo.
Alex aprì l’accappatoio e lo fece scivolare giù dal suo corpo snello.

Il suo uccello che gradualmente si stava allungando stava cominciando a gocciolare pre eiaculazione. Sorrise mentre Carlos cominciava a spogliarsi, lo guardò togliersi tutti i vestiti senza togliere gli occhi da Alex. Carlos aveva diciassette anni, era alto un metro e ottanta e muscoloso nei punti giusti. I pettorali mostravano un naturale sviluppo ed i bicipiti cominciavano a gonfiarsi. Come quello di Alex, il suo corpo aveva peli neri, solo che i suoi erano diritti e quelli di Alex ricci.

I capelli erano neri e folti e contrastavano con gli occhi grigi. Il suo pene era più corto rispetto a quello di Alex e spuntava diritto dallo spesso cespuglio di peli neri. Senza esitazione si gettò nelle braccia di Alex, mise le labbra sulle sue e gli infilò la lingua in bocca. Quella di Alex cominciò a ballare con l’altra. Le mani cominciarono ad errare e toccare tutti i punti giusti. Alex andò diritto alle protuberanze del sedere di Carlos e le prese delicatamente, modellandole con le mani e delineando la loro forma con le dita.

Gli piaceva il contatto del corpo del ragazzo contro il suo e lo tirò più vicino così i loro cazzi cominciarono a pigiarsi uno contro l’altro. Non c’era musica ma i loro corpi si strusciavano uno contro l’altro in un modo che sembrava un movimento ritmico. Rimasero là, perduti nel flusso dei loro corpi, le lingue si muovevano e pulsavano, gli uccelli si muovevano avanti ed indietro e si accarezzavano. Quando si sentì arrivare al culmine della sensazione, Alex avanzò, trattenne il respiro e guardò negli occhi l’altro ragazzo.

“Ragazzi, come sei caldo. Dove sei stato fino ad ora?”
“Aspetta, Alex. Ti guardavo, solo sperando che forse, forse. Merda, come è bello!”
“Hai ragione, è bello! Andiamo!” Alex e Carlos raccolsero i vestiti ed andarono in camera da letto. La stanza era semibuia per il cielo coperto. Alex tirò l’ormai amico sul letto e lo guardò mentre si sdraiava, mentre si metteva in mezzo al letto. Si sdraiò accanto a lui e poi sospirò mentre Carlos saliva su di lui e cominciò a strusciare la pelvi contro la sua.

“Sai quello che mi piace, Alex?” Carlos si era alzato e lo stava guardando, sorridendo, i suoi occhi che luccicavano in un accenno di allegra monelleria.
“No. Cosa ti piace, bel tipo?” Alex guardò allegramente il bel ragazzo sorridendo.
“Mi piace fottere ed essere fottuto. Mi piace il grosso cazzo. Mi piace farl!” Ridacchiò e lo baciò delicatamente.
“Allora hai trovato quello che ti piace, Carlos, hai trovato tutto.

Wow, ragazzi, sei fottutamente caldo!” Le mani di Alex ritornarono al culo dell’altro e l’accarezzò. Poi lasciò che le sue mani si muovessero sulla sua schiena, carezzandola delicatamente, accarezzandolo e toccandolo eroticamente. Con una mano gli toccò la guancia, carezzandolo amorosamente, guardandolo profondamente negli occhi e poi baciandolo sulla guancia, sul collo e dovunque potesse arrivare. Carlos stava nelle sue braccia, godendo dell’attenzione che stava ottenendo e godendo dei due corpi pigiati insieme.
Dopo un poco Alex si mosse da sotto il ragazzo, lo fece girare sullo stomaco e si mise tra le sue gambe.

Cominciò a baciarlo sul collo, gradualmente scendendo sulla schiena finché non arrivò alle natiche. Mise una mano su ogni chiappa e le modellò, le spinse ed afferrò le protuberanze tra le sue mani. Poi gliele allargò e guardò il piccolo buco sprofondato nella valle pelosa. Quello era il posto in cui voleva essere. Si piegò, mise la testa nella fessura, ne aspirò l’aroma ed appoggiò la lingua al buco. Lo leccò e l’assaltò come se fosse un lecca lecca.

Lasciò che la lingua leccasse avanti ed indietro il buco, si fermò per spingerla nell’ano, incendiandolo col suo attacco orale. Carlos alzava il sedere nel tentativo di prendere di più la calda lingua nel suo buco affamato ed Alex continuava a spingerla profondamente mentre ascoltava i suoi lamenti di passione. Quando sentì di aver fatto abbastanza, si alzò, guardò le meravigliose natiche e poi gli si sdraiò sulla schiena. Carlos sentì il grosso pene pigiare nella fessura del sedere e spinse in su ad incontrarlo.

Alex cominciò a muoversi su e giù lungo la sua schiena lasciando che il suo cazzo si muovesse lungo la fessura del bel culo. Abbassò lo sguardo tra i loro corpi e vide la testa del suo uccello che si muoveva lungo la pista della fessura come una grande locomotiva gocciolante pre eiaculazione.
Allungò una mano verso il comodino e prese un tubo di lubrificante, ne spremette un po’ sulla sua mano e si lubrificò la grossa asta.

“Allarga quelle chiappe, ragazzo, devo metterci un po’ di roba. ” Carlos allungò le mani dietro di sé e se le allargò rivelando il piccolo buco. Alex vi spremette dentro del lubrificante ed usò un dito per spalmarlo. Poi si afferrò il cazzo, lo appoggiò e spinse. Continuò a spingere finché la verga fu rinfoderata nel passaggio di velluto. Quando sentì Alex sdraiarsi sulla sua schiena, Carlos capì che tutta la verga era seppellita sino all’elsa nel suo culo caldo.

Contrasse i muscoli per far capire ad Alex che era pronto e sorrise quando il ragazzo, come risposta, si lamentò.
Alex prese tempo, non aveva fretta mentre spingeva nel buco scivoloso sotto di sé. Gli piaceva la sensazione del buco stretto intorno al suo tubo caldo. Cominciò lentamente ma poi aumentò la velocità. Spingeva ed estraeva più velocemente, più velocemente mentre il buco stretto lo avviava all’orgasmo. Carlos sapeva come spremere e rilasciare, i muscoli del suo ano afferravano la verga quando spingeva e rilasciavano quando tirava.

Alex spingeva, Carlos tirava, Carlos spingeva, Alex tirava, si muovevano insieme, fluenti come un corpo unico, uniti da un grosso cazzo che non si fermava. Le gocce di pioggia colpivano la finestra con un ritmo regolare e l’uccello di Alex stava spazzolando contro la prostata di Carlos allo stesso ritmo. Stava spingendolo alla soglia dell’orgasmo che sapeva sarebbe stato potente.
“Culo caldo, culo caldo!” bisbigliò Alex nell’orecchio di Carlos.
“Merda, ragazzo, questo è paradiso! Inculaaamiiii! Sì!”
“Preparati al mio succo, ragazzo, prendilo tutto, baby!” Alex sapeva che stava per sparare il suo carico.

Stava sbattendolo freneticamente, il suo serpente andava avanti ed indietro rapidamente.
“Sssssiiiiii, ahhhhhhhhhhhhhhhh Carlosssssssssssss!” Alex venne, il suo cazzo vuotò un fiotto dopo l’altro nelle profondità del ragazzo.
“Alexxxxx, ahhhhhhhhhhhhhh oh caaazzoooo!” L’uccello di Carlos si irrigidì e poi sparò il suo carico, sporcando le lenzuola di sperma appiccicoso.
Pulirono il letto e si sdraiarono. Carlos ascoltò le gocce di pioggia e poi si rivolse ad Alex.
“Ehi, ora tocca a me, ok?” Carlos stringeva il suo pene duro, carezzandolo delicatamente.

“Mi stavo chiedendo cosa stavi aspettando. ” Disse Alex sorridendo, gli diede il lubrificante e poi si sdraiò sulla schiena con le ginocchia contro il torace e Carlos su di lui. Il ragazzo spinse dentro lentamente la sua verga lubrificata, Una volta dentro, aspettò che Alex si abituasse poi cominciò l’assalto al bel sedere. Come aveva fatto il suo amico, si prese il suo tempo. Dalla sua posizione inculò con forza il bel amico con colpi profondi che lo facevano muovere attraverso il tunnel stretto come un treno in movimento.

Ogni colpo colpiva il punto giusto ed in risposta otteneva un lamento da Alex che strinse ermeticamente Carlos tra le sue braccia, alzò il sedere stretto e ricevette l’offerta del cazzo duro.
“Oh, ragazzi, che culo stretto e dolce. ” Carlos si alzò ed abbassò lo sguardo al suo uccello mentre spingeva nell’apertura stretta. Aveva rallentato. Lo estrasse completamente e guardò il buco dilatato per poi spingere di nuovo dentro, ma lo stava facendo lentamente.

Spingeva con le anche, il suo corpo era inclinato in avanti mentre le sue braccia allargavano le gambe di Alex. Questi movimenti lenti lo facevano durare più a lungo e davano più piacere. Quando fu pronto riprese a spingere preparandosi al finale.
“Preparati, riempirò il tuo bel sedere come tu hai riempito il mio. “
“Io sono pronto, uomo. Fallo, sì, fallo!”
“Ahhhhhhhhhhhhhh, ohhhhhhhhhhhhh caaazzoooo!”
“Mio diiiiooooo, Carlosssssssssssssssss!”
I due ragazzi vennero, rabbrividendo e lamentandosi mentre eruttavano ancora ed ancora.

Quando ebbero finito si sdraiarono sotto le coperte godendo del contatto dei loro caldi corpi. A Carlos non interessava più quando la sua famiglia sarebbe ritornata a casa, lui aveva trovato di meglio da fare in una giornata piovosa. Alex aveva dimenticato momentaneamente Carlo e la nonna. Gli piacevano i giorni piovosi, specialmente quando portavano sorprese come Carlos ed il suo bel corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *